Uomo, Natura ed Ape Legnaiola

Oggi leggo che è morto un amico straordinario un po’ matto, ma proprio per questo geniale, con cui sono stato in disaccordo su mille cose, ma d’accordo su diecimila.

Non potrò mai, mai più parlarci, condividere riflessioni, cercare di arrivare insieme a qualcosa. Che ci riflettano tutti coloro con cui scambio messaggi.

Qui si parla spesso di sciocchezze senza alcuna importanza (tipo fascismo e democrazia, migrazioni e identità), e in qualche raro momento di cose che contano davvero.

Di queste, la più importante in assoluto credo sia “uomo” e “natura“.

A me sembra che distaccare Uomo (con il maiuscolone aggressivamente proteso verso la conquista del cielo) da natura (minuscolina piccola e servile), sia più o meno come cercare di separare polmone e aria.

Su questo tema, ascolto spesso il nostro commentatore Peucezio.

Che spesso dice cose che non condivido, sulle auto e sulle Grandi Opere Inutili e Imposti, e sull’accelerazione dei tempi.

Però, Peucezio mi ha costretto a riflettere ogni giorno sul rapporto uomo-natura.

Oggi, in questa bellissima primavera che esplode per la prima volta libera,

dove i droni ti guardano dalla finestra,

dove gli elicotteri ti sorvegliano dal cielo,

dove respirare liberamente l’aria può essere reato,

qualcuno è stato in questo luogo segreto:

In quel momento, qualcuno ha riflettuto su tutte le discussioni che sono state fatte in merito;

e qualcuno ha pensato anche agli amici che si battono contro i tentativi del WWF di imporre in Africa delle riserve naturali che ne scacciano gli esseri umani.

E qualcuno ha visto le opere segrete di un artista morto proprio novantanove anni fa (dicono che lui, come i suoi discendenti, si siano portati dietro la maledizione di essere molto belli):

Proprio in quel momento qualcuno ha visto un’ape legnaiola. E sentito, perché di rumore ne fa molto.

Ne abbiamo ospitata una qualche anno fa sulla nostra terrazza: l’ape legnaiola, che non fa male a nessuno e che impollina e porta vita, scava con una forza pazzesca dei buchi nel legno morto, per farci i nidi.

E allora, mentre qualcuno cammina sui luoghi dove ha camminato Leonardo da Vinci quando fece una delle sue opere più belle, viene da pensare che la soluzione sia semplice come questo sentiero.

Dove l’ape legnaiola umana si è fatta una strada delicatissima, reversibile, indistinguibile da ciò che la circonda.

Esercizio: distinguere le foglie di quercia dai sassi dall’opera umana.

This entry was posted in ambiente, Il clan dei fiorentini, mundus imaginalis and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

21 Responses to Uomo, Natura ed Ape Legnaiola

  1. guido doria says:

    Amor et natura vincit omnia

  2. daouda says:

    daouda says:
    26/04/2020 at 2:35 pm

    E’ morto il gatekeeper Giulietto Chiesa, una spia .

    Riposi in pace, amen

    —————-

    “contento” di leggere che almeno uomo E natura sia scritto, invece di inglobare l’umano nella natura ( o come gli esoteristi, e dovreste rifletterci, la natura nell’umano ) , con la congiunzione quindi apprezzo.

    saluti

    p.s. siamo rimasti al discorso sull’artifizio che probabilmente non ha risposta , forse, ma non ci siamo spostati di un millimetro

  3. Moi says:

    … nel post precedente ho segnalato DiegoFusaro e Alessandro Meluzzi che lo commemorano, con dovute stoccate agli ex Marxisti riciclati Libberals !

  4. Moi says:

    Repubblica rilancia :

    Gran Bazza ! Dobbiamo fare tesoro di questa esperienza e regredirete (!) alla preistoria [sic] !

    —————————-

    “Siamo tornati alla preistoria, dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere”

    di LUIGI PASTORE

    Roberto Cingolani, fisico, membro della task force del governo Conte guidata da Vittorio Colao:

    “Riparametrarsi è in fondo una opportunità, se non ci fosse stato questo scossone avremmo continuato questa corsa un po’ insensata dentro un certo modello economico, invece siamo chiamati a cambiare. E se sprecheremo questa opportunità, sarà un grande errore storico”

    https://www.repubblica.it/dossier/cronaca/italia-riparte/2020/04/27/news/_siamo_tornati_alla_preistoria_dobbiamo_cambiare_il_nostro_modo_di_vivere_-254905782/?ref=drac-3

    ——————-

    Quousque tandem abutere, o Gubenrum 😉 , patientia nostra?? 😉

    • Moi says:

      Domanda : Che significa “Diluire le Persone nel Tempo ?” … poter andare a far la spesa Mercoledì mattina alle3,00 , tipo ?

      O forse che si comprerà solo (!) online anche il caffettino , e abolizione totale (!) del contante ?

      Quest’ultima l’ho sentita davvero … basterà essere hacker / cracker e pigiare tante volte il tasto zero per arricchirsi a dismisura 😉 ?!

  5. Moi says:

    https://notizie.tiscali.it/politica/articoli/nasce-partito-tutti-contro-conte/

    Nasce il PTCC (Partito tutti contro Conte): dall’opposizione alla Cei, la ‘fase due’ parte tra polemiche e confusione

    Se il premier, Giuseppe Conte, dovesse ‘misurare’ il tasso delle risposte negative ricevute ieri sera, appena prima o subito dopo la sua conferenza stampa davanti agli italiani, tenuta a ora di cena (un’abitudine, ormai, per Conte, fare come cantava Renzo Arbore, “Vengo dopo il tiggì” (*)…) per illustrare il dpcm che darà vita, a partire dal 4 maggio, alla ‘fase due’, dovrebbe prepararsi, come si dice in politichese, a ‘trarne le conseguenze’, e cioè a salire al Colle e rassegnare le sue dimissioni, ovviamente ‘irrevocabili’.

    [cit.]

    (*)

    la Profezia di Renzo Arbore sul Governo Giuseppi 😉 Conte 😉

    https://www.youtube.com/watch?v=Jc53AyBU3sc

  6. Moi says:

    Secondo me le Tàsch Fòrs intendono “allagare la forbice” di questo tipo :

    https://www.youtube.com/watch?v=pbSIGM6RmYo

    😉 😀 … 🙁 ;(

  7. daouda says:

    Ah lo avevo scritto che Chiesa era un spia ed un gatekeeper? Bene.

    —-

    La CEI è ridicola oltre che paracula, se pò scrive? E gli altri che ce se sò accodati na masnada de leccaculo.

    —–

    La retorica non và, la distinzione umana si può fare e bisogna ricordare che appena fatta quella scalinata ha disarticolato la zona, che l’opera in essere ha prodotto l’eradicazione di alberi e via discorrendo.
    NOn si può dire che era meno e basta, perché nessuno può sapere se per allora era già troppo, coll’occhio del poi è fatuo prima che facile, troppo.

    Urge discorrere, lo ripeto , sulla reale questione dell’artificiale, perché sennò MM ci spaccia il primitivismo di bob black e jonh zerzan la cui realizzazione prevederebbe un’ecatombe.

    Quindi è corretto dire che l’umano fa parte della natura o semmai è la natura che fa parte dell’umano. In cosa si distinguono?

  8. Moi says:

    Uomo, Natura ed Ape Legnaiola

    [cit.]
    ———————————–

    SJW MODE ON

    Nel 202o , ancora … “Uomo” per “Umanitàààààààà” ?!?!?!

  9. Moi says:

    I proverbi e i modi di dire sessisti nella lingua italiana

    Gli stereotipi sessisti sono evidenti non solo nei gesti quotidiani, ma emergono chiaramente anche nel lingua italiana: ecco alcuni esempi

    https://libreriamo.it/lingua-italiana/proverbi-e-modi-dire-sessisti/

    ————————-

    … Da NON dire mai più !

    • Moi says:

      è importante coniare neologismi al femminile, tipo

      Muratrice, Minatrice … o meglio Muratora e Minatora ?

      … Ah,no, scusate : errore di stampa : Direttrice , Manageress … o meglio Direttora e Womanager (… c’è chi lo usa sul serio !) ?

  10. Moi says:

    Decalogo

    per una comunicazione a ZERO STEREOTIPI

    https://www.zerostereotipi.it/comunicazione-a-zero-stereotipi/decalogo-per-una-comunicazione-a-zero-stereotipi/

    (… in verità è tutto al Femminile CisBinario … sospetto TERFismo, nel dubbio, tenere affilata la lama della ghigliottina in ogni caso ! )

  11. Moi says:

    Tàsch Fòrs … troppi / tutti (?) MasKiiiiiiiiiiii !!!!!!!!!!!!!

    —————————————————-

    Coronavirus, Pinotti: «Task force senza donne? Serve equilibrio»
    La proposta dell’ex ministra dem: «Nelle nomine che vengono fatte dalla presidenza del consiglio e dai ministeri ci sia una presenza delle donne di almeno il 40 per cento»

    https://www.corriere.it/politica/20_aprile_26/pinotti-task-force-senza-donneservono-anche-qui-quote-rosa-68805248-878b-11ea-8a3a-5c7a635a608c.shtml

    Le donne assenti dai tavoli e dalla task force: le quote rosa forse servono

    https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/04/23/le-donne-assenti-dai-tavoli-e-dalla-task-force-le-quote-rosa-forse-servono/5779371/

    ————————————————-

    … Questo (!) è il Problema !

  12. Mirkhond says:

    Questo è il problema?

    • Moi says:

      … Ovvio ! 😉

      • Moi says:

        Purtroppo ho trovato solo un articolo che può esser letto solo se ti abboni , ma … Ilaria Capua _ NON Luciana Littizzetto _ sostiene che le Donne dovrebbero per prime (!) tornare al lavoro … visto che tengono botta meglio al Virus ! … Sarebbe giuso, ma poco “Cavalleresco”, che poi è Sessismo anche la “Cavaliererìa” 😉 !

  13. Moi says:

    […]

    Datecivoce, una petizione chiede più partecipazione per le donne alla fase 2
    In una fase decisiva per il futuro del Paese, si riafferma il tema di un maggior equilibrio, ai tavoli decisionali. Associazioni, personalità e organizzazioni spingono la richiesta per un cambio di passo

    https://www.wired.it/attualita/media/2020/04/24/dateci-voce-partecipazione-donne-fase-2/

    DIRITTI

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/04/22/coronavirus-donne-assenti-nelle-task-force-bonino-litalia-rifiuta-la-meritocrazia-chi-ha-il-potere-sceglie-col-pilota-automatico-gli-uomini-che-conosce-e-che-gli-girano-intorno/5778616/

    Coronavirus, donne assenti nelle task force. Bonino: “L’Italia rifiuta la meritocrazia. Chi ha il potere sceglie col pilota automatico gli uomini che conosce e che gli girano intorno”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *