Poeti geovisti

Passepartout lo ritrovo con una birra in mano (lui) e un bambino in braccio (io). Forse ha fatto davvero la vendemmia stavolta, ma non faccio in tempo a chiederglielo.“Questa volta è andata bene! Sette ore al giorno, non è che mi paghino tanto, 430 euro al mese, ma devo solo distribuire i volantini per strada, per i mutui. Il direttore è un Testimone di Geova, quando gli ho detto che io ero poeta, mi ha detto, fermati, tanto sono io il direttore e faccio come voglio, ti leggo le mie poesie! E così mi ha letto tutte le sue poesie, una dopo l’altra!”
Questa voce è stata pubblicata in esperienze di Miguel Martinez, Firenze, mundus imaginalis e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Poeti geovisti

  1. dalovi scrive:

    Un altro ragguardevole riassunto del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.