Allevamento intensivo

intensive-farming-tourists

Print Friendly
This entry was posted in urbanistica and tagged , , . Bookmark the permalink.

9 Responses to Allevamento intensivo

  1. Grog says:

    _______________________________Miguel sei DEGRADATO_____________
    da MESSICANO DEPONTENZIATO CIVILE
    a TOSCO VULGARIS!
    Perché te la prendi con un limitato affollamento Veneziano e non con i FACCIA DI MERDA FIORENTINI?
    Grog intanto è mica scemo e gioca a scopone scientifico a MESTRE, se ci vuoi raggiungere non devi nemmeno mettere piede in Laguna.
    Grog! Grog! Grog!

    • Per Grog

      “Perché te la prendi con un limitato affollamento Veneziano e non con i FACCIA DI MERDA FIORENTINI?”

      Ahem, non ho capito se dici che:

      1) Miguel vorrebbe che quei turisti venissero a Firenze anziché andare a Venezia

      2) i turisti nella foto sono fiorentini annoiati che invadono Venezia

      3) Miguel non si è accorto che ci sono i turisti anche a Firenze

      • rossana says:

        Miguel, la seconda che hai detto è la più convincente…(forse sono condizionata dal fatto che un paio di conoscenti fiorentini oggi erano a Venezia per “godersi il Carnevale”…secondo me sono rimasti incastrati in un calle dalla quale non riescono più a uscire…grrrrr…)

        • Per rossana

          “Miguel, la seconda che hai detto è la più convincente…(forse sono condizionata dal fatto che un paio di conoscenti fiorentini oggi erano a Venezia per “godersi il Carnevale””

          Quando sono andato a Venezia, c’era qualcuno sorpreso che mi chiedeva perché ci andavo a gennaio e non a Carnevale…

          • rossana says:

            Pensa che l’ultimo Carnevale a Venezia è stato per me nella prima giunta Cacciari: una tale folla già allora da farmi passar la voglia per sempre…
            Da un paio d’anni mi è poi passata proprio la voglia di andare a Venezia (tieni conto che per chi come me è nato e cresciuto in Riviera del Brenta, Venezia è stata sempre la prima città di riferimento). L’ultima volta che ci sono stata, due anni fa a marzo, a Carnevale passato, non dico calli come quella da te postata, ma quasi. E in un paio di tratti “obbligatori” (per il resto si gira alla larga aggirando i percorsi canonici dei turisti) la sensazione di costrizione provata per l’impossibiltà di procedere se non seguendo la schiena davanti e sentendomi il fiato sul collo dietro, mi ha fatto dire mai più.
            Per me Venezia è già morta e sepolta, sopravvive solo la cartolina (nella mia testa), quella dei turisti predoni è una città fantasma, buona solo per il cinema, il turismo di massa e quello extralusso che i piedi in una calle non li mette manco per sbaglio.
            Ho chiuso, mi tengo la mia cartolina in testa e lascio che sprofondi, tanto la Venezia che ho amato non eiste ne esisterà più (almeno finché son viva io…)

      • Grog says:

        N.3
        Grog! Grog! Grog!

  2. Moi says:

    Il Punto Kalergico ;) di Paolo Pagliaro :

    https://www.youtube.com/watch?v=iiV7zHf2T1g

  3. Moi says:

    il kalergimetro segna mezzo milione … ;)

  4. Moi says:

    Nerdata a tema ;) oltrarnoscopico-urbanistico … interessante :

    https://www.youtube.com/watch?v=r_iNRGac_uM

    What if Everyone Lived in Just One City ? ;)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>