Di acciaio e rovine

Vi ricordate di Joe Magarac, l’Uomo d’Acciaio?

Il fotografo Matthew Christopher è andato a visitare la chiesa di San Bonaventura, dove certamente Joe Magarac, da buon cattolico, qualche volta ha pregato, quando si doveva recare a Philadelphia.

Eccola oggi.

matthew-Christopher-1_964x643

 

 

Print Friendly
This entry was posted in cattolici, mundus imaginalis, urbanistica, USA and tagged , , . Bookmark the permalink.

36 Responses to Di acciaio e rovine

  1. mirkhond says:

    Sembra come se fosse stata bombardata.

    • “Sembra come se fosse stata bombardata.”

      Dà un’idea dell’elasticità del tempo: questa chiesa, che presumo non avrà nemmeno un secolo (ma notate il tipico stile tanto amato negli Stati Uniti, paese dove l’amore per il Medioevo è molto più forte che in Europa), già appartiene a un’era antica e tramontata per sempre, quella dell’Acciaio.

  2. mirkhond says:

    “Stati Uniti, paese dove l’amore per il Medioevo è molto più forte che in Europa”

    Dipende dal fatto che sono consapevoli di essere una filiazione dell’Europa?
    Stando allo storico e giornalista tedesco Ceram, autore di Civiltà Sepolte, gli Statunitensi nel XIX secolo, sentivano che la loro storia antica era quella stessa degli Europei, e non prestavano molta attenzione alle scoperte delle antiche civiltà native americane, fino agli studi di William Hickling Prescott (1796-1859), autore della Conquista del Messico (1843) e della Conquista del Perù (1847).

    • “Dipende dal fatto che sono consapevoli di essere una filiazione dell’Europa?”

      Certo, e senza aver vissuto il brutto dell’Europa.

      Noi che viviamo in Europa sappiamo che i signori feudatari erano una specie di camorristi analfabeti e che i preti si portavano a letto le servette.

      Invece, negli Stati Uniti, stanno ancora ai romanzi di Walter Scott e alle vite dei Santi :-)

      • PinoMamet says:

        “stanno ancora ai romanzi di Walter Scott ”

        che per inciso sono terribili, almeno a leggerli attentamente… i Normanni sono descritti come sfruttatori e schiavisti abbastanza disumani in Ivanhoe, e tutto il romanzo non riesce poi a cancellare la cattiva impressione iniziale
        (forse per gli statunitensi ci riesce: del resto, a molto pubblico “americanizzato” in Italia, il Medioevo piace proprio per quello…)

        • PinoMamet says:

          In compenso è molto più leggibile degli ingestibili e indigeribili Promessi Sposi, che migliaia di studenti italiani devono sorbirsi… o dovrebbero se non fosse per San Bignami prima, e Santa Uichipedia oggi… ;)

      • mirkhond says:

        Beh, ma fino al XVII-XX secolo, dove stavano i tantissimi statunitensi di origine europea? :)

        • PinoMamet says:

          Beh, ma mica se lo ricordano.
          Il posto fa tutto.

          • mirkhond says:

            Infatti.
            Del resto hanno anche loro i reenactors, tra cui quelli che giocano a fare i Tedeschi della Seconda Guerra Mondiale….. :)

          • PinoMamet says:

            Già!
            e ho visto anche delle foto di improbabilissimi paffutissimi Bersaglieri, Alpini e parà della Folgore “italiani”… made in USA!

          • mirkhond says:

            Ci sono anche gli Italiani visti dalla Red Star di Kiev, compagnia di reenactors ucraini che organizzavano (organizzano ancora oggi, con la guerra contro la Russia?) rievocazioni della guerra di Russia 1941-1945, con reenactors vestiti da Tedeschi, Russi e pure Italiani….. :)

  3. Grog says:

    Uh! Uh! Uh!
    Se all’inizio mi dispiaceva l’idea della rovina di un luogo di culto antico, dopo aver dato un’occhiata alle fotografie nel link indicato ebbene posso dire che della Chiesa di San Bonaventura ORA NON ME NE FREGA UNA CIPPA, si tratta di clamorosi FALSI, il massimo sono le sedute nella navata, sembrano sedili di autobus!
    Vale di più per la memoria un singolo inginocchiatoio di una remota Chiesetta di Montagna italiana o ticinese! Evviva Gesù!
    A MORTE I BARBARI FALSARI DI OLTRE OCEANO.
    Augurerei loro uno SCAMBIO NUCLEARE INTERCONTINENTALE se non amassi troppo SANTA MADRE RUSSIA per metterla in pericolo e non apprezzassi troppo la CIVILISSIMA CINA.
    L’unica speranza è UNO SCAMBIO NUCLEARE MASSICCIO tra AMEROCULI E GIAPBOMBAMANTI ( si perché i Giappi sotto sotto AMANO LA BOMBA) godono come mandrilli a costruire centrali nucleari con tecnologie americule vecchie ed insicure e per essere certi del disastro le METTONO IN ZONA TSUMANI.
    Peccato per la cultura GIAPPA che esteticamente è spesso ammirevole e che ha insegnato al mondo ad annusare le mutandine sporche delle signorine.
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!
    Grog!

  4. PinoMamet says:

    “si tratta di clamorosi FALSI”

    Mmm non so se sono d’accordo.

    Non è un falso, non finge di essere qualcos’altro, come un pittore che metta la firma di Picasso su un quadro che ha fatto lui;

    è semplicemente fatta in uno stile “antico europeo”, che naturalmente piace negli USA che non sono né antichi né europei
    (eppure… sono contemporanei dell’America Latina, dove le cattedrali “autentiche” del Sei e Settecento non mancano…)

    piace non solo negli USA: su queste pagine ;) non è raro imbattersi in invettive (sia chiaro: giustificate) contro le chiese-discoteca, chiese-astronavi e chiese-autogrill sorte come funghi nelle periferie del dopo Concilio…

  5. MOI says:

    In effetti le sedute della navata sono orrende … ma più che altro mi sembrano divanetti svedesi Anni ’70, magari lo sono ;) .

    PS1

    E Saint John The Divine ? … Com’è messa ;) ? … A che punto è ?

    http://nyc-architecture.com/HAR/HAR002.htm

    PS2

    Per come invece vessa pietosamente le Fede nella Barcellona odierna, la Sagrada Familia fan prima a non finirla; se non fosse per i contratti di lavoro assicurati ai muratori e per i turismo … mi sa che sarebbe già un rudere.

    http://www.lastampa.it/2015/10/22/multimedia/esteri/fine-dei-lavori-a-barcellona-ecco-come-sar-la-sagrada-familia-AoOpaWwup89IPywzxjNkqK/pagina.html

  6. PinoMamet says:

    La parrocchia dove abitavo da piccolo era grandicella, e divisa per praticità in due sedi (il prete si spostava).
    Una era una chiesa dell’XI secolo (o X, mo’ non ricordo…) dove una regina (non ricordo quale) nel Medioevo venne a vivere da eremita. Niente da dire, l’impianto esterno era originale, all’interno era stata ridipinta in epoca più tarda a righe nere e biancastre come le chiese liguri, c’erano i seggi lignei del coro e anche l’altare, pure ligneo, era decorato con figure evangeliche, navicelle a vele spiegate e così via.

    L’altra era una chiesetta moderna, ma non modernissima, d’impianto rigidamente neoclassico vista da fuori, ma dentro dipinta con affreschi un po’ inquietanti, al posto di Gesù Cristo troneggiava nell’abside un grosso Agnello irradiante in un cielo azzuro, sembrava la chiesa di un’altra religione, a pensarci da grande direi un mitreo, ma anche da piccolo non dava mica tanto l’impressione di essere una chiesa cattolica, era un po’ strana…

  7. mirkhond says:

    “Certo, e senza aver vissuto il brutto dell’Europa.

    Noi che viviamo in Europa sappiamo che i signori feudatari erano una specie di camorristi analfabeti e che i preti si portavano a letto le servette.

    Invece, negli Stati Uniti, stanno ancora ai romanzi di Walter Scott e alle vite dei Santi :-)”

    Piuttosto dopo una rielaborazione-semplificazione del passato europeo, in una cultura, quella statunitense che ha un estremo bisogno di sintesi.
    E che dunque è incapace di cogliere le complessità della storia……..

  8. MOI says:

    @ GROG

    Chongqing (Cina): Il bagno pubblico più grande [… e fantasioso, ndr] del mondo

    http://www.bagnidalmondo.com/chongqing-cina-il-bagno-pubblico-piu-grande-del-mondo/

    Si notino le ricorrenti “madonnine”, anche se forse i Cinesi le ritengono una “normalità nostra” …

  9. MOI says:

    NON prevarranno … ma di direbbe che abbiano già prevalso eccome, però !

    http://www.chometemporary.it/2013/02/22/se-prima-cera-una-chiesa/

    Chiese non più Chiese … in tutta Europa, perfino nel Meridione Italiano !

    —————-

    Discoteca Britannica In Odium Fidei :

    http://www.nocristianofobia.org/the-church-la-discoteca-con-dj-jesus/

    ——————————————

    La Risposta dello Spirito del Concilio :

    http://www.today.it/strano-ma-web/cristoteche-discoteche-musica-religiosa.html

    Cristoteca [sic] … convintissimi di aver dato agli AntiClericali il fatto loro, mentre questultimi se la ridono sui SocialNetworks UAAR !

    • mirkhond says:

      Deprimente e desolante…….

      • daouda says:

        eh si

        • Moi says:

          http://www.youtube.com/watch?v=jKcYiqWH1Ik

          (Giovani)

          http://www.youtube.com/watch?v=XY8uq-0s5Wg

          (Vescovi)

          How how how
          How how how

          Seja bem vindo, bem vindo entre nós
          Que coisa boa ouvir tua voz
          É uma alegria poder te encontrar

          How how how

          Falo por mim e por os nossos irmãos
          Falo do fundo do meu coração
          O teu sorriso é tudo de bom…, bom… bom
          Tudo de bom

          Vem abre os braços como o redentor
          Tua benção francisco nos traz
          Mais um raio de luz de esperança de amor e de paz

          De amor e de paz
          How how how
          How how how

          Seja bem vindo, bem vindo entre nós
          Que coisa boa ouvir tua voz
          É uma alegria poder te encontrar

          How how how

          Falo por mim e por os nossos irmãos
          Falo do fundo do meu coração
          O teu sorriso é tudo de bom…, bom… bom
          Tudo de bom

          Vem abre os braços como o redentor
          Tua benção francisco nos traz
          Mais um raio de luz de esperança de amor e de paz

          De amor de paz!

  10. MOI says:

    “si” [se passano i commenti …]

  11. Roberto says:

    Foto molto suggestiva

  12. Moi says:

    Boh … avevo dei messaggi waiting for moderation pare che lo siano ancora … però da un altro PC. Va be’, tutte cose piùo meno già viste a cui alludeva Pino. Solo che a certi livelli …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>