La Mamma de Anastasia ce sarva a tutti! E Renzi ci salva dalla Mamma de Anastasia

Copio, incollo, non commento (però ascoltate l’audio, che è ‘na meravija!).

Da Roma fa schifoil sito peraltro che sgamò Mike Coatto Barnett, quello che stava per fare l’attentato al Papa.

“Restate sulla Cassia che a Ponte Milvio e in Centro c’è l’Isis”. Ecco la telefonata allarmistica di cui parla Renzi

20 novembre 2015

Il documento era talmente ridicolo che, pur avendolo ricevuto ieri sera, avevamo deciso di non pubblicarlo e di non farne menzione e anzi avevamo lievemente preso per il fondoschiena tutti coloro che ce lo inoltravano.

Dopodiché apriamo i giornali e ci accorgiamo che un personaggio a caso, il Primo Ministro di questo Paese, ha affrontato l’argomento di questa fantomatica e misteriosa telefonata registrata. Telefonata che secondo il Premier sarebbe stata studiata apposta per seminare il terrore nel paese. Così ha dichiarato inaugurando, parlando alla destra di un Commissario Tronca simil-Andreotti con scaccolata dell’orecchio incorporata, il pronto soccorso dell’Ospedale Santo Spirito.

Ma quale studiata apposta? Ma quale terrore? Basta un ascolto rapido per capire che si tratta di una mamma-media romana che spara un sacco di corbellerie una dietro all’altra sull’onda della più bieca suggestione post-attentati. Dopo aver raccolto le testimonianze di un’altra mamma, ovviamente impiegata al Ministero degli Interni, la premurosa mammina rendeva edotte la figlia e le di lei amiche di come salvarsi dagli attacchi terroristici imminenti in città.

E certo, come no, decine di migliaia di dipendenti del Ministero dell’Interno e tutti dotati di informazioni riservate come fossero tutti il capo dei Servizi Segreti. Ma per favore.


E poi vogliamo commentare la sciocchezza delle “zone centali”. Ma zone centrali de che, ma movida de che? Ma vi risulta che a Parigi abbiano forse colpito le zone della “movida”? Ma quando mai? Tutti bar e ristorantini sfigati del Decimo e dell’Undicesimo (proprio qualcosa di molto paragonabile, semmai, ai “localetti della Cassia” di cui parla la solerte genitrice). E una sala concerti nota, ma marginale. Mica l’Opera Garnier o l’Opera Bastille.

Ma poi la bomba a Lepanto? Era l’ennesimo allarme bomba ridicolo di questi giorni. Una bomba vera? Queste sono le voci che girano al Viminale? Andiamo bene! Era talmente una bufala che gli artificieri sono arrivati e andati via nel giro di pochi minuti: la metro di Roma è piena de monnezza, se prestiamo attenzione ad ogni scatolone, busta e sacchetto abbandonato facciamo prima a non aprirla proprio.

Non date retta a queste sciocchezze che girano. Non sono frutto di chissà quale strategia di procurato allarme, come dice Renzi, sono frutto di qualcosa di peggio: la stupidità diffusa. Ascoltate, ma solo per farvi una risata e per prendere in giro chi ci casca.

La mamma di Anastasia ha avvisato tutti eh, salutatecela.

Print Friendly, PDF & Email
This entry was posted in giornalisti cialtroni, Terrorismo realtà e mistificazione and tagged , , . Bookmark the permalink.

22 Responses to La Mamma de Anastasia ce sarva a tutti! E Renzi ci salva dalla Mamma de Anastasia

    • Mauricius Tarvisii says:

      Meraviglioso!

    • Roberto says:

      Cazzarola io ho un bel barbone islamico ed una maglietta degli all black, meglio lasciarla nell’armadio….

    • PinoMamet says:

      Embè,Fidenza è sempre sul pezzo:

      -commemorazione giocatore degli All Blacks: celo

      -allarme terrorismo: celo

      e in una botta sola!

      • mirkhond says:

        Ora a Fidenza regna la più profonda difFidenza?

      • PinoMamet says:

        A Fidenza regna l’assoluta normalità, come sempre.

        D’altra parte, dice il proverbio, a Fidensa, ad cojòn i n’èn méi sensa (se gh’n’in manca qualdòn, il van a tòr a Castiòn) 😉

        (A Fidenza, di coglioni non sono mai senza; se ne manca qualcheduno, lo vanno a prendere a Castione- frazione, nonchè feudo di CL)
        😉

        • mirkhond says:

          Cl pure da voi?
          Pensavo ne fosse incontaminata! 🙂

        • PinoMamet says:

          Sono infiltrati dalla Lombardia… quella a nord del Po, intendo 😉

          in realtà sono diffusi praticamente solo a Fidenza, che io sappia, immagino appoggiandosi alla Diocesi locale;

          e hanno saputo occupare molto bene gli spazi lasciati liberi dal PCI
          (mica che spadroneggino, ma credo proprio che abbiano applicato alla lettera o quasi qualche sistema di di “egemonia culturale”, e non solo, di qualche manuale della vecchia sinistra, partendo dalla gestione del tempo libero giovanile, per avere poi solidi agganci nella vita professionale, politica ecc.)

          • Francesco says:

            cosa intendi per gestione del tempo libero giovanile?

            ti ho letto tre volte e poi ho capito cosa non capivo

            🙂

          • PinoMamet says:

            Vuol dire che cominciano a fare proseliti negli oratori e nelle scuole.

            In una cittadina di 25 000 abitanti, sede diocesana antica e piuttosto orgogliosa, dove regna un’atmosfera di scetticismo paesano e borgataro che ha sempre guardato con sospetto e ironia anche ai partiti, la Chiesa, che perlomeno dura dai proverbiali duemila anni, e ha dimostrato di saper resistere all’ironia, è comunque un’istituzione rispettata, anche se non sempre seguita alla lettera.
            E gli oratori sono un importante centro di aggregazione per la fascia d’età adolescenziale (dove invece i partiti atteschiscono poco).

            Mi pare che sia proprio da lì che sia partita l'”offensiva” di CL (e dalla frazione di Castione, dove gestisce anche una scuola privata; ok, ufficialmente sono dei privati, ma la sostanza è che è CL).

  1. mirkhond says:

    Mi è venuto in mente il monologo di Peter Finch nel film “Quinto Potere” di Sydney Lumet nel 1976: “Perché l’unica verità che conoscete è quella che ricevete alla tv, attualmente! C’è da noi un’intera generazione che non ha mai saputo niente che non fosse trasmesso alla tv. La tv è la loro Bibbia, la suprema rivelazione. La tv può creare e può distruggere presidenti, papi, primi ministri. La tv è la più spaventosa maledettissima forza di questo mondo senza Dio. E poveri noi, se cadesse nelle mani degli uomini sbagliati. […] e quando una fra le più grandi corporazioni del mondo controlla la più efficiente macchina per una propaganda fasulla e vuota, in questo mondo senza Dio, io non so quali altre cazzate verranno spacciate per verità, qui. Quindi ascoltatemi, ascoltatemi: la televisione non è la verità! La televisione è un maledetto parco di divertimenti, la televisione è un circo, un carnevale, una troupe viaggiante di acrobati, cantastorie, ballerini, cantanti, giocolieri, fenomeni da baraccone, domatori di leoni, giocatori di calcio! Ammazzare la noia è il nostro solo mestiere. Quindi, se volete la verità, andate da Dio, andate dal vostro guru, andate dentro voi stessi, amici, perché quello è l’unico posto dove troverete mai la verità vera! Sapete, da noi non potrete ottenere mai la verità. Vi diremo tutto quello che volete sentire, mentendo senza vergogna: vi diremo che Nero Wolfe trova sempre l’assassino, e che nessuno muore di cancro in casa del dottor Kildare, e che per quanto si trovi nei guai il nostro eroe, non temete, guardate l’orologio, alla fine dell’ora l’eroe vince… Vi diremo qualsiasi cazzata vogliate sentire. Noi commerciamo illusioni: niente di tutto questo è vero. Ma voi tutti ve ne state seduti là, giorno dopo giorno, notte dopo notte, di ogni età, razza, fede. Conoscete soltanto noi. Già cominciate a credere alle illusioni che fabbrichiamo qui. Cominciate a credere che la tv è la realtà, e che le vostre vite sono irreali. Voi fate tutto quello che la tv vi dice: vi vestite come in tv, mangiate come in tv, tirate su bambini come in tv, persine pensate come in tv! Questa è pazzia di massa! Siete tutti matti! In nome di Dio, siete voialtri la realtà: noi siamo le illusioni. Quindi spegnete i vostri televisori, spegneteli ora…”

    • rossana says:

      Grazie di aver riportato questo pezzo da Quinto Potere.
      Ogni volta che incrocio questo film mi dico sempre la stessa cosa:” Questo ce l’aveva detto già nel 1976, come stavano le cose. Eppure, ancora c’é chi si racconta le scuse più improbabili pur di continuare a tenrsi accesa la tv…”.

      Poi c’é il discorso del direttore di rete a Peter Finch, che riascoltato oggi fa impressione, perché ce l’aveva detto chiaro e tondo già allora, come stavano le cose.
      Eppure, siamo ancora qui a sragionare di destre e sinistre, cose che hanno senso solo per i talk show e per i sondaggi da talk show.
      Temo che anche internet sia ormai solo show, quasi tutto…

      “Lei è un vecchio che pensa in termini di nazioni e di popoli. Non vi sono nazioni, non vi sono popoli, non vi sono russi, non vi sono arabi, non vi sono terzi mondi, non c’è nessun Ovest! Esiste soltanto un unico, un solo sistema di sistemi: uno, vasto, immane, interdipendente, intrecciato, multivariato, multinazionale, dominio dei dollari, petro-dollari, elettrodollari, multidollari, sterline, rubli, franchi: è il sistema internazionale valutario, che determina la totalità della vita su questo pianeta. Questo è l’ordine naturale delle cose, oggi, questa è l’atomica! […] Lei si mette sul suo piccolo schermo da 21 pollici e sbraita parlando d’America e di democrazia… Non esiste l’America, non esiste la democrazia! Esistono solo IBM, ITT, TNT, Dupont, Texo. Sono queste le nazioni del mondo, oggi. Di cosa crede che parlino i russi ai loro consigli di Stato? Di Carlo Marx? Tirano fuori diagrammi di programmazione lineare, le teorie di decisione statistica, le probabili soluzioni, e computano i probabili prezzi e costi delle loro transazioni e dei loro investimenti: proprio come noi. Non viviamo più in un mondo di nazioni e di ideologie, signor Beale: il mondo è un insieme di corporazioni, inesorabilmente regolato dalle immutabili spieiate leggi del business. Il mondo è un business, signor Beale: lo è stato fin da quando l’uomo è uscito dal magma. E i nostri figli vivranno, signor Beale, per vedere quel mondo perfetto, in cui non ci saranno né guerra né fame né oppressione né brutalità: una vasta ed ecumenica società finanziaria per la quale tutti gli uomini lavoreranno per creare un profitto comune, nella quale tutti avranno una partecipazione azionaria, e ogni necessità sarà soddisfatta, ogni angoscia tranquillizzata, ogni noia superata.”

      • mirkhond says:

        Il Grande Fratello

      • mirkhond says:

        Purtroppo i profeti non vengono mai ascoltati quando dovrebbero esserlo…….
        Quinto Potere esprime gli Usa che preferisco, quelli di una coscienza autocritica verso le seduzioni e le menzogne del potere.
        Purtroppo critiche che cadono nel vuoto, se non per pochissimi e impotenti di fronte al male…….
        Come ha scritto Rossana nel suo blog, non ho paura dell’Islam, ma di chi la utilizza per coprire ben altri e più iniqui progetti di dominio dittatoriale in QUESTA società, col pretesto della sicurezza…….

        • Francesco says:

          coe è naive e commovente Quinto potere! quanta beata ingenuità anni ’70!

          grazie per averlo evocato, ora torno a Marcellino pane e vino

          • mirkhond says:

            Purtroppo gli ingenui sono quei milioni di persone che si bevono acriticamente tutto quello che viene detto in tivù……..

  2. Dif says:

    http://www.affaritaliani.it/roma/allarme-bomba-in-autogrill-chiusa-autostrada-a1-393895.html

    Allarme bomba in un autogrill presso Anagni.
    Ecco cosa intendeva l’ISIS con “siamo a sud di Roma” 🙂

  3. Mauricius Tarvisii says:

    Poi se volete divertirvi ad impersonare Al Baghdadi c’è una novità che fa per voi 😀

    http://steamcommunity.com/sharedfiles/filedetails/?id=558041900

  4. Mauricius Tarvisii says:

    Pausa per una battaglia di civiltà ben più grande: nel Regno Unito puoi regalare tuo figlio, ma non lo puoi vendere. Crediamo che sarebbe opportuno discutere della possibilità di pattuire un corrispettivo.

    http://www.theguardian.com/lifeandstyle/2015/nov/21/surrogacy-in-the-uk

    • Moi says:

      Il Gender aveva fatto tanto per diventare Nemico Pubblico Numero Uno scalzando l’ Islam 😉 , poi un Venerdì 13 🙁 …

  5. Mauricius Tarvisii says:

    La storia ha un seguito

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/20/attentati-parigi-allarme-madre-su-whatsapp-renzi-procurato-allarme-una-donna-si-presenta-alla-polizia/2239465/

    Ovviamente viene detto che la mamma di Anastasia non esiste: Anastasia deve essere orfana.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *