Giù la rete!

Ieri pomeriggio pare che un nutrito gruppo di gente di San Frediano (La Nazione parla di una quarantina di persone) abbia spontaneamente buttato giù la rete con cui Salvatore Leggiero (l’amico di Dell’Utri che ha cacciati i bambini dal luogo che da novant’anni era loro) aveva delimitato ciò che la sua Amore e Psiche Holding aveva tolto alla popolazione del rione.

Proprio ieri mattina, gli abitanti avevano letto su tutti i giornali la buona notizia, cioè che la Procura aveva aperto un’inchiesta sulla vicenda dell’area detta “Nidiaci”.

Il sindaco Dario Nardella ha promesso “totale collaborazione con la magistratura”.

Stamattina c’erano due vigili e un impiegato del proprietario che studiavano pensosi la rete divelta.

Print Friendly
This entry was posted in Il clan dei fiorentini and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

996 Responses to Giù la rete!

  1. izzaldin says:

    evviva!
    la stessa cosa accadde al Muos di Niscemi
    speriamo bene

  2. Francesco says:

    Muos? la base militare USA fermata dai giudici siciliani con motivazioni scientifiche pentastellate?

    una cosa che neppure nel Paese delle meraviglie …

    PS forza Nidiaci!

    • Separarei diverse cose…

      1) anch’io ho qualche dubbio sulle motivazioni scientifiche della protesta No Muos

      2) la protesta ha tutta la mia solidarietà invece in termini di costruzione di surreali sistemi di controllo elettronico totale militare

      3) i pentastellati fiorentini non li ho mai sentiti fare discorsi a vanvera, non so altrove. E comunque meglio un discorso un po’ confuso che deliberate e sistematiche menzogne.

      • Francesco says:

        caro MM

        saranno anche strani i pentastellati fiorentini, quelli nazionali hanno visto le sirene, gli ufi, i cipchecontrollano la mente e qualsiasi altra cosa

        ciao

        • PinoMamet says:

          Però il mio non-capoluogo è a guida pentastellata (anche se un po’ litigiosa nei confronti di Grillo) e non parlano né di sirene né di ufi, invece hanno messo su un regime di austerity piuttosto serio, che scontenta un po’ tutti (un commissario dell’UE non avrebbe escogitato di meglio) ma che non fa danni, e rimedia al rimediabile di quelli delle passate amministrazioni.

          • Francesco says:

            li compro!

            qui a Milano ci serve gente così più dell’aria pulita (che nessuno manco sa cosa sia)

            :D

          • Z. says:

            Da voi hanno imparato bene come funziona la politica:

            promettono frottole siderali in campagna elettorale e poi fanno tutto l’opposto una volta eletti!

            L’onestà andrà di moda, ma sappiamo tutti che la moda è spesso effimera :)

    • daouda says:

      Speriamo che rimangano le basi Nato, altrimenti saremo pronti al governo mondiale…nella merda, sempre meglio la tappa prima che quella dopo…

      • Francesco says:

        ottimista, ormai chi parla più di governo mondiale?

        sta decadendo l’Impero Usano, cresce ma non convince quello Cinese, non fa nulla l’Europa (la Germania è troppo timida e bottegaia), nel caos il mondo arabo, quasi quello indiano, sempre più folkloristico che altro l’America Latina …

        vedo del gran caos all’orizzonte!

        ciao

        • daouda says:

          E’ proprio il caos che deve determinare l’esigenza di un consesso umano che possa liberarsi del vecchio.
          Non mi pare difficile da capire.
          Inoltre il caos è essenziale per far sopravvivere il più forte tra gli infidi.
          L’impero usano come lo chiami tu è da 40 anni che lavora alla sua non credibilità, e da 20 anni perlomeno che facendosi passare per il gendarme del mondo, non fà che favori al resto dei congiurati sputtanandosi ovunque.
          Che l’Europa stessa non convinca dipende dalla relazione Usa Russia. Il progetto eurosiberiano attende soltanto che si sedimentino, nel corso dei decenni, quelle fratture inevitabili che il nuovo mondo ed il vecchio hanno accumulato.
          L’america latina è in mano al “comunismo”, come la Cina che si sta comprando l’Africa e prima o poi si prenderà qualche pezzo di Russia, chissà che non faccia la parte della vittima ed implori un aiuto di chi in realtà non avrebbe bisogno .
          L’Iran aspetta di essere sacrificato, l’Arabia si fà radicale sperando che qualcuno la liberi dall’Islam e nel mentre il terrorismo è al servizio russo, mentre i tonni dicono che sia sotto portafoglio della CIA.

          In tutto ciò le anime muoiono, che è la cosa a cui puntavano, visto che il resto delle cose è inusufruibile da defunti.

          • daouda says:

            per il falso tirreno qua sotto:

            è come dire: io voglio una gamba sana, fanculo la protesi, quindi poi la amputo.

            gamba sana: indipendenza e sovranità italiana

            protesi: basi usa

            amputazione: illusione di indipendnza per una schiavitù peggiore.

            Benvenuto pseudo tirreno! A 40 anni da qui , sperando di arrivarci…

      • Thyrrenus says:

        Dalla serie ospita un immigrato a casa tua: ospita una base usa a casa tua please! Ma dico solo dentro casa eh. Fuori non voglio vedere arrivare o partire niente. Sennò colpi di rpg e quant’altro! Territorio nazionale deidiotizz … ehm deamericanizzato. ;)

        • Z. says:

          T.,

          — Sennò colpi di rpg e quant’altro! —

          Purché non sia D&D. E’ roba degli anni Settanta, ed è superata almeno quanto Potere Operaio!

          • Thyrrenus says:

            beh sai non sono un esperto di armamenti moderni, negli anni ’70 ero … diciamo poco attivo …. :) gli rpg a quanto so fanno danni cospicui anche oggi.
            Però quello che mi diverte di te caro Z, e non lo dico con malignità, è il tuo battere e ribattere sulla presunta obsolescenza di cose che gente più giovine di entrambi noi non considera affatto da buttare. Se qualcuno ha fatto notare che Francesco parte subito lancia in resta appena sente parlare di espropriazioni o comunque male dei ricchi, tu parti all’attaco non appena senti qualcosa che si avvicina all’ideologia che hai perduta…. sbaglierò. Ma ripeto la mia è un’osservazione e non un attacco …
            Oh poi se attacchi mi trovo qualcosa di moderno ;) che so un drone ad armi laser connesso ad un cervello bionico fabbricato a Taiwan su licenza nipponica… e ci metto dentro pure il ghost dei 47 ronin …. :)

          • Z. says:

            In effetti non hai tutti i torti. Forse sarebbe giusto essere più indulgenti verso chi ancora si attarda a credere utilizzabili, e magari riformabili, sistemi ingessati come D&D.

            Tuttavia la mia opinione è che un sistema così viziato alla radice – troppo poco versatile, troppo poco realistico, troppo mortificante della libertà – vada abbattuto e non riformato.

            Intendiamoci, anch’io da giovinetto provai a puntellarlo qua e là. Poi mi sono accorto che stavo mentendo a me stesso: non c’era niente da puntellare, e come insegnava Nietzsche era bene dare una spinta a ciò che comunque sarebbe caduto. La verità mi ha reso libero.

            Z.

            PS: Dalla tua risposta deduco che Dungeons & Dragons non è arrivato neanche in Toscana. Comincio a pensare che abbia ragione Pino: la landa informe che si estende oltre i Sacri Confini non è adatta alla vita degli esseri umani :D

          • Thyrrenus says:

            Accidenti hai proprio ragione non ho mai giocato a D and D! In effetti conosco solo da voi ‘nordisti’ questa conquista dell’umano genere :)
            Comunque dai può darsi soltanto che io sia da catalogare tra i toscani noiosi.
            Sul sistema concordo con te. Non mi piacciono le rigidità in genere. Ma se QUEL sistema era così ed è giustamente caduto non vuol dire che QUESTO, quello in cui siamo immersi sino al collo sia qualcosa di bello o di migliore, solo più sinuoso, avvolgente, in fondo ben più letale (anche se non per me o per te, almeno direttamente). Ma, mi dirai, sei in ritardo, gli ideali etc. son caduti con QUEL sistema.
            Boh, quando in età ‘attardata’ ho sentito per la prima volta Gaber (da una vecchia cassetta che avevo scovato nell’auto usata appena comprata) cantare “la libertà non è il volo di un moscone…” Ecco insomma allora ….. ho creduto di aver capito qualcosa che mi tiro ancora dietro adesso e mi scalda un po’ quando diventa troppo freddo… d’altra parte non ho trovato miglior trattato sulla questione ;)

          • Z. says:

            A Tirré, nun ce semo capiti!

            Il sistema che si abbatte e non si cambia – perché puntellarlo non è possibile – è precisamente il regolamento di D&D.

            E’ questo il tipo di RPG a cui facevo riferimento (role-playing game, per essere precisi role-playing game system), mica il lanciagranate :P

            Dissento poi sulla libertà, e dissento senza meno, nel modo più radicale possibile. Come ci ha insegnato un commentatore di Miguel che purtroppo non hai avuto la fortuna di leggere, libertà è anche e soprattutto spartecipazione.

          • PinoMamet says:

            RPG, per restare nel militare, erano anche questa roba qua:
            http://en.wikipedia.org/wiki/GI_glasses

          • Thyrrenus says:

            AHAHAH :) :) è vero!!! siamo di due pianeti diversi. MAI sarei arrivato a capire le tue metafore!

            Al vecchio commentatore come a te auguro di vivere felice nella vostra bellissima libertà!!
            Peccato che non intendevo per libertà lo stare in un collettivo o cose simili, ma appunto, si fa a non intendersi e sarebbe troppo lungo adesso fare la traduzione …. ;)
            Buon Locke e buon Hobbes a tutti noi!

          • Z. says:

            E chi ha detto che la libertà sia bellissima?

            A volte lo è, certo, ma altre a volte è terribile – specie per chi subisce la libertà altrui!

            :)

        • Francesco says:

          eh no, toglietemi tutto ma non gli idioti … pardon gli americani in Italia!

          che sono più simpatici di francesi, tedeschi, inglesi e pure russi, come padroni in casa tua (e pure dei fascisti)

          ;)

      • gotcha says:

        Non e’ che Santa Faustina ha spiegato anche come smantellare le basi? GP 2 ha lasciato detto niente?
        Non vorrei che saltasse fuori una megafrittata.

        • gotcha says:

          Comunque io ho un tizio che ha tonnellate di polvere da sparo in casa mia. In cambio, mi da i soldi per comprare la sua roba, perche’ ha un emporio..

        • Thyrrenus says:

          Devi pur esprimere i desideri perché inizino a prendere strada nel mondo ;)

        • Thyrrenus says:

          Se traduci forse capisco… e sennò pace.

          • gotcha says:

            Niente.. stavo pensando che gli stati uniti ci hanno prestato un sacco di soldi per non finire in sovrapproduzione, again. insomma, se tu produci ci vuole qualcuno che compri, ma se intorno hai solo dei miserabili.. in cambio ci ritroviamo con settanta bombe atomiche in casa.. io non sono un allarmista, ma mi stavo chiedendo: e se un domani non le volessimo più, le carichiamo sui camion di overland e le riportiamo al mittente via bering?!

            santa faustina è una beniamina di giovanni paolo secondo (che ha promosso tutta la sua ascesa nell’olimpo dei santi) e una dei baluardi dell’occidente contro gli infidi comunisti; leggendo tra le pagine dei suoi stessi apologeti, si scopre una figura di donna mite e solare, che augura alla maggior parte della popolazione di tutti i tempi tormenti eterni impossibili anche da esprimere.

          • daouda says:

            gotcha, GP II era comunista, solidarnosh era una montatura.
            Non che sapesse di esserlo, si badi, d’altronde il miglior servo è quello che si crede libero.

          • gotcha says:

            gp 2 comunista mi sembra strano, ma dipende dai punti di vista.. non comunista come penso di esserlo io! in ogni caso “usò” solidarnosc che da semplice movimento sindacale si trasformò in uno spirito libertario che volava sopra la Polonia. Dubito che Walesa condivida la politica polacca attuale.

          • daouda says:

            Guarda che solidarnosh l’hanno voluta i comunisti stessi.

          • gotcha says:

            Ma non era una cosa tipo socialismo dal volto umano?

          • daouda says:

            Oggi è più comunista la Russia o gli Usa? Ma oltre questo basterebbe vedere gli stati come erano agli inizi del 900 quando c’era il comunismo sedizioso, e vedere ora le loro strutturazioni.
            Tecnicamente non c’è uno stato non portato verso il comunismo.
            Che poi cos’è il comunismo? Quello là visto in Asia è un metodo e basta…

            “socialismo” dal volto umano. Cosa c’è di umano nella morte dell’anima dell’americanismo?
            Quando si diceva la morsa a tenaglia contro l’Europa , troppo spesso si è dimenticato il perno comune.

          • gotcha says:

            sugli usa non hai torto: hanno imparato molto bene Marx per quanto riguarda il capitolo sul feticismo della merce.. Solo che la sua era una denuncia, non un manuale di applicazione!

          • daouda says:

            Come fai ad avere il comunismo se prima non hai il capitalismo spintissimo?

            Il problema è che il comunismo non è mai esistito proprio come dottrina. Questo ancora dovete capire.
            Il comunismo è lotta per il potere e solo e sempre questo è stato. La corrosione dell’uomo passa spesso per paesi detti anticomunisti, l’opera di distrazione si serve alle volte di finte contrapposizioni come solidarnosh, mafie o quant’altro. Oggi in Russia si crede che ci sia un vitalismo religioso per dire, non cosa diversa dall’opera staliniana di vecchia memoria, e difatti tra retrogradi fascistoidi e lassisti progressisti và per la maggiore il rossobrunismo.

            Renditi conto che il rimedio marxiano al feticismo è peggiore della situazione vigente e non può non passare per questa fase che anzi il comunismo fà di tutto per incrementare.
            Gli stessi insuccessi economici del comunismo non sono mai stati un caso.

            Inoltre si ciancia troppo di questa presunta alienazione , non è che per non essere più alienati si debba smettere di essere uomini, come è l’anti umano comunismo.
            NOn è una critica all’umanismo nel comunismo, che anzi lo permea, per quanto certe fole siano esagerate.
            Il problema è che senza Dio l’uomo semtte di essere umano, giust’appunto.

          • gotcha says:

            Daouda, il problema di Marx, e di tutti i marxiani in buona coscienza, è che volevano SCRIVERE come risolvere i problemi dell’uomo. Ma l’anti-umano che salta fuori dalla teoria è un po’ come il non-ciccione, non-tirchio, non-frogio, non-ubriacone che hai detto tu qui sotto.. Cioè quando critichi Marx secondo me hai ragione, anche quando dici che senza Dio l’uomo non è umano.. Ma quando difendi la religione fai lo stesso errore di Marx di gettare la speranza che ha su l’uomo al di là della speranza stessa.
            L’alienazione implica il suo superamento: ma questo non può essere in ottica capitalista, come più o meno avviene oggi con il consumo: l’alienazione è scomparsa dalla fabbrica ed è ricomparsa ovunque!

          • daouda says:

            Veramente io scrivo su la Religione con il solo intento di farmi disprezzare e far vedere che coloro che pensano di capirne qualcosa di questa non ci hanno mai capito un cazzo.
            Fosse per me, preferirei meno religiosi, così la Grazia sarebbe per meno persone, e potrei sputare in faccia a più gente facendomi forte di me.
            Quindi quando vuoi accollare una cosa come fai, parla di me, non delle’essere religiosi, perché mi sembra evidente che io sono molto meno religioso di qualcuno che non lo è affatto, per il semplice fatto che sono un traditore.

            Il comunismo ad ogni modo non poteva non volere che l’alienazione andasse ovunque, ed infatti lo ha puntualmente specificato.
            Il problema poi è cosa sia l’uomo nuovo di sovversiva istanza, che il comunismo è nome generico per vecchie fole, vecchi desideri che dopo secoli si palesano e creano.

            Non devi dare tutta st’importanza agli accadimenti esteriori, un folle in Cristo come lo valuteresti, come lo misureresti alla fine?

          • Thyrrenus says:

            capperi gotcha come non darti ragione?

            anche diverse cose che dice dauda non mi suonano male!

          • gotcha says:

            Il comunismo alla fine è una dottrina che come hai detto giustamente non è neanche mai esistita come tale.. sono solo i modi in cui l’hanno applicato di volta in volta. L’alienazione esiste invece. Prova a pensare a uno che lavora al controllo qualità in parmalat.. che soddisfazione! Tutta la vita ad aspettare una finale di champions e segna Rakitic dopo cinque minuti!

            Un folle in Cristo.. Bella domanda. Forse uno che prova a non aver paura, o meglio che cerca il coraggio di avere paura. ma delle cose vere, tipo le persone, la vita, la morte.. mica minchiatine! comunque non lo misurerei. la tentazione di stare sempre a valutare è alta. “non giudicare o sarai giudicato” non significa necessariamente che quando ti troverai davanti al “tribunale” eccetera eccetera. significa che la psicologia funziona così: nel momento in cui io giudico, applico a me stesso gli stessi parametri che utilizzo con gli altri. Ecco, un folle in Cristo è uno che non giudica!

          • daouda says:

            Eh beh volevi sentirti scrivere che l’alienazione esiste da quando tu non sei più Dio.
            Inizi a camminare invece di stare seduto…epperò cavolo se ora cammino mi siederò…e dunque oibò starò seduto, di certo, me lo hanno detto, ma in un posto un po’ più avanti e mai lo stesso.
            E’ chiaro…il simbolismo sballa.
            Cioè non è che si può rappresentare il senso, no. Ci devi arrivare, capito?
            Il vero problema di tutti è ammettere che cammini e non cammini e neanche comprendi che si possa camminare per quanto è scemo, allorquando si viva che senza di questo che bellezza ci sarebbe?
            Non è che stai in ogni visuale, d’altronde neanche stai, in ogni caso stai ovunque, e per dirimere la pervadenza, diciamo la Trinità Santa.
            L’unico universale modo per permettere all’ divenire di Essere Dio ed a Dio di vivere il divenire, perché il nostro Dio non è infame, e dunque tutti coloro che cianciano sul male il male come al solito non l’hanno sofferto, perché di norma neanche il tempo di parlare avrebbero avuto, tanto non li ascoltava nessuno, dov’eravamo o no?

            Boskov diceva che chi non vede la finale è frogio. Se ha la donna però.
            Non ho mai visto un alienato che non peccasse, mentre ho visto una cifra di inetti che alleviano l’inferno di tutti i giorni, e giostrano su quel che accade. Nun te crede de sta chissà dove, se il posto dove devi annà nun cià luogo.
            Questa è la sincerità della vita, perché lo scrivo a me, o forse è la mia sincerità ch ti sfrutto.

            Non mi pare però difficile ammettere che il comunismo parla di alienazione affinché si sappia che essa esiste, e quindi la si faccia vivere di più tenendola in conto.
            Credo che certe fisime condizionano i rapporti tra gli uomini. E’ visto.
            Quale era poi la soluzione, questa sì che è la parte comica dello stratagemma, il solito grottesco.

            Non sò chi sia un folle in Cristo, ma sò che l’abito non fà il monaco, ergo tra competenze e conoscenze, c’è quel che deliberatamente si desidera e desideratamente si delibera, e troppo spesso non si vede.
            Altri dicono che qui si risolva il conflitto universalisitico unicale , sul discorso che facevate voi due, mentre è solo lì e adesso, che lo pneuma riconosce lo pneuma, mentre la carne ( nous-psiche-soma ) è varia come puntuale.
            La sposa è una come Lo sposo, io mi dibatto sul fatto se si possa asserire di una totale incorporazione o semplice biopartecipazione dell’essenza essente e bla bal bal bla ba per dire che l’interogarsi è importante, che si voleva la risposta?
            In questo senso forse si può dire di aver paura di lasciarsi agire da Dio.Boh.
            Il mio Dio giudica sempre, perché l’aver agito ha presupposto un giudizio e quindi la vita.
            Diciamo che è talmente buono che segue esattamente la nostra logica.
            L’inferno per chi capisce l’inferno, non è meno pena per chi può capire solo il paradiso…
            chiaramente questo dal Suo punto di vista, perché solo Lui và amato ed onorato, è consuetudine constatare che non si può vedere fin quando non si è esperito integralmente ( speculazione-sentimento-sperimentazione in consenziente consenso presente ; che secondo me l’io deriva proprio dallo Spirito , altrimenti non potresti dire Io per gli altri).

            p.s. a Torino c’è solo il Toro…per l’appunto.

            p.p.s. finora scrivo solo e non risuono. C’è più comunismo oggi che negli anni del 68.
            Non è che se si sò inventati fesbuk hanno smesso da esse quel che sono, anzi, sò più loro proprio, ed il fatto si dimostra coi soldi che sborsi, pé fà il tonno, visto che ogni cosa che si compra nessuno l’ha voluta realmente comprare.
            Cioè nun è che ce stanno i cattivi qua…il capitalista si ammazza da solo e laciurma ha bisogno solo de la spinta…il dramma è che la gente ci casca. Ringraziando Dio la gente non la conosco, altrimenti avrei perso la speranza, però quando uno di norma si avvede di certe dinamiche, invece di pensare sempre a quelli che ti cianciano su e ti cianciano di, se comprendono che altri vivono al posto loro, riusciranno anche a comprendere che vivono una volta sola.
            Dimmi come è possibile asserire che l’alienazione può essere sconfitta dall’alienato.
            Dai. Chi crede nella Grazia e nel fatto che Dio opera e noi siamo burattini così è già perduto!!!
            AH!!!
            Sfruttavano il fatto che te dispiaci al pensiero e te rode il culo al fatto!

  3. rossana says:

    Ma che bello! Immagino la scena di questi che come un vento di giustizia che avanza impetuoso buttano giù la rete, che in fondo, che razza di ostacolo sarà mai rispetto a costruzioni in cemento che per buttarle giù dvi armarti di ruspe?
    Letta ieri la notizia sul FQ, vi ho pensati a voi oltrarnini.
    Avanti, popolo…

  4. Grog says:

    E impalare impresario edile e sindaco in stile “Ponte sulla Drjna” no?
    Con un buon impalatore possono rimanere in vita anche 48 ore a monito dei puzzo-gentrificatori.
    Grog! Grog! Grog!

  5. Moi says:

    @ Z

    Dici che ci tocca il Merola Bis ?!

    • Z. says:

      Eh, mi sembra abbastanza probabile.

      • MOI says:

        Sapevo che all’ interno (!) del PD (anche perché per quel che può contare l’ esterno …) NON fosse affatto gradito a tutti. Inoltre, non sono aggiornato, pare che Merola rifiuti di sottoporsi all’ oramai consolidata prassi delle Elezioni Primarie.

        Ma poi non c’era la smània della Prima Sindaca ?

        • Z. says:

          Di “prima sindaca” non ho sentito parlare, sicché non saprei dirti al riguardo.

          Quanto alle nuove primarie, che l’idea a Merola non piaccia è un segreto, e per come la vedo io non ha neppure tutti i torti. Curiosamente, però, non ce l’ha neppure chi chiede le primarie, sicché la situazione non è cosi semplice.

          Mi spiego meglio. Le primarie per la riconferma di un candidato già in carica, in effetti, sono qualcosa di abbastanza singolare, e qui è difficile dar torto a Merola. Tuttavia lo statuto non vieta il cambio di cavallo in corsa: anzi, addirittura lo incoraggia. Non solo prevede la possibilità di indire primarie anche laddove il candidato (a sindaco, a presidente di Provincia o a presidente di Regione) già in carica si ripresenti, ma in questo caso prevede un quorum più basso – anziché più alto – per la raccolta firme necessaria alla nuova candidatura (art. 18 c. 3 e 5).

          Insomma, staremo a vedere. Rigorosamente con le mani dietro alla schiena, come gli umarells che osservano il cantiere in via Rizzoli. A proposito, in realtà è una leggenda felsinopolitana: ci sono passato ieri sera e solo uno su quattro aveva effettivamente le mani dietro alla schiena!

          • MOI says:

            Per la Sindaca di solito si fa il nome di Amelia Frascaroli, sedicente Cattolica legata ad ambienti “sulfurei” ;) dei Focolarini & Dintorni …

          • MOI says:

            http://www.youtube.com/watch?v=77dFKXmfvqk

            Amelia Frascaroli, candidata alle Primarie 2011 per il Sindaco di Bologna, presenta se stessa, i suoi valori, le sue idee e i suoi progetti per la città di Bologna.

          • MOI says:

            Vs

            Joe Formaggio, l’ Erede dello Sceriffo Genty :

            https://www.youtube.com/watch?v=XdqwUhyDLe8

            Dormo col fucile accanto al letto, ci hanno fatto diventare razzisti’ Parla il sindaco che ha piantato il cartello ‘divieto ai nomadi.

            [cit.]

          • MOI says:

            http://www.youtube.com/watch?v=spMBPEIqFyc

            Joe Formaggio … e il Popolo di Kansas-Albettone (VI)

            PS

            Sembra che incredibile che la Serenissima dei Dogi fu tanto all’ avanguardia contro la Pena Capitale …

            PPS

            La frase “ammazzarli da piccoli perché poi diventano grandi”, Gino Strada l’ ha sentita da una Cecchina “Slava” che ammazzava i “Nonsocosaltro Balcanici” giovanissimi, soprattutto i “maschietti” dicendo che così tutelava preventivamente le altre donne Slave da stupri.

            … Chi ha bisogno di Satana ?

          • Z. says:

            Una volta provai a chiederlo ad un TdG:

            davvero c’è davvero bisogno di Satana per spiegare il male?

            Lui mi rispose che è proprio questo che vuole Satana: che non si creda alla sua esistenza. Anche se non viene fatto in suo nome, l’importante per Satana è che l’uomo faccia il male.

            Allora gli chiesi perché, se le cose stavano così, non fosse sufficiente fare direttamente il bene, ma fosse necessario anche credere in Dio e farlo in Suo nome…

          • gotcha says:

            cos’è un tdg?

          • Z. says:

            Testimone di Geova

          • gotcha says:

            bè, per salvarsi in così pochi (qualche raro caso di non-tdg) bisogna fare una selezione più severa!

  6. habsburgicus says:

    notizie dal “nemico”
    28/5/1915: i comandanti italiani contro l’Austria-Ungheria, erano i seguenti; CSM, gen. Luigi Cadorna; sottocapo SM. gen. Porro; 4 comandanti d’Armata (Nova, Fruga, Zuccari, Brusetti); 12 comandanti di CdA (gen. Ragni, Torino; gen. Reisoli, Alessandria; gen. Camerana, Milano; gen. di Robilant, Genova; gen. Aliprandi, Verona; gen. Ruelle, Bologna; gen. Gavini, Ancona; gen. Bricol, Firenze; gen. Marini, Roma; gen. Grandi, Napoli; gen. Cigliani, Bari e gen. Segata, Palermo)
    [probabilmente valido al 23/5/1915, forse Cadorna fece già cambiamenti]

    [trovarono un posto giusto per il buffone, se proprio per qualche legge albionica ignota ai comuni mortali non lo si può cacciare dal governo :D carica in cui non poteva fare troppi danni..ah, avesse avuto quella funzione anche 25 anni dopo, per il bene di tutti]
    28/5/1915: da Vienna, dettagli sul nuovo governo inglese; il governo composto da Herbert Henry Asquith (PM e First Lord of Treasury), liberale, come prima; Marquess of Lansdowne (s.p), conservatore, 1895-1900 Segr Guerra e 1900-1905 Segr Esteri; Sir Stanley Owen Buckmaster (Lord Chancellor), liberale, finora Solicitor-General; Frederick E. Smith (Solicitor-General), conservatore; Sir Edward Carson (Attorney-General), conservatore; Lord Crewe (Lord President of the Council), liberale, finora Lord Privy Seal, imparentato con Lord Rosebery; Lord Curzon (Lord Privy Seal), conservatore; Reginald Mac Kenna (Chancellor of Exchequer), liberale, finora Segr. Home Office; Sir John Simon (Home Office), liberale, finora Attorney-General; Sir Edward Grey (Foreign Office), liberale, come prima; Bonar Law (Colonial Office), conservatore, dal 1911 capo dell’opposizione; Austen Chamberlain (India Office), conservatore, figlio del celebre Joseph e Chancellor of Exchequer in 1903-1905; Lord Kitchener (War Office), come prima; David Lloyd George (Munitions), liberale, finora Chancellor of Exchequer; Arthur James Balfour (First Lord of the Admiralty), conservatore, 1895-1902 Chancellor of Exchequer, 1902-1905 PM; Walter Runciman (pres. Board of Trade), liberale, come prima; Walter Hume Long (pres. Board of Local Administration), conservatore, ricoprì stessa carica da 1900 a 1905 mentre dal 1895 al 1900 fu pres. Board of Agriculture; Winston Churchill (Chancellor of the Duchy of Lancaster), liberale, finora First Lord of the Admiralty; Augustine Birrell (1° segr per Irlanda), liberale, come prima; Thomas Mac Kinnon Wood (segr per Scozia), liberale, come prima; Lord Selborne (pres. Board of Agriculture), conservatore, dal 1900 al 1905 First Lord of the Admiralty e 1905-1910 gov in Sudafrica; Lewis Harcourt (1° commissario lavoro e opere pubbliche), liberale, finora Segr Colonie; Arthur Henderson (pres. Board of Education), laburista ed ex-liberale

  7. Z. says:

    A proposito di rete:

    non perdetevi la puntata di AnnoUno su La7, è un biggiù.

  8. habsburgicus says:

    28/5/1916, muore il poeta austro-ucraino Ivan Franko

    in suo onore, da epoca kruscioviana, la città di Stanyslaviv in Galizia orientale divenne Ivano-Frankivs’k (sede di diocesi unita dal 1885), una delle roccaforti oggi del nazionalismo ucraino anti-russo
    Franko era un socialistoide goscista, marxisteggiante, anti-polacco (i pany, “magnati”) e anticlericale (ma, ammetteva, il ruolo “progressista” della Chiesa unita), ma gli ucraini di destra ne valorizzano il ruolo culturale-linguistico (e i sovietici se ne appropriarono; c’era anche una nave da crociera Ivan Franko nei ’70 e ’80)..diciamo che è una di quelle figure ecumeniche, che OGGI è venerato da tutti gli ucraini, dai banderisti come dai comunisti :D
    Ivan Franko morì prima della catastrofe per i popoli slavi orientali (1917); dunque non sapremo mai se
    1. il goscismo si sarebbe risvegliato in lui e sarebbe divenuto un bolscevico fanatico, ostile nel prosieguo al suo popolo e alla sua cultura (2a. con possibile esecuzione per “nazionalismo piccolo-borghese”, nei ’30)
    2.il nazionalismo avrebbe vinto e lo avrebbe trasformato in un bardo dell’ucrainesimo più estremo
    la Storia non può dire altro

  9. izzaldin says:

    @ habsburgicus
    stai dicendo che Franko è l’Alfredo Oriani ucraino?
    :)

    • habsburgicus says:

      eh, si, può andare :D
      ma in una Nazione linguisticamente molto meno sviluppata come l’ucraina, Franko ha avito insieme all’omonimo del calciatore del Milan qualche decennio prima (e in territorio russo) un ruolo affine a quello dei nostri Grandi del Due-Trecento..si parva licet componere magnis

      • habsburgicus says:

        Franko invece era in territorio austriaco (dove la lingua ucraina non fu bandita dal 1863 e 1876 fino al 1905, e malvista di nuovo da c.a 1910 al 1917 !)

  10. MOI says:

    http://www.youtube.com/watch?v=J9LqnI6L8uI

    Auto di lusso nel campo rom pagato dal Comune … Bologna

  11. MOI says:

    Se cercate in Google News prima “Rom” e poi “Pavlovic” … è successo il peggio che potesse succedere, su entrambi i fronti. :(

  12. MOI says:

    http://www.youtube.com/watch?v=557pA0lx1RQ

    “Feccia” Reprise _ Buonanno Vs Pavlovic

  13. MOI says:

    Come direbbe Zeta,

    La Gazzetta di Casaleggio riassume la puntata di AnnoUno dedicata ai Videogames Preferiti dai Political Cosplayers ;) :

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/28/announo-rete-cattiva-riguarda-tutti-i-video-della-seconda-puntata/1727721/

    • Z. says:

      Oddio, Ask.fm credo che col cosplay politico c’entri poco…

      Però la puntata meritava, spero che non ve la siate persa.

      Tra le tante chicche:

      – Belén che fa la morale alle ragazze che si svestono;
      – Di Pietro che si improvvisa esperto di internet;
      – Alba Parietti;
      – uno psichiatra che si occupa di aiutare i ragazzi dipendenti da internet che aggredisce una ragazza e tenta di zittirla ricoprendola di urla;
      – Giulia Innocenzi (a proposito, ma è diventata giornalista nel frattempo?) che dice di essere oggetto di insulti sessisti come “figlia di papà” e “raccomandata”.

      • Mauricius Tarvisii says:

        La cosa pazzesca è che la cosa più intelligente della trasmissione l’ha detta Rocco Siffredi.
        Poi Belen Rodriguez che parla di limiti di decenza è meravigliosa :-D

        • PinoMamet says:

          Rocco Siffredi mi pare tutto tranne che coglione, anzi, probabilmente vista la caratura degli altri avrà fatto la figura del genio…

          scopro ora che “raccomandata” è un insulto a sfondo sessista, vedi che la trasmissione era istruttiva?
          :)

          • Francesco says:

            Rocco for President?

            mi viene ora in mente che Forza Italia ha bisogno di una nuova leadership carismatica …

    • Mauricius Tarvisii says:

      Grazie di avermi ricordato che devo vedermi gli highlights della nuova meravigliosa puntata della trasmissione che ha sbaragliato ogni concorrente nel campionato del trash italiano. Davvero, se fanno altre puntate con Sgarbi raggiungono l’Empireo del pattume televisivo :-D

      • MOI says:

        La prima del nuovo ciclo, su animalisti/antispecisti/vegani … l’hai vista, Mauricius ?

        • Mauricius Tarvisii says:

          A stralci: il trash mi piace in sé, ma il mio tempo è purtroppo molto limitato.

      • Z. says:

        Secondo me l’ipogeo resta Paragone: il peggio della casta leghista termosaldato col peggio del M5S.

        Non a caso è la trasmissione preferita da Moi :D

        • Mauricius Tarvisii says:

          Secondo me no: nonostante le schitarrate e la gente in piedi non riesce a raggiungere le vette di Belen che discute con Rocco Siffredi a proposito di decenza XD

          • Z. says:

            Capisco il punto, però a mio avviso stai paragonando due realtà eterogenee.

            AnnoUno è un po’ tipo Paperino il guardiano del faro e gli altri cortometraggi a cartoni animati che una volta i cinema abbinavano ai film di Walt Disney. E’ una trasmissione piuttosto amatoriale, che è condotta da un’operatrice dal profilo incerto, che va in onda per poche giornate all’anno e che sembra appositamente pensata per limitare la dispersione dell’avviamento in termine di cassa e propaganda del talk-show ammiraglio della rete.

            Una trasmissione che non si occupa tanto di politica in senso stretto quanto di costume e società, di usi e abitudini dei ggiovani insomma. Il tutto con un occhio alle nuove mode – del tipo: “miseriaccia, avete visto che roba orribile? nei macelli gli animali vengono uccisi!”. Oppure di Belén e Rocco che discutono di modestia e decenza, se preferisci :)

            Per questo è piuttosto inevitabile che risulti fragile al confronto con una trasmissione come La gabbia, il cui conduttore è un vecchio professionista della Casta Padana(TM). Professionista che comprensibilmente tenta di competere non con Giulia Innocenzi, ma col team di Santoro, di cui aspira di diventare il successore.

            Insomma, povera Giulia, non bastoniamola troppo. Non sarebbe corretto :)

  14. MOI says:

    @ Z

    De Luca Vs Bindi … sdrammatizza mò! ;)

    • Z. says:

      In Campania voterei M5S, senza dubbio di sorta, nella speranza che gli altri facessero la stessa cosa :D

      • Francesco says:

        mi dicono che passando per Salerno si notasse a occhio una fortissima civiltà, rispetto a Napoli e altri lochi della Campania

        sarà mica che De Luca davvero è uno che porta a casa i risultati, e buoni, magari con le cattive? devo farmelo piacere?

        ciao

        • Z. says:

          Anche a me di Salerno hanno parlato bene, più o meno negli stessi tuoi termini.

          Però preferirei che le mani nel pozzetto, ogni tanto, ce le mettesse pure qualcun altro. Possibilmente i grillini :D

  15. MOI says:

    http://www.tv.liberoquotidiano.it/video/11776582/Matteo-Salvini—Facebook-mi.html

    Matteo Salvini: “Facebook mi ha bloccato perché ho usato la parola zingari”

  16. MOI says:

    https://www.youtube.com/watch?v=86X3Q01goHA

    Iva Zanicchi – Zingara (1969)

    http://www.youtube.com/watch?v=H1XRD4f3_mw

    Gianna Nannini – Cuore Zingaro (1987)

    http://www.youtube.com/watch?v=9j4yLiDvR24

    Nicola Di Bari – Il Cuore è uno Zingaro (1971)

    In effetti per metrica è una parola difficile da sostituire …

    • Z. says:

      Permettimi che te lo dica, Moi, ma hai dimenticato la più bella:

      Violino tzigano, interpretata da Achille Togliani!

      https://www.youtube.com/watch?v=KpeziKyjvaE&list=PL3NL4IMaT1poGRiH4K2-_x8Oz6w42UhJ5

      Un toglianiano come me non poteva esimersi dal linkarla.

      C’è chi direbbe che il Partito dovrebbe disfarsi di certe ingombranti eredità – in effetti, come la stampa extraparlamentare ha sottolineato, Togliani si è esibito nell’esecuzione di Georgia on my mind, celebre inno stalinista – ma mi rifiuto di far parte di coloro che a cuor leggero gettano via le pietre angolari della Tradizione per restare nelle retrovie.

      • lanzo says:

        Suona suona per me, oh violino zigano !
        Che flash back, era il tormentone dell’epoca. Canterellato dagli impiegati statali, quando squillava il telefono – in ufficio – of course.

  17. MOI says:

    Un “genere di videogame da cosplayer politico” che detesto è il video didattico con la voce metallico-nasale tipo annuncio ritardo del treno … perché lo fanno ?

  18. MOI says:

    Ma per”Santa Faustina” …s’intende la Suora Polacca ?!

    http://it.wikipedia.org/wiki/Maria_Faustina_Kowalska

  19. Mauricius Tarvisii says:

    Io sarei curioso di vedere l’archivio di Habsburgicus: non credo, infatti, che sia stato integralmente digitalizzato.

    • habsburgicus says:

      Nulla di particolare, non capisco proprio cosa vuoi dire….si trova tutto sul web, aperto all’universo Orbe (se hanno tolto qualcosa, non lo so) più alcuni appunti, in anni lontani da me presi in varie biblioteche, e alcune cose che ho letto e rammento….alcune traduzioni, anche da quelli del web, risalgono ad anni fa..e purtroppo quando si ruppe il vecchio computer ho perduto, fra l’altro, l’intero CNZ (Coburger Nationa-zeitung), oggi non più sul web, che trovai una decina d’anni fa e in due-tre mesi di “follia” :D salvai e presi brevi appunti..le cose importanti però le ho tuttora presenti..così come persi la NFP del 1864-1866..e la Gaceta de Madrid del 1812-1813
      se hai un computer con più capacità (io purtroppo debbo regolarmente cancellare qualcosa, son sempre ai limite, il mio ha una capacità infima..l’ho fatto oggi stesso :D) farai infinitamente meglio…
      per quanto riguarda le biblioteche voi giovani d’oggi dovreste non pensare solo alla fàiga (per citare Moi) ma dedicarvi un po’ del tempo libero..se vi interessa..altrimenti no :D c’è di meglio da fare !

      • Mauricius Tarvisii says:

        Azz! Hai provato con memorie esterne per il backup?

        Io mi aspettavo che avessi chilometri di scaffalature, sul serio! ;-)

        • Z. says:

          Scusa, ma secondo te habs ce la sta raccontando tutta? non solo avrà a disposizione smodate risorse biblioteconomiche (cartacee e virtuali), ma anche risorse umane pronte ad reperire le informazioni in tempo record. La reazione non è acqua fresca, giovane :D

        • habsburgicus says:

          magari :D :D :D

          • Z. says:

            Un giorno tutte le tue risorse e tutto il tuo sapere saranno al servizio della classe operaia. E tu non potrai fare a meno di esserne orgoglioso di trovare il posto che ti spetta nell’incessante marcia trionfale del Socialismo.

      • Thyrrenus says:

        questa germanizzazione della cosa più dolce del mondo mi fa scorrere sempre un tremito per la schiena
        a parte che qui nella Tgrante Dgermannia la chiamiamo in altro modo…

        • Z. says:

          Ogni tanto penso che, se Hitler avesse vinto la guerra, il testo di una nota canzone dei Beatles sarebbe:

          Michelle ma belle, die sind Worte die gemeinsam gehen, meine Michelle

          e il tutto avrebbe un vago retrogusto di anni Trenta e di Sturmtruppenwagen…

        • PinoMamet says:

          …motivo di più per ritenersi fortunati che non l’abbia vinta!!

          • gotcha says:

            E’ molto meglio in tedesco, non c’e’ proprio competizione. Hitler ha perso la guerra, ma non la pace: altrimenti i Beatles chi se li filava?

  20. MOI says:

    Inizia ufficialmente il “Silenzio Elettorale” [sic]

    • Thyrrenus says:

      Già, silenzio! Il nemico ti ascolta ;)

    • Mauricius Tarvisii says:

      Già è non ho ancora deciso per quale dei pagliacci votare

      Il leghista Zaia, che nella sinistra Piave ha ricevuto lo strano appoggio di un misterioso mittente di lettere su carta intestata della Asl con scritto di votare Zaia e poi della campagna elettorale via sms da parte del vescovo di Verona?

      Il nulla renziano noto come Alessandra Moretti che promette di emulare il nostro sindaco… ovvero di essere più leghista dei leghisti, ma con retorica radical-snob?

      Il candidato dal fenotipo venuto direttamente dall’era delle caverne, inventore della tattica salviniana di flirtare coi fascisti, ovvero Flavio Tosi?

      Un grillino che come professione dichiara di essere uno startupper e che non è ben chiaro chi sia e cosa voglia fare?

      Quella della lista Tsipras per il Veneto? Tsipras per il Veneto?!?!

      Gli indipendentisti noti alle cronache, ovvero quelli della Guardia Veneta, del Tanko e che diffidano periodicamente “il Tribunale e la Procura dello Stato Occupante” dal notificare ai loro adepti qualsiasi cosa?

      Ditemi voi eh!

      • Z. says:

        Non possiamo dirti come la pensiamo, e neanche tu dovresti. C’è il silenzio elettorale, lo sai :D

        • Mauricius Tarvisii says:

          Siete candidati in Veneto? :D

          • Z. says:

            No, sono un impresentabile. Nel senso che essendo scaduto il termine per la presentazione delle liste non mi posso più presentare :D

          • Mauricius Tarvisii says:

            Ma dimentico sempre che tu sei un pezzo grosso dell’establishment e del Partito in ER, quindi una tua opinione ha una rilevanza uguale o anche superiore a quella di un comizio ;-)
            :lol:

  21. MOI says:

    OT

    Trovato il pdf in originale Inglese del libro Lord of the Flies (1954) di William Golding

    http://gv.pl/pdf/lord_of_the_flies.pdf

  22. MOI says:

    @ HABS

    http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/05/29/foto/sciopero_dei_fiori_d_arancio_coppie_etero_appoggiano_le_nozze_pro-gay-115546881/1/#1

    Milano, lo sciopero [“etero”] dei fiori d’arancio. “All’altare dopo il sì alle nozze gay”

  23. MOI says:

    #nogender, chiesa, omofobia e altre forme di diseducazione sessuale

    http://www.youtube.com/watch?v=3NI_74ZLAms

    … ecumene (verso la fine …) UAAR ?

  24. MOI says:

    @ PINO

    Tu che sei esperto di abbigliamento e modi : cuffia invernale in testa 365 giorni all’ anno, barba incolta di qualche giorno, bottiglietta di birra in una mano e gesticolare con l’ altra … deriva dai “gangsta rapper” ? Roba da cosiddetti “White Niggaz (una volta c’era solo Eminem … poi un sacco d’altri “U’àits” _ anzi : “U’àitz’ ” hanno imitato lui …)”, o che altra origine ha quello stile “trasgressivo preconfezionato” :) di cui sopra ?

    • PinoMamet says:

      Non saprei da dove deriva la mania della cuffia di lana indossata anche d’estate…
      è una roba che ho visto fare principalmente dai rapper o gente che segue quello stile, e prima ancora, da vecchie immagini di neri americani, che immagino ne siano l’ispirazione…
      ma il motivo mi sfugge.

      A me dà l’idea di sporco! Probabilmente cuffia di lana+bottiglia di birra vuole imitare un qualche stile hipster, a sua volta derivato, per li rami, comunque dallo stile dei neri americani…

      • MOI says:

        Ma cos’è esattamente (!) ‘sto stile “hipster” ? Il Cosplay dell’ Intellettuale Anni Settanta nel XXI Secolo o che ?!

      • MOI says:

        Sì, in effetti mi sembra un po’ il Cosplay del “Rastafarian” … con la eRRe iniziale ! ;)

        • PinoMamet says:

          Invece le cuffione dei rastafariani hanno semplicemente lo scopo di raccogliere i capelloni, inoltre sono ecomiche, possono essere fatte in casa e mostare i colori dell’Etiopia, quindi sono perfette per lo scopo ;)

      • PinoMamet says:

        Hipster come termine credo nasca negli anni Cinquanta, quando indicava i ragazzi bianchi che andavano a sentire il jazz, o giù di lì.

        Adesso indica tutta quella sottocultura di ragazzi e non-più-ragazzi non allineati allo stile mainstream americano, quindi che devono dimostrare di essere intelligenti, ironici, recuperare le cose fuori moda (rendendole di moda e dicendo che le amano da quando non erano ancora di moda…), apprezzando l’arte e la cultura (sommo orrore!) europea e così via…
        e, paradossalmente, i loro compagni europei che li imitano perché sono così… americani!

        Diciamo che sarebbero abbastanza ridicoli, come tutte le tendenze giovanili e non-più-giovanili, se non fosse che l’americano medio, per come me lo ricordo, è molte volte peggio…
        ;)

        voglio dire, preferisco uno che me la mena con la birra artigianale fatta in casa da un artista birmano esule omosessuale, piuttosto che uno che me la mena che chi non si ubriaca in compagnia è un frocio…

        • Z. says:

          Come sempre a voi ideologhi-DAMS sfugge il punto: la birra!

          La birra artigianale del birmano è quasi certamente brodaglia insaporita male, e venduta a peso d’oro per via delle inevitabili diseconomie di scala.

          Quindi, a 7 euro per 0.40 cl, ve la potete tenere. Io me ne andrò al pub a bere Harp a 4 euro la pinta :-D

  25. habsburgicus says:

    primi dati
    PD si pappa Toscana (ovvio, 47 %), Campania, Puglia, Marche…presumo Umbria (non ho sentito alcunché) notevole il 18, 8 % della Lega nella Toscana rossa (batte Grillo, 16 %)
    Veneto, a Zaia (“umilia” la Moretti, nonostante Tosi)
    Liguria, può vincere Toti incredibile dicti
    si profila un 5 a 2 o un 6 a 1 (dipende dalla Liguria)

    nelle Marche, 24 % a Grillo

    • habsburgicus says:

      dictu

    • Qualche sorpresa in effetti. Conosco tanti che hanno detto che non sopportano questo governo e quindi non votano… l’idea di votare per qualcosa di diverso dal PD evidentemente non li sfiora nemmeno. Incredibile in effetti il risultato della Lega/FdI in Toscana: non seguo la televisione, quindi posso solo ipotizzare che sia il risultato dell’esposizione mediatica di Salvini (con l’aiuto anche di qualche antagonista che fa pubblicità gratuita a Salvini).

      • MOI says:

        l’idea di votare per qualcosa di diverso dal PD evidentemente non li sfiora nemmeno.

        ———-

        Penso che li sfiori eccome … ma già ritengono l’ astensionismo come la massima disobbedienza civile (interna al Partito) possibile; una scelta che costa già tantissimo: un tradire la memoria di genitori e/o nonni che votavano PCI.

        In Emilia Romagna e così, e in Toscana (almeno per chi è privo di cappuccione, grembiulino, squadra, compasso e tutto il cucuzzaro …) credo valga altrettanto.

        • gotcha says:

          Ormai per i poveri emiliani rossi non è rimasto altro di identitario che votare PD e fare la spesa alla coop.
          Tra l’altro la roba marchio Coop ha la stessa mesta inconseguenza semiotica delle bandiere degli stati ex patto di varsavia.

    • gotcha says:

      Dio mio, Toti.. L’uomo con cui tutti vorrebbero avere a che fare.
      Gli uccellini dicono che si vota lega perche’ ci sono troppi marocchini in giro. Ergo, + marocchini, + lega. Il PD sta sfruttando l’ effetto vuoto del ponte. La gente arriva al seggio con palette e secchielli: “uhm, chi votare??”

      @ ZETA
      Il diritto alla spartecipazione e’ la teoria politica che finalmente mi da delle risposte.. Ma richiede un impegno di coscienza enorme.. Non e’ semplice menefreghismo..

      • MOI says:

        Interessante come gli Italiani chiamati al voto e intenzionati a darlo a ‘sto PD siano rimasti impassibili all’ Appello della Bindi sugli Impresentabili : evidentemente c’è assuefazione al sistema di piccole e grandi corruttele e malaffari …

  26. MOI says:

    … Astensionismo ? Sì, lo so : non c’è quorum, ma anche se lo scopo di Renzi è una partecipazione al voto da USA l’ Italia NON è abituata così … l’ Emilia Romagna è saltata direttamente dal record “routinario” di massima partecipazione allo sbalorditivo record di massimo astensionismo. Astensionismo in massima misura di elettori/rici di ex-sinistra : Renzi ha difatti i voti dei “Padroni”, degli Statali e dei Pensionati, “Vitaliziati” e Pensionandi che, soprattutto quelli “Aurei”, sono gli ultra-conservatori insaziabili che se ne fregano del Futuro e dei Giovani.

    Ma questi astenuti, che non si sentono rappresentati neppurepiù dal M5S, resteranno tali per sempre o salteranno direttamente su Alba Dorata ? Pare difatti che da Roma in giù e in Meridione Salvini sia ancora tabù … benché i Migranti del Profughistan e i Profughi del Migrantstan NON siano colà graditi.

  27. MOI says:

    % Astensionismo ?

    • gotcha says:

      astensionismo mentale: 99,9%

      sarebbe 100, si calcola lo 0,01 come margine random.

      gli ultraconservatori di renzi che se ne fregano del futuro si vede che il futuro ce l’hanno già, ma penso che in Italia sia sempre stato così: se sei figlio di eccetera eccetera.

      • MOI says:

        Già … ma ormai “in basso” sono diventati “privilegi” dei “diritti”mentre “in alto” sono diventati “diritti” dei “privilegi” !

        Però appunto il discrimine è “Iffut’uro” (quello “imbazzato”, ndr) , avercelo oppure ‘UNN avercelo …

        Insomma: Renzi ha unito i Pensionati con la Minima e i Pensionati da Sborantamila euro, i “Padroni” e “Quelli col Posto Sicuro seppur di Merda” … contro Precari e Disoccupati!

        Satana in persona non poteva fare di meglio ! ;)

        • gotcha says:

          In un intervista di qualche anno fa, satana si e’ dissociato dalla politica europea. “Sono sinceramente disorientato, mancano sia le grandi narrazioni che il senso dell’ umorismo. Questo vuoto mi fa paura”.

        • PinoMamet says:

          “”Già … ma ormai “in basso” sono diventati “privilegi” dei “diritti”mentre “in alto” sono diventati “diritti” dei “privilegi” !”

          OMDAMmone!

        • Thyrrenus says:

          MOI ma che siamo sulla stessa frequenza d’onda politica? Non l’avrei detto.

          • Z. says:

            Sei grillino? Che Iddio ti perdoni, giovine studioso!

            :-D

          • gotcha says:

            Z., in Italia abbiamo altri partiti?

          • roberto says:

            gotcha
            anathema sit!

            i pentastellati non sono un vecchio, volgare, morto “partito”, ma un giovane, dinamico, figo e tecnologico”movimento”, qualcosa di totalmente nuovo che non ha nulla a che vedere con la politica dei vecchi!

            votiamo per espellere gotcha dal web!

            ;-)

          • gotcha says:

            ha ha ha..
            (non riesco a capire come si fanno le faccine. altro motivo per scontarla con l’epurazione dal web.)

            Comunque è una tattica anche quella: gli altri si limiterebbero a spiare sulla cronologia se per caso si fosse andati a dare un occhiata a you porn (shemale channel sarebbe la ciliegina sulla torta).

            Non so quanto siano considerati fighi.

            In quanto a internet sono vittime delle circostanze. Nessuno è perfetto. Ora che ci penso conosco qualcuno che è entrato nell’orbita via web: mi ricordo che i cambiamenti maggiori che proponeva riguardavano il ritmo della sintassi italiana in base alla posizione della virgola. Ad esempio “che iddio ti perdoni, giovine!” diventava “che, iddio ti perdoni giovine!”.

            Penso che ormai sia arrivata l’ora di fondarselo, il partito per cui voler votare. Io seguirei le orme tracciate a Berlino dal KPD/RZ, il partito dell’estremo centro.

          • PinoMamet says:

            Sai gotcha che di questo tuo intervento non ho capito niente?

            Me lo rispieghi?
            qual è la tattica? di chi, per cosa? Chi è finito in orbita via web? cosa vuol dire? cos’è quella cosa della sintassi?

            Ma soprattutto:
            cos’è ‘sta cosa che gli interventi su un blog debbano essere “enigmistici” per essere interessanti?
            Non è meglio farsi capire?

          • gotcha says:

            ok..

            la scrittura enigmatica è anch’essa una tattica con cui cerco di mascherare le mie lacune, se non dico chi o come è perché non ne ho idea : )

            la tattica è il modo con cui si cerca di epurare qualcuno: una di queste potrebbe essere sbirciare sulla cronologia web e sputtanare il malcapitato, ma dubito che all’infuori dell’m5s lo si sappia fare.

            conosco ragazzi che si sono messi in vetrina tramite alcuni siti con una presunta affiliazione all’m5s (se li leggessi, rimpiangeresti i miei messaggi criptici).

            Il fatto di essere enigmatico ha poi una coerenza interna: se devo scegliere, do il voto ai pentastellati. Ma mi sento preso in un turbine semantico: disinformazione generale? disinformazione mia personale?

            Non riesco veramente a spiegare bene il mio stato d’animo, Pino..

          • gotcha says:

            la cosa della sintassi è questa:

            il giovine pentastellato iscritto al sito (non ricordo quale, myspace, tumblr, flickrd, facebook) palesa una “emergenza di cambiamento”: quella che salta al subito agli occhi è che cambia il posto alle virgole..

          • gotcha says:

            Pino, ogni tanto anche tu scrivi così:

            “voglio dire, preferisco uno che me la mena con la birra artigianale fatta in casa da un artista birmano esule omosessuale, piuttosto che uno che me la mena che chi non si ubriaca in compagnia è un frocio…”

            Chi? Quale birmano? Che birra è? Chi direbbe che sono frocio? Dove si trovano queste persone?

            Comunque avevo inteso il significato soggiacente. Sono le delizie della scrittura.

          • Z. says:

            Beh, Pino intendeva: meglio le fisime degli uni che le fisime degli altri. Non era enigmatico…

            Più che altro, appunto, gli sfuggiva il quid decisivo: la birra!

          • gotcha says:

            ok, lo farò leggere a mio padre e vediamo se non è enigmatico..

          • PinoMamet says:

            Gotcha, io non tento di essere enigmatico:

            al contrario, tento di spiegarmi, se necessario con esempi.
            L’exemplum fictum, cioè inventato, è un procedimento ben noto fin dall’antichità, utilizzato proprio a scopo di chiarezza.

            Se non riesco a essere chiaro, vuol dire per me che ho fallito il mio obiettivo, non che l’ho raggiunto.

          • gotcha says:

            Ok, ma è una chiarezza che potevi raggiungere solo se: uno conosce la situazione politica in Birmania; se ha una vaga idea di cosa significhi essere hipster; se ogni tanto riflette sul significato dei diversi marchi e gusti di birre e loro connotazione a livello di classi sociali, che per di più nel caso degli hipster sono al limite dell’ironia; il valore del “bere una birra in compagnia” e usi abusi del significato sociale ivi soggiacente.
            Io non ho detto che tu vuoi essere enigmatico (e poi volevo prenderti in giro, è il mio modo di rigirare la frittata in modo che dalla parte del torto ci passi il mio interlocutore). Però, ad essere seri, tu sei chiaro per chi condivide le basi culturali onde proviene l’ordine del tuo discorso. C’è gente che prenderebbe le tue parole per arabo. Quindi hai raggiunto l’obiettivo con me, Z eccetera ma l’hai fallito con molti altri.

            Ps: “fallimento” è la parola più dolce del nostro vocabolario. io voglio fallire in the stars forever!

          • PinoMamet says:

            Senza offesa, Gotcha

            anzi, puoi prenderlo come un complimento

            ma sei strano davvero!
            :D

          • Mauricius Tarvisii says:

            L’avevo capita anch’io che sono astemio :D

          • gotcha says:

            grazie, non solo lo prendo come complimento ma come un gran complimento!

            ps per ricambiare: devo dire che per quanto mi riguarda, sei molto chiaro e intuitivo! : )

            vorrei che anche le mie polemiche con douda finissero così dolcemente..

          • Z. says:

            MT,

            sei grillino, avvocando e pure astemio??

            Tutte ce le hai, miseriaccia!

            :-D

          • Mauricius Tarvisii says:

            Quando diventerò renziano, andrò a zappare e verrò ricoverato in coma etilico te lo farò sapere :-D

            E non ho neppure votato 5S domenica scorsa!

          • Z. says:

            E allora? semel Orthoptero, semper Orthoptero :D

            Renziano non so, ma un po’ di birra non ti farebbe male: come si usa dire dalle tue parti, nella birra c’è la forza, nel vino la saggezza, nell’acqua i batteri!

            E soprattutto come bracciante avresti un futuro più solido :D

  28. MOI says:

    “Slurp”, nuovo libro di Marco Travaglio

    http://www.chiarelettere.it/libro/principio-attivo/slurp-9788861906358.php

    Marco Travaglio – L’arte dello “SLURP” – Otto e Mezzo 19 maggio 2015

    https://www.youtube.com/watch?v=NAVPr6hmpb4

    Servizio Pubblico Puntata 23 – L’editoriale di Travaglio “Renzi Slurp”

    https://www.youtube.com/watch?v=3pTRsrq3JSc

    (“teaser” del libro di Travaglio da Sant’ Oro … )

  29. habsburgicus says:

    @Moi (e chi vuole leggere)

    http://seduction.net/riv1a003330.htm
    certo che noi italiani ci facciamo sempre riconoscere :D

  30. Moi says:

    Va be’, a parte chi ha le bazze sicure … direi che tutti siamo amareggiati, spaesati, delusi in quanto “cittadini”; perché è inutile attaccarsi a simboli e tradizioni, se la classe politica e dirigente è sempre la stessa : corrotta e incapace ! Ormai le elezioni vissute come partite di calcio sono un lusso da Novecento !

  31. Moi says:

    @ GOTCHA & PINO

    Intendevo dire molto più semplicemente che nel 2015 il look “White Nigga Gangsta Rapper” con t-shirt, “birrozzo” e cuffia di lana tutto l’ anno ambienti anche in chiusi … mi sa di “trasgressione preconfezionata” … poi sarà perché a Bologna paradossalmente gli “Alternativi” sono “Conformisti dell’ Anticonformismo”, un cosplay che _ senza alcuna normativa, puro “conformismo” da cosplay_ in pratica è diffuso e condiviso come le divise “alla marinara” nelle scuole del Giappone …

    • Moi says:

      “anche in ambienti chiusi”

      … Insomma: se in quanto “trasgressivo-aòternativo” sei esattamente (!) come mi aspetto che tu sia, sei prevedibilissimo pure nel gesticolare … dov’è la “trasgressione” ?

    • gotcha says:

      A parma (pino ne sapra’ qualcsa), io non potevo andare a caccia in via farini perche’ non abbastanza cool.. Il mio territorio era via d’azeglio e I dintorni della facolta’ di lettere. Quando vedo una femmina hipster si raddrizzano le antenne. Quindi il fatto dell’anticonformismo in realta’ e’ legato a quello.. Quando diventa una moda diventa per forza conformista. Comunque sono d’accordo con Pino sul paragone che riguardava le birre..

      • PinoMamet says:

        Ma che ci vai a fare in via Farini…
        fighe di legno (come le chiamano a Parma) e metrosessuali…
        no, grazie, ne faccio a meno ;)

        • gotcha says:

          Lo penso anch’io. Figa di legno sta diventando sempre meno metaforica come definizione, e sempre piu’ descrittiva, visto le pelli bruciacchiate da lampade a ripetizione. Vuoi mettere la pelle color latte delle tipe in civica?

  32. Mauricius Tarvisii says:

    Forse a Mirkhond interesserà.
    Finita la campagna elettorale, di può tornare a parlare di qualcosa

    https://ilblogdellasci.wordpress.com/2015/05/29/cronache-dallantropocene/

  33. MOI says:

    l’ importante è che il mitico Buon Esempio venga dall’ Alto, sennò …

    https://www.youtube.com/watch?v=DmjYAmGzQ0U

  34. habsburgicus says:

    @Moi

    certo che alcuni sono proprio strani :D de gustibus
    http://www.isoladelpeccato.com/uomo-cerca-donna/a-a-a-cerco-donna-puzzola545/

  35. MOI says:

    Alois Hudal, il vescovo che cercò di cristianizzare il nazismo

    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-hudal-il-vescovo-che-cerco-di-cristianizzare-il-nazismo-12822.htm

    @ HABSBURGICUS

    • MOI says:

      Mi pare che tu ne abbia già parlato, ma come notava giustamente Mirkhond … l’ Universalità di Gesù Cristo NON è compatibile con degli “esclusivismi” o delle “gerarchie” per “innatismo”, in questo caso presunto (!) genetico !

      • habsburgicus says:

        si, ne ho già parlato..e fu molto acuto..,,nessuno l’ha capito..oggi, per ovvie ragioni (e questo “oggi” inizia nel 1945) non è più proponibile

        P.S
        non molti sanno che fu anche un fine studioso di storia diplomatica e ci diede una lista esatta dei diplomatici asburgici alla Corte papale

        • habsburgicus says:

          compatibile lo sarebbe..
          se separiamo i piani..detto in modo popolaresco (Hudal usava ben altri argomenti)
          un conto è la salvezza che può arridere al nero povero e non al ricco e biondissimo magnate di ascendenza vichinga..questo nell’Aldilà
          un conto è l’Aldiquà dove potrebbe invece essere possibile e financo utile applicare un principio di “separate development”, rispettando i diritti inalienabili di ciascuno…
          è verosimile che Hudal non dicesse granché d’altro

      • gotcha says:

        Moi, sotto sotto gli articoli della nbq significano sempre la stessa cosa, che poi e’ la medesima di ogni discorso di un militante di alleanza cattolica o della tfp. Sgranano sempre lo stesso rosario: gays, capitalisti, comunisti, massoni, illuministi, Satana. Oltre ad essere una lettura strumentale della storia e’ proprio inesatta, perche’ non riesce a concepire i contrasti in seno alla societa’, che nel bene e nel male sono gli eventi che trasformano la quantita’ in qualita’. Cosa c’entri il Padre Eterno con le loro fisime, poi, non riesco a capirlo. Per quanto mi riguarda e’ questo “nominare invano il Nome..”

  36. habsburgicus says:

    ti dirò di più..come puro giudizio storico (opinabile ma scevro di implicazioni politiche, in quanto io sono profondamente antifascista)

    il più grave errore politico di Pio XII (SI, sbagliò anche lui…io non sono come quei sedevacantisti che vedono tutto il Bene sono al 1958 e poi tutto il Male dopo il1958..sarebbe antistorico) fu non aver capito la posizione di Hudal..cioé non aver compreso che la vittoria dell’Asse, pur con effetti collaterali giustamente preoccupanti, avrebbe liberato la Chiesa (dal suo punto di vista, giusto o sbagliato che sia) da 3 dei suoi Nemici storici..e che l’ascendenza NS, che ne sarebbe, almeno temporaneamente, risultata (fatto indubbiamente molto spiacevole), avrebbe potuto risolversi con una soluzione alla Hudal..poi sarebbe venuto il Recaredo del NS e la Vera Croce avrebbe trionfato..
    infatti la Chiesa ha sempre vinto contro i paganesimi (e quello NS ne fu una variante), ma ha sempre perso contro i massonismi come già diceva in pubblico (a ragione !) un Gran Maestto francese a fine ‘800..vivese oggi, avrebbe orgasmi multipli :D
    Pio XII non ha voluto capirlo..adotàò un antteggiamento pro-Alleati e in Italia lasciò che la cricca di Montini (infido) sabotasse la guerra ad maiorem Churchilli gloriam
    nonostante la stima per quel grande Paoa, un Vero Pontefice, tradito da molti dei “suoi”, qui l'”errore” è purtroppo ascrivibile a Lui
    e se non uno fosse duro e cinico (io però non mi spingo a tanto) direbbe con sprezzo..
    avete voluto la Vittoria del Ciurcillone ?
    allora tenetevi le conseguenze necessarie (anche se W.C mai ci pensò..certe cose vanno oltre le singole persone e financo le volontà individuali)..fra cui quello che è poc’ anzi successo in Irlanda..e non scocciate più !

    • habsburgicus says:

      c’è qualche errore di ortografia..purtroppo non si può correggere..scusare

      P.S
      se Miguel notasse questo commento e da super partes desse un giudizio (storico), mi farebbe molto piacere :D anche, e soprattutto (magari) se mi stroncasse :D

      • daouda says:

        tu ignori sempre che HItler era un pupazzo in mano di Stalin, e ti dimentichi che Churchill si cacava sotto dopo aver compreso di aver lavorato per il comunismo internazionale.
        Inoltre il massonismo è variegato, come lo è il sionismo.

    • Forse la tua visione è troppo speculare a quella dei vincitori: vedi la seconda guerra mondiale come un conflitto tra due immutabili principi.

      Con Costanzo Preve, invece, io ci vedo diverse guerre che quasi per caso hanno trovato convergenza negli anni 1939-1945. Ad esempio, nel conflitto tra “Chiesa e massonismo”, dove mettiamo l’immensa guerra per il controllo dell’Oceano Pacifico tra impero giapponese e impero statunitense? O l’attacco di Mussolini a Metaxas?

      • Un esempio – autoreferenziale come sempre – di come a volte si discuta sullo stesso piano: ho spesso sentito dire che il fascismo (vagamente inteso) sia un movimento che esalta i contadini e la campagna contro la città; per cui poi gli antifascisti parlano di odio verso il Progresso e il Rimescolamento Urbano, i filofascisti dei Sani Valori della Terra.

        Bene, negli anni 1920-1922, la propaganda fascista in Toscana aveva un argomento principale: i contadini bolscevichi, con le loro arroganti pretese e la loro avidità, stavano riducendo alla fame le città, e quindi bisognava stroncarli.

      • habsburgicus says:

        @Miguel
        si, la tua è una lettura che ha illustri precedenti, anche coevi..
        Franco ad esempio (in epoca tarda, c.a 1944/estremo inizio 1945) illustrò a Carlton Hayes, Amb USA (un cattolico, in carica fino al 1945) la teoria delle 3 guerre
        I. guerra contro il bolscevismo “cruzada” e lì Franco era, idealmente, a fianco del Reich [ma non perché Reich..continuava infatti dicendo più o meno..verrà il giorno in cui anche voi ecc ecc ecc e non mi pare abbia avuto torto]
        II. guerra fra anglosassoni e tedeschi lì Franco e il popolo spagnolo erano neutrali e deploravano la lotta intestina fra europei (sic) e cristiani
        III. guerra fra gli USA e il Giappone lì Franco era dalla parte degli USA (sempre idealmente..ma nell’aprile 1945 trovò un pretesto per rompere le relazioni diplomatiche con il Giappone e già in marzo 1945 aveva tolto la protezione diplomatica agli interessi nipponici nei paesi nemici mettendo nei guai la diplomazia del Gaimusho, che dovete mendicare i servigi di Svezia e Svizzera), a difesa della civiltà europea, del Cristianesimo e, se non rammento male (per dare un contentino agli USA) “dell’uomo bianco” !
        non che io voglia insinuare che tu sia franchista, eh :D (il Messico fra l’altro mai volle riconoscere Franco e ristabilì relazioni diplomatiche con la Spagna solo in 1977 ! per dire, DDR e Cina rossa ebbero invece relazioni diplomatiche con Franco anche se nel primo caso le ruppe in sett 1975, la Romania relazioni consolari, l’URSS no ma ammise di riconoscerlo, seppur senza troppe fanfare !)

    • Mauricius Tarvisii says:

      Che ha la Chiesa da spartire con un paese che tiene un simbolo pagano nella bandiera?

  37. MOI says:

    “separate development” … oddio, mi manca. Ma dal tipo di linguaggio mi sa di Liberal USA …

    • MOI says:

      A quel che ho visto faceva parte delle politiche Boere di “Apartheid” (che di solito si usa come termine specifico, mentre era collettivo) , ebbene : vada per il “separate”, ma il “development” ? L’ ultima volta che ho sentito qualcosa di simile è stato “l’ Europa a Due Velocità” di Prodi …

      • roberto says:

        ““l’ Europa a Due Velocità” di Prodi”

        giusto per la precisione (rectius “inutile precisione” che scommetto le mutande non servirà a nulla), “europa a due velocità” è un concetto ben precedente a prodi.
        risale alla fine degli anni 80 (dibattito pre maastricht) e mi risulta di origine tedesca (area kohl).
        l’idea era un po’ diversa dal “separate developpement”: si trattava pittosto di dire “se ci sono alcuni stati pronti ad un’integrazione maggiore di quella esistente, che lo facciano, gli altri, se vogliono seguiranno”

  38. mirkhond says:

    “poi sarebbe venuto il Recaredo del NS e la Vera Croce avrebbe trionfato..”

    L’unico che, vagamente poteva avvicinarsi a ciò che dici, fu Friedrich Rainer, gaulaiter di Carinzia e poi dell’Adriatisches Kustenland nel 1943-1945, col suo tentativo di ricostruire una piccola Austria “neoasburgica”, sulle rovine del III reich.
    Progetto, pare avallato dal Vaticano, tramite il vescovo di Salisburgo, Rorhacher, ma fallito perché gli Alleati non avevano nessuna intenzione di ricostituire una nuova sfera austriaca (sia pure in funzione antikomunista), e sia perché non potevano scontentare Tito e Stalin che OGGETTIVAMENTE, avevano guidato il lavoro più duro nella lotta al nazifascismo….

  39. MOI says:

    @ HABSBURGICUS

    Anche il Nazismo era “Animalista” … mentre l’ URSS fu fra i primi Paesi a legalizzare l’ Aborto nel 1920, che però di solito non si contano fra le Vittime del Comunismo.

  40. habsburgicus says:

    ciò non è una sorpresa..l’aborto era in quel tempo nei programma di tutti i più fanatici e rapidi anti-cristiani (e SOLO di questi)..e dunque non è un caso che l’URSS, il 1° stato anti-cristiano per definizione (nei 1920′ e prima parte 1930′) sia stato il primo a legalizzarlo
    i “semplici” laici e anticlericali e quasi tuti i protestanti ALLORA non lo volevano o almeno non lo chiedevano

    • habsburgicus says:

      rabidi

    • MOI says:

      Ma infatti Francesco Agnoli, attirandosi strali e geremiadi oltre che fra le Femministe anche fra i “Cattolici Adulti”, scrive che l’ aborto è considerato un “diritto” soltanto sulla base di un parallelismo marxista :

      Donna – Operaia
      Uomo – Padrone
      Bambino – Prodotto
      Aborto – Sciopero

      Ma di “scientifico” poco o nulla, visto che adesso di “aborto” [sic] se ne parla anche in termini post parto, “post-natal / after birth abortion” [sic] ; nondimeno è come minimo forviante la sigla IVG, almeno per la “I” : “interruzione” e “cessazione”, difatti, non mi risultano essere sinonimi.

      … E dire che per rendersene conto basta ascoltare i conduttori e le conduttrici di trasmissioni televisive quando parlano di pausa pubblicitaria.

      • habsburgicus says:

        @Moi

        diciamo che questo mutamento impressionante di opinione fra 1914 e oggi (e parliamo del XX secolo, “secolarizzato” ab initio..non del trecento !), dimostra-per chi vuole rendersene conto e sa riflettere..a forza di certuni (quando si hanno i media e il controllo della “cultura”..che purtroppo non è lo scrivere una monografia su Mxitar di Ayrivank’ croniata armeno che giunse fino al 1289 !)…e tu stesso hai già notato il grande mutamente verificatosi da c.a 1990….ma sei, praticamente, l’unico

      • Z. says:

        Conoscevo uno yanqui (repubblicano di NY) che citava una frase del tipo: se fossero gli uomini a partorire esisterebbero comode pillole abortive acquistabili in qualsiasi supermercato.

        Comunque “interruzione” non è necessariamente sinonimo di “sospendere”. Spesso è invece sinonimo di “terminare”: quando la partita viene interrotta ricomincia da capo; quando la prescrizione di un diritto viene interrotta essa ricomincia a decorrere dall’inizio; quando si interrompe una serie la serie ha fine.

        Del resto sospendere una gravidanza e poi riprenderla in seguito non sembra particolarmente fattibile.

        In cosa consisterebbe l’aborto post-partum? Al riguardo ricordo solo un vecchio racconto di PKD.

        • Mauricius Tarvisii says:

          L’aborto post partum è una curiosa tesi di Singer a favore dell’infanticidio

  41. Z. says:

    Un parere per il giovine Mauricius:

    Nell’agosto dell’anno 2012 Tizio, cinquantenne italiano, stava per accendersi una sigaretta allorché Caio, trentenne rom, chiedeva al primo di offrirgliene una. Tizio rispondeva negativamente, si metteva in bocca la sigaretta e la accendeva. Per tutta risposta Caio gli strappava la sigaretta dalla bocca.

    Successivamente, intimorito per le possibili conseguenze penali della sua condotta, Caio decide di rivolgersi al proprio difensore.

    Il candidato, assunte le vesti del difensore di Caio, rediga motivato parere premessi brevi cenni sulla differenza tra furto con strappo e rapina.

    http://bologna.repubblica.it/cronaca/2015/06/02/news/gli_strappa_la_sigaretta_dalla_bocca_condannato_a_tre_anni-115870670/

    • Mauricius Tarvisii says:

      Magari la violenza disumana esercitata contro la sigaretta era tale da costituire una forma di vis illata contro la vittima… oh, l’alternativa è il consumo di sostanze :D

  42. MOI says:

    Forse hanno voluto dare una condanna così pesante al Rom per evitare rappresaglie di giustizia fai-da-te . Ad esempio, Albettone (VI) è una piena di gente che in casa è armata (armi da fuoco vere, pallottole vere, porto d’armi) fino ai denti, a cominciare dal Sindaco Sceriffo Joe Formaggio : Pupillo-Emulo-Erede di Giancarlo Gentilini.

    Alla domanda dei giornalisti di La7 di cosa farebbero se si trovassero uno “Zingarello” in casa, gli Albettonesi (o come si dice) rispondono unanimemente che “mi stago con Stacchio e al ladro ghe fago un buso in mezo ai oci” … o simili.

    • Z. says:

      “Rappresaglia di giustizia fai-da-te”? del tipo andare a cercare il rom il giorno dopo e strillare “ecco, è quello che mi ha rubato una sigaretta, tiriamogli addosso!”?

      Credo che persino i leghisti più esaltati tra quelli che hai citato lo troverebbero leggermente eccessivo :)

      • Z. says:

        Per la precisione: “è quello che TRE ANNI FA mi ha rubato una sigaretta!”

        • MOI says:

          Be’, però spesso i Joe Formaggio & Elettori “accumulano tanti piccoli episodi”, prima del tremendo (perché per certi versi è giusto, per altri è il fallimento dello Stato …) sloganone “xe mejo un bruto procèso ca un bel funeral” …

          • Z. says:

            Perché tremendo sloganone?

            Che non sia una buona scusa per sparare a raglio alla gente siamo d’accordo. Ma in un Paese dove l’imputato ha il diritto di difendersi e non viene torturato sulla ruota non ci sono dubbi che sia meglio un brutto processo che un bel funerale!

  43. MOI says:

    Google ce l’avete anche voi, scegliete il sito che ritenete più attendibile … PKD sarebbe “Filippo Kappa Cazzo” ;) :) ? Non ho presente quel racconto in particolare, ma non mi sorprende : i migliori scrittori di “distopie” il futuro lo anticipano, spesso. Quel che sembrava “esagerato” dopo 20 anni è “normale” dopo 40 anni e “superato” dopo 60 anni … nevvero, Habs ?

  44. Thyrrenus says:

    Su su consolatevi che il prossimo governo ve lo farà forse Salvini!

  45. Z. says:

    Miguel,

    se anch’io penso che alcuni cosplayer politici abbiano effettivamente aiutato Salvini, ho l’impressione che alcuni sindacalisti abbiano finito per dare una mano al vostro ex-sindaco e al suo discusso progetto di riforma…

    http://www.repubblica.it/scuola/2015/06/02/news/scuola_chiusura_con_sciopero_degli_scrutini_ma_insegnanti_rischiano_di_dover_lavorare_di_notte-115888894/?ref=HREC1-7

  46. MOI says:

    Un inaspettato “Dissidente” fra gli Intellettuali di Sinistra sull’ aborto è stato Norberto Bobbio … scriveva e diceva, se non ricordo male ma dovrei errare di poco, che non si può arrivare al “paradosso” [sic] di lasciare che siano i Cattolici a dover dire di non sopprimere la vita.

    • gotcha says:

      L’aborto, che come concetto viene legato alle ideologie pro o contro, riguarda i sentimenti di una piccola e insignificante madre, e solo quello. Se si continua a mettere i sentimenti al servizio dei vessilli non si va da nessuna parte,ne a destra ne a sinistra.

  47. MOI says:

    @ HABS/TUTTI

    Comunque probabilmente la “I” di IVG sta ad indicare astutamente che poi si può ricominciare “V-mente” ;) da capo un’ altra “G” :) … ma quel che vi si nega gli è l’ irripetibilità e unicità dell’ individuo (e dell’ “individua” o dell’ “individu*”… va be’) , tema fastidioso per chi di Potere.

    Ripeto: di questa irripetibilità e unicità dell’ individuo ai Cattolici Adulti frega ben poco (forse addirittura meno che a Protestanti, Ebrei e Musulmani apposta per “stare al passo coi tempi … ), i Laici (tipo Bobbio di cui sopra) che di questa irripetibilità e unicità dell’ individuo ne tengano conto sono invece davvero “sparuti” … e, anzi, quasi “spariti”.

  48. mirkhond says:

    “Franco ad esempio (in epoca tarda, c.a 1944/estremo inizio 1945) illustrò a Carlton Hayes, Amb USA (un cattolico, in carica fino al 1945) la teoria delle 3 guerre”

    Gli USA in quel periodo riconoscevano il governo di Franco?

    • habsburgicus says:

      certo..sin dal 1939..come tutti (tranne URSS, Messico, Cina di Chiang Kai-shek* e Nuova Zelanda)
      il 1° Ambasciatore fu Alexander Weddell, protestante WASP, e si trovò male..il 2° fu Carlton Hayes, cattolico e si trovò benissimo
      il 3° fu Norman Armour, massone liberal nominato dal fanatico anti-cattolico e anti-franchista Truman nel 1945 (Roosevelt, con tutti i suoi difetti e financo ignominie, in confronto a Truman, era un gigante..il giudizio storico su quel nefasto e lurido omuncolo è racchiuso tutto i due date 6 e 9 agosto 1945) si trovò malissimo ma fu nominato appunto per questo :D..dopo pochi mesi fu infatti ritirato..era l’epoca della campagna anti-franchista voluta dal Labour in Inghilterra, dai francesi (che aiutavano le bande rosse sui Pirenei), di Truman e dall’URSS–la caduta di Franco era data per certa al 1000 per 100..il golpe era ritenuto questione di giorni..tutti i regimi latino-americani (corrotti come sempre..non il Messico..il Messico ha sua grandezza e ribadisco fu contro Franco SEMPRE, a viso aperto) ruppero con Franco (tranne l’Argentina virile di Peron e pochi altri..fra cui Evita più virile di lui che fu accota come un Regina nel 1947..l’Italietta, ormai repubblicana, ritirò l’Ambasciatore durante la permanenza di Nenni agli Esteri (2° metà del 1946):
      Franco si salvò solo grazie a
      1°, Pio XII che non lo abbandonò mai e unì la sua voce per la Spagna nazionale in America Latina, Irlanda e USA (dove i cattolici erano pr4aticamente tutti per Franco..e anche i non-cattolici di destra, almeno quelli che sapevano dove era la Spagna sulla cartina :D McCarthy fu un grande fautore del riavvicinamento con Franco..ma anche John F. Kennedy)
      n° 2, Salazar
      n°3, l’astuzia…ma anche la durezza di Franco..allora ancora giovane e forte..garrota per los malditos rojos che dalla Francia sconfinavano (allora non erano ancora i ’70..non esisteva ancora un’ETA che poteva ammazzare impunemente.los rojos se volevano potevano entrare in Spagna a far guerriglia ma dovevano sapere, e lo sapevano, che se presi c’era la morte..non si scherzav allora, furono prese anche misure profilartiche nei territori baschi sin dall’autunno 1944, quando bestemmiando e urlando i primi maquisards rossi dalla Francia “gollizzata” per grazia degli alleati, spararono contro i doganieri spagnoli….per volere di De Gaulle ? contro il suo volere ? mah..poco importa, ORA)
      n° 4, lo scopoio effettivo della guerra fredda (1947) che prima costrinse l’infame Truman a moderarsi nel suo odio antifranchista (1947/1948) poi a riavvicinarsi con la puzza sotto il naso (1949(1950) indi a rimandare un suo Ambasciatore in Sapgna (1951), da ultimo a mendicare l’appoggio di Franco (1952) :D
      ma i rapporti restariono freddi sino ad Eisenhower, che tese la mano a Franco
      tratrato del 27/9/1953, grandiosa visita di Eisenhower in 1959 a Madrid
      Franco aveva vinto..l’arrgoganza di certi yankee era stata sconfitta, l’ONU che nel dicembte 1946 aveva condannato Franco dovete rimangiarsi la risoluzione in nov 1950 (la Spagna entrerà nell’ONU solo insieme a noi in dic 1955..ma soo per il veto sovietico..idem entrarono allora all’ONU, RO, BG, H, ALB cui gli occidentali ponevano il veto)..gli spagnoli con umorismo cantavano nel dic 1946 (all’epoca della campana ONU) “Si los otros tienen UNO [ONU in inglese], nosostros tenemos DOS” oppure “Europa es grande pero Espana es mas grande” :D
      altri tempi..che dimostrano però che il coraggio qualche rara volta paga ! (certo ci debbono essere anche circostanze potenzialmente favorevoli)

      *Chiang Kai-shek riconobbe Franco nel 1952 da Taipei (e sino al 1973, quando Franco e Mao si riconobbero a vicenda..e, quamdo ci fu la canèa dei sinitri in tutto il mondo ma soprattutto nell’ex-felice Europa, sulla garrota ai terroristi in sett 1975 in cui si “sputtanò”, scusatemi il termine, pure Paolo VI..Mao invece non disse una parola e mantenne rapporti ottimi con Franco, come si conviene fra Capi di Stato..come li aveva con Pinochet..ecco Mao è uno di quei comunisti con cui si può parlare, non rompono i cosiddetti..purché tu non glieli rompi a loro è chiaro :D, ad esempio sul Tibet..e questa è sempre stata la differenza fra URSS e Cina)

    • PinoMamet says:

      Insomma Habs, per farla breve:
      se non sono dittatori non ti piacciono ;)

      • Thyrrenus says:

        Da ragazzo mi piaceva giocare a risiko, poi sono venuti i giochi da computer tipo Total War o il mio preferito Europa Universalis con cui mi sono divertito abbastanza. Il problema è che comunque alla fine uno si stanca di giocare a seguire una politica dettata dalla semplice volontà di potenza.
        Il potere per il potere è una cosa noiosa!
        Ho sempre avuto l’impressione che i dittatori fossero delle persone eccezionali per pensiero tattico ma altrimenti piuttosto banali ed inferiori alla media dal punto di vista intellettuale.

        • Mauricius Tarvisii says:

          Per non annoiarti coi giochi di strategia devi fare come faccio io: aspettare con ansia che i nuovi DLC siano disponibili scontati su Steam e nel frattempo finire in fretta le partite prima che una nuova espansione della mappa renda i vecchi salvataggi incompatibili con la nuova patch :D

          • Thyrrenus says:

            Ah, vedo che sei un assiduo anche tu. Io cerco di trattenermi altrimenti starei sempre in modalità difficilissima a salvare Costantino XI da li turchi, Siracusa da Roma, l’Impero d’Occidente dai barbari o robe simili :)

          • Z. says:

            Allora, visto che l’Autore ce lo mette a disposizione aggratise, comincia col salvare Israele dall’occupazione egiziana, il mondo dall’olocausto nucleare o quanto meno te stesso da un’autobomba!

            Il gioco dura qualcosa come una decina di minuti. Ma non ti preoccupare, all’inizio durerai molto meno :)

            http://www.eastman.me.uk/conflict.htm

      • mirkhond says:

        Se non sono dittatori di DESTRA, per completezza…. :)

  49. mirkhond says:

    Gotcha

    Non so nulla di te, a parte il fatto che sei ligure ed abiti nella parte più affascinante della provinzia di Parma.
    Mi piacerebbe davvero incontrarti (non in senso gay, eh! :) ), lì, tra le tue montagne, dopo esser passato il più in fretta possibile dall’interminabile via aemilia attraverso la piatta (Dif)Fidenza….
    Poi leggo il tuo dialogo con Pino, su femmine di legno e cattive, di quelle terre della Bassa, e mi dico, ma che ce vengo a fà? :)

    • PinoMamet says:

      Mirkhond

      1- nessuno qua pronuncia la c palatale come z, ti è stato detto milel volte da tutti;

      2-ti ho già detto che per salire a Bedonia non devi passare da Fidenza;

      hai problemi di memoria?

      infine

      3-Parma non è nella Bassa, e le fighette di Parma (molte delle quali- come molta della popolazione dell’EmiliaRomagna ;) – di origine meridionale quanto e più di te…) sono una specie particolare, che probabilmente non troverai a Bedonia…

  50. mirkhond says:

    “1- nessuno qua pronuncia la c palatale come z, ti è stato detto milel volte da tutti;”

    Da tutti chi?

    “2-ti ho già detto che per salire a Bedonia non devi passare da Fidenza;”

    Ma per andare a Perma sì.

    “hai problemi di memoria?”

    No.
    Però noto che ogni volta che parlo con qualcuno a nord della linea Sarzana-Senigallia, chissà perché, intervieni sempre tu (o te?, come si direbbe da vuetèr?)?
    Ziao!

    • PinoMamet says:

      “Ma per andare a Perma sì.”

      Venendo da Bologna? No.
      Da’ un’occhiata alla cartina.

      “Da tutti chi?”
      Tutti quelli che abitano a in EmiliaRomagna.

      “Però noto che ogni volta che parlo con qualcuno a nord della linea Sarzana-Senigallia, chissà perché, intervieni sempre tu”

      In effetti sati prendendo in giro il presunto modo di parlare del nord Italia, e, specificamente, della provincia in cui risiedo.
      Tanto strano che intervenga?

      Comunque tu hai problemi di memoria, Mirkhond.

      • mirkhond says:

        Avrò anche problemi di memoria, come tu ne hai di intervenire in continuazione in dibattiti che svolgo con altri…
        Non ci posso far nulla, se ti sto proprio antipatico…. :)

  51. mirkhond says:

    Riprendendo le mie solitarie considerazioni

    Dunque, pensavo da qualche giorno (o ziorno?) di recarmi dapprima a Fidenza, e poi, finalmente, a Bedonia, per cogliere, come si dice, due piccioni con una fava.
    E cioé conoscere entrambi i parmensi di questo blog.
    Ho constatato però, che, come già intuivo da tempo, che uno dei due, quello più propriamente emiliano, nonostante la sua cordialità, affabilità telematica, in realtà nutre una profonda diffidenza verso chi viene da fuori, soprattutto verso chi sta scrivendo.
    Anni di “inviti” risoltisi nel nulla, proprio per tale diffidenza.
    Che a noi non scandalizza, ne stupisce, ricordandoci ciò che amici che conoscenti che hanno vissuto in quelle terre tra Bologna e Parma, ci dicono da anni, sulla diffidenza e il gelo dei cispadani, in contrasto con un’immagine goliardica, giocherellona e scanzonata che pure gli interessati hanno sempre dato e continuano a dare tuttoggi.
    Una fortunata operazione d’immagine, come tante nella storia umana, dietro cui si cela una realtà molto diversa, ma in fondo più vera.
    E dunque meritevole di rispetto, se solo buttasse via una volta per tutte, quella maschera di finta accoglienza, goliardia e calorosità che in realtà non ha…
    E dunque mi sono detto, che senso avrebbe recarsi da sconossiuti, che amico di qua, e amico di à, in realtà non hanno alcuna intenzione di conosserti per davvero, per motivi che si possono comprendere (e magari condividere) solo se fossero spiegatici con lealtà….
    Ecco perché andare a Fidenza, significherebbe solo DifFidenza….

    • roberto says:

      “E dunque meritevole di rispetto, se solo buttasse via una volta per tutte, quella maschera di finta accoglienza, goliardia e calorosità che in realtà non ha…”

      insomma vuoi a tutti i costi essere preso a male parole….

    • PinoMamet says:

      Mirkhond, per l’ennesima volta, se vuoi andare a Bedonia, provenendo da Bari via Bologna, non devi fermarti a Fidenza!
      Devi scendere a Parma che per te è prima .

      • mirkhond says:

        Non ha capito….

        • PinoMamet says:

          Scusami, cosa c’è da capire?

          hai detto che per andare a Bedonia devi passare da Fidenza, ti rispondo (per l’ennesima volta, MI’) che non è vero.

          Non so se tu in questo, che a me pare semplicemente un itinerario di viaggio, vedi dei significati simbolici che mi sfuggono;
          la geografia però quella è.

          • gotcha says:

            Pino, da quel che ho capito mirkhond vorrebbe venire a trovare anche te. Siamo i “due piccioni” che prenderebbe in un viaggio solo!

          • mirkhond says:

            Non facevo una questione geografica, quanto una considerazione su un ipotetico viaggio nel Parmense, terra di due commentatori di questo blog, anche se abitanti a molti chilometri di distanza l’uno dall’altro.
            Ora, constato come uno dei due parmensi, quello più orgogliosamente emiliano, pur conoscendolo telematicamente da cinque anni, dietro un’area di cordialità, di amicizia e di continui “inviti”, in realtà cela una profonda diffidenza verso l’estraneo di Bari, nel caso che questi lo prendesse alla lettera.
            A noi questo non scandalizza affatto, perché uno è libero di non voler conoscere persone sgradevoli e sgradite, e con cui non si ha nulla in comune.
            A questo si riferiva il mio itinerario per Bedonia, ma passando per Fidenza.
            Mentre il ligure, appartenente ad una dele etnie più chiuse e diffidenti d’Italia, pur essendo uno nuovo al blog, mostra di avere meno remore nel conoscere il foresto terronico….
            Non è un rimprovero, ne un giudizio.
            Solo la constatazione di una realtà che comprendo benissimo.
            Come mi ha ricordato oggi mia sorella, non si puo’ piacere a tutti, anche se lo volessimo….

          • mirkhond says:

            un’aura

  52. mirkhond says:

    Se persino Peucezio, cantore appassionato dell’incontro de visu tra i commentatori del blog, alla fine ha dovuto rinunciarci, vuol dire tale incontro di gruppo non era fattibile.
    Proprio per profonde e reciproche diffidenze tra di noi….

    • gotcha says:

      Mirkhond, se vieni a bedonia e non lavoro mi fa piacere una tua visita.

    • Peucezio says:

      Questa non l’ho capita esattamente.
      Io ho incontrato te, ho incontrato Tortuga, Miguel, avrei incontrato altre persone se ce ne fosse stata l’occasione.
      In questo periodo sono incasinato, quindi non mi sono più occupato della cosa.

      Ma circa Pino, mi sembra evidente che non sia una cosa nei tuoi confronti. Dovevo andarci io e gli si è rotta la macchina, doveva andare a Firenze e non ci è andato più… Lui probabilmente è un pigro (come me d’altronde, che viaggio pochissimo, perché non m’ingozza), che all’inizio ha tutta la voglia di fare una cosa, poi si scoraggia, aggiungici in un caso la sfortuna della macchina, in un altri magari altri contrattempi…
      Ma vederci una diffidenza nei tuoi confronti proprio…

      • PinoMamet says:

        La macchina mi si è rotta davvero.

        Quanto a Firenze, ero in un periodo in cui- se proprio ci tenete a saperlo- ero a cortissimo di soldi, e i pochi che avrei speso sono serviti per incombenze mie e della mia famiglia.
        Tutto qua.

        • Peucezio says:

          Non l’ho mai messo in dubbio.
          Era per spiegare a Mirkhond che non è che ce l’hai con lui e non vuoi incontrarlo.

  53. mirkhond says:

    (come me d’altronde, che viaggio pochissimo, perché non m’ingozza),

    Mi sembrava il contrario… :)
    Quello che non ama viaggiare, perché lo affatica sono io…. ;)
    Per non parlare del portafoglio….

    • Peucezio says:

      Vabbè, tu sei un caso limite, ma anch’io non viaggio volentieri: sono abituato alle mie comodità, mi rompo le palle a farmi le valigie, ad adattarmi a un’altra casa, per non parlare del viaggio in sé, guidare per ore oppure prendere un aereo, che significa check in, imbarco e rotture di palle varie e anche il treno è scomodo, ore di viaggio…

  54. mirkhond says:

    Riguardo Pino

    A me non scandalizza affatto una sua diffidenza verso persone che oggettivamente gli sono estranee e foreste.
    Se per conoscere Roberto e Zanardo (Roberto e Zanardo dico! Mica un insopportabile come me!), ci ha messo ANNI, figuriamoci nei confronti di chi, oltre ad essergli foresto, è anche irriducibilmente avverso per ideali inconciliabili….

    • PinoMamet says:

      Mi’, ho risposto sopra a Peucezio.

      Quanto agli ideali, a me sono l’ultima cosa che interessa di una persona.
      Le persone sono una cosa, gli ideali che professano qualcos’altro, che di solito li descrive poco o per niente, o perlomeno non nel modo in cui credono… i portatori di ideali.
      ;)

    • Roberto says:

      Beh ma per quel che mi riguarda, io sto a 1000 km dalle due torri, scendo in Italia in fine settimana ogni morte di papa e di occasioni di incontro pino ne ha sfruttata una su due, mica male come media…

  55. mirkhond says:

    Ciò che volevo dirti e che io non me la prendo mica, se non hai nessuna intenzione di incontrarmi a…Fidenza (il viaggio e i soldi ovviamente li metterei io).
    Come accennato, uno ha tutto il sacrosanto diritto di non voler conoscere persone che trova sgradevoli.
    Anche se lo sgradevole sono io…. :)
    Non possiamo piacere a tutti, anche se lo volessimo….

    • PinoMamet says:

      So che non mi crederai quindi è tutto inutile, ma io non ti trovo sgradevole.
      Dal vivo poi (telefonicamente) mi sei proprio simpatico.

      Invece in chat a volte mi fai incazzare, principalmente perché… fai di tutto per farmi incazzare. E ancora non so perché.
      Ma non significa mica che ti trovo sgradevole!

  56. mirkhond says:

    Come dice Peucezio, la chat non è il luogo più adatto per far venir fuori ciò che siamo realmente…
    C’è qualcosa di difettoso nella comunicazione telematica….

  57. mirkhond says:

    Per Moi, Habsburgicus e Peucezio:

    https://youtu.be/8TzsccQixbA

  58. habsburgicus says:

    secondo voi, lo storico Traiano patrizio (che avrebbe scritto verso il 720 d.C), purtroppo perduto (ça va sans dire) fu una buona fonte per l’oscurissimo VII secolo d.C ? in altre parole il poco che ci dicono Teofane e Niceforo (che presero da lui..da chi altro possono aver preso) può essere affidabile ?
    oppure, come faceva notare Treadgold, l’affidabilità è solo dagli 680′ in poi (quando si presume abbia avuto ricordi personali) e dunque dobbiamo rassegnarci al fatto che per i due regni di Costante II (641-668) e Costantino IV (668-685) non abbiamo una, dicesi UNA, fonte bizantina contemporanea !..e dobbiamo ricorrere a monete, rare iscrizioni, rarissime fonti latine, all’armeno Ps- Sebeo e alla cronaca armena del 682, al copto Giovanni di Nikiu (giuntoci solo in etiopico, traduzione di una traduzione araba..non oso immaginare cosa sia successo in ‘sti passaggi), cronache siriache (ve ne sarebbe una che andava al 636 d.c, un po’ presto, incorporato in quella che andava al 725 d.C..più quella di Guidi utile per i Sasanidi).. e all’agiografia (fra cui Miracula Sancti Demetri, scritti c.a 683 d.C secondo Treadgold e già Lemerle) ? il possibile continuatore di Giovanni d’Antiochia (che è già lui un nome) parea ndasse al 641 o 644 d.C e scrisse in c.a 645 d.C e sarebbe stata la fonte di Nicefore per 610-641 d.C..ma dopo il 641 NULLA, se non il misterioso Traiano patrizio..e torniamo sempre lì
    o è meglio la sfera di cristallo ? :D

  59. Z. says:

    Cari lettori reazionari,

    state sereni, il complotto gay non vincerà: sarà la Fede a prevalere!

    http://www.repubblica.it/cronaca/2015/06/04/news/a_scuola_per_5_giorni_prega_per_noi_e_non_sarai_piu_gay_-115984586/?ref=HRER3-1

    • PinoMamet says:

      Mmm

      a parte qualunque altra considerazione, che voglio sperare superflua, ma questo passo qua:
      “L’ultimo giorno ci sarebbe la gran chiusura con tanto di santa messa e di battesimo per “suggellare rinnovo e promesse” ”
      non suscita qualche dubbio nei cattolici?

      da quando in qua si rinnova il battesimo?

      • gotcha says:

        io avrei una richiesta: oltre ai gay, si potrebbe fare un gruppo di preghiera per tutti coloro che devono subire la piaga della calvizie androgenetica. mi farebbe comodo non finire spelacchiato come i miei avi. giuro che pregherò con fervore e seguirò i precetti..

        • gotcha says:

          e già che ci siamo, se c’è qualche frate particolarmente disponibile, anche uno femminile per la cellulite, uno per le vittime predilette di ragni e zanzare (d’estate una vera e propria tortura), e se fosse possibile uno per chi ha il setto nasale deviato/storto e fatica a respirare.

          • gotcha says:

            Alla fine mi sembra un modo di fare due soldi senza faticare..

          • daouda says:

            i pelati oltre alla predispozione produco più dht. D’altronde il testosterone può convertirsi in estrogeni anche.

            Il setto nasale basta prendere qualche pugno.

            La cellulite è da aversi contro la moda imperante.

            Mentre ragni e zanzare testimoniano la pazienza.

            Repubblica ovviamente deve scrivere e pubblicizzare come la religione sia ridicola ( RESA RIDICOLA dei propri religiosi stessi, che ormai sono votati al tradimento senza neanche saperlo, buon per loro nel giorno del giudizio ).

            Il tutto chiaramente ridotto a magia, come se la preghiera funzionasse così.
            Ciò non significa che un frogio non sia un deviato. Questo lo si ribadirà sempre.

          • daouda says:

            chiaramente ci sono deviazioni di cui no abbiamo colpa, ma la colpa è nel non farsi aiutare.

          • gotcha says:

            @ daouda
            Clamoroso!
            Siamo quasi d’accordo!! Anch’io credo che repubblica abbia colto la palla al balzo per ridicolizzare. E sono d’accordo che essere religiosi sia ben altra cosa, non riducibile a magia.
            Sull’aiuto anche..
            Ma non capisco cosa non va nell’essere gay.

          • daouda says:

            nell’essere gay nessuna, è fare posture-parole-pensieri da frogi che è il problema , l’atto sessuale ne è la conclamazione.
            Ma se uno è distorto su sto piano e non si comporta da checca, beh, onore a lui.

            D’altronde l’uomo nasce nel peccato, eppure può redimersi. Se fosse uno stigma non ci sarebbe speranza, se si dovesse seguire il proprio istinto, non ci sarebbero le scienze.
            Ergo l’uomo deve cambiare, ed un frogio che riesce ad accettarsi può anche curarsi.
            Sarà difficile.

          • gotcha says:

            per evitare che tu mi dica “sti cazzi” e “non hai capito una merda”, ti dico “ok, hai ragione!”

          • daouda says:

            essere frogi ti ripeto non è un problema. E’ farlo il problema. stop, abbastanza semplice

          • daouda says:

            cosa non va? boh, chiediti cosa non và nell’essere un fornicatore, un ubriacone, un ciccione, un pigrone, un narciso, un indifferente, un tirchio et cetera.
            Tutte cose che non sono criminali secondo la moderna vita.
            In realtà lo sono perché com-portano un disequilibrio cosmico.
            Se uno malato, si faccia aiutare, semplice.

          • gotcha says:

            “un fornicatore, un ubriacone, un ciccione, un pigrone, un narciso, un indifferente, un tirchio et cetera.”

            mi sembra che stai elencando delle caratteristiche umane connaturate dalla notte dei tempi. non penso proprio che queste cose portino ad un disequilibrio cosmico.
            Anzi, il contrario. Se uno vive come gli pare, è difficile che gli venga in mente di scatenare una guerra atomica (quella sì in grado di rompere l’equilibrio). A me la gente integerrima ha sempre fatto una gran paura: tutta la tensione che comprime dentro deve pur sfogarsi da qualche parte.
            La mancanza di piacere, non solo sessuale ma in generale collegato al fare quello che aggrada in un dato momento, ti assicuro è sempre stata fonte di guai. Chi crede troppo in se stesso, nei propri ideali, nei propri sacrifici, è il male: non perché sia peggiore di altri, ma perché non capisce dove e perché deve fermarsi.
            Se uno vuol godersi la vita non sgancerà mai una bomba atomica, ma se uno è convinto di fare il bene sganciandola non resta che “pregare per lui, che diventi un comune lazzarone”.

          • roberto says:

            “Se uno vive come gli pare, è difficile che gli venga in mente di scatenare una guerra atomica (quella sì in grado di rompere l’equilibrio)”

            da scolpire all’entrata di ogni parlamento!
            :-)

          • PinoMamet says:

            Concordo!

          • Mauricius Tarvisii says:

            A me pare che il mondo vada regolarmente a puttane perché la gente è comunemente stronza ed egoista.

          • gotcha says:

            Su riflessioni circa la natura dell’uomo sto letteralmente sprecando la mia vita..
            Comunque sono nato cristiano e purtroppo morirò cristiano, e penso che l’uomo, pur stronzo ed egoista, sia fondamentalmente buono; anzi sono arrivato a concepire l’uomo buono proprio perché stronzo ed egoista. Qualsiasi che si sia occupato di psicologia può comprendere il concetto: i guai cominciano quando l’uomo rinuncia “troppo” al suo egoismo e la sua stronzaggine, sacrificandosi per ideali “superiori”. Ma anche qui rimaniamo in un territorio normale: ad esempio, non credo che ci siano molte persone che si eccitano quando suona la sveglia per andare a lavorare. La follia vera e propria deriva

            1) da una rinuncia al proprio egoismo e stronzaggine che non viene “equilibrata” da sano piacere fine a se stesso.
            2)da una adesione sacrificale alla propria “missione”, che da alla sofferenza un senso ineluttabile. Qui entriamo nel vero e proprio campo minato: ad uno stronzo basta tirargli un pugno, un fanatico bisogna abbatterlo.

            l’adesione sacrificale al supposto ideale porta a delle conseguenze: uno si sveglia e ne combina una più del porco (quindi daouda vorrebbe “aiutare” delle persone dando loro le medicine che le hanno fatte ammalare); se non si sveglia, si trasforma in una tortura per le persone che gli stanno intorno. Se poi è nella stanza dei bottoni, bisogna tenere le dita incrociate..

          • Z. says:

            roberto,

            — Se uno vive come gli pare, è difficile che gli venga in mente di scatenare una guerra atomica (quella sì in grado di rompere l’equilibrio) —

            ORDR!

            Ci sono molti personaggi che, se lasciati vivere nel modo in cui pare a loro, farebbero robe poco meno simpatiche di una guerra atomica.

            La libertà è fare tutto quel che mi pare, il che implica che spesso non sia una cosa utile agli altri. Spesso neppure a noi stessi…

          • Thyrrenus says:

            è la famosa libertà departecipativa Mauricius!

          • Z. says:

            Ecco T., forse ora è chiaro quel che intendevo dire sostenendo che la libertà è spartecipazione!

            La libertà è proprio questo, e proprio per questo va presa a modiche dosi: con molta cautela, e con riguardo alla libertà e alla dignità altrui :)

          • Thyrrenus says:

            gotcha ma dal cristianesimo hai preso solo l’etica del sacrificio? Allora ci credo che la vedi così nera.

          • Thyrrenus says:

            Z. ma allora nelle vecchie canzonette di Gaber c’è codesto e molto di più :)
            La semplice constatazione che la libertà di uno può far male a lui e agli altri è alquanto condivisibile ma banale. Siamo all’ABC del giardino d’infanzia. Vedere la partecipazione come sacrificio in generale o come parziale riduzione della mia libertà d’azione è troppo banal-cristiana. Immergersi in un collettivo perdendoci la propria individualità è il contrario della libertà come partecipazione come la intando io. La partecipazione ha un senso se si accresce la propria individualità, originalità, altrimenti ciò che viene partecipato, messo in comune si svaluta e basta. Ti sciogli nella melassa dello stare bene assieme senza dare niente e seza avere confronti con altri che ti possono far pensare e sentire cose che da solo non hai.

          • Thyrrenus says:

            e scusate i molteplici errori di scrittura

          • gotcha says:

            No non intendevo il cristianesimo, ma l’adesione a qualsiasi idea, potrebbe anche essere una”mission” aziendale.. Anzi, io intendevo dire che da cristiano ho imparato “a non preoccuparmi troppo del domani”.

            Per me il cristianesimo salva: non si puo’ essere unici e irripetibili senza una buona dose di umilta'; altrimenti il peso della nostra unicita’ ci schiaccerebbe, oppure lo adopereremmo per schiacciare gli altri..questo e’ per me il significato di “non avrai altro Dio all’infuori di me. Noi scambiamo una imposizione per una dimostrazione di affetto: per me significa “stai quieto che ci sono io a vegliare su di te.
            Del resto e’ lo stesso significato del lettino del paralitico di Cafarnao: prima, il tizio era cosi’ appesantito dalla sua unicita’ da farsi letteralmente paralizzare e trasformare da essa. Il vero colpo di genio dell’evangelista e’ che racconta che il paralitico viene calato dal tetto del tempio nel centro, cioe’ dove stava Cristo; qui si capisce come egli, pur paralizzato, si sentiva cosi’ pieno di se’ da dover provenire da una posizione di superiorita’ rispetto a chi doveva “sanarlo”. Dopo l’incontro con Dio, si carica la sua unicita’ sulle spalle, e cammina in mezzo alla gente,cioe’ torna ad accettare quel confronto di cui parli tu Thyrrenus.

          • gotcha says:

            Intendevo “trasportare” al posto di “trasformare”.

          • Thyrrenus says:

            Non vivo la mia unicità come un peso, forse perché non la sento come qualcosa che mi inserisce in una graduatoria. Non avrebbe del resto senso: le unicità non sono disponibili gerarchicamente le une rispetto alle altre. Lo si potrebbe fare, e di fatto lo si fa, solo in base a criteri loro esterni. L’egoismo, o l’alta, paurosa, coscienza di se del paralitico di Cafarnao, è anzitutto quel che si accompagna alla solitudine. Direi che è solitudine. Può esser nata per le ragioni più svariate, ma non è una condizione veramente amata da chi la assume, solo rinfacciata al mondo e a se stessi. Per questo l’umiltà e il divino che ti solleva dal tuo fardello di disillusione e solitudine non è che un aiuto ad uscire da una situazione del genere non il ‘fine’. Il ‘fine’, se dovessi pensarne uno, deve avere ancora a che fare con le originalità libere dalla solitudine che si pensa autosufficente e definitiva.

          • gotcha says:

            Siamo d’accordo: esiste una “solitudine in mezzo agli altri”, che infondo è la condizione normale di una persona che abbia una coscienza al di sopra della scemenza (la condizione al di sotto è quella in cui versa la metà delle persone che conosco..), e una “solitudine sopra gli altri”: è lì che si ha bisogno di Dio che ti dica “take it easy!”

          • gotcha says:

            @ thyrrenus

            se ci fai caso, quelli che sentono l’unicità come peso sentono anche l’unicità come categoria da graduatoria.

          • daouda says:

            Connaturate sì, concordo, ma più si è andati avanti , peggio si è diventati. Diciamo poi che la cosa è interdipendente.

            LA tua frase sul vivere come ti pare non ha senso ed inoltre la tua ingenuità è crassa. C’è il come ti pare che prevede la morte, nel suo metro di fare.

            La gente non è mai integerrima per definizione, al massimo lo è una persona, e si è tali IN REALTA’ quando si ha un momento per godersi il sesso, il cibo, l’acool, il fumo, il divertimento, la sguaiatezza, uno spettacolo.
            MA ogni cosa ha il suo tempo. D’altronde si è integerimmi moralmente, lì non si deve mai perdere la barra, ossia sul controllo di emozioni ed evazioni mentali.

            Sul piacere concordo.Anche sul credere in sè stessi : infatti credere negli ideali, nel proprio sforzo, nelle proprie competenze, nei soldi che riesce ad avere e nel prestigio che si accumula, dà guai.

            Ti ripeto però che hai una strana concezione del “godersi la vita”. Prima cosa perché non ci si gode la vita se non si ha una regola generale, e poi settoriale propria al proprio stato, e quindi una regola individuale. L’eccezione conferma la regola perché è già prevista in essa, ossia i momenti in cui l’uomo deve distendersi.
            Secondo, ti ripeto, ma che cazzo ne sai de quello che je piace fare alla gente?
            Neanche chi si vuole godere la vita se la gode davvero perché non sà l’uomo chi è ( proprio per questo si deve seguire una regola che permetta all’uomo di vederSi ), ed ugualmente c’è chi vuole uccidere.
            Dai non parlà per tutti o non credere che quelli sò merde e te no, come se facciano parte di un altro gruppo.

            L’egoismo di cui parli non ha molto senso.
            Innanzitutto come si può essere con sè, se appunto non ci si conosce?
            In secondo luogo cosa rimane dell’uomo?
            In terzo luogo, la massima sul prossimo come te stesso impone di combattere sia l’altruismo che l’egoismo.
            Chi si perde negli ideali , è egoista e altruista nelle due accezioni negative delle parole.

            Ora visto che tu ti credi sveglio, credi che questo sia un discorso per svelare la stupidità dei religiosi individui. Sì lo è, ma per colpa dei religiosi, non della Religione e della Fede.

            L’ascetica stessa IMPONE momenti di piacere / mentali e fisici.
            Il sacrificio consiste nel rendere SACRI sè stessi, verso l’esterno l’opera sacrificale è combattere il male, ma la propria fede non può imposta di conseguenza casca tutto il castello dei comuni ideali che contornano le epoche umane.
            E’ ovvio che tutti combattono il male ergo la critica non può aversi qui, il problema è su cosa sia un male viste le divergenti opinioni.

            Quella delle medicine non la capisco proprio perché mi pare di averti dimostrato che il tuo ragionamento corretto è inapplicabile alla religione.

            Poi su unicità ed universalità dell’individualità umana, mi astengo.

          • daouda says:

            dimostrato no

          • gotcha says:

            non bisogna rendere sacri se stessi.. lo si è già! anche un gay lo è.

            sai cosa porta alla morte? la vita!

            tu vorresti aiutare e sono convinto che hai le tue ragioni e sei onesto.. ma una volta che uno si sforza di migliorare e tra capo e collo gli capita un infarto e dice “embè?”

            insomma, la perla dentro ogni persona non si può toccare, perché rischi di fare del male. questo insegna cristo. se uno si vuol aiutare si aiuta altrimenti cazzi suoi.. amare significa anche lasciare andare, come ha fatto il padre col figliuol prodigo.. gli ha forse chiesto “cos’hai fatto? dove hai speso i soldi? l’ha forse rimproverato? Manco “ravvediti un pochino”, solo “tvb!”

          • daouda says:

            Desculpe, non rendere sacri ma rendere Santi.
            Anche un frogio può essere santo, ma non deve fa il frogio ovviamente.

            Non sò se è la morte che porta alla vita o la vita alla morte, ma quando si arzigogola conviene dire che Dio è il Dio della vita e della morte .

            Non è che quello che capita è sempre benedizione e quel che ci distrugge è sempre disgrazia eh.
            Se cammini sulla via di Dio, e vivi nella merda, Dio evidentemente ti vuole molto bene. Se invece cammini sulla via degli empi, e hai tutte le fortune, beh Dio molto bene non te ne vuole affatto. Ma sono discorsi che necessitano di una corretta visione anche dell’aldilà.

            Sul lasciar andare concordo, io sto solo dicendo che contro il peccato si deve combattere e che è meglio perdere qualsiasi il rispetto o legame con amici, radici, parenti e gruppi piuttosto che giustificare delle infamie.
            Ognuno fà quello che je pare finché non è un criminale.

            tu vorresti aiutare e sono convinto che hai le tue ragioni e sei onesto.. ma una volta che uno si sforza di migliorare e tra capo e collo gli capita un infarto e dice “embè?”

            insomma, la perla dentro ogni persona non si può toccare, perché rischi di fare del male. questo insegna cristo. se uno si vuol aiutare si aiuta altrimenti cazzi suoi.. amare significa anche lasciare andare, come ha fatto il padre col figliuol prodigo.. gli ha forse chiesto “cos’hai fatto? dove hai speso i soldi? l’ha forse rimproverato? Manco “ravvediti un pochino”, solo “tvb!”

      • Mauricius Tarvisii says:

        Ma infatti a partire dai riferimenti veterotestamentari (ma salvo i doverosi riferimenti mariani) è tutto abbastanza evangelico.

      • Francesco says:

        :D

        fake news?

        dopo tutto è su Repubblica, il giornale preferito di Papa Francesco

        ;)

        • Z. says:

          Magari, Francè.

          Questa gente ce l’avete dentro, e dovete accettarlo.

          Ognuno ha le sue :)

          • Francesco says:

            senti, da quando gli anabattisti sono dentro la Chiesa cattolica?

            va bene che nessuno sa più la storia ma non esageriamo!

            ciao

            PS poi una notizia di Repubblica è falsa di default :D

          • Z. says:

            Quindi quei tizi vanno ad una funzione protestante, e non ad una messa cattolica? quei vescovi sono reverendi americani travestiti, tipo?

            trovo più convincente la tesi del gombloddoh giudaico-massonico di Repubblica :D

          • Thyrrenus says:

            Francesco: io contemplerei l’ipotesi di cattolici evangelicalizzati che hanno perso il contatto con la loro stessa storia, figuriamoci con la conoscenza della stessa…

    • Peucezio says:

      Non hanno ancora inventato, invece, un sistema per redimere in difensori di diritti assurdi, quale che sia il loro orientamento sessuale?
      E’ il solito discorso: il nemico non è l’immigrato, è l’italiano che difende l’immigrazione (non le persone degli immigrati, che è tutt’altra cosa: difendere le persone va sempre bene).

      Ci vorrebbe una specie di corso di tot ore, in cui entri progressista, paladino dei diritti umani, della società multirazziale, della laicità dello stato e da cui esci bieco reazionario oscurantista.
      Altro che far diventare eterosessuali i ricchioni, che oltretutto è tutta concorrenza in più!

      • daouda says:

        l’ultima frase , battuta idiota, mentre è ovvio che il rifugiato ha diritti a prescindere, mentre è scontato che l’immigrato in quanto di diversa natione , e peggio, di diverso popolo religioso/politico, può certamente essere un nemico

      • Z. says:

        Peucezio,

        — Non hanno ancora inventato, invece, un sistema per redimere in difensori di diritti assurdi, quale che sia il loro orientamento sessuale?
        E’ il solito discorso: il nemico non è l’immigrato, è l’italiano che difende l’immigrazione —

        Siccome il nemico sono io, tienimi informato: appena organizzano il corso lo vado a fare volentieri!

        Però i soldini ce li metti tu, eh, ché 200 euri è tanta roba :D

        • gotcha says:

          La pericolosita’ dell’immigrato consiste nel suo utilizzo come strumento di ricatto: “non sei contento dello stipendio? Ci sono qui persone disposte a lavorare a meno di quanto prendi tu in questo momento.”

        • gotcha says:

          secondo me se facciamo il corso l’unica reazione possibile è di diventare ancora più infervorati contro i “redentori”. Una reazione simile ai gay che al corso di riparazione trovano l’amore.

          Ma, al di là delle intenzioni e dei giudizi, Dio me ne guardi, non è che siffatti corsi di riparazione abbiano come unico risultato garantito quello di bloccare la maturazione di una persona, sia essa gay, etero, zoppa o sorda?

          • Z. says:

            Azzardo un’alternativa.

            Forse lo scopo è organizzare seminari durante i quali gli omosessuali cristiani conservatori possano incontrarsi, conoscersi e innamorarsi.

            In questo caso, beh, dovremmo riconoscere un’importante funzione a questi eventi.

      • Mauricius Tarvisii says:

        Il corso conta per la formazione professionale continua?

        • Thyrrenus says:

          Meno male che fanno pagare, con questi lumi di luna che so, se promettessero un posto fisso a tutti i gay redenti mi sa che ci sarebbero vagonate di gente a far finta di essere gai.

          • Z. says:

            Io ci andrei subito. Sarebbe divertente!

          • Thyrrenus says:

            Mi sa anche a me che potrebbe essere divertente!

          • habsburgicus says:

            e se vi chiedono una dimostrazione pratica ? :D
            reagireste come il Pozzetto con lo Sceicco e la Fenech ? (Del Prà..)
            mitico :D

            @Moi
            oggi anche un film così sarebbe DOPPIAMENTE IMPOSSIBILE…
            (fra l’altro mentre all’epoca c’era ancora la tradizione pluri-secolare degli Emiri cui piacciono in definitiva gli uomini, oggi i ricchi porno-Sceicchi del Golfo sono i primi al mondo ad apprezzare le bionde !….surclassando di gran lunga gli italiani..potenza dei petrodollari :D a Dubai e Abu Dhabi è pieno di baltiche, ucraine, moldave, livello 10 +….off limits per quasi tutti..quelli meno “importanti”, inclusi turchi e non solo arabi, affollano Moldova, Ucraina, Berlarus dove molti inclusi i turchi possono entrare senza visto e si distinguono per cafonaggine che manco in una commedia dei 70′ :D….finis Italorum :D)

          • Thyrrenus says:

            Mhm a codesta eventualità non avevo pensato … :) no, no, di sicuro non chiederebbero dimostrazioni pratiche…. e sennò FUGA!

    • Thyrrenus says:

      E io che pensavo che uno dei reazionari qui dentro eri proprio te! ;)

  60. Z. says:

    …poi vedo che razza di autori ospita il Fatto Quotidiano e mi vergogno di aver detto che si tratta di un giornali importante, nonostante tutto.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/04/il-morbillo-e-in-aumento-perche-si-vaccina-meno/1744212/

    C’è di buono che nessuno dei commentatori – dicasi nessuno – sembra prendere le sue parti. Come statistica vale circa come quelle di Gava, però almeno mi consola.

  61. MOI says:

    Vi ricordate dell’ accorata epistola di Dijana Pavlovic a nome del Popolo Zingaro all’ attenzione di “Matteo”, nel senso di “Salvini” però ?

    Ebbene, lui l’ha querelata per diffamazione : non accettando parallelismi con Adolf Hitler e della sua nuova Lega con il Nazismo …

    [to be continued]

    • MOI says:

      NON metto alcun link : ognuno si documenti sulle fonti che ritiene più attendibili !

      … Basta cercare in Google Web / Google News Salvini + Pavlovic [già sapete chi è e che Salotti TV sempre più spesso frequenta …] che esce un bel po’ di roba.

    • Z. says:

      Beh, tra Hitler e Salvini ci sono grosse differenze.

      Hitler:

      – ha difeso il proprio Paese in guerra;
      – ha lavorato (seppur malvolentieri);
      – aveva qualche (modesto) talento artistico;
      – diceva meno balle rispetto a Salvini…

      Fossi un parente di Hitler lo citerei in giudizio!

      • gotcha says:

        aggiungerei che a Hitler hanno fatto il culo in pompa magna dopo una decina d’anni. Salvini ci toccherà pagargli la pensione.

      • Mauricius Tarvisii says:

        AH ha difeso un altro paese in guerra :D

        • Z. says:

          Giusto. Ha servito quello che sarebbe diventato il suo paese, ad essere precisi.

          Per la verità qui si nota un’analogia: anche Salvini tenta di passare da padano a italiano :D

      • Francesco says:

        difeso?

        su questo avrei qualche dubbio tecnico, essensocosache la guerra la ha iniziata egliluimedesimo

        e pure con successo, all’inizio

        su Salvini il mio odio mi impedisce di esprimere giudizi più articolati di “vammorìammazzato”, sorry

        • Z. says:

          Parlo della I guerra mondiale, non della II. Nella II mica ha combattuto!

          Anzi, pare che alla vista di un treno di invalidi e mutilati di guerra tedeschi che tornava dal fronte abbia patriotticamente volto lo sguardo altrove…

  62. MOI says:

    @ Z

    Luca Di Tolve è “Quello di Povia”,

    http://www.youtube.com/watch?v=U-1G12wV0c8

    il quale come un Novello Aquinate ;) ha spiegato laicamente le ragioni della Fede, in Stile Toscanaccio Old School :

    http://www.tvblog.it/post/12859/povia-su-rai4-per-fare-figli-non-si-viene-dietro

    quando,cioè, la beceraggine da Vernacoliere era omofobissima ;) anche in forma NON allusiva :) … prima di scoprire, nel Ventunesimo Secolo con Int’ernètte, che a difendere i “Buhi” si fa dispetto a Ivvat’ihano ! :)

    • gotcha says:

      il problema di Povia non è come la pensa (ognuno ha il diritto di esprimere bla bla bla..), ma che fa pena come cantante. E’ giusto menzionarlo nel pantheon dei nomi della “storia della morte della musica italiana”, che termina con Il Volo, la morte appunto.

  63. MOI says:

    Colpo di Teatro ;) :

    http://www.leggo.it/NEWS/ITALIA/luca_di_tolve_gay_preghiera_foto/notizie/1392345.shtml

    IL ‘LUCA ERA GAY’ DI POVIA ORA È ATTIVISTA ETERO.
    IL CANTANTE SMENTISCE SU FB: “NON È LUI” – [sic] -

  64. MOI says:

    http://www.vimeo.com/12393086

    Quello vero, quello “catto-certi-fica-to” ;) … per l’ altro “si bràncola nel buio”
    ;) !

  65. MOI says:

    … Alééé !!! Adesso “Luca” si chiama “Massimiliano” è ha già più di 60 anni ! :)

    http://www.meltybuzz.it/povia-luca-di-tolve-impostore-video-announo-a161671.html

    … Giulia Innocenzi ancora nel “mirino”

    http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/announo-la-denuncia-di-giulia-innocenzi-contro-di-me-insulti-sessisti/202429/201497

    … dopo questa !

    • Z. says:

      Povia a quanto pare ha le stesse idee di metà di voi. Forse ce l’ha coi gay un po’ meno di voi, ecco, ma in sostanza siamo lì :)

  66. MOI says:

    Il “sotto a un tavolo” credo che sia una citazione cinematografica dagli Anni Ottanta …

    https://www.youtube.com/watch?v=gOLDjLCCGiM

    … oggi a Hollywood impensabile !!!

  67. MOI says:

    Comunque NON credoche stasera Giulia Innocenzi chiami Usama e la :) Hind … probabilmente, SE chiamerà qualcuno del Reparto Televisivo Islamico, chiamerà la :) Mawra, la ;) Aya e altri Ggiovani dell’ Associazione Fondazione Mondinsieme di Reggio Emilia : Fans MultiEtnici del Liga !

    • MOI says:

      Barabara Aisha Farina (ma lei-lì sarà davvero “così” o è una cosplayer a gettone televisivo ?!) men che meno …

  68. habsburgicus says:

    ‘sti italiani,,,,,guardate fin dove si spingono (o vorrebbero spingersi)..altro che “peggiori bar” di Caracas :D

    http://www.gnoccatravels.com/viaggiodellagnocca/22690/tumaconuovo-paradiso-della-gnocca

  69. habsburgicus says:

    e questo
    http://www.gnoccatravels.com/viaggiodellagnocca/21169/la-verit%C3%A0-nascota-all039umanit%C3%A0-alle-donne-non-piace-il-sesso

    una scoperta sconvolgente :D tutti hanno congiurato per tenere i “maschietti” (come
    si dice adesso..eh, Moi ?) all’oscuro, lui, novello Prometeo, ha dato al mondo la notizia ! :D

    • Z. says:

      La frequentazione di certi siti, mio caro habs, non ti fa onore :)

      • habsburgicus says:

        io sono veramente aperto, caro Z :D
        mi piace conoscere..nihil humani a me alienum puto, per citare Terentius Afer
        e mi interessano tanto le cronache di Eustazio di Epifania o di Basilio il Cilicio così come questioni ben più basse :D

        • Z. says:

          habs, per favore…

          il sesso non è una questione bassa, né si vede perché dovrebbe esserlo!

          Un sito che si chiama “gnoccatravels”, esattamente come un tizio che si fa chiamare “vulvologo”, qualifica e squalifica chi lo frequenta!

          • habsburgicus says:

            a me pare che “vulvologo” abbiano definito qualche tuo concittadino, eh ? :D

          • Z. says:

            Peggio ancora… un intero club di miei concittadini…

            e c’è chi ha pensato che io ne facessi parte…

            solo per il fatto che qualcuno l’abbia potuto pensare provo ancora vergogna!

            :D

  70. habsburgicus says:

    (dis)avventure erotiche in Dalmazia… il modo per attirare l’italiano è noto :D (adesso è più chiaro perché quel locale in Slovacchia su cui Miguel ci fece un post aveva nome italiano :D)

    http://www.gnoccatravels.com/viaggiodellagnocca/2281/viaggio-gnoccatravel-al-night-club-gentlement-club-di-spalato-attenzione

  71. MOI says:

    Italians today are no longer the skirt-chasing Romeos described in 1950s movies.

    http://en.wikivoyage.org/wiki/Italy

  72. MOI says:

    Stasera, ad AnnoUno, degli Indecostruttibili NON ce n’ erano :(

    • Z. says:

      Sono d’accordo col titolo che leggo nel link:

      Marino: “Dimissioni? Andiamo avanti. Salvini? A casa subito.”

      :D

  73. MOI says:

    Separate developpement”: si trattava pittosto di dire “se ci sono alcuni stati pronti ad un’integrazione maggiore di quella esistente, che lo facciano, gli altri, se vogliono seguiranno”

    ——-

    Era quello che, ispirandovisi, diceva l’ ArciVescovo Giacomo Biffi … con “religioni” al posto di “stati” in riferimento alla secolarizzazione.

    • MOI says:

      Purtroppo il tempo gli ha dato ragione, ma strali e geremiadi ancora non sono finiti …

      • Z. says:

        Veramente diceva che lo Stato dovrebbe accogliere solo gli immigrati cattolici (o quanto meno cristiani), accogliere un po’ meno asiatici e coreani e respingere i cattivissimi musulmani.

        Cui peraltro non andrebbe neppure consentito il diritto di praticare il loro culto, se non di nascosto.

        I fatti gli hanno dato ragione? Nel senso degli strafatti? :D

    • roberto says:

      non mi pare proprio.
      come dice Z,
      biffi = escludi
      doppia velocità = speri di includere

      poi uno può preferire biffi, ci mancherebbe altro, ma dire che sono la stessa cosa è semplicemente sbagliato

  74. MOI says:

    Siamo nel 2015, ma Cappuccioni e Grembiulini ancora ragionano come nel 1789 … e continueranno a farlo autolesionisticamente ancora a lungo, in totale avulsione dalla realtà.

    • Z. says:

      Moi, toglimi una curiosità…

      La loro colpa è solo quella di esistere, come per il PD e Laura Boldrini, oppure ‘sti musulmani ti hanno fatto qualcosa di cattivo per cui non puoi proprio perdonarli?

  75. MOI says:

    Ergo Kohl e Biffi o erano “Boeri” entrambi o non lo era alcuno dei due … Tertium NON datur.

  76. Z. says:

    Finalmente un articolo che condivido:

    – sottolinea un gran pregio dell’Italicum (permette a tutti di governare, incluso Grillo);
    – cita il caso dell’Umbria, che a mio avviso è più significativo della sconfitta di AM in Veneto;
    – liquida il piagnisteo sugli astenuti.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/03/regionali-2015-perche-non-dobbiamo-interessarci-dellastensione-ma-di-civati-si/1740096/

    La cosa che condivido meno, come immaginerete, è il titolo!

    Z.

  77. MOI says:

    Questi stanno ancora alla caricatura “Allah u AkUAAR” … provaci te, Habs.

    … O sei barricato nell’ “In Fàiga We Trust” come gli Ebrei di Masada ?

  78. MOI says:

    @ HABS

    SE organizzassero anche il Festival della Fàiga MultiEtnica, l’ Italia sarebbe senz’altro meno xenofobica … ma si sa: i Governi sono sempre espressione sincera, democratica e altamente rappresentativa dei Popoli ! … Und Ràighen ;) !

  79. Z. says:

    E le donne? e i gay?

    Sei un grillino maschilista und machista :D

  80. mirkhond says:

    “oggi i ricchi porno-Sceicchi del Golfo sono i primi al mondo ad apprezzare le bionde !”

    E’ un enorme progresso.
    E poi dicono che l’Islam di oggi è peggio di quello “tradizionale”.
    Se tradizione vuol dire essere froci……

  81. mirkhond says:

    “e c’è chi ha pensato che io ne facessi parte…

    solo per il fatto che qualcuno l’abbia potuto pensare provo ancora vergogna!”

    Non ti sapevo così austero….. :)

  82. mirkhond says:

    “La mancanza di piacere, non solo sessuale ma in generale collegato al fare quello che aggrada in un dato momento, ti assicuro è sempre stata fonte di guai.”

    Hai messo il dito nella piaga.
    Ma ciò dimostra che l’uomo non è affatto fondamentalmente buono, come pensi.
    Pensa se chi ci piace, corrispondesse i nostri sentimenti, quanti problemi si risolverebbero.
    Invece come ti piace una donna, scopri sempre che un altro ci è arrivato prima di te….

    • gotcha says:

      A volte le persone sono cosi’ distratte dallo stress che manco lo sanno piu’ chi amano veramente.. Senza la repressione non ci sarebbe la pornografia, non so se ho reso l’idea. Io penso che siamo buoni, ma facciamo una gran fatica a ricordarcelo. Non e’ un caso che Dante abbia usato la metafora del vento: non e’ dovuto al piacere, ma alla confusione nella quale siamo sbalestrati.

  83. PinoMamet says:

    Punto uno, serio:

    io diffido dagli idealisti. Gente che ha la ricetta per vivere bene (se… vacci a credere) e vuole a tutti i costi che tu la segua.
    Certo fanno danni anche gli stronzi e gli egoisti, ma quelli almeno, di solito, li riconosci.
    Ma, vogliamo parlare della quantità di danni che può fare un singolo beneintenzionato?

    Punto due, semiserio:

    ma, cosa vi hanno fatto i froci?
    Abitate di fianco al Cassero? Non trovate parcheggio a Marina di Torre del Lago? Vi hanno fatto un abbonamento a Babilonia a vostra insaputa?
    No, vero?
    E allora??

    • PinoMamet says:

      Leggo su Wiki che Babilonia ha chiuso nel 2009, quindi escluderei l’ipotesi dell’abbonamento ;)

    • mirkhond says:

      ??????????????

    • Thyrrenus says:

      Punto uno: diffidare di chi ha una ricetta universale è OBBLIGATORIO (lo so che è un tipico esempio di affermazione/negazione ricorsiva ma insomma ;) ),
      io diffiderei però anche di chi, sulla base della constatazione che avere delle idee può essere pericoloso evita di averne. Visto che il cervello è pericoloso stacchiamolo…

      Punto due: boh? concordo sul chiedere agli altri cosa hanno fatto loro frogi musulmani la Boldrini ecc. personalmente non appartengo a nessuna di queste categorie ma la non appartenenza non mi pare comporti il doversi rompere i maroni perché costoro esistono.

    • gotcha says:

      Pino, io a volte mi trovo a pensare al paradosso del volontariato: mi sembra che certe persone desiderino tanto fare del bene da sperare che ci sia qualcuno che ne abbia bisogno. Pero’, se ci mettiamo nei panni di chi ha bisogno, in molti ambiti (tipo la poverta’ strutturale) sarebbe molto piu’ dignitosa una societa’ in grado di rendere autonomi, piuttosto che bisognosi. Cioe’ e’ inutile affamare per poi dannarsi ad eliminare la fame.

      • mirkhond says:

        Hai ragione.
        Ma anche in ciò, appare chiara la NON bontà congenita della maggioranza degli uomini….
        Tra le fami, c’è quella di amore, che è una delle più difficili da saziare.

    • Francesco says:

      senza idealisti il mondo è un inferno, in mano esattamente agli egoisti e agli stronzi

      a volte rompono un pò, spesso hanno pure ragione

      quando vanno a male, diventano dei fanatici ma NON è il caso di identificare i primi con i secondi

      sui froci, non ho lamentele da sporgere, anzi Take me to church è una gran bella canzone. ciò detto, il matrimonio è una certa cosa eterosessuale e con ottimi motivi

      ciao

      • gotcha says:

        gli stronzi fanno danni limitati, gli idealisti seminano catastrofi.

        • PinoMamet says:

          Concordo con Gotcha!

        • Mauricius Tarvisii says:

          Infatti i politici che arrestano a mazzi sono tutti idealisti inguaribili. Ah, giusto, ma i problemi sono altri!

          • gotcha says:

            mauricius, ho detto che gli stronzi fanno danni! ma la mia vita psicologica non ne risente.. al limite scoppia la guerra civile, da un punto di vista storico è normale. ma per distruggere la personalità (e questa è una catastrofe), ci vogliono falsi miti, idee sballate, rapporti ambigui, tutte cose che germinano nell’idealismo e che vengono spesso curate da sano egoismo..
            di solito poi gli idealisti sono assetati di potere, perché da un piedistallo si possono divulgare meglio le “idee”..
            Non è corretto distinguere idealismo da fanatismo perché le due cose corrispondono a certi schemi mentali tipici.

            ps: non ce l’ho con le idee, anzi. ma prima viene quello che una persona “sente” attraverso il suo corpo; le idee servono per elaborare quello.

          • PinoMamet says:

            I politici che arrestano a mazzi non sono idealisti, ma che fanno? Rubano.

            Gli idealisti hanno compiuto le più peggiori stragi…
            c’è una certa differenza.

          • Thyrrenus says:

            Boh, scusate ma gli egoisti ladri che esportavano derrate fuori dall’Irlanda al tempo della Grande Fame che portò strage sull’isola non erano idealisti. Quelli che distrussero, indirettamente certo, l’Africa grazie alla tratta degli schiavi non erano idealisti. Quelli che trasformarono le economie che nella storia erano state le più ricche del pianeta, India e Cina, in posti in cui si è morti di fame sino a ieri l’altro non erano idealisti. Quelli che trasformarono il Congo in un inferno a fine ottocento non erano idealisti. Quelli che fecero due guerre alla Cina per aprire i porti della suddetta al libero traffico di stupefacenti che distrusse parte della popolazione non erano idealisti. Quelli che fomentano le guerre africane con due fuciletti in cambio di diamanti, colta e così via, non sono idealisti. Quelli che attualmente sono i burattinai dei governi di Uganda e Ruanda e che profittano delle continue stragi nel vicino Zaire non sono idealisti. Potrei continuare. In confronto Hitler e Stalin (che non annovero tra gli idealisti) sono decisamente dei cattivelli di second’ordine.
            Poi ci sono quelli che non sono idealisti né egoisti ma solo obbedienti. Anche costoro hanno fatto più danni, guerre di religione comprese, di tutti gli idealismi che conosco.

          • Thyrrenus says:

            Ah sta foga di scrivere: tra i vari errori ‘colta’ per ‘coltan’

          • Thyrrenus says:

            Diamine mi sono accorto di aver dimenticato completamente un intero continente! Già perché Cortez, Pizarro, i padroni di Potosì, coloro che hanno massacrato in vari e fantasiosi modi (p.es. regalando coperte dove erano morti dei vaiolosi) la quasi totalità della popolazione originale delle Americhe erano tutti degli idealisti!!! Certo c’erano anche due ladroncelli che se approfittavano e rubavano solo qualcosa a latere di codesti grandi movimenti dell’idealismo umano!

          • gotcha says:

            forse idealista come termine è un po’ vago, e suona bene. diciamo “chiunque abbia il cervello pervertito da idee strane”: in questa definizione rientrano tutti quelli da te menzionati, compresi gli obbedienti.

          • gotcha says:

            ad esempio l’idea che il potere e la gloria e i soldi valgano a porre l’unicità su una scala gerarchica!
            Insomma, Hitler e Stalin erano idealisti in quel modo lì, mica Ugo Foscolo..

          • gotcha says:

            Thyrrenus, immagina di avere ai tuoi piedi un tizio che si para la faccia con le mani, ti prega di lasciarlo vivere, piange, perde sangue, e tu continui a picchiarlo fino ad ucciderlo: i casi sono due, o sei un degenerato raro, oppure in te deve essersi impiantata qualche “idea sballata”. Dico “degenerato raro”, perché per me una persona salutarmente egoista (e intendo con ciò sciegliersi un lavoro che non fa schifo, una compagna/o che corrisponde ad una scelta, e un paio d’ore di tempo libero) non picchia uno che è per terra. E lo dico perché non mi è mai capitato di vederlo, anzi, ho sempre avuto delle conferme positive, tutto sommato.

          • Thyrrenus says:

            Una definizione larga di idealismo dunque. E i semplici ladri e razziatori di cui ho elencato alcune gesta vi sarebbero da inscrivere. Insomma anche i ladri sarebbero idealisti a modo loro. Io invece insisto: i ladri e solo i ladri sono stati i maggiori assassini da quando c’è memoria storica. E il ladrocinio si è sviluppato e si è sempre messo in ghingheri ma non è certo diventato altro.
            Leopoldo II re del Belgio e del Libero Stato del Congo (gli eufemismi non sono un’invenzione degli ammerregani) era un ladro, per questo fu un assassino su scala industriale, capo di una banda di ladri internazionale che, per questo, fu una delle più efferate bande di assassini della storia. Per estrarre ricchezza e non idee furono uccise almeno 10 milioni di persone in pochi anni e sviluppatissima fu l’arte di tagliare braccia e quant’altro per stimolare la voglia di lavorare (un uso che fa venire in mente qualcosa che capita in zone d’Africa ancor oggi?). Tutto per accumulare ricchezza. Punto.

          • Thyrrenus says:

            io non riuscirei a colpire fino ad uccidere qualcuno come dici tu.
            Certo se quel tizio avesse ucciso la mia famiglia, tagliato le braccia ai bambini del mio villaggio per indurre tutti a lavorare per lui… boh forse lo farei con gusto e chiamami pure degenerato…

          • gotcha says:

            la ricchezza è un’idea, e l’accumulo di ricchezze è un accumulo di idee.

          • gotcha says:

            thyrrenus, io penso sinceramente che non ci riusciresti..

          • Thyrrenus says:

            Ma allora l’idealista assoluto sei proprio te!

          • gotcha says:

            Se compri un panino di MacDonald e lo lasci li’ un anno, si conserva quasi perfettamente. Le cose si deteriorano. Cos’e’ questo bisogno di conservare la “purezza” se non un tentativo di conservare la “idea” che dobbiamo farci di un marchio? Adesso vanno di moda gli store a tema, che devono non solo vendere, ma procurare una adesione ideologica al marchio. Ti ricordi le bellissime pubblicita’ della Levi’s della figlia del farmacista, o dello spogliarello col negro cieco? Stiamo parlando dei predatori del terzo mondo! Quale altro modo se non creare delle costellazioni semantiche che giustifichino ai nostri occhi le ingiustizie? Col nostro paio di 501 noi ci immaginiamo di vivere in in mondo surreale, e intanto questi sfruttano gli operai in culo al mondo. Ma l’idealismo serve innanzitutto al marchio, giustifica la sua condotta, e poi consola noi poveri fessacchiotti!

          • Thyrrenus says:

            Sulle pubblicità e i modi escogitati per sfruttare i buoni sentimenti siami ovviamente d’accordo! Il tema però era chi o cosa avesse nociuto, provocato morte e dolore in massimo grado, se i vari ladri e profittatori o gente innamorata di idee più o meno balzane per i più. Su questo non c’è da aggiungere purtroppo altro se non che tutto, anche i buoni sentimenti, anche il nostro sano piccolo egoismo quotidiano, viene messo al servizio del guadagno per il guadagno. Non ‘è nessuna idea, neppure balzana dietro, perché a stento puoi ritrovare uno straccio di anima in chi è perso nel processo di acumulo per l’accumulo. L’anima non ce l’ha infatti più chi va così accumulando ma l’assume quel meccanismo che vuole solo nutrire se stesso. Ed il radicale libero da cui si sviluppa questo cancro è la pretesa innocuità, la pretesa neutralità del singolo piccolo egoista come immaginato dalla filosofia utilitarista inglese già secoli fa.

          • gotcha says:

            Minchia thyrrenus, stiamo trattando temi su cui potremmo discutere fino alla vecchiaia. Io non sono tanto sicuro che la filosofia utilitarista sia “proto-capitalista”.. Non penso che locke e smith avessero in mente monopoli in mano a bande a delinquere. Insomma se io progetto una trebbiatrice e poi viene usata per trebbiare i bambini non e’ mica colpa mia! Pero’ credo che Hegel obietterebbe che se una trebbiatrice riesce a trebbiare i bambini allora la responsabilita’ e’ mia. Forse qui hai ragione tu! Ma ti rendi conto di quanta responsabilita’ abbiamo?

          • Thyrrenus says:

            Già, lo so che ci sarebbe da discutere. O meglio da approfondire perché non mi sembra che siamo poi su posizioni troppo distanti.
            Per me è essenziale comunque ricordare che nessuno cade semplicemente da un pero. Pensare agli esseri umani in un modo o in un altro, cambiare paradigma umano, fa la differenza. Trovo interessante che il paradigma utilitarista degli angli e dei loro simili e accoliti (ovvero noi, oggi) sarebbe stato considerato pura pazzia e disumanità da culture così diverse come quella espressa da certa fondamentale filosofia greca, dalle culture dei Lakota nordamericani ma anche da un paio di miei vecchi zii contadini che sanno molto meglio cosa sia il “buon senso”.

          • gotcha says:

            C’e’ una cosa che non sopporto: la neutralita’ semi-analfabeta di molti giovani: minchia, nell’ pieno delle energie, degli ormoni, del tempo libero, della “volonta’ di sapere”, non riesci proprio manco a farli cadere dal pero..

          • Thyrrenus says:

            gotcha: ma dai non ti credevo così ‘anziano’ da iniziare a recriminare già sui ‘giovani’ :)
            comunque cos’altro puoi fare se non evitare di spegnere il cervello e di cercare di usarlo magari assieme a chi a sua volta non vuole friggerselo?

          • gotcha says:

            Noooo, sono appena entrato nell’eta’ adulta. Ma e’ per quello che il rammarico e’ ancora peggiore: dico “se non ci pensiamo noi ci deve pensare mia nonna in carriola?”
            Non spegnere il cervello e’ gia’ una gran cosa..

  84. mirkhond says:

    “io diffido dagli idealisti. Gente che ha la ricetta per vivere bene (se… vacci a credere) e vuole a tutti i costi che tu la segua.
    Certo fanno danni anche gli stronzi e gli egoisti, ma quelli almeno, di solito, li riconosci.
    Ma, vogliamo parlare della quantità di danni che può fare un singolo beneintenzionato?”

    Perché allora hai abbracciato una delle religioni più regolamentate fino alla follia?

  85. mirkhond says:

    Che ti sei convertito a fare allora?
    E’ come chi si sposa con il pensiero di tradire il coniuge….
    Non ha senso….

  86. mirkhond says:

    “A volte le persone sono cosi’ distratte dallo stress che manco lo sanno piu’ chi amano veramente…”

    Inquietante!
    Altro che bontà umana!

    • Francesco says:

      ehm, la bontà umana è una menzogna del Diavolo, entrata nel pensiero comune con l’Illuminismo

      di suo, l’uomo è abbastanza stronzo e molto deludente, come la Bibbia ha insegnato per secoli e secoli ma ci si può lavorare, senza farsi troppe illusioni

      ciao

  87. MOI says:

    @ GOTCHA

    C’è, circa il gran successo in Italia della Rivoluzione Sessuale, una parola un po’ complicata da scrivere ma assai istruttiva : “Hohenthurn” … z’àircla mò in Gùgol ! ; -)

    @ Z

    Certo che anche quel gran bazurlone d’un sagrestano, o chi per lui, ed la scola di prit : nella Mecca del FanKazzesimo in Cosplay …. usare “normali” in quel senso !

    Però quando ho letto “normali” [virgolette nel testo originale, NdR], credevo che fosse inteso come “Etero” … ma, in effetti, se così fosse stato, il putiferio sarebbe stato ben maggiore : da prima pagina e servizio d’ apertura su tutti i media mainstream con l’ aggravante (!) di essere accaduto a Bologna.

    @ HABS

    Forse siamo noi a essere Vulcaniani, con tutta ‘sta eccessiva logica della coerenza intrinseca …

    • gotcha says:

      il trombodomo!! che tristezza. l’unica volta che sono andato in un night avevo un dente marcio, e continuavo a mettermi la lingua nel dente, era come un tic, perché ci si era formato un buco dentro e cercavo di capire con la lingua la gravità della carie. una spogliarellista l’ha notato, ma pensava che fossi infoiato e mi ha detto di calmarmi.. Ma vaffanculo!

      • gotcha says:

        ma io vorrei invitare “jackdaniel” e “trombaster” ad una discussione: come fate a provare piacere e “mascolinità” se la donna con cui condividete suddetto piacere costa 500 euri?

    • Mauricius Tarvisii says:

      Se vuoi c’è (o c’era, non ho controllato se c’è ancora) il feigaplane: volo diretto da Treviso alla Romania…

  88. MOI says:

    Feiga+Skifahren :

    http://www.messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2014/01/15/news/sci-a-tarvisio-e-luci-rosse-in-carinzia-foto-1.8472195

    Austria: pacchetti turistici su misura per Italiani, da 300 euro che propongono due ingressi nei bordelli e il trasferimento sciistico in Valcanale.

    • Thyrrenus says:

      ma dove sono emigrate le donne venete?

      • habsburgicus says:

        mah, probabilmente quelle belle e/o passabili “se la tirano” e “fanno le preziose” :D tranne con particolari categorie di persone, minoritiarie però (calciatori, gente dello spettacolo, politici in grado di dare lavori alla Regione o in qualche ente semipubblico” alla facciaccia degli italici che li devono pure, e lautamente, mantenere :D)
        r quelle non belle (in modo inelegante “racchie”) evidentemente non interessano !

        • Thyrrenus says:

          A quel che mi ricordo però in Veneto di belle, belline e bellocie ce n’era eccome. E nemmeno tsundere come le fiorentine.

        • Thyrrenus says:

          credo piuttosto che come i maschi anche le femmine italiche siano esterofile, si crede di sapere a memoria come sono le nostre donne e loro credono di sapere a memoria come siamo noi uomini italici…
          meno male che questa è una legge che si applica anche in Germania :)

        • Thyrrenus says:

          Comunque dai Habsb, le donne non sono, in genere, stupide e ‘tirarsela’ è il minimo per sopravvivere da noi. Hai presente come siamo messi dopo che sant’Agostino e compagni c’han fatto le loro paternali? Senza parlare dei tuoi amati repubblicani romani ;) roba finita oramai nell’istinto …

  89. habsburgicus says:

    @Francesco

    giusto, è che in prospettiva la Prima sbiadisce rispetto alla Seconda

    hai ragione..ed è forse inevitabile..ma non è corretto…perché la I GM è stata ben più importante della II GM, storicamente…tutto deriva da lì…e Miguel, quando aveva tempo da dedicarci, l’ha anche scritto dimostrando di averlo capito da molto tempo…

    • gotcha says:

      Si puo’ quasi parlare di una guerra unica; uno “stato di guerra” che non e’ terminato ancora adesso. Purtroppo le ideologie non sono cadute insieme al muro, anzi. Finche’ non capiremo che il potere, il denaro e l’energia sono al servizio dell’uomo e non viceversa continueremo a “sopravvivere”.

  90. gotcha says:

    Saviano ieri sera ospite ad “amici”, definito da repubblica il “talent che realizza i sogni”. Un po’ come la piscina di Betesda. Saviano non si aspettava che parlare di libri in quel posto potesse portargli applausi Infiniti. “Lasciarsi travolgere dal pregiudizio rende mediocre la tua vita, avvelena la realta'”. Quasi quasi sabato prossimo vado ad amici a leggere estratti del “buon soldato sc’veik” di jaroslav hasek, che dite? Tra l’altro leggo malissimo, mi emoziono e mi mangio la parole..

  91. Dif says:

    @Z (che mi pare sia gobbo anche lui)

    Pronto per stasera? :)

  92. habsburgicus says:

    Mentre il 99, 99 % vede la Juve (che, da quanto si annuncia, temo finirà male :D) vi propongo un gioco….
    Nell’ipotesi di potere usare solo una fonte per volta (un po’ come facevano certi compilatori/cronisti) quale ritenete sia la migliore scelta per la Storia bizantina ?…avanti..comincio io, come mi pare giusto, avendolo proposto :D (L sta per latino)
    Io proporrei
    1.Zosimo, 324-353 (inizia da Augusto e finisce in 410 d.C)
    2.Ammiano Marcellino, 353-378
    3.Orosio, 378-395, L (inizia dalla fondazione di Roma e arriva al 417 d.C)
    4.Marcellinus Comes, 395-527, L (inizia prima e la sua continuazione finisce dopo)
    5.Procopio, 527-c.a 552
    6.Agazia Scolastico, 552-558
    7.Mario di Avenches, 558-582, L (inizia credo nel 379 e finisce nel 584)
    8.Teofilato Simocatta, 582-602
    9.Chroinicon Paschale, 602-628 (inizia ab origine)
    10.Teofane, 628-813 (inizia già in 284 d.C)
    11.Giorgio il Monaco, 813-842 inizia ab origine
    12.Simeone il Logoteta (2° versione), 842-959 inizia dalla Creazione e finisce in 963
    13.Leone Diacono, 959-976
    14.Scylitzes, 976-1034 (inizia in 813 e finisce in 1057, con la continuazione che secondo treadgold è sua, fino al 1079)
    15.Michele Attaliate, 1034-1079
    16.Zonara, 1079-1081
    17.Anna Comnena, 1081-1118 (tratta pure 1069/1071-1081)
    18.Giovanni Cinnamo, 1118-1176
    19.Niceta Coniate, 1176-1206 (inizia già in 1118)
    20.Giorgio Acropolita, 1206-1261 (inizia già in 1203)
    21.Giorgio Pachimere, 1261-1308 (inizia già in 1255)
    22.Niceforo Gregora, 1308-1359 (inizia in 1204)
    23.Ducas, 1359-1453 (inizia in 1341 e finisce in 1462)
    dunque 23 fonti, dalla fondazione (324 d.C) alla conquista (1453 d.C)

    adesso tocca a a voi..poi se piace, potremmo fare lo stesso giochetto anche per Roma, l’Impero ottomano, la Storia iranica ecc ecc

    • habsburgicus says:

      Dite che un ipotetico monaco dell’Athos, usando questa selezione, more antiquo, ci darebbe una discreta Storia bizantina ? :D

    • PinoMamet says:

      Un ipotetico monaco dell’Athos sicuramente, io posso solo dire che Procopio non mi sembra il massimo dell’imparzialità, e che Agazia lo conosco più come poeta…

    • Thyrrenus says:

      Valgono anche le fonti che non potrei leggere direttamente come la Cronica di Edessa del misterioso Pseudo Dionysos di Tell Mahre in siriaco? A quel che ne so racconta abbastanza bene i primi due secoli di dominazione musulmana e le vicissitudini dei cristiani ridotti alla dhimmitudine. E roba come l’Historia ecclesiastica di Eusebio di Cesarea o di Socrate Scolastico valgono come fonti? Mhhm. No, che bischero tu vuoi un solo autore per ciascun periodo storico… ohé mi dovrei prendere un paio di giorni sabbatici per pensarci su… mi sa che getto la spugna :)

      • habsburgicus says:

        si vale, ci mancherebbe (però indica S=siriaco e se del caso A=arabo ecc solo greco non è da indicare)
        l’unica condizione è che sia solo una per ogni lasso di tempo :D (il che come è noto è antistorico..testis unus testis nullus..ma il “gioco” è appunto riprodurre il modus operandi del tipico monaco..uno però che scelga il meglio disponibile, per ogni epoca..chessò, scegliere Gioele dal 324 al 1204 è una scelta facile e apparentemente comoda..ma pessima :D)
        attendiamo con grande curiosità la tua lista !
        (o forse, visto l’interesse suscitato, meglio passare al singolare “attendo” :D)
        ciao !

  93. habsburgicus says:

    pure Ammiano è L, come noto

  94. mirkhond says:

    Tutte queste fonti sono importanti.
    Anche le più bislacche.
    Sta allo storico, selezionarle e possibilmente confrontarle con quelle coeve e/o successive non romane, armene, siriache, ibere, copte, arabe, franche….

  95. habsburgicus says:

    @Daouda
    Il comunismo è lotta per il potere e solo e sempre questo è stato. La corrosione dell’uomo passa spesso per paesi detti anticomunisti, l’opera di distrazione si serve alle volte di finte contrapposizioni come solidarnosh, mafie o quant’altro. Oggi in Russia si crede che ci sia un vitalismo religioso per dire, non cosa diversa dall’opera staliniana di vecchia memoria, e difatti tra retrogradi fascistoidi e lassisti progressisti và per la maggiore il rossobrunismo.

    se hai letto quanto ho scritto in passato, sulla Russia, non la pensiamo poi diversamente..e sul comunismo la pensiamo quasi egiale (da sempre dico che è solo potere..l’ideologia non conta)
    anche sulla visione edulcorata, e piena di wishful thinking, della Russia odierna, con me sfondi una porta aperta..
    con una precisazione, però
    con tutto il mio scetticismo, continuo a ritenere che un Putin è infinitamente meglio di quello che abbiamo noi :D e che la Russia è più sana dell’Occidente ! (e non solo perché le donne sono in genere più belle..il che si applica anche a terre oggi non più russe)
    così, come dato di fatto..non perché veda in Putin un ipotetico “cavaliere senza macchia e senza paura” contro l’Occidente, che non è né potrebbe essere !

    • daouda says:

      Asbrgico tu vedi la vita degli alri, come me. Si parla e parla. Dovremmo vedere perché noi Renzi e loro Putin. Berlu-ska era sotto ma era sopra, nel senso che sulla scacchiera il menestrello è superiore al re.
      Io mi preoccuperei di coloro che rendono fattuale l’avere il re ed il menestrello, due epigoni di una frastagliata mandria.Perché siamo una mandria.
      Dio ama i peccatori che si convertono, non quelli che continuano a peccare nel giudizio di non aver peccato. Fosse così facile i pensieri non costituirebbero peccato mortale. Solo che nl mio scetticismo vedo l’Italia sempre come avanposto e retroguardia, e diffido di chi difende l’apparenza cambiando le specie, per così dire.
      Saremmo tutti farisei talmudisti altrimenti, non tanto per i fatti di allora, dove calcolavano la menta, ma per i fatti di oggi, dove si dicono tali, bravi e belli, rispetto al resto , e sti cazzi se lo amo o lo corrompo, la mia superiorità è uguale. Eletto.
      Ebbene la mia elezione è Lui che viene da me. Di conseguenza un caso come quello russo assume un diverso gioco. Ed il gioco è il fatto che scrivere è gia le nostre sconfitte al sistema, e se questo vince noi siamo servi, ma se siamo servi non si può non esserlo, a meno che non si faccia finta di perdere, io credo in questa religione!
      Il mio Dio è vivo con quel che vivo, da morto non Gli servo, più d quel che vivo Lui vive in me, e pur se , sarà sempre per il giusto.
      Non credo che perderò tempo con l’analisi dell’ipotesi che ogni cosa può dare, lo faccio da vivo, non sulla finzione, perché sappiamo bene che se anche stiamo in un luogo la nostra presenza è sempre irrafrontabile e dunque FALSA, nel caso si parli.
      Eh beh.
      Non me ne frega un cazzo ma io dico che gli slavi sono i germani dell’oriente.
      E dico pure che le mansioni sono diverse e me ne sbatto, perché alle volte il peggio suscita miglior risposta.
      Il controllo sociale interno aumenta, le guerre diminuiscono. C’è più guerra tra dirimpettai che tra nazioni, rompono le leghe, creano le congreghe.
      Se non ricevo il sacramento, che ci faccio con le telecamere sull’auto per aiutare i passanti?
      Sono buono? AH BEH caro asburgico…se pure fosse la natura ad agire, e plauso al dovuto ( giaché non si fà che quel che si doveva per quel che si è ) noi tutti rendiamo, Dio dov’è?
      Gli ebrei hanno dato a Roma l’Eredità, i romani agli ebrei di dura cervice la Fede.

  96. habsburgicus says:

    a proposito di Dionysius di Tell Mahre (Patr giac 818-845)….
    proprio in questi leggi leggevo che, nell’originale, conteneva l’importante cronaca di Theophilus di Edessa (2° metà VIII secolo, Treadgold dice addirittura c.a 750) che venne tradotta in greco da Giorgio Sincello qualche decennio dopo (purtroppo perduta) ma parti sono incorporate nell’opera cronografica generalmente attribuita a Theophanes ma che molti pensano dovuta in essenza al Sincello (nato pare in terre ex-bizantine ed allora arabe)..
    purtroppo, come dicevi, il Dionysius di Tell Mahre che abbiano non è quello autentico e dunque dobbiamo dipendere per ricostruirlo dal più tardo Michele il Siro (Patr giac 1166-1199) e dalla Cronaca araba di Agapio di Manbij (X secolo d.C)
    poi c’ è appunto il citato Pseudo-Dionysius…e onestamente, pare che ben pochi finora ci abbiano visto chiaro :D

  97. MOI says:

    Pare che quel video finale fosse falso, ma altrettanto pare che le romnì in oggetto abbiano accettato per 20 € (contrattati fino a 40) di dire le peggiori cose su sé stesse ai giornalisti … Ma fra complottismi e contro-complottismi è possibile tutto e nulla è verificabile.

    • MOI says:

      Sì insomma, NON sarebbero attrici Italiane che “noi brave fai la parlare con acento di Rom” … e infatti la polemica si è spostata su quanto sia facile per il giornalismo far dire ai Rom tutto e il suo contrario (cioè “ci volere integrare / NON volere integrare !” ; “Io no rubare / sì rubare” ; “io vai strada chiedi lemosina / io vai strada fai bochino”; ecc …) : 40 neuri a testa max. all-inclusive !

      • MOI says:

        Comunque NON escludo affatto che ci siano Ordini Superiori di qualche Cupola Zigagna (tipo il Commensale del Polettone) invischiata in Mafia Capitale che obbligano (!) gli Zingari a generalizzare o perfino inventarsi il peggio su sé stessi … in fondo, conviene a Dx :

        “Avete visto che brutta gente gli Zingari ?! … 10, 100, 1000 Joe Formaggio ! 10, 100, 1000 Albettone !”

        e conviene a Sx:

        “Avete visto, poverini, come si sono ridotti ?! Ci vogliono più Fondi per l’ Integrazione nei Villaggi della Solidarietà ! … E poi, come all’ Expo (Vetrina del Potere PD in Italia) , “nutrire la Ka$ta !” …

    • MOI says:

      @ ROBERTO

      IL LUSSEMBURGO NON ACCETTA ZINGARI

      http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&task=view&id=63470

      Confermi ?

      • roberto says:

        non mi esprimo finché non mi spieghi dettagliatamente tutti i passaggi logici che da una disposizione che stabilisce che bulgari rumeni devono avere un permesso di lavoro per accedere al mercato del lavoro lussemburghese portano alla conclusione “il lussemburgo non accetta zingari”

  98. MOI says:

    @ Z

    Della questione “Romnì a Gettone” se n’era occupato GianLuigi Paragone dopo le perplessità di Dijana Pavlovic, ma tu sei prevenuto e fazioso perché NON guardi “La Gabbia” !

    • Z. says:

      Ovvio, chi non guarda la propaganda-rutto de La Padania Quotidiana è “prevenuto e fazioso”. Chi ti dà ragione è invece logico e obiettivo.

      CVD

      :-D

  99. MOI says:

    @ Z & ROBERTO

    Se su Biffi siete ancora autofossilizzati agli Anni Novanta, temo abbia ragione Habs : Immuni alla Logica [cit.] … perfettamente in linea con una Massoneria che NON si è accorta dei cambiamenti socioculturali in Europa dal 1789 al 2015, perciò nessuno ve ne fa una colpa !

    • gotcha says:

      Bè, sul perdono aveva ragione lui: da un punto di vista dialettico, invece che chiedere perdono a Giordano Bruno, avrebbero dovuto chiederlo ai gay!

    • Z. says:

      Io davo per scontato che parlasso di quelle rilasciate in quell’occasione. Tu invece a quali dichiarazioni di Biffi ti riferivi?

  100. daouda says:

    Sgrivo proprio na merda :)

  101. MOI says:

    @ HABS

    Cosane pensava Martin Luther King dei Matrimoni “Same Sex” (non so perché, ma la NeoSinistra dice “séimsèchs” ;) anche in Italiano) ? … L’ imminente “Pràid” (è bene definirlo senza il “Ghèi”, visto che escludi LBTQU a seguire in sigla …) è già stato gemellato con la Marcia di Selma, di cui è uscito il film (a mio avviso ben fatto) quest’anno (i nonni dei “Robinson/Huxtables” ne erano tutti orgogliosi reduci); Giulia Innocenzi dice che tutte le donne lesbiche o pro GLBTQU sono tutte delle Rosa Parks

    … Ma il vero Martin Luther King, che ne pensava degli LGBTQU ? .

    • MOI says:

      Per Matt Renzie _riuscito in quella USAizzazione del Partito in cui U’òlter aveva miseramente fallito … _ l’occasione di “cavalcare l’ onda” passando alla Storia come il Lyndon Johnson Italico degli GLBTQU è troppo ghiotta per farsela sfuggire !

    • Z. says:

      Moi, dicevamo, a che dichiarazioni di Biffi facevi riferimento? io conosco solo quelle, è tornato sul tema in seguito?

        • PinoMamet says:

          Vabbè, ma non fai prima a dirci cosa avrebbe detto Biffi?

          • Z. says:

            Come sei semplicistico, Pino :lol:

          • MOI says:

            Disse “favorire” qualcuno, NON di “escludere” qualcun altro, un’ ovvietà che fu “triste cartina di tornasole” dell’ insipienza della classe dirigente/politica/culturalmente egemone di ‘sto Paese, che non a caso sta sprofondando nei polifosfati organici.

            … ma fra il “cherry picking” de L’Unità e lo “strawman” di Repubblica presi per oro colato da quasi vent’anni, la comunicazione non può più sussistere, anche perché il derma scrotale non è certo indistruttibile.

          • Z. says:

            Non solo disse che alcuni dovrebbero essere favoriti rispetto ad altri, ma anche che ai musulmani dovrebbero essere negati alcuni diritti fondamentali concessi agli altri residenti in Italia.

            Questo perché ne “i paesi musulmani” questi diritti non sono concessi ai non musulmani.

            Per dirla con parole biffiche:

            consentire in Italia per i musulmani, sul piano delle istituzioni da autorizzare, solo ciò che nei paesi musulmani è effettivamente consentito per gli altri.

            http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/7283

            Tra l’altro quando ti metti a sciorinare locuzioni inglesi mi sembri un misto tra Renzi e Casaleggio :D

          • MOI says:

            Per quanto possa apparire estraneo alla nostra mentalità e persino paradossale, il solo modo efficace e non velleitario di promuovere il “principio di reciprocità” da parte di uno Stato davvero “laico” e davvero interessato alla diffusione delle libertà umane, sarebbe quello di consentire in Italia per i musulmani, sul piano delle istituzioni da autorizzare, solo ciò che nei paesi musulmani è effettivamente consentito per gli altri.

          • Z. says:

            Esattevolmente.

            Come vedi non ti racconto balle :)

          • gotcha says:

            Però bisogna ricordarsi di inserire una clausola per gli immigrati inglesi riguardante la mano da tenere per strada.

          • MOI says:

            Tranqui, tanto non se n’è fatto nulla …

            http://giuseppereguzzoni.blogspot.it/2012/03/noi-e-loro-intervista-padre-samir.html

            Intervista a Padre Samir … ma tanto non c’è stata alcuna recrudescenza tribale nel frattempo, da quelle parti.

          • Roberto says:

            Bellissima Gotcha!
            :-D

          • Z. says:

            Peraltro Biffi ha solo sbagliato i tempi: quelle teorie bislacche sarebbero diventate un mantra della destra acefala pochi anni dopo.

            Gli sarebbe bastato aspettare due anni, e gli avrebbero dato un posto da qualche parte assieme a Calderoli…

          • MOI says:

            @Z

            Ometti in stile Disinformacija Sovietoide : Biffi NON l’ aveva detto senza motivo, per antipatia immotivata : ma per consapevolezza di violazione di diritti dei Cristiani del Dar-al-Islam di cui in “Frangistan” non fotteva un cazzo a nessuno allora e ancor men che meno adesso.

            Avrà sbagliato ? Intanto aveva posto un problema reale … del fatto che non tutte le religioni “si sentono a casa” in un regime di Quieto Vivere !

            Ma se non l’avete capita in quasi 20 anni, NON la capirete di certo adesso !

          • Z. says:

            Moi,

            — Ometti in stile Disinformacija Sovietoide : Biffi NON l’ aveva detto senza motivo, per antipatia immotivata —

            Veramente sei tu che scrivi cose false, Moi.

            Non scrivo “disinformazione”, perché non penso che tu lo faccia con mala fede: probabilmente ricordavi male. Succede, specie a distanza di quindici anni. Io stesso ho controllato il testo su internet prima di rispondere.

            Comunque vedo che, appena ti accorgi di aver sbagliato, ti dai subito a strillare come un ossesso slogan berlusconidi sull’URSS. Vero è che il primo amore non si scorda mai, ma non eri diventato grillino? :D

            Su, dai, tutti ci sbagliamo… non fare come i politici italiani, accettalo. Sai quante volte capita a me!

  102. Roberto says:

    Fyi

    Ieri in Lussemburgo c’è stato il referendum sul voto agli stranieri…no a larghissima maggioranza

  103. MOI says:

    Gender Infertility Business

    http://www.eggsploitation.com/

    Eggsploitation

    … pesissimo !

  104. MOI says:

    Va be’ : da allora con il Mondo Islamico è migliorato tutto dappertutto, non c’è mai stato nessun problema.

    (su Biffi)

    • Z. says:

      Moi, non ci capiamo…

      Tu puoi pensare che privare i musulmani di alcuni diritti fondamentali previsti dalla costituzione italiana sia giusto: in effetti molti l’hanno sostenuto, mica solo Biffi. Al massimo ti dirò che io non sono d’accordo, ma pazienza.

      Però se scrivi che Biffi non l’ha mai sostenuto, beh, non scrivi il vero.

      Tutto qui.

  105. MOI says:

    Ci sono tempi diversi, più o meno lunghi, d’ integrazione : solo che Biffi parlava di Dio (ultimo per importanza degli optionals in “Occidente”) , Kohl invece parlava di QU€$TI … il Gran Moloch !

    • Z. says:

      Quello che stiamo cercando di farti capire è che la teoria comunitaria dell’integrazione a due velocità è proprio una cosa diversa rispetto al discorso di Biffi.

      La prima dice: chi vuole integrarsi subito lo faccia subito, senza aspettare gli altri; gli altri lo faranno quando si sentiranno pronti. In soldoni, e mi perdoni Robbè per l’approssimazione: ognuno fa come je pare.

      Il secondo dice: a questi dovreste riconoscere più diritti, a quelli meno, a quegli altri neppure i diritti fondamentali previsti dalla costituzione. Non io, che sono buono, ma voi: perché a noialtri non piace sporcarsi le mani.

      Un discorso tra il disgustoso e il molto disgustoso, dal mio punto di vista, ma capisco che ad alcuni possa piacere.

      • PinoMamet says:

        …con picchi di disgustosissimo.

      • Francesco says:

        >> Non io, che sono buono, ma voi

        giusto, perchè della società italiana è responsabile lo Stato, non i preti. mi sa che l’unico punto inappuntabile del discorso di Biffi è questo!

        poi puoi sostenere che le preoccupazioni di Biffi siano infondate o molto esagerate (e concordo) e che i rimedi siano privi di senso e di legalità (idem)

        ciao

        • Z. says:

          Giustissimo, come no!

          A queto punto allora potresti pure dire:

          “sono contrario alla pena di morte, e anzi voglio bene a tutti, ma i poliziotti dovrebbero sparare in faccia agli interisti. Non io, si badi, loro: mica sono i bocconiani di Sesto che gestiscono la Federcalcio!”

          Ma mi facci il piacere, mi facci :D

          • Francesco says:

            ehm, veramente il mio discorso sarebbe piuttosto “sono favorevole alla pena di morte ma non mi mette a sparare ogni volta che vedo un interista perchè è compito dello Stato”

            giusto?

          • Z. says:

            No, il discorso è circa il contrario, se vuoi.

            Del tipo: io sono troppo buono dentro e tra l’altro il sangue mi fa orrore, le mani sporcatele tu.

            Sia chiaro: non è certo un’invenzione di Biffi, questo bel modo di ragionare. Diciamo che il Nostro si inserisce nel solco di un’onorata tradizione :)

          • Francesco says:

            però non capisco che gusto ci trovi a stravolgere quello che ha detto Biffi: potresti citarmi nel brano dove dice quello che tu sostieni?

            mi sembri serio come un articolo di Travaglio, su questo tema

            ciao

          • Z. says:

            Sai, quando io dico che è dovere dei cristiani essere accoglienti con tutti, precisando che però lo Stato – mica noialtri, eh: lo Stato! – non deve esserlo affatto, e anzi deve negare ai musulmani i diritti umani più basilari… beh, mi pare che ci sia ben poco da stravolgere.

            Oh, detto questo tu certamente puoi (e forse devi) pensarla diversamente da me in tutto o quasi, ma non per questo è carino offendermi con insulti sanguinosi come “Travaglio” :D

          • Francesco says:

            Non voglio insistere con quello che disse Biffi, anche perchè non sono d’accordo con lui.

            Però che certe cose spettino al braccio secolare e non alla Chiesa mi pare un principio corretto.

            Sennò saremmo in Iran!

            :D

  106. MOI says:

    Comunque in Italia l’ Integrazione dei Migranti è una realtà soprattutto “locale” … forse, almeno in questo caso specifico, l’ assenza dello Stato anche nel sentire cittadino autoctono è paradossalmente positivo.

  107. MOI says:

    In uno Stato Unitario NON ci siamo mai potuti “identificare”e “integrare” sul serio (!) neppure noi che da generazioni ci siamo nati fin dal 1861 … come possiamo sperare che lo facciano i “Migranti” ?

    A proposito: fino a un mesetto fa, a Lampedusa sbarcavano i Profughi del Migrantistan … dopo le ultime elezioni sono diventati Migranti del Profughistan; va be': per loro non cambia un cazzo, ma ….per noi €urolandia/Italia, cosa implica questo repentino mutamento terminologico ?!

    • Z. says:

      Non saprei… non ho mai sentito usare nessuna delle due locuzioni…

    • Francesco says:

      Migranti è locuzione para-leghista, serve a pensare “cosa cazzo vogliono migrare questi a casa nostra? chi li vuole?”

      Profughi è più boldriniano ma veritiero, ricorda che queste persone scappano da morte fame malattie e ammenicoli vari, non sono in gita di piacere.

      Poi potremmo guardare meglio e trovare che sono un terzo profughi e due terzi migranti ma chi ha voglia di guardarli in faccia?

      Ciao

      Francesco che su questo tema è rosso come il Papa omonimo

      • habsburgicus says:

        scappano da morte fame malattie e ammenicoli vari, non sono in gita di piacere.

        per favore, Francesco..non metterti anche tu !
        il 5-10 %, forse..e non quelli che sono mediatizzati :D
        i più stanno meglio di molti italici , temo!
        solo che vogliono star meglio (obiettivo legittimo)…e, spargendosi la voce che c’è un Eden al di là dei mari dove basta arrivare e ti trattano come Re–magari fra un po’ pure le donne offrono loro :D, approdano in massa
        avrei mai creduto che uno come te cadesse presa del sinistrismo più acuto :D

        • roberto says:

          la percentuale del 5-10% da dove la ricavi?

          no habsb, io sono cero che per fare i viaggi che fa quella gente (magari portandosi i figli appresso….) ci vuole una dose di disperazione assoluta che non coincide con il semplice “ho voglia di star meglio”

          • mirkhond says:

            Roberto ha ragione.

            Purtroppo la paura di meticciamenti e di assorbimenti nella nuova marea di disperati in continuo arrivo, annebbia la vista anche ai più intelligenti.
            E in questo, riprendendo il discorso di Zanardo, trovo conferma che una vastissima erudizione, non basta per farci più sensibili verso le sofferenze altrui….

          • Z. says:

            Eh no, non basta. Può aiutarti a non farti menare per il naso dalla propaganda per buoi, ma non basta.

            Quanto a habs, diciamo che ieri sera probabilmente ha bevuto troppo e ora ha ancora qualche postumo della sbornia, ecco :)

          • Peucezio says:

            Cosa fai di fronte a un invasore? Gli intimi di allontanarsi e gli punti le armi.
            Dopo il terzo avvertimento spari.

        • Francesco says:

          Has

          hai presente i viaggi di cui si sobbarcano? non li fai se a casa tua riesci a campare

          questo mi pare lo possiamo dare per assodato, altro che le fantasie leghiste su “questi sognano il Bengodi”

          possiamo giusto disquisire se la fame sia motivo sufficiente o se dovrebbero crepare di fame a casa loro e non rompere

          io non voglio permettere alla Boldrini di derubare la mia umanità con la sua stronzaggine radical-chic

          ciao

          • habsburgicus says:

            se in luogo di quei viaggi..che costano ! (pur argomento censuratissimo, talora traspare qualcosa) investissero quello che hanno a casa loro, farebbero meglio…per loro e per noi :D
            oppure se proprio vogliono andarsene (ciò vale per il 90 % che è musulmano) potrebbero chiedere “ospitalità fraterna” ai ricchissimi Emiri del Golfo in nome del Corano.. :D
            (ci provassero :D la mica è l’Italia ! NESSUNO è benvenuto in quei luoghi, se non: 1.tecnici specializzati visto che loro non sanno fare nulla :D 2.occidentali con il portafoglio pieno pieno (pure l’italiano medio verrebbe in questi chiari di luna brutalmente respinto e disprezzato) 3. biondazze dell’Est per far divertire gli Sceicchi che, se è per questo, l’orgasmo lo ottengono pure vedendo la stupidità crescente degli europei..nessun altro ! vero Moi ? :D)

          • mirkhond says:

            Non hai del tutto torto.
            Ma quanta gente potrebbe contenere quello che pur sempre resta uno scatolone di sabbia, quale è l’Arabia?

          • habsburgicus says:

            molto più dell’Italia, perché spopolata
            e con la tecnologia moderna si possono fare meraviglie..e in Oman, E.A.U e Qatar hanno incominciato a farle…PER LORO

          • Z. says:

            habs,

            — se in luogo di quei viaggi..che costano ! (pur argomento censuratissimo, talora traspare qualcosa) investissero quello che hanno a casa loro, farebbero meglio…per loro e per noi —

            Certo, costano perché noi li rendiamo illegali.

            Ma a parte questo, pensi davvero che se avessero la possibilità di far fruttare quel denaro nella loro terra, tra la loro gente, non lo farebbero?

            Pensi davvero che si mettano in mare per il brivido di rischiare la vita, e per il gusto di dare fastidio a chi non li vuole?

          • mirkhond says:

            Coi razzisti impauriti di perdere le loro fighe dal pelo biondo ;), non c’è argomento che regga, Zanardo….

          • roberto says:

            habsb,
            a parte la considerazione di z che condivido, immagini di scappare da un posto in guerra con solo una maglietta ed un paio di mutande, attraversare mezzo pianeta nelle mani di aguzzini perversi e tutto questo per finire in uno scatolone di sabbia dove ti frustano se dici la parola sbagliata alla persona sbagliata e se ti va bene ti tengono come schiavo?

            dai, specialmente dai cattolici, un filino più di pietas non guasterebbe….

          • roberto says:

            “stupidità crescente degli europei”

            quando sento questo argomento, mi chiedo sempre in cosa consisterebbe un atteggiamento furbo.
            lasciar affogare la gente in mare?
            frustarli all’arrivo?
            farli morire di fame nelle latomie?
            il tutto per dimostrare che no, non siamo buoni, è meglio andare altrove……

          • Z. says:

            Cosa sia la furbizia non lo so. Del resto è evidente che non mi appartiene.

            Ma forse so cos’è la stupidità: è quella qualità che abbonda sempre e solo negli altri :)

          • Peucezio says:

            Roberto,
            è semplice:
            una volta c’era uno che invadeva e uno che si opponeva.
            Oggi le nazioni implorano di essere invase.
            Come incitare i ladri a venirti a rubare in casa..

            Inoltre la politica delle nazioni non è mai stata ispirata a criteri umanitari, tantomeno verso gli stranieri. Non mi risulta che sia stata una categoria politologicamente rilevante. Non si trova nelle elaborazioni dei teorici dello stato, né tantomeno nella prassi.

          • Francesco says:

            x Peucezio e Hasburgicus

            gli è che non riesco a non giudicare la nostra stupidità, quella per cui non affondiamo i barconi in mezzo al mare (cosa che avrebbe fermato da tempo quella rotta migratoria), come un cosa Buona e Giusta.

            un pò come l’abolizione della schiavitù o l’apertura agli stranieri del campionato di basket o l’Unione Europea invece delle usuali guerre europee. e forse forse anche il voto alle donne!

            mentre, che so, divorzio e aborto rimangono tranquillamente abominevoli.

            ciao

          • roberto says:

            Peucezio
            “Oggi le nazioni implorano di essere invase.”

            rivolgo a te la stessa domanda che ho fatto ad habsburgicus.
            cosa dovrebbero fare le nazioni?

          • Peucezio says:

            Roberto,
            non so perché la mia risposta è comparsa nella posizione sbagliata.
            Comunque lo ribadisco qui:

            “rivolgo a te la stessa domanda che ho fatto ad habsburgicus.
            cosa dovrebbero fare le nazioni?”

            Cosa fai di fronte a un invasore? Gli intimi di allontanarsi e gli punti le armi.
            Dopo il terzo avvertimento spari.

            Se un ladro si avvicina a un furgone portavalori, non è che le guardie stanno a indagare se è un disoccupato con moglie e figli da mantenere ecc., ma lo respingono con le buone o con le cattive.

          • Z. says:

            Quindi la soluzione non è bombardare i barconi vuoti, come suggeriva la Santanché, bensì bombardarli pieni?

          • Peucezio says:

            Z.
            perché in guerra le cose si bombardano vuote, no?
            Aerei, navi, carriarmati si colpiscono vuoti?
            Gli americani (ma anche i tedeschi, tutti insomma), prima di buttare una bomba su una casa la facevano evacuare, vero?
            Con la differenza che lì c’era gente che aveva l’unica colpa di condurre la sua vita tranqulla in casa propria, mentre uno che viene su una barca si assume la responsabilità di tentare di entrare illegalmente in un paese straniero.

            Quindi, sì, come extrema ratio, dopo aver intimato l’alt più volte, voglio che si colpisca il barcone pieno.
            Lo stato all’occorrenza usa la forza coercitiva che, in casi estremi, tragicamente, può portare alla morte.
            In Libia, in Serbia, in Iraq, in Afghaistan abbiamo partecipato a operazioni di guerra, fosse pure, talvolta, con mero supporto logistico, che hanno portato alla morte di innocenti. E lì, oltre che un infamia in sé, si trattava di andare contro i nostri interessi nazionali.
            Però chissà perché si riteneva tollerabile o, quantomeno, opinabile, ma non una bestemmia, una mostruosità, un’efferatezza inaudita.

  108. mirkhond says:

    Per una volta che Francesco dice una cosa GIUSTA, ecco scattare l’allarme! :)

    • Francesco says:

      giusta, sei troppo buono

      a me pare una cosa evidente

      poi la mia idea di “che fare” è molto vicina a quella di Kipling, se non vogliamo collassare sotto il peso di troppi esseri umani disperati e della nostra incapacità di adattarci

      fosse per me, in Libia ci sarebbero due reggimenti meccanizzati italiani, due europei e molte compagnie di “volontari africani”, tutti con compiti di “peace love & understanding”

      e un paio di stormi di Tornado, che è la mia idea di PLU

  109. Z. says:

    Il rapper coccolato dai giornalisti a cinque stelle si lamenta con la polizia: sono un VIP, voi dovete tutelarmi!

    http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/06/09/news/fedez-116431552/?ref=HREC1-2

    Viva Beppe, viva il Popoppolo, abbasso la ka$ta :lol:

    • gotcha says:

      ma fedez è l’idolo di michele serra, il comunista più simpatico di tutti i tempi!!!

      • MOI says:

        Sarà che a Bologna ne abbiamo così tanti ch’è impossibile non imparare riconoscerli, ma … mi sembra inverosimile che qualcuno possa NON accorgersi che Fedez è sempre stato un Cosplayer di Lusso !

        • gotcha says:

          fedez purtroppo non capirà mai che nell’hip hop la polemica deve essere becera, altrimenti fa l’effetto di un rotolo di carta igienica.
          un esempio di testo polemico rap come si deve è rap-imenti della Lion Horse Posse: “casella, finocchio, ci sei costato un occhio a tuo padre eh? e ti è andata bene, finocchio, che c’hai ancora tutte le orecchie, coglione. (…) Le madri coraggio sono un oltraggio. (…) Sabotaggio alle madri coraggio, e massimo onore al rapitore!”

        • Z. says:

          Sono d’accordo ma cono una piccola precisazione.

          Verso il cosplayer politico medio provo empatia. Solo uno su mille riesce ad ottenere un invito alle convention di Landini per il suo Cutter Dodging Project. Gli altri, la stragrande maggioranza, continueranno a vestirsi e travestirsi per cercare un ruolo che non trovano in un mondo che li ha presi in giro.

          Verso Fedez essere altrettanto empatici mi pare molto difficile. Mi sembra un professionista della mala fede, come del resto quelli che lo usano come megafono.

          • gotcha says:

            Sai cosa, quando tutte le mattine ti alzi per andare al lavoro, e rientri tardi stanco, e così per settimane, mesi, anni, e poi vedi tutta sta gente che dice la sua opinione perfettamente insulsa con la faccia riposata, due interrogativi te li poni..

          • Z. says:

            Eh, non hai mica tutti i torti, non hai.

  110. Mauricius Tarvisii says:

    Paolo Brosio farà lo scisma, ora?

  111. mirkhond says:

    Dove l’ha detto e/o scritto?

    • gotcha says:

      “la mondanità fa perdere sapore alla nostra testimonianza e che ci sono coloro che hanno sempre bisogno di novità dell’identità cristiana dimenticandosi però di essere stati scelti, con la garanzia dello Spirito Santo. Cercano sempre i veggenti e la lettera che la Madonna manderà alle ore 4 del pomeriggio e vivono di questo. Questa non è identità cristiana. L’ultima parola di Dio si chiama Gesù e niente di più”
      cit. francesco the first on “intelligonews”

      brosio ha risposto che si trovava sulla via di Damasco lastricata di foto di calciatori, veline e giudici di Milano e da allora ha cambiato vita e non si è mai più sentito nominare in pubblico. a proposito, non ha risposto lui in realtà, perché ha scelto di vivere nell’assoluto anonimato.

  112. MOI says:

    Altra fonte

    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Papa-torna-su-Medjugorie-e-ironizza-sui-veggenti-la-Madonna-non-manda-emissari-55b027c6-a888-453a-bad8-e171fc4cd0fe.html

    in realtà con lo Spirito del Concilio sono iniziate da un pezzo le Zaffate di Zolfo Protestante contro la “Regina della Pace” , no ?

    • mirkhond says:

      Mi sembra che anche il “reazionario” Benedetto XVI credesse poco a Medjugorje…
      Nell’atteggiamento della Chiesa non vedo delle sconvolgenti novità “protestanteggianti” quanto piuttosto una COSTANTE verso fenomeni di Apparizioni Mariane, guardate con sospetto a lungo, prima di essere ufficialmente riconosciute.
      Pensiamo alle tribolazioni di Bernadette oppure ai Pastorelli di Fatima, e al riconoscimento degli eventi del 1917…..
      A Medjugorje poi, le apparizioni, iniziate nel 1981 continuano tuttora, dunque la Chiesa come puo’ esprimersi chiaramente se il fenomeno non è terminato.
      Come tutto ciò che è cristiano, susciterà sempre divisioni.
      Pensiamo ancora a Padre Pio, osteggiato in vita come “fossile” medievale e impostore, poi recuperato grazie a Giovanni Paolo II, che dalla mediazione Santo di Pietrelcina, ottenne svariate grazie….

    • habsburgicus says:

      @Moi
      non ne so molto, e quindi non vorrei dire cose inesatte
      ma Medjugorje non è mai piaciuta ai lefebvriani (almeno all’ala dura) e tantomeno ai sedevacantisti
      diciamo, e senza voler far fare paragoni un po’ fuori luogo, ma tanto per capirci che
      Medjugorie è di “centro”…piace ai wojtyliani “puri” (specialmente all’ala destra wojtyliana vale a dire i ratzingeriani)
      mentre non piace
      né alla “sinistra” (residui paolosestini, cardinal-martiniani e attuali vertici) e presumo quindi non piaccia a Mauricius :D
      né alla “destra” (lefebvriani almeno quelli duri+sedevacantisti che talora adottano un linguaggio esasperato e, per i fedeli, irrispettoso…ma è il loro stile :D)

      • Mauricius Tarvisii says:

        A Ratzinger, però, non doveva piacere molto. Ma io credo che Ratzinger sia un po’ diverso dai suoi supporter.

        • mirkhond says:

          Il guaio di Ratzinger è stato proprio quello di farsi usare dai suoi supporters esaltati alla Socci o atei devoti alla Pera-Ferrara…
          Purtroppo la sua orientofobia e il suo francocentrismo hanno preso in lui il sopravvento!

          • gotcha says:

            non so se il “popolo” dell’ala destra wojtyliana sia esattamente “ratzingeriano”, a parte per quanto riguarda il lealismo, che comunque terrà anche sotto francesco. Ratzinger rimane un teologo, mentre i wojtyliani di destra sono molto affascinati dal carisma, dagli slogan, dalle minacce, dalle adunate, insomma da una serie di pratiche con cui esprimere la fede. fatte le dovute distinzioni, sono il tipo di fondamentalisti-sensazionali secondo la categoria che noi applichiamo ai fondamentalisti islamici. i neo-catecumenali sono il modello di questo modo di vivere la fede: la bibbia aperta sul leggio in casa (ma non li ho mai visti leggerla, se per leggere si intende isolarsi dal resto e affrontare l’abisso testuale), pallavolo, kayak, trekking, calcetto, e le giornate della gioventù.

          • Francesco says:

            insoma, Gotcha, uguali uguali all’ISIS

          • gotcha says:

            Be’, mi sembra chiaro che se io sono banchiere e mia moglie avvocato, e mettiamo assieme 10000 euri al mese, non sono predisposto a farmi scoppiare su una corriera..

          • Z. says:

            Se tua moglie è avvocato probabilmente non guadagna una barca di soldi. Sicché essere banchiere è un’ottima idea :)

          • roberto says:

            dipende anche dalla moglie, i soldi non sono tutto
            :-)

          • Z. says:

            Certo che non sono tutto… però se pure quelli mancano si parte male :D

          • Z. says:

            dimenticavo: robbè misogino! :)

  113. MOI says:

    Scenari possibili :

    1

    Padre Livio si farà Lefebvriano ?!

    2

    3

    ….

    […]

  114. MOI says:

    @ HABSBURGICUS

    Quale sarebbe l’aspetto “nascosto” sui prezzi degli “scafisti” (o meglio di chi li organizza) per le traversate verso Lampedusa ?

  115. MOI says:

    se in luogo di quei viaggi..che costano ! (pur argomento censuratissimo, talora traspare qualcosa) investissero quello che hanno a casa loro, farebbero meglio…per loro e per noi :D

    [cit.]

    ——————–

    • Francesco says:

      mi pare che le condizioni per gli investimenti dei privati senza padrini non siano così favorevoli nei loro paesi …

      sono bravo con gli eufemismi, che ne dite?

  116. MOI says:

    oppure se proprio vogliono andarsene (ciò vale per il 90 % che è musulmano) potrebbero chiedere “ospitalità fraterna” ai ricchissimi Emiri del Golfo in nome del Corano.

    [cit.]

    ……………………………………………….

    https://www.youtube.com/watch?v=5kvenmWEhFE

    • Francesco says:

      quelli preferiscono schiavi del Sud e Sud Est asiatico

      e sparano a vista sui clandestini, sospetto

      ma (essendo un pochino razzista) NON voglio essere come loro!

      uffa

  117. MOI says:

    25 APRILE 2015
    Michele Serra e Fedez, dialogo sulla Resistenza al tempo delle mode
    Il giornalista e il rapper, due generazioni a confronto sul fascismo ideologico e il fascismo dei comportamenti, sul fascismo storico e quello dei nostri giorni. A Milano, su un tram che settant’anni fa ha fatto la storia.

    regia Massimo Buda
    riprese Sonny Anzellotti, Riccardo Petrillo, Maurizio Stanzione
    edizione Paolo Saracino

    http://video.repubblica.it/dossier/liberazione-70-anni-dopo/michele-serra-e-fedez-dialogo-sulla-resistenza-al-tempo-delle-mode/198888/197931

    • Francesco says:

      dialogo tra Serra e Fedez?

      inizio ad apprezzare Bomber Harris, che al confronto OBL era una mammoletta

      ridatemi Baffone

      • gotcha says:

        Checco, noi inglesi mica scherziamo.. Forse obl manco voleva buttarle giu’ le torri gemelle. Secondo me e’ andata come in Indiana Jones:” pilotare si, atterrare no”! Come vedi il paragone con l’isis in fondo non e’ cosi’ fuori dal mondo..

  118. mirkhond says:

    Cosa ne pensi delle Apparizioni Mariane alle Ghiaie di Bonate (Bergamo) e a quelle di Garabandal nelle Asturie, entrambi non riconosciute dalla Chiesa?

  119. mirkhond says:

    La cautela è d’obbligo, ed è antica nella Chiesa.
    Però, mi sembra che se rivelano cose non in contrasto col Vangelo, vadano prese in considerazione….
    E non dico di più, perché essendo lontano da anni dai sacramenti per motivi personali e per il mio sostegno all’eutanasia, sono l’ultima persona a pronunciarmi.
    Non conosco bene le vicende di Brosio e della Koll, e soprattutto del cammino di Fede che hanno compiuto e da cui, a quanto leggo, ne sono usciti trasformati….
    Sono rimasto a quando Brosio venne rimproverato da Emilio Fede per aver parlato col Gabibbo! :)

    • Francesco says:

      Duca

      so che non ho titolo per aprire bocca ma tenersi lontano dai sacramenti è l’ultima cosa che un cattolico deve fare, soprattutto se non sta bene!

      non esistono motivi personali tali da farlo e, tutto sommato, siamo tutti peccatori: tu poi sei ancora vivo per cui è solo un “peccato di opinione” quindi n ostacolo minorissimo!

      dai, fatti un giretto fino alla chiesa

      ciao

      F’ o’ beghino

  120. mirkhond says:

    Poi essendo una persona terrorizzata, e con una sorella ossessionata e che crede fermamente di essere stata abbandonata da Dio, perché…fragile e insicura, francamente non sopporto chi minaccia inferni ultraterreni quando c’è ne già TROPPO di inferno su QUESTA terra!
    Sarò un eretico, sarò un apostata non nazionalista (se non in senso longobardo-napoletano ;) ) per dirla alla Daouda, ma voglio credere ad Un DIO di MISERICORDIA che CI Tenga TUTTI con LUI nel Paradiso….
    Nell’aldilà SOLO PACE ETERNA….
    PER TUTTI….

    • gotcha says:

      Io non riesco a capire perché tizio deve tanto avercela con caio da volerlo far dannare per l’eternità.. poi immagino che il paradiso debba essere grande: se uno non lo vuoi vedere catapultati in un’altra dimensione-realtà-nuvoletta-quel che ti pare!

    • habsburgicus says:

      PER TUTTI….

      però, detto così (si fa per scherzare e drammatizzare, eh…non partire con invettive) non conviene comportarsi bene :D
      molto meglio, nei limiti delle possibilità umane, godere (sesso a gogò e senza limiti, bella vita, prepotenze, menefreghismo. semi-analfabetismo tamarro. tanto la cultura purtroppo non conta più-, ripicche, ecc) e poi avere post mortem la stessa posizione di chi invece si è attenuto (o ha dovuto attenersi) ad un rigido codice, ha sofferto e non si è preso soddisfazioni
      lo so, è un’obiezione volteriana..ma il Gran Massone aveva mica sempre torto, eh ? (LUI fesso non era..i suoi epigoni forse sì :D)

      • habsburgicus says:

        (s)drammatizzare…

        • gotcha says:

          bè, far passare l’eternità è lunga: se in paradiso va solo una categoria (indipendentemente dalla categoria), dopo un paio d’ore cosa ti puoi raccontare?

          • Z. says:

            Se ci vanno tutti, anziché due ore ci metti due secoli o due millenni. Ma fossero anche ventimila anni, è solo una questione di quando inizi ad annoiarti, non di se :)

          • gotcha says:

            a questo punto meglio la reincarnazione. alla prossima mi piacerebbe essere un tasso come quello che ho visto camminare ondeggiando sotto casa mia quest’inverno..

          • daouda says:

            Vi scordate che Dio è infinito. La reincarnazione è un’impossibilità logica. Non si ripassa due volte per lo stesso stato.

      • Francesco says:

        solo un francesce poteva pensare che ci si divertisse di più a peccare che a vivere santamente

        che cacchio di catechismo aveva incontrato?

        :(

  121. mirkhond says:

    Possibile che uno per andare in Paradiso debba essere un Candy Candy che si fa sempre schiacciare e mettere sotto i piedi da tutti?

    • Z. says:

      Come direbbe suor Miriam Godwinson, non hai considerato un interrogativo ancora più grande: possibile che esista un Paradiso?

    • Francesco says:

      vedi il Maestro …

      PS certo che c’è il Paradiso, tranne che per chi non ci crede, per cui c’è solo una sala d’aspetto e senza aria condizionata

  122. mirkhond says:

    Traversara

    Cosa pensi DAVVERO dell’Aldilà?
    Te lo sei mai posto il problema di COSA ci sia dopo la morte?

    • Z. says:

      Penso che dopo la morte non ci sia proprio niente, e devo dire che la cosa mi dà serenità. Trovo sano, e pure giusto, che le cose che hanno un inizio abbiano anche una fine.

      Alla fine non è una prospettiva così diversa dalla tua idea di un paradiso per tutti. A ben vedere, è solo più economica.

      • habsburgicus says:

        l’unica obiezione è che così facendo i valori non hanno più senso..per ora qualcosa rimane ma è una super-struttura dei “tempi oscurantisti” come li chiameresti tu :D e per timore delle grucce :D
        ma, in pura teoria, dovresti spiegare perché uno che abbia una benché minima, ma razionale, possibilità di poterla fare franca (chessò, un “fratello” in magistratura o nelle forze di sicurezza) o due e tre passaporti esteri già vistati, dovrebbe, presentandosi l’occasione, comportarsi bene (lasciando perdere un possibile vantaggio che potrebbe avere comportandosi malissimo)
        gli effetti già si vedono o si vedranno, ahinoi
        per la prima volta da quando son nato (se non mi sbaglio) è stato ammazzato stamattina un uomo in un paesino a 9 km da me..zona un tempo tranquillissima :D

        • mirkhond says:

          Anche questo è vero.
          Se Dio non c’è, che senso ha fare (sia pure imperfettamente) del bene, oppure non fare ombra se non si sa far luce, come si dice dalle parti di Habsburgicus?

        • Z. says:

          habs,

          per caso stai dicendo che la religione non è che un’insieme di favole inventate per dare un senso a ciò che non ce l’ha? Se è così che la pensi non devi prendertela con me, ma con chi è credente!

          Detto questo credo che l’impatto con quelli che tu chiami “valori” sia minimo. Fino a prova contraria dubito che essere persone religiose ci renda immuni, o anche più lontani, dalle tentazioni e dal crimine.

          • daouda says:

            mica il problema è la tentazione. Il problema è stabilire cosa è criminale o cosa no, te fai il comodino e te ne sbatti.

          • Z. says:

            Se ben ricordo sei tu che te ne freghi e passi col rosso… teppista stradale :wink:

          • daouda says:

            La Religione mica ti fa essere giusto, ti dice di esserlo, e ti dice il perché,il come ed il perciò.
            Se non lo vuoi , non lo sarai, dov’è il problema?

          • Z. says:

            Il problema è che se io passo di lì magari mi metti sotto… e siccome sei un bravo giovane, so che alla fine ti dispiacerebbe :)

          • habsburgicus says:

            Daouda ha detto bene….
            la religione stablisce ciò che è giusto e ciò che non lo è (il rispettarlo è altra cosa :D questo le persone sagge l’hanno sempre saputo)
            senza religione c’è anarchia..non ci sono precetti “razionali” (ma non per colpa di qualcuno..fatalmente,,,fato Romae Metelli fiunt consules :D)..e ciò a lungo andare porterà, se la logica ha ancora un minimo di senso, ad un disastro che non possiamo neppure immaginare e di vi è qualche inquietante avvisaglia…a meno di un’inversione di tendenza contra spem et rationem humanam huius temporis
            tranquillo, però Z,..quando ciò si rivelerà compiutamente (ripeto, anche gli atei di tre-quattro-cinque generazioni risentono, senza cje se avvedano, del retaggio dell’età religiosa né la società è già del tutto atea, da nessuna parte) di noi non ci sarà, e da molto, alcuna traccia !

          • Z. says:

            Insomma, come sempre, o temporali o frutti di bosco.

            Tertium non datur, come ama ripetere Moi :D

          • daouda says:

            Apparte che io sò guidà e certe cose me le pozzo permettè :) , ed a parte che parliamo di infrazioni amministrative e non criminali, il problema è che l’ateismo non esiste.
            Calcola il cristianesimo ha distrutto ogni retaggio di conseguenza l’ateismo lo abbiamo creato noi.
            Un musulmano nell’ottica nostra è “ateo”, quindi anche un umanista od un deista od un panteista.
            Il problema è che tutti abbiamo la nostra idolatria.
            Ora il discorso contro l’idolatria è cristiano, nel senso che SE HAI IL VERO DIO, il resto non và in qualunque modo, per questo puoi parlare con tutti ed ugualmente tutti non ti devi inculare, poi è ovvio che hai affinità diverse, ma alla fine dipende.
            Ma se non hai il vero e valido Dio, il tuo idolo è un deo, il che implica che và bene, ok, usalo bene!
            Poi l’idolatria può anche intendersi in termini psicologisti molto ampi.
            Neanche gli empi nichilisti non hanno un idolo, e come ho già scritto, i governanti REALI di questo mondo fanno i loro riti ben bene…

          • Roberto says:

            “Senza religione non ci sono precetti razionali” è una frase veramente surreale

          • daouda says:

            L’etica sussiste solo nell’imposizione. Se non c’è Dio che si impone, non esiste un’etica condivisibile ergo, per antonomasia, non può esserci un’etica razionalizzabile.

            E’ bene che te lo ficchi in testa una buona volta :)

          • roberto says:

            “L’etica sussiste solo nell’imposizione”

            se sei un bambino è sicuramente vero, dopo i 15-16 anni è ridicolo

          • Francesco says:

            “Senza religione non ci sono precetti razionali” è una frase veramente bellissima

            infatti stiamo cercando di gabellare i voti a maggioranza con dei “precetti razionali”, con esiti ancor più ridicoli che disastrosi

            il bello è che pur di rifiutare Dio si continua a dar di crapa contro il muro, snobbando il fatto che il muro non si fa male mentre la testa si rompe

            vabbè, peggio per voi, io continuo a cercare in cantina l’album per appicciarci i Bollini Paradiso

            :D

            PS per me le more, grazie, che i temporali ci sono stati stanotte

          • roberto says:

            lasciando perdere religioni strane che hanno delle fisime alimentari e/o vestimentarie oggettivamente irrazionali (anche se voi tre parlate di “religione”, immagino che non prendiate in considerazione quelle che non sono la Vera Religione), che c’è di razionale in

            “Osserverai il digiuno prescritto e parimenti l’astinenza”?

            sai che mi sorprende sempre questo bisogno di alcuni credenti di dare una spiegazione razionale della loro religione. deus vult, e vi dovrebbe bastare!

            un po’ come se io volessi trovare una spiegazione razionale alla regola dei passi (perché due e non uno o tre?)….

          • Francesco says:

            Roberto,

            perchè Dio è anche Somma Razionalità, oltre che tutto il resto.

            La pretesa della religione è totale, assai più presuntuosa di quella dello Stato totalitario (che alla fine si accontenta dell’obbedienza) e vicina a quella della pubblicità (che vuole la tua anima ma solo come mezzo per arrivare al portafogli).

            PS certo che i passi devono essere due: con uno non ti muovi, con tre passeggi! non c’è nulla di arbitrario in quella regola

    • Z. says:

      …in compenso, c’è un prete che forse riuscirà a rassicurare Moi: le raccomandazioni di Biffi non sono andate del tutto inascoltate come temeva!

      http://bologna.repubblica.it/cronaca/2015/06/09/news/_quel_prete_ha_escluso_mio_figlio_dal_centro_estivo_perche_musulmano_-116454802/

    • mirkhond says:

      Ormai sono abituato alle sizzerie ;) e dunque non sobbalzo più.
      In gran parte ha buone ragioni.
      Solo che io a differenza sua NON mi sento “italiano”, ma al massimo longobardo meridionale/napoletano (e non neapolitano che non è mai esistito come denominazione statale), e sono un franco apolide che vive come in un cappio l’appartenere al cosiddetto Occidente.
      Mentre se avessi potuto sarei fuggito nel deserto.
      Lontano dai miraggi menzogneri della nostra civiltà.
      E lontano dai Sizzi…. ;)

      • Z. says:

        Duca, so che non è una gran consolazione ma temo che la menzogna sua ovunque.

        Come scriveva uno dei nostri due poeti, Talanti (non ho il testo sotto, te lo traduco a memoria):

        nacqui sotto Giulio o Cesare, che è lo stesso,
        e vissi al tempo degli dei di allora
        falsi e bugiardi come quelli di adesso

        • mirkhond says:

          Dio E’ DIVERSO dagli dèi inventati dagli uomini a loro immagine e somiglianza, per santificare le loro meschinerie e, soprattutto, per esorcizzare le inquietudini del futuro e dell’aldilà….

          • Z. says:

            In realtà il concetto che volevo esprimere era più ampio, e aveva poco a che vedere con la religione: la menzogna è dovunque, in Occidente come in Oriente, e non fa salvo nessun popolo e nessun luogo.

            Se pensiamo che in un posto non ci sia, è solo perché non ce la vogliamo vedere.

          • mirkhond says:

            Hai ragione ovviamente.
            Però io sento il richiamo del deserto, non della Bassa Padana, non so se mi spiego….
            Per me sento che la vera aridità stia a nord di Pesaro…. :)

          • Z. says:

            Beh, se in un posto non c’è nessun altro allora non c’è neanche nessun altro che racconta menzogne. Però così è barare :D

          • mirkhond says:

            Perché barare?
            Se uno vuole allontanarsi da una società da cui non si sente capito e in cui si sente estraneo?

          • Z. says:

            Intendo che dove non ci sta nessuno non ci sta neppure nessun ballista, questo è chiaro :)

        • habsburgicus says:

          infatti l’ateismo è “logico” (specialmente oggi cessati tutti i punti di riferimenti), anche se disperante,,
          quelli che non capisco sono coloro che credono in altre religioni ! (o il Cristianesimo o il nulla..mi pare così chiaro :D)

          restano però le dure conseguenze, stralogiche per quanto alla lunga orribili, già notate dal profetico Dostoevskij
          e non abbiamo esempi storici, perché mai ci fu una società atea
          c’é solo oggi, in Europa, ma restano i rimasugli dell”età oscurantista” o “epoca cristiana” fate voi..
          e se il buongiorno si vede dal mattino :D..matrimoni stesso sedso, fra un po’ (è inevitabile) legalizzazione di almeno certe forme di incesto indi (soprattutto) unioni con animali :D, non c’é da godere :D
          mala tempora currunt
          però non abbiamo alcun riferimento storico..stiamo facendo un gigantesco salto nel buio ignoto all’umanità finora che secondo me spaventerebbe pure Voltaire se fosse vivo ! (lui che storicamente ne è uno dei responsabili teorica..alla lunga, eh non fatemi dire ciò che non penso)

          • mirkhond says:

            Forse l’Islamizzazione potrebbe essere il “castigo” divino per un Frangistan sprofondato nell’abisso del cupio dissolvi dell’orrore sessuale….

          • habsburgicus says:

            mi sbaglierò..
            ma l’islamizzazione non ci sarà…
            io concordo con Moi in tantissime analisi (è uno dei pochi ad aver conservato una ragione chiara, deduttiva e limpida..anche se a agnostico..e forse proprio per quello :D) ma non sull’islamizzazione…

          • daouda says:

            dal lassismo al rigorismo, dimenticando il cuore. Molto bello!

          • daouda says:

            non è vero che siamo in una società atea.

            I governatori del mondo hanno i loro rituali. Certe cose che ci inducono a compiere, agevolano alcuni loro rituali.
            Non esistono società atee, la stessa moneta che usiamo non è atea, e forse, sarebbe il caso di iniziare ad usare dei guanti

  123. mirkhond says:

    Traversara

    Ma il deserto è il luogo del nulla, lontano da tutto e tutti…
    E lì incontri Dio o impazzisci.
    Oppure ti addormenti per sempre da un mondo che non riesci a capire e in cui ti senti estraneo…
    Morire addormentandosi…..

    • Z. says:

      Hai mai visto le immagini delle persone che i miliziani di Gheddafi avevano abbandonato in mezzo al deserto? Ecco, non credo che quello sia il modo in cui vorresti morire, credimi.

      • mirkhond says:

        Se potessi raggiungere il deserto senza che nessuno mi rompa i coglioni e addormentarmi per morire per sempre, potrei ritenermi comunque soddisfatto….

        • Francesco says:

          ti sveglieresti assetato e mezzo ustionato e rimarresti lì fino a bollitura completa

          e non sarebbe veloce nè dolce

          meglio casa tua con tua sorella, credo

          ciao

  124. mirkhond says:

    Si le ho viste.
    Ma io penso ad altro….

  125. mirkhond says:

    “ma l’islamizzazione non ci sarà…”

    Pensi che nel frattempo il cupio dissolvi del nichilismo edonista occidentale avrà corrotto anche i musulmani?

    • Peucezio says:

      Non ce ne sarà bisogno.
      Sarà il mondo islamico a rendere ancora più edonista e nichilista l’Occidente.

  126. MOI says:

    @ ROBERTO

    Lucrezio, Scalfari e i Diritti d’ Autore …

    https://www.youtube.com/watch?v=QZ3Frgv8Lr8

    ;)

    • gotcha says:

      Il rapporto tra religione e degenerazione, tra giustizia e liberta’, tra male e bene, serve a costruire una sociodicea, una giustificazione dei rapporti di forza di una societa’. Il punto e': cosa pensiamo che combinerebbe un essere umano disinformato sulle regole e le pratiche sociali? L’esempio calzante e': come si solleva da Terra un ceppo? Un bambino piccolo, senza che in nessuno glielo insegni, solleverebbe correttamente il ceppo, posizionandosi sullo stesso asse del peso, accovvaciandosi e tenendo la schiena dritta. Poi il bambino impara che la posizione accovacciata simboleggia l’accudimento, la defecazione, la protezione, e nella sua testa comincia a inocularsi l’idea malata che sollevare il peso piegando la schiena sia piu’ virile, veloce ed economico. Il risultato e’ che il peso che la schiena sostiene quintuplica e il bambino da vecchio avra’ l’ernia al disco. Soprattutto, cio’ che l’istinto suggerriva correttamente viene degenerato dal pensiero.

      • daouda says:

        il tornare come bambini non è riferibile ad una cosa del genere. Che dire…come fa un bambino ad ottenere cibo? PIANGE! Ergo dobbiamo piangere tutti e cascherà nella nostra bocca un cibo succulento…giusto?

        • gotcha says:

          non vedo cosa ci sia di scorretto nel piangere quando non si è grado di procurarsi il cibo, visto che a qualcuno è venuta l’idea di metterti al mondo.
          l’uomo impara a fare il male quando lo distingue dal bene. direi che in realtà, all’uomo viene insegnato a fare il bene: il male è una conseguenza. hai mai sentito di un bambino che uccide in maniera intenzionale?

  127. Dif says:

    Insomma come al solito il succo è questo: gli atei sono criminali e, orrore orrore, i froci si possono sposare. Certo che avete preoccupazioni strane eh.

    • daouda says:

      ?????

      • Dif says:

        Stavo constatando quanto mi sembrasse assurda questa tesi che senza religione non ci sarebbe morale, cosa che farebbe degli atei dei pazzi criminali, secondo alcuni.
        E inoltre mi chiedevo dove fosse tutta questa tragedia nell’abbandono dei valori religiosi visto che al massimo, come alcuni di voi non fanno che ricordare, stanno legalizzando il matrimonio gay, mica l’omicidio.
        Comunque, e non è solo rivolto a te, gradirei che quando faccio queste mie “provocazioni”, si cercasse di imbastire un dialogo, evitando quell atteggiamento paternalistico dsl tipo “poverino, non sa quello che dice”. Ricordo ancora un tentativo di discussione sulla maggiore o minore libertà nelle società tradizionali rispetto ad oggi finito a schifìo.

        • Z. says:

          Sei ateo e non sgozzi i bambini?

          Impossibile, dunque i casi sono due: o in realtà non sei ateo ateo, oppure in realtà sgozzi i bambini[1].

          Del resto, quando un dittatore comunista commetteva atrocità – il che statisticamente capitava con una certa frequenza – alcuni comunisti dicevano “ah, ma quello non è un comunista, quello è di destra”.

          O come quei musulmani che sostengono che i terroristi non sono veri musulmani.

          O come quei cattolici, appunto, che sostengono che i preti pedofili non sono veri cattolici.

          E così via!

          Z.

          [1] Non credere mai a chi ti dice “tertium non datur”. Infatti c’è una terza possibilità: che tu sia ateo e sgozzi anche i bambini!

          • Dif says:

            Ma infatti ancora non sgozzo i bambini perchè grazie all’opera della Santa Chiesa (ovviamente preconciliare) i Valori Cristiani ancora non sono scomparsi dalla società, e per quanto uno possa dichiararsi ateo, in realtà è a mollo in un brodo primordiale cristiano che gli impedisce di abbandonarsi alla pedozoonecrofilia e altre simpatiche pratiche atee.
            Ma basta aspettare un po’ di anni e vedrai come il complotto giudeomassocomunista farà trionfare il vero ateismo, e il mondo precipiterà nel caos.
            O tempora o mores, cupio dissolvi, odium sui, abracadabra, bim bum bam!

          • gotcha says:

            il catechismo equipara, sotto la categoria di peccato mortale, lo stupro alla masturbazione. In pratica un prete ti dice; ” non farti le seghe, è grave quanto violentare una donna”. allora ti viene in mente: “non sapevo che le donne si potessero violentare, interessante!” Io rimango dell’avviso che una persona che non viene “stuprata” idealmente, e non solo dalla religione ma anche dalla scuola, dai genitori, dalla società in generale, tende a non danneggiare il prossimo, e credo che sia un istinto connaturato, come quello di costruire frasi sintatticamente corrette o sollevare pesi nella maniera adeguata..

          • Francesco says:

            gotcha

            a quale pagina? non ho voglia di leggerlo tutto e non me lo hanno insegnato, tra i peccati mortali, il farsi le seghe

            immagino tu invece lo abbia ben presente, il catechismo

            grazie

          • gotcha says:

            Paragrafo 2352.

            E’ peccato mortale se c’e’ materia grave (sesto comandamento generalizzato in “atti impuri”), piena avvertenza e deliberato consenso.

          • Francesco says:

            di solito c’è deliberato diniego (di lei), non consenso

            quindi manca la piena avvertenza (perchè in quel momento non sei granchè lucido)

            ergo se anche la materia fosse grave, non ci sarebbe peccato mortale

            :D

          • gotcha says:

            Sulla piena avvertenza devi riconoscere che c’e’ un paradosso: dal momento che lo sai,il peccato e’ mortale. Di conseguenza, l’ignoranza completa delle regole ti spedisce straight to heaven!

        • gotcha says:

          Ma gli ultimo cinquecento anni traboccano di religioni e misfatti morali! Uno che mi augura il tormento eterno se non credo o credo male o non seguo le regole non mi sembra molto “mite”.. Voglio dire, io non lo augurerei a nessuno! Io non credo che sia la religione a distinguere il bene dal male, ma l’uomo che sistema il bene e il male con la religione. Ad esempio, com’e’ che il maschio si innalza a Dio con tutta la simbologia fallica e virile connessa, e la donna viene aperta, come si farebbe con la Terra e l’aratro?Come mai me Donne che vanno in chiesa sono tutte “chiuse” (braccia conserte, occhio alle gambe se portano la gonna, testa bassa) e gli uomini ostentano sicurezza? E come mai le donne non possono celebrare l’eucarestia?

          • Dif says:

            Stavo scherzando naturalmente, solo che non mi sembra un pensiero troppo distante da ciò che pensano realmente alcuni commentatori.

        • Francesco says:

          >>> senza religione non ci sarebbe morale

          a me sembra assurda la tesi che si possa trovare una morale senza un Dio (o degli Oi Teoi) che la stabiliscano e la giustifichino

          che il Codice Penale o il voto del Parlamento sono basi ridicolmente insufficienti per una morale

          se non c’è Dio, non c’è motivo valido per cui ci siano Bene e Male, ergo da domani passo col rosso e butto per terra la plastichina dei succhi di frutta. e forse voto anche Salvini! tiè

          • roberto says:

            scusa francesco,
            come ti spieghi che robelux non crede nell’esistenza di dio ma cerca di vivere (nei suoi limiti di essere umano fallibile) senza fare troppo male al prossimo?
            voglio dire, senza rubare, senza violentare la bonissima segretaria, né frustare una lunga serie di collaboratori e senza parcheggiare in divieto di sosta ?

          • Z. says:

            Francè, com’è la storia di quel tizio che si trovò di fronte ad una giraffa e disse:

            “miseriaccia, ma questo animale NON PUO’ ESISTERE!”

            :lol:

          • PinoMamet says:

            “a me sembra assurda la tesi che si possa trovare una morale senza un Dio (o degli Oi Teoi) che la stabiliscano e la giustifichino”

            Questa cosa non l’ho mai capita.

            A me pare che una morale che prescinda da premi e punizioni ultraterreni sia possibilissima, anche se più difficile.

            Prima di tutto, esistono premi e punizioni terreni .

            Poi, più importante, l’uomo è capace di scelte difficili e scomode, di fare il bene anche senza aspettarsi nulla in cambio.

            Infine esiste un’empatia innata che gli esseri umani provano per i propri simili e non solo.
            Il che non significa che l’uomo non possa essere anche malvagio, ma vederlo solo come un essere malvagio ed egoista, redimibile solo da una religione, mi sembra riduttivo e insultante
            (anche per le religioni, ridotte in pratica a semplice strumento di buon governo).

          • Z. says:

            Robbè, questa è facile:

            perché tu SEI credente anche se non lo sai :)

          • roberto says:

            un esempio proprio di qualche giorno fa

            arriva il conto al ristorante e mi accorgo che avevano contato una birra invece che due.
            faccio notare al cameriere che ringrazia ed aggiunge.

            perché l’ho fatto? certo non per paura di una qualsiasi conseguenza pratica (chi vuoi che se ne accorga?) e nemmeno di andare all’inferno.

            perché allora?

          • Z. says:

            Pino,

            — A me pare che una morale che prescinda da premi e punizioni ultraterreni sia possibilissima, anche se più difficile. —

            Se fosse più difficile sarebbe possibile rilevarlo a livello empirico, riscontrando un comportamento più corretto tra le persone che credono che non tra le persone che non credono.

            Ma studi del mio genere non mi constano, e la mia personale (dunque limitata e irrilevante) esperienza va in direzione opposta…

          • PinoMamet says:

            Mmm

            in effetti la mia personale esperienza è che i credenti (in qualunque religione o filosofia equiparabile, tipo il buddhismo) tendono a essere un filino meno egoisti dei non credenti.

            Per quanto riguarda crimini&reati non ho statistiche, neanche personali o spannometriche, da confrontare.

            Tra i credenti però non ho contato i ciellini, che sono una categoria a parte e che farebbero pendere la bilancia nettamente a favore dei non-credenti :D

          • habsburgicus says:

            (premesso che, pare, nessuno mi ha capito..né temo mi capiranno ora :D io amo le questioni di pura teoria e deduzione logica e parlavo teoricamente, non alludevo a nessuno, ci mancherebbbe..lo so benissimo che ci sono moltissimi “non credenti” che si comportantao “meglio” di molti credenti o sedicenti tali :D e in più mi riferivo a condizioni che, se si stanno realizzando, non si sono ancora realizzate :D e ho detto pure questo ! e su ciò che sia “meglio”, si veda il P.S

            Sarebbe bello (vana speranza :D) che questa discussione non sia obliata da qualche studioso verso il 2280 (epoca in cui, secondo me-e se non ci saranno cambi oggi non pensabili umanamente-ci sarà la società “atea assoluta” in Europa..c.a 2180, scomparsa di ogni religione, più altri 100 anni per eliminare ogni “soprastruttura”)
            Allora i posteri vedranno se ho avuto ragione io o Z :D o magari nessuno dei due :D
            (se il mondo durerà fino ad allora :d)

            P.S: io accetterei anche la posizione “mediana” di Pino…sono però più pessimista di lui sulla natura umana :D e la radice della mia posizione è quella
            dovete ancora spiegarmi poi cosa sia il “Bene” o il “Male” se non c’è una religione che lo definisca (o almeno una filosofia..che è un surrogato :D ovviamente la “società atea assoluta” implica a fortiori la scomparsa anche della flosofia “forte”..sennò non vale, eh !)

          • PinoMamet says:

            “dovete ancora spiegarmi poi cosa sia il “Bene” o il “Male” se non c’è una religione che lo definisca”

            Non credo sia necessario scomodare una religione per definirlo.

            Il Bene è ciò che l’uomo, per istinto innato, trova tale: aiutare altre persone, per esempio.
            Il Male il suo opposto.

            Oppure, il Bene è ciò che crea un beneficio per tutti, o comunque per altre persone, il Male è ciò che lo nega, o che danneggia altre persone.

          • habsburgicus says:

            Il Bene è ciò che l’uomo, per istinto innato, trova tale: aiutare altre persone, per esempio.

            e chi lo dice che sia così ? :D

            P.S
            non tanto per te, che comprendi bene le cose..ma eventualmente per altri che sogliono prendere lucciole per lanterne :D
            è chiaro che anch’io VORREI che fosse come tu dici ! semplicemente sono meno ottimista

            P.S 2
            mi viene in mente una frase che, mi sembra di trovi, nel il “Il Cavallo Rosso” di Eugenio Corti, Stalin, ormai vecchio, é inferocito contro i suoi collaboratori che obiettano alle sempre maggiori e sanguinose purghe (Voznesenskij venne purgato nel 1950, per chi non lo sapesse)
            Stalin sbotta furente “e poi chi lo dice che non bisogna uccidere ? lo dice Dio..e voi, rivoluzionari come vi vantate di essere, volete tornare sotto la schiavitù di Dio ?”
            mi pare che abbia colto molto bene la questione

          • Z. says:

            habs,

            ma che importa chi ha ragione? è così bella l’idea che per quel periodo saremo tutti a riposo – salvo per gli sventurati che si torturano pensando all’aldilà, intendo :)

          • Dif says:

            Vorrei aggiungere qualcosa, ma mi pare che Z, Roberto e Pino abbiano espresso bene quello che penso anch’io.
            A Stalin risponderei che non deve uccidere la gente non perchè glielo dice Dio, ma perchè glielo dicono tutte quelle persone che ne verranno a soffrire, le vittime stesse e i loro familiari.
            Mi sembra una cosa facile: fai soffrire qualcuno => fai male.

          • daouda says:

            anche il medico fà soffrire, l’amore stesso fà soffrire…se riduci le cose all’uomo, ti renderai conto che l’etica può essere universale SOLO COME IMPOSIZIONE DEONTOLOGICA.

          • Thyrrenus says:

            Se l’etica è la conseguenza di una pedagogia divina fatta di minacce e ricompense… beh non è etica. Direi che è educazione all’ipocrisia: vorrei uccidere e rubare ma poi c’è Lui che mi vede e che mi fa la bua. Così uno resta semplicemente sempre cattivo: per un’anima che si vede così è necessario un dio punitore. Ma che misera anima. E soprattutto qui non c’è proprio alcuna etica. L’etica non consiste nel rispettare o meno regole che mi sono state imposte in qualche modo ma ha senso solo come insieme di sentimenti ed idee che sono divenute MIE. Mettere un pupazzo che minaccia al posto di dio poi mi è sempre sembrato abbastanza blasfemo. Direi in fondo che hanno bisogno di un dio punitore solo coloro che non sono cresciuti abbastanza, per le più varie ragioni. E che solo un’etica senza dio è possibile, il resto è mercimonio del divino e di se stessi in cambio di un dolcetto ultraterreno.

          • gotcha says:

            @ ROBERTO

            anche a me capita sempre di far notare che ho più roba nel conto, è più forte di me.. e dopo bestemmio!

          • gotcha says:

            @ HABS

            io la mia teoria perfettamente coerente te l’ho dimostrata sopra a proposito del “sollevamento del ceppo da terra”. Bene o male non esistono proprio. ci sono cose che l’uomo fa perché gli piacciono e che non fa perché non gli piacciono. il resto sono tutte “sociodicee”.

          • gotcha says:

            per me il punto l’ha colto Thyrrenus: ammettiamo che ci sia Dio, che chiede alle persone conto delle loro azioni quando si presentano nell’aldilà.
            -Perché hai amato?
            -Perché se non amavo andavo all’inferno!
            -Ma grazie al cazzo!

          • Mauricius Tarvisii says:

            @Thyrrenus

            Io la metto in questo modo: il bene è indicato da Dio e non è in alcun modo premiato. Anzi, spesso è anche “punito” dalle sue conseguenze.
            E quindi perché farlo? Boh! Perché va fatto?

          • daouda says:

            Pseudo Tirreno il tuo è un discorso senza senso perché non puoi sapere se ami/onori o no realmente, ed anzi, per farlo deve essere IN CON PER DIO, tecnicamente l’homo non ama né onora.

            Tu parli di etica TUA, ergo ammetti che appunto non esiste un’etica universale, che è di per sè una contraddizione in termini.

            Per il resto lascia perdere: una vita costellata di successi oppure di soprusi, può essere in entrambi casi segno di condanna o di premio.
            Inoltre la condanna è inveramente cura, mentre il premio è sintomo di malattia.
            In definitiva, Dio Solo.

            Il bene innato è una favola

          • Francesco says:

            grazie del nobile, elevato e lungo dibattito in risposta alla mia questione

            che dimostra, il dibattito, quanto bene ha fatto a me il defunto Don Giussani, che negli anni ’50 coglieva già la necessità di una religione affatto diversa da quella a cui pensate voi quando parliamo di Dio

            è come se le più limitate e ottuse suore del mio paesotto bergamasco fossero le uniche fonti della vostra teologia

            un pò è colpa vostra che di studiare filosofia e teologia non avete alcuna voglia

            :D

            PS l’uomo ha bisogno di un’etica, cerca di costruirla anche senza Dio, il problema è che resti in piedi (etica=senso) non solo quando devi pagare la seconda birra ma quando ti informano che hai un tumore al cervello

            PPS non è ancora il mio caso, se qualcuno si stesse preoccupando

        • daouda says:

          Voi siete abituati a parlare con teste di cazzo.

          Io vi dico che a) la morale vigente è una morale VOLUTA DALL’INGEGNERIA IDEALISTICA SOCIAL-STATALE.
          Chi? Lasciamo perdere.
          Sono religiosi loro? Sì.

          Calcolando poi che tutto quello che siete deriva dai vostri antenati che tutti erano religiosi, realmente SI, non c’è morale senza religione.
          Tutte le norme che avete le avete apprese tramite religioni.
          I sacrifici umani sono immorali? Un tempo no per dire, come potrebbe non esserlo più lo stupro…ed un tempo no per dire…

          Ora il discorso verte su Dio semplicemente perché la legge naturale abbisogna di principi primi e fini ultimi , veri e validi ( in ambito qualitativo la metafisica, in ambito quantitativo la matematica , per dire ) la cui intuizione immediata susseguentemente proiettiva comporta il contatto con realtà celesti.
          Ogni scienza è di per sè, se fosse integra e combaciante i due aspetti, un’illazione illustrante la grandezza del divino.
          I dieci comandamenti sono difatti robba da gente sana di mente. Robba naturale. Robba da religione naturale, laddove il rilegare collega l’alto ed il basso immanentemente.
          Ma il cristianesimo è una religione trascendente , come solo alcune vie iniziatiche sono.
          Non si può ad esempio imporre il monogamismo assoluto per dire, o l’impossibilità di poter esporre denuncia.
          La riflessione sull’etica è di per sé religiosa,c he lo vogliate o no.

          • daouda says:

            ergo le religioni deviano la morale perché sono storte religioni.
            Difatti oggi c’è una religione , e quelli che ci governano la hanno. Tutto torna.

            Che tu la abbia o no, la religione, sai quanti fanno i religiosi e non hanno Dio, visto che la religione è un mero mezzo?
            Figurati questi che ti vogliono solo succhiare il sangue, che cazzo gli frega che tu abbia una religione, SE NON LA VERA E VALIDA INTEGRALE RELIGIONE.
            Perché d’altronde è indubitabile che progressi spaventosi come terribili degradazioni sono usciti dal nostro mondo, non da altri.

  128. PinoMamet says:

    Gente, ieri non mi è funzionato internet per quasi tutta la giornata.
    Orrore! Paura!
    Sono sopravvissuto.

    Colgo l’occasione per dire la mia in sintesi su alcune robe:

    -Medjugorje: era ora!
    -Fedez: no, seriamente, a qualcuno interessa ciò che ha detto/fatto/è successo a Fedez?
    -Ateismo: succede. Non si chiamava “il dono” della fede?

    • roberto says:

      stavo per chiamarti perché mi preoccupavo
      :-D

    • Z. says:

      - Medjugorie: fatti loro, io sono ateo!
      – Fedez: sì, interessa, visto che i Grillotravagli ce lo rivendono come Giovine Pensatore Indipendente (vedasi a tal proposito: Bella M., Burt C., Contini B.,);
      – Ateismo: d’accordo con te :)

      • gotcha says:

        Ma fedez c’ entra qualcosa con la ditta di trasporti? Secondo me sarebbe in gamba come corriere. E’ gentile, ha senso dell’orientamento, si prende il suo bel furgoncino.. Anche fedez-corriere espresso suona bene: nel logo dovrebbe allungare il tratto finale della z, che poi smarrisce, a significare che quando scarica il tuo pacco, alzi lo sguardo ed e’ gia’ partito..

    • Thyrrenus says:

      Eh dai succede, io mi infliggo un po’ di astinenza comunque anche quando non forzato. Adesso poi la campagna e i boschi tedeschi invitano alle scampagnate e in città le donzelle sono più sorridenti e … scoperte (boh, ci sono anche quelle velate che lanciano sguardi curiosi dagli occhioni neri, trovo intriganti le une e le altre …).
      comunque:
      Medjugorje: ahhh si respira di nuovo!
      Fedez: Fedez chi? Ah, quello. Neanche troppo male quel che cantarella ma non mi sembra debba essere la notizia del giorno…
      Ateismo: spesso mi viene voglia di abbracciarlo, specie negli ultimi tempi, da quando ho preso a leggere regolarmente il blog…

      Sul cambiare religione: ma scherziamo? Ancora un’altra conversione all’ennesima religione che ci arriva dall’oriente? Mhm, sempre meglio di quella che ci ha invasi dall’occidente con tanti buoni cattolici che si van trasformando in neoevangelici straottusi. O quella (ma è imparentata con codesta) che ha fatto diventare credenti, atei ed agnostici dei credenti nel dio neoliberale.

      • Mauricius Tarvisii says:

        Ateismo: spesso mi viene voglia di abbracciarlo, specie negli ultimi tempi, da quando ho preso a leggere regolarmente il blog…

        Abbiamo questo effetto deleterio? ;-)

        • Thyrrenus says:

          Beh dai un pochettino ;)
          Comunque ammetto che mi piace trovare gente così diversa … il mo amore per la polivocità e pluralità ne è un po’ affascinato …

          • Mauricius Tarvisii says:

            Tu considera che nessuno qui dentro è rappresentativo di opinioni diffuse, quindi tutto ciò che viene scritto o omesso non è indicativo di alcunché.
            Cambiare campo per una cosa letta qui è come diventare anticomunisti credendo che Renzi sia l’erede del PCI :lol:

          • gotcha says:

            mi sembra giusto, anche perché, cambiando l’ordine dei fattori, la frase è corretta:
            divento renziano credendo che il pci sia erede dell’anticomunismo.
            divento anticomunista credendo che il pci sia l’erede di renzi.
            divento comunista credendo che gli anticomunisti siano gli eredi di renzi.
            e così via..

          • Thyrrenus says:

            Va bene va bene non diventerò ateo contenti :)

          • Z. says:

            MT,

            due cose.

            La prima, più trascurabile: il PD, oggi guidato da Renzi, è effettivamente l’erede del PCI così come della DC. Può piacere o meno, ma è così. Questo quanto all’eredità formale: quanto a quella spirituale io la penso esattamente come Marco Rizzo, ossia che Renzi sia il figlio del compromesso storico tanto voluto da Berlinguer. Ma qui il discorso si farebbe lungo.

            La seconda, ben più importante, è che mi sento sminuito. Già ero passato da oscuro lobbista di un misterioso gruppo segreto a membro di un gruppo di bazurloni che scrivono cose irripetibili da geppetti DOC, e ci ho messo tempo per riprendermi. Ora scopro di essere passato da influente autorità e mettrapensé del Partito bolognese a persona “non rappresentativ[a] di opinioni diffuse”.

            Per citare Miguel, è un po’ come pensare di essere James Bond e scoprire di essere, bene che vada, Pollari!

          • gotcha says:

            giusto. il presente modifica sempre il passato. succede sempre. aveva voglia marx a scrivere libri.. se io do un calcio al mio padrone, posso modificare il passato e tutta la lettura materialista degli eventi. ma renzi i calci li da a pro evolution soccer..