Vedere siti censurati

Ogni tanto, qualche sito estero viene oscurato in Italia, per motivi vari.

Voi magari siete curiosi di continuare a vederlo.

Stamattina ho scoperto un piccolo trucco per farlo, che certamente sarà stranoto alla metà dei miei lettori, che diranno, “e che, non lo sapevi?

Però potrebbe essere interessante per l’altra metà, e quindi ve lo spiego.

Prima di tutto, si va su Google: io uso google.com, con le impostazioni in lingua inglese, comunque non sarà molto diverso per chi usa la versione italiana.

Nella riga in alto, scelgo More e poi Translate.

Si apre una pagina con:

1) due caselle in alto, che indicano la lingua da cui tradurre  e quella verso cui tradurre. Il sito che ho cercato io era in lingua italiana, per cui ho messo da italiano verso inglese.

2) un riquadro in cui scrivere o la frase da tradurre, oppure un URL.

Ci scrivo l’indirizzo del sito censurato, tipo http://sitoproibito.wordpress.com

Poi facci clic su translate.

A questo punto, si vede il sito in questione, tradotto in inglese.

In alto a destra, però c’è scritto View: seguito da due caselle: translation e original.

Basta selezionare original, e si vede il sito originale e aggiornato!

Sembra che funzioni tutto, anche i commenti e i link.

Non so se funziona anche per i video, che a volte non si possono vedere in Italia per motivi di diritti d’autore, se ve ne capita uno, provate e fatemi sapere.

Non credo che sarà reato andare su Google, comunque i giuristi in lista potranno aiutarci a capire di più.

Questa voce è stata pubblicata in Censura e controllo globale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a Vedere siti censurati

  1. Tommy scrive:

    In pratica Translate funziona da proxy quindi è come usare un indirizzo IP diverso (americano, credo).

    Io però sapevo che avevano cambiato Translate in modo che non venisse più usato in questo modo… confermi che si può ancora fare?

  2. Miguel Martinez scrive:

    Per Tommy

    “confermi che si può ancora fare?”

    Confermo

  3. Zhong scrive:

    C’e’ anche: anonymouse.org

    Zhong

  4. nic scrive:

    sporcaccione! 🙂

  5. Fran scrive:

    anche usare una rete tor, ancora non è reato, forse in Cina Siria ed Iran, ma qua no

    ciao

  6. Pietro scrive:

    Con Tor si fa tutto, anche se rallenta un po’…

  7. Qûr Tharkasdóttir scrive:

    Per quelli che utilizzano Firefox, ci sono le «Extensions» dalla MAFIAAFire (non vi spaventare!) come MAFIAAFire Redirector e MAFIAAFire: ThePirateBay Dancing

    http://www.mafiaafire.com/

    All’epoca le avevo scaricate dal sito uficiale di Mozilla

  8. Moi scrive:

    Scusa Miguel, ma …

    Fra le tag c’è anche “islam” … hanno provato a silenziare qualche Muso Ulmano Kattivo 🙂 in particolare oppure ce l’hai messa così, a prescindere ?

  9. Miguel Martinez scrive:

    per Qûr Tharkasdóttir

    è un piacere risentirti!

  10. Miguel Martinez scrive:

    Per Moi

    “Fra le tag c’è anche “islam” “

    Secondo te, il Martinez quando vuole vedere siti proibiti, che cosa va a vedere?

  11. Miguel Martinez scrive:

    P.S. Preciso che NON vado a cercare i mitici siti dove si dice che ci sarebbero ricette chimiche e altre amenità, e che se non sono direttamente gestite dalla CIA, comunque sono sotto un controllo rigoroso.

    A me, la chimica non ha mai interessato, nemmeno lontanamente.

    Piuttosto, diciamo che ci sono dei siti che vengono arbitrariamente resi invisibili esclusivamente per motivi ideologici.

  12. Harmachis scrive:

    Digitando “ssl proxy” si trova una quantità pazzesca di siti adatti

  13. Pietro scrive:

    @Martinez: la precisazione era per me!!! 😀 Secondo me invece sono talmente smaccati che nemmeno li controllano. Tornando al tema puo’ essere utile anche anonymus remailer…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.