La luminosa foresta della dialettica

La notte è un gufo con ali di nuvola
le sue piume vetro macinato
il suo sguardo una finestra
appollaiato sulla mia spalla destra
le ali allargate e immense

Se l’oscurità a prima vista sembra devastante
signore di ogni cosa e di ogni luogo,
da qualche parte al suo interno
un nucleo di luce cresce in segreto
quel nucleo contiene la luminosa foresta della dialettica

Attila İlhan
-gözlüklü hamdi’nin notları-

telekleri bütün cam tozu
bakışları camekân
bulut tüylerinden bir baykuştur gece
sağ omzuma tünemiş
dağınık ve kocaman

karanlık ilk bakışta belâlı görünse de
ortalığa egemen ve adamakıllı geniş
içinde bir yerinde
bir ışık çekirdeği büyüyor gizliden
diyalektiğin aydınlık ormanlarını içeren

Attila İlhan
-gözlüklü hamdi’nin notları-

This entry was posted in mundus imaginalis, Turchia and tagged , , . Bookmark the permalink.

31 Responses to La luminosa foresta della dialettica

  1. Francesco says:

    dialettica e notte?

    sembra la scusa per acchiappare una ragazza di sinistra e farla salire da te …

    🙂

  2. 🙂

    Credo che oggi la sinistra sia la realtà meno dialettica che c’è in giro.

    • Z. says:

      Dipende se dialettica vale “evoluzione” o “chiacchiere” 😀

      • Vale la capacità di cogliere la luce nelle tenebre, nonché l’incessante trasformarsi delle cose.

        • Z. says:

          Beh, ho l’impressione che Renzi l’abbia colto molto bene, l’incessante trasformarsi delle cose. Tanto da scalare rapidamente il suo partito, diventando prima segretario del PD e poi presidente del Consiglio.

          Con altri a questo punto inizierebbero lunghe e oziose discussioni su cosa è LaVeraSinistra e cosa no, ma se Iddio vuole con te sono superflue. E’ una delle qualità che più apprezzo di te 🙂

  3. mirkhond says:

    La dialettica spesso è necessaria, per farci maturare quel salutare spirito critico, senza il quale saremmo dei plagiabili e plagiati dal furbone di turno.
    Però ad un certo punto è necessario anche giungere ad un centro di gravità permanente, che ci aiuti a restare saldi mentre cambiamo idea sulle cose e sulla gente…..

  4. Thyrrenus says:

    Mi sembra di vederlo questo turco, anzi potrei immedesimarmici grazie alla bella torsione delle parole, e me lo immagino, giunto alla fine del testo, affilare un sorriso di sfida.

  5. MOI says:

    Quindi Attila İlhan intendeva :

    ” La notte è un Ex DS che nel PD non si piega al Renzismo
    con ali di nuvola
    le sue piume vetro macinato
    il suo sguardo una finestra
    appollaiato sulla mia spalla destra
    le ali allargate e immense ”

    … la parafrasi si fa cristallina 😉 !

  6. MOI says:

    Wikipedia in Turco dà “baykuşu” per “gufo” … qui l’unica cosa simile è “bakışları”, però non mi sembra uno schema “agglutinante” … boh.

  7. MOI says:

    I Gufi (e strigiformi vari) Buoni (stesso regista di “300”) …

    http://www.youtube.com/watch?v=u9H50v9X5OU

    … però NON parla di Congressi Vs Leopolde ! 😉

  8. MOI says:

    Kulaklı orman baykuşu

    https://tr.wikipedia.org/wiki/Kulakl%C4%B1_orman_bayku%C5%9Fu

    Google Translate (non mi ci fidavo, ma stavolta …) dà

    “baykuş” al singolare e “baykuşlar” al plurale …

  9. MOI says:

    Interessante.

    Come in Italiano “gufo” e “civetta”, “owl” e “owlet” dan due parole parole nettamente diverse : “baykuş” e “kukumav” …

  10. MOI says:

    pl. “kukumavlar” ?

  11. MOI says:

    Un’ assonanza incredibile (!) che di sicuro è puramente casuale è … Arabo “Hurì” e Tedesco “Hure” !

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *