Pitti Immagine Bimbo, sempre più vicino!

La fabbrica dei mostri, sempre più vicina!

Ma l’Oltrarno vi osserva…

IMG_0017

 

Questa voce è stata pubblicata in Il clan dei fiorentini, società dello spettacolo e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

67 risposte a Pitti Immagine Bimbo, sempre più vicino!

  1. Moi scrive:

    foto abbastanza global multietnica (di cui si presuppone Genitori Top Manager Multietnici: basta identificare Occidente e Capitalismo, è un cliché da baffi a manubrio ! 🙂 ), anche se non ai livelli di Oliviero Toscani !

  2. Pierluigi Vernetto scrive:

    poracci vah, privati del diritto ad una infanzia normale, con ginocchia sbucciate e fiondate in testa… se io fossi sceso in cortile conciato cosi’ i compagni di gioco mi avrebbero massacrato di canzonature

    • PinoMamet scrive:

      Verissimo!!

      C’è di bello che nel mondo reale bambini vestiti così non ne ho mai avvistati; forse quello con la maglietta col leone che è la più normale, per il resto le giacche, che io sappia, erano rigorosamente riservate alle Prime Comunioni&affini…

      però adesso una amica di famiglia porta la foto del bimbo alla Prima Comunione: il prete li ha obbligati a portare una specie di tonaca o saio bianco, tra l’altro accollatissimo, con crocefisso: talché pare di vedere un piccolo domenicano.
      I genitori hanno protestato ma niente da fare.

      Se non altro cancella lo sfoggio e le differenze di classe, ma mi sembra un metodo un po’ estremo…

      • Francesco scrive:

        1) manco a Milano sono conciati così!

        2) la tonaca è utile perchè te la togli, sotto c’hai i vestiti normali e vai a giocare a pallone (da non crederci, anche adesso non pensano ad altro i bambini!)

        😀

    • Roberto scrive:

      E avrebbero fatto gente
      😉

    • ruttone scrive:

      >poracci vah, privati del diritto ad una infanzia normale, con ginocchia sbucciate
      > e fiondate in testa…

      In principio posso essere d’accordo, ma noi non sappiamo cosa i ragazzi in foto considerino essere “infanzia normale”. Non è relativismo; a me ginocchia sbucciate e fiondate in testa non piacciono oggi come non piacevano allora…

      > se io fossi sceso in cortile conciato cosi’ i compagni di gioco mi avrebbero
      > massacrato di canzonature

      Tu praticamente stai giustificando un comportamento violento e gratuito. È come quelli che dicono che una si cerca lo stupro se si veste con la minigonna

      • Miguel Martinez scrive:

        “Tu praticamente stai giustificando un comportamento violento e gratuito.”

        Capisco quello che dici, ma presumo che il bambino non si vesta spontaneamente così, viene vestito. E soprattutto viene investito di un ruolo, quello di figlio di papà, in cui difficilmente incontrerà infanti normali.

        La violenza sta da parte dei genitori.

  3. Roberto scrive:

    Una bambina che si siede accavallando le gambe?!?
    Dove l’hanno trovata?

  4. Grog scrive:

    Pitti bimbo è FONDAMENTALE, disegnati i calzoncini con PATTA POSTERIORE CON BOTTONI A SCATTO per raggiungere subito i DOLCI CULETTI FIORENTINI slurp! slurp! slurp! slurp!
    Son tutti dolci i pedofili del mondo
    quando un culetto è tutto tondo!
    Se poi il culetto è fiorentino
    scatta l’uccello maturo birichino!
    Quanto son belli i bambinelli
    che fan la cacca dentro i lavelli!
    (Ritornello)
    Incula il tuo che inculo inculo il mio
    il mostro di scandicci son sempre io!
    I piddini han dato l’esempio
    con il forteto schifoso ed empio!
    (Ritornello)
    Incula il tuo che inculo inculo il mio
    il mostro di scandicci son sempre io!
    Odiavano molto il Berluscaz
    per l’uso tradizionale del suo caz!
    Per esser moderni e di sinistra
    basta un culo qualunquista!
    (Ritornello)
    Incula il tuo che inculo inculo il mio
    il mostro di scandicci son sempre io!
    Grog! Grog! Grog!

    • Carlo scrive:

      Non mi sembra che nell'”uso tradizionale” del suo organo genitale il Berlusca si astenesse dalle minorenni (che erano, per fortuna, un po’ meno minorenni di quelle e quelli della foto)

      • MOI scrive:

        Dalle parti di Grog (Ultimo Baluardo contro il Politically Correct a Ovest dell’ Ex Cortina di Ferro) si dice :

        El Paradiso xè Figa Zovane e Vin Vecio
        El Purtgatorio xè Figa Vecia e Vin Zovane
        El Inferno xè no Figa e no Vin

        raccolta di Dino Durante

        ———–

        Una Levantina Sviluppina tra i 17 ai 18 anni sfido chiunque a riconoscerla “a occhio” …

        • MOI scrive:

          Lo disse, in pratica, anche la Bocassini … solo dandolo per negativo.

        • Grog scrive:

          Vin vecio ha da eser VIN ROSO DA AROSTO sul tipo del RABOSO DEL PIAVE comunque sempre meglio un purgatorio con ombrete e figa vecia che gnente!
          Grog! Grog! Grog!
          P.S.
          Un bruto sporcacion de giornalista de “LA STAMPA” che i Amici Torinesi me disia ciamarse ancha “LA BUGIARDA” ha definito LINO TOFFOLO un “guitto” ed ha critica i Consiglio Veneto per aver deto che LA CRIMEA XE’ RUSA, se vede che i giornalisti sporcacion del la Stampa no ama VENEXIA parchè dise che i SAVOIA XERA UNA BANDA DE FIGLI DE TROIA.
          Che l’anima di Lino ce vada a tirar i piedi de note e farli sciopar de paura!

  5. Moi scrive:

    Sì ma anche tante delle “creazioni” per adulti NON si vedono (per fortuna) in giro per strada … credo che sia roba da Ricevimento dell’ Alta Società dalle Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare 🙂 e affini …

  6. Moi scrive:

    In fin de’ conti, icché accomuna Ricevimento dell’ Alta Società e Centro Sociale OKKupato rispetto alla strada ?

    Che per la strada ci si veste, al Ricevimento dell’ Alta Società e al Centro Sociale OKKupato ci si tra-veste !

    … e in entrambi gli ambienti, seppur con diversa forma, nella medesima sostanza “si santifica laicamente” Giacinto detto Marco.

    • Z. scrive:

      Anche al lavoro ci si traveste, o su un campo da tennis, o sulle piste da sci…

      • MOI scrive:

        Dipende : negli sport e nei lavori usuranti o comunque a rischio incolumità, l’abbigliamento/equipaggiamento deve essere finzionale alla performatività (o come si dice) e alla sicurezza del lavoratore*/atleta …

        —————

        * poiché le Quote Rosa sono richieste solo a comandare ma NON a far fatica / rischiar la pellaccia, si può usare il Paradigma Maschile 😉

  7. MOI scrive:

    @ MIRKHOND

    A proposito di bimbi, se non ricordo male, “dicesti” che dei Racconti Mensili del Libro Cuore (l’ Immaginario Collettivo per l’ Impassibilità dinanzi alla Morte di Fabrizio Quattricchi corse subito al Libro Cuore … sia in senso positivo, sia senso in negativo) “salvi” solo Dagli Appennini alle Ande che poi è quella che alla fin fine “salvano” tutti perché ci sono più Buoni Sentimenti che Retorica Nazionalistica … anche se non necessariamente il piccolo protagonist deve avere una sorte segnata.

    E non a caso solo Dagli Appennini alle Ande ha avuto lo Spin Off sia come sceneggiato che come anime … e si presta a interpretazioni “sinistrorse” sul Bimbo “Migrante” Genovese …

    https://www.youtube.com/watch?v=Im_85_aQ3hw

    però, sempre attualizzandolo, almeno la metrica in “A Marco non andava proprio giù/ Che il suo Genitore Due non ci fosse più !” ci rimette un po’ 😉 …

    • MOI scrive:

      Quattrocchi … anche se mi faceva pensare all’omonimo Puffo 😉

    • mirkhond scrive:

      Non ricordo di averne mai parlato.
      Però condivido ciò che dici su Dagli Appennini alle Ande.
      Che vidi nella versione animata giapponese nel lontano 1982….
      Anche se preferivo Pepero. 🙂

  8. MOI scrive:

    … più che altro, sia per sagoma sia per leopardatura della texture (o come si dice), è quel divano a essere davvero orrendo, e in effetti da ammiccamento vagamente pedofilo !

    Ma vi assicuro che anche certi servizi fotografici a bambine “normali” (c’è gente nel senso di “genitori” che te li mostra con orgoglio, magari sperando in una fortunata carriera “nella moda” per la prole …) sono al limite del vagamente di cui sopra.

  9. Moi scrive:

    Firenze – Treviso

    http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2016/05/19/news/giorgio-otto-anni-il-baby-top-model-conteso-da-gucci-e-cavalli-1.13503333

    Giorgio, otto anni, il baby top model conteso da Gucci e Cavalli

    Il bimbo trevigiano posa per le campagne delle principali griffe della moda. Un gioco nato dai “like” alle foto postate dalla madre su Facebook. «Da grande farò lo youtuber»

  10. mirkhond scrive:

    L’Oltrarno vi osserva….
    Ma non può fare nulla per impedire la pagliacciata……

  11. MOI scrive:

    @ MIRKHOND

    http://www.meltybuzz.it/beppe-grillo-omaggia-pannella-su-facebook-si-scatenano-gli-insulti-dei-fan-a200138.html

    Beppe Grillo omaggia Pannella: Su Facebook si scatenano gli insulti dei fan

    «Un vitalizio in meno». Il cinismo dei commenti grillini sul ricordo di Beppe Grillo a Marco Pannella

    http://www.giornalettismo.com/archives/2104921/beppe-grillo-marco-pannella-commenti-grillini/

  12. mirkhond scrive:

    Il Grande Fratello

  13. MOI scrive:

    @ MIRKHOND

    A proposito di … Pedofilia: intervista a Pannella che si incazza

    https://www.youtube.com/watch?v=V_epltOpdUE

  14. MOI scrive:

    Ilona Staller (Prima Donna Migrante Deputata 😉 ) :

    http://video.repubblica.it/dossier/addio-a-marco-pannella/ilona-staller-quella-volta-che-pannella-mi-salvo-dal-carcere/240184/240124

    “Quella volta che Pannella mi salvò dal carcere”

    • roberto scrive:

      a rischio di espormi al pubblico ludibrio, credo che nel lavoro di deputata anna elena staller sia stata molto più dignitosa e volenterosa di tanti altri che son venuti dopo di lei (a miguel deve stare simpatica, aveva fatto una proposta di legge su una tassa mostruosa sulle automobili da destinare ad un fondo per la protezione del verde pubblico)

  15. mirkhond scrive:

    Il diavolo è stato smerdato….. 😉

  16. mirkhond scrive:

    Moi:

    Maurizio Blondet
    2 giorni ago

    Esattamente: i radicali mai hanno superato il 2-3 per cento dei voti. Come hanno imposto le loro idee a maggioranze? Una ipotesi: lo Stato italiano, a spese dei contribuenti (che al 97% non votano radicale) paga da trent’anni la sua RAdio Radicale con 20 milioni di euro annui. Chissà come mai, a me non ha mai dato niente perché potessi diffondere le mie idee…
    Questo si chiama “potere massonico”.

    • Z. scrive:

      Mah, secondo me i radicali sono sempre stati marginali – se non proprio ininfluenti – nella politica italiana.

      Certo, si appropriati mediaticamente di battaglie condotti da altri: la legge sul divorzio e sull’aborto è stata approvata in parlamento, e il referendum ha soltanto confermato l’orientamento parlamentare. E neppure allora venivano presi particolarmente sul serio: nel 1976, alle prime politiche dopo il referendum sul divorzio, i radicali presero l’1,07% alla Camera e lo 0,85% al Senato.

      Giuste o sbagliate che fossero, nessuna delle battaglie di cui effettivamente sono stati protagonisti – abolizione dell’ergastolo, abolizione della legge sulle armi, abolizione dei pesticidi, più un’altra carrettata di referendum – ha avuto esito positivo. Non sono riusciti a migliorare di un virgola la situazione delle carceri, per non parlare del CIE. Non sono riusciti a far muovere di un passo la legislazione in senso antiproibizionista. Stesso dicasi per l’eutanasia.

      Su una cosa però Blondet ha ragione: pur rappresentando una frazione irrisoria del corpo elettorale, il loro colorato e rumoroso attivismo fine a se stesso ha sempre ottenuto uno spazio spropositato sui media.

    • izzaldin scrive:

      qui Blondet sbaglia di grosso.
      Radio Radicale conserva TUTTI i dibattiti parlamentari, ha un archivio che è un TESORO per ogni ricercatore di storia contemporanea. se fallisse, questo patrimonio culturale immenso si perderebbe. fa bene lo stato italiano a finanziarla.
      fra i partiti italiani, oltre ai radicali, solo PCI con la rete degli Istituti Gramsci ha conservato un ottimo archivio. La DC non ha mai fatto nulla del genere, e per consultare quotidiani cattolici come IL POPOLO devo andare dai loro avversari comunisti 😉
      io non amo i radicali, non li ho mai votati e non mi fanno simpatia, ma Radio Radicale è una istituzione preziosa e Blondet prende un granchio gigante se pensa si tratti solo di sprechi di soldi pubblici…

      • mirkhond scrive:

        20.000.000 di euro annui però mi sembrano un pò troppi per tutelare tale patrimonio “indispensabile”………

      • Francesco scrive:

        concordo con Izzaldin

        detesto i radicali (anche di più per il fatto di trovare sacrosanta e cristiana la battaglia per le prigioni)

        ma Radio Radicale è qualcosa di buono e utile, un vero caso di “privato sociale”, soldi pubblici ben spesi

        ciao

        • Roberto scrive:

          Mi sorprendi!
          Mentre scrivevo stamattina mi ero detto “mo’ Francesco mi prende a bastonate”
          🙂

          • Francesco scrive:

            ma figurati!

            su RR non solo concordo con Giulio Andreotti ma ammiro la tenacia con cui hanno iniziato a fare da archivio della politica italiana prima degli altri, anche per gli altri, e facendosi pagare solo molto dopo

            Stampa e regime sostituisce la vera lettura dei giornali, a meno che siano in ballo i Radicali stessi (nel qual sbrodolano) o la Chiesa cattolica (idrofobia istantanea)

            ma su tantissime cose sono uno sguardo attento, intelligente, informato, onesto, direi unico

            vorrei che i cattolici italiani avessero qualcosa di simile

            ciao

  17. Zhong scrive:

    [OT^3]

    Mi pare di capire che qui ci sono fior fiore di giuristi.

    Ma l’avete letta la proposta della Boschi di modifica della costituzione dell’articolo 70 della costituzione?

    E’ una cosa che gira in rete.

    Sostanzialmente si passa da: “La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere.” ad una cosa lunghissima piena di rimandi a leggi e commi, manco fosse il regolamento comunale dell’IMU.

    Ma e’ normale?

    • Roberto scrive:

      Devo essere un giurista sfiorito perché non ci capisco niente!
      Penso che sia uno degli articoli più mostruosi che abbia mai letto in una costituzione

      • Zhong scrive:

        Non sono assolutamente un giurista ma per quel che mi ricordo dalla scuola la costituzione dovrebbe dare i principi generali. Insomma mi sembra fatto un po’ alla c..zo di cane!

        • Francesco scrive:

          come tutta la riforma

          la tragedia è che è meglio di niente e null’altro è stato fatto (o sarà fatto se fallisse questa)

          ciao

        • Z. scrive:

          Zhong,

          ci sono costituzioni brevi e costituzioni lunghe, e la nostra appartiene alla seconda categoria. Quindi è normale che disciplini il funzionamento delle istituzioni. Caso mai, non è normale che siano scritti come un codice di procedura e lunghi come la Divina Commedia!

          Z.

          PS: non fidarti di quello che ti hanno insegnato a scuola sulla costituzione. C’è una discreta probabilità che sia quasi tutto sbagliato. Gli è che purtroppo a scuola a parlare di costituzione sono i laureati a Lettere, che mediamente si intendono di diritto costituzionale quanto io mi intendo di letteratura greca arcaica 🙂

          • Zhong scrive:

            “Caso mai, non è normale che siano scritti come un codice di procedura e lunghi come la Divina Commedia!”

            No infatti era proprio questo che intendevo.

            “Non fidarti di quello che ti hanno insegnato a scuola sulla costituzione. C’è una discreta probabilità che sia quasi tutto sbagliato.”

            Non lo metto in dubbio.

          • Z. scrive:

            EC: “non è normale che (scilicet: gli articoli) siano scritti” 🙂

          • roberto scrive:

            ma è proprio tutto scritto in maniera obbrobbriosa

            “Art. 57. – Il Senato della Repubblica è composto da novantacinque senatori rappresentativi delle istituzioni territoriali e da cinque senatori che possono essere nominati dal Presidente della Repubblica.”

            quanti sono in tutto 100? o un numero qualsiasi da 95 a 100? anzi da 95 a 105 se il presidente elegge 5 senatori l’ultimo anno di mandato ed il nuovo ne elegge subito altri cinque?

            non è nemmeno un problema giuridico ma solo di sciatteria linguistica

          • Z. scrive:

            Quello dei senatori di nomina presidenziale è un problema antico.

            A quanto ne so, ogni Presidente della Repubblica ha interpretato a suo modo la norma sui cinque senatori a vita: per alcuni significava “il singolo Presidente può nominarne cinque”, per altri “i senatori a vita possono essere al massimo cinque”.

            Si trattava di orientamenti trasversali ai partiti storici: se ben ricordo, Pertini e Scalfaro aderivano al primo orientamento, mentre Cossiga e Ciampi al secondo.

          • roberto scrive:

            e formulare più semplicemente

            “Art. 57. – Il Senato della Repubblica è composto da novantacinque senatori rappresentativi delle istituzioni territoriali e dai senatori eventualmente nominati dal Presidente della Repubblica a norma dell’articolo 59”

            “art. 59 il presidente della repubblica può noominare fino a cinque senatori kaloi kai agathoi”

          • Z. scrive:

            Se l’opinio communis decidesse che i ciccioni non sono belli, però, non ci potrebbero più fare senatori a vita.

            E dopo tante ore passate ad ospitare e omaggiare ricchi e potenti nel mio iòtt ormeggiato a Bruxelles, beh, sarebbe uno smacco insopportabile per me!

  18. habsburgicus scrive:

    (da un sito USA)

    uno che ha nick “Real American” scrive [attaccando i bonzi REP che si pongono contro Trump, a rischio di favorire Hillary]
    Trump represents perhaps the last chance that Whites have at pursuing their political interests by democratic means. In 8 years, the country will be so radically different demographically that there will be a permanent anti-White voting block composed of non-Whites. This means that Whites will slowly be dispossessed by the non-White hordes that will mindlessly vote Democrat for more gibs. However, these “true conservative” cucks would rather allow this to take place by losing on “principle” than even consider trying to advance their own self interests as European people. Traitors are more contemptible than open enemies.

    ma non è su questo che volevo attirare la vostra attenzione (infatti sono le cose solite, che si sentivano e si sentiranno ancora)
    volevo invece far notare, soprattutto a Miguel (che conosce i suoi polli), la contraddizione che c’è fra questo “Real American” e la bandiera che si è scelto [che purtroppo qui non si vede] ovvero la bandiera USA dove però al posto delle 13 stelle c’é l’Union Jack britannica 😀 ma ci pensate ? l’americanismo nasce con il 4 luglio 1776, in cesura completa con Londra! e ora uno che si definisce “vero americano” adotta la bandiera di Albione in quello che per lui dovrebbe essere il più Sacro dei Simboli..”profanandolo”
    non lo trovate divertente ?
    e un altro sintomo della confusione imperante che riguarda ormai tutti..banchi, neri, gialli, cattolici, atei, sx, destra…

    • izzaldin scrive:

      per molti seguaci di Trump l’eventuale vittoria del sì al Brexit, in contemporanea con la vittoria di Donald, sarebbe il segnale che il mondo sta cambiando in meglio. forse per questo la bandiera inglese nelle stelle e strisce.
      quella che tu chiami confusione è in realtà un fermento della destra giovanile americana che in Italia ho visto raccontare solo qui: https://ilfiumeoreto.wordpress.com/2016/03/03/donald-trump-e-una-forza-della-natura/

      la vittoria di Trump e del Brexit sarebbe, per questa nuova destra americana, il simbolo che i liberal non sono più invincibili, un discorso in fondo simile a quello fatto da Habs qualche tempo fa proprio qui. e molti in America voteranno Trump anche per questo.
      faccio anche una previsione, segnatevela da qui a Novembre: Trump, se arriverà come pare alle elezioni, sarà il candidato repubblicano con la maggiore percentuale di votanti neri negli ultimi trent’anni. finora il voto afroamericano era andato sempre in massa (tipo 90%-95%) ai democratici. questa volta Trump prenderà almeno il 15% degli elettori afroamericani

      • MOI scrive:

        rock anthem anti racist is a codeword for anti white

        https://www.youtube.com/watch?v=lBhfHhFekHc

        —————-

        “Diversity” is a Code Word for Anti White-Male-Hetero-(Post)Christian 😉

        PS

        Comunque i più Razzisti sono (stati) quei “Norreni” geneticamente più Recessivi (cosa che in teoria sarebbe comprensibile) … a 71 anni di distanza, la Memoria Storica di Adolf Hitler grava ancora sulle coscienze dei “Bianchi”
        come un macigno … non pochi temono di essere “razzisti” se solo non si autostigmatizzano, o considerano “razzista” altri “Bianchi”. E difatti che fra Hiroshima e Selma ci passano 20 anni molto “dinamici” culturalmente, probabilmente di “Defeated Hitler Bobus” 😉 nell’ Opinione Pubblica USA.

        In Europa, ove dal 1945 ci sono molte meno fisse “razzialiste” divenute tabù, la cosa ha preso una piega “culturale” … spesso molto autocensurata dal timore di essere “razzisti”, anche se l’ argomento “razza” lo considerano rilevante 4 gatti alla Sizzi e/o NeoNazisti.

        ————

        In ogni caso il legame “Whiteness-Christianity”, perquanto opinabile, è molto enfatizzato dai Liberal USA e dai loro Scagnozzi Intellettuali 😉 di Sx Europei …

        • MOI scrive:

          BoNus 😉

          • MOI scrive:

            o considerano “razzista” altri “Bianchi” …che pur non avendo problemi con la “Diversity”, semplicemente NON si autostigmatizzino.

            Principio che non di rado viene esteso al Razzismo al Maschilismo … e “più ne hai più poi te ne toccano” 🙂

  19. MOI scrive:

    Gli AngloSassoni Razzisti tendono a considerare Levantini (in realtà con “slurs” tipo “Ragheads” / “Sand Niggers” / “Goat Fuckers” … e infatti “Levantini” NON è un termine razzista, e spero che resti tale) tutti i Turchi, che lo sono solo in parte … probabilmente in quanto prevalentemente Musulmani.

    Ma la Romagnola per Antonomasia fu interpretata dall’ attrice Turca Magali Noël :

    http://www.lastampa.it/2015/06/23/multimedia/spettacoli/gradisca-la-scena-cult-di-amarcord-wgwZhRPDrHYPqobN7HdZfO/pagina.html

  20. MOI scrive:

    In effetti per chi ama le razze “nette” dal Sahara Occidentale all’ India è un bel problema 😉 …

  21. MOI scrive:

    Si noti come con il film di Zàcch Snàider 😉 le Guerre Greco-Persiane (dapprima sconosciute in USA, Roma già molto meno) siano prepotentemente entrate nell’ Immaginario Guerriero All American White :

    https://www.youtube.com/watch?v=H_bsPAAy80U#t=159.741544

    A Tribute To The White Race

    … But I think Ol’ Donnie ain’t (!) gonna win !

  22. MOI scrive:

    However … the Dark (Black Shirt 😉 ?) Side of … Cristina D’Avena :

    https://www.youtube.com/watch?v=haT5n2eXrKA

    Roma, un grande impero – Cristina D’avena

    … dovrebbe usarla da Colonna Sonora della Campagna Elettorale la Giorgina Meloni, Massimino Trace (l’ Imperatore Acromegalico) lo fa Crosetto 🙂 e LaRussa, con quella ghigna mefistofelica, Ades 😀 !

  23. MOI scrive:

    Io cmq dovrei essere un mesoleucoderma (quel roseo a stramezzo fra il pallore Norreno e lo scuretto Levantino) mesomorfo medilineo dolicocefalico isognato mesorrino … ognitanto gli Slavi (specie Polacchi) mi scambian per uno di loro.

    Va be’ … ovviamente sarebbe più baffoamanubriologicamente 🙂 attendibil un’ analisi di Sizzi. 😉

    • izzaldin scrive:

      guarda che se gli mandi le foto Sizzi ti fa la craniometria gratis su twitter 😉

    • PinoMamet scrive:

      “mesoleucoderma (quel roseo a stramezzo fra il pallore Norreno e lo scuretto Levantino) mesomorfo medilineo dolicocefalico isognato mesorrino”

      Minchia!!

      io credo di essere bruttino, castano 😉

      • MOI scrive:

        *** @ Izzaldin / Pino ***

        Be’, la roba di cui sono meno sicuro è l’indice cefalico : nel senso, cioè, che mi pare che né io o nessun altro abbia (in natura, lasciando stare le deformazioni ritualistiche) una testa chissà quanto brachicefala “a Simpson” o chissà quanto dolicocefala “ad Alieno Grigio” … anche cappelli di diversa foggia e caschi da motocicletta mi paiono strutturati e proporzionati tutti molto simili.

        Come già osservato da Franz Boas, molti disegni dell’ Ottocento in realtà erano enfatizzati “didattici” e le foto riprendevano per lo più casi estremi. E gli indici cefalici _ per quanto ammantati di scientificità poiché meglio misurabili matematicamente di tanti altri caratteri somatici_ erano soggetti addirittura a mutazione da una generazione all’ altra della stessa famiglia !

        Ne risultava così una descrizione più caricaturale che non effettiva della diversità umana.

        Insomma, il compasso ricurvo craniometrico ha fatto la sua porca figura 😉 di Scientificità nell’ Ottocento e senz’altro continuerà a farla nello studio di Sizzi& Affini 🙂 … però come strumento per l’odierna scienza di genetica delle popolazioni non è che sia tanto più utile del piega-baffi per inamidarli all’ insù a manubrio. 🙂

  24. izzaldin scrive:

    @Moi
    In Europa, ove dal 1945 ci sono molte meno fisse “razzialiste” divenute tabù, la cosa ha preso una piega “culturale” … spesso molto autocensurata dal timore di essere “razzisti”, anche se l’ argomento “razza” lo considerano rilevante 4 gatti alla Sizzi e/o NeoNazisti.

    sono d’accordo, noi europei (tranne forse inglesi e francesi per il passato coloniale, e noi in misura minore) non abbiamo quella tremenda divisione netta e irrecuperabile fra ‘bianchi’ e ‘neri’. il politically correct europeo è molto diverso e ben più elastico del corrispondente americano.

  25. Mauricius Tarvisii scrive:

    Tempo fa si parlava della Rivoluzione delle dimissioni telematiche, che finalmente faranno finire gli abusi. Ecco che annuncio di lavoro si trova:

    “Descrizione Mansione
    La risorsa sarà inserita all’interno dell’ufficio HR Administration e affiancherà il tutor aziendale principalmente nello svolgimento delle seguenti attività:
    • Apprendimento delle procedure di assunzione e della nuova procedura di convalida delle dimissioni online. Successivo affiancamento alle persone dimissionarie in azienda nell’utilizzo della nuova procedura”

    Come si dice, intelligenti pauca 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.