Ahi uehi, arrivano i profughi!

All’estrema periferia, il Comune di Firenze diventa invisibilmente il comune di Sesto, anche se a guardare i capannoni, nessuno se ne renderebbe conto. Non c’è nemmeno un cartello, Benvenuti all’Osmannoro! (che i filologi ci riferiscono significherebbe “immondezzaio”).

A cinquecento metri circa oltre l’invisibile confine, c’è un immenso capannone, abbandonato qualche anno fa dalla Aiazzone, una ditta nota per l’imbonitore televisivo che la guidava, cui sono subentrati altri signori poi arrestati dalla Guardia di Finanza per “bancarotta distruttiva, fraudolenta e documentale, riciclaggio di denaro, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte, falsa presentazione di documentazione.” Insomma, una sana impresa italiana.

Questo capannone – in una zona in cui la metà delle insegne sono in cinese senza traduzione – è stato occupato da una settantina di africani: non clandestini, gente cui è stata riconosciuta la protezione umanitaria. Siccome nessuna cooperativa riceve 35 euro al giorno per ospitare i riconosciuti, l’interessamento dello Stato italiano finisce lì.

L’altro giorno, scoppia un incendio e muore un giovane somalo.

Evacuati nei giorni più freddi dell’anno (oggi almeno piove), i protetti hanno un’idea geniale.

Proprio al centro di Firenze, c’è Palazzo Strozzi.

E a Palazzo Strozzi c’è una mostra di alcuni pezzi di metallo, di orrenda bruttezza, ammucchiati da un cinese dal nome Ai Wei Wei. Il tutto è dedicato al Dramma dei Profughi, simboleggiati da una fila di gommoni appesi ai sassi rinascimentali:

I-gommoni-di-Ai-Weiwei-a-Firenze-2“La libertà – Libero è il titolo della mostra –, espressa attraverso ogni singola opera, è un messaggio per chi questo diritto vuole toglierlo e limitarlo. Inoltre, riuscire a portare ancor più in primo piano, sulla facciata di un palazzo storico di una delle più belle città del mondo, il dramma dei migranti e dei profughi, è vitale. Reframe, l’installazione che ha destato più polemiche, porta il mar Mediterraneo sotto gli occhi di tutti.”

E così gli umanitariamente protetti hanno deciso di fare una visita proprio alla mostra di Ai Wei Wei, dove sono stati accolti dalle istituzioni nella maniera che possiamo vedere in questo video (purtroppo incorporandolo, parte subito l’audio, per cui mettiamo solo il link, ma vale la pena di guardare).

Le Istituzioni della Città hanno rimandato la palla al povero sindaco di Sesto Fiorentino, che per ora ha messo i protetti nel Palazzetto dello Sport.

Si può occupare il capannone Aiazzone e marcirci dentro per anni, ma non si può entrare nemmeno per un giorno a Palazzo Strozzi.  Infatti, la bellezza di Firenze è esattamente proporzionale a ciò che scarica sulle periferie.

Il Comune di Sesto non ha quindi soltanto l’onore di accogliere settanta persone che volevano invece andare a Firenze. Infatti, è a Sesto, come abbiamo raccontato, che si scaricano tutti i rifiuti di Firenze e dove vogliono farci l’aeroporto internazionale e pure una terza corsia dell’autostrada.

Per far venire a Palazzo Strozzi gli altri stranieri, quelli che vanno a spasso con il bastoncino per farsi i selfie.

Always in Your Backyard…

Print Friendly
This entry was posted in Il clan dei fiorentini, migrazioni and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

77 Responses to Ahi uehi, arrivano i profughi!

  1. Peucezio says:

    Guido Angeli però mica guidava Aiazzone, era solo il “testimonial”.

  2. Grog says:

    I Cinesi sono dei
    GRANDI FIGLI DI PUTTANA E FURBACCHIONI
    perché ci siamo lasciati rifilare Ai Wei Wei ed invece i
    CINESI NON L’HANNO MESSO A MORTE?
    Chi sono quei
    COLOSSALI DEFICENTI BASTARDI FIGLI DI PUTTANA POLITICAMENTE CORRETTI
    che hanno piazzato i gommoni sulla facciata di palazzo Strozzi?
    Vanno imbarcati (sui gommoni senza viveri ed acqua) con NARDELLA e l’ex SINDACO (non nominato perché portatore sano di sfiga) ed abbandonati nel mare di ARAFURA dove sono presenti i peggiori squali carnivori del mondo e lasciati morire.
    I rifugiati vanno spediti in CINA con Ai Wei Wei se la vedano i Cinesi, non è nemmeno necessario fare atterrare l’aereo, possono essere buttati giù in stile papa francesco e junta argentina, olè!
    Grog! Grog! Grog!

  3. Il proposito incendiario di Oriana Fallaci si è finalmente realizzato, e proprio a spese di quei somali che tanto detestava. Il suo pubblico sarà soddisfatto!

    • izzaldin says:

      a parte l’ironia, è esattamente così. il pubblico di Oriana Fallaci esulta di fronte a disgrazie simili.
      sto notando un pauroso aumento del razzismo da parte degli italiani. gente calma e tranquilla, magari anche buona, che però di fronte ad uno straniero diventa feroce.
      la maggior parte delle persone si informa tramite la Tv e trasmissioni come quella di Paolo Del Debbio non fanno altro che alimentare il terrore verso gli stranieri.
      notizia di ieri, una collaboratrice del programma di Del Debbio è stata assunta alla comunicazione del gruppo parlamentare del M5S al parlamento Europeo

      • Francesco says:

        ehi, io non esulto per nulla!

        metti almeno un “quasi tutto il pubblico” di grazia

        però io non guardo certe trasmissioni

        ciao

        :)

        • izzaldin says:

          Francesco io lo so che tu hai un cuore buono, ma se ricordi bene, il celebre pezzo di Oriana Fallaci parlava letteralmente di dare fuoco ai somali.
          So bene che tu sei un cristiano che non si rallegra delle disgrazie altrui, ma non puoi negare che la profezia di Oriana si è avverata: i somali davvero vivono in condizioni tali da morire bruciati nei dintorni di Firenze

          • Francesco says:

            beh, se ricordo, ma non ricordo, parlava di dare fuoco a dei vandali che avrebbero orinato sui muri esterno di qualche monumento

            cosa che lei stupidamente associava agli immigrati islamici ma che mi pare idea buona e giusta in generale

            ah, sulle condizioni in cui i migranti vengono tenuti e sulle considerazioni di cui sono oggetto, sono pienamente d’accordo con te: non mi stupisco che diventino cattivi e ci odino e mi pare difficile dar loro torto

      • mirkhond says:

        Basta vedere il video su Bello Figo, tratto dalla trasmissione di Bruttopietro.

      • Moi says:

        https://www.youtube.com/watch?v=LqJvcrxYrYY

        “La Crisi” film diretto dalla grande Coline Serrau del 1992; il “Povero de Souche” Vs il “Deputato Socialista de Souche” !

  4. roberto says:

    quei gommoni sono di ua bruttezza esasperante.

    carina invece questa
    http://www.lifegate.it/app/uploads/30_Study-of-Perspective_-Florence.jpg

    • roberto says:

      si chiama studio di prospettiva

      • Grog says:

        Definirli “BRUTTI” è una inaccettabile riduzione del danno!
        Per eliminarli potrebbe essere messo a fuoco Palazzo Strozzi ed il risultato, nonostante il grave danno, sarebbe positivo.
        L’ideatore della mostruosità va
        SQUARTATO IN PIAZZA
        Grog! Grog! Grog!

  5. Io vorrei che si riflettesse anche sul modo in cui centro e periferia si spartiscono le cose:

    1) Ferragamo va in Via Tornabuoni, Aiazzone a Sesto

    2) I turisti americani vanno a Palazzo Strozzi, quelli somali a Sesto

    3) Pitti Moda si fa a Firenze, l’inceneritore a Sesto

    4) Nel centro si fanno percorsi pedonalizzati per ammirare le boutique, a Sesto ci fanno la pista dell’aeroporto.

    In un certo senso è inevitabile, in quanto la più vetusta legge della natura dice che l’ordine si crea sempre e solo creando ancora più disordine.

    Solo se le periferie (di tutto il mondo) impareranno a dire Nimby!, forse al centro cambierà qualcosa.

    Ad esempio restituendo a Palazzo Pitti il suo vecchio ruolo di ospizio per profughi:

    http://www.firenzeinguerra.com/percorsoespositivo/ottobre-2014-gennaio-2015/palazzo-pitti/

    • Francesco says:

      mah, sarà che sono un pessimista ma credo che sia 10.000 anni che il centro città è la parte bella

      prima, semplicemente, non c’erano le città

      quindi sospetto che la tua soluzione equivalga a dire che non cambierà nulla

      ciao

      • Per Francesco

        “mah, sarà che sono un pessimista ma credo che sia 10.000 anni che il centro città è la parte bella”

        E io che ho detto? Teniamo bello anche il centro di Sesto.

        • Francesco says:

          1) il video parte da solo, puoi mica farci qualcosa? fa un casino qui in ufficio!

          2) la città è Firenze, che cavolo, Sesto è come Sesto qui da noi, non esiste. anzi, con la città metropolitana non andrà a sparire proprio? :D

          • “1) il video parte da solo, puoi mica farci qualcosa? fa un casino qui in ufficio!”

            :-)

            Pensavo che fosse solo un problema mio. Sei sicuro che i profughi non siano arrivati anche da voi?

            2) “la città è Firenze, che cavolo”. E che si arrangi. E se non ce la fa a evitare di parassitare gli altri, si ridimensioni (me compreso, ovviamente).

            • E poi Sesto ha quasi 50.000 abitanti e risale al Mesolitico, e c’erano pure gli etruschi quando a Firenze c’erano solo le zanzare.

            • Francesco says:

              Miguel,

              un pò si scherza, un pò però è così: il capoluogo comanda e impone e al resto tocca seguire

              come noi con Monza, per esempio, anche se loro c’hanno la Corona ferrea col sacro chiodo

              ciao

              PS profughi forse no, mendicanti di ogni forma e colore tantissimi, anche col freddo :(

  6. Mario says:

    Fuori tema, ma importante. Se avete stomaco, leggete l’articolo di cui al link, dedicato ad un autentico pezzo di merda (che si divide ex aequo la palma con il biagiano Sacconi e il piduista Cicchitto):
    http://www.radiospada.org/2014/04/eugenia-roccella-e-il-mein-kampf-dellabortismo-militante/

    • Francesco says:

      a me Sacconi piace un sacco! non sapevo la Roccella fosse uscita dalle nidiate di Pannella ma tenendo conto delle alternative non mi scandalizzo, dove si poteva andare altrimenti?

      dietro a squinternati arnesi neo-fascisti, dal lirismo demenziale e dalla logica sbilenca?

  7. Mario says:

    dietro a squinternati arnesi neo-fascisti, dal lirismo demenziale e dalla logica sbilenca?

    Secondo me tu sei una checca

    • Francesco says:

      non so cosa dirti

      non mi piacciono le piume di struzzo, il trucco pesante, il rosa e il fucsia

      mi piacciono i corpi corazzati di Patto e Zukov che invadono la Germania nazista

      questi mi permette lo stesso di essere una checca?

      ah, mi piacciono anche Socrate, Platone e Aristotile, Agostino, Ambrogio,Tommaso, Dante e alcuni altri personaggi che annovero tra gli uomini grandi

  8. Moi says:

    Risolviamo la faccenda dei gommoni-finestre lasciando giudicare il Cinesino secondo il Sacro Codice Tribale Mandingo con esecuzione della pena in Congo … a differenza di Grog ;) , preferisco lasciar spazio alla vostra immaginazione ;) !

  9. Moi says:

    A proposito di NIMBYerie ;)

    NON sarebbe il primo, in diverse Capitali o Grandi Città (con fiumoni o canaloni, ovviamente) c’è già :

    http://firenze.repubblica.it/cronaca/2016/10/12/news/firenze_l_idea_allo_studio_di_ataf_un_bus_anfibio_per_spostarsi_sull_arno-149603681/

    tipo Stoccolma, Budapest, Rotterdam, Amsterdam, Montreal, ecc …

    ————————–

    Firenze, l’idea allo studio di Ataf: un bus anfibio per spostarsi sull’Arno
    Ha le ruote per viaggiare su strada e un sistema per immergersi come fosse un battello

    https://www.youtube.com/watch?v=NI2VueerU7A

    https://www.youtube.com/watch?v=p3wVaFNNC1s

    https://www.youtube.com/watch?v=aNI9TY7YFdY

    • Per Moi

      “Firenze, l’idea allo studio di Ataf: un bus anfibio per spostarsi sull’Arno
      Ha le ruote per viaggiare su strada e un sistema per immergersi come fosse un battello”

      Hahaha!

      Li ho visti a Budapest, dove c’è un fiume assai rispettabile.

      Qui abbiamo un ruscelletto stretto, che (come nota l’articolo) finisce con un blocco insormontabile, che è la Pescaia di Santa Rosa.

      Il bus potrebbe fare qualcosa come un chilometro avanti e indietro, giusto per rovinare le foto ai turisti che stanno inquadrando il Ponte Vecchio e spaventare i cormorani.

  10. Moi says:

    In realtà è bellino come trovata, ma poi è funzionalmente una stronzata : il semplice bus alto a due piano in città è molto più comodo, un qualunque battello in un corso o specchio d’acqua pure.

  11. Moi says:

    parte “Oltrarnica” ;) :

    E ora il sindaco Dario Nardella accarezza l’idea di portare questa sorta di “nautibus” anche qui: “So che è complicato dal punto di vista normativo ma ho chiesto all’Ataf di lavorarci, di studiare l’ipotesi”, rivela. E a tre settimane dal cinquantesimo dell’alluvione è un rilancio dello storico tema dell’Arno e dei possibili collegamenti sul fiume, che Firenze in effetti oggi non sfrutta affatto nonostante l’utilità enorme che avrebbe l’asse di trasporto est-ovest rappresentanto dal fiume.

    [cit.]

    [ibidem]

    • Moi says:

      festeggiare la ricorrenza cinquantenaria di una cartastrofe inaugurando un mezzo anfibio turistico … ottimismo Renziano puro !

  12. Moi says:

    insomma, per Nardella il problema di Firenze è che non (!) vi si sfrutta il territorio naturale …

    poi non molto tempo fa, ricorderemo … sono sprofondate delle automobili “apparcheggiate” ;) lungo l’ Arno, che per fare “le robe sue” dei permessi e delle autorizzazioni a procedere dei burocrati umani se ne frega ;) , il Ribaldo AnarcoInsurrezionalista ;) !

  13. Moi says:

    altra bega nuova a Firenze :

    http://firenze.repubblica.it/cronaca/2017/01/13/foto/firenze_cede_asfalto_sul_viale_lavagnini_traffico_e_lavori_in_zona_fortezza-155948144/1/#1

    Traffico a rilento intorno alla Fortezza da Basso, in seguito al cedimento, ieri, del manto stradale di due corsie di viale Lavagnini in direzione piazza della Libertà, tra via Leone X e piazza della Libertà. La viabilità, sempre in direzione di piazza Libertà, si spiega dalla polizia municipale, scorre solo sulle due corsie di destra. Da poco sono terminati i lavori di riempimento del sottofondo. I tecnici del Comune spiegano che adesso è necessario aspettare la maturazione del cemento e quindi la riapertura totale delle corsie è previsto per lunedì mattina. (Foto Claudio Giovannini Cge)

    —————————-

    Accidenti, il PD a Firenze vi fa circolare a “”cemento acerbo” ?!

  14. necroclerico says:

    Dico solo: è una goduria far diventare la sinistra “bene” fiorentina, quella delle mostre “umanitarie” così ipocrita e così razzista da far sembrare coerente addirittura gente come il Casseri che sui neri ci sparava!

    • Per neroclerico

      “Dico solo: è una goduria far diventare la sinistra “bene” fiorentina, quella delle mostre “umanitarie” così ipocrita e così razzista da far sembrare coerente addirittura gente come il Casseri che sui neri ci sparava!”

      Ma che dici, al Comune nessuno è razzista con i neri, basta che se ne stiano a casa loro (cioè a Sesto).

    • Moi says:

      @ NEOCLERICO

      Be’, si sa : finché i “Profughi del Migrantistan” o i “Migranti del Profughistan” (espressioni usate eloquentemente per primo da Miguel) sono attori che e attrici, che interpretano questo ruolo in un film (o fiction TV rieduca-plebaglia, che all’ ultimo Referendum ha votato sbagliato e adesso per fortuna non rivota … ma purtroppo nel 2018 voterà di nuovo) che vince un Festival Cinematografico; o personaggi letterari di un libro “engagé”, di cui discettare amabilmente con linguaggio politically correct sfoggiatamente “updatato e upgradato” sulla terrazza Romana degustando prelibate tartine bioequosolidal kilomterozero multiethinc flavor;

      ma quando arrivano a Capalbio quelli veri (!!!) , quelli che nel Kasaloristan ;) la religione è ancora una roba seria che deve (!) fare “ingerenze” nella vota quotidiana e ZerioLaicità; che nel Kasaloristan una donna si realizza NON nelle Quote Rosa di Cariche Pubbliche e Management Aziendale bensì (!) come madre premurosa perennemente gravida e sforna-ummababies ;) a nastro nonché moglie fedele e pudica; nel Kasaloristan i Genders sono di norma due e cis, mentre tutto il resto è materia di severo Tafsir (o come cazzo si dice …) ; nel Kasaloristan troppa pelle in pubblico la mostrano solo “donnacce” che NON meritano rispetto, e Zero Sorrellanza Femminista …

      … lo vedi come “si triggherano” [sic] subito, Lor*Signor* ; gentaglia che ha tradito sé stessa: da giovani negli Anni Settanta vivevano nelle Comuni, ora sono Vecchi Gricciazzi che magari han fatto miliardi di euro con le Cooperative Rosse (raggirando il Popolo che ci credeva !) ma sostengono il Jobs Act contro “lo Spettro dell’ Invidia Sociale agitato dai Populisti” alle Cene Sociali da Mille Euro Finanzia-Partito con il Polettone a CapoTavola !

  15. Moi says:

    Ma Nardella dove la farebbe la rampa terra-acqua ?

  16. diego says:

    cortocircuito straordinario.
    M. ti voglio di nuovo bene.

  17. Moi says:

    @ Diego / Neoclerico

    I BBBBB (Bianchi Borghesi Belli Bravi Buoni) da Leopolda sono fatti così …

  18. Moi says:

    AH … scusa “necro” cadavere , non “neo” nuovo, Clerico ! ;)

  19. Grog says:

    Io l’ho sempre detto che è una questione razziale!
    Non per per via dei BOVERI BONGHI ma per via dei
    TOSCANI CHE VANNO RISPEDITI INDIETRO NEL TEMPO AL PERIODO DEL TUMULTO DEI CIOMPI
    sperando che ci siano ancora abbastanza BECCAI PER MACELLARLI TUTTI!
    Grog! Grog! Grog!

  20. Moi says:

    @ GROG

    https://www.youtube.com/watch?v=VNtxdjHMKSM

    David Parenzo & Giuseppe Cruciani VS Silvana De Mari

  21. Ugo Bardi says:

    Sono andato a vederlo, il Weiwei. Ed è veramente qualcosa che da un nuovo significato al concetto di “friggere con l’acqua”. O, forse ancora meglio, “friggere a temperatura ambiente senza l’ausilio di nessun liquido.” In pratica, consiste nel mettere una padella vuota sul fornello, lasciarla lì senza accendere il gas. Aspettare un po’ e poi mettersi tutti insieme a dire “è cotto.” Poi, versare il contenuto della padella vuota sopra dei piatti vuoti. Fare finta di mangiarlo e tutti insieme dire “come è buono!” E poi anche pagare il conto del ristorante.

    • Abd al-Jabbar Ibn Hamdis (già "Andrea") says:

      :) :) :)

    • paniscus says:

      per Ugo Bardi: molti anni fa, insieme al nostro comune amico Gianni C. , astronomo all’osservatorio di Arcetri e militante pacifista ed ecologista di tutto rispetto, avevamo inventato il concetto di “prana fritto” .

      Cioè, il passo successivo rispetto all’aria fritta, dal punto di vista dell’immaterialità e impalpabilità ancora più raffinate : )

      Ma anche l’orgone fritto potrebbe essere rivalutato.

      • Peucezio says:

        Lisa, già che ci sei, tu che sei la scienziata del blog, delùcidaci (come suonano strane le parole bisdrucciole) a proposito di istinto aggressivo, genere sessuale, testosterone e simili.
        Tu poi hai studiato bene i primati, quindi sicuramente puoi darci qualche lume.

        • paniscus says:

          Scusa se mi sono persa, ma cosa dovrebbero entrarci l’istinto aggressivo, il testosterone e le scimmie… con la mostra di weiwei e col prana fritto?

          • Peucezio says:

            Nulla, faccio riferimento all’altro post.
            Si discute su genere sessuale e aggressività.

  22. Moi says:

    @ MIGUEL

    l’ AngloSassonità Americana di Trump che Obama non avrebbe mai dimostrato, e nemmeno la Clinton in un circuito femminile … ma che Lincoln come digià (!) abbiamo visto, piaccia o no, invece, sì !

    Donald Trump vs Mr. McMahon :

    Sfida

    https://www.youtube.com/watch?v=dVxVDDYwNvU

    (a 5:15 entra in scena)

    Contratto

    https://www.youtube.com/watch?v=vVeVcVBW_CE

    lo Scontro (a tradimento) per il Shave Moment :

    https://www.youtube.com/watch?v=5NsrwH9I9vE

    però al Popolo Americano sarà piaciuto.

  23. Moi says:

    http://nwhof.org/stillwater/resources-library/history/wrestling-in-the-usa/

    ———————————

    young George Washington, into able wrestlers as well. At 18, the big, shy Washington apparently held a ”collar and elbow” wrestling championship that was at least county-wide and possibly colony-wide. Washington never lost his touch. At the age of 47, ten years before he became the first President of the United States, the Commander of the Continental Armies still had enough left to defeat seven consecutive challengers from the Massachusetts Volunteers.

    ———————-

    Even more renowned for his wrestling skills was young Abraham Lincoln, who was the wrestling champion of his county as early as 1830, at the age of 21. Lincoln was an impressive physical specimen, thin but wiry and muscular, strengthened by hard work in the fields and towering to a mighty 6 feet, 4 inches in height.

    • Moi says:

      Cmq McMahn e Trump si erano scelti riospettivamente un “Samoano” (o giù di lì) e un “Black” … che potrà sembrare un gesto Politically Correct attento alle minoranze, ma in realtà fino agli Anni Sessanta la guardia del corpo Selvaggio / Negro (che qui ci sta) grande e grosso era uno stereotipo razzistissimo, non a caso si dice anche “gorilla”.

      PS

      Propongo un Ritch Bitch Rematch di Mud (!) Wrestling tra la figlia Stephanie McMahon

      https://www.youtube.com/watch?v=AjIlF9VbSCQ

      VS

      la NeoFirst Lady Melania Trump.

      https://www.youtube.com/watch?v=kjY_vDmlcTU

      … Grog (!) Arbitro, naturalmente !

  24. Moi says:

    Geometria del mitico Riportone (“carry hair”,no ?) di Trump :

    https://app.onlinephotofiler.com/Img1/A_9/8/7/4/94789/9c0f61c7cd884bbc9a36ddafbc83fb3c.jpg

  25. Z. il Correttore di Bozze says:

    Miguel,

    il reato di “bancarotta distruttiva” immagino sia qualcosa di molto affascinante. E oltretutto probabilmente più aderente all’etimo del sostantivo, che descrive l’atto dell’autorità che al mercato, davanti a tutti, prendeva il banco del commerciante fallito e lo distruggeva, di modo che tutti sapessero che il poveraccio non era solvibile.

    Ma credo più probabile che i signori che tu descrivi siano stati ingabbiati per bancarotta distrattiva

    :D

    • Per Z il correttore di bozze

      “per bancarotta distrattiva”

      Sicuramente, ho copincollato… ma è davvero simpatico del correttore ortografico altrui (in effetti, “distruttivo” è assai più comune di “distrattivo”).

      • Moi says:

        “bancarotta distrUttiva”

        ;)

      • Z. says:

        Miguel, miseriaccia, avevo postato con un altro nick così potevi correggere evitando di convalidare il mio post…

        ma tu sei troppo onesto e confessi sempre :)

        • Per Z

          “Miguel, miseriaccia, avevo postato con un altro nick così potevi correggere evitando di convalidare il mio post…”

          L’avevo capito, ma il tuo commento era troppo bello, non potevo semplicemente sostituire la “u” con la “a” e far finta di niente.

  26. Grog says:

    Attenti e coperti!
    L’ex primo ministro ed ex sindaco di Firenze vuole RILANCIARE IL PD
    Sgomento tra i militanti storici (uno di questi fa parte della banda dello scopone scientifico di Mestre) sono preoccupatissimi perché il rilancio sarà:
    – COME FARE LA CACCA NEL VENTILATORE CON SCHIZZI DI MERDA su 180° gradi tridimensionali;
    – COME NOMINARE UNO ZOMBI PEDOFILO MAESTRO DI SCUOLA ELEMENTARE con leggerissima incazzatura dei genitori dei pupi;
    – COME NOMINARE BERLUSKAZ ALLA PROTEZIONE DELLA VERGINITA’ DELLA GIOVANE;
    – COME NOMINARE ALFANO AL MINISTERDO DEGLI ESTERI;
    – COME NOMINARE LA MUSSOLINI COME DONNA PIU’ INTELLIGENTE DELL’ANNO.
    Grog! Grog! Grog!

  27. Mario says:

    Bergoglio, quel demone incarnato e reso l’anello di congiunzione tra l’uomo e la scimmia (prova post eventum dell’evoluzionismo), ha ufficialmente aperto al gender: il maschile ed il femminile non sarebbero “qualcosa di rigido”. V. “Amoris Malitia”, n. 286, ultima, malevola fatica del “papa” più mondano della storia, una sorta di clown estenuato nella sua funzione facente feci di Soros, immondo cappellano d’Occidente, lupo Fenrir del postconcilio, sordido vicario di Baal Zebul.

    • Grog says:

      Non mi resta che darti ragione caro Mario, si tratta di un individuo sordido e schifoso capace solo della peggiore inclinazione al luogo comune ed all’ipocrisia, Dio conservi il Serissimo e Santo Crucco Benedetto XVI ultimo Papa.
      Grog! Grog! Grog!

  28. Z. says:

    Questo titolo mi piace assai, ma “Si geme nel giardino” resta ancora imbattuto.

    O per dirla con Mario, cui consigliamo L’inattesa piega degli eventi di E. Brizzi, invitto.

    • Mario says:

      Benissimo. Chi parla (o scrive) bene, pensa bene. Bergoglio parla il lessico dello sfacelo, sorta di preludio della catastrofe dei purissimi semantemi distillati dalla dottrina cattolica tramite finissimi alambicchi tripartiti. Dalle preziosità di queste incorrotte sistematizzazioni universali e giustamente autoreferenziali, come geometrizzanti horti conclusi in sè, antropologicamente traslati nel papa giovane dell’ebete Sorrentino, siamo passati alla teologia surrealista di Bergoglio, conato irrelato partorito da Lilith, insulso mezzuomo eterodiretto dalle centrali della dissoluzione.

  29. Moi says:

    Every Donald Trump Cameo Ever

    (imperdibile la Profezia Finale dello “Skazzy” [sic] in “Suddenly Susan” … qualunque roba fosse !)

    https://www.youtube.com/watch?v=yosAVMB47-Y

    —————————-

    https://www.youtube.com/watch?v=fxDAyUiXphg

    Donald Trump ALS Ice Bucket Challenge

    (including Hair Test … featuring Miss USA & Miss Universe)

  30. Pingback: Völkerwanderungen | Kelebek Blog

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>