Col senno di poi, e anche con quello di prima

Scusate il lungo copincolla per giunta in inglese, magari qualcuno troverà il tempo per tradurre… ma ogni tanto è bene ricordare esattamente di cosa sono colpevoli le persone a cui noi ci rivolgiamo per “rispondere ai terroristi”.

Ho trovato questo pezzo, da leggere fino in fondo con il senno di poi, su una pagina di oltre quattro anni fa, che se ne sta ancora orgogliosamente in rete.

Rivolto a chi dice che “i musulmani odiano la nostra libertà” e dimentica chi ha sfasciato l’Iraq, ha ingrassato di armi l’Arabia Saudita, ha trasformato la Siria in un deserto, ha distrutto la Libia, ha provocato onde migratorie che stanno sconvolgendo l’Europa, sta vendendo in questo momento le bombe con cui massacrano lo Yemen, ha finanziato l’ascesa dell’area politica alla cui testa si è messo l’Isis… Ecco a cosa servono gli “istituti di pace”, come si chiama l’ente che ha fatto parlare il senatore McCain.

P.S. Traduzione completa in italiano, grazie a Io Non Sto Con Oriana.

The United States Institute of Peace (USIP) was established by Congress in 1984 as an independent, federally-funded national security institution devoted to the nonviolent prevention and mitigation of deadly conflict abroad.

Sen. John McCain: U.S. Must Sustain Momentum of Arab Spring
Published:
May 20, 2011
By:
Gordon Lubold

Senator John McCain sees the Arab Spring as the most consequential event since the fall of the Ottoman Empire and for the U.S., a “moment when we must clearly define what we stand for, and not just what we are against.”

Sen. McCain appeared at the United States Institute of Peace May 19 to deliver the annual Dean Acheson Lecture, where he praised President Barack Obama for the courage it took to carry out the raid against Osama bin Laden. The operation was done in a way that preserved intelligence and American lives, he said.

Speaking at USIP just a few hours after President Barack Obama’s speech on the Middle East, Senator McCain also addressed the recent turmoil in the Arab world, saying the developments represented a “collective demand for human dignity, economic opportunity and peaceful political change.”

“It should also put to rest the ugly claim, heard all too often over the past decade, that the Arab world is somehow condemned to despotism – that unlike people everywhere else, Arabs are not ready, not capable, or not fit for democracy,” the senator said in USIP’s Great Hall in its Washington headquarters.

Sen. McCain called for changing anti-American regimes, consolidating nascent democracies, reforming pro-American autocracies and renewing the Israel-Palestinian peace process — echoing many of the same themes President Obama had touched on in his own speech.

The Arizona Republican said he is optimistic about the wave of revolution across the Middle East and North Africa, but he hopes the U.S. does everything it can to seize the moment, not squander it. It is a time when national unity is important – much in the same way that the lecture’s namesake was able to lead during the Cold War.

“We cannot be paralyzed by this tectonic change. Instead, we must work to shape it,” he said.

Countries with regimes that are incompatible with a free Middle East must be forced to change. The U.S. must support Iran’s Green Movement, for example, by placing effective sanctions on that country.

On Syria, Sen. McCain said there could be few options worse than Syrian President Bashar al-Assad, and the U.S. must step up to push his regime out.

“To believe that despite all of this that Bashar al-Assad is a reformer is an exercise in gross self-deception,” he said, noting that the Assad regime has the “blood of hundreds of U.S. troops and countless Iraqi civilians on its hands.”

“We must do all we can, short of military action, to help the Syrian revolution to succeed,” Sen. McCain said, adding that he would “urge the administration” to continue “ratcheting up the pressure” on Syria, in coordination with the European Union and Turkey. He again praised President Obama for steps the administration has taken against the Syrian regime, though he urged the White House to publicly call for the Syrian president to go.

In Libya, Sen. McCain would like the U.S. to move away from an “incremental escalation of pressure on Libyan leader Col. Muammar al-Qaddafi in favor of a more decisive course of action.” He said he would like to have U.S. strike aircraft “back into the fight” to destroy the Libyan leader’s command-and-control sites and have the American government recognize the transitional national council in Benghazi as “the legitimate voice” of the Libyan people. Congress would soon transfer billions of dollars in Qaddafi’s frozen assets to the Libyan people, he said, dismissing the concern that Libyan opposition leaders such as the Muslim Brotherhood or others could be terrorists-in-waiting. “If these people are al-Qaida my friends, then I am a liberal Democrat,” Sen. McCain said.

In other countries, the U.S. has been criticized for its lukewarm opposition to regimes where people have called for change – like in Bahrain. “The United States is fully committed to our partnership with the Kingdom of Bahrain, as well as its Gulf neighbors, but we want them to stay on the right side of history in their countries – because that is where the United States must, and will, remain,” he said. It is critical now for the U.S. to sustain the momentum that has already begun in the birthplace of the Arab Spring, he said.

“As we work to support democratic revolutions in Iran, Syria and Libya, our next objective should be to consolidate democratic transitions in countries where they have already begun, especially in Tunisia and Egypt,” he said. Both countries are facing an “explosion” of political activity, including Tunisia, where there are now 65 registered political parties.

“Both countries are facing serious short-term economic difficulties as a result of their revolutions,” he said. Tourism has taken a large hit, he said, noting that he and Sen. Joseph Lieberman (I-Connecticut) had travelled to the region recently, staying in a large hotel in Tunis that was otherwise empty. Economic assistance to these countries is critical at a critical time in their histories. “It is the economies of these countries that will largely determine their political fortunes,” he said.

At the same time, the senator noted, this doesn’t mean the U.S. should begin shoveling American aid to these countries. The current leaders in Congress were elected to cut spending, he said, and the U.S. can’t develop a Marshall Plan of sorts for the region in the wake of the Arab Spring. But the goal should be to seek free trade agreements and find “creative ways” to martial the support of the American private sector and the generosity of countries like Qatar to help sustain their flagging economies, he said.

Sen. McCain also reiterated his position on a two-state outcome between the Israelis and Palestinians, insisting that the Palestinians recognize Israel so the two can live side-by-side in peace and security. He worried aloud how a “stalled or deteriorating situation” between the Palestinians and Israelis could play into the politics of the Arab Spring.

Returning in his speech to the successful raid that claimed bin Laden’s life, Sen. McCain said he took pleasure in knowing that bin Laden saw the birth of the Arab Spring that seems so antithetical to the life of mass destruction and murder that defined him.

This could be the death knell for the brand of global terrorism that attacked us 10 years ago, and I for one am happy that Osama bin Laden got to hear it – just before a team of American heroes ended his wretched life,” Sen. McCain said.

Read the full text of Sen. McCain’s remarks (external link)

United States Institute of Peace   2301 Constitution Avenue NW, Washington, DC 20037   Tel: +1.202.457.1700

This entry was posted in Terrorismo realtà e mistificazione and tagged , , . Bookmark the permalink.

48 Responses to Col senno di poi, e anche con quello di prima

  1. Institute of Peace.
    Bello, davvero.

  2. Francesco says:

    Non sapevo che Mc Cain fosse un liberal democrat. O un perfetto imbecille. O un venduto.

    Quale sarà quella vera?

    Anche se condivido la premessa “the ugly claim, heard all too often over the past decade, that the Arab world is somehow condemned to despotism – that unlike people everywhere else, Arabs are not ready, not capable, or not fit for democracy”, che in qualche modo intelligente dovrebbe essere presente nella politica estera occidentale in Medio Oriente

    Ciao

    • “Non sapevo che Mc Cain fosse un liberal democrat.”

      No, è una battuta, tipo “se Renzi è di sinistra, io Francesco sono comunista”.

    • “Non sapevo che Mc Cain fosse un liberal democrat. O un perfetto imbecille. O un venduto.”

      Comunque hai ragione, sono io che non ho colto bene la tua battuta, avrei dovuto arrivarci.

      Solo che forse adesso capisci la difficoltà che provo di fronte a chi mi chiede, “cosa si dovrebbe fare?”

      Perché quelli che “dovrebbero fare” sono proprio questi qui”.

      • Francesco says:

        Beh, ma io non tengo mai conto di chi sono i politici al potere quando penso cosa si dovrebbe fare.

        Prima penso a cosa sia la cosa migliore, poi vedo se c’è chi potrebbe andare bene per farla.

        Se parto dal fatto che al potere ci siano i Renzi, gli Alfano, gli Obama e gli Hollande rischio di diventare un jihadista …

        Ciao

  3. mirkhond says:

    Franco Cardini, sugli ultimi avvenimenti:

    http://www.francocardini.it/minima-cardiniana-98/#more-271

  4. Grog says:

    Sono brillantissimi gli ANGLOAMERICULATTONPEDOFILI!
    – Hanno distrutto l’Iraq e lo hanno REGALATO agli Iraniani ed ai Russi
    – Ci han provato in SIRIA e gli è andata male
    Ora l’ORSO fa il bagnetto in Mediterraneo e arriva da DUE PARTI, poi visto che è un animale pacifico e sonnacchioso ma INCAZZOSISSIMO SE PROVOCATO ha notificato a MISSILATE

  5. Calo del 50% dei turisti a Parigi.

    Qualcuno vuole avvisare il mondo che tra poco a Firenze ci sarà l’appetibilissimo vertice della NATO?

    26-27 novembre, segnatelo su Tripadvisor, Airbnb e Booking.com!

    Ah, e domani passa il presidente d’Italia per diventare membro dell’Accademia della Crusca (?). Non so se può interessare all’Isis, ma siccome noi siamo per la pace, la felicità e il benessere, ovviamente non vorremmo che qualche turista venisse colpito, quindi potrebbe starsene lontano anche domani.

    • roberto says:

      sinceramente vi auguro che tutto vada bene (nel senso che nessuno si accorga dell’esistenza del vertice)

      • Ma non sarebbe male deviare per quei giorni il flusso turistico, che so, verso Rignano sull’Arno, dove qualche centinaio di migliaia di turisti potranno fotografare la casa natale di Matteo Renzi, o anche l’asilo che lui ha frequentato da piccolo, e magari nel pomeriggio andare a pescare copertoni nell’Arno.

        • Come alternativa a Firenze, con le sue noiose a banali chiese e musei, segnaliamo che Rignano sull’Arno ha la Chiesa di San Leolino e per mangiare ci sono la Gelateria-Pasticceria Feroci nel centro di Rignano e l’Antica Trattoria del Burchio (anche se per arrivarci, bisogna andare fino a Burchio).

  6. Mauricius Tarvisii says:

    Sento ora a Ballarò che il problema di noi europei sarebbe che ci stiamo dimenticando il nostro stile di vita occidentale.

    • “Sento ora a Ballarò che il problema di noi europei sarebbe che ci stiamo dimenticando il nostro stile di vita occidentale.”

      Infatti, niente discoteche o pacchetti vacanza in luoghi esotici.

      Tutti a bere tè e chiacchierare al mercato delle spezie, fermandoci di tanto in tanto a pregare, e raccontandoci con grande calma delle barzellette. Poi a dormire quando cala il sole, in piedi all’ora della prima preghiera, perché bisogna andare a portare dei dolci a tutti gli amici che stanno a casa per un giorno perché hanno un piccolo raffreddore, porgendo loro dolci fatti in casa.

      Non c’è più l’Occidente di una volta…

    • Z. says:

      Ma esattamente a Ballarò come è stata argomentata questa tesi?

  7. mirkhond says:

    Che bello stile davvero!
    Ma la libertà che si intende come valore occidentale da difendere, magari togliendoci sempre di più le libertà concrete, alla fine consiste nel libertinaggio e nel fregare i poveri.

    • “alla fine consiste nel libertinaggio”

      Capiamoci bene su questo concetto.

      Il “libertinaggio” in sé non è certo un problema. Il problema è quando si ritiene che “la libertà” coincida unicamente con “la libertà di acquisto”.

      Un esempio semplicissimo.

      Nel nostro rione, non esiste più alcuno spazio al coperto in cui le persone possano riunirsi, liberamente nel senso di gratuitamente.

      Possono invece affittare delle sale, pagando il Comune per il “mancato guadagno” che avrebbe concedendole, che so, a Ferragamo.

      Quindi, ognuno è libero di comprarsi un luogo in cui fare qualcosa; ma l’attività deve essere abbastanza remunerativa da permettergli poi di pagare la sala.

      • Francesco says:

        Noi di CL affittiamo le sale dovie ci troviamo per riunioni del tutto prive di remunerazione. Al massimo si prega. Solo che ci teniamo, a trovarci, e cacciamo la lira.

        😉

        PS anzi, loro, che io è un bel pò che non riesco a organizzarmi per uscire di casa la sera. ma il concetto è quello

        • roberto says:

          invece nella cupa norrenia granducale, almeno nel mio comune, basta prenotare uno dei 2 chalet* comunali e se sono liberi te li danno (paghi solo se vuoi che ti diano a disposizione piatti, bicchieri, cucina, pulizia ecc.)

          *proprio chalet, sono delle casette di legno in mezzo ad un parco. ce ne è un terzo a pagamento con a disposizione due enormi barbecue

          • Francesco says:

            mmmmmmmm

            chissà perchè i due enormi barbecue mi fanno passare in secondo piano la cupezza e venire un certo appetito

          • roberto says:

            appena le ritrovo ti mando le foto dell’ultima volta che abbiamo fatto lì il barbecue con la mia squadra e ti passa ogni residuo di dubbio (in uno dei due barbecue un ungherse ha montato un enorme paiolo per cucinarci ettolitri di un fantastico goulasch, nell’altro abbiamo fatto quei 2-3 quintali di costolette e salsicce per l’aperitivo)

            ovviamente partitella aperitivo e tiri liberi digestivi 🙂

          • Z. says:

            Per un barbecue così potrei persino fingermi un appassionato giocatore di basket 😀

    • roberto says:

      “togliendoci sempre di più le libertà concrete”

      di quale libertà concreta parli?

      • mirkhond says:

        Di quella di essere critici verso le politiche dominanti, oltre al viaggiare che diventerà sempre più difficile.
        Del resto siamo tutti controllati…….

        • Francesco says:

          sul viaggiare non sono d’accordo, sulla critica alle politiche dominanti hai molta più ragione

          è però un bel ginepraio, visto che una parte dei critici è anche “attiva” nel senso del terrorismo

          ciao

        • roberto says:

          “oltre al viaggiare che diventerà sempre più difficile.”

          guarda non me ne parlare che ieri con i controlli alle frontiere belghe e francese l’autostrada lussemburghese era totalmente paralizzata….quasi due ore per fare 35 km

          ma detto questo, a parte che c’è un po’ di controllo in più e devi mettere in conto un po’ di pazienza per sopportare il fastidio, chi ti impedisce di viaggiare?

          sull’essere critici, boh, mi pare che questo blog sia una prova del fatto che si possa essere estremamente critici senza subire alcuna conseguenza.

          poi se essere critici vuol dire farsi esplodere nella folla è un altro discorso, ma che dire, quella è una critica che non credo meriti di essere tutelata….

          • Francesco says:

            Roberto,

            il problema è che ci piacerebbe che la folla fosse tutelata ma non è così facile, lasciando anche ampia libertà di parola e di critica.

            Le cose che ci diciamo qui non ci portano a compiere atti violenti ma forse questo dipende più da chi siamo che da quello che diciamo.

            Ciao

          • roberto says:

            “il problema è che ci piacerebbe che la folla fosse tutelata ma non è così facile, lasciando anche ampia libertà di parola e di critica.”

            sai che non ho capito cosa vuoi dire?

          • Francesco says:

            che, se per fermare tutti i terroristi che potebbero farsi esplodere in mezzo alla folla sbattiamo a Guantanamo tutti quelli che criticano le politiche europee in Medio Oriente e Nord Africa, non facciamo proprio una cosa bella

            ciao

          • Roberto says:

            Beh certo, ma ti sembra che siamo vicini a fare delle guantanamo?
            (Nonostante il FN l’abbia già proposto)

          • Francesco says:

            sarebbe il caso di farle, comunque, il problema è scegliere bene chi metterci e se poi rilasciarli

          • roberto says:

            sei insieme a Z la persona che capisco meglio in questo blog, ma stavolta proprio non ci arrivo.

            prima mi dici che “non facciamo una bella cosa a sbattere tutti quelli che protestano a guantanamo” e poi che sarebbe il caso di fare delle guantanamo ben scelte

            non basta mettere in galera quelli che commettono reati (in senso lato, comprendendo quelli che preparano attentati) e lasciare in pace gli altri?

          • Francesco says:

            Roberto,

            non credo che sia possibile nè ragionevole attendere che QUESTI crimini siano commessi dalla carne da cannone.

            Ho come il sospetto che si debba preoccuparsi ANCHE dei predicatori di guerra, che trasformano normali minchioni in carne da cannone.

            Non so se sia possibile – mi viene da pensarlo perchè la trasformazione inizia ascoltando prediche pubbliche, a quanto pare. Un pò come hanno fatto con l’estremismo ideologico di sinistra, terreno di cultura del terrorismo. Giusto?

            Ma la mia competenza in ordine pubblico è così scarsa da farmi sembrare un ordinario di diritto costituzionale, al confronto.

            Ciao

            • “Ho come il sospetto che si debba preoccuparsi ANCHE dei predicatori di guerra, che trasformano normali minchioni in carne da cannone.”

              Siamo in democrazia, e ognuno si sceglie il predicatore che più si confa alle sue esigenze.

              Il “normale minchione” cerca qualcuno che gli dica, “spara!” e finché non lo trova, cambierà continuamente predicatore, e alla fine si accontenterà di un video su youtube con un canto trascinante.

              Non a caso, al-Qaida accusa l’Isis di aver delegittimato tutti i “sapienti” islamici.

          • Francesco says:

            Miguè

            per me invece il NM resta a livello di confuse pippe mentali, se non trova il “giusto cattivo maestro”

            e spara solo alla PS4 o agli altri spacciatori

            il che mi spiace ma è comunque meglio degli attentati

          • roberto says:

            ok capito francesco e sono pure d’accordo in principio, ma il tutto sta nel distinguere l’antipatico ma innocente “tizi sono brutti ed immorali e bruceranno all’inferno” dal non innocente “fratelli armiamoci e mandiamo all’inferno i tizi brutti ed immorali”

            penso spesso alla storia della radio rwandese “les milles collines” che evidentemente non ha insegnato nulla…

          • Francesco says:

            sono pienamente d’accordo con Roberto, per una volta

            rinchiudere i cretini pericolosi, non rinchiudere i critici non pericolosi

            sei più tranquillo, Duca? tanto mica sono i titoli del Giornale a sbattere la gente a Guantanamo

  8. mirkhond says:

    “poi se essere critici vuol dire farsi esplodere nella folla è un altro discorso, ma che dire, quella è una critica che non credo meriti di essere tutelata….”

    Temo che, in nome della seconda che hai detto, ci toglieranno la prima.
    Del resto c’è già chi lo chiede, proprio in nome di una libertà e di una democrazia…..vigilate.

  9. mirkhond says:

    “sull’essere critici, boh, mi pare che questo blog sia una prova del fatto che si possa essere estremamente critici senza subire alcuna conseguenza.”

    Per ora è ancora così Roberto.
    Ma quanto durerà ancora, se si pensa che la libertà di critica diventerà sempre più difficile, in nome della sicurezza?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *