Chi paga Greta per islamizzare l’Italia?

Vi chiedevate perché gli islamo-eco-vegani vogliono portarci gli immigrati dal Cairo, e pure farci sentire in colpa solo se voliamo il fine settimana con Ryan Air alle discoteche di Sharm?

Chi paga Greta per islamizzare l’Italia, ma soprattutto perché?

Girando per Pisa abbiamo scoperto chi c’era dietro.

Stanno distruggendo la Civiltà Occidentale solo per vendere un po’ di smalto!

Print Friendly, PDF & Email
This entry was posted in ambiente, islam, migrazioni, monispo and tagged , , . Bookmark the permalink.

250 Responses to Chi paga Greta per islamizzare l’Italia?

  1. Francesco says:

    mi tocca smettere di usare lo smalto? che orrore!

  2. Miguel, per l’appunto è venerdì, e dall’aeroporto di Pisa partono un sacco di voli della RyanAir.
    Domanda: cosa ci facevi te, a Pisa?

  3. Roberto says:

    Scusate la domanda stupida ma che differenza c’è tra uno smalto halal e uno normale?

    • PinoMamet says:

      Non so, ma penso che sia come per il kasher: non riguarda solo l’alimentazione, e soprattutto c’è un certo business sulla certificazione (e probabilmente, se è come l’Ebraismo, varie forme di halal più o meno rigoroso e varie e discordanti nozioni in materia).

      • Roberto says:

        Ah

        Ma se non riguarda solo l’alimentazione, cosa altro riguarda?

        • MOI says:

          In teoria, come il Kosher, daquel che ho capito si tratta piùche altro di “prescrizioni di conformità”, di tipo etico o identitario, di cui si ignora il motivo originario non di rado ! … L’ alimentare è il campo di applicazione più “gettonato”, in effetti, ma non so perché.

        • PinoMamet says:

          Beh per esempio i medicinali, unguenti ecc. (“non cuocerai il capretto nel latte di sua madre…”” l’uso non è specificato) o l’abbigliamento (non mescolare lana e lino, che può essere inteso in vari modi)…

        • Daouda says:

          l’alcool cazzo porca troia

      • paniscus says:

        “Non so, ma penso che sia come per il kasher: non riguarda solo l’alimentazione, e soprattutto c’è un certo business sulla certificazione ”
        —————————
        Ah, funziona come per i disturbi di apprendimento e le difficoltà scolastiche? Buono a sapersi!

        • MOI says:

          Più o meno … 😉

        • Daouda says:

          A Lisa ma la robba de le certificazioni è perché l’umano stronzo da stronzo stronzo arimane.
          Nun è che fanno impicci o creste varie cambia la questione, praticamente de sto passo religioni e stati e famiglie nun dovrebbero esistere, anzi, la natura umana proprio

    • MOI says:

      Smalto Halal … NON testato sui suini ?! 😉

      • MOI says:

        Con il religioso non so … ma con l’ Animalismo (ch’è poi asuo modo un po’ una religione a sé stante anch’ esso …) so che ci sono eccome (!!!) , queste richieste di “filiera” circa SE e su QUALI bestie e COME possano le aziende aver testato i propri prodotti !

    • Per roberto

      “Scusate la domanda stupida ma che differenza c’è tra uno smalto halal e uno normale?”

      Che si raccoglie il sangue degli agnelli sgozzati correttamente, lo si mette in una tinozza e ci si intingono le dita.

      Quando passano le vegane, si dice che è succo di fragola.

  4. MOI says:

    Cmq a me colpiscono più che altro i nomi “simpatici” (?!) tipo “It-Hal-y” … che NON è meno “cazzoso” 😉 del digià ben noto “Eataly” , come nome !

  5. MOI says:

    Su lughezza d’onda affine, ma è la classica “roba da donne” 😉 … ci sono anche i “diversity make up” studiati per pelli NON “bianche” … Ciò NON toglie che ragazze NON-bianche possano essere insultate da altre ragazze NON-bianche SE si truccano per “sembrare più simil-bianche” !

  6. PinoMamet says:

    Se volete vi cerco anche una dichiarazione di diversi rabbini ortodossi a favore del veganesimo, e quella di un altro rabbino che afferma che la carne di un toro ucciso durante la corrida non è kasher
    (a dire il vero non sarebbe kasher comunque visto che è un po’ difficile far passare la corrida come macellazione ebraica 😉 )

    • MOI says:

      interressante … mi pare che cmq esiaìsta un pugnalino apposito detto “misericordia” (o simile) per sgozzare e far morire sul colpo un toro troppo ferito agonizzante ! … A suo modo, relativamente 😉 “animalista” !

  7. MOI says:

    … E alle prime venti telefonate, offertona imperdibile :

    conserva lo scontrino dei cosmetici ItHalY , e consegnalo alle casse di Decathlon se acquisti un Nike Hijab …

    https://www.nike.com/it/it_it/c/women/nike-pro-hijab

    … riceverai in omaggio le esclusivissime Nike Stones :

    https://www.reddit.com/r/exmuslim/comments/619sg0/nike_stones/

    … che cosa aspetti ?!

  8. Z. says:

    Un bolognese non dovrebbe dirlo – sapete, il campanilismo – ma io ve l’ho detto spesso: i modenesi sono fenomenali.

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/07/13/fondi-ue-a-modena-e-vietato-perdere-un-solo-euro-dalleuropa-cosi-il-comune-e-tra-i-piu-virtuosi-ditalia/5278506/

    • habsburgicus says:

      non è a Modena che nei mitici ’80 il PCI (partito unico) organizzava il concorso proto-sexy “Miss Culetto d’Oro” ? 😀
      non c’è che dire, avete grandi interessi CULturali 😀

  9. Z. says:

    Ah, in tema: ho notato che le donne arabe curano le loro mani con molta attenzione. Spesso, di natura, hanno mani molto belle, in particolare le donne del Maghreb.

    • Simone B. says:

      Non solo le mani o i piedi ma sopratutto sotto 😉

      Fidati….

      • habsburgicus says:

        conoscenza così intima é di norma preclusa a noi kafir, temo 😀
        però i massimi complimenti a chi ci riesce !…queste sono le “esplorazioni” che meritano 😀

        • habsburgicus says:

          intendiamoci, in Marocco qualcosa si può fare….lo so pure io, dunque è di dominio pubblico (Marrakech) 😀
          non gratis però 😀 (gli hammam ecc)
          qualcuno ci riuscirà anche, ma senza dubbio diventa difficile e pericoloso..almeno là..se poi una riesce a incontrarla in Spagna o altrove in Europa, è già tutto diverso

          • PinoMamet says:

            Ma va là… il mio ex vicino di casa era sposato a una tunisina
            (la madre di lui, anche lei mia vicina, siciliana, rendeva il suo nome come “Nastrìn”) c’ha pure fatto una figlia (“Iasmìne” pronunciato ovviamente con la e finale, nella versione siciliana 😉 )

            • habsburgicus says:

              si è convertito per sposarla o ciascuno è rimasto della sua religione (o non-religione) ?

            • PinoMamet says:

              Ciascuno è rimasto della sua religione e hanno litigato per il quadro da mettere sul capezzale
              (scopro in tale occasione il signifcato della parola “capezzale”):

              lui ci voleva Padre Pio, lei una frase del Corano.

              Poi hanno litigato per la religione da dare alla bambina: l’hanno spuntata i siciliani e l’hanno battezzata.

              • PinoMamet says:

                Credo abbiano poi messo due capezzali

                (io, da ignorante, ero convinto che volesse dire cuscino! o la testata del letto, una cosa così… l’avevo solo sentito nell’espressione “al capezzale del defunto”)

              • Peucezio says:

                Pino,
                ma infatti vuol dire quello che credevi tu, ma credo si possa estendere a tutto ciò sta dietro la testa del dormiente (o comunque dello sdraiato), da cui il nome.

            • Z. says:

              Credevo che si pronunciasse proprio così, “Iasmìne”, con la e!

            • paniscus says:

              “Iasmìne” pronunciato ovviamente con la e finale, nella versione siciliana
              ———————-
              Come gli pseudofrancesi “Denìse” o “Eloìse”. Raccapriccianti.

              • Z. says:

                Ma nel nome arabo c’è o no la vocale alla fine? 🙂

              • paniscus says:

                “Ma nel nome arabo c’è o no la vocale alla fine?”
                —————-

                Aspetto che ritorni Miguel che in questo momento è fuori, ma io tenderei a pensare che non ci sia, e che la grafia occidentale con la -e finale sia dovuta a un passaggio attraverso il francese

                (magari nella trascrizione anagrafica di Algeria, Tunisia o altri paesi che avevano come lingua coloniale il francese)

              • Per Paniscus

                “Aspetto che ritorni Miguel che in questo momento è fuori, ma io tenderei a pensare che non ci sia, e che la grafia occidentale con la -e finale sia dovuta a un passaggio attraverso il francese ”

                Confermo. Accento poi sull’ultima, Yasmìn, come la nostra amica egiziana 🙂

              • PinoMamet says:

                Mmm mi pare che non ci sia
                (copincollo:یاسمین‎ persiano, يسمين‎ arabo- di diverso c’è solo la alif lunga in persiano)
                però mi pare di aver sentito anche varianti come Yasmina che prevedono un originale con vocale finale…

                comunque vuol dire Gelsomina, che in italiano fa molto nonna 😉

              • Francesco says:

                come si pronuncia la prima lettera di Yasmine?

              • Per Francesco

                “come si pronuncia la prima lettera di Yasmine?”

                Come la “i” di “ieri”. Per una volta, un suono arabo semplice semplice!

              • PinoMamet says:

                Eh?
                La I si pronuncia I…

              • Z. says:

                Ahhh anvedi 🙂

                grazie!

        • Simone B. says:

          Ho avuto una relazione di qualche tempo con una ragazza marocchina/campigiana; non velata naturalmente.

          Era curatissima, più di quanto mi è mai capitato di verificare con ragazze dell’altra sponda del mediterraneo (oh, poca roba sia chiaro).

          Ricordo anche che sia lei che le amiche sue conterranee considerassero poco curate le italiane.

  10. MOI says:

    Bre’, c’è anche la tintura “henné” per aggirare il divieto formale (altra roba non-mangereccia 😉 , eppur ufficialmente né halal né kosher !) dei tatuaggi ! … Insomma : dei “trasferelli vegetali” in pratica !

    A me il tatuaggio fa già un po’ ribrezzo solo da vedere, mi sembra roba da schiavi /
    detenuti / bestiame … no, neanche l’ immaginario “Rrrobbba da Guerrieri” 😉 mi convince …

    • PinoMamet says:

      Mi pare che la Bibbia la veda sostanzialmente come te, riguardo ai tatuaggi, e forse li proibisce per questo motivo (probabilmente alcuni erano religiosi, segnavo un’appartenenza, per così dire, a divinità pagane).

      Sui tatuaggi mi sono già espresso anche troppo (credo stiano bene a carcerati e marinai, trovo ridicolo chi se li fa senza essere un carcerato un marinaio dell’Ottocento, e assolutamente non attraente una donna tatuata, peggio ancora se con motivi riciclati dall’immaginario maschile come ancore, pistole, pin-up ecc.) aggiungo in questa sede che mi fà un po’ schifo anche l’hennè (mi dà l’idea di sporco).

      • Peucezio says:

        Ma perché non si fanno tutti ebrei, porca miseria??

        Tanto per quello che mi concerne non ci sarebbe nessun problema, perché per me l’ebreo lo è di sangue, anzi, se diventassero tutti ebrei gli ebrei sparirebbero, perché, sposandosi coi gentili di sangue, alla fine il loro sangue si dissolverebbe in quello del resto dell’umanità.

        E non avremmo più questa cosa ripugnante di bellissime ragazze autosfregiatesi!

        • Daouda says:

          Sei un coglione:

          a) parli parli de sti cazzo di ebrei ritardati ma tu non sai , stanti al secondo tempio, neanche quante erano le correnti ebraiche

          b) parli parli ma non sai manco la differenza tra l’halakot e la merkavah rispetto alla cabala del sefer zohar e del sefer hasidim

          c) parli del talmud e nemmanco capisci che, per quanto la ghemarah faccia pena rispetto la mishnah, e di certo già segna il passo, non ce capisci un cazzo delle infamità che amate accolare agli abbrei del cazzo. Gli abbrei odiano i cristiani come i samaritani , niente di più, niente di meno, non i gentili come la merda del cervello tuo ti fa uscire dal naso

          d) NON ESISTE L’ETNIA EBRAICA. Smettila co sta cazzata idiota.
          I figli di Mosè non sarebbero ebrei, Davide non sarebbe ebreo, due tribù di Israle su 13 ( tolto Giuseppe sostituito dai due figli ) non sarebbero ebraiche, i falascià ed i caraiti non esisterebbero.
          Fai schifo te assieme ai sionisti di merda di cui calchi le orme.

          Ma per il resto, sono d’accordo

          ahahahahahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhaahahhaahhaahhahahahaaaaaaaaaaaaaaaaahahahhaha

      • PinoMamet says:

        “perché, sposandosi coi gentili di sangue, alla fine il loro sangue si dissolverebbe in quello del resto dell’umanità.”

        oh, da questo punto di vista sono già molto più in là di quanto tu non creda… 😉
        (e parlo della situazione recente, non di antichissime etnogenesi…)

        • Peucezio says:

          Ma io non mi riferivo tanto all’integrità genetica della popolazione ebraica, ma al loro continuare a esistere come gruppo individuato e forte.
          Se tutti diventassero ebrei, nessuno sarebbe più ebreo.

          • daouda says:

            GRUPPO individuato.

            Benvenuto nell’inganno e nello spauracchio ebraico.

            A zi, l’ebrei sò talmente pochi che giocano a gonfialli da Austhwitz a mmo.
            Diventerei àbbreo solo pé poté dà addosso senza stigma ( stigma che rende impotenti l’àbbrei VERI prima da fa incazzà strumentalmente i boccaloni ) ai falsi ebrei.

            Sò divisissimi Peucé, te ancora non hai capito cos’è la Fede. Sò na manica de impostori

            • Per Daouda

              Non intervengo in merito al contenuto dei tuoi messaggi, ma alla quantità.

              Se continui a farne tanti tutti insieme, te ne cancellerò un po’ a caso.

              Quindi impara per favore a concentrarli.

        • Daouda says:

          Peucezio ma tu la logica la sai usare?

          Boh

          Hai paura dell’invasione islamicciccia? Diventa islamico, fa tutta europa islamica. L’odio natzionale rimane tranquillo, campanilismo anche, rilassati.

          Ma li mortacci tua!

          • Peucezio says:

            Guarda che quella sugli ebrei era una battuta.
            Anche se effettivamente la scomparsa dei tatuaggi dai corpi femminili (gli uomini facciano quel cavolo che gli pare, tanto mica devo portarmeli a letto) sarebbe un guadagno inestimabile per l’umanità.

            • Z. says:

              Già, invece di donne ne cambi una alla settimana…

              Cioccapiatti 😛

            • daouda says:

              ma è na battuta pure l’invasione islamica che non esiste, quella si che è etnica, ma te da cojone parli de islam e dai raggione sia alla destra che alla sinistra.

              Per il resto il tuo discorso è simile a tutte le teste di cazzo che parlano della scomparsa del virile e del padre.
              Scomparso il padre, scomparsa la madre, che è mignotta e manipolazione.
              Dunque se hai i tatuaggi sulle femmine ( ma poi d’altronde uno dovrebbe avé la chiave pé capì se e come, se e come, se e come, se e come, se e come, se e come, se e come li tatuaggi NO o SI ) stai sicuro che nella categoria dei mezzi uomini ce stai te, e quelli che te addestrano, contro o pro.
              Dunque se cerchi una femmina, e più non c’è, manco er maschio c’è, ed allora guardate allo specchio che è tutto uguale

          • PinoMamet says:

            Beh, agli ebrei è proibito, ma si tatuano lo stesso eh?

            però nelle spiagge israeliane non mi pare di aver notato la stessa invasione di inchiostrati che c’è in quelle italiane, il fenomeno mi sembra più contenuto.

  11. MOI says:

    Da quel che ho inteso, halal e ancor più kosher implica almeno in via teorica una pletora di prescrizioni più varie, non scevre di contraddizioni … solo che vengono ridotte da una serie di ragioni storico-pragmatiche (difficile trovare chi viaggi a dorso di cammello e armato con la spada, o viva in una tenda e debba uscirne con un vanghetto per poi sotterare i propri bisognini 🙂 … ) e di gerarchia (prima fra tutte la carne suina, sulla quale esiste davvero di tutto, ma nulla è ufficialmente confermato !)

    • PinoMamet says:

      Non ho capito bene: in che senso vengono ridotte e cosa c’entra il cammello e la spada?

      Le prescrizioni della kasherut sono semmai aumentate nel corso dei secoli…

    • PinoMamet says:

      PS
      la vanga per sotterare i bisogni, nella Bibbia, è prescritta ai soldati durante le campagne militari…
      le persone comuni saranno andate… dove si andava all’epoca? nella latrina, suppongo. Senza bisogno di vanghetti, perciò.

      • MOI says:

        Be’, si adatta il più possibile … ma hai voglia a trattare lo smartphone da torcia per i segnali di fumo (li usavano anche nell’ Antica Roma, NON sono un’ invenzione da Pellerossa Hollywoodiani, eh ! 😉 !

        … Anche perché, a insistere, prima o poi quello che “fa finta che il testo alla lettera sia vero” e sboccia con “… e allora, l’Efod ?!” 😉 arriva !

  12. MOI says:

    Un altro Volpone del PD 🙂 EcoFriendly Uncle Sam but definitely “Gréc’c’ … ” :

    https://www.nextquotidiano.it/jovanotti-sfrutta-ivolontari-jova-beach-party/

    —————————————————-

    La storia di Jovanotti che “sfrutta” i volontari del Jova Beach Party … cmq è stato”Onesto” : Volontario è per definizione “aggratis” 😉 , è già molto il panino 🙂 !

    • PinoMamet says:

      Ma qualcuno ancora va ai concerti di Anzianotti??
      Ma boicottatelo!

      • Z. says:

        Ci vanno in molti, direi anzi moltissimi. È un pochino un Vasco del suo genere, che è molto sui generis (come del resto Vasco).

        Nessuno dei due fa musica che mi piaccia, ma la loro attività spesso mi lascia ammirato.

        Cinque anni fa Jovanotti era un supporter di Renzi. Oggi è Renzi che, nel tentativo – improbabile – di rimettersi in piedi, fa il supporter di Jovanotti.

        Tondelli ne parlava come di un fenomeno passeggero, e da allora sono passati trentacinque anni. Tondelli non c’è più, Ligabue ammette la delusione, io invecchio e perdo capelli, Jovanotti è sempre instancabile.

        Anche Vasco, ma Vasco è della provincia di Modena, e il modenese è un oltreuomo per natura.

      • PinoMamet says:

        In effetti il genere di Vasco è fare Vasco, e il genere di Jovanotti è Jovanotti.

        E, partendo da origini molto diverse, hanno finito per somigliarsi, in una specie di iper-genere sentenzioso e bacioperuginesco nei testi, indistinto ma “hey i suoi musicisti in realtà sono molto bravi eh?” nelle musiche.

        • Peucezio says:

          Eppure a me sembrano diversissimi.
          Un po’ di carica trasgressiva, finta finché si vuole (la trasgressione è sempre finta, perché è fatta per piacere a tutti, quindi non si capisce cosa si trasgredisce) Vasco ce l’aveva. Comunque negli anni ’80 faceva musica “seria”, piacesse o non piacesse.
          Jovanotti è un bravo uagnone, ma ha sempre fatto il piacione, buoni sentimenti, banalità che piacciono a tutti…
          A me mi sta pure simpatico a modo suo, ma mi ricordo come negli anni ’80 lo percepissi chiarissimamente come un’espressione dello spirito consumistico e superficiale di quegli anni (e veniva criticato proprio per questo motivo); poi, girato il vento, da Tangentopoli in poi compresa, diventò di sinistra (senza sapere neanche lui cosa volesse dire): ricordo che rimasi molto stupito che un personaggio che aveva incarnato così in pieno quello spirito lo rinnegasse di colpo da un giorno all’altro senza nessuna vergogna. Ingenuo che ero: è quello che hanno fatto quasi tutti!

          • MOI says:

            rimasi molto stupito che un personaggio che aveva incarnato così in pieno quello spirito lo rinnegasse di colpo da un giorno all’altro senza nessuna vergogna. Ingenuo che ero: è quello che hanno fatto quasi tutti!

            ——————————-

            … fra l’altro con un tempismo perfetto, il Jova !

            E’ cmq un personaggio paradigmatico ! Importante “dopo”, quanto sembrava un “pirla qualunque” invece “prima” …

            • PinoMamet says:

              Ma credo sia stato un cambiamento sincero: perché no?
              Si cambia, ci si evolve, si cresce pure.

              Solo che il santone buonone del dopo svolta mi piace anche meno dello scanzonato giovanottone disimpegnato di prima.

              • Peucezio says:

                Sincero è sincero, il problema è che la gente il conformismo e il servilismo ce l’ha nel DNA, quindi non ha bisogno di essere falsa per agire conformemente ad esso.

  13. Daouda says:

    Quello che non sta co la crepata me deve ancora dare una risposta sui kurdi del cazzo e sul sionismo che li caratterizza.

    D’altronde tutte le stronzate che appoggia lui ( ed MM ) sono finanziate dai sionisti robba tipo negri che inculano bianchi nei porno, i frogi sensibbili, la parità delle donne, la giustizia sogiale ( NON TE LO HANNO SPIEGATO CHE IL WELFARE E’ NATO PER INCULARTI I SOLDI BRUTTA MERDA RITARDATA??? PE QUANTO RIESCI AD ANNA AVANTI A RAGIONARE CHE SEI LIMITATO A DIECI ANNI DI RAGGIO D’AZZIONE??? ) , l’ambientalismo i vegani i buddisti islamicicci e minchiate varie.

    Ma stai tranquillo! Ste stronzate spariranno quando prenderete il potere…state a fa di tutto affinché la destra vinca, ed essa è in mano vostra.
    Grande gioco.
    Magari te non lo sai eh…mi dispiace, hai vinto e sei frustrato de avé perso. Siete proprio delle merde.

    Ma comunque me rispondi?
    a) inesistenza dei kurd
    b) sul loro essere pro sionisti
    c) essere merde de vita

    No dai, fatte vivoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  14. Daouda says:

    Secondo voi perché si spinge affinché gli ebrei ( più ortodossi sono meglio è ov cors ) debbano andà nella Terra Santa comunemente nota come Samaria giordanica?

    Cojoni, ma non l’avete capito che li vonno ammazzà tutti? ME fate bestemmià cazzo

    • Daouda says:

      Nun avete capito che il Medinat Yisra’el è un diversivo è un’esca in mano a Mosca e Londra?

      andatevene affanculo và, soprattutto quelli che non vedono la continuità di Putin ( il supposto piano kalergi è ben peggio in russia che in Europa occidentale, cretini ) con Lenin, comunisti bastardi

  15. MOI says:

    A sproposito di “Iasmìne” (che in effetti pronuncato all’ Italica 😉 sarebbe un gran bel nome … orribile invece “Gelsomina” !

    … il nuovo làivèch-scion 😉 di Aladdin (con Will Smith Genio .. ) ha fatto deliberatamente un mischione, a tratti sincretistico, Turco-Arabo-Persiano-Indiano … specie per rispettivamente architetture, costumi sgragianti in ghingheri persino per i “poracci” da kasbah , colori ultra sgrargianti ovunque sfarzo e balletti bollywoodiani !

    In origine, le Mille&UnaNotte mi pare fosse Pagana-Persiana …

    c’è un “cross over” 😉 in cui il Genio – Rapper Anni ’90 _ così includiamo anche gli AfroAmericani 🙂 _ allude che il tesoro appartenne ad Alì Babà

    Ah, mi ha in un certo piacevolmente sorpreso che fra i Principi “Sfigati” 😉 Pretendenti alla Mano della Figlia del Sultano vi sia anche un Bianchissimo Norreno in Quota-Diversità 😉 dalla ” Skanlandia ” (allusione alla Scandinavia, segnatamente alla “Scania”, ma penso che pochissimi Americani l’ abbiano colta)

    • MOI says:

      Ormai spero NON sia più SPOILER :

      … Principessa ovviamente ProtoFemministizzata (e a differenza dei Maschi Guerrafondai cerca la CoEsistenza MultiEtnica !), Futura SultanA ! 😉

  16. MOI says:

    Here’s Why Aladdin’s Jasmine Is the Updated Feminist Princess We Need
    Warning: Spoilers ahead.

    https://www.cosmopolitan.in/life/features/a17558/heres-why-aladdins-jasmine-updated-feminist-princess-we-need

    By Simrit Tiwana
    04 June 2019

    • Francesco says:

      beh, però se citi Cosmopolitan vuoi vincere facile!

      è come citare i 5 stelle cercando cazzate in economia

  17. MOI says:

    Mi sa che il Politically Correct sia la Più Grande Macchina da Propaganda che la Storia abbia mai conosciuto … soprattutto è questa pretesa, anzi acclamata, assoluta di “retroattività ricorrettiva-rieducativa” sul Passato che trovo inquietante !

    • daouda says:

      Inizio a dubitare di te.

      TANA!

    • daouda says:

      Peucé te che digitalmente sei esistito continui a farlo, non te sembra strano?

      Cioè io se dico che Hitler è un bolscevico sionista, qua sopra, poi se me capita quando qualcuno ha sfilato ( in appoggio o contro che è uguale ) io lo affermo uguale.

      Bisogna capì chi è MOI, anche perché sta tecnico-tattica che usa è superata e se non riconosciamo la precedente a quella successiva ce inculeranno proprio…
      Ad ogni modo lo chiedevo a parere de un internettaro de gittata ampia, schierata e poliedrica come a te, anche se sò che il tuo è un nome collettivo no?

      Solo per questo proprio na cosa a sensazione.

      p.s. ovviamente a me la situazioine vigente vò benissimo

      • Francesco says:

        >>> se dico che Hitler è un bolscevico sionista

        qui si pensa che il problema sia essere in giro per osterie alle 5 di mattina!

      • daouda says:

        scusa…bolscevico sionista fabiano.

        Ma vabbè, tanto pé te Kasper e Burke sò opposti, quindi cosa si può?

        • Francesco says:

          scusa l’ignoranza ma per me Burke è uno sconosciuto filosofo di destra e Kasper un fantasmino lagnoso per bambini

        • daouda says:

          Non esistono osterie alle 5 di mattina e non c’è correlatività tra un personaggio storico ed uno spettro da romanzo.

          Se chiedi a tutti qui dentro , pro o contro, credono anche che lo stato di Samaria esista grazie al sionismo.
          Se pure accettassero che NY e Mosca sono manovra a tenaglia dunque alleati, loro sempre direbbero è Sion è Sion.

          Credo sia giunto il momento di diventare nazireo. E’ il momento della presunzione di ebraicità, ed è da farlo soprattutto per gli ebrei, che nemmeno si rendono conto del futuro che gli si prospetta innanzi

          • Francesco says:

            secondo me tu l’osteria aperta alle 5 di mattina la ha trovata!

            io purtroppo no e non ti capisc0

          • daouda says:

            Francé hai presente la farsa della shoah sia per numero che per modalità?

            Te ce sei abbituato, hai la fantasia predisposta, pronta a creare e dunque, quando il mondo sarà sempre più antisemita/antigiudaico, allora sì che accadrà pé davero!

            Io fra le 4 e le 5 me diverto a studià i movimenti delle guardie al centro.

            Il sugo del discorso era che GLI USA sono deputati a certe manovre, ma presto o tardi termineranno gravemente.
            Londra e Mosca non solo hanno creato lo stato della samaria giordanica, ma ugualmente lo usano come parafulmine.
            Dire che esista il sionismo ha avuto senso prima della creazione di quella realtà, ma di per sè è una parola insensata come FASCISMO…tutta la politica ( anche islamica, cinese, indiana, africana ) è sionista.

            E’ ovvio che ho scritto na cazzata Francé, è chiaro.
            Ma devi iniziare a pensare e leggere dietro.
            Non posso spiegarti che il terrorismo islamico è pilotato ancora oggi dall’FSB invece che dalla CIA come i coglioni dicono ( tipo il nostro amico “io non sto con la crepata” ), né posso delinearti il fatto che tutti i partiti di destra d’Europa sono comunisti.

            • daouda says:

              compreso che il sionismo è la politica attuale…che la samaria giordanica è un parafulmine…che il sefer zohar ed il sefer hasidim sono modalità eretiche del giudaismo che non possono che svoltare nel sabbateismo-frankista, ricordando che i circoli pagani sono sopravvissuti, che dopo Cristo le loro vie , scisse dalla loro tradizione immersa e confluita nel cristianesimo , sono divenute coacervo di demoni, hai il quadro dell’ambiente.

              CI saranno varie fazioni e la cupola è un traguardo, non un dato di fatto.
              Il problema è solo che non solo gli ebrei non contano un cazzo, non solo gli ebrei che contano in realtà non sono ebrei, il problema è che se la finanza reale è ad occidente, qualsiasi inculata accollabile agli Usa ha la sua origine in Russia.

            • Francesco says:

              >>> Ma devi iniziare a pensare e leggere dietro.

              è una roba che non mi appartiene. io penso e leggo alla Aristotele e Tommaso, già Platone è troppo poetico, Nietzche non si regge, Heidegger anche, per bravini che fossero

  18. MOI says:

    @ PEUCEZIO

    All’ epoca era il Jova in effetti un po’ diverso

    https://www.youtube.com/watch?v=66TfPBEXPMw

    Jovanotti – Gimme Five

    ————————————————————–

    https://www.youtube.com/watch?v=r5YtxQXh0_E

    JOVANOTTI Walking

    ———————————————————-

    Jovanotti – Go Jovanotti Go [1 2 3 Jovanotti]

    https://www.youtube.com/watch?v=YXS1v0TAOKI

    • Roberto says:

      Mi ero scordato quanto mi stava sulle balle Jovanotti

      Terribile

    • PinoMamet says:

      Concordo con Roberto, ma aggiungo che dopo la svolta santonesca, pacifista, impegnata, mi sta ancora più sulle balle.

      • Roberto says:

        Probabilmente sarei d’accordo con te ma da quando non vivo più in Italia praticamente non l’ho più sentito parlare. Prima bastava accendere la radio e ti capitava tra capo e collo, fastidioso come uno spiffero quando sei sudato

        • Z. says:

          Ma era già pacifista e impegnato pure allora!

          Direi che la svolta risale, effettivamente, alla prima metà degli anni Novanta, come osservava Ezio. Il video de L’ombelico del mondo, per dire, è una strizzatona d’occhio al costume degli adolescenti di sinistra coevi.

          • Francesco says:

            a me era parsa solo una canzoncina disimpegnata e godibile

            in effetti col tempo apprezzo di più il Jova rispetto a molta musica italiana

  19. MOI says:

    E quando fece esordire gli 883, allora”I POP” alla WalkyCup Competition dall’ Aquafan di Riccione :

    https://www.youtube.com/watch?v=fw7lugmh6cY

    …………………..

    Tutti a “rappare” in tamarrissimo cosplay 😉 da “Wiggers” , come si dice (ancora ?!) in USA , dalla crasi di “White+Nigger” …

    • Simone B. says:

      Eh no,
      il programma 1 2 3 Jovanotti era registrato alla discoteca Rolling Stone di Milano. All’Acquafan facevano la versione estiva di DeeJay Television.

  20. MOI says:

    la Grande Svolta a SX (prima incarnava il Frivolo Assoluto Berlusconiano, avversato ab initio quasi solo da Veltroni !) gli venne con “Positivo” , fra l’ altro passando da uno scimmiottato AfroAngloAmericano all’ Italiano “zeppolato” …

    https://www.youtube.com/watch?v=PC9tgxm9BMM

  21. Moi says:

    Captain Dyke 😉 Vs the Donald :

    https://www.youtube.com/watch?v=WFMKuB-un7o

  22. Francesco says:

    OT molto personale

    approfondendo, mi pare di aver capito che Monica Cirinnà di cattolico ha solo le scuole fatte.

    Da oggi sto un pò meglio.

    Grazie a chi mi ha spinto a controllare

    fine OT

    • paniscus says:

      Certo che il ragionamento è curioso… ve la siete voluta, voi cattolici, di considerare automaticamente arruolato nelle vostre schiere chiunque sia battezzato, o chiunque venga da una famiglia di tradizione cattolica, quando vi fa comodo per fare numero?

      (tipo, quando si difende l’affissione dei crocifissi nelle aule e negli uffici pubblici, o la legittimità dell’insegnamento di religione cattolica gestito dalle curie ma pagato dallo stato, con l’argomentazione che “la stragrande maggioranza degli italiani è cattolica”)

      Poi, quando l’identificazione diventa imbarazzante, si cominciano a fare distinzioni cavillose…?

      • PinoMamet says:

        Concordo…

      • Mauricius Tarvisii says:

        Tu pensa che è persino stata negata la cattolicità di Manzoni. 😀

      • Peucezio says:

        Lisa,
        nel mio caso, quando dico che l’Italia è cattolica, intendo che lo è come tradizione storica e culturale, non che la maggioranza degli italiani sono cattolici.
        Poi, certo, chi è battezzato come cattolico è cattolico, ma bisogna distinguere le questioni di ortodossia dall’appartenenza statistica. Al popolino non è richiesto di essere addentro a sottili questioni teologiche: gli è stato ammannito il Concilio Vaticano II e che ne poteva sapere: ha seguito l’autorità o quella esteriormente tale.
        Ma le persone colte e consapevoli invece rispondono di ciò che sostengono.

        Per inciso, l’Italia, un po’ come tutti i paesi, non è che si sta solo decattolicizzando, ma anche e soprattutto de-italianizzando (e non parlo certo dell’immigrazione, ma degli italiani di sangue).
        E anche lì, non si può dire che gli italiani sono italiani quando vogliamo noi e quando non vogliamo non lo sono, perché così si confondono i piani. Uno può essere italiano, senza essere antropologicamente un italiano.

      • Francesco says:

        mi scusi ma “voi cattolici” lo dica a sua cognata

        io soffro fino al punto di congiunzione tra anima e corpo per restare in questa Chiesa e di certo non mi sforzo di arruolarvi a forza alcuno per “fare numero”

        anzi, sono molto più tentato dall’ipotesi Benedetto e dall’idea di lasciar perdere questa civiltà più morta che morente, in questo paragonabile alla Roma del 400 DC

        se la MC ha abbandonato la Chiesa, mi può dispiacere per lei ma per la Chiesa è solo un guadagno

        • PinoMamet says:

          Non la pensavi così quando si trattava di imporre il crocefisso nei locali pubblici… allora era “noi cattolici” eccome 😉

          • Francesco says:

            no, affatto, mai una sola volta usato argomenti numerici – che poi non credo siano locali pubblici, quelli sono osterie bar e affini, giusto?

            scusate ma è come se mi attaccaste in quanto juventino o pacifista

            • PinoMamet says:

              Mi pare di ricordare- ma posso sbagliare eh?- che il tuo argomento fosse il sempiterno “non possiamo non dirci”, che è poco diverso da un argomento numerico, ma ancora meno convincente.

              (“Non possiamo non dirci cattolici” e infatti studiamo Dante e. ehm- Manzoni, Giotto e Raffaello;
              appiccicare bandierine è un’altra cosa…)

              • Francesco says:

                per te sarà meno convincente, per me è di una evidenza solare!

                poichè non si può non credere, tocca tenervi il crocefisso fino a quando i musulmani ci metteranno il loro simbolo

                che la natura aborre il vuoto

                😀

              • PinoMamet says:

                Non si può non credere cosa??

                E cosa c’entra col ragionamento?
                Potresti spiegarti meglio?

                In ogni caso, in paesi anche più cattolici dell’Italia il crocefisso non c’è, e sarebbe visto come una stranezza.

                PS
                Il parere delle Comunità ebraiche, tocca dirtelo, è un chiaro NO.

              • Z. says:

                Non si può non credere, come non si poteva non votare Berlusconi. A malincuore, certo…

                🙂

              • PinoMamet says:

                “poichè non si può non credere, tocca tenervi il crocefisso”

                ah beh, allora forse ho capito;

                fai 4 errori (almeno) al costo di uno, e cioè:

                1- si può benissimo non credere;

                2-non è detto che i credenti debbano per forza volere il loro simbolo ovunque (e anzi mi stupisce l’accanimento con cui i cattolici italiani- e non di altre parti del mondo- lo vogliano);

                3-alla fine quindi il tuo è proprio il mero ragionamento numerico
                (“siamo tutti credenti, e siamo cattolici in maggioranza, sino a quando saranno maggioranza i musulmani”)

                4- stai usando il crocefisso come una qualunque bandierina etnica, se non politica.

                E sì, è proprio così, è esattamente così.

                Vorrei proprio sapere cos’altro ci fanno, i “credenti” presunti;

                quale mai altro uso possa avere, nella loro testa;

                il crocefisso appeso in un’aula, se non quello di dire “è roba nostra, e non vostra, qua comandiamo noi, voialtri vi adeguate”.

                Mai visto una persona farci qualcosa di religioso, co’ ‘sto crocefisso.
                Ma neppure il professore di religione! Niente.
                Non si sa a cosa serve, ma deve stare, per ricordare che ci sono dei politici pisciasotto che credono ancora che si debba leccare il culo alla Chiesa (che poi magari se ne frega pure) per avere dei voti, e sventola i rosari ai comizi.

                Sì, Francesco, è proprio la stessa cosa.

              • Francesco says:

                Pino

                a parte che nessuno dei punti è un errore, non capisco la tua incapacità di storicizzare la cosa

                oggi sono il primo a riconoscere che domina il nulla ma non per questo fingerò che abbia il minimo valore o che abbia a che fare con quello che resta della civiltà italiana

              • PinoMamet says:

                Scuusami, ma tutti i punti che ti ho elencato del tuo ragionamento sono erronei e gridano vendetta al cospetto di qualunque religiosità autentica.

                Chi vuol Dio se lo preghi, si diceva una volta da queste parti, e lo trovo giustissimo.

        • paniscus says:

          Francesco:

          “mi scusi ma “voi cattolici” lo dica a sua cognata”
          ————————–

          L’unica persona che possa configurarsi come “mia cognata” (e nemmeno in termini giuridici, in quanto compagna convivente non sposata del mio unico fratello) sarebbe esaattamente la persona più adatta a farsi una bella risata su un argomento del genere…

          … in quanto appartiene a una famiglia d’origine dalla surreale evoluzione secolarizzante, in cui il primogenito è stato battezzato e ha fatto tutti i susseguenti sacramenti tipicamente infantili negli anni settanta/ottanta, il secondogenito è stato battezzato ma non ha fatto né comunione né cresima, e l’ultima figlia (mia cognata, appunto) non è nemmeno stata battezzata.

          Tutto questo, nonostante le posizioni filosofiche e religiose di base dei genitori non siano mai cambiate in tutti questi anni (nel senso che il padre è rimasto laico e razionalista impenitente, e la madre è rimasta cattolica, e stanno ancora felicemente insieme dopo 50 anni).

          La loro tradizione familiare più amata per le feste di Natale è che, dopo la cena collettiva della vigilia, la mamma saluti la famiglia per qualche ora, per andare con la massima convinzione alla messa di mezzanotte, mentre il padre organizza una spettacolare maratona di film cult da guardare con il resto dei congiunti, almeno quelli che sono presenti di volta in volta, perché qualcuno abita all’estero : – )

          • Francesco says:

            in effetti è un triste effetto di abitare all’estero non potersi vedere una poltrona per due tutti insieme in famiglia a Natale!

            spero che sia quello che ella intende per film cult … nevvero?

            🙂

            • paniscus says:

              No, manco per nulla, di solito si tratta di solenni polpettoni intellettuali.

              • paniscus says:

                oppure di parodie umoristiche dei polpettoni intellettuali medesimi, ma sempre di un umorismo colto.

                Io comunque non c’entro.

              • Francesco says:

                capisco perchè la Messa di Mezzanotte ha un suo seguito allora

                😀

            • Peucezio says:

              Lisa,
              che è successo?
              Perché il tuo nickname non è più blu e cliccabile? Hai perso il blog…?

              • paniscus says:

                No, ho semplicemente cambiato computer e ho dovuto reinserire tutti i settaggi automatici che erano in memoria. Il blog comunque era fermo da anni…

          • daouda says:

            Spero che cianciando cianciando anche tu non sia battezzata Lì che sinnò scrivi a fregna de pecora.

            Io invece te seguo: difatti quel voi svela la magagna. Ora vogliono i congoidi e sperano de patteggià coi cinesi, pé rimané ai numeri, mentre er sud ammerica già lo stanno a lascià ai protestanti perché nun ce se fà od è troppo impegnativo tranne i bastioni da mantené.

            Tralasciando il fatto che lo stato italiano è un’infamia iniqua e tenecce er crocifisso è tradimento ( dunque pure insegnacce solo la religio cattolica ov cors ) er discorso è che te vorresti serietà dall’uni e dall’altri.
            Ma non hai capito er gioco.

            Quello che dici porta al sangue. Capirai anche tu che non sei disposta a giocare questo gioco quindi la tua critica è inconsistente oltre a partire dall’ignoranza dello stato di fatto per cui dici “sono liberale”.
            Ma il liberalismo come forma e visione era solo strumentalità, che qualcuno ci sia arrivato è buon per lui, ma è la politica ( non in senso statale ) dietro che continua a sfuggirvi.

            Poi arriva Francesco, che vuole consegnare il culo al nemico, e Peucezio, che crede si possa ancora far qualcosa MA, fagli passare 1000 anni, e l’Islam, il Buddismo od il secolarismo saranno le radici giustificabili del futuro.
            Peccato entrambi ci si debba decomporre prima, 1000 de rottura di palle solo pé vedeje addosso st’ipocrisia del genere, poi me brucio vivo…

    • Francesco says:

      >>> se ne andava in giro per il mondo a chieder soldi per la Lega insieme ad altri misteriosi faccendieri (il “Luca” e il “Francesco” ancora da identificare con certezza).

      ecco, NON fatevi venire in mente strane idee, io non c’entro nulla, non c’ero anzi a Mosca non ci sono mai stato e me ne dispiace!

      per una volta – quindi non vale come prova a discarico – il Travaglio dice una cosa intelligente: l’unico modo per apparire sempre senza impiccarsi alle dichiarazioni o alle foto è quello di mentire sempre, sapendo che i tuoi elettori lo sanno e lo approvano

      giusta – ma credo tardiva e in malafede – la nota sulla vera colpa di Berlusconi, però non fate la spia al PD su questo punto o gli parte l’ennesima guerra intestina tra uomini di mondo e donne in viola

      io speravo che ci fosse un complotto per far fuori la Lega sovranista-russofila di Salvini a favore di quella integrata-usofila di Giorgetti ma mi pare di no

      🙁

      • PinoMamet says:

        Insomma, non solo ti piace la Lega, ma pure quella peggiore 😉

        • Francesco says:

          certo, avevi dubbi?

          voglio la secessione e l’annessione* agli USA, possibilmente quelli redneck e non quelli liberal

          avrei detto al Quebec ma pare si sia già rovinato tutto!

          😀

          * o almeno uno status come il Portorico

        • PinoMamet says:

          Andate pure, basta che a Sud del Po ci lasciate in pace 😉

          • Francesco says:

            tanto lo sappiamo che come noi si parte voi seguite!

            😀

          • PinoMamet says:

            Ah sì? a me non risulta affatto, davvero.

            Cosa ha mai copiato l’EmiliaRomagna dalla Lombardia?

            L’influenza milanese (e sottolineo milanese, non lombarda) sul gusto e una certa sensibilità, arrivano a Piacenza, anzi, se vuoi posso essere più preciso e dirti Fiorenzuola.

            Più a est, nessuno vi calcola minimamente, se non per prendervi in giro (scusa, ma è così) come clienti boccaloni.

            Mantova e Cremona sono viste come città “carine, ma insomma”, inoltre sfigate paesaggisticamente perché quelle emiliane hanno almeno alle spalle le colline.

            Brescia e Bergamo sono posti esotici in cui pochissimi si sono avventurati;
            bresciani e bergamaschi sono conosciuti come folla di profanatori della natura, gente che fa qualche ora di viaggio per venire (in massa!!) a cercare funghi sul nostro Appennino col GPS
            (non scherzo; usano questi sistemi di localizzazione per “ritrovare il posto buono”, come se poi il montanaro il posto buono lo dicesse a loro…)

            e sono considerati poco peggio di un’orda barbarica.

            Ogni tanto, contro ogni evidenza, la menate col fatto che avete dei buoni servizi, tipo sanitari, poi sputtanandovi da soli con vari scandali nazionali;
            tutta invidia, naturalmente, perché (se non bastassero vari scandali a sputtanarvi) ognun sa che l’eccellenza sta di casa qui.

            Quindi, boh?

            La Lombardia ha fatto una proposta di autonomia regionale, l’ER ne ha fatta un’altra migliore e soprattutto meno “autonomista” , cioè egoistica, della lombarda.

            Le fantasie secessioniste lombardo venete qui sono sempre state considerate come una scemenza da ubriaconi- quali sono.

            Quindi, ariboh?

            • Francesco says:

              ripeto: un secondo dopo che noi si partisse per andarcene, verreste anche voi, fingendo di turarvi il naso

              siete di provincia ma mica scemi!

              🙂

            • PinoMamet says:

              Ripeto:

              non ce ne frega e non ce ne è mai fregato nulla della fantasia da bar della secessione.

              Siamo mica scemi, appunto…

              e del resto, pure i lombardi e i veneti mica se ne andranno mai davvero.
              Resteranno per sempre tra le palle, fìdati.

              • Francesco says:

                Questo è quello che più temo, perchè la nave imbarca sempre più acqua e fa sempre più fatica a restare a galla.

                A un certo punto si capirà che la fantasia da bar è la scialuppa di salvataggio. Oppure si affonderà.

    • daouda says:

      Grande articolo? Ma non ti rendi conto che vuole rincojonire la gente facendogli credere che dicono bugie quando SONO bugie?
      Sparli dei social, ma perché non capisci che gli è intimato di cazzeggiarvi sopra appositamente?
      SE DIMENTICANO? SUPERFICIALI?

      MM dovresti aver la pelle dura abbastanza per non esse così boccalone, alché, come ho sempre detto, la merda sta in alto ed in basso, e dovunque tu ti trovi il nemico sei tu

  23. Moi says:

    Certo che il ragionamento è curioso… ve la siete voluta, voi cattolici, di considerare automaticamente arruolato nelle vostre schiere chiunque sia battezzato, o chiunque venga da una famiglia di tradizione cattolica, quando vi fa comodo per fare numero?

    (tipo, quando si difende l’affissione dei crocifissi nelle aule e negli uffici pubblici, o la legittimità dell’insegnamento di religione cattolica gestito dalle curie ma pagato dallo stato, con l’argomentazione che “la stragrande maggioranza degli italiani è cattolica”)

    Poi, quando l’identificazione diventa imbarazzante, si cominciano a fare distinzioni cavillose…?

    [cit.]

    ———————————————-

    Allora, io potevo concordare fino ai primissimi Anni Novanta, poi sono arrivati i Musulmani che in tempi ultrarapidi hanno reso il suddetto ragionamento anacronistico e inapplicabile !

    L’ Ultima Speranza è il PaleoContattesimo Universalistico … se riuscisse a ridurre nel Sentire Comune l’ Islam al Complotto dell’ Anunnaki Hubal Governatore d’ Arabia [cfr. il cosiddetto Paganesimo PreIslamico] per conquistare il Pianeta !

    • PinoMamet says:

      Perché il ragionamento è anacronistico?

      • Moi says:

        … l’Islam è una religione strutturalmente fanatica e aggressiva, NON si può guardarla come le fricchettonate degli Hare Krishna : abbiamo una Classe Intellettuale pericolosissima di Ex Sessantottini che credono ciò !

        • Moi says:

          che credono, per ingenuo Orientalismo salottiero di maniera, che gli Imam siano dei Simpatici Sbalinati come i Santoni Hare Krishna … invece STUKA ! 😉

          • Moi says:

            Cmq credo che l’ espressione “ṡbalinè” derivi da “baléina”, ossia “pallottola” … detto originariamente dei soldati sopravissuti a pallottole che li avevano colpiti nella testa, senza ucciderli ma danneggiandone permanentemente parte del cervello.

        • PinoMamet says:

          Non ho capito, se l’Islam è una religione fanatica, allora dobbiamo fingere tutti di essere cattolici credenti?

          Questo sì che è un ragionamento vintage!!

          Davvero, non sentivo certe cose dai tempi che la Fallaci era ancora viva…

          • Moi says:

            Del Sommo Ashin Wirathu che ne pensi ?

            https://www.youtube.com/watch?v=WtBsE668izU

            • PinoMamet says:

              Numero 1: con tutto quello che si può pensare, dire che i Rohingya (o come si scrive) possano davvero imporre leggi islamiche in un paese al 90% buddhista, e nel quale non sono neanche riconosciuti come cittadini, ecco, mi sembra proprio campato per aria;

              numero 2: conosco e frequento i buddhisti (veri, non i poveracci circuiti dalla Soka Gakkai) da più di 20 anni, e ce ne sono di tutti gli orientamenti politici, e direi che i monaci sono non di rado piuttosto conservatori, nche se molti simpatizzanti buddhisti se li immaginano fricchettoni
              (chissà poi perché, in fondo non ci aspettiamo che l’abate benedettino sia un figlio dei fiori…)
              Il Buddhismo Zen giapponese poi è stato pesantemente coinvolto nel militarismo e imperialismo giapponese della prima metà del Novecento…
              quindi le posizioni come quelle di questo monaco non mi stupiscono affatto, come non mi stupirebbe sentire un prete di destra (o di sinistra).

            • PinoMamet says:

              Più di 20 anni…. magari fossi così giovane!

              In realtà sono molti di più…
              (ammazza come passa il tempo!)

      • Z. says:

        Perché lo sia se ne può discutere, ma effettivamente ragionare ai nostri tempi sembra spesso un’attività anacronistica…

  24. Moi says:

    il problema della UAAR e del Vernacoliere & Affini è che vivono “freezati nel tempo” / “chronocryogenizzati” dagli Anni Ottanta in giù …

  25. Moi says:

    la religione metafisica funzia così : è vero tutto ed è vero niente … poiché son per definizione “Atti di Fede” , conta solo a livello di Instrumentum Regni quanta , quale gente e con quale influenza / prestigio / potere a livello sociale creda cosa !

  26. Moi says:

    Cmq UAARoidi 😉 & Affini posson star trànqui :

    oggi come oggi, moltissimi “Occidentali” hanno sostituito i “VIP” dello spettacolo/sport/ etc … agli Anunnaki 😉 , ma è solo forma, NON sostanza ! 😉

  27. Peucezio diceva che Salvini non ci rimetterà con la storia dei rubli.

    In effetti, Il Fatto Quotidiano titola:

    “Sondaggi, Lega in leggera crescita al 37,7. In aumento dello 0,5% il M5s, giù il Pd”

    • Francesco says:

      Miguel, caro ingenuo, in questa fare i sondaggi sono ancora al 100% dipendenti dalla posizione del giornale che li commissiona.

      Per vedere se la storia di Mosca intaccherà il Ciccio, devi aspettare alcune settimane.

      Quando si leggerà di “ritirate strategiche su posizioni prestabilite” allora capireo che ha inciso

      🙂

      • Per Francesco

        “Per vedere se la storia di Mosca intaccherà il Ciccio, devi aspettare alcune settimane.

        Quando si leggerà di “ritirate strategiche su posizioni prestabilite” allora capireo che ha inciso”

        Non lo so.

        Credo che Salvini possa avere seri problemi legali con questa faccenda, che lo coinvolgeranno in un vortice – una specie di Berlusconi senza mega-avvocati e senza Mediaset alle spalle.

        Quindi penso che sia importante.

        Ma concordo con Peucezio che gli elettori italiani (tranni quelli già convinti per altri motivi) se ne fregheranno.

        Se verrà processato e riprocessato, forse qualcuno dirà, “eh basta con questo mezzo delinquente, che non ho capito cos’ha fatto, ma se lo processano sempre un motivo ci sarà”, ma qualcun altro dirà “visto come ti perseguitano se vuoi avere meno spacciatori marocchini sotto casa!”

      • PinoMamet says:

        Anch’io ho l’impressione che agli italiani non gliene possa fregare di meno.
        Cercare alleanze fuori è sempre visto come una cosa positiva (specialmente ora che la posizione italiana in Europa è piuttosto debole); l’antipatia verso l’UE, e di conseguenza la simpatia verso quelli che possono essere visti come suoi avversari, è ancora molto alta;
        la politica italiana ha lunga tradizione nel ricevere denaro e appoggi da Washington e da Mosca
        (mica siamo gli americani, per i quali un appoggio da Mosca è alto tradimento);

        e soprattutto, non gliene frega niente, punto. Non è un tema che scalda.

    • Z. says:

      Ripeto: quando la smetterete di trottare dietro ai sondaggi sarà sempre troppo tardi…

      Detto questo, nel caso di specie sono abbastanza d’accordo. È un tema di interesse, diciamo, modesto per quasi tutti.

      • Peucezio says:

        Fino adesso i sondaggi un’idea approssimativa l’hanno data: bastava aggiungere circa 4 o 5 punti a Salvini ed ecco i voti reali.

        • Z. says:

          I sondaggi hanno cannato alla grande, come sempre. Ma soprattutto, quelli più precisi, e più costosi, erano molto meno precisi dei miei numeri sparati letteralmente a caso prima del voto.

          E a casa Zeta, come MT può confermarvi, c’è chi ha fatto ancora meglio, tanto ha praticamente azzeccato tutti i partiti maggiori, con uno scarto da 0 a minimo. Aggratise.

          Diccelo alla Rai gialloverde, che si rivolga alla House Zeta. Risultati inventati, ma più precisi e più economici. Gratis, anzi!

      • Moi says:

        Veamente la Grande Vestale del Sondaggio è Lilli Gruber … che poi èvisibilmente irritata se la gente “vota sbagliato rispetto a quello che vi avevamo detto” [cit. Sabina Guzzanti]

  28. daouda says:

    MOI sei un clone di merda!

  29. Z. says:

    Cinquant’anni fa ci raccontavano che l’uomo andava sulla Luna, ma era TUTTA UNA BUGGIA DELLA CIA!

    🙂

  30. Mauricius Tarvisii says:

    Quindi a capo dell’Unione avremo il Ministro della Guerra tedesco? A meno che non abbia ottenuto la maggioranza adesso per il rotto della cuffia e per venire impallinata dopo…

    • Francesco says:

      Ministro della Guerra … se ricordo come sono ridotte le forze non più armate germaniche, credo sia un titolo usurpato!

      🙂

  31. Moi says:

    @ ZETA / HABSBURGICUS

    https://ilsimplicissimus2.com/tag/pubblicita-sessista/

    una era questa … poi ce n’era un’ altra _ più o meno coeva, forse un po’ precedente _ a filmato, con una minigonna di jeans sculettante …

    • Z. says:

      Occhio, questa è una pubblicità della Festa, che già da molti anni non aveva più rapporto con l’Unità se non nel nome.

      Quindi puoi dare la colpa al PD ma non a l’Unità 😀

  32. Moi says:

    https://www.secoloditalia.it/2017/08/pubblicita-sessista-palermo-un-cartellone-pubblicitario-diventa-caso-politico/

    Fotogramma finale , circa a metà pagina web , nel periodo alquanto breve dell’ Unità “Tabloid” come Repubblica, ma spessa un decimo ! 😉

  33. Moi says:

    purtroppo NON riesco a rinvenirla, ma … fece una roba analoga perfino _ udite , udite ! _ FamigliaCristiana : una ragazza anch’ ella “callipigia” 😉 inquadrata da tergo con una gonna colorata, ampia ma corta tipo mezzacoscia e la voce fuoricampo che invitava ad andare oltre i luoghi comuni con la frse “mica tutta casa chiesa !” …

    … Anche questa : di’ che riprovino a rifarla adesso ! 😉 🙂 😀

  34. Moi says:

    @ PINO

    Purtroppo però Bologna aprirà uno Starbucksin Via D’Azeglio , cosa che disgraziatamente darà un’ immagine da SocialNetwork di “Piccola Milano” … la cosa è triste, ma queste vampate di Fighettismo Hipster incombono !

  35. Moi says:

    Della Lombardia Mantova mi piace,ma la considero “Città Emiliana Dirimpettaia di Modena risp. al Po” … che infondo è ciò ch’è davvero ! 😉

    … Poi mi piace anche Como, ma è imprescindibile dal Lario e dalle PreAlpi !

    • PinoMamet says:

      Mantova sarebbe quasi una città emiliana, se fosse dalla sponda giusta del Po e se i mantovani fossero più fini 😉
      (calcola sempre che io vivo in provincia di Parma, e vedo un sacco di mantovani universitari…)

      Como non è male, ovviamente è fuori dallo spettro delle città considerate vicine, e assolutamente non tra quelle considerate imitabili o da prendere in considerazione (chi ha mai idea di come sia amministrata o come si viva a Como? a chi gliene frega qualcosa, poi?)
      però ovviamente beneficia molto del paesaggio.

      Comunque non c’entra niente col fatto che l’ER imiterebbe la Lombardia…

      • Francesco says:

        Pino,

        un pochino mi diverto a provocarti, lo confesso!

        ma seriamente penso che l’ER, dovendo scegliere se aggregarsi a una “Padania” secessionista o restare in Italia con il ruolo che prima aveva tutto il Nord (…), finirebbe per scegliere il male minore

        a meno di farsi invadere da San Marino e quindi secedere per conto suo, il che sarebbe in linea con l’idea di Centro del Mondo che pare permeare le piccole città della regione!

        🙂

        • PinoMamet says:

          Francesco:

          1- non provocarmi. Non farlo, punto e basta.

          2-non so come fartelo entrare in testa, ma non ce ne frega proprio niente della secessione, le rarissime volte in cui capita di pensarci ci pare un’enorme idiozia, e comunque la Lombardia non se ne andrà MAI dall’Italia quindi il problema non si pone.
          Mi stupisce che tu possa ancora credere a una simile enormità.

          • Francesco says:

            1 – sono debole di fronte alle tentazioni ma ti dirò una cosa seria: il tentativo dell’ER di vedersi come centro del mondo è buffo, quasi commovente, direi infantile

            2 – il Veneto (anzi, il Triveneto) mi pare sia sostanzialmente già via dall’Italia con il cuore; la Lombardia ha ancora rimusagli unionisti ma la dura legge dei fatti spinge in quella direzione

            3 – quando succederà, e gli argomenti contro l’autonomia regionale differenziata mi fanno credere che succederà davvero, dovrete farvi delle domande.

            ciao

          • PinoMamet says:

            1- Non hai capito un cazzo della mentalità emiliana e non scendo al livello di risponderti.
            Aggiungo solo che è Milano che si considera il centro del mondo, quando è solo il centro della Lombardia e forse neanche tutta. Roma si considera anche il centro del mondo, quando invece è solo il centro del GRA, quindi tenetevi pure compagnia tra voi.

            2- mio fratello passa metà del suo tempo in Veneto e non mi pare sia come dici tu; ci sono moltissimi leghisti ma nessuno di loro andrà mai via dall’Italia, e in fondo sono italianissimi.

            3-cioè tu credi che se non passerà l’autonomia i lombardi si solleveranno in armi a reclamare l’indipendenza?
            Ma va là…

            PS
            Non provocarmi MAI.
            Se proprio vuoi farlo, sii così gentile da darmi il tuo indirizzo di casa.
            Non scherzo.
            Non provocarmi MAI MAI MAI, punto e basta. Tu non mi conosci affatto e non conosci i miei parenti dove stanno e non sai cosa sono capace e cosa credimi in questo momento ho davvero voglia di fare. Sono serio. Non provocarmi porca puttana io non sono uno dei tuoi cattolichini leccaculo tremanti casa e chiesa, non provocarmi e basta o ti giuro che ti faccio passare la più brutta mezz’ora della tua vita.

            • Francesco says:

              1) qui faccio il marxista: la mentalità non mi interessa, secondo me SE si giungesse al punto che dico io conterebbe la realtà della struttura economica e la mentalità tornerebbe dove deve stare, nel folklore

              1.5) Milano è il centro d’Italia, questo è un banale dato di fatto che credo risalga a pochi anno dopo l’unità e non è stata messa in discussione neppure nei periodi di declino perchè non sono sorti altri centri in grado di rivaleggiare

              2) io il Veneto non lo conosco, però da quel che ne appare sui media mi stupirei se non fosse formato al 90% da leghisti, divisi tra leghisti e anti-leghisti

              3) no, affatto, ma i dati dell’economia sono la base reale della vita e, ahimè, puntano verso un bivio (che potremmo chiamare secessione o rovina, per sdrammatizzare un pò). allora la secessione smetterà di essere una fola per pochi

              4) minkia. ma scherzare in generale posso o pure quello non va bene? ti giuro che non ho nessuna voglia di fare a botte, tanto meno nel mio attuale stato fisico di mezzo morto. quindi nel caso posso passare in modalità “Daouda”

              saluti

            • Per Pino Mamet

              “Non provocarmi MAI.
              Se proprio vuoi farlo, sii così gentile da darmi il tuo indirizzo di casa.
              Non scherzo.”

              Se mi inalberassi tutte le volte che mi sento qualcuno mi provoca, avrei chiuso il blog quindici anni fa 🙂

            • PinoMamet says:

              Io però prima chiedo, come vedi: non provocatemi. Se qualcuno insiste lo stesso, logico che ci veda una cattiva volontà da parte sua. Il problema è che qua si vedono solo scritte su uno schermo, mentre siamo persone in carne e ossa, ognuna col suo carattere e il suo limite di sopportazione. Più che avvertire- guardate che è troppo, fermatevi…- non so che fare.

              • Peucezio says:

                Vabbè, ma escludo che chiunque qui abbia mai avuto davvero un’intenzione malevola nei tuoi confronti. Tantomeno una persona tranquilla come Francesco.

                Semmai io eviterei in qualsiasi caso di minacciare personalmente gli altri, sia perché non è civile passare dal piano dialettico e verbale a quello, sia pure virtualmente, fisico, sia perché tanto qui siamo coperti dall’anonimato, abbiamo diritto di mantenerlo (con ciò che questo comporta in termini di incolumità e tranquillità personale) e oltretutto ciò impedisce di mettere in atto qualsiasi minaccia, che quindi suona quantomeno velleitaria.

                Tu sei un’ottima persona, rispettabile, per bene, oltre che acuta e originale. Perché mai a volte ti devi far trascinare dalla tua emotività in queste intemperanze eccessive, senza che nessuno ti abbia lanciato offese o improperi personali (nel qual caso la reazione sarebbe proporizionata e comprensibile)?

              • daouda says:

                quindi se je scivemo ebreo de merda che sogna Sizzi la notte diventa n macello…

  36. Moi says:

    Oppure il Crocifisso può piacere semplicemente proprio perché “trigghera” la Sx Fighetta da Schieramento “Buoni” in un puntatone di Lilli Gruber 😉 …

  37. Moi says:

    Oppure paradossalmente “NeoPagana” … ad esempio, verosimilmente : il Selvaggio del Borneo che _ c…zzo ne so … _ si fa la collana di denti di orangutan per tenere lontani gli Spiriti Maligni, fa un ragionamento di tipo funzionale sulla base di un sistema di credenze ! Ecco … il Principio del Crocifisso (funzionalmente presunto amuleto) Anti Intellettualoni Fighetti / Imam Invasati è lo stesso.

  38. Moi says:

    Be’, il punto è che in Italia spesso è preferito il danno a un nemico rispetto a un beneficio a sé stessi … come “strumento operativo”, fa brodo qualsiasi roba !

  39. daouda says:

    Possibbile che la cosa scontata che era l’acool ciavete messo del tempo a tenella a mente?

    Possibbile che l’islamo-eco-vegani non siano da subito stati accompagnati dal femminismo??

    ( fermo restanto che i diritti espressi da queste amenità è solo per giustizia sogiale )

    Non è affatto anomalo vedere LGBT camminare a spasso con manifestanti muzulmani. Il motivo dovrebbe esservi chiaro, ma voi continuate a non capire il gioco.

    Voi continuate a credere che esista ( Pino Pino…quanto mi dispiace per voi ) uno stato israeliano che gestisca, obblighi e cose varie.
    Quello stato là è un pupuazzo, è gestito da altri ( Londra e Mosca ), sono gli Stati Uniti ancora una volta il bersaglio da combattere come il propulsore per implementare merda, e questa doppiezza intrinseca non riuscite a collimarla insieme, e nemmeno capite perché l’Italia è praticamente accerchiata in ogni modo, così quasi che l’ascarismo nostrano non sia anzi da disprezzare, ma sia da ben valutare e vedere, ma questo è troppo per i vostri deboli stomaci.

    E chi si butta a destra crede nelle opportunità, ma la scuatra è di sinistra, poracci chi vi vedono cambiamenti.
    Ed i sinistri estremi piangono, mentre il loro mondo si realizza, non comprendendo la magnificenza della strategia che non può tener conto di una misera vita di durata media se deve riplasmare l’umano.

    • PinoMamet says:

      “Voi continuate a credere che esista ( Pino Pino…quanto mi dispiace per voi ) uno stato israeliano che gestisca, obblighi e cose varie.”

      mah, Israele è un paese piccolissimo, e credo che senza gli Stati Uniti sarebbe finito da un pezzo.
      Poi mi vengono a raccontare le cose dell’esercito israeliano invincibile e così via
      (grazie al cazzo… la volta che sono stati attaccati seriamente se la sono vista brutta e senza americani non so come sarebbe andata a finire) e di loro che sono tanto geniali ecc.
      ma io li ho visti all’opera e li conosco e sono come noi italiani, peggio di noi italiani.

      un’altra cosa che non mi torna nella narrativa ufficiale è l’URSS che adesso dicono che ostacolava l’immigrazione ebraica in Israele, quando invece ci ha scaricato migliaia di russi un po’ a cazzo…

      e la terza cosa è la guerra all’Iran, che secondo me non si farà mai.

      PS
      sui kurdi, non chiedevi a me, ma a me stanno sottilmente sul cazzo. Non ho ancora capito bene perché, ma ci sento puzza di falso, dietro tutte le loro menate con la brigata femminista e quella LGBT e pure Zerocalcare…
      mah, mi sembra ci sia dietro una grossa macchina propagandistica, che al confronto le foto di belle ragazze, saltuariamente ragazzi, di Tsahal, è roba da principianti.
      Ma la mano sotto, creativamente parlando, è chiaramente la stessa.

      • daouda says:

        Londra e Mosca Pì . Quello è uno stato che non esiste, e vuole solo portare lì quelli ortodossi ( sionisti o meno che siano ) pé uccideli.

      • daouda says:

        E’ come se uno si fa la domanda: a livello de spionaggio, depistaggio, disinformazione e guerre nel mondo, chi è che ha vinto la Guerra Fredda?
        Visto che l’URSS non c’è più, dici Stati Uniti. E’ questo che è fantastico.

        I siti e le congreghe dei cattolici tradizionalisti ( che prendono soldi da e sono pieni di infiltrati di ) idolatrano il pedofilo Putin, ma io ripeto che se piano Kalergi è, in Russia và alla grande mentre da noi è copertina.
        Tutto per ribadire che quello stato là, da cui devi disaffezionarti per la sua eresia con cui hanno plagiato ( ma i capoccia rabbinici sò collusi ) gli ebrei – eresia centrista dissimile da quella dei presunti integrali tradizionalisti , eretici anch’essi controaltare dei progressisti, che vede i cattolici divisi in due fazioni generiche mentre il sionismo cerca , pur queste presenti, di accorparle, quando invece è esso stesso l’iniquità e l’infamia – è pupazzo non gestore.
        Ma non continuerai a capire fin tanto che non ti accorgerai del camaleontismo sovietico, perché l’URSS non è mai finita, ed ugualmente delle sue relazioni importanti con il modello culturale ( estetico-ermeneutico per dirla a cazzo ) del mondo anglofono.

        Per questo non mi stancherò mai di ripetere lunga vita agli Stati Uniti della Old Right, che finché campano, sono garanzia del globo.

      • Peucezio says:

        Pino,
        “un’altra cosa che non mi torna nella narrativa ufficiale è l’URSS che adesso dicono che ostacolava l’immigrazione ebraica in Israele, quando invece ci ha scaricato migliaia di russi un po’ a cazzo…”

        Ma quello non è stato solo a partire dalla Perestroika? Non c’era stato il tappo fino ad allora?

        • Per Peucezio

          “Ma quello non è stato solo a partire dalla Perestroika? Non c’era stato il tappo fino ad allora?”

          Sarà facile trovare in rete cose più attendibili, ma mi ricordo i mercatini degli ebrei russi a Roma, che facevano finta di emigrare in Israele e invece andavano (giustamente) altrove, negli anni Settanta.

          • Z. says:

            Cioè passavano per Israele per emigrare?

            • Per Z

              “Cioè passavano per Israele per emigrare?”

              Facevano finta di voler andare in Israele, poi andavano negli Stati Uniti o in Germania.

              • Z. says:

                Ochei, ma materialmente come funzionava? Arrivavano a Tel Aviv e da lì si imbarcavano per gli Stati Uniti, tipo?

              • Per Z

                “Ochei, ma materialmente come funzionava? Arrivavano a Tel Aviv e da lì si imbarcavano per gli Stati Uniti, tipo?”

                Non ho la minima idea, all’epoca non mi sono informato.

                Vedevo “i russi” che avevano occupato una vasta parte del mercato di Porta Portese, con cianfrusaglie domestiche affascinanti.

                Posso ipotizzare che fossero scesi a Roma e avessero saltato l’ultima tappa del volo, ma davvero non so altro.

        • Francesco says:

          Peucezio

          a memoria, ci fu un accordo USA-URSS che comprese il diritto all’emigrazione degli ebrei sovietici che lo avessero voluto

          credo anni ’70 o ’80 del secolo scorso ma epoca di Guerra Fredda, non di Perestroika

  40. mirkhond says:

    I Curdi sono uno degli ultimi miti della sinistra militante più estrema.
    Nessuno però dice dei villaggi cristiani siro-giacobiti vessati da lorsignori al tempo del PKK di Ocalan (forse di origine armena, ma la questione è controversa).

    • daouda says:

      A Mì dei cristiani ( che poi vengono colpiti i cristiani seri e reali qualunque confessione abbiano ) nun je ne frega n cazzo a nessuno.

      Qua come altrove ce sta solo na manica de artificiali piagnoni in realtà, pure si alzeno la voce e fanno e creano.

      Cosa buffa la vuoi sentì : er comitato de quartiere de zona mio ( come poi ho sempre accusato l’Oltrano ) sta a diventà n’apparato de mediazione burocratico, e sto a notà cose simili mano a mano un po’ ovunque, grazie all’innovazione digital-telematica dei social utilizzabili , nel senso di resi utili infine invece di essere NO.

      Follia che non merita di esser chiari, non meritamo n cazzo

  41. mirkhond says:

    A parte che il mondo curdo è una galassia molto complessa e con molte differenze al suo interno, linguistiche, religiose, culturali.
    La realtà curda che ci viene presentata dai mass-media è solo una piccola parte di quella realtà.
    Ricordo ancora come anni fa, un kebabbaro curdo della Turchia, alevi e comunista mi disse che i Curdi non saranno mai un unico stato, per le troppe differenze al loro interno.

    • daouda says:

      Non è che hanno differenze, è semplicemente che l’etichetta di Curdo non ha senso perché i curdi non esistono.
      Stop.

    • Per Mirkhond

      “A parte che il mondo curdo è una galassia molto complessa e con molte differenze al suo interno, linguistiche, religiose, culturali.”

      Infatti.

      Come sai, io mi sono appassionato alla storia degli inglesi in Italia nell’Ottocento.

      Quasi tutti spasimavano per il Risorgimento (a parte la saggia Ouida), e qualcuno si è anche impegnato in prima persona.

      Lo facevano con grande idealismo e in perfetta buona fede. Sognavano un’Italia redenta, libera, felice, creativa.

      A circa due secoli di distanza, TUTTI saranno d’accordo che l’Italia unita è un paese banale, imperfetto, non migliore di qualunque altro, perché – come tutti i paesi del mondo – è gestito da gente mediocre che si fa i propri interessi. Su questo penso che tutti qui saranno d’accordo, da Pino Mamet a Mirkhond.

      Per questo, io non ci casco nella kurdomania attuale: non vuol dire che io sia contrario alle eventuali (e molteplici) cause kurde; semplicemente so con certezza che tra cent’anni, il Kurdistan, se nascerà, sarà un paese di burocrati, truffatori, brava gente che tira a campare e così via, indistinguibili da quelli dall’altra parte della frontiera.

      • mirkhond says:

        Nel migliore dei casi.
        Nel peggiore sarà un paese dialaniato da insanabili conflitti religiosi, tribali etnici, con spinte separatiste ecc.

        • mirkhond says:

          Quanto agli inglesi, già nel 1863, lord Henry Lennox, già entusiasta dell’unità d’Italia anche per le lettere antiborboniche farlocche di Gladstone, visitando le prigioni dell’ex Regno delle Due Sicilie, al suo ritorno in patria in parlamento deunciò le terribili condizioni cui erano sottoposti i detenuti napoletani (circa 80.000 nel 1863), spesso arrestati e trattenuti per anni nelle carceri del nuovo ordine sabaudo senza saperne le accuse, senza poter vedere i propri legali e i propri famigliari, con altissimi tassi di mortalità e di suicidi.
          Purtroppo, a differenza delle denuncie di Gladstone, quelle autentiche di Lord Lennox non servivano agli interessi britannici, e così ancora per molti anni nelle Due Sicilie conquistate si continuò a soffrire e a morire.

        • mirkhond says:

          dilaniato

        • Per Mirkhond

          “Nel migliore dei casi.”

          Esatto. Con tutto rispetto per la tua posizione proprio antirisorgimentale, citavo l’Italia proprio perché è banale, non c’è nulla di particolarmente tragico (a parte guerra e fascismo e dintorni, ma è storia vecchia)…

          • mirkhond says:

            Beh, di tragico ci sono stati i primi 10-15 anni dell’unità, soprattutto da noi.
            Oltre alle altre tragedie che hai citato.

      • PinoMamet says:

        ” non vuol dire che io sia contrario alle eventuali (e molteplici) cause kurde; semplicemente so con certezza che tra cent’anni, il Kurdistan, se nascerà, sarà un paese di burocrati, truffatori, brava gente che tira a campare e così via, indistinguibili da quelli dall’altra parte della frontiera.”

        ho letto un’intervista a Golda Meir nella quale diceva che, alle prime condanne per furto in Israele, ci rimase male, perché, in qualche modo, si aspettava davvero che quello sarebbe stato un paese diverso dagli altri…
        invece, salta fuori che è un paese banalissimo, uguale a tutti gli altri, con gente che si fa i propri interessi.

        PS
        Naturalmente sono d’accordo con la descrizione dell’Italia di Miguel.

        • Z. says:

          Capisco Golda Meir, però.

          Nel senso che per quanto non ho dubbi che in Israele (come altrove) ci siano anzitutto persone comuni, con gente che si fa i propri interessi (e non solo i propri) come le persone comuni sono solite fare, si tratta di un Paese nato e connotato in maniera molto particolare.

          L’Italia è il Paese degli italiani, la Francia è il Paese dei francesi, Israele è lo Stato ebraico – anzi, se non sbaglio, da qualche anno è proprio ufficialmente lo Stato-Nazione del popolo ebraico.

          Non è qualcosa di completamente simmetrico, insomma, e nemmeno desidera esserlo.

          • Z. says:

            (il che ovviamente non significa che non ci sia gente che pensa ai propri interessi soprattutto, e gente più altruista per cui gli altri vengono prima, come ovunque. Significa che capisco la prospettiva di Golda Meir, e il suo disappunto)

          • daouda says:

            perché lo stato sionista è lo stato degli ebrei, che sono una religione.

            L’inghippo è che esso nega la sua religione ahahahah

  42. mirkhond says:

    Esistono popolazioni linguisticamente appartenenti al ceppo iranico occidentale, le cui parlate non sono mutualmente comprensibili, che in epoca recente sono stati accomunati come Curdi, perché abitanti nell’area tra gli Zagros settentrionali, il Tauro Armeno, gran parte del territorio della Grande Armenia storica e delle pianure dell’Alta Mesopotamia.

    • daouda says:

      Esatto Mì. E grazie.

      Io scrivevo comunque a quel falso ritardato di IO NON STO CON LA CREPATA che è un pusillanime prima di essere uno stipendiato.

  43. Moi says:

    In effetti c’ è da diffidare del “Romanticismo CheGuevaresco” di cui Centri Sociali OKKupati ammantano i Kurdi ad ogni occasione …

    • Mauricius Tarvisii says:

      Il discorso che fanno e di cui diffidi è molto diverso: perché tutti hanno il proprio stato imperfetto e loro no? Per esempio, se ti fosse negata la libertà di parola, sarebbe sacrosanto che tu la rivendicassi, a prescindere da quanto sensate saranno le affermazioni per le quali la utilizzerai.

      • Moi says:

        lo Stato Nazione è un problema solo se composto di popolazioni autoctone Europee di tradizioni piùo meno “cristiane”, ormai lo ha capito chiunque !

        (NON ci provate con l’ AfroCentrismo … O vi rispondo con il NeoAnunnakesimo ! 😉 …)

      • daouda says:

        smettila merda

  44. Moi says:

    SEGNALAZIONE PESISSIMA

    https://www.lastampa.it/cronaca/2019/07/15/news/svastiche-fucili-e-un-missile-trovato-in-un-garage-l-arsenale-dei-neofascisti-1.37047640

    Svastiche, fucili e un missile [WTF ?! , ndr]. Trovato in un garage l’arsenale dei neofascisti :

    Blitz dell’antiterrorismo in Lombardia. Arrestate tre persone. Hanno tentato di vendere le armi ai combattenti del Donbass

    • Francesco says:

      1) il missile è un vecchio missile aria-aria privo di testata esplosiva. un grosso fermacarte, come pericolosità

      2) hai notato la virata “total black” della Marvel? il nuovo Capitan America è nero, il nuovo Iron Man è nero, il nuovo re di Asgard è una tappetta nera … resta solo la bionda e iper-femminista Capitan Marvel. Fortuna che ci sono anche i film della DC, sia pure più bruttini

      😀

  45. daouda says:

    x Z:

    http://www.taxresearch.org.uk/Blog/2011/11/25/tax-evasion-costs-the-world-3-1-trillion-a-year-more-than-5-of-world-gdp/

    da cui il ragionamento:

    “In Danimarca, secondo lo studio comparativo di Richard Murphy con i dati migliori disponibili su 145 paesi, il singolo evasore medio (figura mitologica ovviamente) evade il 25% in più di quello italiano. Ma essendo il PIL pro capite danese quasi doppio di quello italiano, la percentuae sul PIL è minore. Il danese ruba più che l’italiano, ma rubando in una rconomia molto più ricca fa un danno minore.
    Il mio discorso al riguardo è che non si tratta di danei più virtuosi, ma di danesi più ricchi. Se in italia gli evasori continuassero ad evadere la stessa identica somma ma l’economia italiana crescesse come quella danese, gli italiani sarebbero del 25% più viryuosi che i danesi.
    Quindi il mio ragionamento vuole essere una critica, magari sbagliata, all’atteggiamento moralistico verso l’evasione fiscale.
    Gli italiani non sono più ladri degli altri, ma hanno la peggiore combinazione nel mondo sviluppato di tassazione altissima e reddito pro capite basso. ”

    “Prendendo i dati di Murphy nel caso delle economie sviluppate si ottiene l’ovvio, ossia che esiste una relazione diretta tra evasione e livello di tassazione, ossia più alte sono le tasse e più vengono evase. Poi ovviamente c’è anche una relazione inversa matematica tra evasione assoluta e PIL pro capite, per cui ovviamente più grande è il PIL pro capite e minore è il peso dello stesso valore assoluto di evasione.
    Così, a pressione fiscale analoga, il danese risponde in maniera ancora meno “virtuosa” dell’italiano ed evade il 25% di più che l’italiano, anche perché ha maggiore possibilità di farlo, avendo un reddito disponibile quasi doppio. E proprio questo reddito quasi doppio rende però la situazione più virtuosa, con un peso complessivo per l’evasione in Danimarca di oltre il 3% inferiore all’Italia.
    Prendendo altri stati si ha l’ovvio. Negli USA, con tassazione bassa, soo molto virtuosi. vasione pro capite 1.078 $, 2,31% del PIL.
    In Germania, tassazione intermedia, siamo su valori intermedi: 2.629 $ pro capite, 6,50% del PIL. In effetti u po’ sotto l’attesa.
    Nella presenta virtuosa Svezia, con tasse molto alte e PIL p.c. elevato, l’evasione p.c. supera quella italiana col 4.517 $, ma sul PIL incide per il 9,01%.
    La riprova si ha con il Belgio, che ha una tassazione poco più bassa di quella italiana e un PIL p.c. poco più alto di quello italiano. E senza sorprese si ha la situazione simile a quella itaiana, con evasione p.c. superiore a quela italiana, 4.332 $, e incidenza sul PIL alta ma inferiore a quella italiana, 10,41 %. Purtroppo lo studio non non distingue vallonia da fiandre, ma scommetto che l’Iyalia somiglia più alla vallonia.
    Insomma, il comportamento di evasione fiscale italiano non ha niente di anomalo. Quel che è anomalo degli italiani è avere tassazione altissima e reddito pro capite basso. Ma questa è una faccenda politica, non morale, e la si risolve con politiche economiche, non con repressione fiscale.”

    “Quel che volevo dire nel passaggio del mio articolo, era che da una parte non esiste questa pretesa santità fiscale dei danesi. I danesi ad evadere ci provano più o meno come gli italiani. Grazie al loro sistema fiscale i danesi poi nell’evadere hanno meno successo che gli italiani. E, ma questa ovviamente è un’opinione personale, il sistema di controllo fiscale danese è meno repressivo di quello italiano. Piuttosto, come molte cose danesi, è molto più efficente. In Danimarca non usano ganasce fiscali o ipoteche fiscali, ma la probabilità di essere scoperti quando si evade è molto più alta che in Italia. I danesi ci provano lo stesso ad evadere, ma molto spesso gli scoprono. E anziché minacciarli di morte come in Italia gli viene chiesto tranquillamente di pagare il dovuto, con sanzioni minori che in Italia, con moltissime possibilità di rateizzazione e/o di dilazioni. Per le grosse frodi invece in Danimarca c’è la galera.
    L’altro punto che volevo dire, e che mi pare che anche le tue elaborazioni confermino, è che in Italia si evade più che in Danimarca, ma non “mostruosamente” di più come in genere viene detto.
    La parte di gettito fiscale in più che gli italiani sottraggono allo stato non giustifica in nessun modo la mostruosa (questa sì mostruosa) differenza di servizi sociali e in generale efficienza nei servizi pubblici tra Italia e Danimarca.
    Il segreto della Danimarca sta nella sua ricchezza, non nel’avere una evasione minore di quella italiana, ma non così tanto minore come dicono i miti italiani. E il fatto che la Danimarca, più povera di risorse che l’Italia, riesca ad essere il paese più ricco dell’UE dopo il Lussemburgo, va a merito dei danesi e a demerito degli italiani.
    I politici danesi quando ne hanno la possibilità rubano quanto i politici italiani. E’ il loro sistema a tenere sotto controllo la tendenza dei loro politici a rubare, non una fantasiosa maggiore propensione nordica all’onestà. “

    • daouda says:

      fermo restando che comunque il dato và correlativizzato al potere d’acquisto. I siti che mi avevi linkato da qualche parte dicono solo cose strane

    • Z. says:

      Ti ringrazio. Il tema a mio avviso è interessante e non scontato. Dammi un paio di giorni, appena ho modo ne riparliamo.

      • daouda says:

        ok

      • Francesco says:

        “interessante e non scontato” è un capolavoro di understatement

        il confronto in valore assoluto (i danesi evadono 50 copechi, gli italiani 20 copechi, i kosovari 3 copechi) non ha nessun senso, in ogni caso

        vi seguirò

        • daouda says:

          Tu sì che hai capito…

          • Francesco says:

            quando si tratta di soldi sono nel mio elemento naturale!

            🙂

          • daouda says:

            non è in valore assoluto a cazzo, affatto

            • Francesco says:

              sì invece, caro mio, tutto quello che non è banale nel testo è sbagliato perchè tratta valori assoluti

              sei mica un sottosegretario di questo governo, quando non sei qui?

            • daouda says:

              il valore assoluto è correlato al PIL mentre, ed andrebbe fatto, non c’è correlazione col potere d’acquisto che però è difficile da scorporare quando alcuni servizi sono garantiti ab origine e si tende a non conteggiarli.
              In tal caso , anche in valore assoluto, in Italia si evade di più.

              Tu continua a legge i testi non aprì la tabella che sinnò te fanno male l’occhi

  46. Z. says:

    In epoca di inni alla castrazione del prossimo, noi preferiamo la giustizia che sa mostrare il suo lato umano.

    https://palermo.repubblica.it/cronaca/2019/07/20/news/ciancimino_jr_lascia_il_carcere_e_va_ai_domiciliari_per_motivi_di_salute-231628725/

    Conto di rileggere il suo blog, non appena si sarà rimesso!

  47. Z. says:

    Scopro oggi che Roma ha un Cimitero Teutonico, e i criteri per la sepoltura laggiù. Non ne sapevo niente.

    Veh che ignorante che sono.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *