Balcani 8: una vicenda semplice

Nel suo libro, Shadows on the Mountain: The Allies, the Resistance, and the Rivalries That Doomed WWII Yugoslavia, Marcia Christoff Kurapovna spiega cosa fosse la Seconda guerra mondiale, almeno per gli abitanti dell’allora Jugoslavia, raccontando di

“come un governo monarchico (la Gran Bretagna) tradì un governo monarchico (il regno della Jugoslavia), passando a sostenere in maniera esclusiva un governo comunista (quello di Tito) contro la volontà di un governo democratico alleato (gli Stati Uniti) allo scopo di impedire a un altro governo comunista (quello di Stalin) di assumere il controllo, mentre lo stesso governo comunista (di Stalin) tradì i propri soci comunisti (i partigiani jugoslavi) per sostenere il governo monarchico (il regno della Jugoslavia), che fu quindi sostenuto da questo alleato sovietico nominale, ma poi abbandonato, mentre nel frattempo i monarchici restarono ufficialmente alleati del governo comunista che disprezzavano. Ci fu un gruppo di resistenza serba, denominato i Cetnici, che resistettero contro le forze tedesche, gli italiani, i croati Ustaše, i musulmani albanesi e i partigiani, e collaborarono con tutti loro. I musulmani sognavano il ritorno della vecchia monarchia cattolica austriaca nella Bosnia-Erzegovina, si allearono nella lotta ai tedeschi e cercarono di massacrare i cetnici, che fecero del loro meglio per ricambiare – più tardi, Cetnici e musulmani in certe occasioni avrebbero lavorato insieme. Aggiungiamo i servizi segreti americani e inglesi, che ufficialmente collaboravano, ma passavano molto più tempo a cercare di difendersi dalla possibilità che gli altri li accoltellassero alle spalle”.

Print Friendly, PDF & Email
This entry was posted in Balcani, esperienze di Miguel Martinez and tagged , , , . Bookmark the permalink.

32 Responses to Balcani 8: una vicenda semplice

  1. mirkhond says:

    “Aggiungiamo i servizi segreti americani e inglesi, che ufficialmente collaboravano, ma passavano molto più tempo a cercare di difendersi dalla possibilità che gli altri li accoltellassero alle spalle”.

    Quest’ultimo aspetto andrebbe approfondito.
    Come ad esempio il fatto che gli Statunitensi fossero molto più riluttanti a mollare Mihailovic’, a differenza del più pragmaticamente cinico Churchill……

  2. mirkhond says:

    “i Cetnici, che resistettero contro gli italiani”.

    Solo inizialmente, vedasi la rivolta montenegrina del luglio 1941, che ridusse le truppe italiane alle sole Cettigne e Podgorica, più la neocostituita provincia di Cattaro.
    Insurrezione in cui Cetnici e Titini collaborarono.
    Poi dall’agosto-settembre 1941, i Cetnici delle Dinariche, cessarono le ostilità contro l’Italia ed iniziarono a collaborare con essa, per gratitudine per aver l’esercito italiano, fermato il genocidio dei Serbi nelle aree croate nella sfera d’influenza italiana.
    Collaborazione che sarebbe stata perfezionata nell’inverno 1941-1942 e che avrebbe portato nel giugno 1942 alla creazione della MVAC (milizia volontari anticomunisti), in maggioranza composta da Cetnici, sia inquadrati in unità ausiliarie dell’esercito italiano e comandate da ufficiali italiani, e sia i Cetnici veri e propri con i propri comandanti, in tutto circa 20.000 Serbi.
    Si trattava di una collaborazione tattica, in quanto lo stesso comando cetnico pensava di unirsi alle truppe angloamericane quando esse fossero sbarcate in Dalmazia, come si pensò per lungo tempo, ancora nel settembre 1944…..

  3. habsburgicus says:

    tutto giusto, nella sostanza…però ci sarebbe da dire sull’ultima frase,,senza assolutamente negare frizioni, anche importanti per le persone coinvolte, ritengo vadano derubricate a mero folclore..probabilmente sin da c.a 1898/1901 (fra il SI britannico all’aggressione alla Spagna e il placet britannico al canale di Panama, ma di certo entro 1941, l’Inghilterra-se vediamo le cose in modo cinico-non appare altro che una parte dell’unicum anglo-sassone (oggi “triplo” e non solo più anglo-sassone), dunque non darei troppa importanza a queste (presunte, ma probabilmente anche vere) coltellate fra servizi inglesi e nordamericani..in questa visione (contestabile, certo) non avrebbe senso parlare di contrasti seri anglo-americani in quanto ormai la stessa cosa, con un’élite unica e integrata che governa insieme nelle cose fondamentali e, per divertirsi, ogni tanto si fa qualche pseudo-sgambetto, per rompere la monotonia del reale, ma nulla di importante..anche se, magari, tragicamente ci vanno di mezzo altri..ma l’assoluta indifferenza all’altro è tipicamente british 😀 nihil novi sub sole

    • Francesco says:

      una gran parte della grandezza britannica è aver compreso l’ineluttabilità della fine del loro Impero e aver accettato il ruolo di “consigliere anziano” degli USA

      il che ha molto ridotto lo spazio per i contrasti (anche se trascuri volutamente il duro scontro su Suez)

      ciao

  4. Mauricius Tarvisii says:

    Oggi leggo questa

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/09/nazismo-i-soldati-di-hitler-drogati-di-metanfetamine-per-affrontare-la-guerra/2019902/

    Sicuramente ne saprete di più, ma mi sento preventivamente scettico.

  5. MOI says:

    In Jugoslavia ci sono stato da piccolo quando Tito era morto già da almeno 5 o 6 anni … c’erano le automobili “zastava” che riproponevano le fiat di qualche anno prima, e _ segno inequivocabile di decadenza già in atto _ fuori da alcuni cinema c’erano locandine di filmazzi 😉 Italiani già vecchi da noi … con i “faccioni” familiari di Lino Banfi, Alvaro Vitali, Renzo Montagnani … probabilmente avevano il “voice off”, una roba che trovo fastidiosa e purtroppo abbastanza diffusa “a Est”.

  6. Z. says:

    T.,

    Max Raabe! Finalmente qualcuno con un po’ di gusto musicale su questo blog, miseriaccia!

    Qualche regalino per i babbani, via!

    Per Moi, che è affascinato dalla sinistra benestante, Bongo Bong di Manu Chao

    https://www.youtube.com/watch?v=VB2E6A95tm8

    Per il Duca, che ama le discoteche e i discotecari, Blue (Da Ba Dee) degli Eiffel 65

    https://www.youtube.com/watch?v=aWB4e1Xly04

    per Miguel, che impazzisce per le biondissime ragazze d’oltreoceano, Oops, I Did It Again di Britney Spears

    https://www.youtube.com/watch?v=qYr9kIyambE

    per habs, che sogna avventure di fuoco con donne mozzafiato, Sex Bomb di Tom Jones e Mousse T.

    https://www.youtube.com/watch?v=9q0kpNeCkjU

    e per il nostro rabbi, Bei Mir Bistu Shein di Jacob Jacobs e Sholom Secunda

    https://www.youtube.com/watch?v=L_phcZBKYOY

    • MOI says:

      Fatto gli è che NON quadra che Disumani/e Affamatori/trici senza scrupoli e senza empatia per il resto d’ Europa possano avere improvvisi sinceri (!) sentimenti umani per i Pofughi/Migranti/Rigugiati ! … Un tornaconto personale dissimulato da “accoglienza” ci sarà !

      • MOI says:

        togliendo il “vuvuvù” va …

        PS

        Ai tempi del vecchio Cuore , la Merkel e Juncker sarebbero finiti su Hanno la Faccia come il Culo per direttissima …

        • Z says:

          Moi,

          ai tempi del vecchio Cuore gente come Salvini, e gente come quella che stravede per Salvini, si sarebbero vergognati a dire la loro opinione per strada.

          Poi certo, anche quel periodo aveva i suoi problemi.

      • Francesco says:

        Caro Moi,

        il problema di Salvini (e tuo) è che il mondo reale presenta veri casi di popoli affamati e trattati in modo disumano e la retorica da puttaniere ubriaco va in corto.

        Che la Merkel, grazie a Dio, sappia coniugare “empatia” e “interesse nazionale” dimostra che è una vera donna politica e non un caso di DS.

        Se avessimo l’elezione diretta di un presidente della UE, credo che potrei lasciare l’astensione per lei, anche se esteticamente rimane irrevocabile il giudizio di SB.

        Ciao

  7. MOI says:

    RiFugiati …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *