“Cammino a schiena dritta, cammino a testa alta tengo nella mano un ramo d’ulivo, sulle spalle porto la mia bara”

Le nostre vite, per quanto lunghe, sono sempre all’inizio, fino all’ultimo istante.

Ma stasera ascoltavo e riascoltavo Marcel Khalife, e mi sono ritrovato, a fare un bilancio del mio finora.

Alla fine, sono fiero che ci sia qualcosa che corrisponde, tra il fuoco che arde dentro, e ciò che si riesce davvero a essere.

Forse sarebbe bene fare un sunto, un giorno, di tutto ciò che ci va bene, in questi brevi attimi in cui camminiamo sulla terra…

wa ana amshi wa ana amshi…

Alla fine, è solo una questione di postura.

La traduzione è assai più breve del testo, perché ho omesso le ripetizioni.

منتصبَ القامةِ أمشي مرفوع الهامة أمشي

منتصبَ القامةِ أمشي مرفوع الهامة أمشي

في كفي قصفة زيتونٍ وعلى كتفي نعشي

وانا امشي وأنا أمشي وانا امشي وانا وانا وانا امشي

قلبي قمرٌ أحمر قلبي بستان

فيه فيه العوسج فيه الريحان

قلبي قمرٌ أحمر قلبي بستان

فيه فيه العوسج فيه الريحان

شفتاي سماءٌ تمطر

نارًا حينًا حبًا أحيان

شفتاي سماءٌ تمطر

نارًا حينًا حبًا أحيان

في كفي قصفة زيتونٍ

وعلى كتفي نعشي

وانا امشي وأنا أمشي وانا امشي وانا وانا وانا امشي

منتصبَ القامةِ أمشي مرفوع الهامة أمشي

منتصبَ القامةِ أمشي مرفوع الهامة أمشي

في كفي قصفة زيتونٍ وعلى كتفي نعشي

وانا امشي وأنا أمشي وانا امشي وانا وانا وانا امشي

Cammino a schiena dritta, cammino a testa alta
tengo nella mano un ramo d’ulivo, sulle spalle porto la mia bara
Il mio cuore è una luna rossa, il mio cuore è un giardino
dentro c’è l’awsaj[1] dentro il basilico
Le mie labbra sono un cielo
da cui piove fuoco a volte e a volte amore

Nota:

[1] L’awsaj o lycium shawii è un arbusto del deserto arabo, su cui crescono bacche rosse.

Print Friendly, PDF & Email
This entry was posted in mundus imaginalis and tagged , . Bookmark the permalink.

23 Responses to “Cammino a schiena dritta, cammino a testa alta tengo nella mano un ramo d’ulivo, sulle spalle porto la mia bara”

  1. Moi says:

    … Marcel Khalifa è Maronita ? Mi sembra una sensibilità sostanzialmente Cristiana, che sa essere spiritualmente allusiva.

    • Per Mirkhond

      ” Mi sembra una sensibilità sostanzialmente Cristiana,”

      MKh è sicuramente di famiglia cristiana, ma direi che la sua è una sensibilità assolutamente “araba”, distinta da “islamica”, lo spirito di questa poesia lo trovi in testi di tanti altri autori mediorientali.

      • mirkhond says:

        Veramente l’ha scritto Moi. 🙂

        • Moi says:

          Sì, l’ ho scritto io. Diciamo che riconosco l’ Islam nel Proclama dai toni volitivi : tipo i Salmi nella Bibbia, che però ha anche altre tipologie di testo … anche perché la Bibbia _ a differenza del Corano ch’ è un unico testo delimitato e preciso _ è una specie di “antologia” molto “editata” nei millenni di tanti testi molto diversi e lontani cronologicamente fra loro.
          Inoltre, il Corano NON è stato tradotto più o meno in malafede in altre lingue per costruirci deliberatamente sopra tuttaltro rispetto all’ originale ! Certo, si può interpretare, ma iltesto è quello e “non si scappa” ! 😉

  2. mirkhond says:

    Conosci l’Arabo?

    • Moi says:

      Be’, no … giusto le traslitterazioni di “glossario” dell’ Islam.

      Ma mi baso sul breve testo qui tradotto da Miguel … mi fido ! 😉

      • Moi says:

        Ah, come già detto … trovo divertentemente interessante il Maltese, nella sua “Bastarditudine Lessicale” 😉 !

  3. Moi says:

    Poi magari ho sbagliato … pazienza, nel caso ! 😉

    Il Libano è particolare, con questa di fatto “Triarchia Parlamentare” Sunna, Shi’ia, Maronismo :

    https://it.wikipedia.org/wiki/Libano#Ordinamento_dello_Stato

  4. Francesco says:

    >>> Le mie labbra sono un cielo
    da cui piove fuoco a volte e a volte amore

    mah, una roba così mi lascia perplesso, troppo alla Checco Zalone

  5. Moi says:

    MONICA CIRINNA’:

    A pomeriggio “Dio, Patria, Famiglia … che vita de merda !”

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/linsulto-cirinn-dio-patria-famiglia-che-vita-de-m-1659511.html

    A sera capacissima di “solidarizzare” al Centro Islamico …

    • Moi says:

      Assieme a quelle che manifestano l’ 8 Marzo … così:

      http://www.ilgiornale.it/news/politica/bestemmie-e-insulti-choc-contro-salvini-durante-festa-donna-1659439.html

      “Il corpo è mio e non di quel Porco di D**” [sic … cioè, intendo: la rima nel cartello è esplicita ! 😉 … ]

      che avranno senz’altro tante amiche con l’hijab ! 😉

      ————————–

      Bestemmie e insulti choc a Salvini. Così manifestano le femministe
      Durante la manifestazione a Roma, le femministe si sono sbizzarrite con gli insulti contro Matteo Salvini

      • Moi says:

        Le stesse capacissime di manifestare per la MegaMoschea di Bologna (…stando al progetto originario, un quèl axé grand ch’ an ai é gnanca a LaMecca !) assieme al Monsignor fervente PostConciliare Zuppi !

      • daouda says:

        Moi Moi questi non voglio né l’Islam ( o meglio, lo vogliono, l’alleanza islam – comunismo è di vecchissima data , ma è epocale non “reale” ) loro vogliono portare la gente da Salvini o quello che sorgerà dopo.

  6. Moi says:

    scrive una ragazza (!) .

    “Sono rimasugli sessantottini, pseudofemministi, che fanno parte delle idee malate di allora, comuni Hippy, cancellazione dell’autorità, il matrimonio è ‘borghese’, donna di carriera che non deve toccare una pentola, distruggere tutto perché tutto sbagliato, magari reggipetto simbolo della borghesia e amenità del genere che sono strisciate fino al 2019. I risultati sono questi, donnette spesso single, isteriche, circondate da gatti e pappagalli e vestite come Che Guevara postmoderno, con quel sorriso da rivoluzionaria sfacciatella che pensano solo al lavoro perché chi lavora in casa è una schiava…”

    [cit. ibidem]

  7. roberto says:

    ho già detto altre volte che trovo l’arabo sgradevole de sentire quasi quanto l’olandese, ma adesso aggiungo che esteticamente la scittura mi sembra stupenda, probabilmente la mia preferita

    • Z. says:

      Per me invece è molto musicale da ascoltare, ma quando provo a leggerlo mi sento, shall we say, alquanto rincitrullito…

  8. PinoMamet says:

    Dell’arabo, ahimè, mi piace ben poco; è proprio una cultura che non mi acchiappa.

    non ci fosse stata la povera Fallaci, mi starebbero anche un po’ sul cazzo 😉

    no, dai: indifferenti.

    • PinoMamet says:

      Poi ho sempre il mio problema dell’evoluzione dei gusti: forse è l’invecchiamento, non so, ma mi pare che i miei gusti si rarefacciano, e lascino dietro di sé come scorie inutili mille cose che credevo mi piacessero, e invece no…

    • PinoMamet says:

      La musica, riascoltandola, non è male: certo, ci vorrebbe un bel testo in greco! 😀

    • roberto says:

      devo ammettere che in generale tutte le culture orientali mi attirano pochissimo (con l’eccezione dei persiani e dei giapponesi)

      ma forse è il rigetto di come vengono presentate a noi poveri ignoranti, come qualcosa di misterioso, impenetrabile, cervellotico, inaccessibile…e quindi mi stufo prima ancora di iniziare

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *