Tag Archives: musica

Non esistono cause giuste, non esistono cause sbagliate, solo il mare…

Non esistono cause giuste. Non esistono cause sbagliate. Occorre che muoiano tutte le certezze ingannevoli, per arrivare a queste poche certezze. Ma le certezze ingannevoli ce le portiamo addosso come vecchie ragnatele tra i ruderi, che si appiccicano a volto … Continue reading

Posted in destre, esperienze di Miguel Martinez, Italia, mundus imaginalis, riflessioni sul dominio | Tagged , , , | 222 Comments

Il grano

Avevamo già tradotto qui due testi di Forseti, un gruppo – credo ormai sciolto – di Jena, nella parte più interessante della Germania: Heilige Welt e Schlachthof Europa. Con certi testi, i commenti sono superflui. Se non per dire che … Continue reading

Posted in mundus imaginalis | Tagged , , , | 1,869 Comments

Conversando con la ragione

Un’altra canzone mi ha indotto a passare la solita mezz’oretta (rubata in parti uguali all’Oltrarno e alla traduzione della relazione di un tribunale su un fallimento) per mettermi lì a fare una pessima traduzione dal turco. Si tratta di Akılla … Continue reading

Posted in mundus imaginalis, Turchia | Tagged , , , , | 31 Comments

Somigliavamo a disegni dipinti sul volto del cielo

İlkay Akkaya è la solista del Grup Kızılırmak, uno dei tanti pregevoli gruppi musicali sorti nel mondo rivoluzionario turco. Traduco i testi turchi come i ragazzi del primo anno di liceo alle prese con un testo in latino, dizionario a … Continue reading

Posted in mundus imaginalis, Turchia | Tagged , , , , | 107 Comments

Arbusti e rovi, cardi e spine

In un villaggio inglese, oltre quarant’anni fa, una ragazza meravigliosa se ne stava seduta su di un muro, con la morte che l’avrebbe colta da lì a poco in silenzio alle spalle, davanti a un’antica chiesa, a guardare le lastre … Continue reading

Posted in mundus imaginalis | Tagged , , , , , | 53 Comments

Immaginari del Sessantotto

Un perenne motivo di divergenza tra chi scrive e diversi commentatori di questo blog è il Sessantotto. In breve, quei commentatori vedono nel Sessantotto il momento di rottura della vecchia società dei rigori borghesi, e fin qui possiamo essere d’accordo; … Continue reading

Posted in mundus imaginalis, Storia, imperi e domini | Tagged , , , | 677 Comments

The Father’s Song

Ewan MacColl l’avevamo già incontrato. Qui un altro straordinario scozzese, Dick Gaughan, canta una sua canzone, The Father’s Song (la mia traduzione qui, sotto il video il testo originale in inglese). La canzone del padre E’ passato un altro giorno, … Continue reading

Posted in mundus imaginalis | Tagged , , , , , | 47 Comments

Ma quanto sete brutti

Ve ne avevo già parlato, ma lo trovo straordinario, da molti punti di vista. Ecco, la romanità.

Posted in Italia, mundus imaginalis | Tagged , , , | 1,081 Comments