Friggere con l’acqua

L’altro giorno ho raccontato della maniera in cui la Città Metropolitana di Firenze spartisce i propri visitatori:

Americani e Giapponesi a Palazzo Pitti
Milanesi e Russi alla Fortezza da Basso per Pitti Moda
Cinesi e Francesi a Palazzo Strozzi
Somali e Affini a Sesto Fiorentino

Il motivo per cui a Palazzo Strozzi ci possono stare i cinesi e non i somali è evidente: i cinesi sono 1357 milioni e i somali sono invece appena 10 milioni, per cui questi ultimi ci stanno tutti tranquillamente nel Palazzetto dello Sport di Sesto Fiorentino (e i sestesi sono talmente pochi che se ne possono pur stare a casa senza fare sport).

palazzettoInstallation artistica per somali nel Palazzetto dello Sport di Sesto Fiorentino

Il signor Ai Wei Wei, ricordiamo, è un omaccione che fece carriera all’ombra del super-Craxi di Shanghai, Chen Liangyu, che aveva visto in lui la perfetta esca per occidentali, in vista della possibilità di fare affari con l’Expo mondiale.

Alla caduta di Chen Liangyu, Ai Wei Wei ha perso lo studio che il suo mecenate gli aveva regalato ed è diventato un famoso perseguitato fiscale, per questioni legate più alle sue attività di grande speculatore immobiliare che ai suoi hobby artistici.

Ai Wei Wei ha anche costituito una comunità per artisti a Caochangdi, dove si è trovato di nuovo nei guai, sia per gli esorbitanti affitti imposti ai suoi creativi seguaci, sia per l’ampio consumo di sostanze stupefacenti che caratterizzava la comunità.

Il mondo ha cominciato a riverirlo quando, dopo aver versato 1,3 milioni di dollari alle esattorie del proprio paese, si è rifiutato di pagarne altri 1,1 richiesti dallo Stato, sostenendo giustamente che l’evasione fisale non può essere un reato in un paese in cui nessuno paga le tasse.

L’accanimento contro il dissidente è arrivato al punto tale che fino al luglio del 2015, non gli davano nemmeno il passaporto per fare i suoi affari all’estero. Comunque, anche senza aver bisogno del gommone, è arrivato in Europa.

I pareri su Ai Wei Wei sono diversi. Ne riportiamo due.

Qualche centinaio di siti riporta fedelmente le stesse parole a proposito di Ai Wei Wei, presumibilmente copincollate da un comunicato stampa:

“Ai Weiwei si è imposto sulla scena internazionale come il più famoso artista cinese vivente e una delle più influenti personalità del nostro tempo, sempre muovendosi tra attivismo politico e ricerca artistica e diventando un simbolo della lotta per la libertà di espressione. La mostra diviene una straordinaria occasione per scoprire il genio creativo di Ai Weiwei con opere in cui si fondono riferimenti alla storia cinese passata e presente.”

Ugo Bardi ci presenta invece, in un commento sul nostro blog, un parere che tradisce le radici oltrarnine del Bardi stesso:

“Sono andato a vederlo, il Weiwei. Ed è veramente qualcosa che da un nuovo significato al concetto di “friggere con l’acqua”. O, forse ancora meglio, “friggere a temperatura ambiente senza l’ausilio di nessun liquido.” In pratica, consiste nel mettere una padella vuota sul fornello, lasciarla lì senza accendere il gas. Aspettare un po’ e poi mettersi tutti insieme a dire “è cotto.” Poi, versare il contenuto della padella vuota sopra dei piatti vuoti. Fare finta di mangiarlo e tutti insieme dire “come è buono!” E poi anche pagare il conto del ristorante.”

Noi preferiamo lasciare il giudizio al lettore, e per aiutarlo presentiamo senza commenti tre delle opere più importanti del signor Ai Wei Wei.

La prima è interamente opera del nostro, e possiamo intitolarla “Installation artistica per cinesi a Palazzo Strozzi“:

aiweiweiLa seconda è un “trittico”, in cui il nostro artista fa a pezzi un vaso antico di duemila anni:

La terza è un vaso del Neolitico, ridipinto personalmente da Ai Wei Wei:

aiweiOvviamente nel caso della prima e della seconda opera, è il nuovo artista e non quello originale su cui si invita il lettore a esprimere la propria opinione.

Print Friendly
This entry was posted in Cialtroni e gente strana, Il clan dei fiorentini, migrazioni and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

46 Responses to Friggere con l’acqua

  1. roberto says:

    io quando vedo le foto di quegli accampamenti mi vengono in mente cose come questa

    http://www.linkiesta.it/it/article/2015/05/23/ex-caserme-le-mele-avvelenate-che-non-sappiamo-come-riusare/26022/

    o questa
    http://corrierediviterbo.corr.it/news/home/192112/Il-Comune-chiede-gli-alloggi-dei.html

    ovviamente rimettere a posto una caserma non è gratis e non si fa in due minuti, ma credo che in italia ci sia proprio un blocco psicologico su questioni come “alloggi popolari” o “gestione dell’emergenza”

    • Francesco says:

      spero sia solo quello e non gli interessi concreti di una serie di signori che hanno trovato quanto sia bello essere pagati dallo Stato per fingere di occuparsi dei migranti

      i quali devono impedire che emergano alternative per continuare a prendere tutti i soldi senza fare nulla

      un pò come la difesa della scuola o della sanità statali contro quelle private, anche se lì ci sono anche altre questioni

      ciao

    • roberto says:

      non so,

      leggevo qualche tempo fa che in friuli ci sono 300 caserme dismesse e 150 famiglie senza casa (dovrei ritrovare l’articolo) e che il problema è che lo stato ha lasciato alla regione la gestione di queste caserme (= i soldi per rimetterle a posto dovrebbero essere della regione)

      non vorrei essere populista (anzi si, per 5 minuti al mese voglio esserlo), ma vendetevi un F35 e rimettete a posto due caserme!

      • Francesco says:

        “vendetevi” la vedo dura, massimo “non compratevi”

        e fare un pò di comunismo? cedere le caserme non a una famiglia a ma 50 famiglie, che possano occuparsene tutti insieme?

  2. Grog says:

    Artisticamente Ai Wei Wei
    NON VALE UNA BEATA FAVA
    solo dei grandi STRONZI POLITICAMENTE CORRETTI POSSONO FARCI UNA MOSTRA
    Ai Wei Wei va rispedito in Cina
    PERCHE’ LO CONDANNINO A MORTE COME NEMICO DEL POPOLO.
    Di figli di puttana abbiamo già offerta nazionale adeguata e se dobbiamo farci carico anche dei figli di puttana cinesi siamo belli e fritti perché ovviamente sono numerosissimi.
    Invece i Somali di Sesto Fiorentino meritano rispetto ed una sistemazione decente, io personalmente per storia famigliare penserei ad
    UNA GUARDIA ARMATA SOMALA
    ed ad
    UNA GUARDIA ARMATA ERITREA
    secondo il mio povero vecchio era gente affidabilissima e anche molto coraggiosa, se trattati da uomini agivano da uomini e davano la vita per i compagni e per il loro comandante.
    Le guardie ARMATE BONGHE (così le chiamerei) potrebbero dare una mano per
    DEPIDDIZZARE PRIMA FIRENZE E POI TUTTO IL PAESE
    anche se il trattamento finale dei piddini catturati non lo riserverei a
    SOMALI ed ERITREI perché troppo civili.
    I piddini catturati vanno
    ESPORTATI IN PAPUASIA DOVE ESISTONO LE ULTIME TRIBU’ DI CANNIBALI NON VEGANI
    andranno assistini sanitariamente perché i
    PIDDINI SONO TOSSICI E VANNO BOLLITI A LUNGO
    Grog! Grog! Grog!

    • Grog says:

      Bisongerà tenere lontana la GUARDIA ARMATA BONGA DA BRESCIA(*)
      sennò le signore locali li ridurranno come stracci a furia di approfittarne sessualmente.
      Grog! Grog! Grog!
      (*) Città che annovera un gran numero di SIMPATICHE E GRANDISSIME PORCONE

  3. Per chi magari guarda solo i commenti… ho riscritto una buona parte del post, aggiungendo alcune utili informazioni.

    • roberto says:

      sei un profondo cooscitore dell’animo umano oltre che una persona dotata di pazienza non comune

  4. Mauricius Tarvisii says:

    I vasi erano autentici?

  5. Grog says:

    MERDACCIA!
    Ma questo grande figlio di troia non è un Cinese, gente onorata di antica cultura, ma una
    MERDA BARBARA
    va esecutato mediante IMPALAMENTO sempre che i Cinesi non trovino il modo di far durare
    IL SUPPLIZIO ALMENO UNA SETTIMANA.
    Grog! Grog! Grog!

  6. Una quarta opera d’arte, un vaso Han sempre con la scritta COCA COLA, fu acquistata da un certo Uli Sigg, già ambasciatore della Svizzera presso la Cina, che poi ne fece un’ulteriore opera d’arte distruggendola lui stessa, in imitazione del trittico (opera d’arte due).

    In fondo a questo articolo, potete ammirare il signor Uli Sigg mentre si dedica al proprio passatempo:

    http://artasiapacific.com/Magazine/78/DevastatingHistory

    Anche Uli Sigg ha goduto degli onori di Palazzo Strozzi:

    http://www.palazzostrozzi.org/eventi/the-chinese-lives-of-uli-sigg/

    • Peucezio says:

      Ma non esistono leggi a tutela dei reperti archeologici e dell’arte antica?

      • Grog says:

        Dopo un centinaio di
        PUBBLICHE IMPALAZIONI IN MONDO VISIONE
        di chi fa commercio e/o strazio dei reperti compreso lo svizzero ULI SIGG che verrà
        IMPALATO SU UN LARICE SVIZZERO
        sicuramente il rateo di teste di cazzo e di lazzaroni diminuirà, lascerei tuttavia ai condannati una possibilità, fare ricorso presso il
        PRESIDENTE FILIPPINO DUTERTE
        se lui dice che vanno buttati giù da un aereo e non impalati pazienza, è persona seria.
        Grog! Grog! Grog!

  7. PinoMamet says:

    Difficile aggiungere altro, mi limiterò a dire che mi trovo perfettamente d’accordo con l’esimio Grog.
    (E riconfermo la mia preferenza per Venezia, nel derby marinaro con Genova).

    Invece Peucezio pone una domanda interessante.
    Ci sono leggi che regolano il possesso e la vendita di un bene archeologico o storico ritrovato.
    Ma, una volta che l’ho acquistato, posso farci esattamente quello che mi pare? Non credo, perlomeno non Italia, dove i Comuni hanno da dire su come ridipingi casa tua
    (se si trova in Centro e se non conti un cazzo, ovviamente; se sei ricco, o se vivi in un posto di merda, fai come ti pare ;) ).

    A ben pensarci (ma urge l’intervento degli esperti legali del blog) si potrebbe fare una bella causa al signor Ai.

    • Grog says:

      Grazie stimabile Signor PinoMamet!
      In primis per via del titolo di “esimio” anche se mi permetto di dissentire dall’idea di far causa al Ai Wei Wei (che mi guardo bene dal definire signore), per lui ci deve essere una immediata
      GIUSTIZIA DI POPOLO
      sul tipo di quella esercitata sui Pazzi e loro alleati dopo il tentativo di assassinio di Lorenzo de Medici e l’omicidio del fratello Giuliano!
      Appeso o impalato con CONTORNO DI PIDDINI FIORENTINI.
      Grog! Grog! Grog!

    • Mauricius Tarvisii says:

      Non credo che il nostro abbia sfasciato i vasi in Italia, dove sarebbe stato un reato.

      • Peucezio says:

        Ah, cioè all’estero si può fare?

        • Mauricius Tarvisii says:

          Dipende dal paese e da quanto l’ordinamento reputa “sacra” la proprietà privata. Non ho idea di dove l’abbia fatto questo signore, ma credo in un paese dove la proprietà si avvicina ad essere un diritto senza limiti.

          • Per MT

            “Non ho idea di dove l’abbia fatto questo signore”

            Credo che l’abbia fatto… nella Cina comunista.

          • Peucezio says:

            Beh, allora batserebbe punire severamente l’esportazione di opere d’arte e reperti.

          • Peucezio says:

            E poi c’è l’extraterritorialità, come per i pedofili.
            Cioè, se tu porti un reperto italiano (o di un paese ove questi atti sono punibili) in Cina e lo distruggi pubblicamente (sei un artista, mica fai le cose di nascotso a casa), appena torni in Italia (o dove sia), un bel paio di manette.

  8. Francesco says:

    ma nel Neolitico non avevano la Coca Cola? come facevano poveretti?

    F in versione dadaista

  9. Z. says:

    A proposito di acqua fritta:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/giornalisti-in-politica-abbiamo-un-problema/

    …non sono d’accordo con Gomez. Non trovo sbagliato che lui e i suoi colleghi facciano politica per Grillo. Anzi, se la facessero di più loro e di meno Dima e Dibba ne sarei contento. Ci guadagneremmo tutti, persino Dima e Dibba (a cui nessuno leverebbe lo stipendio).

  10. Moi says:

    Il signor Ai Wei Wei, ricordiamo, è un omaccione che fece carriera all’ombra del super-Craxi di Shanghai, Chen Liangyu, che aveva visto in lui la perfetta esca per occidentali, in vista della possibilità di fare affari con l’Expo mondiale.

    Alla caduta di Chen Liangyu, Ai Wei Wei ha perso lo studio che il suo mecenate gli aveva regalato ed è diventato un famoso perseguitato fiscale, per questioni legate più alle sue attività di grande speculatore immobiliare che ai suoi hobby artistici.

    Ai Wei Wei ha anche costituito una comunità per artisti a Caochangdi, dove si è trovato di nuovo nei guai, sia per gli esorbitanti affitti imposti ai suoi creativi seguaci, sia per l’ampio consumo di sostanze stupefacenti che caratterizzava la comunità.

    ———————–

    Insomma: un Furbastro, un Faccendiere, un Evasore (o almeno Elusore) Fiscale … finalmente, un Immigrato “Integrato” ;) ! ;)

  11. Grog says:

    Ai Wei Wei è così figlio di troia che sembra quasi italiano…sob.
    Grog! Grog! Grog!

    • Moi says:

      Non so, il succo di frutta Sovietico in sé … ma la qualità audio di cui sopra è decisamente lassativa ! ;)

      … Peccato , perché era bella la musica !

      • Moi says:

        C’è o c’era durante la Guerra Fredda (alias Età dell’ Oro ;) …) in USA tutto un filone barzellettistico basato su di un unico, inesauribile principio di “inversione soggetto-oggetto”

        Insomma, per farla breve, in questo caso (pronunciare con accento da Ninotchka / Ivan Drago / Natasha Stefanenko “no zhieli no skoti piu mano” :D sotto la doccia …) :

        In Suòviét Ràsscia your zhuiss drinks you … :D

        • Moi says:

          Ma qualcuno ha capito come si chiama(va) quel succo ?

          Magari si trova una versione ascoltabile (!) della “reklama” …

  12. Moi says:

    https://www.youtube.com/watch?v=ZkDrXSObZZ4

    Alla Pugaciova e la sponsorizzazione dei “ferri” Sovietici della Madre Patria …

  13. Moi says:

    La sequenza di Ai Wei Wei credevo fosse una roba di esercizi marziali Cinesi tradizionali tipo questi :

    https://www.youtube.com/watch?v=JzfaodWOE9M

    … con le inconfondibili, mmancabili musichette “sgnaulanti” ;) un po’ ;) monotone e tediose

  14. Moi says:

    A propositodi “Cinesate” :

    Funny [sic] Vs Racist [sic]

    https://www.youtube.com/watch?v=a8GV4MIplv0

    (nove anni prima, Boldrinata ;) Italica … però si noti che il Negrone [quando ci sta, ci sta] è molto più virile del “Bianco Normodotato” ;) … )

    … altro che Olandesina di Calimero !

    https://www.youtube.com/watch?v=BlM–m-AELY

    probabilmente quella Italiana fu fatta 9 anni prima della Cinese come “riparatrice” di Calimero !

    • Moi says:

      Di nuovo, Trump ha vinto ANCHE perché l’ AntiRazzismo ha preso una piega un po’ troppo da “Adessoèilnostroturnismo” ;) … ultimamente, no ?

  15. Pingback: Völkerwanderungen | Kelebek Blog

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>