Trecento occhi per un occhio

Da Obadiah Shoher, Samson Blinded: A Machiavellian Perspective on the Middle East Conflict:

"La Torà insegna, "occhio per occhio", quindi come può Israele reagire in maniera sproporzionata? L’idea dietro il comandamento è, la metà degli occhi di chi offende contro la metà degli occhi della vittima, l’uguaglianza relativa dei danni. Posto che i musulmani stanno agli ebrei israeliani in un rapporto di 300:1, uccidere trecento musulmani per ogni ebreo morto negli attacchi terroristici rientra nel concetto biblico di reciprocità. "Occhio per occhio" non è una dottrina di compensazione, ma la prescrizione di infiiggere un danno equo ai colpevoli, per scoraggiare la ripetizione."

Questa voce è stata pubblicata in Israele Palestina Canaan, riflessioni sul dominio e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Trecento occhi per un occhio

  1. utente anonimo scrive:

    ti piace proprio questo matto furioso, eh?

    Francesco

  2. utente anonimo scrive:

    Oltretutto è falso… la minaccia di una vendetta eccessiva si riscontra piuttosto nel segno fatto a Caino…

    EM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.