Gli attentati di cui non si sente mai parlare

Ieri  Berlino ha festeggiato il suo sesto attentato antislamico dell’anno, questa volta una molotov contro il centro islamico della comunità iraniana a Tempelhof.

Questa voce è stata pubblicata in islam e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Gli attentati di cui non si sente mai parlare

  1. Riccardo Giuliani scrive:

    Dovrebbero farne 95, tanto per ribadire le loro radici cristiane (perché il bello è che ognuno ha le proprie).

  2. Bo Duke scrive:

    Per un globalista come lei Martinez dovrebbe essere musica per le sue orecchie se le religioni si combattono tra di loro.

  3. Miguel Martinez scrive:

    Per Bo Duke

    Non sapevo di essere un globalista, grazie dell’informazione. Poi magari mi spieghi cosa vuol dire.

    Vedo che hai delle informazioni che mi mancavano sull’attentato di Berlino: non sapevo che ci fosse una pista religiosa. Quale?

  4. Moi scrive:

    Miguel, potrebbe andar molto peggio :

    Geert Wilders, se ben ricordi il video del suo monito in USA in cui parla direttamente in Inglese (per cui niente interpreti in malafede a cui passare la proverbiale patata bollente) , ha detto espressamente che ” l’ immigrazione islamica è un’ antica strategia di guerra congegnata e collaudata da Muhammad in persona con il nome di Hijra ” [sic].

    Perciò non meravigliamoci troppo se un giorno, con Geert Wilders premier, mettere bombe nelle moschee olandesi divenisse “Atto di Resistenza Norreno-Giudeo-Cristiana all’ Islamizzazione” … sarebbe tuttavia interessante poter vedere e capire quanta dell’ Islamofobia Nordica sia realmente “genuina” e quanta invece non sia l’ onda lunga di una “Mediterraneofobia” ben più consolidata e capillare.

  5. Moi scrive:

    Un ottimo esempio, direi, di ” Mediterraneofobia ” :

    http://www.youtube.com/watch?v=mztZ7cpM19c

    … notare che tanti “Pagliacci di Pasta” [sic] comprensibilmente indignati e offesi da questo spot, tuttavia, sarebbero pronti a spellarsi le mani dagli applausi se Geert Wilders tenesse un comizio in Italia parlando direttamente in Italiano … degli “Islamici” naturalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.