La storia è così

Racconta il Calciante...

Mio nonno era di Pontassieve, aveva nove figli, eppure rifiutò la tessera del Fascio, e per questo perse il lavoro, ma lui tenne duro. E così divenne l’eroe del paese.

Arrivò la fine della guerra, e i partigiani si misero a fucilare i fascisti.

E c’era una famiglia di contadini, brava gente che non aveva fatto mai male a nessuno, ma erano fascisti, perché ci credevano. E li stavano mettendo al muro, quando si buttò in mezzo la mia nonna e riuscì a fermarli.

Furono gli unici a salvarsi, gli altri li fucilarono tutti.

La storia è così.”

Print Friendly, PDF & Email
This entry was posted in esperienze di Miguel Martinez, Il clan dei fiorentini and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

9 Responses to La storia è così

  1. Moi says:

    Irrimediabilmente Umani …

  2. ranieri says:

    E quindi?

  3. Francesco says:

    Un impasto di violenza, assurdità, gesti di buona volontà … basta che alla fine il calciante preferisca questi ultimi!

    Ciao

  4. mirkhond says:

    La morale consisterebbe nel fatto che il bene e il male si possono trovare in entrambi gli schieramenti ostili, non solo in uno di essi.

  5. Francesco says:

    http://attivo.news/litalia-nelle-mani-di-una-sola-famiglia-dall861-e-ce-lhanno-sempre-nascosto-ecco-chi-sono

    direi che come Storia va bene messa qui: buona lettura e buon divertimento a tutti!

    • Per Francesco

      “direi che come Storia va bene messa qui: buona lettura e buon divertimento a tutti!”

      Mi piace questa gente così sicura di aver capito tutto della storia.

      Però il problema degli archivi esiste: un nostro amico, professore in pensione che sta cercando di ricostruire la storia di una piccola frazione del nostro piccolo quartiere, ha scoperto che un qualche ufficiale/militare a Roma ha distrutto SEI CHILOMETRI di archivi della Prima Guerra Mondiale a Roma. Sicuramente non per motivi ideologici, ma perché voleva liberare un po’ di spazio.

      Un po’ come quando un secolo fa, un altro militare, a Firenze, intercettò a Firenze una carovana di carri che portavano al macero il censimento napoleonico della città. Per fortuna riuscì a salvare il materiale, che esiste ancora.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *