Gatti d’Istànbul

This entry was posted in Turchia and tagged , . Bookmark the permalink.

11 Responses to Gatti d’Istànbul

  1. Moi says:

    I randagi sono cosmopoliti …

  2. Moi says:

    E’ da un pezzo che non viene più rappresentato il Classismo Animale Pets Vs Stray Cats/Dogs … tipo Gli Aristogatti o Lilli e il Vagabondo

  3. Grog says:

    RISPONDETE
    A – Dovendo salvare un gatto o un turco dall’annegamento nel Bosforo chi salvereste?
    B – Beccate un gatto che vi frega l’arrosto
    1 Ridete e lo cacciate
    2 Lo colpite con qualche oggetto.
    C – Beccate un turco che vi ruba in casa
    1 Lo ammazzate subito a bastonate
    2 Lo ammazzate dopo efferate torture
    D – Beccate un turco che sta cucinando un gatto
    1 Lo impalate
    2 Lo crocefiggete
    3 Lo squartare con il tiro di 4 cavalli
    E – Beccate un gatto inferocito che sta spellando la testa ad un turco
    1 Aiutate il turco a liberarsi del gatto incazzato
    2 Verificate che lo sporco turco non faccia del male al micio.
    Grog! .
    Grog! .
    Grog! .
    Grog! .
    Grog! .
    Grog! .
    Grog! .
    Grog! .
    Grog!

  4. Peucezio says:

    Mi ha sempre colpito ‘sta cosa dei gatti nelle due Rome (nella terza non se ne vedono).
    Mi ricordo anche a casa dell’amico che mi ospitò a Kadıköy (cioè Calcedonia, parte asiatica) c’erano due gatti, un maschio e una femmina. In origine erano tre, ma uno se n’è scappato via e ogni tanto il mio amico lo incontrava nel quartiere.

    • Grog says:

      I gatti non sono pirla, per cui nella terza Roma dato il clima se ne stanno vicini al samovar e pare che abbiano imparato a bere il thé.
      Grog! Grog! Grog! Grog!

    • roberto says:

      perdonate l’ignoranza, ma la terza roma qual è?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *