Socialismo scientifico

Vicino al Ponte Vespucci, un signore di mezza età annuncia

“Volantino socialista!”

e mi porge un foglio. Inizio a leggerlo, cercando innanzitutto la firma (saranno trotzkisti dissidenti che se la prendono con i marxisti-leninisti?), per cui perdo qualche minuto, prima di rendermi conto che il testo è veramente interessante.

Cerco il distributore per aprire un dibattito, ma è già sparito.

Intanto, il dibattito lo possiamo fare noi, eccovi il Volantino Socialista.

Print Friendly, PDF & Email
This entry was posted in Cialtroni e gente strana, Il clan dei fiorentini, monispo, mundus imaginalis, Sinistre e comunisti and tagged , , , . Bookmark the permalink.

31 Responses to Socialismo scientifico

  1. mirkhond says:

    Mi sembra un manifesto alquanto confuso.

  2. Antonino says:

    Miguel, ti ricordi in uno dei nostri primi contatti via mail, ormai molti anni fa? Verso il 2000 mi pare. Ti sottoposi una serie di mail spam che mi arrivavano, per via del mio interesse verso certi ambienti e attivisti dell’estrema sinistra. Chi riusciva a compilare quelle pappardelle sullo stile di questo volantino, ma ancora più pregne, in un’epoca nella quale i bot e i troll non c’erano neanche nella fantasia dei programmatori più scaltri e ammanicati coi Servizi?
    Tu mi desti una risposta, nome e cognome mi pare, della quale ovviamente oggi non trovo traccia.
    Il tipo è ancora vivo e attivo? O con lui / dopo di lui s’è formata una scheggia impazzita di anarcoinsurrezionalismo in cloud, che riesce a volantinare a colpo sicuro scavalcando le maglie della Rete internet e scovandoti per strada?
    Forse https://www.youtube.com/watch?v=8eE7CyEZWzk ne sa qualcosa?

  3. Francesco says:

    posso esprimermi contro la chiusura dei manicomi ma a favore dello spostamento del Vaticano a Napoli? la trovo un’idea interessante

    ciao

    • Peucezio says:

      Invece avrebbe più senso portare a Napoli lo stato italiano, con tutti i ministeri.

      Roma è intrinsecamente legata alla Chiesa universale.
      Mentre nessuna città è forse rappresentativa dell’Italianità come Napoli, pizza, spaghetti e mandolino! 😀

      • Francesco says:

        concordo

        nel senso che l’Italia sia ferma al vecchio confine tra Lazio e Campania, giusto?

        oltre Roma è già un’altra nazione (nome a caso, va bene tutto, pur di essere altro)

        😉

        • Per Francesco

          “nel senso che l’Italia sia ferma al vecchio confine tra Lazio e Campania, giusto?”

          Non necessariamente, l’importante è non includerci noi toscani.

          • Francesco says:

            facite come vulite

            anzi, forse DUE cuscinetti tra noi e l’Italia sono meglio di uno solo

            😀

            • Per Francesco

              “anzi, forse DUE cuscinetti tra noi e l’Italia sono meglio di uno solo”

              E no, l’Emilia la lasciamo in Italia, NON LA VOGLIAMO nel Granducato. Quindi resterete appiccicati lo stesso all’Italia.

              Poi siccome è sempre bene avere vicini incasinati e fragili, mi auguro che la capitale dell’Italia resti a Roma.

              • Francesco says:

                hai ragione ma l’Emilia Romagna val bene questo sforzo!

                e potremmo offrire alle Marche una sistemazione tipo Portorico, tutto sommato

                🙂

              • PinoMamet says:

                Dall’Emilia Romagna facciamo sapere che ci va bene tutto tranne stare da soli con Lombardia e Veneto.

              • mirkhond says:

                Hai paura di finire corregionale di Sizzi e di Francesco, giusto? 😉

              • PinoMamet says:

                Esattamente 😉

              • Francesco says:

                la mia Padania (o Baviera Meridionale se preferite) comprende Piemonte e Liguria (mentre mi piacerebbe smollare la Vallè ai franchi o agli elvezi), la Lombardia, il Triveneto tutto – senza i germanofoni, che si facciano il loro Gran Tirolo e se ne vadano, Emilia e Romagna e Marche

                che la piadina non la voglio perdere!

                i toscani sono gentaccia, meglio se stan da soli a leticare tra loro

  4. mirkhond says:

    Concordo con Peucezio e aggiungo che, forse, riportare a Napoli la capitale potrebbe segnare il risanamento sociale ed economico della città più bella del mondo. 🙂

    • Francesco says:

      Come Volevasi Dimostrare, non c’è speranza per chi ha questa forma mentis.

      Salvini boia

      😀

    • Peucezio says:

      Mirkhond,
      “Concordo con Peucezio”

      Ma io scherzavo 🙂

      Più seriamente, mi va benissimo la capitale a Roma, anche se effettivamente – e in questo senso non era uno scherzo al 100% – Roma per l’Italia è troppo poco: per la città eterna, Caput Mundi, la sede della cristianità e, prima ancora, dell’Impero essere capitale di uno stato nazionale è avvilente.

      • mirkhond says:

        Come ricordò anche Mommsen a Quintino Sella, alla vigilia della Breccia di Porta Pia nel 1870.

  5. roberto says:

    Miguel
    “veramente interessante”

    trovo invece interessate il fatto che tu trovi interessante questa cosa. che c’è di interessante?

  6. daouda says:

    E’ interessante perché sembra una rinfusa di luoghi comuni che, nella dabbenaggine di chi l’ha scritto, corrispondono alla strategia vigente.

    Il sistema è liberista? NO perché è proprio il socialismo che sta trionfando.
    E’ dato per morto ma sta dominando ergo irriconosciuto è l’alfiere del dubbio invocato invece come realtà indubitabile e dogmatica liberatrice.

    E’ però giustamente spacciato per lento lavoro, che qui si prevede da basso , ed invece sta calando dall’alto.IL PROBLEMA E’ CHE LA SENSIBLITA’ DAL BASSO E’ COLTIVATA PER L’AGGANGIO DELLA CAPSULA CHE DALL’ALTO CALERA’ ( questo è la cosa più interessante nella sua puerilità ).

    Ci si dichiara di sinistra per montare l’attacco a quel che si ritiene di destra quando il marxismo mai è stato di sinistra, ergo si gioca al favore in pratica il perché i sinistroidi perdono sempre ed hanno tradito ( per finta ) il marxismo ( cosa che appartiene anche ai destri visto che giocano insieme ).

    L’attacco da vertere è spostato culturalmente contro invece la retorica della lotta classista.

    Se Roma è salvezza , il nazismo è dunque fratello ( come fu davvero ), la sintesi è pronta.
    Come un fungo invade, così sta cosa farà svelando l’ideologia cosmista.

    Poi la torretta vabbé.Volantino in tempi di internet con corbellerie e raffazzonamenti per far ridere, e questo è l’importante serio e tragico come dicono i Vangeli.

    IL PD è esaltato affossato giustamente , strategicamente poi basta che il sugo è che alla fine sò liberali.
    E che alla fine nel darsi per stupidi dicono la verità, Francesco e Ratzinger sò uguali, Napoletano esaltato perché BOIA come loro, pure se ritardati.

    ——

    Io ho fatto n’esempio. Er codice. Devi trovà er codice. Comunque era na cagata alquanto banale in realtà

  7. PinoMamet says:

    I piccioni (o colombe?) dell’arca di Noè dovrebbe essere 14 (se non sbaglio)…

    William Shakespeare dovrebbe essere “il Bardo” (ma che c’entra?)…

    “some (con una emme) algebriche che cellulano (generano?) i composti logici” credo sia il passo che dà la chiave di lettura… forse!!

    • PinoMamet says:

      “lo stato vivente del papa Ratzningher e del presidente Napolitano” dovrebbe essere “ritirato”.

      Ma è davvero un enigma abbastanza complicato (ammesso che sia un enigma).

      • daouda says:

        non è un enigma è una cagata. MA quel passo ti fa capire che non sono comunisti né cristiani oltre che l’anticristo siederà all’interno della Chiesa e loro lo sanno ( i malati oltre i figli di puttana ) collaborazionisticamente allo stato invece di ritrarvicisi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *