dopo il PICCO SI PRECIPITA

Sono giorni di lavoro molto intenso, per cui ho poco tempo da dedicare al blog.

Stamattina vado sul sito ilmeteo.it, con la scusa di vedere come sarà la giornata, in realtà per godermi le meravigliose creazioni del mio Titolista Preferito.

Oggi leggo ben due capolavori dell’Anonimo, che non delude mai:

sarà una SETTIMANA da INCUBO, da Martedì scende il POLO NORD, pioggia e NEVE

TEMPERATURE SHOCK! IMMINENTE CROLLO TOTALE, dopo il PICCO si PRECIPITA

Poi vado su Repubblica. Lì sono molto meno bravi a scrivere, ma hanno più materiale a disposizione:

verona
Fan di Salvini mostra alla poliziotta il fondoschiena E fa il saluto romano

Siccome il “video è diventato virale”, il ministro degli interni molla il barattolo di Nutella, smette di farsi i selfie e prende il telefonino per chiamare in persona la poliziotta in questione.

Viene premiato anche lui con un Titolo:

Salvini chiama la poliziotta offesa da un suo fan a Verona: “Gli agenti si rispettano”

Il video dell’insulto è diventato virale. Il ministro: “Le forze dell’ordine non devono essere sfiorate”

A Verona non hanno capito ancora che chi porta la pistola, non si tocca nemmeno con un fiore. Tutt’altra aria a Taranto, dove le donne che hanno fatto della guerra un mestiere si celebrano con i picchetti d’onore:

Picchetto per Rosa Maria e Lorella: la prima unione civile tra due militari della Marina

Tenente di vascello l’una e sottufficiale l’altra, si sono sposate in divisa

Di “Rosa Maria” e “Lorella” ignoriamo i cognomi, proprio come succede con “suor Cristina”, e questo ci dà un’interessante idea del ruolo delle suore nell’immaginario italico:

LO SHOW
Per suor Cristina ‘Ballando con le stelle’ è un mondo meraviglioso

E poi:

“Forte dei Marmi
Arriva Brooke di Beautiful e indossa il bikini-gioiello da 100mila euro

Sempre dai titoli, scopriamo che Zuckerberg ha arruolato un nuovo lavoratore volontario:

“La vendetta un piatto freddo, più freddo e più si gusta”. Con queste parole, Filippo Marraro, 51 anni, si preparava ad uccidere la moglie Loredana Calì, 40 anni, dalla quale si stava separando. Parole scritte sul suo profilo Facebook dove, già prima del delitto, si definiva “vedovo”.

Visto che non lavoro per Zuckerberg, non so quanti Like abbia guadagnato così il signor Marraro.

Ma ci sono questioni molto più importanti:

“Luxuria contro Irama: ”Fare a pugni con un trans’ strofa vergognosa, canzone va boicottata”

Nell’ultimo brano del cantante, “Stanotte”, c’è il verso “fare a pugni con quel trans”. Secondo Luxuria è un incitamento alla violenza, e dunque la canzone di Irama va boicottata.”

Questa volta sono apposto con la coscienza, già boicotto il signor Irama, visto che non ho la minima idea di chi sia e non voglio saperlo.

E persino se Luxuria gli fa pubblicità gratuitamente, non intendo perdere tempo per saperne di più.

 

Print Friendly, PDF & Email
This entry was posted in Censura e controllo globale, Cialtroni e gente strana, giornalisti cialtroni and tagged , . Bookmark the permalink.

54 Responses to dopo il PICCO SI PRECIPITA

  1. mirkhond says:

    “ignoriamo i cognomi, proprio come succede con “suor Cristina” ”

    Suor Cristina Scuccia.

    https://it.wikipedia.org/wiki/Suor_Cristina

    • PinoMamet says:

      J-Ax deve essere rimasto fulminato da Sister Act, queste suore canterine/ballerine già le metteva nei video prima di lanciarne una vera;

      è anche una cosa molto burina, provinciale, forse in parte volutamente; ma all’epoca si chiamavano Spaghetti funk (la produzione) e insomma l’estetica era quella.

  2. Francesco says:

    secondo me dedichi troppa attenzione alle puttanate

    se esageri, non solo corri il rischio di diventare cieco 😉 ma anche di bearti troppo della tua oggettiva superiorità morale e intellettuale

    che fa sempre male

    ciao

    F o’ snob vanitoso con sensi di colpa

  3. Il mio TITOLISTA PREFERITO oggi annuncia:

    SETTIMANA NERA! Da Martedì 2 e almeno fino a Sabato 6 Aprile, PIOGGE,

    PESANTISSIMA ALLERTA METEO UFFICIALE, Mercoledì e Giovedì PERICOLO

    TEMPERATURE in CADUTA LIBERA, torna FREDDO! Tra poche ore TRACOLLO di 10°C

  4. Moi says:

    “Maledetti AntiCicloni Africani … tornassero a far caldo a casa loro !”
    [cit.]

  5. Guappex says:

    Ca$$o: il tuo titolista preferito non ha parlato della prevista invasione di mostri Aniba? Che delusione.
    😀

  6. roberto says:

    poi mi chiedo se devo diminuire lamia impronta ecologica rinunciando a qualche viaggio

    https://www.repubblica.it/esteri/2019/04/03/news/i_ricchi_nigeriani_ordinano_la_pizza_a_londra_la_consegna_la_british_airways-223159426/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P13-S1.4-T1

    ha ragione peucezio su questo, il comportamento individuale va incoraggiato con obblighi, divieti e bastonate

    • PinoMamet says:

      Probabilmente con gli stessi soldi in Nigeria potrebbero direttamente aprirla, una pizzeria.

    • Peucezio says:

      Poi non ho capito: la pizza ora si ordina da Londra?
      Perché non ordinare un bel piatto di carbonara dalla Danimarca allora?

      • Francesco says:

        😀

        secondo me i riccazzi nigeriani credono che in Europa ci sia solo Londra (e rispondo anche a Pino: che gusto ci sarebbe? il figo è che arriva da Londra, mica che sia buona)

        • roberto says:

          concordo con francesco

        • Peucezio says:

          “in Europa ci sia solo Londra”

          Ma quando cazzo esce??

          • Francesco says:

            non mi confondere un concetto cultural-antropologico con una burocrazia!

            Londra sarà sempre Europa, come Parigi, Berlino, Vienna, Madrid, Varsavia, Praga, Pavia e Venezia

            • mirkhond says:

              Solo che gli Inglesi si sentono europei a targhe alterne e quando gli conviene.
              Ah Guerra dei Cent’Anni!

              • Francesco says:

                credono che gli inglesi si sentano “i migliori europei” sempre

                solo che ondeggiano tra una vecchia politica di respiro mondiale e una nuova realtà che li vede molto ridimensionati

                ah, pure i francesi e i tedeschi sospetto si sentano “i migliori europei”

                spagnoli e italiani, temo, sentono troppo la differenza rispetto ai tempi della loro gloria per non essere depressi – una roba tipo “eravamo di gran lunga i migliori”

              • Peucezio says:

                Gli inglesi si sentono solo inglesi e, più che ondeggiare, si muovono con spregiudicatezza, cercando di lucrare dei vantaggi dell’una e dell’altra collocazione (sanno che i loro fratelli statunitensi li proteggono, ma conviene loro tenere un piede in Europa per poterla tenere divisa e destabilizzarla, ma se il piede diventa un vincolo per loro, diventa controproducente, ecco i dubbi di questi mesi).
                Gli inglesi non disprezzano gli americani (a parte un po’ di snobismo più folcloristico che reale), perché sarebbe come disprezzare sé stessi (alla fine è la lingua che fa un popolo), ma per il resto si sentono superiori a tutti e credo sentano l’appartenenza all’Europa poco più che come un accidente geografico, d’altronde hanno sempre avuto una proiezione più marittima che continentale: Nord America, Africa, India, Australia, ecc. ecc. ecc.

            • roberto says:

              di nuovo d’accordo con francesco.

              sai quanto se ne impipano i ricconi nigeriani della Brexit o dello status del Regno (chissà per quanto) unito?

              • Peucezio says:

                Ma perché non se la fanno recapitare direttamente dall’America?
                Da quando, per degli ignorantoni nigeriani (ma di ovunque) la vecchia Europa è più figa degli Stati Uniti?
                Quale cozzale nel mondo guarderebbe compiaciuto intellettualistici e noiosi film europei anziché vivaci film d’azione hoolywoodiani?
                E così più o meno per tutto.

              • Francesco says:

                la Nigeria è stata una colonia britannica e credo che i legami, soprattutto a livello di classi dirigenti, culturali in primis, siano molto più forti di quello che possiamo immaginare noi.

            • Peucezio says:

              Francesco,
              semmai è il contrario.
              Con la Brexit, se si attuerà, Londra ritroverà la sua naturale e secolare collocazione atlantica e antieuropea.

              • Francesco says:

                Ma Londra è Europa, solo in versione più saggia, meno sanguinaria e meno burocratica (cit. da un inglese archetipico).

                Tra l’altro, l’odio inglese per le regole scritte lo ascriverei direttamente alla continuità Mediovo-Età attuale, loro non hanno mai avuto la rivoluzione francese. Anzi, la hanno sconfitta.

                Prova a pensare che non sentono il bisogno di una Costituzione …

  7. mirkhond says:

    Infatti.

  8. mirkhond says:

    “Gli inglesi non disprezzano gli americani (a parte un po’ di snobismo più folcloristico che reale), perché sarebbe come disprezzare sé stessi (alla fine è la lingua che fa un popolo), ma per il resto si sentono superiori a tutti e credo sentano l’appartenenza all’Europa poco più che come un accidente geografico, d’altronde hanno sempre avuto una proiezione più marittima che continentale: Nord America, Africa, India, Australia, ecc. ecc. ecc.”

    Le conseguenze della Guerra dei Cent’Anni.

    • Peucezio says:

      In effetti è vero: fino ad allora, almeno da Guglielmo il Conquistatore Inghilterra e Francia (e quindi Europa occidentale postcarolingia) facevano parte di un unico spazio integrato.
      D’altronde non c’erano nazioni in senso moderno, ma aristocrazie, dinastie e popoli (si intende i popoli guerrieri come i normanni, non certo i contadini) molto mobili.

  9. mirkhond says:

    Non a caso Cardini in un articolo sulla Gazzetta del Mezzogiorno di molti anni fa, disse di non amare Giovanna d’Arco proprio per la perdita delle avite terre francesi da parte dell’aristocrazia anglonormanna, portando l’Inghilterra a diventare un paese insulare con tutte le conseguenze devastanti che queste hanno avuto per il Cattolicesimo e per la stessa storia italiana.
    Un’Inghilterra francese, secondo Cardini, sarebbe rimasta un paese cattolico e non ostile all’Europa.

    • Francesco says:

      Se penso a quanto vicina a non essere più cattolica sia stata la stessa Francia …

      il vero lato positivo sarebbe stato indebolire il primo rivale dell’Impero, magari Carlo V sarebbe riuscito a riunire l’Europa!

      PS la Guerra dei 100 anni è prima o dopo le Crociate? perchè alle Crociate gli inglesi c’erano eccome. e Riccardo Cuor di Leone sequestrato per soldi giustifica ogni odio anti-europeo dei britannici, direi.

      • mirkhond says:

        “la Guerra dei 100 anni è prima o dopo le Crociate?”

        Dopo (1337-1453),

        • mirkhond says:

          “Riccardo Cuor di Leone”

          Riccardo Cuor di Leone che parlava in Francese e in Occitano, lingue in cui compose anche delle poesie secondo la tradizione trobadorica di cui era figlio.
          Ah, e visse gran parte dei suoi 42 anni di vita (1157-1199) nelle terre francesi di famiglia.
          Il vero Riccardo di inglese aveva poco e nulla.

          • Francesco says:

            tranne la Corona …

            😀

            PS la storia del suo sequestro mi pare degna dell’ISIS, pur coinvolgendo il fior fiore della nobiltà europea dell’epoca

  10. PinoMamet says:

    Copio e incollo (no, magari… copio a mano e traduco) questo da FB
    (non lo condivido ma lo trovo divertente)
    autore tal Tobias Liedermann

    UK: Per il regalo d’addio, voglio un unicorno!
    UE: Gli unicorni non esistono, caro, ma puoi avere un pony
    UK: Voto contro il tuo pony!
    UE: Ne abbiamo già discusso prima: o un pony o niente
    UK: Voto contro il pony!
    UE: Ok, allora niente.
    UK: Voto contro il niente!
    UE:..proprio non ci arrivi, eh?
    UK: Voglio più tempo per decidere!
    UE: Tra il pony e il niente?
    UK: Voglio un unicorno!!

    • roberto says:

      mi sembra invece riassumere perfettamente gli ultimi due anni di relazioni UK – UE (trano che hanno votato tre volte contro il pony, e, sull’unicorno, alcuni vogliono l’unicorno ma altri vorrebbero un basilisco)

      • Z. says:

        A me sembra che in realtà vogliano più tempo e basta.

        Quando sarò davvero vecchio, forse, anch’io vorrò la stessa cosa.

        • mirkhond says:

          Perché vogliono più tempo?
          Per andarsene alle condizioni più vantaggiose possibili per il Regno Unito?
          E quali sarebbero queste condizioni vantaggiose?

          • Z. says:

            Secondo me vogliono soprattutto spostare la notte più in là, come capiterà forse a me in un futuro non così lontano come vorrei.

            Posso sbagliare, ovviamente.

          • Z. says:

            Poi certo, probabilmente sperano anche che i partiti nazionalisti li aiutino a strappare condizioni migliori a danno dei Paesi membri. Cioè, a conti fatti, dei Paesi da cui provengono quei partiti…

          • roberto says:

            “Secondo me vogliono soprattutto spostare la notte più in là,”

            un po’, anzi molto, c’è questo ma un po’ c’è anche il fatto che proprio non riescono tra di loro a trovare una posizione comune fra remain, hard brexit e deal: tre opzioni, nessuna riesce ad avere una maggioranza

          • Francesco says:

            perchè la distanza tra l’Idea (andiamocene che staremo benissimo) e la Realtà (non sappiamo come andarcene senza stare malissimo) è ogni giorno più incolmabile!

            sono come quei bulli che hanno promesso di tuffarsi dalla cima della scogliera e ora, guardando nell’abisso, cercano disperatamente di guadagnare tempo per non buttarsi

  11. mirkhond says:

    “Se penso a quanto vicina a non essere più cattolica sia stata la stessa Francia …”

    Nel 1560, alla vigilia delle guerre di religione che per quasi un quarantennio avrebbero insanguinato la Francia (1562-1598), a Roma, il Papato pensava che la Francia suddetta era ormai un paese perso per il Cattolicesimo.
    Grazie a Dio allora, non fu così, e nel XVII-XVIII secolo seguì la ricattolicizzazione di gran parte del paese, anche con la coercizione, vedasi la revoca dell’Editto di Nantes nel 1685 ad opera di Luigi XIV (1643-1715).
    Un’altra devastante esperienza per il Cattolicesimo in Francia fu la rivoluzione tra 1789 e 1799, con conseguenze che, sia pure con alti e bassi, sono giunti fino a noi.
    Purtroppo.

  12. mirkhond says:

    sono giunte

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *