La profezia di Armand Robin

Il Covile è una pubblicazione fiorentina, curata da un amico che proviene da una storica militanza in Lotta Continua.

Gli autori sono vicini a Jacques Camatte, che ha abbandonato negli anni il marxismo bordighista per diventare contadino e scrittore in un remoto villaggio francese e uno degli ispiratori del movimento anarco-primitivista.

Sulle idee attuali di Camatte, si può trovare molto materiale proprio sul sito del Covile.

La sua proposta è che invece di combattere il capitale – una strategia che, se «ha successo», ci restituisce il capitale solo in una forma piú forte – dobbiamo abbandonarlo. Prendere congedo da questo mondo capitalista comporta ricreare legami con il mondo naturale… non significa andare in guerra contro il capitale per rovesciarlo. Dagli anni Ottanta, sostiene Camatte, il capitale è passato dal dominio dell’umanità in una struttura sociale vivente ad una morta, o robotica, forma autonoma, in cui l’umanità è diventata effettivamente obsoleta: l’umanità è stata pienamente incorporata nella forma autonoma… ma i residui di «naturalità» nella specie umana sono un freno alla velocità di sviluppo. Cosí, nell’era attuale stiamo assistendo alla drammatica accelerazione dei processi che stanno rimuovendo dal pianeta tutte le forme di vita naturale, compresi i residui all’interno degli esseri umani. L’umanità ha, se vogliamo, scatenato un mostro che è sfuggito a ogni controllo, anche inghiottendo i suoi stessi padroni, e che ora sta preparando la scena finale per un’estinzione di massa senza precedenti.

Ogni numero, con uno stile grafico inconfondibile, presenta storie, riflessioni, poesie. Come questa, del dimenticato poeta anarchico francese, Armand Robin, « Le programme en quelques siècles », pubblicato dalla Fédération Anarchiste.

A mano a mano che ciò che banalmente chiamiamo il capitale si espande, trasforma ogni cosa in astrazione, fino ad annientare la vita stessa (come già avevano intuito Esiodo e Ovidio).

Il programma
entro qualche secolo.

Si sopprimerà la Fede
In nome dei Lumi,
Poi si sopprimeranno i lumi.

Si sopprimerà l’Anima
In nome della Ragione,
Poi si sopprimerà la ragione.

Si sopprimerà la Carità
In nome della Giustizia,
Poi si sopprimerà la giustizia.

Si sopprimerà l’Amore,
In nome della Fraternità,
Poi si sopprimerà la fraternità.

Si sopprimerà lo Spirito di Verità
In nome dello Spirito critico,
poi si sopprimerà lo spirito critico.

Si sopprimerà il Senso della Parola
In nome del senso delle parole,
Poi si sopprimerà il senso delle parole.

Si sopprimerà il Sublime
In nome dell’Arte,
Poi si sopprimerà l’arte.

Si sopprimeranno i Testi
In nome dei Commenti,
Poi si sopprimeranno i commenti.

Si sopprimerà il Santo
In nome del Genio,
Poi si sopprimerà il genio.

Si sopprimerà il Profeta
In nome del Poeta,
Poi si sopprimerà il poeta.

Si sopprimerà lo Spirito
In nome della Materia,
Poi si sopprimerà la materia.

Nel nome del nulla si sopprimerà l’uomo;
Si sopprimerà il nome dell’uomo;
Non ci saranno piú nomi;
Ci siamo.

Gli Amici del Covile hanno riscritto questo “programma”, aggiornandolo al 2021:

Il programma
attraverso il tempo.

Si sopprimerà l’Anima
In nome dello Spirito,
Poi si sopprimerà lo spirito.

Si sopprimeranno le Terre comuni
In nome della Proprietà,
Poi si sopprimerà la proprietà.

Si sopprimeranno i Dittatori
in nome della Democrazia,
Poi si sopprimerà la democrazia.

Si sopprimerà l’Aristocrazia
In nome della Borghesia,
Poi si sopprimerà la borghesia.

Si sopprimeranno i Contadini
In nome degli Operai,
Poi si sopprimeranno gli operai.

Si sopprimeranno gli Operai
In nome degli imprenditori individuali,
Poi si sopprimeranno gli imprenditori.

Si sopprimerà l’Autocostruzione
In nome dell’Architettura,
Poi si sopprimeranno gli architetti.

Si sopprimerà il Maestro
in nome della Scuola,
Poi si sopprimerà la scuola.

Si sopprimerà l’Oro
In nome della Banconota,
Poi si sopprimeranno le banconote.

Si sopprimerà il Maschile
In nome del Femminile,
Poi si sopprimerà il femminile.

Si sopprimerà la Nascita
In nome della donna,
Poi si sopprimerà la donna.

Si sopprimerà la Specie
In nome del suo bene,
Poi non ci sarà piú nulla da sopprimere.

Ci siamo quasi.

Chiamiamo Capitale il movimento reale
Che sopprime lo stato di cose presente.


Gli amici del Covile (2021)

Questa voce è stata pubblicata in ambiente, Il clan dei fiorentini, Nanomondo, resistere sul territorio, riflessioni sul dominio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

77 risposte a La profezia di Armand Robin

  1. Massimo scrive:

    Io se posso aggiungere metterei ,per esempio :si eliminerà l’ambiente ,per mettere il benessere e poi sparirà il benessere.si eliminerà lo stare insieme per l’individualità e poi sparirà l’individuo.mi fermo qua ma alla fine l’essere umano si è condannato al nichilismo totale se non all’autodistruzione spirituale e fisica.

  2. daouda scrive:

    Le mejo paggine der Covile sono le antologie romanesche. Pé ddì.

  3. Francesco scrive:

    Preferisco l’anarchico francese, scava più a fondo. Mi ha praticamente convinto.

    Solo ho qualche dubbio sulla corretta identificazione del Nemico: perchè lo chiamiamo il Capitale? è un nome adeguato e corretto? oppure rischiamo di farci ingannare

    Ciao

    • Miguel Martinez scrive:

      Per Francesco

      “perchè lo chiamiamo il Capitale?”

      Certo, è riduttivo.

      Diciamo però che “il Capitale” ha due aspetti: trasforma in astrazione intercambiabile tutto (vendo due immaginette sacre a Francesco, con il ricavato metto su un luogo di intrattenimento con bellissime signore baltiche per Habs, e con il ricavato di quelle metto su una fabbrica di armi che vendo ai cinesi così faccio felice Peucezio);

      e deve moltiplicarsi incessantemente: investo in qualcosa per ottenere più di ciò che ho investito.

      • Francesco scrive:

        verissimo ma quando è nato questo signore? Giulio Cesare usava del capitale per arrivare al potere? trasformando la provincia di Gallia in un saccone di sesterzi con cui comprare il Senato?

        Lorenzo de Medici possedeva del capitale? voleva usare bene i suoi soldi per averne ancora di più, essere il primo a Firenze, esserne il signore?

        oppure a un certo punto il Capitale è diventato anonimo, libero, di fatto svincolaro dagli umani?

        non lo so

  4. Miguel Martinez scrive:

    Adesso gli algoritmi di Facebook censurano persino post che facciano riferimento al blog di Ugo Bardi, cassandralegacy.blogspot.com

    https://cassandralegacy.blogspot.com/2021/02/censorship-how-west-is-becoming-more.html?showComment=1612221354653#c3503209324823837174

    • Mauricius Tarvisii scrive:

      Non vorrei che un notevole quantitativo di utenti abbia segnalato una notevole quantità di link a quel blog come spam e il sistema lo abbia messo in automatico in qualche lista nera.

      • Miguel Martinez scrive:

        Per MT

        “Non vorrei che un notevole quantitativo di utenti abbia segnalato una notevole quantità di link a quel blog come spam e il sistema lo abbia messo in automatico in qualche lista nera.”

        E’ una possibilità. Ma non credo che Ugo abbia una schiera sterminata di nemici, non è mica un rapper che ha litigato con un proprio collega e si tira dietro bande di fan a far casino.

        Scrive post molto informati e corretti, ironici, critici dei luoghi comuni ma per nulla “antagonisti”.

        Non ho mai sentito attaccare direttamente Ugo, poi certo c’è parecchia gente che potrebbe essere irritata dal suo scetticismo sui poteri miracolosi delle “energie alternative”. Ma anche lì, dubito che facciano campagne massicce per farlo sparire.

        La mia ipotesi è che gli algoritmi siano tarati a vari livelli – ad esempio immagino fermino frasi come “io ti sgozzo sulla pubblica piazza, brutta troia!”.

        Poi separano “argomenti controversi” (da “uccidiamo i froci” a “Renzi è un politico intelligente”) da “argomenti buoni” (“ieri ho fatto una torta con i cuoricini per mio figlio”).

        I “controversi” di qualunque tipo sono a rischio di rogne, e poco suscettibili alla pubblicità, per cui sono tutti sospetti.

        Tra i sospetti, penso che non sia difficile snidare persone che esprimano concetti particolarmente “inaccettabili” e che potrebbero suscitare controversie, anche se lo fanno in modo non aggressivo.

        • roberto scrive:

          “Scrive post molto informati e corretti, ironici, critici dei luoghi comuni ma per nulla “antagonisti””

          appunto.

          non credo proprio che ci siano algoritmi che cancellino i post controversi ma tranquilli… fidati, ci sto ogni giorno a cazzeggiare su FB e i posto di ugo non hanno assolutamente nulla di controverso. Ci deve essere una qualche ragione tecnica strana, un po’ come qui non si potevano pubblicare post con la parola c a s i no

        • Mauricius Tarvisii scrive:

          “una schiera sterminata di nemici”

          Non serve. Basta che una delle duemilamilioni nanocomunità di qualche decina di perdigiorno che si sono formate si sia sentita offesa da qualcosa, oppure abbia deciso di fare la bravata, e segnalando a manetta potrebbe aver ottenuto questo risultato.

          • Moi scrive:

            nanocomunità di qualche decina di perdigiorno che si sono formate si sia sentita offesa da qualcosa

            ——————————

            Ho deciso che i Barbapapà sono Sessisti e Razzisti !

            • Mauricius Tarvisii scrive:

              Non ho mai seguito il programma, ma non sono di colori diversi? Direi che questo, unito alla loro forma ameboide, li fa diventare non solo portabandiera della diversità in tutti i sensi, ma anche esponenti della comunità fluid che non si sente rappresentata dalle forme tradizionali.

              • Francesco scrive:

                beh, sono però rigorosamente divisi in maschi e femmine, pur essendo tutti amebe

                è vero che sono ecologisti e pacifisti ma forse oggi non basterebbe

            • PinoMamet scrive:

              Quando ero bambino i Barbapapà mi davano l’idea di qualcosa di vagamente hippie (avevo poche confuse idee sugli hippie della generazione dei miei zii… ma in fondo non troppo lontane dalla realtà).

              Come Pippi calzelunghe, che mi piaceva (mai avuto fisime sessiste da bambino).

              Immagino che visti oggi sembrerebbero roba fascia, ma non ho idea (né ci tengo ad averla).

              • Moi scrive:

                … è un nome che richiama il Patriarcato Binario inequivocabilmente 😉 , il carismatico Capo Famiglia è Rosa Caucasico 😉 , la moglie massaia insulsa e taciturna è “ne(g)ra” 😉 , il figlio ne(g)ro è di “bulbo” ispido tipo rasta, un “artista” quindi fanKazzista perdigiorno 😉 … perpetrando uno stereotipo di Dx 😉 .

              • paniscus scrive:

                Io invece non ho mai capito per quale motivo, nella saga dei Barbapapà, i due capostipiti della famiglia diventano immediatamente adulti poco dopo la nascita, mentre i loro figli rimangono bambini per decenni.

                Forse hanno l’alternanza di generazioni, come le scifomeduse…

              • paniscus scrive:

                …e oltretutto, se il capostipite rosa (dopo aver fatto un giro di tutto il mondo senza riuscire a incontrare nessun altro esemplare della specie) incontra finalmente la compagna della sua vita proprio nel primissimo giardinetto di casa dove lui stesso era nato,

                …con molta probabilità erano fratello e sorella della stessa covata, ma questo non ci viene detto ^_^

              • Moi scrive:

                @ LISA

                Un’ ispirazione dagli scyphozoa è possibile …

                da WIKI :

                La serie Barbapapà nacque dalla fantasia di due autori, l’architetta e designer francese Annette Tison e il professore di matematica e biologia statunitense Talus Taylor, moglie e marito, che all’epoca risiedevano a Parigi.

    • firmato winston scrive:

      Devono essere gli stessi algoritmi che usa Bardi per la moderazione del suo blog in italiano, che piu’ che il dialogo promuove il decalogo: le opinioni si pubblicano se sono utili a estremizzare la linea oppure, se contrarie alla linea, quando abbastanza sballate da ridicolizzare il… _nemico_.
      Il resto, col contagocce.

      Di che si lamenta…

      Il “due pesi / due misure”, comunque, e’ generalizzato: io e la mia tribu’ abbiamo sempre ragione, le altre hanno sempre torto.

      Probabilmente tutto questo narcisismo egolatrico di piccolo cabotaggio serve a compensare e nascondere l’indicibile: che l’uomo contemporaneo e’ il meno libero e il piu’ schiavo degli eventi che sia mai esistito. Eventi anche detti “burocrazia”, la forma giuridica-sociale che prende l’ideologia pavloviana e pan-meccanicistica in cui siamo immersi dalla culla alla tomba (secondo la quale se premi il pulsante A di una persona segue sempre il comportamento B, come nelle macchine appunto – fra l’altro, non funzionano in modo cosi’ stupidamente prevedibile nemmeno le macchine un po’ complicate tipo i computer).

      PS: questo e’ il tipo di commento che non passerebbe la moderazione.

      • Miguel Martinez scrive:

        Per firmato

        “PS: questo e’ il tipo di commento che non passerebbe la moderazione.”

        Sono di manica più larga, ma magari, a differenza di un professore universitario, non corro rischi.

        Però c’è una bella differenza.

        Difatti, i social costituiscono oggi la pubblica piazza.

        A me la cosa fa un discreto schifo, ma è così.

        E la pubblica piazza deve essere di tutti, proprio in quanto “pubblica”.

        Mentre i blog e simili sono minuscole salette private dove passano pochi amici, e tutti hanno il diritto di non invitare chi vogliono.

        • roberto scrive:

          “E la pubblica piazza deve essere di tutti, proprio in quanto “pubblica”.”

          beh questo non è vero nemmeno per la pubblica piazza in senso stretto…ho provato a girare nudo urlando oscenità e mi hanno portato via con una scomodissima camicia bianca

          • roberto scrive:

            ovviamente non voglio dire che bardi gira nudo in piazza, ma solo che la piazza non è aperta a tutti

            (continuo a pensare che non ci sia in questo caso alcun complotto/censura, ma una qualche spiegazione banalissima….il contenuto di quelle cose non mi sembra meritevole dello sforzo di una censura)

          • Miguel Martinez scrive:

            Per roberto

            “beh questo non è vero nemmeno per la pubblica piazza in senso stretto…ho provato a girare nudo urlando oscenità e mi hanno portato via con una scomodissima camicia bianca”

            🙂

            Certo, ma questa è una decisione della magistratura, non del privato che si è impossessato della piazza.

            E’ una situazione inedita: un privato ha creato qualcosa che è diventato la piazza pubblica dell’intera pianeta, e ha ridotto a nulla tutte le piazze esistenti. Come se la famiglia di Gutenberg avesse avuto il monopolio di ogni cosa stampata sul pianeta, “tanto se non ti va bene puoi sempre scrivere a mano”.

            E il privato pretende di gestire la piazza pubblica da “privato”, proprio come fa Ugo quando decide di non invitare Firmato Winston nel suo microsalotto privato.

            • firmato winston scrive:

              A scanso di equivoci, personalmente sono assolutamente contrario a qualsiasi censura del web in quanto pubblica piazza, il web finora e tutto sommato, nel suo essere spazio virtuale anarchicamente “far west”, ha funzionato benissimo: ma non dobbiamo stupirci se come sempre qualcuno, per darsi lustro e proporsi a sceriffo, comincia a farne il capro espiatorio per tutte le cose che non sono abbastanza perfette, e ne ingigantisce i problemi.

              Scagli la prima pietra…

              Comunque, quello che volevo portare all’attenzione senza dirlo esplicitamente, e’ che se si comincia a usare il web, anche nel proprio spazio privato dove ovviamente si e’ liberi di accogliere chi si vuole, in modo surrettiziamente settario e propagandistico, espellendo le voci socraticamente critiche e moderate, non ci si puo’ poi lamentare se quello stesso sentimento, dilagando nell’ideologia collettiva, diventa suggeritore di politiche, leggi e norme espressamente repressive e censorie anche nello spazio pubblico.

              Le idee hanno conseguenze, ma quasi mai le conseguenze che ci aspettavamo: sarebbe bene tenerne conto se non altro per evitare spiacevoli contraccolpi 😉

  5. Moi scrive:

    Mattarella si è espresso : o (Favorito) Draghi, o … ridare la parola all’ Ochlos / ὄχλος ! 😉

    • PinoMamet scrive:

      Allora preferisco l’ochlos!!

    • PinoMamet scrive:

      (naturalmente gli “intelligenti” di FB si stanno già dichiarando a gran voce favorevoli al “serio” e “rispettato” Draghi, come le rane di Esopo)

    • Peucezio scrive:

      Pino,
      “Allora preferisco l’ochlos!!”

      Io pure, ma meglio Draghi dell’incubo del Conte ter.
      Draghi rappresenta l’establishment… tutto ciò che aborro insomma.

      Ma fra gente che almeno qualcosa sa fare in vita sua e una banda di scappati di casa che mi fanno altrettanto schifo ideologicamente (il presunto populismo dei pentastelluti si è dissolto come neve al sole appena hanno appoggiato il culo sulle cadreghe dell’esecutivo giallo-rosso, ma sono rimasti l’ecologismo e il giustizialismo, cioè il rovinoso moralismo dei puri; il Pd è l’incarnazione del male; Leu è il putridume più ripugnante che batte ampiamente lo stesso Pd) preferisco i primi, chissà che imbrocchino qualcosa.

      Inoltre questa cosa ricombina le carte un po’ più a favore del centro-destra, perché i grullini si smarcano, Berlusconi ci va dentro a capofitto e secondo me Salvini e la Meloni, con la condizione tassativa e non negoziabile dello scioglimento delle camere prima del semestre bianco, farebbero bene a votargli la fiducia, così se l’intestano pure (e lo tengono per le palle).

      Poi, certo, è possibile che sia tutto il risultato di una manovra concertata fra Renzi, Mattarella e lo stesso Draghi per riallineare l’Italia alla nuova amministrazione a stelle e strisce. D’altronde se la via italiana al trumpismo era il tandem Conte-Speranza, povero Trump e poveri noi! Esistono contigenze storiche da governare, in attesa di rialzare la testa.

      • firmato winston scrive:

        “è possibile che sia tutto il risultato di una manovra concertata”

        La manovra se non e’ proprio concertata, di sicuro e’ gradita a tutti i partiti… e’ nel ciclo della politica da almeno trent’anni che ogni cinque – dieci anni di sfacciata dilapidazione clientelare delle risorse pubbliche venga messo su’ un governo / capro espiatorio di “emergenza” che tolga le castagne dal fuoco ai disastri combinati dai politicanti assumendosene tutte le colpe.
        E’ la tecnica del capro espiatorio piu’ scoperta e pura, da manuale.
        Poi, dopo qualche mese, grazie al “tesoretto” inutilmente accumulato dai “tecnici” con penitenziali lacrime e sangue fiscali, i precedenti politicanti, artefici del disastro, incolpano il governo / capro espiatorio di aver massacrato il popolo di tasse e balzelli, si ergono a salvatori, vengono rieletti, ricominciano gli sperperi in cambio di voti, e ricomincia il ciclo.
        E’ cosi’ dall’Amato-Ciampi del ’92, anzi a dire il vero, per chi se la ricorda, dalla riforma fiscale Visentini del 1973 quella che invento’ l’iva, la dichiarazione dei redditi, il bilancio fiscale obbligatorio per tutte le attivita’ e la remunerativa professione del commercialista (Visentini, nell’ambiente, e’ detto il santo dei commercialisti), che poi e’ il vero inizio del declino del paese… la vera abilita’ dei politicanti e’ nel creare le condizioni per il periodico massacro fiscale riuscendo sempre a fare in modo che la colpa sia di qualcun altro, ed e’ quello che stanno facendo anche questa volta, fra l’altro con un clientelismo smaccato, ultimo di una lunga serie, che mai fu tanto spregiudicato.

        Una specie di giorno della marmotta, in cui le marmotte, quelle che dormono, siamo noi.

      • Mauricius Tarvisii scrive:

        I tecnocrazia improvvisamente piacciono quando servono a deporre il centrosinistra?

        • Francesco scrive:

          😀 😀 😀

          Mario Monti, do you remember?

          prima l’Operazione Lemming, con cui una 50 di parlamentari decisero di suicidarsi in una missione impossibile, poi lo spread alle stelle (quello che con Di Maio e Toninelli sono si è visto), poi Monti

          e io lo appoggiai pure, all’inizio

          🙁

        • Peucezio scrive:

          Mauricius,
          “I tecnocrazia improvvisamente piacciono quando servono a deporre il centrosinistra?”

          Sì.

          • Mauricius Tarvisii scrive:

            Si sa che a destra si è incapaci di pensiero positivo: per i destri è antropologicamente impossibile concepire qualcosa a favore di qualcuno e vivono tristemente alla ricerca di un nemico da abbattere. Che sia l’ambiente, il lavoratore, il povero, il diverso: l’importante per quelli di destra è distruggere e basta.
            Quindi anche sul piano politico va bene qualsiasi cosa, a patto che sia distruttiva. Ovviamente è quando vi si chiede un concetto positivo che si incontra il vuoto pneumatico.

            • Peucezio scrive:

              Vogliamo parlarne?

              Carxi, Berlusconi, Renzi, Salvini, Trump…

              Almeno la destra è critica su orientamenti ideologici, non ha l’ossessione dell’odio personale.

              Ma d’altronde è logico: la medicina serve a curare le patologie.
              La sinistra, il progressismo, la modernità, la sovversione sono patologie emerse in un mondo normale (quale era quello fino al ‘700). Fino all’Illuminismo e alla Rivoluzione Francese non c’era la destra, perché di destra era il mondo, erano le stelle, le pietre, i fiumi, era tutto.
              La destra come parte è la reazione alla patologia del mondo alla rovescia.

            • Peucezio scrive:

              Comunque, vediamo se ho capito:

              Conte è il campione dei diritti, dell’uguaglianza, del riscatto dei poveri.
              Ora arriva il cattivo Draghi che vuole distruggere tutte queste belle cose.

              • Moi scrive:

                Veramente i Media Main Stream , di Draghi , ne parlano come una specie di SuperEroe … cmq il Bilderberg NON esiste, e SE esiste NON conta 😉 !

              • Moi scrive:

                Pare che solo (!) la Meloni voglia nuove Elezioni Politiche … quindi il Governo Draghi & Viverne 😉 è praticamente certo, anche se la “Formazione” è ancora tutta da vedere !

              • Moi scrive:

                … e le Elezioni Amministrative in oltre mille comuni, “freezate” dai Poteri Forti ?! 😉

              • Moi scrive:

                A proposito … a Bologna, i Candidati chi sarebbero, o saranno ?!

            • Miguel Martinez scrive:

              Per MT

              “Si sa che a destra si è incapaci di pensiero positivo: per i destri è antropologicamente impossibile concepire qualcosa a favore di qualcuno e vivono tristemente alla ricerca di un nemico da abbattere. ”

              bene, i Destri sono così.

              I Sinistri sono pieni di rancore contro il 90% della specie umana reale, perché non Ama l’Uomo.

              Usciamo da Destra-Sinistra?

              • Moi scrive:

                NO ! La Dx , semmai, è incapace di Pensiero Originale … Sx “A Scoppio Ritardato” [cit.], come il razzismo di Astrid Lindgren ! 😉

        • Peucezio scrive:

          Comunque dov’è che io avrei criticato la tecnocrazia?

          Io, appena scoppiata la pandemia, avrei sospeto il governo Conte e dato poteri dittatoriali a Crisanti: dopo aprile, maggio al massimo non avremmo avuto più un solo positivo di Covid in Italia e a quest’ora potremmo pure fare le orge accatastati a migliaia uno sopra l’altro.

          Diciamo che ho poca simpatia per un governo che mi chiude in casa senza per questo impedire che muoia la gente a carrettate. E quindi la sua caduta è comunque una buona notizia.

    • roberto scrive:

      sono veramente indeciso.

      da una parte ho una avversione ideologica per i governi “tecnici” (già l’espressione la trovo poco corretta)

      d’altra parte ammetto che in una situazione drammatica come quella che c’è ora avere topo gigio, pluto, calimero il pulcino nero, nani & ballerine al governo non è rassicurante

      • Francesco scrive:

        robè, ma ci saranno tutti al governo, nel migliore dei casi nella maggioranza!

        non so se Draghi sia in grado di fare miracoli

  6. Moi scrive:

    Un’ altro nome riemerso sarebbe … Marta Cartabia (Zeta, Roberto e Mauricius già sapranno da nozione settoriale chi è ….) Prima Donna (in senso cronologico) Premier, messa su da dei Maschi Buoni in Quota Rosa !

    … Ma , nel caso, sarà il ripiego di Draghi !

  7. Moi scrive:

    Cmq fra Crisi e Tagli dei Parlamentari … credevo che fossero molti di più gli “Hustlers” 😉 a tenersi stretta la poltroncina !

    • Mauricius Tarvisii scrive:

      Più Hustler di Renzi che cerca di aumentare il proprio peso specifico sostenendo un governo tecnico traballante…

  8. Moi scrive:

    di Vanessa Niri

    Coordinatrice pedagogica

    11 SEP, 2014

    HOME PLAY CULTURA

    Pippi Calzelunghe e il razzismo a “scoppio ritardato” delle fiabe

    https://www.wired.it/play/cultura/2014/09/11/pippi-calzelunghe-razzista/

    il papà capitano di nave naufragato sull’isola Cip-Cip e poi diventato Re “di una tribù di negri”.
Già, perché Astrid Lindgren scrive proprio “negri“[*]

    All’interno del libro, infatti, troviamo i bambini nativi dell’isola Cip-Cip rappresentati secondo l’ideale del buon selvaggio: parlano all’infinito (“Bambini bianchi non sapere sputare”), vivono in capanne di bambù, passano le giornate a intrecciare corone di fiori bianchi.
Sono quindi il perfetto frutto della fantasia di un’autrice che, nel 1944, non aveva mai messo piede fuori dalla Svezia.

    [cit.]

    [*]

    NON viene riportata la parola Svedese … anche se si intuisce che sia un calco riconoscibile perfino da chi di Svedese non conosca una sola parola.

    • Moi scrive:

      antianimalista (Il Signor Nillson veste con gilet e cappellino!),

      [cit.]

      ———————————

      Il Signor Nillson è una scimmietta Cebide (?) … oltre che il cognome dell’ attrice.

      • Moi scrive:

        In Islanda sono i meno sessisti 😉 , visto che sarebbe “Nillsdóttir” [!] 😉 per femmine e”Nillsson” per maschi.

  9. Moi scrive:

    Ugo Bardi è Toscano … appartiene quindi, forse, alla Popolazione geneticamente meno propensa ad essere accomodante ! 😉

    • Moi scrive:

      Inoltre fa parte del Club di Roma e … da qualche parte ho letto che esso vorrebbe NaziNeoMalthusianamente ridurre a 500 milioni la quantità massima accettabile do esseri umani sul pianeta.

      Insomma, tematiche vagamente 😉 “divisive”.

      • Peucezio scrive:

        Non mi pare una cattiva idea però.

        Così potremo liberamente scorreggiare e avere tutti un’automobile senza che ci rompano perché inquiniamo il pianeta.

      • Andrea Di Vita scrive:

        @ Noi

        Cifra ragionevole.

        Volendo assicurare una crescita zero della popolazione (dunque famiglie con madre, padre e due figli per coppia) e volendo mantenere la popolazione mondiale agli attuali 7000000000 di individui (così da avere 7000000000/4 = 1750000000 famiglie), se francescanamente ogni famiglia avesse lo stesso tenore di vita con a disposizione un frigo e una lavatrice (senza PC, lavastoviglie e ammennicoli vari) avremmo un consumo medio di 1300 W di potenza elettrica per famiglia (come nell’Italia dei film di Sordi). In tutto fanno 2275000000000 W di potenza elettrica, corrispondenti a una quantità di energia elettrica consumata in un anno uguale a 19929000000000 KWh solo per i consumi domestici. Questa quantita’ di energia e’ quasi uguale alla quantita’ di energia elettrica erogata in un anno da tutta l’umanità, che è di circa 22000000000000 KWh. Ma quest’ultima comprende anche i consumi di industria e trasporti, e solo un sesto va alle utenze domestiche. Ne segue che se domani con un colpo di bacchetta magica realizzassimo la perfetta uguaglianza fra gli esseri umani dovremmo o sestuplicare la produzione di energia elettrica(con tanti saluti all’ambiente) o ridurre la popolazione a 1/6 del valore attuale, ossia a 1167000000000 di individui, anche ammettendo la crescita zero della popolazione. Penso che la cifra di mezzo .uardo suggerita da Bardi sia una stima sensata.

        Ciao!

        Andrea Di Vita

        • Andrea Di Vita scrive:

          mezzo .uardo=mezzo miliardo

        • Francesco scrive:

          1) usa numeri leggibili, da bravo

          2) molto interessante, grazie!

          3) per curiosità, quanta energia elettrica per i consumi domestici avrebbe ciascuno, se NON aumentassimo la produzione ma dividessimo quella attuale “alla francescana”? almeno un frullatore e una lampadina?

          4) grazie di nuovo

          • Andrea Di Vita scrive:

            @ Francesco

            Grazie per l”apprezzamento. Con la produzione attuale e ammettendo due figli per coppia (ossia crescita demografica nulla), dato che ai consumi domestici va circa un sesto della attuale quantità di potenza elettrica prodotta dovremmo consumare in media non più di duecento Watt per famiglia (trecento, ad essere ottimisti). Per intenderci, i consumi minimi di un frigo, un ferro da stiro, una lavatrice, una lampada alogena e e un televisore sono rispettivamente di 100, 1000, 185, 25 e 100 Watt. Si dovrebbe adottare uno stile nordcoreano: eliminare tutti gli elettrodomestici lasciando solo le lampadine e utilizzare solo lavatrici condominiali con bucato a turno fra i condomini (è più facile limitare le perdite sui grandi impianti).

            Ciao!

            Andrea Di Vita

            P.S. ho usato tanti zeri per non introdurre sigle come TWhe con cui non tutti hanno familiarità.

            • Andrea Di Vita scrive:

              A propositi: il consumo minimo di un frullatore è di 10) W. Avresti 1 frullatore e 4 lampade alogene per nucleo familiare. Niente frigo, lavastoviglie, ferro da stiro, aspirapolvere.

              • Francesco scrive:

                Per la cronaca: DOVE i consumi privati di elettricità sono a zero? non è una buco nelle statistiche (ho in mente certi giri di fili volanti e di allacciamenti illegali)

              • Andrea Di Vita scrive:

                @ Francesco

                Da nessuna parte. Ho citato dati aggregati su tutta l’umanità. Prima del Covid si producevano 22000 TWhe l’anno, di cui il 14% andava ai consumi familiari. Oggi il consumo è sceso, ma poco: è vero che molte attività si sono fermate, ma la popolazione è comunque cresciuta.

                In particolare, da noi in Italia siamo passati da 330 a 318 TWhe l’anno, e noi consumiamo poco più dell’1% dell’energia elettrica dell’umanità.

                Ciao!

                Andrea Di Vita

              • Francesco scrive:

                ma i dati aggregati vanno letti con cura: noi occidentali consumiamo uno sproposito più della media che hai calcolato, questo vuol dire che un gran numero di persone non consuma nulla.

                mi pare difficile da credere

                ciao

  10. Moi scrive:

    Oh, finalmente qualcuno Fuori dal Coro Slinguazzante 😉 :

    Governo a Mario Draghi, il nemico dei Popoli
    3 Febbraio 2021 by Natale Salvo

    https://www.fronteampio.it/governo-a-mario-draghi-il-nemico-dei-popoli/

  11. Moi scrive:

    Il Governo Bilderberg 😉 NON era questione di “Se”, ma di “Quando” …

    https://www.radioradio.it/2021/02/mattarella-draghi-scopo-covid-fusaro/

    […]

    o accettate supinamente Mario Draghi, oppure l’alternativa è il baratro. Per convincere il popolo ad accettare dolcemente ciò che ai piani alti è già stato deciso, devono trovare soltanto il modo. E il modo sarà quello di dirci che le elezioni non possiamo permettercele in questa fase.

    E’ tutto molto chiaro.

    [cit.]

    • Francesco scrive:

      >> o accettate supinamente Mario Draghi, oppure l’alternativa è il baratro

      Mi permetto di farti notare che questa frase è vera. Niente destra o sinistra, popolo o elite, maschi o femmine, giovani o vecchi. E’ semplicemente vera.

      Per una volta non siamo sulla faccia della medaglia con lo scontro di interessi ma su quella che se la barca affonda affoghiamo tutti. O forse no, io ho dei lontani parenti negli USA e parlo inglese …

      Ciao

      • Moi scrive:

        … Veramente dalle Urne potrebbe uscire un Governo Capitan Citofono 🙂 – Wonder Coatta 😉 !

        … Perché , dici, che sarebbe peggio del Governo Dungeons&Dragons 🙂 ?!

        Date, almeno da te o Francesco, mi aspetto un’ argomentazione DIVERSA dalla seguente :

        https://www.youtube.com/watch?v=wiKQ6XWjraw

        • Moi scrive:

          Cmq pare che i Baüscia costringano Salvini a prendere in esame di appoggiare il Governo Dragon’s Lair 😉 … come mai ?!

          … Son rimasti a secco di “Ne[g]ri” per le Fabbrichèètte ?!

          • Francesco scrive:

            1) paragonare un governo Puffetta&Truce al governo Draghi è come paragonare Lapadula a Van Basten.
            2) se fossi in Peppone non mi sprecherei a gridare fascisti, basterebbe un coglioni
            3) lo stesso vale per i 5 Stelle
            4) prova tu a far andare avanti l’Italia senza le fabbriche del Nord e dell’Emilia Romagna, poi ne riparliamo
            5) quello che veramente fa paura è vedere chi sono i partiti che peseranno su Draghi … possono abbattere Silver Sufer quelli, non solo Supermario

    • Miguel Martinez scrive:

      Per Moi

      “capisci anche perché Renzi fu l’unico politico italiano chiamato al Bilderberg del 2019”

      Interessante. Non perché i Bilderberg “decidono le sorti del mondo”, ma perché un’occasione, come il ben più pompato Forum economico mondiale, in cui chi decide le sorti del mondo (per quanto sia concesso a esseri umani) si può ritrovare in maniera del tutto informale.

      Comincio a capire perché il contaballe di Rignano, con il suo calante 2% di consensi, ha un’attrazione così forte su tanti del Partito Unico almeno a Firenze, che non vedono l’ora di passare con lui.

  12. Moi scrive:

    Sileri vuol AprireTutto a fine Febbraio , Speranza vuol Tener Chiuso Tutto fino a fine Aprile … quindi, che cazzpita 😉 succederà ?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.