La lapide più umile del mondo

Praga, davanti al portone della via Zborovská numero 60, incastonato nello sconnesso pavimento, c’è questo minuscolo oggetto di metallo:

Dove apprendiamo che a quel numero civico visse un certo Karel Jelínek, nato nel 1895, deportato dagli occupanti nazisti a Terezín/Theresienstadt nel 1942 e assassinato nella lontana Bielorussia, nel campo di Malý Tras’tsyanyéts, dove è morta molta gente, anche nessuno ha la minima idea quanta.

Questa voce è stata pubblicata in esperienze di Miguel Martinez, Storia, imperi e domini e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a La lapide più umile del mondo

  1. PinoMamet scrive:

    Credo che sia una “pietra d’inciampo”:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Pietre_d%27inciampo

    ciao!

  2. Moi scrive:

    Anche in Ceco è usato il termine in Tedesco “Stoplersteien, accanto a “Kameny Zmizelých”, ovviamente

    http://cs.wikipedia.org/wiki/Stolpersteine

  3. daouda scrive:

    Da che mondo è mondo le lapidi non si possono calpestare.

  4. Miguel Martinez scrive:

    Per PinoMamet

    “Credo che sia una “pietra d’inciampo”:”

    Ah, ecco… un’iniziativa comunque interessante.

  5. mirkhond scrive:

    Quante furono, approssimativamente le vittime della dominazione nazista in Boemia nel 1939-1945?
    Furono colpiti in percentuale, più gli Ebrei o i Cechi?
    E i Tedeschi dei Sudeti? Erano compattamente filonazisti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.