Pensons positif!

In momenti di crisi – come quando accendiamo il telegiornale e ci dicono che in Francia è successo un fattaccio – tendiamo a buttarci giù.

Per questo, mi permetto di consolarvi, dicendo che dalla Francia vengono anche notizie positive, che ci devono ridare fiducia nella Patrie de la Laïcité.

Ricordiamo le belle parole di Christian Estrosi, presidente della regione di cui fa parte Nizza, che poche ore prima del fattaccio, proclamò:

“Il nostro unico comune Sacro, per noi, è la Repubblica, è la Nazione, è la Francia!”

E adesso passiamo alla buona notizia – peraltro dedicata proprio al 14 luglio –  che riprendiamo da France Inter (la PACA di cui si parla nell’articolo comprende proprio la regione di Nizza):

Per l’industria delle armi francesi, il 2015 è stato una grande annata.

Ventiquattro aerei Dassault da combattimento per il Qatar, ventiquattro Rafale e missili per l’Egitto, e ben presto la realizzazione di trentasei Rafale per l’India hanno portato la Francia al secondo posto nella classifica dei paesi venditori d’armi.

Con la firma finale della vendita di dodici sottomarini in Australia, il 2016 potrebbe essere ancora più fruttuosa. Potrebbe anche eguagliare o superare il record storico di 16,9 miliardi di vendite militari conseguiti lo scorso anno. In occasione della festa nazionale del 14 luglio, questa rubrica torna sull’argomento.

Se le entrate sono buone, quale sarà l’impatto sull’occupazione?

Secondo il ministero della Difesa, saranno creati 40.000 posti di lavoro nel settore entro il 2018, da 165 000 a più di 200 000. Con l’esperienza francese, l’industria delle armi resiste alla logica delocalizzazione delle attività produttive. Buone notizie per le regioni PACA e Ile-de-France, dove si concentra oltre il 30% della produzione di armi.

Come spiegare il successo delle armi francesi? Per Bruno Tertrais, Senior Fellow presso la Fondazione per la ricerca strategica, questo è in parte legato al fatto che l’attuale governo ha un’immagine rassicurante: la “squadra della Francia” appare salda, particolarmente discreta.

dassault__1455020470Siccome oggi siamo tutti francesi, chiediamoci se non è un bijou?

Questa voce è stata pubblicata in imprenditori, Terrorismo realtà e mistificazione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

123 risposte a Pensons positif!

  1. Pierluigi Vernetto scrive:

    sei un genio. Centrato l’obiettivo anche stavolta. In effetti oltre che ad imporre decisioni assurde (sanzioni a Putin, bombardamenti sulla Libia…) questa strategia della tensione serve a far guadagnare dei bei soldoni ai mercanti di morte… se i terroristi “islamici” non esistessero, li avrebbero inventati comunque

  2. MOI scrive:

    Cioè ? Vendicano Nizza e Parigi bombardando les banlieues come se fosse Gaza, Israeli Style ?!

    • Miguel Martinez scrive:

      “Ipotesi sulla strage di Nizza:”

      Un caso particolarmente convoluto di blondettismo 🙂

      Tanto da rovinare il suo stile di solito molto chiaro.

      Mi sembra che colleghi molti fatti interessantissimi, magari veri e di quelli che lui solo sa raccogliere, in modo talmente arbitrario da farli perdere di ogni significato.

      • Grog scrive:

        Blondet è un tipo intelligente e anche veloce, ha un solo limite AMA FOLLEMENTE RITA KATZ per cui il suo sogno segreto è quello di poterla frustare sulle chiappe nude mentre sta scrivendo un articolo sull’estremismo islamico.
        Grog! Grog! Grog!

    • MOI scrive:

      Più che altro mi meraviglio che Blondy non abbia scritto nulla su “Ultrà Vs Negro” a Fermo.

  3. MOI scrive:

    Cmq SE l’Isis volesse popolarità (!) in Italia, probabilmente inizierebbe smitragliando sottocasa Monti e/o la Fornero … ma “ruberebbe la scena” alle BR che però pare che non esistano più per ovvie ragioni anagrafiche.

  4. MOI scrive:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/15/attentati-nizza-il-vicepresidente-conferenza-imam-francia-mi-dimetto-istituzioni-musulmane-incompetenti/2908580/

    Attentati Nizza, si dimette vicepresidente Imam in Francia: ‘Istituzioni musulmane incompetenti. Negano l’estremismo’

  5. MOI scrive:

    A mé Taqiyiq 😉 Ramadan an m’è mai piaśó …

    http://www.ilfoglio.it/chiesa/2016/03/01/gli-imam-di-francia-contro-il-modello-tariq-ramadan-aiuta-gli-estremisti___1-v-138867-rubriche_c400.htm

    Gli imam di Francia contro il modello Tariq Ramadan: “Aiuta gli estremisti”
    Per il predicatore ginevrino “l’islam è una religione europea e la cultura francese è diventata musulmana”. La replica: “E’ un arrogante”

    • PinoMamet scrive:

      Se Tariq Ramadan avesse aggiunto, veltronianamente, un “anche”, gli si sarebbe potuto dare ragione, in un certo senso, e avrebbe ottenuto una sparata ad effetto del genere “vi mostro la realtà im una luce diversa”:
      “L’Islam è ormai, anche una religione francese, e la cultura francese anche musulmana”.

      Ma immagino sia chiedere troppo a un francofono 😉 e ha dovuto a tutti i costi fare lo sborone, col risultato di dire una falsità, e di fare quello che suona come un antipatico proclama di conquista, proprio quello che non ci vuole in questi tempi.
      Per cui, gli altri imam han fatto bene a smentirlo.

  6. MOI scrive:

    Forse per domattina ci sarà un golpe in Turchia che ruba la scena a Nizza …

    http://www.leggo.it/news/esteri/turchia_ankara_spari_carri_armati_citta-1858161.html

    TURCHIA, COLPO DI STATO IN ATTO: SPARI AD ANKARA, CARRI ARMATI E ELICOTTERI A ISTANBUL -GUARDA

    • PinoMamet scrive:

      Caspita, adesso capisco… un mio contatto turco sul noto social network scrive una cosa che il traduttore automatico rende con “rivoluzione?”

      non capivo a cosa si riferisse.

      • Mauricius Tarvisii scrive:

        Rivoluzione, come quella di Al Sisi?

        • izzaldin scrive:

          assomiglia molto alla situazione di Sisi al momento.

          • habsburgicus scrive:

            ora due buone notizie (ma non cambio la previsione)
            il Capo della Marina si schiera contro il golpe
            il MHP (Milliyet Halk Partisi, Partito Nazionale del Popolo), estrema destra, simile al MSI non reale ma quello caricaturale di “Vogliamo i colonnelli !” (on. Tritoni) si schiera contro il golpe !
            anche CHP contro golpe !!!!!
            (secondo Marta Ottaviani, non stimatissima 😀 da persona esperta come pochi nota a me e Mirkhond)

    • werner scrive:

      Noiosetto st’ultimo mese…!

  7. MOI scrive:

    Mentana contro l’Islam “Che religione è se dà il Paradiso a chi uccide dei bambini?”

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/mentana-contro-lislam-che-religione-se-d-paradiso-chi-uccide-1284844.html

    • Pietro scrive:

      Sta cosa dei bambini e’ nauseabonda, in Italia i mezzi di informazione hanno ripetuto la presenza dei bambini all’infinito, sembrava che su 80 vittime 100 fossero bambini… Poi l’esperto di turno in TV fornisce informazioni confutate dalla stampa internazionale almeno 10 ore fa…. Che schifo!

      • paniscus scrive:

        per Pietro:

        ma non eri stato tu uno dei primi, su queste stesse pagine, a sostenere che “la maggior parte delle vittime fossero bambini” e accusando i loro stessi genitori di averli abbandonati vigliaccamente per mettersi in salvo per sé?

  8. Roberto scrive:

    Mentre ci balocchiamo con PACA c’è un colpo di stato in Turchia…

    • habsburgicus scrive:

      infatti, continuo a stupirmi che qui quando ci sono cose serie nessuno provi interesse !
      tranne tu..e meriti elogio ! gli eurocrati non son poi così cattivi..sempre cioè 😀

      • Roberto scrive:

        Permettimi, è proprio perché siamo cattivi e result oriented che ci occupiamo di cose importanti
        😉

      • Roberto scrive:

        Comunque battute a parte ho un po’ l’impressione che stiamo guardando l’abisso e non mi piace per nulla

      • habsburgicus scrive:

        non ti avevo visto, Moi, scusa !
        sei stato il primo
        ed è giusto ricordarlo !
        (intrvieni anche però..non guardare solo webcam sexy 😀 😀 :D)

  9. habsburgicus scrive:

    Erdoğan eliminato…(io l’avevo anche sommessamente previsto, forse non qui)
    La Massonera si conferma più forte del Corano
    Ne so poco, se il golpe fallisce, non canzonatemi, anzi dico subito che potrebbe fallire se Erdoğan fosse ancora vivo e potesse parlare al popolo esortando le masse a sollevarsi in nome del Corano senza pietà..i militari non credono in Allah ma il popolo sì, edad est forse anche i militarucoli sino al grado di sergente [ma non sembra sia così]..se lo fosse potrebbe esserci una rivoluzione turca da far impallidire Khomeini 1979 [ma non ci sarà]….come in 1960, 1971, 1980 e 1997, i militari decidono
    Si torna al kemalismo..orgasmo in un noto Stato :D..piacere pure in Usa
    E Putin ? mah
    Rischio di immissione in UE (Erdoğan almeno era impresentabile)
    Ribadisco, tutto può essere cambiato

    • werner scrive:

      Pare che ci stia provando

      “E proprio Erdogan, attraverso un collegamento su Facetime con la Cnn turca, stigmatizza quanto successo: «Un atto incoraggiato da una struttura parallela- dice il presidente, che secondo i media russi sarebbe in viaggio verso l’aeroporto di Istanbul- Scendete in piazza per dare una risposta al tentativo di rivolta», dice Erdogan rivolgendosi ai cittadini.”

  10. Grog scrive:

    I militari acchiapperanno ERDOGAN e gli faranno molto KEMAL, litigare con Assad e Putin non gli ha portato fortuna, se ne uscirà vivo Boris Johnson gli regalerà una capra per i suoi sollazzi sessuali ottomani.
    Grog! Grog! Grog!

    • habsburgicus scrive:

      non è positiva la sua caduta..o almeno può non esserlo
      si vedrà….se entrerà in UE sarà un dramma per noi..a meno di favorire la frexit 😀

  11. mirkhond scrive:

    infatti, continuo a stupirmi che qui quando ci sono cose serie nessuno provi interesse !

    Dacci almeno il tempo di capire cosa stia succedendo, che tra scontro tra treni da noi in Puglia, attentato di Nizza ieri e golpe in Turchia adesso, non ci si riesce a raccapezzarci per il bombardamento in tempo reale di tante, troppe notizie una dietro l’altra…..

  12. habsburgicus scrive:

    Erdogan in Germania (se vero, golpe riuscitissimo e senza sua impiccagione..che magari darebbe problemi, oggi..non li diede nel 1961 :D)

  13. habsburgicus scrive:

    oh, se fallisse ! 2° colpo, oltre alla brexit 😀 (verso chi ha il potere)
    ma non può fallire e non fallirà

  14. Mauricius Tarvisii scrive:

    Intanto le stesse teste di cazzo che oggi erano Nizza adesso fanno battutine sul golpe.

  15. habsburgicus scrive:

    non fallirà..RTE fuggito
    chi decide è la massoneria..il popolo non conta nulla..ma già si sapeva 😀
    unica questione..pro-Putin o contro-Putin ? (paradossalmente c’è del buono in entrambe le posizioni)
    in un solo stato si brinda ! e hanno ragione..RTE paga la sua stupidità
    avesse usato il terrore !
    l’Islam è finito in Turchia..e onestamente mi tange poco..ma per gli armeni non sarà meglio
    anzi il loro genocidio non farà più passi avanti di riconoscimento
    oggi la TR torna “buona”, laica, kemalista, europea
    si potrà torturare con la benedizinoe dei potentes e dei media 😀 come da al-Sisi 😀
    volete mettere ? 😀

    • Grog scrive:

      Ah gli ARMENI ! Bellissima gente che ama ed è amata dai Venexiani !
      Il monte Ararat è da restituire alla Piccola Armenia come alcune province orientali anatoliche sacrificate da Stalin per quella merda turca di Ataturk.
      I Cristiani Armeni hanno dato grandissimi generali a Santa Madre Russia e sono dei valorosi combattenti, la Russia di oggi può apprezzare e ringraziare l’Armenia come non poteva fare la Russia bolscevica CRISTO E’ RISORTO!
      Grog! Grog! Grog!

  16. Mauricius Tarvisii scrive:

    Interessante la Germania che rifiuta l’asilo a RTE, che suona come collateralismo.

    • Pietro scrive:

      La Germania e’ alleata di Mosca da tempo… Mica se lo prende Erdogan!

      • Mauricius Tarvisii scrive:

        Dici quindi che il golpe è filorusso? In effetti Obama si è smarcato, anche se vuol dire poco perché lo fece anche in Egitto.

        • Pietro scrive:

          Non arrivo a dire tanto, dico solo che la Germania e’ filorussa, Erdogan no. Erdogan dovrebbe cercare asilo in Arabia Saudita o Qatar, non in Europa. Non e’ piu’ riuscito a fare l’equilibrista tra islamici e non islamici. Vediamo dove finisce per atterrare.

  17. Mauricius Tarvisii scrive:

    Dall’Unione Europea seguono con attenzione cià che succede e si invita alla moderazione.
    Ora, immaginate un golpe in Italia e da Bruxelles sparano minchiate sulla moderazione e sui pop corn che hanno preparato per seguirlo…

    • Z. scrive:

      Beh, effettivamente sarà il caso di restare tutti e ventisette zitti e buoni finché non si trova una posizione comune.

      • habsburgicus scrive:

        @Z
        se vuoi dirmi qualcosa su TR (i golpe mi piacciono 😀 questo se fallisse, di più :D) sai dove trovarmi e mi faresti molto piacere ! (se poi volessi dirlo qui, bene lo stesso)

        l’unico golpe assoluto nel senso che non ammetto lo 0, 00000 % è quello del 18 de Julio, el Alzamiento Nacional
        A muerte los rojos ! 😀 😀 😀

  18. Mauricius Tarvisii scrive:

    A quanto pare ci sarebbero già stati scontri tra reparti dell’esercito fedeli al governo e altri golpisti.

  19. habsburgicus scrive:

    20 luglio e non 25 luglio !
    intelligenti pauca 😀

  20. Mauricius Tarvisii scrive:

    Diciamo che i conti li hanno fatti molto male…

  21. habsburgicus scrive:

    potete credermi o non credermi,
    ma all’inizio sono stato volutamente pessimista (come mio solito, per scaramanzia)..lo fui già con la brexit, anzi da sempre
    in realtà avevo fiducia negli inglesi
    e oggi avevo un po’ di fiducia nelle masse (dopo appello [che ci fu])
    se il golpe è fallito, come pare [non diamolo per sicuro] si aprono buone prospettive
    una bella purga, wow 😀 😀 😀

    • Roberto scrive:

      Ma alla fine tu sei uno di quelli che crede nel valore delle elezioni democratiche?
      Con la storta della camera dei saggi non mi sembrava molto

      Io ero contento per il brexit e sono contento per il fallimento del golpe, anche se, cela va sans dire, gli argomenti dei brexitisti mi sembrano spazzatura e erdogan non mi sta per nulla simpatico

      • Roberto scrive:

        Storia non storta

        • habsburgicus scrive:

          camera dei dotti, mi sembra, non dei saggi

          l’ideale (fantistichiamo, non è proibito, mi pare :D) 5 Ordini
          1.clero
          2.nobiltà
          3.dotti
          4.città [cioè le borghesie]
          5.popolo

          i 5 Stati come i 5 Yuan in Cina sotto Chiang Kai-shek (che oggi fa figo pinyizzare in Jiang Jieshi) 😀

          i dotti, come dice la parole, dovrebbero essere laureati delle Università dello Stato con il massimo ei voti e poi doctores utriusque (dopo aver prestato in ginocchio giuramento alla religione di Stato 😀 non importa che ci credano, l’importante è che lo prestino :D)
          dovrebbero avere un vestito particolare (blu, magari con fascia bianca :D) e ius connubii con 1 e 2
          nel Consigio di S.M, ci dovrebbe essere sempre un dotto, oltre a un nobile e a un prelato (almeno in partibus9…la presenza degli ultimi due Ordini dipenderebbe dal Sovrano 😀 i dotti sarebbero esenti da ogni carico gravoso e godrebbero ogni privilegio di 1 e 2 (tranne quelli di precedenza) e in più avrebbero il privilegio unico di potere dichiarato decaduto il Re, per tirannia..ciò però solo in lingua latina, all’unanimità e previo assenso del Santo Uffizio 😀
          ecco dunque per tornare a (tua ?) domanda di ieri, in breve delineati uno Stato “ideale” (basato su modelli reali barocchi, ma migliorati)

          P.S
          anche l'(ex-)giacobino Napoleone, nella Rep. italiana (Melzi d’Eril, poi Regno d’Italia dal 26/5/1805, Corona Ferrea, “Dio me l’ha data, guai a chi la tocca !”) creò una categoria dei dotti il dotto, il ricco ed il patrizio volgo come disse un poeta !

          • habsburgicus scrive:

            scusate gli errorini…qui purtroppo non c’è la funzione modifica !

            • habsburgicus scrive:

              ius connubii con 2
              con 1, no 😀
              è vero che in Svezia c’erano 4 Ordini (tutti, tranne appunto i dotti) e che là erano luterani
              ma non intendevo il luteranesimo 😀

          • Mauricius Tarvisii scrive:

            Come distingui il popolo dalla borghesia? Dall’ISEE? E per nobili chi intendi?

            PS: poi possiamo fare un bel falò di voi atei e dei sedevacantisti? Dimmi di sì! Dimmi di sì! 😆

            • habsburgicus scrive:

              nobili secondo modello dei Lords inglesi..solo i titolati (baroni, visconti, conti,marchesi, duchi+principi che in Inghilterra non ci sono se non di sangue reale)
              i nobili inferiori ricacciati nella borghesia, nel clero e-se studiano-fra i dotti [al limite privilegi locali d’onore nei singoli baliaggi, ma non ufficiali a livello di Stato….cioè puoi essere un nobiluomo, ma se non sei almeno barone nella Camera dei nobili non siedi !]
              nel clero, siederebbero tutti i vescovi, tutti gli abati, i provinciali degli Ordini religiosi, gli Inquisitori, un congruo numero di vescovi titolari [senza obbligo di castità..da assegnare a persone spiantate per volere del Sovrano…avrebbero solo il titolo ma non sarebbero consacrati] e una cinquantina di parroci eletti da tutto il clero inferiore
              per borghesia=borghesi stricto sensu, artigiani, piccoli commercianti, mercanti (dubbio se mettere gli operai, vedere dopo)
              per popolo (alla svedese), intendo contadino (e, forse, gli operai delle città se non inclusi prima nelle città)
              i falò previsti, all’uopo, ma no per quelli che citi tu 😀

            • Mauricius Tarvisii scrive:

              I titolati non esistono, quindi dovresti distribuire titoli a pioggia, almeno inizialmente, per creare i nobili.
              I contadini sono una percentuale talmente ridicola della popolazione che forse finirebbero per essere meno dei nobili 😀

              “senza obbligo di castità..da assegnare a persone spiantate per volere del Sovrano…avrebbero solo il titolo ma non sarebbero consacrati”
              Ecco perché non vuoi schiacciare gli eretici, perché sei filoereticale tu stesso! Ma non ti preoccupare, provvederemo subito a istituire una sana teocrazia e rimediare alle tue storture 😀

            • Mauricius Tarvisii scrive:

              “Dai Mauricius, pensavi di fregare Habs proprio su una domanda così?”

              Assolutamente no, ma volevo capire se dovessero essere nobili quelli a cui il Re concede un titolo oppure se dovessero esserlo quelli che si costruiscono un castello e cominciano a riscuotere il tributo dai residenti nel vicinato.

            • habsburgicus scrive:

              avrebbero solo il titolo ma non sarebbero consacrati”

              in Ungheria, alla Camera dei Magnati, c’erano persone del genere ancora prima del 1848, di nomina regia (penso non si menzionasse il Papa cui magari ci si rivolgeva nei rari casi in cui fosse opportuna la consacrazione e l’ingresso effettivo nello stato ecclesiastico)
              avevano titolo magari “di Semendria” (in Serbia) e altri medievali o semi-farlocchi
              da non confondere con i vescovi in partibus, che sono consacrati, di nomina papale e veri vescovi

              contadini non erano così pochi…oggi sì 😀

            • habsburgicus scrive:

              I titolati non esistono, quindi dovresti distribuire titoli a pioggia, almeno inizialmente

              scusa..e allora il Re che ci sta a fare ? è il suo lavoro ! 😀

              P.S, variante
              si potrebbero includere in Camera della nobiltà anche i non-titolati, in numero di 30 diputati, eletti dalle nobiltà di baliaggio, ovvero i titolari sarebbero membri ipso facto, gli altri nobili solo indirettamente attraverso i loro 30 diputati
              andrebbe anche bene così 😀

            • PinoMamet scrive:

              Naturalmente è un progetto inattuabile, non tecnicamente ma cronologicamente: è proprio fuori dal mondo.

              Però il bello di Habs è che parte con sparate che sembrano assurde, poi invece sono abbastanza ragionevoli.
              Nel loro contesto 😉 .

              Per i “nobili” io la vedo alla spagnola: è nobile pressochè chiunque 😉
              (non è un’esagerazione, in Navarra e Paesi Baschi si ritenevano nobili letteralmente tutti, nei posti dove ce n’erano meno, tipo l’Andalusia, credo non fossero mai sotto il 40%, vale a dire nella pratica tutti… ) e il titolo non vale nulla
              (anche questa non è un’esagerazione: i titoli venivano venduti e comprati per somme irrisorie, a valere erano solo quelli maggiori e soprattutto la certezza di esseri cristiani vecchi, che apriva- Habs spiegherà meglio- molte più porte di un qualunque titoletto).

            • habsburgicus scrive:

              verissimo !
              in Navarra, Alava e Guipuzcoa (parrebbe un po’ meno in Vizcaya) la nobiltà era generale !
              ed essere cristiano viejo era, in tutte le Iberie, ben più importante !
              in Portogallo la nobiltà fu però chiusa dalla Restaurazione (1640) a Pombal (dal 1750)

              a me piace più la nobiltà ristretta, modello nordico (Svezia, ove la riddarholm era molto rara)..in Polonia era diffusa all’ovest cioè nelle terre polacche, all’est più rara..ma sempre molto più diffusa di quella in Moscovia..Caterina II trovò più nobilì in Ucraina ex-polacca che in tutta la Russia !
              e Nicola I depennò dalla nobiltà decine di migliaia di nobili “polacchi” ! in genere autentici “morti di fame” !, con solo il rango (il classico nobile che poi complottava contro lo Zar in nome della Polonia)..i magnati erano ricchi, quelli si, ma in PL magnate e szlachcic in teoria erano eguali..in LT sino al 1569 i magnati superavano quella che volendo potremmo chiamare szlachta (anche per questo i piccoli nobili vollero l’Unione oltre che per la minaccia moscovita), poi dopo fu più o meno lo stesso, in teoria, eh !

            • Roberto scrive:

              Comunque grazie al buon habsb per aver seguito lo spirito del gioco, anche se la sua società ideale è per me un incubo 🙂 ma il bello è avere incubi/sogni diversi 🙂

            • habsburgicus scrive:

              😀
              grazie a te per aver posto la domanda !

          • Roberto scrive:

            Si scusa, camera dei dotti

  22. habsburgicus scrive:

    vedo che anche El Sebaie ha fatto il paragone con il 20 luglio 😀
    il “suo” Sisi c’è riuscito..ma diciamolo, dai..non c’era partita..’sto povero Morsi dipinto come un mostro era in verità un timidissimo signore che non comandava nulla e che per 12 mesi si illuse di possedere un semi-potere 😀
    poi TR non è EG, c’è un abisso, oggi (nel 1798, forse no, anche se gli uni restano arabizzati e gli altri turchizzati)

  23. habsburgicus scrive:

    RTE ATTERRA A ISTANBUL

    • Mauricius Tarvisii scrive:

      Hanno anche ripreso le trasmissioni della TV pubblica turca. Il golpe sembra proprio alla frutta.

      Ciò che rimane della serata sono quelli che si facevano i selfie a cento metri dai blindati.

      • habsburgicus scrive:

        restano da capire le dinamiche
        1.golpe degli ambienti USA clintoniani (Obama può non c’entrare, anche su Morsi gli fu imposto) ?
        2.o pura questione interna di massoni kemalisti, con scarso collegamento estero ? ok, ben visto (se riusciva), ma fino ad un certo punto
        un golpe putiniano mi pare fantapolitica 😀 vista la storia TR/RUS

        e nel caso 1, RTE avrà l’intelligenza e magnanimità per capire che deve allontanarsi da certi ambienti e continuare il riavvicinamento con Putin ed addirittura con l’arci-nemico Assad ? (in SYR hanno esultato all’inizio, comprensibilmente)
        nel caso 2, oserà mettere in dubbio Ataturk, da cui parte tutto (finché ci sarà un culto, un golpe kemalista sarà sempre possibile) non lo credo, una de-ataturchizzazione mi pare ormai utopistica (o realizzabile solo con metodi kemalisti :D)

    • Zhong scrive:

      “RTE ATTERRA A ISTANBUL”

      Io avrei pensato che fare prigioniero il presidente dovrebbe essere una delle prime cose da fare in un golpe, specialmente se e’ in vacanza al mare…

  24. habsburgicus scrive:

    adesso di nuovo notizie pro-golpiste

  25. Con la fine della guerra fredda e col mutare delle esigenze è diventato inutile possedere e mantenere centinaia di caccia.
    Senza andare tanto lontano, questo ha causato problemi all’industria pesante di almeno un paio di paesi.
    La Svezia, in cui la Saab è praticamente andata a rotoli perché il Gripen non l’ha voluto quasi nessuno e il mercato interno è diventato un terzo di quello che era, e la Francia perché il Rafale NON ha rimpiazzato i Mirage di cui erano acquirenti molti paesi “non allineati”.
    Tutti e due i paesi dagli anni Quaranta in poi avevano sempre sviluppato in proprio questi costosissimi arnesi. Quando si trattò di sviluppare un caccia europeo, i francesi voltarono sdegnosamente le terga al consorzio Eurofighter e fecero da soli.
    Per non far diventare la Dassault una voragine di debiti peggiore di quello che non fosse già, quella nullità di Sarkozy ha affannosamente cercato acquirenti dappertutto ed è mia personalissima convinzione (zero prove, ma…) che Gheddafi sia stato aggredito per non aver rispettato un accordo commerciale in questo senso, che avrebbe dotato la Libia di almeno un centinaio di caccia e tolto dalle ambasce quel frequentatore di attrici.
    Si noti che ad eccezione dell’India, che ha comunque più che dimezzato l’ordine iniziale, gli altri paesi acquirenti sono stati in prima fila nell’aggressione alla Libia.

  26. Miguel Martinez scrive:

    Senza voler canzonare nessuno, è interessante leggere alle 9 di mattina (anch’io a volte sono pigro) i commenti sul golpe in Turchia.

    Cioè come le premesse che ognuno di noi ha (i pre-giudizi, nel senso di come giudichiamo noi la realtà prima di vederla in atto) ci portino a conclusioni.

    Di solito, i nostri pre-giudizi sono difficili da smentire, perché li applichiamo a posteriori, qui invece li leggo dopo che sono stati smentiti o confermati.

    • Grog scrive:

      Al francese devi far sapere QUANTO FA MAL UN TUNISINO NEL SEDERE.
      Sono proprio dei COQ ovvero dei polli, ma come cazzo fai a far passare un CAMION ENORME in una zona pedonale!
      – ” Agente ho il mezzo carico di gelati! O mi fai passare o si squagliano.”
      – ” Se mi dai un PINGUINO ti faccio passare”
      – ” Ecco un pinguino alla cioccolata solo per te!”
      – ” Dammene uno anche il sergente!”
      – ” Va bene ma non esageriamo”
      – ” Alais! Passa!”
      ——–
      ——–
      SBRANGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGG
      Grog! Grog! Grog!

    • Pietro scrive:

      No dai Miguel, stavolta stavamo analizzando i fatti, non ci eravamo ancora sbilanciati pro o contro golpe! 🙂

      • Miguel Martinez scrive:

        “No dai Miguel, stavolta stavamo analizzando i fatti”

        Non tutti 🙂

        • Z. scrive:

          Sai che invece colpisce il contrario? Cioè, i commenti dei chelebecchiani di stanotte mi sembrano particolarmente cauti e ben poco carichi di pregiudizi.

          Qualcuno di noi ha fatto ipotesi, altri hanno espresso speranze o timori, ma mi pare che grossi giudizi e pregiudizi non ne siano volati.

          Soprattutto molta cautela, mentre sul Brexit eravamo diciamo pure più sciolti.

          Conta che invece, dalle mie parti, al bar abbondavano teorie di ogni genere sui registi: Putin, Stati Uniti, golpe finto e altre ancora. Ancora un po’ e qualcuno dava la colpa a Kyenge e Boldrini…

        • PinoMamet scrive:

          La Boldrini c’entra sempre!

          comunque, se si può fare un po’ di tifo, a me Erdogan sta sulle balle.

          • Z. scrive:

            E la Kyenge no? Vuole il golpe in Turchia così poi un Paese arabo conquista l’Europa e diventiamo tutti musulmani come lei, fidati 😉

        • habsburgicus scrive:

          io contro 😀
          però se hai anche letto (ma puoi non credermi, nessun problema !) ho anche volutamente esagerato nel pessimismo e nel catastrofismo sperando nel ribaltamento
          con la brexit funzionò 😀

          P.S
          ora parte certo
          1.ruolo dei gulenisti (e quindi non solo del kemalismo, come ho detto,,,,poi “kemalismo”, oggi, che vuol dire ?)
          2.il golpe, seppur non una farsa (come dicono in fb :D) pare organizzato male..io non lo sapevo, né potevo saperlo [forse potevano saperlo le nostre TV che all’inizio hanno tenuto un tono da golpe riuscitissimo e Erdogan seppellito politicamente, pure con paralleli storici-giusti-di un Ambasciatore italico che pure lui insistette su laicità e carattere laicista “dura” del nuovo governo !], ma se l’avessi saputo in tempo reale lo avrei ritenuto fallito al 99, 99 %..anche se per la solita scaramanzia lo avrei dato incerto 😀
          sì, perché ci sono golpe e golpe…io ho disistima assoluta su RTE che ha tradito tutte le speranze, ha fatto una politica criminale e folle contro la Siria, è arrogante con i cristiani ecc
          ma un golpe da certa gente, MAI !
          !tifo” (ammesso che la parola possa avere senso per chi turco non è) ? può essere..che male c’è ? 😀
          inoltre così possono esserci sviluppi, forse anche la politica estera giocoforza cambierà (sappiamo ancora poco però su chi avrebbe gioito per la caduta di RTE ed è il punto fondamentale !)..Erdogan però lo scoprirà e non mi risulta che pratichi il perdono 😀 delle due, l’una: 1.appohggio dei clintoniani e della lobby nota, in tal caso Erdogan potrebbe spostarsi verso la Russia e ritornare verso i palestinesi (abbandonati da circa un anno), cambiando tutto; 2.esattamente l’opposto, allora si sposterebbe verso Occidente, ciò causerebbe problemi e contraddizioni, e potrebbe avvenire anche qualcosa di positivo, contro la sua volontà, eh
          il presidente Mao scrisse “molta è la confusione sotto il cielo; la situazione è eccellente” !

          • Miguel Martinez scrive:

            “però se hai anche letto (ma puoi non credermi, nessun problema !) ho anche volutamente esagerato nel pessimismo e nel catastrofismo sperando nel ribaltamento”

            Ma figurati, conosco anche bene il tuo stile; come io mi permetto certi svolazzi poetici, li permetto sicuramente anche a te.

            “sappiamo ancora poco però su chi avrebbe gioito per la caduta di RTE ed è il punto fondamentale !)”

            Concordo in pieno.

            Comunque non sottovalutiamo la Turchia stessa che, nascondendosi dietro infiniti complotti e controcomplotti e finti complotti, riesce a essere un paese importante e forte.

  27. Miguel Martinez scrive:

    Intervista al cugino dell’attentatore di Nizza.

    Con tutto il disclaimaggio che ci vuole per un articolo di The Daily Mail (quotidiano appena più serio di Repubblica da noi)…

    “EXCLUSIVE – ‘He drank alcohol, ate pork and took drugs. He was NOT a Muslim – he was a s***’: Truck terrorist’s cousin reveals he is an ‘unlikely jihadist’ who beat his wife and NEVER went to the mosque

    Truck terrorist who murdered 84 people in a horrific drive along the Nice seafront drank alcohol, ate pork and took drugs – all banned by Islam
    Cousin of his estranged wife said ‘he was not a Muslim, he was a s***’ as he revealed he didn’t pray or go to mosque
    The couple separated after reports of domestic abuse two years ago and their divorce proceedings ‘depressed’ him
    Detectives raided the family home and the flat where Bouhlel lived alone and took his wife into protective custody

    By Nick Fagge In Nice For Mailonline

    Published: 14:23 GMT, 15 July 2016 | Updated: 04:44 GMT, 16 July 2016

    18k
    shares

    479

    View comments

    Truck terrorist Mohamed Lahouaiej Bouhlel was an ‘unlikely jihadist’ who flouted every rule of Islam, his cousin told MailOnline today.

    The 31-year-old – who wreaked terror on the Nice seafront as he turned an evening celebrating Bastille Day into a night of terror in which he murdered 84 innocent people – drank alcohol, ate pork and took drugs.

    He never prayed or attended a mosque, and hit his wife – with whom he had three children aged five, three and 18 months – and was in the process of getting a divorce.

    Scroll down for videos
    Monster: Truck terrorist Mohamed Lahouaiej Bouhlel who murdered 84 on Bastille Day in Nice, was described by a cousin as a ‘s***’ and a ‘nasty piece of work’ who never observed the rules of Islam

    Monster: Truck terrorist Mohamed Lahouaiej Bouhlel who murdered 84 on Bastille Day in Nice, was described by a cousin as a ‘s***’ and a ‘nasty piece of work’ who never observed the rules of Islam
    A s***: Bouhlel’s cousin called the 31-year-old father of three an ‘unlikely jihadist’ who flouted every rule of Islam

    A s***: Bouhlel’s cousin called the 31-year-old father of three an ‘unlikely jihadist’ who flouted every rule of Islam
    Bad apple: He never prayed or attended a mosque, and hit his wife – with whom he had three children – and was in the process of getting a divorce, the cousin told MailOnline

    Bad apple: He never prayed or attended a mosque, and hit his wife – with whom he had three children – and was in the process of getting a divorce, the cousin told MailOnline
    RELATED ARTICLES

    Previous
    1
    Next

    ‘I am delivering ice cream’: What Nice terrorist told police…
    Murdered in the Bastille Day massacre: First pictures emerge…
    The world lights up for Nice: Buildings illuminated in red,…

    Share this article
    Share

    Bouhlel, who had been known to the French police since January, had been on the radar for six months for petty criminality.

    It is understood he lost his job as a delivery driver when he fell asleep at the wheel and crashed into four cars and had also been involved in a bar brawl.

    Walid Hamou, a cousin of Bouhlel’s wife Hajer Khalfallah , told MailOnline: ‘Bouhlel was not religious. He did not go to the mosque, he did not pray, he did not observe Ramadan.’He drank alcohol, ate pork and took drugs. This is all forbidden under Islam.
    He was not a Muslim, he was a s***. He beat his wife, my cousin, he was a nasty piece of work.

    ‘He was not a Muslim, he was a s***.

    ‘He beat his wife, my cousin, he was a nasty piece of work.’

    Yesterday, he was stopped by police just hours before he crushed scores of people underneath the wheels of his 25 tonne truck and fired shots indiscriminately at police and innocent bystanders.

    He told officers that he was delivering ice-cream to the area and was allowed to park on the waterfront for several hours.

    Horrifying footage of the moment the truck turned into a deadly juggernaut were uploaded online within minutes, showing a trail of dead bodies left in its path.

    Bouhlel’s wife was taken into protective custody by police this morning.

    Detectives had raided the 12th floor apartment she had shared with her estranged husband in the early hours of the morning and another rented property nearby.

    More disturbing facts emerged about Bouhlel’s frame of mind in the hours leading to his murderous rampage on the Promenade des Anglais.

    Read more: http://www.dailymail.co.uk/news/article-3691895/He-drank-alcohol-ate-pork-took-drugs-NOT-Muslim-Truck-terrorist-Mohamed-Lahouaiej-Bouhlel-s-cousin-reveals-unlikely-jihadist-beat-wife-NEVER-went-mosque.html#ixzz4EYQHy4cE

    • Roberto scrive:

      Ieri ho sentito un’intervista su france info al presidente della commissione parlamentare sugli attentati di novembre (un sarkoziste del quale mi sfugge il nome) in cui diceva “non possiamo affatto escludere che il tizio non abbia nessun collegamento con l’ISIS e sia solo un pazzo scatenato” (fou furieux)…ovviamente sbertucciato da tutti ma per quel che ne sappiamo finora potrebbe benissimo aver ragione

    • Roberto scrive:

      Non riesco ad immaginare cosa sia s***’as

  28. Miguel Martinez scrive:

    L’uomo diventato famoso nella foto dove si butta giù la statua di Saddam Hussein ci ripensa…

    https://www.zamanfrance.fr/article/jai-renverse-statue-saddam-hussein-maintenant-je-veux-quil-revienne-22496.html

    «J’ai renversé la statue de Saddam Hussein, maintenant je veux qu’il revienne»

    Khaddim Hassan El Jabouri est l’homme que le monde entier a vu en 2003 déboulonner la statue de Saddam Hussein lors de la chute de Bagdad. Pourtant, 13 ans plus tard, l’homme explique à la BBC qu’il regrette profondément son geste.

    Jeudi, Juillet 7, 2016 – 18:06

    Hanen Slimani
    Paris

    «Quand j’ai appris que les Américains avaient atteint les périphéries de Bagdad, j’ai été très heureux» raconte Khaddim Hassan El Jabouri. Si heureux que l’une des premières choses que fera cette Irakien sera de s’en prendre à la statue de Saddam Hussein. Mais treize ans plus tard, l’homme a changé d’avis et récemment déclaré à la BBC regretter son geste.

    Il estime que le pays allait beaucoup mieux à l’époque de Saddam Hussein, même si ce chiite a perdu plus de dix membres de sa famille sous sa dictature.

    Sur cette photo, Jabouri s’en prend au pied de la statue de Saddam Hussein.

    «Aujourd’hui nous avons l’équivalent de 1000 Saddam Hussein en Irak»

    La déclaration de cet homme de 58 ans a été diffusée mercredi, jour de publication du rapport Chilcot sur la décision du Royaume-uni et en particulier de Tony Blair d’entrer en guerre contre l’Irak en 2003.

    À l’époque de la dictature de Saddam Hussein, Jabouri avait fait 1 mois et demi de prison. Auparavant, il était le mécanicien attitré du raïs irakien pour ses deux-roues. Mais il avait soudainement perdu ses faveurs et s’était retrouvé en prison.

    «Après la chute du régime, les choses ont commencé à empirer», explique-t-il à la caméra de BBC.

    L’homme parle de corruption, de pillage, et du conflit interconfessionnel. Pour lui, les crimes commis par Saddam Hussein sont bien minimes comparés à ceux des gouvernements actuels. «Aujourd’hui nous avons l’équivalent de 1000 Saddam Hussein en Irak» ajoute-t-il.

    «Quand je me rends à l’endroit où se trouvait la statue j’ai de la peine et j’ai honte»

    Jabouri vit aujourd’hui dans le quartier de Karada où un attentat a fait plus de 250 morts samedi 2 juillet dans la soirée.

    Pour lui, les responsables de la chute du pays sont Blair et Bush. Ils «doivent être traduits devant la justice, car avec leurs mensonges, ils ont acculé l’Irak à la ruine. Il s’est avéré qu’il n’y avait pas d’armes de destruction massive».

    Il regrette énormément son geste. Il affirme même que s’il le pouvait, il irait en ériger une nouvelle. «Aujourd’hui quand je me rends à l’endroit où se trouvait la statue, j’ai de la peine et j’ai honte.»

  29. PinoMamet scrive:

    Copio e incollo dalla traduzione automatica di FB del contatto turco; a scopo di conoscenza, per la serie “chi ci capisce è bravo”
    (anche se il senso generale mi sembtra chiaro)

    “Un secondo di ataturk e chiamare Tayyip Erdogan, per salvare da Facebook e sperando di attivista per la mia famiglia e i miei amici: tutti voi scienze politiche e teoria del complotto che sei un esperto, ma non sono io che vivo in la moda di Sekuler S ATM Nel bel mezzo della linea. E ‘ stato nella coda di una gioventù invece che lo spirito del viaggio è lungo la strada ho visto kirintisini firlamaya. Chi di noi è un capitolo hakliyiz bilemeyebiriz, ma nel frattempo hakettiginiz paese cracker barzellette e penso che sia un po ‘ di silenzio.”

    comunque, almeno per i potenti mezzi di FB 😉 il turco si conferma una delle lingue più difficili da tradurre, quasi peggio del giapponese!

    • Miguel Martinez scrive:

      “£comunque, almeno per i potenti mezzi di FB 😉 il turco si conferma una delle lingue più difficili da tradurre, quasi peggio del giapponese!”

      Vero. Prova a tradurre dal turco in inglese, forse sarà un filino meglio. Non conosco il traduttore di fb, ma di quello di google mi sorprende come a volte non traduca cose molto semplici, come hakliyiz, “abbiamo ragione”.

    • Peucezio scrive:

      Sì, non si capisce granché.
      Un mio amico turco è convinto che sia stata una finta di Erdogan per rafforzare il suo potere.

      • Pietro scrive:

        Ipotesi circolata anche in Italia… In ogni caso Erdogan sta giocando ancora piu’ col fuoco, tenta di trovare riparo in Europa (sempre che sia vero) e quando torna in Turchia ringrazia Allah e saluta col simbolo dei fratelli musulmani…

        • Miguel Martinez scrive:

          “e saluta col simbolo dei fratelli musulmani…”

          Non è esattamente il simbolo dei FM.

          Il gesto delle quattro dita è un recente e indiretto riferimento al santuario della “santa” sufi Rabi’a (che vuol dire “quarta”) dove le truppe di al-Sisi massacrarono un migliaio di pacifici manifestanti nel 2013.

          Mi sembra che qui si intenda soprattutto la vittoria sui militari golpisti.

          Vediamo… incredibili le scene di linciaggio in pubblico di soldati armati ma non resistenti.

      • Peucezio scrive:

        Tra l’altro l’amico turco ha appena parlato al tg4 da Istanbul e come al fesso me lo sono perso per un pelo 🙁
        Sono stato anche ospite suo per due settimane a Kadıköy qualche anno fa.

        • Peucezio scrive:

          E i geni del tg4, siccome lui insegna italiano ai turchi all’istituto italiano di cultura di Istanbul, hanno detto che lui insegna in italiano e… in arabo (sic).

          • Miguel Martinez scrive:

            “E i geni del tg4, siccome lui insegna italiano ai turchi all’istituto italiano di cultura di Istanbul, hanno detto che lui insegna in italiano e… in arabo (sic).”

            Parole turche fondamentali per ogni giornalista italiano:

            – Alibabbà
            – gi-àdde
            – Moamed
            – cuscus
            – camicàzze
            – isis

            • Carlo scrive:

              Secondo me Miguel hai evidenziato benissimo la vera origine di un sacco di bufale che ammorbano i media italiani: non la malafede o chissà che complotto, semplicemente l’esigenza di “semplificare” a tutti i costi per farsi capire dal pubblico, prendendo così cantonate clamorose, tipo quella di Formenti che su Micromega afferma che Malcolm X (morto nel 1965) sia stato capo delle Pantere Nere (fondate nel 1966)

            • habsburgicus scrive:

              ieri hanno confuso I GM con II GM
              Turchia uscita sconfitta e smembrata dalla II (!) GM !!!!!!!
              questi sono i giornalisti italiani 😀

              Micromega non è dove han fatto “scrivere” la citata VN, che tanto piace a Z ?
              mi rendo conto che qualche “argomento” per ottenere la colonna ce l’ha (né dovrebbe essere parla a metterlo a disposizione :D), anche se forse non propriamente culturale..o forse sì, se ci limitiamo alle prime tre lettere 😀

            • habsburgicus scrive:

              parca….se poi, “a” si legge “o”, perfecta veritas 😀

            • Mauricius Tarvisii scrive:

              anche se forse non propriamente culturale..o forse sì, se ci limitiamo alle prime tre lettere

              😀

            • Z. scrive:

              Habs, non esageriamo… diciamo che capisco di più l’utilità di VN (non del suo ghost writer) che quella di Fusaro 🙂

  30. Dif scrive:

    Io non ho capito una cosa: se fino a ieri Erdogan era amico dell’Isis e nemico di Putin, quindi “cattivo”, perché adesso viene fuori che il golpe era il solito complotto demoplutopippomassonico? Quelli non si fanno solo contro i “buoni”?

    • Peucezio scrive:

      Fino all’altroieri, non fino a ieri.

      • Dif scrive:

        E quand’è che c’è stato il cambio di schieramento?

        • Miguel Martinez scrive:

          “E quand’è che c’è stato il cambio di schieramento?”

          La politica turca si basa su alcune costanti fondamentali.

          1) Tutti devono dire Viva Ataturk e agitare la stessa bandiera e dire che La Patria Non si Divide e che i Turchi devono restare uniti perché sono odiati da curdi, russi, arabi, persiani, curdi, greci, curdi, armeni, americani, tedeschi e curdi pronti a sterminarli

          2) Poi il politico A si spaccia per amico di B per fregare il politico C

          3) Il politico C reagisce usando i servizi segreti per creare carte false che dimostrino che B è pagato dal politico D

          4) Per punire C, D crea carte false per dimostrare che C è in combutta con A per fare un colpo di stato

          5) A questo punto, B salva la patria, facendo arrestare e torturare A, C e D. Tanto quando troveranno i cadaveri, si farà cadere tutta la colpa su E, il quale essendo ricattato, farà finta a sua volta che la vera colpa sia di A, tanto è morto.

          Quando arriva il giornalista europeo con 15 minuti contati per buttare giù il pezzo, dirà che è stata una lotta tra filo-russi e filo-americani, o tra laici e islamisti, o qualunque altra sciocchezza.

          • habsburgicus scrive:

            c’è del vero..
            che possa essere stato qualcosa di puramente interno l’ho adombrato, come seconda possibilità, fin da stanotte sul tardi [anche se scrissi kemalisti e avrei dovuto dire kemal-gulenisti, termine forse assurdo ma qualche termine si deve pur trovare, no ?]

          • Dif scrive:

            Non voglio andarmi a impelagare nei meandri della politica turca, mi riferisco all’atteggiamento tenuto in Italia da alcuni, quelli che prima “Erdogan assassino amico dell’Isis Putin pensaci tu” e ora “Erdogan eletto democraticamente contro golpisti pagati da qualcuno”.

            • Carlo scrive:

              Come diceva Flaiano lo sport nazionale in Italia (ma forse anche in altri posti) è la corsa in aiuto del vincitore

            • Miguel Martinez scrive:

              “mi riferisco all’atteggiamento tenuto in Italia da alcuni”

              Certo, hai ragione.

              Ma è importante capire che i politici furbi – soprattutto in un paese veramente potente come la Turchia – scelgono in base ai propri interessi, non sono necessariamente legati davvero a Putin, agli Stati Uniti o altro.

  31. habsburgicus scrive:

    Ma è importante capire che i politici furbi – soprattutto in un paese veramente potente come la Turchia – scelgono in base ai propri interessi, non sono necessariamente legati davvero a Putin, agli Stati Uniti o altro.

    questo è verissimo
    purtroppo da noi non è più così

  32. MOI scrive:

    Altri che “Tu vuò ffà o’ Israeliano” :

    http://www.lettera43.it/esclusive/schweitzer-contro-il-terrore-l-ue-imiti-in-israele_43675253705.htm

    Schweitzer: «Contro il terrore l’Ue imiti Israele»

    ————————

    L’INTERVISTA DOPO LA STRAGE DI NIZZA

    http://www.corriere.it/politica/16_luglio_16/nizza-isis-letta-guerra-civile-europea-convivere-col-terrore-come-israele-e674795e-4ac7-11e6-8c21-6254c90f07ee.shtml

    Letta: «È una guerra civile europea Convivere col terrore, come Israele»

    • Miguel Martinez scrive:

      Per Moi

      “Letta”

      Infatti, tre cose da fare subito:

      1) Togliere immediatamente la patente a tutti i camionisti che stanno per divorziare

      2) Bandire i venditori di gelati nelle vicinanze di feste

      3) Mettere un grande crocifisso con l’aglio sulla tomba del defunto camionista che stava per divorziare.

      4) E per punizione, non concedergli il divorzio, nemmeno post-mortem.

  33. francydafne scrive:

    Semplice, ma efficace: la Francia esporta morte nell’intero globo terracqueo vendendo armi, “è giusto” che di tanto in tanto ne importi un pochino. Ironia e sarcasmo la fanno da padroni in questi frangenti, su “Facebook” leggevo un tale che affermava che dopo tutto questi islamici (??!?) finora ne hanno ammazzati molto meno di quanti ne hanno ammazzati i fanatici della rivoluzione nel 1789, e quindi mettiamoci pure l’anima in pace, almeno fino a quando i morti de cosiddetti “islamici” non raggiungerà quello degli “infami” rivoluzionari. Oppure il mio amico che attualmente vive nel mio appartamento perché è stato sfrattato all’improvviso, che mi ha detto che stava cercando un filmato della strage in tempo reale perché tutto questo gli ricorda un videogame 3D. Comunque posso capire tutto questo sarcasmo, dopo tutto vedere questi stronzetti con il culo ipernutrito che vengono schiacciati da un camion sortisce senz’altro un effetto esilarante (peccato però che la prima vittima, mi sembra di aver letto, fosse una donna musulmana pia e devota che indossa perfino il velo! ma si sa, non tutte le ciambelle riescono con il buco). Un unico dubbio. Siamo sicuri che tutte quelle persone che sono finite anzi tempo all’Orco fossero al corrente delle malefatte del governo francese? Questo poco importa, non si può sempre ignorare il mondo che ci circonda, sono d’accordo, tuttavia sul fatto che quelle persone schiacciate siano morte c’è poco da dire, sul fatto che questo sia giusto, beh, forse sarebbe il caso di chiederlo anche a loro.

    • Miguel Martinez scrive:

      “Siamo sicuri che tutte quelle persone che sono finite anzi tempo all’Orco fossero al corrente delle malefatte del governo francese?”

      Ovviamente no.

      Questo ce lo dice il buonsenso, e infatti secondo me è una giustificazione assai capziosa (e per nulla diversa da quelle usata dagli Alleati per i bombardamenti a tappeto nella Seconda guerra mondiale, o dai sovietici per gli stupri di massa in Germania orientale).

      Rimane il problema dei conflitti asimmetrici.

      Quasi sempre è il Daesh/Isis a rivendicare gesti compiuti spontaneamente da individui, e questo è già un fatto insolito nella storia.

      Li rivendica in base all’idea di colpire il nemico dove può: mettendo da parte ogni considerazione etica, sicuramente il Daesh troverebbe più utile far saltare per aria un’intera base militare.

      Non potendolo fare, decide di rivendicare comunque “qualcosa”.

      Per dare dei giudizi, bisogna in genere andare alla radice delle cose e cercare il movente fondamentale.

      Infatti, tutto questo deriva, in maniera abbastanza logica, da una scelta precisa: quella di istituire l’unico “anti-Stato” sul pianeta, con leggi in totale contrasto con quelle di ogni altro Stato e l’ambizione quanto meno di sostituire ogni governo e ogni autorità giuridica e religiosa nel mondo islamico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.