Magdi Allam e i Quaranta Guardiani

Questo blog ha avuto il coraggio di documentare i pericoli che corrono realmente le persone che si battono per difendere l’Italia dall’Invasione Islamica.

In particolare, abbiamo segnalato qui i due casi più gravi.

Un imam ha dato pubblicamente dellignorante a una signora che di mestiere fa la VIP.

Un altro imam non ha risposto a un SMS di auguri di buon compleanno.

Le vittime di simili violenze islamiche si possono curare facilmente con un po’ di valeriana, ottenibile a un prezzo assolutamente ragionevole.

Invece, lo stato italiano offre loro le Scorte.

Abbiamo già parlato qui della scorta a Magdi Allam, noto come il Pinocchio d’Egitto per la sua creatività giornalistica.

Delle demenziali motivazioni addotte per regalargli lo status symbol supremo, abbiamo scritto qui e qui.

Come abbiamo anche parlato dell’interpellanza parlamentare fatta per capire come fosse possibile che i contribuenti fossero costretti a pagare una simile struttura per motivi inesistenti.

E abbiamo anche raccontato di come la scorta più inutile d’Italia fosse stata potenziata per difendere Magdi Allam da misteriose "cellule dormienti del Viterbese", la cui esistenza non risulta in alcuna inchiesta.

Adesso abbiamo una lettera di protesta, con alcuni interessanti calcoli, di un cittadino di Fabrica di Roma, il comune in cui abita Magdi Allam. Abbiamo corretto la grafia del cognome – il signor Giuliano Massaro ha scritto "Hallam", ma non è ovviamente tenuto a conoscere la corretta scrittura di nomi arabi.


Fonte: www.unonotizie.it 
 
    
FABRICA DI ROMA (VITERBO) / 19-02-2009
40 AGENTI PER MAGDI ALLAM? USIAMOLI NELLE CITTA’. IL GIA’ VICE DEL CORRIERE DELLA SERA E LA SICUREZZA
 
  FABRICA DI ROMA -VITERBO (UNONOTIZIE.IT)

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Egregio Direttore

Domenica scorsa, con alcuni amici, mi sono recato al teatro tenda di Fabrica di Roma, in provincia di Viterbo, per assistere alla più che famosa commedia di Eduardo De Filippo “Natale in casa Cupiello”. A teatro quasi pieno, dopo avere preso posto in platea, la nostra attenzione fu attirata da un convulso gruppo di persone che entravano nel teatro, in mezzo alle quali scorgemmo un signore, esile a confronto dei sei marcantoni che lo attorniavano.

Riconoscemmo il sig. Magdi Cristiano Allam, recentemente convertitosi al cristianesimo e battezzato dal Papa in persona, in una pubblica cerimonia. Per tutto il tempo della commedia le guardie del corpo, alcune sedute dietro di lui ed altre in piedi nei pressi, esercitavano un controllo attento e continuo intorno alla sua persona, svolgendo compiutamente il compito loro assegnato. Fuori del teatro era parcheggiata una macchina, probabilmente blindata, con autista a bordo.

Almeno sette agenti avranno seguito il sig. Allam, nel breve tragitto che separa il teatro dalla sua villa, la quale è sorvegliata da due pattuglie permanenti di Carabinieri e Guardia di Finanza, che si alternano. Quindi il totale degli agenti impiegati, per la protezione del sig. Allam, sarebbe almeno di dieci! Considerando che i turni di servizio sono di circa sei ore, si può ipotizzare che il sig. Allam sia protetto, con la sua famiglia, da un piccolo esercito di 40, 50 agenti dello Stato! Pari a circa 10 piccole stazioni di Carabinieri, a protezione di circa 10 paesi!

Ci saranno certamente gravi pericoli per la vita di Allam, ma come può lo Stato permettersi di impiegare così tante risorse per un solo cittadino? E quanti altri cittadini sono a rischio criminalità, nelle loro professioni, nei loro spostamenti, anche solo vivendo in alcune località? Quante donne eviterebbero di essere stuprate, se ci fosse anche solo un agente nelle vicinanze?

L’insicurezza è avvertita dalla maggioranza della popolazione in tutto il territorio nazionale, tanto che è stata una delle cause che hanno maggiormente contribuito a fare vincere le elezioni all’attuale maggioranza. La cronaca giornaliera è piena di fatti delittuosi e ciò che è riportato rappresenta solo la punta dell’iceberg! Come si può promettere di impiegare 30.000 soldati nelle strade e piazze d’Italia, come ha fatto recentemente il Presidente del Consiglio, quando per un solo cittadino, si mettono a disposizione 40 agenti?

E perché non si chiede alle persone benestanti, e Magdi certamente lo è, di provvedere a loro spese alla sicurezza personale con agenti privati, come fanno tante categorie di cittadini che si rivolgono alla sicurezza privata? Perché non si chiede a questi super protetti di tenere comportamenti prudenti; per esempio dare meno clamore ad una conversione religiosa, se questa possa aumentare i rischi alla loro incolumità?

Come si chiede ai cittadini giustamente, con un provvedimento approvato recentemente, di non recarsi in alcuni paesi considerati pericolosi ed, in caso contrario, lo Stato richiederà il rimborso delle spese sostenute per la loro liberazione. Ognuno è libero di fare quello che vuole, ma non quello di fare pagare ad altri le spese delle sue personali decisioni! Abbiamo sentito delle voci risentite, anche presso alcuni abitanti di Fabrica di Roma, a proposito dello “sproposito” di forze impiegate per la sicurezza di un solo cittadino, non di una istituzione! Forse sarebbe opportuno trovare delle soluzioni, nel rispetto della incolumità del sig. Allam, affinché un tale sproposito venga ridimensionato!

  Giuliano Massaro
 

Magdi Allam viene accompagnato a teatro dalla scorta
(quadro di Paolo Romani, che non ha colpa delle nostre interpretazioni)
Print Friendly
This entry was posted in Magdi Allam and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Magdi Allam e i Quaranta Guardiani

  1. fm_dacenter says:

    Il disegno finale è un vero colpo di genio, i miei complimenti.

    Ciao

  2. Ulisse9 says:

    Ciao Miguel

    ma in Italia non ne avevamo abbastanza di UN uomo del destino?

    Ora dobbiamo sorbirci anche “Pinocchio Magdi”?

    Poveri noi!

  3. RitvanShehi says:

    Il partito di Allam si è alleato con l’UDC di Casini per le elezioni europee. Finalmente il Cristianissimo (ovviamente:-) messo capolista) sarà spedito a Strasburgo.

    P.S. Ma quando andrà a Strasburgo, i suoi 40 guardaspalle saranno pagati da Bruxelles o siempre dal Pantalone italico?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>