The Roaring Arno, the Slaves and Two Little Girls on a Tree Stump

Somewhere, far away, there lives a friend of mine.

An English speaker, so I reply in English.

My friend is one of those people who see things very differently from me, and probably, and precisely because of this, can help to see better.

This dialogue began as a discussion about demonstrations in one of the most unlovely parts of Rome against a group of refugees from various countries that the town administration had decided to dump there.

My friend, who has a healthy instinct for fighting against what he perceives to be the trend of our times, saw something positive in these demonstrations, adding comments against immigration into Italy by people from other countries, and something about an entity called the “White Race”.

Here, we believe that every voice must be listened to, thought over and if necessary answered. And this is what came of my answer.

Let me start with Florence, though you started with the outskirts of Rome.

This is only because I know every street in my district, and feel a lot more at home among these stones than among the crumbling high rise buildings that real estate speculators and mafiosi built in Rome in the Fifties and Sixties.

Buildings which slowly replaced the baracche, the tin-and-wood shelters where a picturesque humanity of labourers, prostitutes, petty thieves and others – from southern and central Italy – used to terrify the middle class of the centre of Rome: young coatti from the periferie used to come in from their other world every now and then and get fun out of punching well-dressed youths (special marks if they could strip off their fashion design jackets or boots).

I am curious about the expression you used – the White Race.

I know that in the USA this is something many people believe in, but it sounds truly out of place in Italy, where physical appearance never determined people’s fate (money mattered a lot more); and nineteenth-century positivist ideas about physical heredity are certainly not part of the Italian tradition, even though Cesare Lombroso was Italian.

Now, you suggest that Florence should find its gene pool and go back to the White Race.

Let me tell you a few stories.

Florence has always been split in two by the Arno river, which is full and powerful and noisy and brown these days, one could spend hours just listening to its roar, feeling the water spray in one’s face and watching the sea gulls.

On the northern bank, very basically, the rich and powerful, on the southern bank, the poor.

Which is why in Roman times, the northern bank stayed pagan almost until the end, while the southern bank, our Oltrarno, largely inhabited by Syrian immigrants as the excavations in Santa Felicita have shown, was the area of the people kept “out of the walls” and of the first Christians.

The first saint of Florence, Miniato, who – the legend says – after having been decapitated, proudly picked up his own head and took it to the top of the hill overlooking the Arno, is supposed to have been an Armenian prince. Or maybe he wasn’t, but the Florentines would have liked it that way.

The part of the Oltrarno I live in is the parish of San Frediano – dedicated to an Irish saint – but clusters around the Carmelite church and convent, established in 1267 to host the order recently reorganised by the Englishman, Simon Stock.

It is worth mentioning  that in the Carmelite archive, there is a sixteenth-century document which is supposedly the transcript of a document of May 1st, 743, signed by the notary Rainerio di Simone, stating that the area was given to seven Carmelite friars fleeing from persecution by “King Omar of Arabia”. Though the document was obviously false, it shows how times have changed: refugees from the East brought legitimacy rather than fear.

Florentines have always been an ethnic mixture, and not only because of all the British (once one quarter of the population), Russians and Germans who settled there in the nineteenth century.

As one of the richest cities of Western Europe during the Renaissance, it drew immigrants from all over Europe, together with a large numbers of slaves.

Florentines at first bought their slaves from the Venetians and Genoese, but later procurement was done directly by the Tuscan Order of the Knights of Saint Stephen: the records of this order of pirates tell of the capture and sale of about 14.000 “Turks” between 1543 and 1642.

Slaves were mainly “Tatars”, Greeks, “Blacks”, Russians, Turks, “Saracens” from North Africa and people from the Caucasus.

A pretty female slave, in the 1370s, cost up to 70 florins; as soon as they bore children to their owners, the offspring would be sent to Florence’s numerous orphanages, giving rise to probably the most common Florentine surname, Degli Innocenti. Though it should be said that the son that Cosimo de’ Medici had with a Circassian slave proudly bore his father’s name.

The Archiepiscopal records of Florence contain a long list of “Turk”, “Moor” and “Negro” slaves who asked for baptism between 1599 and 1724 in the baptistry where every person born in the city, on Saint John’s day, was admitted into the community of the Florentine people.

As late as the seventeenth century, about twenty percent of the population of Livorno, the port of Florence where the largest slave market in Tuscany was held, was made up of North African slaves, who by the way had a right to their own mosque, the first in Italy. And Livorno was the only port in Italy where Muslim galley slaves were allowed to sleep on land and not chained to their oars.

Grand Duke Cosimo II also gave special privileges to any (free) foreigner willing to settle in Livorno, a reason why there is still a large Armenian colony there.

And today there is a large and deeply religious Georgian colony, which celebrates its four-hour-long Mass every Sunday in the church of Santa Elisabetta delle Convertite, a short walk from my home (the “Convertite”, of course, were former prostitutes).

Now all of this fits smoothly into the physical setting of our part of the city: changing family names, changing appearance of people, is something of small import as long as the streets continue to be narrow and the paving stones disjointed; as long as every time you go out of your house, you can greet people and chat with them; as long as there is respect for what all the past generations did here, whether blood ancestors or not; as long as people are still poor enough to smile and joke.

Obsession with blood and titles is a characteristic of those who have neither: think of the fantastic array of pseudo-Orders of Malta which make a living turning mechanics into knights.

What does matter is where the blood flows, which is into our children: a community arises much more around the healthy need to have our children live well, than on fixation about the past.

Because the past, for somebody who loves history like I do, is an extraordinary resource, and in a place like Oltrarno, you feel it in everything. But at the same time, the terrible thing about it is, you cannot change anything about it: whatever you do, the horrible things the Turks/the Greeks/the Germans/the Ancient Romans/the Jews/the Russians/the Muslims/the Shiites/the Christians (etc. etc.) did to somebody fifty, a hundred or a thousand years ago, will never change.

Ghosts, they say, keep repeating the same things, cursing the same hands, without any chance any more of changing the bloody spots… and they instill their obsessions into the heads of the living.

Touch each stone, think how old the tree is, think of the procession of incredible geniuses and artists that used to walk these streets, but never let the past eat you alive: this is what tradition, in the best sense, may mean.

Rather, think about what you can do, how to keep and transmit living beauty, never let your enemies, real or imaginary, eat up your brief life…

Living in these streets means that there is a true feeling of community, a kind of economy which arises from sharing all kinds of little things (“sorry, could you pick up my child at school tomorrow, because I’ll be late – Oh, I have good olive oil to share, come over and I’ll give you some!“), interest in what the old people say, because they speak to us about our places and our lives, and an eye which can see and think over each thing that happens to our world.

This means that Anastasia, who is a Rom from Romania with a pretty Indian face, not only cleans houses during the day, and works as a cook in the evening in the restaurant, but lives in a  small flat with lovely wooden beams centuries old, where the children of her daughter’s class come together – the other day they were all intensely studying Ancient Greek history.

What can destroy this?

There are many converging elements, but I’ll speak of one.

There is a lady who used to have a bakery downstairs.

Though she inherited it from her parents, she never bought it, just rented it. She is a many-generation Oltrarnina, who has the same rough friendliness towards all the people “like” her that drop in, whether they be Florentines too, or Neapolitans or Senegalese or American.

The other day, I found her bakery had been closed down. I tracked her down to ask.

She replied, “my landlady said I had to pay 5,000 euros a month rent or get out”.

Now, who can pay 5,000 euros a month rent, for a shop? The only people who can do it are the mafia, who can easily invest that amount, but want to get at least ten thousand euros a month out of it. And there is only one way to do that: sell hard liquor to young people, put on blaring music and keep the place open all night.

Who are the young people? Mostly Americans, belonging to the White Race (it doesn’t matter to me, but it appears to matter to some people), because they come from families rich enough to send them over to drink for a year at one of the 43 American universities which have branches here in Florence.

When residents find tall blonde girls shrieking, vomiting or making love at three in the morning outside their windows, they tend to move away.

And the community life which had held on for two thousand years begins to break up.

Yet, a part of the community life are Americans too, people who appreciate the district, want to learn something of the life, love the art. A lot of them are tall, blonde and fine people: the violent and destructive flow of capital cares little about people’s appearance.

Every community has to face some Ceauşescus, as did Romania’s villages.

Ceauşescus come in many varieties: some tell you that Industrial Progress under the State is the answer to everything and send the bulldozers in to save you from reactionary superstitions.

Some tell you that the Free Market and Capital will solve every problem you have, and if you lose your house and job, who cares, all this global planet is the same, just move along, move along, and if your mind isn’t where the market trend is fluttering, you deserve to sink into the mud.

And some come and tell you that you have to rip out part of yourselves, part of your living body of people, to satisfy some abstraction they call race.

But one must never give one’s lives to these Ceauşescus, even by thinking too much about them. The worst thing your enemy can do to you is pervert your mind, by making you thingk about him.

Growing once again on this sliced trunk, in the garden they stole from us, looking at the hidden back of the Basilica di Santa Maria del Carmine, where the Renaissance began…

Print Friendly
This entry was posted in esperienze di Miguel Martinez, Il clan dei fiorentini and tagged , , , . Bookmark the permalink.

314 Responses to The Roaring Arno, the Slaves and Two Little Girls on a Tree Stump

  1. habsburgicus says:

    the transcript of a document of May 1st, 743, signed by the notary Rainerio di Simone…King Omar of Arabia….Though the document was obviously false

    yes, it’s a forgery…
    e,g, in VIII th century surnames (cognomina) weren’t used…
    if May 1st 743 is in the original, it’s another proof of forgery..I don’t think that in Lombard Tuscany in the first half of VIII th century was in use the so-called Dionysian or Christian era
    Omar of Arabia is highly suspect too !

    • Francesco says:

      addirittura?

      nel 700 e nespole non si usava il calendario cristiano in Italia? e come misuravano il tempo?

      ciao

      • habsburgicus says:

        ti rispondo in italiano, che preferisco :D
        diciamo che sino a praticamente tutto il VII secolo d.C l’Era cristiana non si usava DA NESSUNA PARTE (intendiamoci i dotti già la conoscevano e facevano computazioni soprattutto per il calcolo della Pasqua..e da lì che nacque l’Era dionisiana, in quanto Dionysius Exiguus, monaco della Scythia Minor cioè Dobrugia romena, cristiano devoto, si scandalizzò che si usasse, soprattutto in Egitto, l’Era di Diocleziano con partenza dal 29 agosto 284 d.C, cioè si perpetuasse il ricordo di un odioso persecutore; dopo di lui, nei successivi 150 anni, vi è qualche esempio di Era cristiana in documenti puramente ecclesiastici, ma non in atti pubblici per il momento)
        l’Era cristiana iniziò ad essere usata in modo ufficiale in Inghilterra nell’ultimo decennio del VII secolo d.C per influenza monacale (vi sono alcuni atti così datati) e poi il grande Beda la popolarizzò
        dal mondo anglosassone si diffuse tra i Franchi ma, per quanto ne so, non ancora sotto Carlo Martello e in casi rarissimi sotto Pipino il Breve (751-768 d.C)
        la stesso Carlo Magno (768-814 d.C, Imp da 25/12/800 d.C) la usa pochissimo, ma gli Annali (che però talvolta sono posteriori) già la usano
        diplomi autentici di Carlo Magno con l’era cristiana ESISTONO ma sono una rarità
        in Italia credo di potere affermare (posso sbagliare, eh) che NON ESISTANO DOCUMENTI LONGOBARDI AUTENTICI datati in Era cristiana
        se ti mostrano un documento longobardo datato anno Domini DCCXVI (716), è farlocco :D quasi certo :D quantomeno è necessaria una dimostrazione della sua autenticità
        ecco perché 743 d.C , epoca longobarda (finita solo nel 774) è ipso facto impossibile..o almeno sarebbe una scoperta grandiosa !
        i Papi non la usavano neppure loro, anzi tardarono fino al X secolo ! (più degli altri)
        nel IX secolo, con Ludovico il Pio (814-840 d.C) incomincia a diffondersi e nel X secolo è dominante Oltralpe e importante in Italia (meno al Sud però)
        dopo il Mille diventa sistema universale nell’Orbe cristiano
        tranne nella Penisola iberica ove si continuò ad usare l’Era spagnola (devi sottrarre 38) quando, ad esempio, degli annali portoghesi ti dicono che Conimbra fu presa dai Cristianni Era DCCCCXVI (916) vuol dire che fu presa in 878 d.C ! non nel 916 !
        in Catalogna l’Era cristiana fu introdotta nel 1180
        in Aragona nel 1350
        in Valencia nel 1358
        in Castilla y Leon nel 1383
        in Portogallo nel 1422

        Bisanzio mai la conobbe; usava (certamente dal IX secolo, primi esempi a fine VII secolo, pare) l’Aera Mundi con partenza dal 1/9/5509 a.C
        in Russia fu in uso sino al 1700; per i Russi l’anno 7000 andava dal 1/9/1491 al 31/8/1492 d.C
        ho visto un documento in un monastero romeno datato 7250=1 settembre 1741-31 agosto 1742 d.C
        nei Principati romeni (Valacchia e Moldavia) pare che l’abitudine dell’Aera Mundi cessasse con l’occupazione russa del 1768 al 1774 in cui fra l’altro fu introdotta la prima loggia :D..in ogni caso non conosco documenti romeni (in cirillico, of course) posteriori al 1768 che usino l’Aera Mundi
        noi in Italia nel VI e VII (e pure VIII secolo) usavamo
        i post-consolati imperiali calcolati o al modo marcellinianus dal comes Marcedllinus o al modo vittoriano da Vittore di Tunnuna, entrambi del VI secolo (ad esempio il 664 d.C è anno XXII, o XXIII secondo l’ altro compito, post consulatum D.N Constantini Pii Felicis semper Augusti, cioè Costante II che fu l’ultimo ad assumere, almeno secondo il Pagi e lo Stein, il consolato il 1/1/642 d.C; secondo altri l’ultimo fu Eraclio il nuovo Costantino il 1/1/632 d.C, che sarà quel Costantino III che regnlò brevemente dopo Eraclio da feb a maggio 641 d.C)
        gli anni dei Re longobardi
        in terra bizantina pure gli anni imperiali e le indizioni

        • mirkhond says:

          I Longobardi che calendario utilizzavano?
          Per quello bizantino, posso confermare che ancora nel tardo XV secolo, era utilizzata almeno in Terra di Bari, la data del 1 settembre come inizio dell’anno.
          Come da un documento del 1487 in cui il re Ferdinando I d’Aragona (1458-1494) perdona il duca di Atri, conte di Conversano, Andrea Matteo Acquaviva, uno dei capi della rivolta dei baroni del 1485-1486, togliendoli però il marchesato di Bitonto (in mano agli Acquaviva dal 1463 al 1486), concedendogli in cambio Martina Franca!
          Cosa che Andrea Matteo non avrebbe digerito mai, sperando per tutta la sua vita (e tentandoci per tre volte, nel 1495-1496, 1502-1503 e 1528, in occasione delle discese francesi in Napolitania, di riprendersi Bitonto. E tutte e tre, fallite! :) ).

  2. habsburgicus says:

    and Carmelite friars, and every brand of friars, are highly anachronistic in that century !
    although, Carmelite tradition puts its foundation in Elijah prophet’s times (nine centuries BEFORE Our Lord Jesus Christ !)

  3. habsburgicus says:

    Though it should be said that the son that Cosimo de’ Medici had with a Circassian slave proudly bore his father’s name.

    or, how ancient Romans said, “quod livet Iovi non licet bovi” or in Italian vernacular “c’è chi può e chi non può”

  4. habsburgicus says:

    Obsession with blood and titles is a characteristic of those who have neither:

    it’s right…
    Confucius couldn’t have been more wise !

  5. habsburgicus says:

    Every community has to face some Ceauşescus, as did Romania’s villages.

    and the Romanian one wasn’t the worst !

    • Peucezio says:

      Habsburgicus, e ti ci metti pure tu…!

      • habsburgicus says:

        @Peucezio

        se è per l’uso della lingua albionica, la ragione è semplice….ho pensato non fosse gradito il commentare in italiano…in effetti il post è splendido, avrebbe potuto benissimo essere nella lingua di Dante; se Miguel l’ha fatto in inglese avrà avuto le sue ragioni (e le ha accennate); mi pareva dnque non opportuno, considerando anche il fatto che io sono stato il primo a commentare, utilizzare la nostra lingua…
        lo so, tu mi dirai, che mai un francese si sarebbe fatto tali scrupoli…e naturalmente, se lo dicessi, avresti ragione !
        vedi che, quindi, anche da una piccola cosa si può partire per un bel discorso sulle differenze culturali ? :D

  6. Marco says:

    Dear Miguel,
    I know well your honesty and intelligence. I deeply respect you and your blog. And yet, for God’s sake, how can a wise person like you defend the gipsies is a mystery to me.
    Please accept my very best wishes,
    Marco

    • izzaldin says:

      @Marco
      I think gipsies can easily defend themselves, they don’t need Miguel’s intervention.
      What (I think) Miguel is trying to do is to defend his friends and his community from speculation and hatred.
      The fact that some of his friends are Romanian gipsies or Americans or Sicilians or born-and-bred Oltrarnini doesn’t really matter. Or, maybe, it matters for people like you, not for him.
      I will never understand why, for some people, heritage means so much.
      Maybe it’s some sort of mental illness.
      Cheers,
      Izzaldin.

      • Marco says:

        I think gipsies can easily defend themselves

        I fully agree. To attack people is usually their best defense.

        Or, maybe, it matters for people like you, not for him.
        I will never understand why, for some people, heritage means so much.
        Maybe it’s some sort of mental illness.

        Maybe it’s dignity. Please think about you. Do not insult people only because they do not share your ideas, in typical radical-chic fashion. Try to live with gipsies, and then report to us your wonderful experience.

        • izzaldin says:

          Radical chic? Do You even know what that means?
          Do you think all gipsies are the same?
          Do you think they are all dirty and violent and filthy?
          To say “all gipsies are garbage” is like saying “all americans are serial killers” or “all black people are ignorant”.
          This is called paranoia.
          As Miguel was trying to explain you, ethnic diversity is something we, in Italy, know very well.
          I understand that your point of view consist of a white race superior to all the others.
          But here it doesn’t work.
          We are all gipsies, we are all ethnically mixed.
          I’m not insulting you, I’m just detecting paranoia.

        • Z. says:

          A dire il vero io sapevo che gli zingari non sono tra i popoli più “etnicamente mischiati”.

          Anzi, ricordo di aver letto che sono tra i popoli più “ariani DOC” che esistano, e che i nazisti ebbero il loro faticare per definirli “razza impura”.

          Naturalmente se ne uscirono con non so che pseudo-ragionamento farlocco e li deportarono lo stesso…

  7. Dear Marco

    “I know well your honesty and intelligence. I deeply respect you and your blog. And yet, for God’s sake, how can a wise person like you defend the gipsies is a mystery to me.”

    Thank you for your compliments :-)

    A good question, because it shows where questions can lead, if we think them over.

    Actually, I never defend “the Gipsies”, because I don’t believe they really exist. And especially, the Gipsies or the Rom (I don’t care which word one uses) don’t think they really exist: they never feel themselves to be more than this specific family, trying to survive in a tough world.

    Paradoxically, this is the real basic difference between Gipsies and everybody else who think they belong to some collective unit.

    I didn’t mention our Rom friend to “defend” her – actually, nobody thinks of her as an enemy, so why should I defend her?

    I have spent almost half my life very close to certain Rom/Gipsies, who have deeply changed my way of seeing things. And have made my life much simpler.

    A lot of what I am is due to certain Gipsies. And even to one very nasty one, who swore he would kill me when I helped his wife escape from him :-)

  8. Izzaldin

    “I will never understand why, for some people, heritage means so much.
    Maybe it’s some sort of mental illness.”

    Actually, living in a place like Oltrarno, you realize that heritage is very important. Actually more important than spermatozoa :-)

    Heritage is something you deserve, through respect, interest, love…

    • izzaldin says:

      I get your point, but what I was trying to say is slightly different.
      I understand when people are interested in THEIR OWN heritage: if you are american, it’s normal that you want to know if your ancestor were Irish, Dutch, or Seminole or Armenian headless walking priests or whatever…
      What I really can’t understand (and I label as a mental disturb) is how in the hell people can judge other people (or even large groups of people) by their ethnic group. And, most of the time, this leads to prejudice, fear and hate.

      • Marco says:

        And, most of the time, this leads to prejudice, fear and hate.

        I do not hate anyone. But you can’t force me, in the name of your own personal humanitarian ideology, which lives only in the realm of ideas, to love people that use to bag-snatch and cheat other people. A “gypsies camp” is quite close to my home, and I’ve often witnessed terrible things. These things that I call facts, you call prejudices. While I could make many examples based on real facts, you talk about feelings as if you weren’t a human being who feels fear and hate. Are you exempt from them? Do tou think to be enlightened, perhaps? And, for God’s sake, why people like the gypsis or whatever you wish to cal them –who claim they do not like to work and therefore are forced (!) to live by devices– are financially sustained by many municipalities, while many Italians are not?

        • izzaldin says:

          I am not enlightened, but I live very close to a gipsy camp, and we never experienced any kind of problem.
          I have recently been to Rome, and I noticed that, at the station, there are dozens of gipsies pickpocketing and disturbing travelers.
          I understand that it id a problem.
          But I lived 20 years near a camp and NOBODY never had to complain.
          And the same is for Miguel.
          And you know why?
          Because in my city (as is in Oltrarno) there are have been contacts between the communities that lead to mutual comprehension.
          Not love, not friendship. Just pacific coexistence.
          What you can’t understand is that IT?S NOT BEING GIPSY THE PROBLEM.
          The problem begins when fear replaces communication.
          And that is exactly your case.

  9. Dear Marco

    “Maybe it’s dignity. Please think about you. Do not insult people only because they do not share your ideas, in typical radical-chic fashion. Try to live with gipsies, and then report to us your wonderful experience.”

    Did I insult you?

    I thanked you for the nice things you said.

    I once had ten Gipsies living in my house, and I lived for a while in a Gipsy camp.

    I still laugh when I think of all the incredible people I got to know. Some good, some bad, of course.

    What I wonder is, what makes you so determinedly hostile to “the Gipsies”, as some kind of collective being?

    Why is that speaking of Anastasia working in a restaurant, and her daughter studying Greek history with her classmates, bothered you?

    Why do you feel that a ten year old girl who is trying to understand the difference between Minoans and Myceneans is “attacking” you?

    • Marco says:

      Veramente avevo risposto a quell’altro, col nome impronunciabile, che mi aveva dato del folle.

      • izzaldin says:

        I am not enlightened, but I live very close to a gipsy camp, and we never experienced any kind of problem.
        I have recently been to Rome, and I noticed that, at the station, there are dozens of gipsies pickpocketing and disturbing travelers.
        I understand that it id a problem.
        But I lived 20 years near a camp and NOBODY never had to complain.
        And the same is for Miguel.
        And you know why?
        Because in my city (as is in Oltrarno) there are have been contacts between the communities that lead to mutual comprehension.
        Not love, not friendship. Just pacific coexistence.
        What you can’t understand is that IT?S NOT BEING GIPSY THE PROBLEM.
        The problem begins when fear replaces communication.
        And that is exactly your case.

      • Z. says:

        Non per fare il guastafeste – o il troublemaker, se preferite – ma siccome a quanto pare qui l’italiano lo leggiamo e lo scriviamo correntemente… se provassimo a scrivere in italiano?

        :D

  10. Peucezio says:

    Traduzione no, eh?

    • Z. says:

      Ti ho forse insultato?

      Io ti ho ringraziato per le cose gentili che mi hai detto.

      In passato dieci zingari hanno vissuto a casa mia, e io stesso ho vissuto per un po’ in un campo di zingari.

      Ancora rido quando penso a tutte le persone incredibili che ho avuto occasione di conoscere – alcune buone e altre cattive, naturalmente.

      Ciò che mi chiedo è: cosa ti rende così tenacemente ostile a “gli zingari”, considerati come una sorta di entità collettiva?

      Perché la storia di Anastasia che lavora in un ristorante, e di sua figlia che studia la storia greca con i suoi compagni di classe, ti ha dato fastidio?

      Perché una bambina di dieci anni che cerca di capire la differenza tra Minoici e Micenei la percepisci come una “aggressione” nei tuoi confronti?

      (Z., indegnamente in funzione di vice-Miguel, per non costringerlo a portarsi il lavoro a casa :) )

      • Peucezio says:

        Grazie Z.!
        Sarei stato interessato alla traduzione del post (se mi ci metto, con calma, lo capisco, ma non m'”ingozza”, come si dice dalle mie parti).
        Comunque non importa.

  11. Marco

    “Did I insult you?”

    Sorry, I made a mistake… you were replying to Izzaldin!

  12. Marco

    “I do not hate anyone. But you can’t force me, in the name of your own personal humanitarian ideology, which lives only in the realm of ideas, to love people that use to bag-snatch and cheat other people.”

    Ok, let’s separate Izzaldin from me (he’s a nice person, by the way!).

    I have no humanitarian ideology.

    Indeed, I have no ideology and I give no special importance to human beings.

    Actually, in all my years of close contact with “Gipsies”, I personally was never cheated or had my bag snatched.

    I was cheated by a person from Piacenza and one from Hamburg, but neither was a Gipsy :-)

    Try to understand me: I have no reason to believe that Gipsies are more honest than the average people from Piacenza or Hamburg; I am not defending any category of human beings.

  13. Dear Marco

    ” And, for God’s sake, why people like the gypsis or whatever you wish to cal them –who claim they do not like to work and therefore are forced (!) to live by devices– are financially sustained by many municipalities, while many Italians are not?”

    I don’t know how many Gipsies/Roma you know personally… the ones I know either have a job, or ask me whether I can help them find one.

    While Anastasia works (she starts in the morning cleaning people’s houses and works on until late in the night cooking in a restaurant), D. with her two children is always pestering me for any kind of work.

    Neither Anastasia nor D. ever claimed they DO not like to work…

  14. Marco says:

    The problem begins when fear replaces communication.

    Try to communicate with people that bag-snatch you, like you have witnessed in Rome (where I live).

    And that is exactly your case.

    Thank you. Differently from you, I fear some kind of people. Differently from you, I’m not enlightened. Please be patient with me, and pray that once I will share your own kind of nirvana, where gipsies communicate and anything goes.

    • izzaldin says:

      I am sorry if my words sounded insulting to you. Really, I shouldn’t have used the expression “mental illness” and i deeply regret using it.
      What I was trying to explain it’s that me and Miguel had a very different experience with gipsies.
      As I said before, I have recently been to Rome and I noticed what I never saw in my hometown (Palermo): dozens of gipsies pickpocketing and harassing travelers, and I understand that this is a problem when it comes to relate with them.
      But it is not always like this.
      As Miguel said, his gipsy friends are hardworking people. As i can say from my experience, you have to fear italians, not gipsies, in my hometown. :)
      I am not enlightened, I just happened to live in a situation where gipsies are not THE problem, and the same is for Miguel.
      Again, i express my regret for those words that sounded as an insult.
      Maybe it’s just different experience that lead us clash.
      Cheers,
      Izzaldin.
      p.s.
      just think for one moment: if I had bad experience in the US with black people, and I started saying that they are animals, inferior to other humans, would it be tolerated? would it be right?

      • marco says:

        Thank you. Let’s bury the hatchet!

      • Z. says:

        Scultiv un atum, tabéch: a la vliv fè fnida ‘d dscorrar in ingles?

        Guardiv che si no me a tach a dscorrar in dialett rumagnol, Pino e taca a dscorrar in t’e dialett dla campagna ‘d Parma, Peucezio e e Duca i taca a dscorrar in bares e e dventa tott pezz che la Torr ‘d Babele.

        A sen intis?

        :D

        • izzaldin says:

          hahaha!
          :)

        • Francesco says:

          terùn!

          come direbbe qualche mio commilitone alpino orobico se ti sentisse

          :)

        • Peucezio says:

          “Peucezio e e Duca i taca a dscorrar in bares”

          Z., la cosa si fa ancora più preoccupante, perché ora non solo ci sono le OMDAreciproche, ma mi leggi pure nel pensiero.
          Una mezza idea di scrivere nel mio idioma nativo ce l’ho avuta.

        • PinoMamet says:

          Guerda ca s’at tac a discurrar in rumagnol am sa ca mi a capiss tutt ;)

        • Z. says:

          Pino, te at capess tot i gnacosa, al so magari. Ma te at stè in t’e Mond, miga in ch’al landi d’i furstir. I lumbèrd, i piemuntés e qui d’la basa Italia cossa ai da capì, i purétt? L’an è brisa colpa lò s’i sta in chi broti pustazi :D

        • PinoMamet says:

          Pr’adess gh’è ètar che i abitant dal Mond ;) e i pugliés a dscorrar in t’la lingua madre…
          aspet Izzaldin in siciliàn, Sburgicus in piemontés e Francèsc in milanés…

          ;)

        • Francesco says:

          magari pudria capir el milanes!

          el mi non sì ma io manco p’a capa

          :(

          gnanco el genoves, del mi oter avolo

        • roberto says:

          decisamente non ho nessun orecchio per i dialetti !
          vorrei vedere se peucezio e mirkhond scrivono qualcosa in barese se cambia qualcosa ma temo di no
          :-(

  15. PinoMamet says:

    Ehi gente, anche io c’ho dei vicini di casa zingari, vi ricordo.

    (Una parentesi: cos’è ‘sta storia delle “gengive nere”? appena mi capita di raccontare dei miei vicini di casa, tutti se ne escono con questa cosa “ma hanno le gengive nere? perché i romeni mi dicono che gli zingari hanno le gengive nere”, beh i miei vicini di casa sono zingari, di origine romena, e non mi pare che abbiano le gengive nere… a dire il vero non ho mai conosciuto una sola persona al mondo che le abbia di un colore diverso dal rosa/rosso)

    insomma, sono dei poveracci e tentano in tutti i modi di lavorare, il problema è trovarlo, il lavoro!

    Oserei dire che sono tra le persone più oneste che abbia mai conosciuto, gli presti 5 euro e il giorno dopo te li riportano, una volta gli ho dato un passaggio (pochi chilometri) e hanno insistito per pagarmi la benzina.

    Intanto gli hanno tagliato il gas e qualcuno (anche la famiglia) li rifornisce di legna da ardere, visto anche che hanno un bambino in età da asilo.

    E ovviamente mi sono beccato le lamentele dei soliti perbenisti, per i quali “è uno scandalo, il Comune gli paga tutto e fregano il posto all’asilo a una mamma che lavora!!

    Beh, si tranquilizzino: il Comune non gli paga proprio niente, in compenso l’arpia che gli ha affittato la mansarda si fa pagare fino all’ultimo euro, e la madre del bambino fa di tutto per lavorare…

  16. marco says:

    il Comune non gli paga proprio niente

    mi scusi ma questa è una buffonata, oppure lei vive in costa azzurra. Chi paga la polizia 24h? Chi ha pagato i prefabbricati ai vari campi di Roma? Come fanno a vivere questi, che stanno sempre buttati nel campo? Sarei anche disposto, per ragioni di ordine pubblico, a pagare per loro: ma che almeno non mi si prenda per i fondelli!

  17. Per Z

    “on per fare il guastafeste – o il troublemaker, se preferite – ma siccome a quanto pare qui l’italiano lo leggiamo e lo scriviamo correntemente… se provassimo a scrivere in italiano?”

    I sent my article to the whole mailing list of the friend I was replying to, and most only speak English.

    No problem if you comment in Italian!

    • Z. says:

      Perché t’avess scrett l’artécul in inglés a l’aveva capì da par me! Quel ch’an so bo ‘d capì l’è perché avì incora da scrivar in inglés, nenca int’i cumment :D

    • Peucezio says:

      Sì, ma ce iè ccusse amìche tu?
      No scrive ddò ninde? No rresponne a cchèdde ca stame a ddisce?
      Nu parlàme ndra dde nù e iìdde e ll’amìsce sù lèscene asselùte?
      Lescèssere…
      Ma ce nu screvime ndagliàne e ttu nge respunne ngiargianèse, chidde capìsscene la respòsta tò, ma non zàbbene a cce ccose si rrespennute.

      • roberto says:

        ah no, peggio che andar di notte…. :-(

        decisamente capivo meglio venturi che scriveva in svedese
        :-(

        • Peucezio says:

          Davvero non hai capito niente?
          Alcune cose effettivamente sono difficili, ma altre sono molto simili all’italiano.

        • Roberto says:

          Transcrivo quanto ho capito:

          Si ma…. Tue amiche
          Non scrive dove….? Non risponde a quello che stiamo dicendo?
          Noi parliamo…e quelle
          …..scriviamo italiano e tu rispondi ….quelle capiscono la risposta tua, ma non…

          Ma ripeto, so di essere un caso disperato per i dialetti, e non so perché visto che comunque credo di essere abbastanza intuitivo con le lingue (lo svedese dell’altro giorno lo avevo capito quasi tutto pur non parlando una parola di svedese)

        • Peucezio says:

          Beh, hai capito più della metà…
          A parte un equivoco: amìche sta per “amico”, la -e finale indica solo l’indistinta.
          E in effetti io credo che molta della difficoltà nasca dalla grafia: non è escluso che, pronunciato, ci avresti capito di più, mentre tutte quelle e sono necessarie per rednere appunto la vocale indistinta ə, ma complicano la vita a chi non è pratico della grafia pugliese (ma anche, per esempio, abruzzese), compresi gli stessi baresi che si cimentano nella lettura di testi dialettali.

          In ogni caso la traduzione è:
          “Sì, ma chi è questo amico tuo?
          Non scrive qui (ddò) dentro?
          Non risponde a quello che stiamo dicendo?
          Noi parliamo tra di noi e lui iìdde e i suoi amici leggono soltanto?
          Che leggano… (lett. “leggessero”)
          Ma se noi scriviamo in italiano e tu rispondi loro in straniero (in “giargianese”), quelli capiscono la tua risposta, ma non sanno a cosa hai risposto.

        • PinoMamet says:

          “E in effetti io credo che molta della difficoltà nasca dalla grafia: non è escluso che, pronunciato, ci avresti capito di più”

          Sono assolutamente d’accordo.
          Un “trick” per Roberto: prova a leggere fregandotene della grammatica, ma pronunciando con l’accento del caso (in questo caso, barese), anche fatto “a cazzo”.
          Vedrai che molte cose andranno al loro posto ;)

          Io confesso le difficoltà su “lescessere”- non ero proprio arrivato a collegarlo al verbo “leggere”- ma per il resto ho capito.

          PS
          Ma che fine ha fatto Mirkhond?

        • PinoMamet says:

          “ddo” nel senso di “qui” l’ho imparato dal film Lacapagira, e poi da sceneggiature che mi arrivarono da correggere/ampliare… c’è stato un periodo in cui la Puglia andava abbastanza forte sul mercato cinematografico.

          Assomiglia al greco moderno “edhò” (scritto come si pronuncia, più o meno) ma non so se vi sia una parentela.

        • roberto says:

          “E in effetti io credo che molta della difficoltà nasca dalla grafia”

          avete sicuramente ragione e grazie a pino per il suggerimento (aspetto quindi un nuovo testo da peucezio per far la prova :-) )

        • Peucezio says:

          ““ddo” nel senso di “qui” l’ho imparato dal film Lacapagira, e poi da sceneggiature che mi arrivarono da correggere/ampliare… c’è stato un periodo in cui la Puglia andava abbastanza forte sul mercato cinematografico.

          Assomiglia al greco moderno “edhò” (scritto come si pronuncia, più o meno) ma non so se vi sia una parentela.”

          Viene da ILLṓC, incrociato con LŏCU(M).

        • Peucezio says:

          Roberto,
          “(aspetto quindi un nuovo testo da peucezio per far la prova )”

          E cce d’i a scrive?
          U fatte ca so scritte apprìme iève fàggele, percè le paròle s’assemegghiàvene a cchidde tagliàne, ma pìgghie chèssa frase:
          “pescrà nge n’àm’a sscì”.
          Nge la decìibbe, mò iàve, tand’anne fà, a nn’amìche mì spagnùule, ca fò u prime marìte de gheggìneme, percè doppe dò dì avèv’a ternà a Mmelane (m’acchiàve a la Spagne). E a ccudde nge parì strane u fatte ca non denève nudde a cchengefà che lla fràsa stèsse ce la disce ndagliàne.
          Ma tu à da sapè ca nu decime:
          “crà, pescrà, pescrìidde; aiìire, nestèrze e ddiatèrze”.
          Pe ccapì chisse paròle o l’à da canòssce, o a da sapè u latìne, percè ddò u tagliàne non d’aiùte ndutte”

        • roberto says:

          in effetti immaginando lino banfi che legge :-) mi sembra di capire di più

          poi il suggerimento di peucezio di pensare al latino mi fa pensare crà = domani prescrà = dopodomani

          mi manca ancora qualcosa:
          “pescrà nge n’àm’a sscì” = dopodomani dobbiamo uscire?
          mò iàve = ?
          gheggìneme = mia cugina?
          pescrìidde =?
          aiìire, nestèrze e ddiatèrze = ieri, l’altro ieri, tre giorni fa?

        • Peucezio says:

          “crà = domani prescrà = dopodomani”
          Esatto

          “mi manca ancora qualcosa:
          “pescrà nge n’àm’a sscì” = dopodomani dobbiamo uscire?”

          Equivoco classico. scì vuol dire ‘andare’, non ‘uscire’.
          ‘Uscire’ si dice assì.
          La cosa è dovuta al diverso consonatismo di questi dialetti, rispetto, per esempio, al napoletano.

          ” mò iàve = ?”
          Lett. “ora ha”, cioè “da ora”, che però si usa in senso ironico, per dire “molto tempo fa”.

          “gheggìneme = mia cugina?”
          Esatto

          “pescrìidde =?”
          Come dire “poscrello”. Significherebbe “fra tre giorni”, ma non si usa se non nell’elencazione.
          D’altronde al paese di mia nonna si dice:
          cràje, pescràje, pescrìidde, pescrùufele; aiìire, nestèrze, diatèrze, diatòrzele, ma pescrìidde, pescrùufele e diatòrzele non si usano davvero, ma servono a formare la filastrocca.
          Come il famoso crai, pescrai, pescrille, pescrùfele, marùfle, maruflone e maruflìcchie di cui parla Carlo Levi riferendosi ad Aliano: non è che gli alianesi, come lui ben spiega, dicessero maruflone per dire “fra sei giorni”.

          ” aiìire, nestèrze e ddiatèrze = ieri, l’altro ieri, tre giorni fa?”
          Esattamente!

        • roberto says:

          evvai!

          stasera mi sono meritato le orecchiette con i broccoli (in mancanza di cime di rapa)

          :-)

        • Roberto says:

          I casi della vita.
          Torno a casa ed incrocio un amico che è di ritorno dalla Puglia e mi porta una burrata!

  18. Marco, Izzaldin

    “Thank you. Let’s bury the hatchet!”

    Wonderful!

    There ARE nasty Gipsies, there ARE wonderful Gipsies!

    It’s as simple as that…

    let’s support the wonderful ones :-)

    The nasty ones may steal a purse now and then, but they are definitely too poor to steal like politicians do…

    • Z. says:

      E’ circa la stessa obiezione che fece Maria Angelica (il nome è di fantasia) a un Crepet che non frequentava ancora il salotto di Vespa. Non so però se nell’estratto di Google si trova quel riferimento.

      Interessante anche la sua precisazione sull’accusa di rapire i bambini e di fare prostituire le donne della comunità (un’accusa che peraltro non avevo mai sentito nessuno rivolgere agli zingari, ad essere sincero, né ricordo di aver mai visto dalle mie parti prostitute zingare).

      Comunque va anche detto che si tratta di una ragazzina che risponde alle domande mentre i giudici sono in camera di consiglio per decidere il suo processo. Non è esattamente il momento più sereno per rilasciare interviste, insomma.

      http://books.google.it/books?id=woJJoatYxNgC&pg=PA51&lpg=PA51&dq=%22trinkevic+maria+jelic%22&source=bl&ots=wXdvK_V21L&sig=oGf9BqfX7zAz77SeN_kX6xoumQU&hl=it&sa=X&ei=nwlxVJm_M83sasyhgAg&ved=0CCEQ6AEwAA#v=onepage&q=%22trinkevic%20maria%20jelic%22&f=false

      • PinoMamet says:

        Una cosa che non c’entra, a margine dell’interessante intervento di Z.

        chiunque abbia dimestichezza con la letteratura diciamo un po’ feullettonistica, romanzi sette-ottocento e affini, insomma, culutra popolare “vintage” per così dire

        sa che le zingare hanno fama di non prostituirsi, semmai di fingere di farlo per derubare gli sprovveduti.

        Quella delle zingare prostitute è insomma un’ossessione nuova (ma in effetti da cronache giornalistiche ecc. capita di leggere di prostitute di ogni nazionalità, ma non mi pare di aver mai letto da nessuna parte di zingare).

  19. Izzaldin

    “I am sorry if my words sounded insulting to you. Really, I shouldn’t have used the expression “mental illness” and i deeply regret using it.
    What I was trying to explain it’s that me and Miguel had a very different experience with gipsies.”

    This is the reason I keep this blog. It is not to support this idea against that idea, but so that people of very different ideas can think over what they say, and communicate with each other across borders people normally never cross, because they are comfortable within their own small worlds.

    Thank you!

  20. Moi says:

    Immigration ? Integration ? Mastication ? United Nations [quot.] ?

    In Rome Do As The Romans Do :

    http://www.youtube.com/watch?v=haT5n2eXrKA

  21. Moi says:

    AVVOCATI e + DEBOLI (ZIGAGNI ET NON)

    http://www.ideefesta.it/assets/images/carnevale/dottor%20balanzone.jpg

    Delibera dell’ Alma Mater Strolgorum :

    Ah, bàn: mo .. . a ‘t al cràdd mé, che tibi credo ! I “Più Deboli”, scilicet sed licet coloro i quali che altrimenti che dicesi i “Meno Abbienti” !

    Inotroqui veritatis magnae obsequientiae : av déggh; posso dirvi; ego _ qui doctor sum _ dicere vobis possum axé ca mo tananàn minghéina ma non solo la caldaréina : egli è un’ abitudine che non si sconviene mica di perseguire, quàlla-lé ea ipsa quod axé ch’ un advuchèt abbia da difendere quî ch’ i én di puvrétt sine pecunia inciónna se digià egli natus anzichetemporum non est bèla dimondi cum pilla domi ac familiae magna cum ditivitiis divitiae divitiarum e tótt chî èter vézz’i ! Siccome che nemo nihil facit a inción par gninta!

  22. Moi says:

    L’onorevole Craxi visita gli zingari (1988)

    http://www.youtube.com/watch?v=r-RjxU1RwVY

    Tratto da “Teletango”, inserto satirico del contenitore domenicale di Rai3 “Va’ Pensiero” condotto da Andrea Barbato, 1988

    In questo video, Bettino Craxi è impersonato dal disegnatore satirico Vincino.

  23. Moi says:

    something about an entity called the “White Race”.

    [cit.]

    Someone tell him about the PINK ;) Race !

    • Moi says:

      Sennò Peucezio può stamparsi a colori uno dei tanti che saltan fuori a scrivere “Hitler” & “Paintings”in GoogleImage …

  24. Mauricius Tarvisii says:

    Peucezio si domandava quanto valesse un Hitler.

    http://www.internazionale.it/notizie/2014/11/22/venduto-all-asta-un-acquerello-di-adolf-hitler

    Quindi troppo: difficile che potremo farcene mai uno.

  25. Moi says:

    Sempre sugli Zingari, forse nel post del grano è andato disperso :

    Boldrini : “I Rom vanno valorizzati !” … Zuliani : “No, termo-valorizzati !”

    http://www.larena.it/stories/Home/951637_termovalorizzare_i_rom_sindaco_zuliani_shock/?refresh_ce#scroll=731

    Genitori : “Cacciate i Bidelli- Rom !”

    http://www.lastampa.it/2014/11/20/cronaca/i-genitori-protestano-cacciate-i-bidelli-rom-pwovVPhsEYkZQ3vicNy0EL/pagina.html

    Rom e … Parità di Gender secondo i Gagé :

    http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2014/11/01/a_scuola_due_bidelle_rom_le_mamme_fanno_la_rivolta-6-393516.html

  26. Ugo Bardi says:

    Bel post, Miguel. Mi sono permesso di riprodurlo sul mio nuovo blog sulle chimere:

    http://chimeramyth.blogspot.it/

  27. Moi says:

    Here They Come

    http://www.youtube.com/watch?v=6N6Tphd–fc

    Including an integrated Turkish transexual

  28. Moi says:

    Vi ricordate il detto di Maometto e la Montagna ? Se era islamofobo (Maometto furbone) o filoislamico (Maometto volitivo) ?
    Ebbene :

    http://www.ilgiornale.it/video/politica/boldrini-maometto-e-i-sorrisettii-imbarazzati-1042269.html

    … però è stato invertito ! Siamo punto e daccapo.

    ;)

  29. Per Peucezio

    “Comunque per esserci le prostitute ci sono”

    Ma quando la miseria è totale, a livelli per noi inimmaginabili, è ovvio che succede.

    Poi più è acuta la miseria, più si accentua la possessività maschile, e questo in qualche modo forse compensa :-(

  30. habsburgicus says:

    OT
    @Miguel
    http://www.linterferenza.info/contributi/lestrema-destra-neofascista-manovalanza-degli-usa-e-di-israele/
    sei tu il co-autore o è un omonimo ? :D
    (fra l’altro a me, per qualche strana ragione, “L’interferenza” non si apre o meglio si apre ma poi si blocca e non posso continuare..sarà un’interferenza :D….dunque ho solo visto il titolo ma non ho potuto leggere il testo, dunque non ho potuto farmi l’idea se lo stile è tuo..il titolo, permettimi di dirlo, non mi pare del tuo stile :D)

  31. Per tutti

    “Ma i miei vicini di casa non hanno niente a che fare con la Polizia né con i prefabbricati!”

    Il fatto è che è vero tutto. Proprio per questo parlare di “zingari” (termine che non mi crea più problemi di “Rom”) in generale non ha molto senso.

    Anche perché ci sono situazioni che si sono modificate radicalmente.

    Pensiamo agli schiavi Rom in Romania, liberati appena prima di quelli statunitensi, e poi buttati ai margini dei villaggi.

    Dove hanno esercitato mestieri reali (pensate al meraviglioso romanzo di Rolf Bauerdick, “Come la Madonna arrivò sulla luna”), in un teso rapporto di amicizia e diffidenza con i loro vicini.

    Anche adesso, in Romania colpisce come quando giri nei villaggi, vedi casette tutte uguali, e dall’una esce una famiglia con la faccia “europea” e dall’altra una famiglia con la faccia “indiana”.

    Questa gente, che se va bene ha fatto il minimo assoluto di scuola, si ritrova in Italia in posti allucinanti, che sono i “Campi Rom”, dove si combinano sprechi enormi, illegalità, prepotenza, ignoranza assoluta da parte delle istituzioni, associazioni che intrallazzano per farsi sottopagare per gestire il disastro…

    In questi luoghi, in cui i più violenti si impongono sugli altri, i padri perdono l’autorità sui figli, affascinati dai modelli “occidentali” che vedono alle televisioni accese tutti i giorni, cominciano a frequentare piccoli delinquenti italiani, conservando però il peggio del maschilismo e del pressapochismo del proprio mondo.

    Gli schiaffoni che i padri danno ai figli (e doppia razione alle figlie) possono alla fine ben poco, perché i padri stessi non sanno spiegare perché li danno.

  32. Pre Habsburgicus

    “http://www.linterferenza.info/contributi/lestrema-destra-neofascista-manovalanza-degli-usa-e-di-israele/
    sei tu il co-autore o è un omonimo ?”

    No, il sito ha qualche problema di organizzazione…

    1) E’ di un mio amico, che ha ripreso molte cose che ho scritto, segnalandomi il testo prima di pubblicarlo

    2) Io ho COMMENTATO ciò che ha scritto (indicando numerosi punti di disaccordo), e lui ha messo la mia firma in fondo al mio commento, ma sembra che sia la firma a tutto l’articolo!

  33. Una cosa che poi mi meraviglia sempre è come siano persone che si oppongono alla “globalizzazione”, alla “perdita di identità” e al “livellamento” a prendersela con i Rom.

    Che nella loro immensa varietà restano comunque quanto di più “diverso” sia rimasto in Europa.

    Non l’ho mai capita, anche perché i ragionamenti che i nemici del “livellamento” fanno sono sempre ferocemente livellatori, tipo “non obbediscono alle leggi! Non fanno come tutti gli altri!”

    • Mauricius Tarvisii says:

      Ma perché il livellamento buono è quello del microcosmo: all’interno della piccola patria abbiamo il diritto e il dovere di pretendere che siano tutti come noi e, al tempo stesso, pretendere che la nostra piccola comunità non sia livellata da nessun altro. E dal momento che siamo più forti del singolo intruso (e solo di lui), possiamo imporci su di lui (e solo su di lui).

      • Peucezio says:

        Sì, ma litigare con la piccola patria vicina in questo momento è come mettersi a litigare col proprio vicino per il parcheggio, quando ti sta cadendo una bomba atomica in testa.
        La realtà è che molti confondono: in realtà odiano gli zingari perché non sono sufficientemente modernizzati e omologati.

        Ricordo una volta una signora in ospedale, mi pare fosse un’infermiera (ma era lì in veste di parente di una degente), che parlava con un certo fastidio dei marocchini che vanno ad assistere in parenti in ospedale a cinque o sei alla volta, con le madri che allattano i bambini, ecc., tutte cose che nel sud Italia sarebbero state normali fino a due o tre decenni fa e nel nord fino a mezzo secolo fa o poco più.

        Poi, certo, preferisco questo progressismo ingenuo, lineare, non fintamente dialettico, al progressismo falsamente pluralista dei politicamente corretti, che è molto più dannoso.

    • Peucezio says:

      “Una cosa che poi mi meraviglia sempre è come siano persone che si oppongono alla “globalizzazione”, alla “perdita di identità” e al “livellamento” a prendersela con i Rom”

      Osservazione sottoscrivibile in pieno.
      Non l’ho mai capito neanch’io.

  34. Per Mauricius Tarvisii

    “Ma perché il livellamento buono è quello del microcosmo:”

    Temo che di solito sia così… avevo un amico fascista a Roma, con un gran sorriso simpatico, che di tanto in tanto finiva in carcere, che mi diceva,

    “‘na cosa che nun ho mai capito è perché dobbiamo avercela coi froci, che so’ na minoranza perseguitata propio come noi cammerati”

    Un uomo che sapeva passare dal particolare all’universale, praticamente il principio della filosofia.

  35. Che poi, a pensarci, il fatto che io abbia citato “l’amico fascista a Roma”, potrebbe suscitare in altri la stessa reazione che ha suscitato il fatto che io abbia citato la “zingara” Anastasia dell’Oltrarno.

    “Non capisco perché tu difendi il fascismo!”, cioè siccome io voglio bene a uno specifico romano mio coetaneo, ecco che giustifico l’attacco alla Grecia del 1941, o l’omicidio di Matteotti…

    E come a destra c’è gente del primo tipo, a sinistra ce n’è tanta del secondo tipo…

  36. mirkhond says:

    “qui d’la basa Italia cossa ai da capì, i purétt? L’an è brisa colpa lò s’i sta in chi broti pustazi :D”

    Come dice un’aria lombarda?
    – Al Baretto son felici di sparar delle CAGATE!

  37. mirkhond says:

    Ecco che il razzismo CISpadano, sempre NEGATO qua dentro, viene fuori…..
    Pensa se vince Alan Fabbri….

  38. mirkhond says:

    Sì certo, è stato frainteso…..

    • PinoMamet says:

      Non solo frainteso (il contesto della frase era chiaramente ironico) ma anche tagliato “su misura”.

      In ogni caso, credo che tu abbia perso il diritto di lamentarti di innocue battute (peraltro estese a gran parte del Nord Italia) quando hai cominciato a invocare la distruzione atomica del Nord Italia medesimo ;)

      visto che tutti l’abbiamo presa con filosofia, visto che ormai ti conosciamo, potresti anche tu essere un filino meno prevenuto, eh…
      ;)

  39. mirkhond says:

    Io non ho MAI parlato di “distruzione atomica”, bensì di un’invasione BARBARICA che faccia regredire la Norrenia “Felix” a livelli PREindustriali!
    E dopo aver sentito l’ennesima zanardata, nel più pieno diritto!

    • PinoMamet says:

      No, mi pare di ricordare che avevi scritto di “deserto atomico” o qualcosa del genere, un bombardamento lo ricordo.
      Non che cambi molto, eh?

      In ogni caso, smettila di far finta di non capire che:
      1- Z. stava scherzando
      2- stava scherzando anche nei confronti di lombardi e piemontesi.

  40. mirkhond says:

    “Non che cambi molto, eh?”

    Cambia TUTTO invece, visto che sei molto bravo a stravolgere ciò che dico.
    Oltre ad essere un grandissimo paraculo falso e doppio, come abbiamo ben capito….

    “In ogni caso, smettila di far finta di non capire che”

    Non sei tu a dover dirmi di smettere, soprattutto quando il tuo PSEUDOcorregionale, sono anni che PARACULA, mostrando il suo vero volto.
    Solo che, per il vostro manierismo, una pugnalata data col sorriso, è fatta bene…
    Perché bisogna sempre dirlo con eleganza e gentilezza.
    Che si prova il più profondo disprezzo per il maruchein dla maruconia.
    Ma mi raccomando, sempre col sorriso e la cortesia, eh!

    • PinoMamet says:

      Mirkhond

      credo che tu abbia capito perfettamente il punto, quindi non ripeterò per l’ennesima volta quello che ho già detto, anche per non trasformare questi commenti nell’ennesima monografia su di te.

      Una volta ogni tanto potresti anche stare calmo, tirare un bel respiro, e rileggere con calma, prima di vedere dappertutto questo odio verso di te. Ti fai star male da solo così.

    • Peucezio says:

      Mirkhond,
      a volte ho proprio la percezione che tu viva in un mondo onirico. In più occasioni mi hai dato dell’ingenuo, che non vede il malanimo altri e crede candidamente che siamo tutti amici, ma quando sento certe tue sparate, mi sembra di parlare con quello che crede di essere Napoleone e che accusa gli altri di non capire l’incombente pericolo inglese!
      Tu credi che il mondo sia in guerra con te e interpreti le frasi più innocenti e scherzose come atti di disprezzo e di odio feroce.

      Con la tua aggressività verbale, se gli altri dovessero usare il tuo metro nel valutare le parole altrui, minimo penserebbero che sei un serial killer.
      Ma, a parte questo, se i commentatori di questo blog fossero tutti razzisti, cattivi, pronti a infierire sull’altro e a ricoprirlo di disprezzo, dovrebbe essere un continuo litigo fra tutti, una guerra quotidiana.
      Oppure, l’ipotesi alternativa sarebbe che non litigano perché sono tutti d’accordo fra loro nell’infierire su di te (ma in modo nascosto, cifrato, visto che di facciata ti fanno tutti continue manifestazioni di affetto e di considerazione), ma a questo punto spero capisca tu stesso che saremmo alla paranoia pura.

      Quando ti decidi ad uscire da questo delirio persecutorio e capire che qui nel blog sei in un contesto dove sei stimato, benvoluto, non ci sono né razzisti antimeridionali, né biechi odiatori di Mirkhond?

      • mirkhond says:

        Ecco è arrivato anche il nuovo psichiatra…..
        Guarda che il tuo amico ha chiesto di non “trasformare i commenti in un’ennesima monografia” di…di qualcuno che conosce superficialmente.
        Anche se sufficientemente per mostrarsi di una doppiezza e di una falsità, pertanto su cose a cui non avevo chiesto niente ne a lui, ne a te, ne ad altri….
        Per me, dunque, finiamola qua!

        • Peucezio says:

          Mirkhond,
          se una mattina splende un bel sole e uno mi dice terrorizzato: “stai attento a uscire, perché c’è la bufera!!”, se gli dico di stare tranquillo e calmarsi, che la bufera non c’è, non faccio lo psichiatra, applico il buon senso.

        • mirkhond says:

          Fai finta di non capire!

      • PinoMamet says:

        Mirkhond davvero io non so a cosa tu ti stia riferendo con questa storia della doppiezza e falsità;

        ma penso che si tratti del fatto che, dopo che tu hai postato a ripetizione foto di tizie curde e medio-orientali e un paio di attrici italiane, mi avevi chiesto se da queste parti c’erano donne che gli assomigliassero.

        Io da tempo pensavo di mandarti la foto di una mia amica ashkenazita mora, perché pensavo così di smentire la tua fissazione sugli ashkenaziti di aspetto nordico;
        ma non l’avevo mai fatto, temendo guai peggiori (e alla prova dei fatti, avevo pienamente ragione).

        Bene, in seguito alla tua domanda (e sottolineo, in seguito alla tua domanda sul blog) mi sono deciso a mandarti due foto, una di una mia amica di qua, e una di mia amica studentessa israeliana e ritornata in Israele, l’ashkenazita di cui sopra.

        Ora, ritengo di aver già fatto una grossa scorrettezza a mandare in giro le foto (tranquilli: semplicemente il viso!) di due amiche a uno sconosciuto (a loro) senza chiedere prima il loro permesso;
        e mi dispiace.

        Ma come puoi pensare che io ti mandi anche nome e cognome delle tipe (cioè, di una, quella che ti piace)??

        Non è PER TE, è che IN GENERALE è proprio una cosa scorretta e credo ai limiti della legalità, e non ho la minima intenzione di farla!!

        • mirkhond says:

          Va benissimo!
          Ma allora non mandare foto a chi NON TI HA CHIESTO NIENTE e nemmeno VUOLE NIENTE.
          La tua “riserva wwf” tienitela pure cara cara.
          Che le bestie parlanti non sono NEMMENO DEGNE di guardarle le…vacche sacre!
          Comunque hai ragione.
          L’errore E’ STATO SOLO IL MIO a parlare di cose che potevano solo suscitare canzonature!

        • PinoMamet says:

          Mirkhond proca puttana non c’entar niente il fatto che tu non sia ebreo, caspita, lo capisci o no??

          Io non ti avrei dato nome e cognome neanche dell’altra mia amica, quella cristiana (cioè, comunista, ma vabbè), PERCHE’ E’ SBAGLIATO, e basta!!

  41. mirkhond says:

    Infatti ho capito benissimo…..

  42. mirkhond says:

    “Poi, certo, preferisco questo progressismo ingenuo, lineare, non fintamente dialettico, al progressismo falsamente pluralista dei politicamente corretti, che è molto più dannoso.”

    Già…..

  43. Per Peucezio

    “Sì, ma litigare con la piccola patria vicina in questo momento è come mettersi a litigare col proprio vicino per il parcheggio, quando ti sta cadendo una bomba atomica in testa.
    La realtà è che molti confondono: in realtà odiano gli zingari perché non sono sufficientemente modernizzati e omologati.”

    Verissimo.

    Poi il bello è che quelli che vogliono “salvare le proprie tradizioni” sono bravissimi a fare gli “uaarini” con le tradizioni degli altri.

    Almeno in Italia, il clero ha capito che non era proprio il caso di invocare la ghigliottina per le donne che portavano il hijab, se no il giorno dopo avrebbero potuto togliere il velo alle suore.

    Ma il clero è il clero, di rado la gente comune arriva a formulare una riflessione del genere.

    • Moi says:

      Oramai direi che esiste anche un “anticlericalismo tradizionale”, purtroppo messo in crisi da quello “da Mtv”, con un Cattolicesimo immaginario “alla Flanders e Reverendo Lovejoy” …

    • Peucezio says:

      Però è anche colpa di trecento anni di cultura laicista.
      Alla gente va bene il cristianesimo (quello di oggi), perché è una cosa all’acqua di rosa, è una finta religione in cui, in buona sostanza, puoi fare quel cazzo che vuoi.
      E quando arriva uno che la religione la prende sul serio, dalli al talebano, è arrivato il barbaro cavernicolo!

      • Moi says:

        Precisamente ! Per questo, anche (!), le invettive in nome di Dio ottengono effetti così diversi …

  44. mirkhond says:

    “Almeno in Italia, il clero ha capito che non era proprio il caso di invocare la ghigliottina per le donne che portavano il hijab, se no il giorno dopo avrebbero potuto togliere il velo alle suore.”

    Casomai avrebbe dovuto invocare il diritto a portare l’hijab anche per le donne cristiane….
    Non sia mai! Orroreeee!!!

    • PinoMamet says:

      Le donne cristiane hanno il diritto a portare il velo, se gli va, e credo che nessuno lo abbia mai messo in discussione.

      Non mi pare che le suore abbiano problemi particolari, e nessuno impedisce alle ragazze italiane di mettersi, se lo ritengono giusto o bello, veli, bandane “alla Thelma e Louise” (anzi, sono andati di moda per un paio d’estati, tipo quando facevo il Liceo) ecc. ecc.

  45. mirkhond says:

    “tu hai postato a ripetizione foto di tizie curde e medio-orientali”

    Io ho postato a ripetizione (mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa :) ), foto di tizie sconosciute innanzitutto a me.
    E solo per criteri estetici (ovviamente spernacchiati, ma non fa nulla…)

    “e un paio di attrici italiane”

    Quali? Non ricordo….

    “Bene, in seguito alla tua domanda (e sottolineo, in seguito alla tua domanda sul blog) mi sono deciso a mandarti due foto, una di una mia amica di qua, e una di mia amica studentessa israeliana e ritornata in Israele, l’ashkenazita di cui sopra.”

    Io non ti ho domandato niente però. E’ stata una TUA iniziativa.

    Ora, ritengo di aver già fatto una grossa scorrettezza a mandare in giro le foto (tranquilli: semplicemente il viso!) di due amiche a uno sconosciuto (a loro) senza chiedere prima il loro permesso;
    e mi dispiace.

    Infatti.

    Ma come puoi pensare che io ti mandi anche nome e cognome delle tipe (cioè, di una, quella che ti piace)??

  46. mirkhond says:

    “Ma come puoi pensare che io ti mandi anche nome e cognome delle tipe (cioè, di una, quella che ti piace)??”

    Perché mi avevi fatto capire che era una tua cara amica.
    Ed avendo stuzzicato la mia curiosità legittima (visto che l’hai spacciata per una tua cara amica), non vedevo niente di male a chiedere come si chiamasse.
    Quindi tientiti care care le tue amicizie femminili perché a me non interessano.
    Non sia mai che solo a sapere della bestia parlante, non scatti un provvedimento di lesa purezza di gruppo…..

    • PinoMamet says:

      Ti ripeto: se mi avessi chiesto il nome della mia amica cristiana, ti avrei risposto nello stesso identico modo, cioè che non posso dartelo.

      Il motivo è molto semplice e lo ha espresso benissimo Moi: queste cose sono al limite dello stalking, o comunque sono sicuro che esista qualche inghippo legale per farle passare come “molestie”, e non ci tengo a finire sotto processo.

      • mirkhond says:

        E poi non ho ragione a dire che bisogna vivere nel COSTANTE TERRORE di denunce per violenze INVENTATE!
        LIBERA NOS A MALO DOMINE!

  47. mirkhond says:

    “Mirkhond proca puttana non c’entar niente il fatto che tu non sia ebreo, caspita, lo capisci o no??”

    Mi hai dimostrato l’esatto contrario.
    Checché ne pensi il neopsichiatra Peucezio.
    Bravo a dare in testa al sottoscritto, quando NON CI STA a dire che il vero è falso, e viceversa….

    • Peucezio says:

      Guarda, Mirkhond, come più o meno immagini, sull’atteggiamento di fondo degli ebrei nei confronti dei gentili la penso esattamente come te.

      Ma escluso categoricamente che Pino sia animato da un sentimento di questo tipo (tra l’altro sarà ebreo più o meno per un milionesimo, da quello che ho capito, quindi considererebbe animale parlante sé stesso per primo, ma al di là di quello è proprio questione di indole: parlando seriamente: ti pare davvero uno capace di escludere o discriminare gli altri in base alla razza o la religione?)

  48. Moi says:

    @ MIRKHOND

    Pino purtroppo ha ragione : la “Sharia del Boldrinistan” (come direbbe Annalisa Chirico) è “pesissima” in materia di “Rapporti di Gender” : tante robe considerate “seduzione” o “corteggiamento” fino a poco fa … sono diventate reati di “stalking” o di “stokazzing” !

    • PinoMamet says:

      Esattamente!!

    • mirkhond says:

      Infatti il “buon” Pino, prima di mandarmi DI SUA SPONTANEA INIZIATIVA, delle foto che io MAI gli ho chiesto, avrebbe dovuto prima chiederlo alle dirette (anzi alla diretta interessata).
      Che magari avrebbe respinto con ORRORE solo il pensiero di entrare in contatto con l’orrenda bestia parlante goy….
      Se Pino, ha cercato di dimostrami che ho dei pregiudizi sul razzismo degli Eletti, purtroppo ha ottenuto l’effetto opposto, non potendo andare oltre nel “pasticcio” che ha creato…
      E una volta che hai perso la fiducia in qualcuno, chi te la ridà più?
      Che Dio ci assista!

      • PinoMamet says:

        “Che magari avrebbe respinto con ORRORE solo il pensiero di entrare in contatto con l’orrenda bestia parlante goy….
        Se Pino, ha cercato di dimostrami che ho dei pregiudizi sul razzismo degli Eletti, purtroppo ha ottenuto l’effetto opposto”

        Scusami Mirkhond ma non noti niente di strano in questa frase??

        Cioè, da una periodo ipotetico (“che magari…”) passi a una incontrovertibile dimostrazione di una cosa che non ha niente a che fare col discorso in oggetto…

        cioè, io ti mando la foto di due ragazze, una ebrea e una cristiana, e questo diventa la prova del razzismo ebraico?????

        Lo vedi da solo che non sta in piedi.

  49. mirkhond says:

    Moi caro

    Scusa, ma non ho capito NIENTE di ciò che vuoi dirmi…
    Comunque credo che entrambi saremmo un interessante oggetto di studio, per il nostro psichiatra Peucezio. :)
    Che nell’Urss ci avrebbe già mandato al confortevole soggiorno alle Solovkije…. ;)

    • Moi says:

      Voglio dirti che Pino ha commesso una “leggerezza” ;) in termini di “rapporti di genere” oggi come oggi al limite del reato … ma ovviamente _ ci rincuora sempre Roberto_ NON esistono né Elites né Lobbies che vogliano divellere a bulldozer “le nostre” radici identitarie.

    • Peucezio says:

      E dalle con la psichiatria…
      Insomma, sarò pure uno psichiatra, ma se uno dice di essere Napoleone (tranne nel caso del vero Napoleone), ha ragione lo psichiatra, mica lui.
      Tu non sei mica matto ovviamente, però un pizzico paranoico sì…
      E soprattutto vedi razzisti dove non ce ne sono.

      Tra l’altro questo mi dà il pretesto per un’obiezione di merito:
      tu giustamente detesti gli atteggiamenti di razzismo verso il meridione.
      Però dai una descrizione di Bari come di una città che avrebbe sostanzialmente perso quegli aspetti di umanità, solidarietà interpersonale, senso della famiglia ecc., che connotano positivamente il sud e lo distinguono quantomeno dal nord postindustriale.
      Quindi, mi viene da chiederti provocatoriamente, quando, da pugliese stigmatizzi il razzismo dei settentrionali, in nome di cosa lo fai, se in fondo la Puglia è diventata uguale?

  50. mirkhond says:

    Si poi ho capito.
    Grazie! :)

  51. mirkhond says:

    “le nostre” radici identitarie.

    Che vorrei tanto capire una volta per tutte in cosa consistono.
    Nel classicismo pederasta greco-romano?
    Nel Cristianesimo Cattolico (e anche protestante)?
    Nel ’68?
    Nel ’69?
    Nel mondo delle pugnette solitarie per bestie parlanti?

    • Moi says:

      Radice identitaria è ciò che cresce spontaneamente …

    • Francesco says:

      posso sparare la mia classifica personale di cosa è più importante (in senso quantitativo)?

      1) il cristianesimo cattolico (e anche protestante)
      2) il mondo delle pugnette solitarie per bestie parlanti, di cui il ’68 fa largamente parte
      3) la grandissima cultura classica greca e romana
      4) la sub-cultura germanica degli orridi barbari invasori
      5) la cultura moderna di matrice illuminista, cui spetta un’altra quota di ’68

      6) l’ipersviluppo della tecnologia, che pesa come non mai anche nella testa

      ciao

      PS non so quantificare il peso dello sviluppo iniziale della civiltà umana in Mesopotamia ed Egitto

      • PinoMamet says:

        “non so quantificare il peso dello sviluppo iniziale della civiltà umana in Mesopotamia ed Egitto”

        secondo me tendiamo a sottostimarlo molto, perché si tratta di robe ormai remotissime, confuse, a volte frammentarie, e presentate in due versioni:

        A- ultraspecialistica per iniziati
        B- ultrasputtanata per creduloni

        Mi pare che i Greci, che vivevano più vicini alle due civiltà in oggetto (cioè, molte di più, ma diciamo di quella matrice lì) non ne sapessero in concreto molto più di noi, però, però…

        riconoscevano senza dubbio che molte delle robe “loro” erano in realtà prestiti dall’Asia (incluso l’Egitto, che per loro ne era parte) e, anche se spesso andavano a tentoni e facevano un sacco di confusione, in realtà ci avevano azzeccato.

        Un’enorme quantità di miti greci mi sembra presente, per esempio, nelle mitologie egizia e mesopotamica, solo “mescolati” in modo diverso.

    • roberto says:

      “che vorrei tanto capire una volta per tutte in cosa consistono”

      io invece vorrei tanto capire perché le cerchiamo, perché sono così importanti e soprattutto perché le utiliziamo come bastoni per picchiare le capocce di chi presumiamo non avere le stesse radici

  52. Moi says:

    Comunque penso che nessun anticlericale degli anni ’50, per quanto visionario avrebbe mai immaginato questo dedicato al Papa … dall’ interno della Chiesa :

    http://www.youtube.com/watch?v=jKcYiqWH1Ik

  53. Moi says:

    @ Mr Zee / Zed

    http://www.youtube.com/watch?v=6fhPx7Zvz4Y

    “The Watermelon Woman”

  54. Moi says:

    @ ALL COMRADES

    About “Gender Culture” ;) :) in the Mighty Fifties :

    http://cattivimaestri.cilantro.io/tags/pdf

  55. Moi says:

    Affluenza Elettorale alle Regionali : Emilia Romagna al minimo storico, forse nemmeno si arriva al 50% !

  56. Z. says:

    Peucezio,

    giusto perché sei tu!

    Perdonami – anzi perdonatemi tutti, Miguel per primo – la traduzione veloce e affrettata, che è priva di formattazione e che non mancherà di contenere errori…

    Da qualche parte, lontano, abita un mio amico.

    Parla inglese, e quindi risponderò in inglese.

    Il mio amico è una di quelle persone che vede le cose in modo molto diverso da me, e probabilmente proprio per questo può aiutarci a vedere meglio.

    Questo dialogo è iniziato come una discussione sulle manifestazioni in una delle parti meno graziose di Roma, contro un gruppo di rifugiati da vari paesi che l’amministrazione della città aveva deciso di scaricare lì.

    Il mio amico, che possiede un salutare istinto che lo porta a lottare contro ciò che percepisce essere l’andazzo dei nostri tempi, ha visto qualcosa di positivo in quelle manifestazioni, e ha aggiunto commenti contro l’immigrazione in Italia da parte di persone provenienti da altri paesi, nonché qualcosa riguardo ad un’entità chiamata “Razza Bianca”.

    Qui riteniamo che a tutte le voci debba essere dato ascolto, prestata attenzione e se necessario data risposta. E questa è la mia risposta.

    Partirò da Firenze, anche se tu sei partito dalla periferia di Roma.

    Questo per un solo motivo: conosco ogni strada del mio quartiere, e mi sento molto più a casa tra queste pietre che non tra i palazzoni fatiscenti che speculatori immobiliari e mafiosi hanno costruito a Roma negli anni Cinquanta e Sessanta.

    Palazzoni che hanno a poco a poco rimpiazzato le baracche, i rifugi di legno e lamiera dove una pittoresca umanità di operai, prostitute, ladruncoli e altri – originari dell’Italia centrale e meridionale – spaventava la classe media del centro di roma. I giovani coatti delle periferie erano soliti uscire di quando in quando dal loro altrove, per divertirsi a picchiare i giovani ben vestiti (con particolare gioia quando riuscivano a ripulirli dei loro abiti o stivali firmati).

    Mi incuriosice l’espressione che hai usato – la Razza Bianca.

    So che negli Stati Uniti è qualcosa in cui molti credono, ma suona davvero fuori posto in Italia, dove l’aspetto fisico non è mai stato determinante per il destino delle persone (è sempre stato molto più importante il denaro); le idee positiviste del secolo XIX in materia di ereditarietà e fisiognomica di certo non sono parte della tradizione italiana, anche se Cesare Lombroso era italiano.

    Ora, tu suggerisci che Firenze dovrebbe ritrovare la sua purezza genetica e tornare alla Razza Bianca.

    Lascia che ti racconti un paio di storie.

    Firenze è sempre stata divisa in due dall’Arno, che in questi giorni è in piena e potente e rumoroso e color bruno; si potrebbero trascorrere ore ascoltando il suo rumore, guardando i gabbiani mentre il fiume ci spruzza l’acqua sul viso.

    Detta papale papale, a nord del fiume abitano i ricchi, e a sud i poveri.

    Per questo ai tempi di Roma la parte settentrionale è rimasta pagana quasi fino alla fine, mentre quella meridionale – il nostro Oltrarno, in larga misura abitata da immigranti siriani, come dimostrato dagli scavi di Santa Felicita – era la parte della gente tenuta “fuori dalle mura” e dei primi cristiani.

    Il primo santo di Firenze, Miniato, che secondo la leggenda – dopo essere stato decapitato – raccolse fiero la propria testa e la portò sopra le colline che dominano l’Arno, si dice fosse un principe armeno. Forse non lo era, ma è così che i fiorentini vogliono ricordarlo.

    La parte dell’Oltrarno in cui abito io è la parrocchia di S. Frediano – dedicata ad un santo irlandese – ma è disseminata attorno alla chiesa carmelitana, fondata assieme al suo convento nel 1267per ospitare l’ordine appena riformato dall’inglese Simon Stock.

    Vale la pena di osservare che nell’archivio carmelitano c’è un documento del secolo XVI che è considerato la trascrizione di un documento del 1 maggio 743, firmato dal notaio Rainerio di Simone – documento che afferma che l’area fu donata a sette frati carmelitani che fuggivano alla persecuzione di Re Omar d’Arabia. Il documento, ancorché ovviamente falso, dimostra quanto siano cambiati i tempi da allora: essere rifugiati in fuga dall’Oriente significava essere oggetto di rispetto e stima, non di paura.

    I fiorentini sono sempre stati un miscuglio etnico, e non solo per via di tutti i britannici (che un tempo costituivano un quarto della popolazione), russi e tedeschi che si sono stabiliti qui nel XIX secolo.

    Era una delle città più ricche dell’Europa occidentale durante il Rinascimento, e perciò attirò immigranti da tuttal’Europa, assime ad un gran numero di schiavi.

    All’inizio i fiorentini compravano i loro schiavi dai veneziani e dai genovesi, ma più tardi iniziò ad occuparsene l’Ordine Toscano dei Cavalieri di S. Stefano: secondo i registri sono stati catturati e venduti circa 14.000 turchi tra il 1543 e il 1642.

    Gli schiavi erano prevalentemente “Tatari”, “greci”, “neri”, russi, turchi, Saraceni nordafricani e persone provenienti dal Caucaso.

    Nel 1370 una graziosa schiava costava fino a 70 fiorini; quando partorivano i figli del loro padrone, questi ultimi venivano inviati a uno dei numerosi orfanotrofi di Firenze. Da qui nacque quello che è probabilmente il più diffuso cognome fiorentino, Degli Innocenti; va però ricordato che il figlio che Cosimo de’ Medici ebbe da una schiava circassa portava con orgoglio il cognome del padre.

    I registri arcivescovili di Firenze contengono una lunga lista di schiavi “turchi”, “mori” e “negri” che chiesero di essere battezzati tra il 1599 e il 1724, nel basttistero in cui ciascuna persona nata in città, nel giorno di San Giovanni, veniva accolto nella comunità del popolo fiorentino.

    Ancora nel secolo XVII, circa il venti per cento della popolazione di Livorno – il porto di Firenze dove si teneva il più grande mercato di schiavi della Toscana – era composto da schiavi nordafricani, che tra l’altro avevano una loro moschea, la prima in Italia. E Livorno era l’unico porto in Italia dove i rematori schiavi di religione islamica, anziché essere costretti a dormire incatenati ai remi, potevano trascorrere la notte sulla terraferma.

    Il Granduca Cosimo II concesse inoltre privilegi speciali a tutti gli stranieri (liberi) che intendevano stabilirsi a Livorno, e ciò spiega perché ancora oggi laggiù si trovi una popolosa comunità armena.

    E a pochi passi da casa mia, oggi, c’è una comunità georgiana popolosa e profondamente devota, che celebra la propria messa – lunga quattro ore – tutte le domeniche, nella chiesa di S. Elisabetta delle Convertite, (le Convertite, naturalmente, erano ex prostitute).

    Ora, tutto questo si inserisce perfettamente nello scenario fisico della nostra parte di città: il mutamento dei cognomi e dell’aspetto delle persone è qualcosa di poco rilevante. Ciò che conta sono le strade strette e la pavimentazione grezza delle strade; ciò che conta è che ogni volta che esci di casa puoi salutare le persone e chiacchierare con loro; ciò che conta è che c’è rispetto per ciò che tutte le generazioni passate – di qualunque origine fosse il loro sangue – hanno fatto qui; ciò che conta è la gente è ancora abbastanza povera per sorridere e scherzare.

    L’ossessione per il sangue nobile e per i titoli è tipica di chi non ha né l’uno né gli altri: pensa all’incredibile teoria di pseudo-ordini di Malta, gente che si guadagna da vivere trasformando meccanici in cavalieri.

    Ciò che conta è dove scorre il nostro sangue, ossia nei nostri figli: è più facile che una comunità nasca dalla sana necessità di far vivere bene i nostri figli che non per via di questa o quell’ossessione sul passato.

    Il passato, per chi ama la storia come me, è una risorsa straordinaria, e nell’Oltrarno lo avverti ovunque. Ma la cosa terribile del passato è che non puoi cambiarlo, in nessun suo aspetto: qualsiasi cosa tu faccia, le cose orribili fatte da turchi, greci, tedeschi, antichi romani, ebrei, russi, musulmani, sciiti, cristiani etc. a danno di qualcuno cinquanta cento o mille anni fa non cambieranno mai.

    Si dice che i fantasmi continuino a ripetere sempre le stesse cose, a maledire le stesse mani, senza alcuna possibilità di cambiare quei luoghi dannati… e inculcano le loro ossessioni nella testa dei vivi.

    “Tocca ogni pietra, pensa a quando è vecchio l’albero, pensa alla sfilata di geni ed artisti leggendari che percorreva queste strade, ma non permettere mai al passato di divorarti”: ecco ciò che potrebbe significare “tradizione”, nel suo significato più nobile.

    Vivere in queste strade è provare un vero sentimento di comunità; è fare parte di un’economia che nasce dalla condivisione di tutte le piccole cose (“scusa, domani potresti andare a prendere mio figlio da scuola visto che io farò tardi… ah, ho dell’ottimo olio d’oliva, passa da me ché te ne do un po’!”), è provare intresse in quello che dicono le persone anziane, perché ci parlando dei nostri luoghi e delle nostre vite; è avere un occhio che vede sente e riflette su ogni cosa che succede nel nostro mondo.

    Per questo Anastasia, una Rom rumena con un grazioso viso indiano, non solo fa le pulizie nelle case durante il giorno e lavora come cuoca in un ristorante la sera, ma abita in un piccolo appartamento con belle travi a vista vecchie di secoli, dove si ritrovano i compagni di classe di sua figlia. L’altro giorno erano tutti intenti a studiare la storia greca antica.

    Cos’è che potrebbe distruggere tutto questo?

    Ci sarebbero molte forze convergenti di cui parlare, ma ne tratterò una sola.

    C’è una signora che aveva un forno a piano terra.

    L’aveva ereditato dai genitori, senza mai acquistare i muri. Era in affitto. Era un’oltrarnina da generazioni, che ha sempre dimostrato ruvida amicizia a tutte le persone “come lei” che arrivavano, fossero essi fiorentini o napoletani o senegalesi o americani.

    L’altro giorno ho scoperto che il suo forno aveva chiuso.

    L’ho cercata per chiederle perché. Mi ha risposto: “la mia padrona mi ha detto che o le pagavo 5000 euro di affitto al mese o dovevo andarmene”.

    Ora, chi può permettersi 5000 euro al mese per un negozio? Gli unici che possono sono i mafiosi, che investono tranquillamente importi del genere perché si aspettano di ricavarne almeno 10000 al mese. E c’è un solo modo per farlo: vendere superalcolici ai giovani, mettere musica scassatimpani e tenere aperto tutta la notte.

    Chi sono questi giovani? Soprattutto americani di razza bianca (concetto irrilevante per me, ma che per alcuni a quanto pare è molto importante), provenienti da famiglie ricche a sufficienza per spedirli a ubriacarsi per un anno ad una delle 43 università americane che hanno succursali a Firenze.

    E quando i residenti trovano ragazze alte e bionde che urlano, vomitano o fanno sesso alle tre del mattino sotto le loro finestre tendono a traslocare altrove.

    E quel modo di vivere, quella comunità che è andata avanti per duemila anni, pian piano va in frantumi.

    Eppure parte della nostra comunità è costituita da americani: gente che apprezza il quartiere, che vuole imparare qualcosa della sua vita, che ne ama l’arte. Molti tra loro sono persone alte, bionde e per bene: per il flusso violento e distruttivo del capitale l’aspetto fisico è irrilevante.

    Ogni comunità deve affrontare i propri Ceauşescu, come è capitato ai villaggi in Romania.

    Ci sono molti tipi di Ceauşescu: alcuni ti spiegano che il Progresso Industriale dello Stato è la risposta a tutto e inviano i bulldozer a salvarti dalle superstizioni reazionarie.

    Altri ti spiegano che il Libero Mercato e il Capitale risolveranno tutti i tuoi problemi; che importa se perdi la casa e il lavoro, il pianeta è tutto uguale; circolare, circolare, e se la tua mente non tiene il passo del flusso dei mercati meriti solo di affogare nel fango.

    E altri ancora ti spiegano che devi mutilare parte di te stesso, parte del corpo vivo della tua gente, per soddisfare un’astrazione che chiamano “razza”.

    Ma non dobbiamo mai cedere la nostra vita a questi Ceauşescu: e uno dei modi di cedergliela è pensare troppo a loro. La peggior cosa che il tuo nemico può farti è traviare la tua mente in modo da farti pensare a lui.

    Cresciamo di nuovo su questo ceppo tagliato, nel giardino che ci hanno portato via, mentre guardiamo al lato posteriore nascosto della Basilica di Santa Maria del Carmine, dove ha preso inizio il Rinascimento…

    • Peucezio says:

      Grazie infinite, Z., di cuore!

      Miguel, erano mesi che non scrivevi un post così bello!

    • Peucezio says:

      E’ bellissima, tra l’altro, questa cosa che Miguel ha un interlocutore suprematista bianco convinto, cioè uno lontanissimo dalla sua sensibilità (almeno su questo).

      Il mondo funziona così: le persone rispettabili semplicemente non possono avere interlocutori suprematisti bianchi. Invece Miguel se ne strafrega, anche se è lontano dai suprematisti bianchi quanto e più di loro.

    • Francesco says:

      mi piace molto la tua “definizione” di tradizione, Miguel

      la vedo solo ora

  57. Per PinoMamet e Mirkhond

    Per favore, se avete questioni del tutto private di cui discutere, fatelo in privato.

    Grazie!

  58. Per Z Traduttore!!!!!

    Grazie!

  59. Per Moi

    “Radice identitaria è ciò che cresce spontaneamente …
    Anche la radici crescono costantemente …”

    Bello, condivido!

    • Moi says:

      Troppo spesso si parla di “radici” come se fossero “fondamenta”, sulle quali effettivamente più di tanto NON si può aggiungere. Ma “radice” è un termine di metafora botanica, biologia; dovrebbe essere quindi “res viva”, che cresce proporzionalmente a tutto il resto.

  60. Per habsburgicus

    “infatti i militanti “duri e puri”, pur non capendo, si adeguavano :D (vedi Ferrini, anni 80′) e andavano comunque a votare”

    L’altro giorno incontro due splendide signore che hanno passato tanta parte della loro vita nel PCI (non solo a votarlo), e una dice all’altra, “io alle prossime elezioni voterò il candidato che fa più male a Questo Qui, fosse pure di destra!”

  61. Per Moi

    “Indubbiamente è crollato il Tabù dell’ Astensionismo : però resta il Tabù di “Votare degli Altri”. In fondo, antropologicamente è normale che i tabù cadano progressivamente e propedeuticamente l’ uno al successivo.”

    Dunque, i votanti sono calati, nello stesso tipo di elezioni, dal 65% al 40%, se ben ricordo.

    Cioè ben oltre un terzo degli elettori dell’ultima volta, che già non erano tanti rispetto alle percentuali storiche emilioromagnole, ha deciso di non andare a votare.

    Oggi sono di stracorsa, non ho visto i confronti con i risultati precedenti, bisogna vedere chi ha perso di più in termini di voti e non solo di percentuali: credo che oggi la disaffezione a sinistra con Renzi sia molto ampia e colpisce la storica base elettorale (e non solo militante) del PCI-DS-PDS-PD.

    Mentre Salvini recupera qualcosa a destra (la percentuale è altissima per l’Emilia, ma bisogna vedere se in termini assoluti, la Lega guadagna o no): un ennesimo “nuovo arrivato” pronto a risolvere i problemi d’Italia, insomma…

    • Francesco says:

      Dal mio punto di vista, sono felice della decrescita del Movimento 5 stelle, pesantemente anti-democratico e bevitore di bufale internettiane

      Mi spiace che cresca la Lega, anti-Euro e anti-immigrati e priva ormai del contenuto federalista o secessionista che era la parte positiva

      Non mi stupisce che i partiti vecchi vadano male

      Il PD di Renzi tiene perchè è l’unica cosa che esiste, tra un pò l’Italia sarà come la Firenze dipinta da Miguel, con un partito naturalmente al potere per inesistenza di alternative

      tutta colpa di Fitto!

      ;)

      • PinoMamet says:

        “Mi spiace che cresca la Lega, anti-Euro e anti-immigrati e priva ormai del contenuto federalista o secessionista che era la parte positiva ”

        Sull’antieuro non sono negativo: sarà che di economia ci capisco poco o niente, ma spannometricamente ero più del doppio più ricco prima dell’euro (e credo che la cosa valga per una vasta fascia di italiani) quindi, sarà pensiero magico, ma non riesco a non capire chi se ne vorrebbe liberare…

        sugli anti-immigrati, credo che la battaglia di Salvini sia solo di facciata, come sempre.

        E come era anche quella secessionista (non capirò mai cosa ci vedessi tu di buono nel secessionismo, comunque lo vedi che agli italiani non gliene frega niente: lo ha capito persino la Lega… ;) )

        • habsburgicus says:

          euro…ma non riesco a non capire chi se ne vorrebbe liberare…

          un’altra cosa in cui siamo d’accordissimo, Pino :D

        • Francesco says:

          fidatevi di me oppure studiate economia

        • PinoMamet says:

          Temo di dovermi fidare di te, Francesco…

          ma dentro di me, sogno sempre di fondare il partito Italia Vintage, che ci riporti all’epoca felice delle lire con la faccia di Garibaldi, il Pentapartito e così via, quando si votava per gente chiamata Illiberalealtissimo e ai seggi c’erano i bersaglieri col fez rosso e la divisa khaki…

        • Francesco says:

          non c’è problema

          per tornare lì basta azzerare il deficit di bilancio dello Stato, in modo da non dover chiedere nuovi prestiti che sarebbero denominati in lire.

          a quel punto, puoi provarci e iniziare a pregare: che i debiti pregressi sono denominati in euro e se la lira si svalutasse sarebbero cazzi ripagarli

          ciao

        • Peucezio says:

          “fidatevi di me oppure studiate economia”

          Stai fresco, Francesco.
          Fidarsi di te o studiare l’economia è la stessa cosa.
          Inb sostanza significa dare credito a uno che te lo vuole mettere in quel posto e ha inventato una teoria per convincerti che ti fa bene prenderlo in quel posto.

          L’unica differenza, fondamentale sul piano umano, ma irrilevante sul piano della mia scelta in merito alla questione, sta nel fatto che lui è in cattiva fede, tu sì: credi sinceramente che mi faccia bene prenderlo in quel posto.

        • Z. says:

          Pino,

          certo che quella sugli immigrati è una battaglia di facciata. Il fatto è che, ovviamente, quella anti-euro lo è altrettanto.

        • Francesco says:

          Peucezio

          potresti iniziare dalle riflessioni di Aristotele e Tommaso d’Aquino e poi svilupparle da solo, in modo da non essere inquinato dai fisiocratici francesi (illuministi e borghesi, sospetto) nè dai britannici (Smith, Ricardo e compagnia bella)

          però la materia mi pare degna di riflessione!

          ciao

  62. habsburgicus says:

    OT
    che ne pensate di questo latino, del Chronicon Laurbanense ?
    Era DCCCCVI prenditus est Portugale ad Vimarani Petri

    si riferisce all’epocale presa di Porto nell’868 d.C da parte di Vímara Peres regnando Alfonso III delle Asturie (866-910 d.C); il territorio fra il Minho e il Douro fu allora popolato da Cristiani provenienti dalla Galizia (impresa affidata ad un certo Odoário che si insediò a Chaves, ove era nell’872 d.C, Era DCCCCX)
    Coimbra fu presa nell’878 d.C (Era DCCCCXVI prendita Conimbria ad Ermegildo Comite, medesima cronaca)
    entro l’880 d.C circa, erano in mano cristiana in Portogallo Porto, Braga, Chaves, Coimbra, Lamego e Viseu
    (molto resterà cristiano in modo definitivo, non tutto perché ci furono riprese arabe; la stessa Coimbra tornerà sotto il giogo degli infedeli)

    • PinoMamet says:

      “che ne pensate di questo latino, del Chronicon Laurbanense ?
      Era DCCCCVI prenditus est Portugale ad Vimarani Petri”

      Fantastico!
      Chiaramente scritto da qualcuno che aveva perso completamente la nozione delle declinazioni;
      se lo hai trascritto giusto, come non dubito, è interessante anche l’uso della particella “ad” per un inedito complemento d’agente…

  63. habsburgicus says:

    @Miguel
    Livorno – il porto di Firenze dove si teneva il più grande mercato di schiavi della Toscana – era composto da schiavi nordafricani, che tra l’altro avevano una loro moschea, la prima in Italia.

    ciò è vero ? voglio dire, attestato senza ombra di dubbio e non basato sul si dice ?
    perché la Toscana dei Medici era molto “romana” (ad esempio l’Inquisizione sino al 1737 vi possedeva grandissimi poteri e poteva arrestare qualcuno ed estradarlo a Roma SENZA NEPPURE informare il governo secolare…ciò era inaudito non solo nella “giurisdizionalista” Venezia ma financo nella “devota” Modena dove il Duca come minimo pretendeva che lo si informasse :D)
    e forse Roma non avrebbe amato ciò :D
    è vero che Livorno era un caso a sé..
    tuttavia il culto pubblico islamico nell’Europa occidentale cristiana (a Costantinopoli bizantina fu diverso) mi pare senza precedenti…o sbaglio ? [qualche dubbio mi viene per Venezia città in età tarda, diciamo dopo il 1600]
    a Livorno c’era questo privilegio estremo ? può essere, e infatti lo chiedo..ma mi pare strano
    diversissimo è il caso degli ebrei-UNICA RELIGIONE NON CRISTIANA tollerata di regola nell’Europa dei christiana tempora, in un luogo di più e in un altro di meno (altro che malanimo dei cristiani verso gli ebrei, come dicono i rabbini soprattutto americani :D è il contrario, una civiltà fondamentalmente “intollerante” come quella cristiana-molto più di quella islamica va detto francamente, non bisogna farsi spaventare dalle parole e dai giudizi di “valore” e cadere nella “trappola” dell’accezione massonica delle parole- mostrò tolleranza in generale SOLO VERSO GLI EBREI..né l’Islam né il paganesimo furono mai tollerati, nel secondo caso a cristianizzazione avvenuta e “digerita”)
    dunque che a Livorno vi fosse tolleranza assoluta per gli ebrei, in proporzione di tipo olandese, è quindi una cosa notevole ma in sé non inaspettata…giacché a condizioni più dure, il culto ebraico era tollerato financo a Roma ! e quasi dappertutto tranne la Penisola iberica dal 1492 (Spagna) e 1497 (Portogallo)
    invece non mi sovvengono altri esempi di culto islamico tollerato nell’ Europa cristiana…
    ciò è quanto mi rende perplesso…
    ma il mio scetticismo può essere infondato, intendiamoci :D

    • PinoMamet says:

      “tuttavia il culto pubblico islamico nell’Europa occidentale cristiana (a Costantinopoli bizantina fu diverso) mi pare senza precedenti…o sbaglio ? ”

      Credo che sbagli…
      nel senso che per un libro che ho scritto (purtroppo ancora senza editore, cioè, con tre editori potenziali ma tutti del genere “mi garantisci l’acquisto di tot copie”)
      avevo fatto una ricerca sui “bagni penali” e le galere (proprio nel senso di navi dove erano mandati i carcerati) nell’Italia del Seicento…

      insomma, Livorno sarà stata la prima, ma quasi ogni città portuale aveva la sua “meschita” per i prigionieri “turchi”, con “papasso” (così chiamato) che dirigeva la preghiera…

      interessanti anche i “bajazotti”, ex prigionieri musulmani che si dedicavano al piccolo commercio nel genovese:
      http://www.cappucciniliguri.it/pubblicazioni/articoli/Cassiano_da_Langasco/un%20pizzico%20di%20misticanza.pdf

      • habsburgicus says:

        sua “meschita”

        ma privatissima, con discrezione… presumo
        un po’ come, a livello più alto :D, i cappellani protestanti presso gli Ambasciatori inglesi financo a Madrid e Lisbona, ed i cappellani cattolici nelle Legazioni/Ambasciate di Impero, Francia e Spagna addirittura a Stoccolma, ove il culto “papista” era punito di morte
        io mi riferivo ad un culto “pubblico” (magari in vie laterali, senza segni…come le chiese nei paesi islamici)
        per dire, a Roma (e dico Roma !) la sinagoga sapevano tutti dov’era :D
        a Livorno, a parte le meschite che dici tu, può esserci stata una moschea “pubblica” in qualche quartiere anche malfamato ?
        mi pare strano….ma possibile, ci mancherebbe

      • PinoMamet says:

        Non sono sicurissimo, ma credo si trattasse di situazioni “tollerate”, al limite dell’ufficialità:
        insomma, si sapeva che i prigionieri o galeotti erano musulmani, e li si lasciava liberi di riunirsi per pregare.

        Quelli che ottenevano la libertà e non avevano i mezzi per tornarsene in patria, che dovevano essere un numero non grande ma neanche del tutto trascurabile, penso che prima o poi finissero nelle varie “case di conversi”, anche perchè gli conveniva (insomma, trattandosi perlomeno di pasti caldi in cambio di qualche ora di dottrina… )

      • PinoMamet says:

        Del resto non tutti i galeotti (compresi i prigionieri di guerra “turchi”) erano rematori, molti erano invece impiegati in mansioni di cantiere o altri lavori “terricoli”, a volte in base a considerazioni “umanitarie” (non tutti erano fisicamente abbastanza forti per il remo);
        anche se comunque si trattava di una vita molto dura, garantiva comunque una relativa maggior libertà.

  64. izzaldin says:

    piccolo exit pool.
    Non voglio che mi diciate per chi avete votato, non voglio invadere la vostra privacy, non voglio rompervi le scatole né mi aspetto alcuna risposta o ammissione, però..
    secondo me:
    1. Z ha votato Bonaccini (PD);
    2. Pino ha votato la candidata di Tsipras;
    3. Moi ha votato la Lega :)

    magari vi sarete astenuti tutti e tre, ma non ho saputo resistere.. in amicizia, si intende!
    saluti,
    Izzaldin

    • PinoMamet says:

      Ci sei andato vicino, ho votato Tsipras l’ultima volta…
      però dopo la Spinelli e Curzio Maltese non ce l’ho più fatta.

      Probabile che il candidato, o la candidata non so, per l’Emilia Romagna fosse un’ottima persona, ma… per questa mano facciamo che ho già dato ;)

      In realtà mi sono disinteressato delle elezioni e ho recuperato ore di sonno, lo ammetto.

      • Francesco says:

        caro Pino

        ti sento molto vicino

        qui in Longobardia, il governatore Maroni pare dire più cazzate di quante ne faccia

        per cui se il PD mettesse un impresentabile, potrei votarlo (ora che ci penso, l’ultima volta mi sa che mi sono astenuto)

        ma altrimenti l’idea di recuperare sonno è attraente

        • Peucezio says:

          “per cui se il PD mettesse un impresentabile, potrei votarlo”

          Poi dice che ho torto quando sostengo che sei comunista! :-)

        • Z. says:

          Diciannove.

          Io poi l’ho sempre detto che Francesco è bolscevico dentro.

          Dai che al venti si festeggia!

        • Francesco says:

          mih quanto sono bravo a spiegarmi!

          1) quello per Maroni era un sincero complimento

          2) quello che voterei non è certo l’Ambrosoli o il Pisapia che il PD presentasse ma il Maroni stesso!

          3) al momento l’astensione è pesantemente favorita – soprattutto se i miei amici di CL restano alla scelta suicida di NCD. va bene fidarsi delle persone ma la politica è una cosa seria

          ciao

        • Peucezio says:

          Sì, mi sono accorto dopo che avevo frainteso il tuo discorso.

        • Francesco says:

          una cosa che mi sono dimenticato: le regioni godono da alcuni mesi di una pessima stampa, credo che questo abbia contribuito all’astensionismo, sono presentate come un covo di ladri e mangioni

          il Corriere su questo picchia durissimo e sporco

        • Francesco says:

          x Pecuezio

          per colpa tua sto pensando a quale candidato del PD potrei votare invece di astenermi o votare contro

          c’è un piccolo D’Alema nel PD lombardo?

          :D

    • Z. says:

      Alle ultime europee avevo votato Di Pietro, sicché peggio non potevo fare neanche impegnandomi.

      Ho votato Simonetta Saliera; le altre liste, detta come va detta, non presentavano nomi per cui valesse la pena recarsi al seggio.

      • Francesco says:

        chi è SS? quale etichetta ha?

      • izzaldin says:

        Da quel che leggo, sembra una brava persona Saliera.
        (E poi ho amici di Pianoro che lo confermano)
        A me Bonaccini invece mi dà l’impressione un po’ di “persona cattiva”, ha una faccia da apparato ma non da “apparato buono” tipo il povero Cevenini o altri, una faccia da “apparato cattivo”, di quelli maneggioni che intrallazzano con le municipalizzate.
        Però, visto che non sono lombrosiano, non basta la faccia a giudicare una persona, ed effettivamente le prime affermazioni post voto sono state di realismo e presa di coscienza della stazione delicata. però….
        però nulla mi toglie dalla testa che ci siano stati elettori storici del Pd che hanno votato Fabbri non tanto per amore verso la Lega, quanto proprio per paura di votare uno con la “faccia da intrallazzone”, preferendo dare il voto a un leghista che, come si sa, fanno ribrezzo ma come amministratori spesso non sono tanto male..
        boh.
        saluti,
        Izzaldin.

  65. serse says:

    Caro Miguel,
    sarebbe molto interessante sapere cosa risponde il tuo amico (se risponde).
    Saluti

  66. roberto says:

    la foto che accompagna il post è bellissima

    (scusate l’in topic)

  67. per roberto

    “la foto che accompagna il post è bellissima”

    E’ il frutto della mia tecnica: scattare 500 foto, una verrà bene :-)

    Sono due delle giovani violiniste, a sinistra si intravede l’antro dell’ursino Pietro che di mestiere ripara organi di chiesa e si lamenta perché all’Albergo Popolare non c’è una cappella adatta alla preghiera e qualcuno muore senza l’estrema unzione.

  68. Moi says:

    @ TUTTI

    http://www.ansa.it/sito/notizie/speciali/editoriali/2014/11/24/regionali-in-emilia-romagna-e-calabria-doppia-vittoria-pd.-ma-e-schiaffo-astensionismo_8a3a0d81-daa4-4acf-83c2-fb5ee7777a40.html

    Scusate, c’ è “un errore di sbaglio” [cit.] oppure … da 37% siam crollati addirittura al 30,7% ?!

    Va be': la CapA-Lista QuotaRosacea del PD alle Elezioni Europee, Alessandra Moretti, torna intanto ad occuparsi di quelle che ella ritiene essere le cose serie :

    http://www.huffingtonpost.it/2014/11/22/alessandra-moretti-ladylike_n_6204298.html

    No, non è affatto “Sessismo” : il Narcisismo è una componente identitaria del Renzismo assolutamente “inter-gender” ! Renzie stesso in primis !

    PS

    Ms Carfagna :

    http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11725002/Mara-Carfagna-contro-Alessandra-Moretti-.html

    Good Preaching, Bad Razzoling ! ; -)

  69. Moi says:

    @ Z

    Al fó int al méllnovz’àintquàrantòt , ménga int al méllnovz’àintquàrantasî , ech Gino Bartali al vinz’é la sô Mâja Żâla al Gir ed Frànz’ia in biz’iclàtta; axé ch’ al salvé l’ Italia dala Guèra Z’ivîl stra i Comunéssta e i Democristiàn … E con Stalin da na banda e Truman da clètra !

    Mo parò òcio bàn ca dscårrer ed “Naz’iån”, in Italia, l’ éra bèla inpussébbil : a’ l’ éra bèl e dvintè un quèl da “Fassésta” !

    … Infénch al Vèc’ Democristianâz’ ed l’ IRI, al Prufessåur d’ economî Romano Prodi ed l’ Universitè ed Bulgågna “Alma Mater Studiorum” , an al vinz’é agli elez’ión puléttichi dal méllnovz’àintnuvantasî ! I al ciamèven “L’ Ulivo”, anca s’ ai éra dàintar na gran bèla ratatógglia !

    http://www.sportvintage.it/2009/07/10/quando-bartali-salvo-litalia-dalla-guerra-civile/

    E se Dio ti “dà un cuccio” ; -) alla bici, per gli avversari non c’è “bumba” da “doping” che tenga !

    @ IZZALDIN

    Mi limiterò a dirti di non aver votato né PD né Bonaccini … ma di essermi districato mediante “voto disgiunto”, molto disgiunto; ho ritenuto, in buona sostanza, che vi fosse una “Persona Giusta” in un “Partito Sbagliato”. E ciò m’è dispiaciuto.

    SE mi hanno annullato il voto per un “errorazzo tecnico” … al fa l’ istàss ! Sono stato molto tentato dall’ astensionismo fino all’ ultimo momento. In quel caso, avrei trionfato nientemeno che al 63 % ! O persino avrei sfiorato il 70 % ?! ; -)

    Bonaccini, almeno, a differenza di Renzie ha avuto l’onestà intellettuale di NON darsi toni trionfalistici … nella regione che aveva sempre dato il miglior esempio di senso civico e partecipazione democratica al resto “del Paese” ! Sopra al Po COME sotto all’ Appennino.

    In fondo, Bonaccini non ha ottenuto che il 49% di Voti Favorevoli su di un 37% [o 30,7 % ?! … bàn ragaz’û, mo par dabån sàggna pròpri méss axé ?! ] di Partecipanti fra gli Aventi Diritto …

    http://www.repubblica.it/politica/2014/11/24/news/emilia_romagna_salvini_esulta_pallone_renzi_si_sgonfia_patto_del_nazareno_folle-101277498/

    … “Facta” Matematizzabili, ma NON per questo “edificanti”; in ogni senso !

    @ PINO

    Ma cos’ è che han detto / scritto / fatto Barbara Spinelli e Curzio Maltese, per farti ricredere su Tsipras ?

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/07/europee-maltese-barbara-spinelli-non-rinuncia-al-seggio-meglio-lei-della-zanicchi/1017935/

    … Questo, per caso ?

    @ MIGUEL

    Why did you call Tor Pignattara* “outskirt” instead of “slum” ?

    *“Potter Tower” ? ; -)

  70. Moi says:

    “La figa al potere: un disastro sociale”.

    [sic]

    Ah, no : NON è il Campione del Reggiolo (RE) “Rutto Sound Festival*” [sic !] !

    http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_sardegna/2014/11/22/prof_contro_ladylike_moretti_all_universit_bufera-6-397042.html

    … è un Prof. Universitario riscopertosi “Uomo del Popolo” nel più nobile e Sovietoide dei sensi !

    *
    http://www.youtube.com/watch?v=3MC74V1HHOo

    In Lungo (tempo)
    In Alto (decibel)
    Creativo (tautologia)

    02:08 – 02:48 … dedicato al Milordino Cremasco Beppe Severgnini ;) !
    04:30 … Gender Gap ?! ;)

  71. habsburgicus says:

    Vi tedierò un po’….so già che, probabilmente, non interesserà nessuno :D (tranne forse a Luigi, di nuovo “sparito”)
    Su ANNO-Austrian Newspapers Online hanno messo in linea tutti gli Annuarii dell’I. e R. Servizio estero (cioè gli Annuari Diplomatici della Monarchia asburgica) dal 1897 al 1917 (tranne il 1900..mah..e chissenefrega)
    http://anno.onb.ac.at/cgi-content/anno-plus?aid=jad
    Per il momento vi “anticipo” solo questo

    Dal 1914 al 1917, accreditato presso la Corte asburgica da parte della Colombia (sin dal 15/2/1908) era un certo Ignacio Gutiérrez Ponce, accreditato pure a Londra, ove risiedeva; DUNQUE il signor Gutiérrez Ponce era accreditato presso due Stati in guerra fra loro !
    Il Lussemburgo non aveva nessuno accreditato
    A Vienna, caso unico in Europa, vi era pure una Legazione del Regno di Sassonia
    Carlo I non ricevette le credenziali di nessuno sino al 9/6/1917 (data in cui termina l’Annuario del 1917) TRANNE l’Ambasciatore tedesco conte Botho Wedel, che fu da lui ricevuto già il 27/11/1916 (a soli 6 giorni dalla morte di Franz Josef !)
    Naturalmentre, al 9/6/1917, erano ancora segnati
    Gryparis, Ministro di Grecia (mantenuto così come a Berlino nonostante la brutalità dell’Intesa avesse espulso i diplomatici di Germania, Austria-Ungheria, Bulgaria e Turchia da Atene sin dal 21/11/1916; Vienna, come Berlino e pure gli altri, sapeva che ciò fu dovuto solo alla prepotenza dell’Intesa e non rimproverò la Monarchia greca per questo)
    Principe Traidos Prabandh, Ministro del Siam residente a Berlino
    Shen Soeu-Ling, Ministro di Cina
    Ma erano alla fine; il regime venizelista che assunse tutto il potere in quel mese ordinò a Gryparis di chiedere i passaporti il 30/6/1917; il Siam dichiarò guerra a fine luglio, la Cina il 14/8/1917

  72. Moi says:

    Attualizza, attualizza !

  73. Moi says:

    @ MIRKHOND

    http://www.youtube.com/watch?v=nRkEWrSNtkU

    … AIPC Osservatorio Nazionale Stalking

  74. habsburgicus says:

    Accogliendo l’ “invito” di Moi :D

    Sapienza diplomatica di altri tempi…quando c’era ancora l’europa (che non è l’UE, mi spiace :D)
    Premetto che all’inizio della lista del Corpo Diplomatico a Vienna vi è una tavola con in testa il Nunzio (ipso facto Decano), gli Ambasciatori (in ordine di presentazione delle credenziali con data) e i Ministri (in ordine di presentazione delle credenziali con data), su due colonne
    nell’Annuario del 1911 (che dava la situazione del marzo 1911) vi era, al penultimo posto, il Ministro di Cina Shen Soeu-Ling che presentò le credenziali a Francesco Giuseppe il 20/12/1910
    Orbene, nell’Annuario del 1912 (situazione del marzo 1912) il medesimo Shen Soeu-Ling c’è allo stesso posto, ma SENZA DATA, e con un’aggiunra “rappresentante diplomatico provvisorio”
    Nell’Annuario del 1913 (primavera 1913) lo stesso Shen Shoeu-Ling è rigettato in fondo, sempre SENZA DATA, e con la specifica “rappresentante diplomatico provvisorio”
    Nel’Annuario del 1914 il nostro Shen Soeu-Ling invece torna alla sua posizione in lista, con data (20/12/1910) dunque ormai è abbastanza in alto
    Idem in quelli del 1915, 1916 e 1917 (ho già detto che fu stampato prima della rottura di agosto)..anzi in quello del 1917 ormai è abbastanza in alto per anzianità essendo del 20/12/1910 (per dire lo svizzero Bourcart che non è neppure l’ultimo, è del 1/3/1915; il sassone conte Nostitz-Wallwitz è del 26/6/1916, il messicano Rafael Zubarán Capmany è del 22/8/1916, residente a Berlino con un tale Leopoldo Ortiz, Inc Aff, nella cancelleria a Vienna..chi avrà firmato le credenziali a Zubarán Capmany in piena Revolución ? :D Carranza ? :D)
    Che è successo ? si sono sbagliati ?
    NO..
    È successo che nel febbraio 1912 ci fu la rivoluzione cinese…la gloriosa dinastia Qing (1644-1912) fu rovesciata e si instaurò la Repubblica di Cina (Chung-hua Min-kuo o in pinyin Zhonghua Minguo) che tuttora sussiste a Taiwan
    in base alla vecchia prassi dipolomatica, Shen Soeu-Ling non era tanto rappresentante di un’eentità astratta quali la Cina (cosa è ? esiate ? parafrasando Miguel :D) bensì di una persona concreta l’Imperatore, che non c’era più !
    Caduto l’Imperatore Shen Soeu-Ling perdeva tutti i poteri diplomatici…già gli si faceva grazia di considerarlo “rappresentante diplomatico provvisorio” e di relegarlo in fondo, DOPO tutti i Ministri accreditati anche quelli che, come il romeno Edgar Mavrocordato erano stati accreditarti il 19/11/1921, cioè DOPO di lui
    In ottobre 1913 Francesco Giuseppe (come altre Potenze europee) riconobbe la Repubblica di Cina, di Yuan Shikai, e dunque Shen Soeu-Ling riprese il suo posto…probabilmente ci fu anche un atto separato in cui gli si abbuonava la vecchia data (quella imperiale) ai fini della graduatoria..sarà sepolto in qualche polveroso archivio :D
    Quella era diplomazia pura ! mica come oggi ove talora si tollerano enormità :D

    Una cosa simile, ma lì ci fu cambio di uomini, riguardò il Portogallo
    Qiuando la Massoneria rovesciò i Bragança il 5/10/1910, il Ministro di Portogallo a Lisboa Miguel de Noronha, conde de Paraty (acccreditato sin dal 25/9/1897 !!! decano dei Ministri) perse i poteri
    scompare dall’Annuario 1911, che lo mette sì, ma all’interno (dopo la tavola ci sono tutte le sedi, anche con il personale e l’indirizzo..sino al 1908 arrangiate anche per data di credenziali, poi dal 1909 per ordine alfabetico)e con la dicitura “dimissionario”; scrive che la Legazione era retta da tale Duarte Pereira Marques, segr Leg
    nell’Annuario 1912 non compore più neppure all’interno, ma c’è un semplice Pedro de Tovar, Inc d’Aff
    finalmente Francesco Giuseppe riconobbe la Repubblica portoghese, nel 1912;
    il 13/5/1912 Francisco de Almeida Calheiros e Meneses gli presentò le credenziali firmata dal Presidente della Repubblica massonica, Arriaga
    (in teoria rimase fino alla rottura del 14/8/1916, avvenuta da parte asburgica per solidarietà con il Reich; ma già in Annuario 1915 segnaro “assente”, abwesend e Legazione retta da tale Luís Arenas Lima, come Inc Aff; nell’Annualo 1916 perché uscito a fine maggio, dunque POSTERIORE alla rottura non c’è più; indicato, all’interno, “relazioni diplomatiche rotte”)

  75. habsburgicus says:

    19/11/1911, chiaramente

  76. Moi says:

    @ HABSBURGICUS & Z

    Una Gioventù Ottimista e Volitiva

    http://www.youtube.com/watch?v=bWe6k1F5WKQ

    Un Brànch ed Drughè :

    http://www.youtube.com/watch?v=Q929ZMezRvs

  77. Per Peucezio

    “E’ bellissima, tra l’altro, questa cosa che Miguel ha un interlocutore suprematista bianco convinto, cioè uno lontanissimo dalla sua sensibilità (almeno su questo).”

    L’altro giorno ho partecipato a una riunione tecnica sull’organizzazione delle associazioni di volontariato, dove si discuteva della privacy.

    Il relatore spiegava il concetto di dati sensibili, sottolineando come fosse particolarmente importante tenere riservati quelli riguardanti lo stato di salute, l’orientamento sessuale, ecc.

    Sento una voce in fondo di un tizio che dice, “io faccio parte di un’associazione di genitori arcobaleno, come si fa in questi casi quando già l’iscrizione a un’associazione indica una tendenza sessuale?”

    Mi giro e vedo un tizio sui quarant’anni, un po’ pelato, dalla barba corta e incolta, vestito più o meno come me.

    Ecco, la sua tendenza sessuale sarà uno dei tanti aspetti della sua vita, ma sarà anche mille altre cose, e anche se probabilmente non ci innamoreremmo mai l’uno dell’altro, sono sicuro che potremmo condividere un sacco di cose.

    Anche la tendenza al suprematismo bianco è solo un aspetto di una personalità umana, mica la esaurisce tutta.

    • Francesco says:

      mah …

      si vede che ho una formazione intellettualoide con devianza stalinista ma faccio molta fatica a seguirti sul sentiero della sostanziale irrilevanza di ogni pensiero astratto

      come se ci fosse da una parte la Prassi e dall’altra il tifo calcistico, vivissimo quanto utile, come vera essenza di ogni Teoria

      ciao

    • Peucezio says:

      “Anche la tendenza al suprematismo bianco è solo un aspetto di una personalità umana, mica la esaurisce tutta.”

      Certamente. Per noi una cosa del genere è scontata. E direi che dovrebbe esserlo per qualunque persona equilibrata.
      Ma invece, nel mondo ideologizzato in cui viviamo, il nostro è un atteggiamento minoritario.
      E quanto più le persone sono colte, istruite, hanno in teoria strumenti critici maggiori, hanno viaggiato di più e letto di più, tanto più applicano questi filtri.
      Mentre tutto sommato nelle classi basse, fra persone pratiche a cui interessano le cose basilari, tali categorie sono molto meno rilevanti: se mi dai una mano e non cerchi di fregarmi, che me ne frega che tu sia fascista, comunista, suprematista bianco o attivista omosessuale.

  78. Guido says:

    Io credo che siamo portati a dare un peso eccessivo alle opinioni, quando è la vita stessa che ci insegna quanto queste siano irrilevanti nel dare un quadro sommario di chi abbiamo di fronte o al fianco. Si creano dunque “comunità terribili” cementate solo dalla comune avversione verso un nemico immaginario (lo ZINGARO, il FROCIO, l’ARABO, IL NAZISTA DELL’ILLINOIS). Si evita accuratamente di concedere all’ALTRO le innumerevoli attenuanti con cui si usa continuamente perdonare sé stessi e i propri famigli. Tutto ciò mi appare di un’evidenza abbacinante.

    La vita è complicata: nazi-omosessuali, animalisti carnivori, femministe pro-pena-di-morte, ecologisti a favore dello sterminio della razza umana, rettiliani che hanno dimenticato di esserlo, sedicenti anarchici a favore del diritto d’autore, cazzari sesquipedali che si credono capi di stato, gente che parla per conto di dio, e chi più ne ha più ne metta.
    L’amicizia, non il suo surrogato con cui viene scambiata il più delle volte, è possibile solo tra singolarità che si riconoscono in un comune percorso, che riconoscendo la propria fragilità e mutevolezza sanno godere di un comune modo di essere al mondo, rinunciando a trincerarsi in una delle tante “identità” che dovrebbero proteggere ma che in realtà soffocano il vivente.

    • izzaldin says:

      totalmente d’accordo

    • Peucezio says:

      Guido,
      va da sé che condivido in pieno.

      Poi, se volessi sostenere di non essere mai, in nessun caso, condizionato dall’ideologia, di avere qualche forma di prevenzione, mentirei.
      Ma non lo faccio mai programmaticamente e in ogni caso la supero, non appena conosco meglio la persona.
      Il guaio invece è proprio chi lo fa programmaticamente e, come in una tabella, organizza le sue frequentazioni e i suoi giudizi in base a tali categorie.

      • Guido says:

        E fai bene a non mentire, soprattutto a te stesso. Quello che dovremmo (dovrei) fare è affinare sempre di più la gentile arte della consapevolezza: conoscere e conoscersi allo stesso tempo, sapersi vedere, raccontarsi la verità senza infingimenti, essere capaci di perdonarsi e allo stesso tempo sottrarsi ai dispositivi giudicanti che sono trappole sia per le vittime che per i carnefici (attuali o potenziali). Questa cosa qui non la si può programmare ma bisogna solo predisporsi per farla accadere, quasi dimenticandosene.
        E’ tutt’altro che facile infischiarsene dell’“orgoglio”, anche perché tutto, dalla grammatica all’urbanistica, congiura per consolidarci nella pazzesca convinzione di essere tanti piccoli padreterni impegnati nella lotta per la sopravvivenza di ognuno a scapito di tutti gli altri.

    • Z. says:

      Non vedo nulla di strano nell’essere femministe a favore della pena di morte, comunque.

  79. Per Francesco

    “si vede che ho una formazione intellettualoide con devianza stalinista ma faccio molta fatica a seguirti sul sentiero della sostanziale irrilevanza di ogni pensiero astratto”

    Non parlo del pensiero astratto, che è cosa rarissima, tranne tra i matematici.

    Parlo del pensiero viscerale, che non è irrilevante, perché è strettamente legato a un percorso di vita.

    Nessuno si mette a tavolino a ragionare sui pro e contro dell’immigrazione senegalese in Italia, analizzando i dati, per arrivare poi a una conclusione.

    Piuttosto, se è antirazzista (che non è un pensiero, ma un sentimento), troverà tutti i dati che indicano che sia un fenomeno positivo.

    Se è razzista (e qui si tratta sempre di un sentimento), troverà innumerevoli dati che indicano che sia un fenomeno negativo.

    Quindi diventa importante capire perché nascono tali sentimenti. E scoprire anche che convivono con mille altre cose. Vedremo che magari l’antirazzista ha un terrore viscerale dei malati di AIDS; oppure che il migliore amico del razzista è un marocchino.

    Siamo tutti caleidoscopi incredibilmente complessi e cangianti.

    Ad esempio, il mio amico non è esattamente un “suprematista bianco”, è un cattolico molto convinto e praticante, e quindi teoricamente non può essere un vero e proprio razzista. Ed è anche una persona mite e sensibile, che vive sommerso tra i libri.

    Però tra le molte emozioni che prova, c’è anche un pezzo dedicato alla “White Race”, che gli scappa così.

    • Francesco says:

      >> Nessuno si mette a tavolino a ragionare sui pro e contro dell’immigrazione senegalese in Italia, analizzando i dati, per arrivare poi a una conclusione.

      Buongiorno, sono nessuno

      :D

      • Francesco says:

        per la cronaca, razzismo e anti-razzismo sono idee, anche ove nascessero da sentimenti

        ciao

        • Moi says:

          Già, e forse proprio per questo aspetto “emotivo” razzismo e anti-razzismo sono divenuti così indissolubili da relativismo culturale e gender culture … creando “per inter-reazione” degli esplosivi potentissimi da ingredienti singolarmente innocui. ;)

        • Moi says:

          SE Francesco e Don Giussani fossero razzisti … i Poveri sarebbero una “razza” ;) !

        • Francesco says:

          Moi

          prenditela con me ma lascia stare Giussani!

          non lo ho mia conosciuto di persona ma da tutto quello che ne so era veramente un uomo notevole e un vero cristiano

          quindi uno che di poveri se ne intendeva

          ciao

    • Peucezio says:

      Miguel,
      stamattina avevo scritto una risposta, ma, misteriosamente, se l’è mangiata la rete (o il browser).
      In sostanza il concetto era questo: valutare il mondo secondo le ideologie è vero che deriva da un bisogno emotivo, ma la distorsione sta proprio nel fatto che l’invetsimento emotivo, anziché rivolgersi a cose reali, a persone, a entità non astratte, si rivolge alle idee. E’ questa secondo me al vera distorione.
      E la ricollegavo, in un accenno, anche alla civiltà della scrittura, che, secondo gli antropologi, plasma profondamente i modelli cognitivi e filtra i contenuti dell’esperienza, che viene mediata dalla parola scritta.
      In sostanza una società sempre meno orientata alla relazionalità (che brutto sostantivo…) e alla socialità e sempre più atomizzata (ricordi il discorso sullo spazio fisico pro-capite che facevo recentemente) porta gli uomini a innamorarsi delle idee, anziché delle persone. Infatti l’ideologizzazione va di pari passo col benessere e tocca prima le élite ricche, poi la massa, quando si imborghesisce anch’essa.

      Insomma, alla fine ciò che trascina davvero gli uomini è il fattore emotivo, d’accordo, ma c’è una bella differenza fra uno disposto a uccidere quello che gli ha fregato l’innamorata e uno disposto a uccidere un altro perché è fascista/comunista/liberale/razzista/antirazzista. Il primo caso è la fisiologia, il secondo la patologia, la sostituzione delle formule alle cose.

  80. Pingback: L’Arno in piena, gli schiavi e due bambine su un ceppo | Kelebek Blog

  81. Per Francesco

    “per la cronaca, razzismo e anti-razzismo sono idee, anche ove nascessero da sentimenti”

    Non credo, né se guardiamo alle loro forme basse, né alle loro forme alte: penso alla totale mancanza di ragionamento o di logica in lunghi testi di razzismo “ovvio” del primo Novecento, scritti da persone intelligenti; o viceversa ai tentativi accademici di dimostrare che l’uomo sarebbe “tabula rasa” in anni recenti, che celano sempre una forte base emotiva.

  82. Per Francesco

    “>> Nessuno si mette a tavolino a ragionare sui pro e contro dell’immigrazione senegalese in Italia, analizzando i dati, per arrivare poi a una conclusione.

    Buongiorno, sono nessuno”

    E’ vero, ma dietro c’è un acritico sentimento di fiducia nell’Economia :-)

    Tu ti chiederesti ad esempio se ci sono più bengalesi che pesano sulla lista dei disoccupati, oppure più bengalesi che aprono esercizi commerciali… senza pensare che forse per la maggior parte si tratta di spacci di alcol che pesano in altro modo sulla società.

    • Francesco says:

      non nell’economia ma nella ragione

      per il resto mentirei se negassi

      ciao

      PS sul razzismo non idea devo ripensarci ma mi puzza troppo di Freud e troppo poco di Marx

      • PinoMamet says:

        Scusa ma perché Freud dovrebbe averci meno a che fare di Marx?

        Anzi, ti ditò, il razzismo mi pare una di quelle robe profondamente “pissicologgiche” ;) che hanno ben poco a che fare con la realtà concreta e materiale.

        • Francesco says:

          hai ragione, non pensavo in particolare al razzismo (che è una boiata del tutto pissicologica [tolti i giocatori di basket]) ma al ruolo delle ideologie

          ciao

          PS Berlusconi è morto ma non glielo hanno ancora detto? lui, Bersani e Grillo puntano a eleggere il prossimo Presidente con questo Parlamento scadutissimo?

  83. Per Francesco

    “hai ragione, non pensavo in particolare al razzismo (che è una boiata del tutto pissicologica [tolti i giocatori di basket]) ma al ruolo delle ideologie”

    D’accordo… ma le “ideologie” sono difficili da definire. Nella remota Italia di mezzo secolo fa, c’era sicuramente una “ideologia comunista”.

    C’era una “fede” cattolica.

    C’era una “opinione” liberale.

    C’era forse un “sentimento di patria” fascista.

    Sono tutte cose commensurabili tra di loro? Anche perché “ideologia” credo che sia un termine di origine nettamente marxista, perché mai chi altri dovrebbero avere qualche “ideologia”?

    E infatti “ideologico” è oggi l’insulto principale usato dal PD contro chi non è d’accordo con ciò che fa.

    • Francesco says:

      Ok ma sai benissimo che dietro l’insulto del renzista ci sta un suo modo di pensare e di vedere il mondo, una specie di ibrido tra Silvio Berlusconi e Tony Blair, un neo-socialismo che venature affaristiche

      che per comodità chiamo ideologia (mica nego che ci sia stato il marxismo)

      mica ho voglia di usare complesse parolone tedesche quando ci si capisce benissimo in italiese

      ciao

  84. Moi says:

    @ IZZALDIN

    e come diceva un mio amico ex punkabbestia:
    “è una gabbia, la coerenza..”

    [cit.]

    —————————

    Il Frasone di cui sopra, in Italia, è arrivato prima di Mazinga … ma almeno consente un figheggio tale che ogni volta che la si dice è come se fosse la prima volta !

    La propria coerenza è un gabbione di sicuro, quella altrui invece è sempre un fulgido da NON seguire.

    Le Pancabestie, se fossi Dittatore, li manderei per almeno 5 anni in Erasmus Obbligatorio in una Paese in Via di Sviluppo … a provare un po’ di Miseria VERA !

    Nessun trattamento di favore !

    Altro che miseria da “cosplayers” con la Carta di Credito del Papy sempre fully reloaded … Sì, non crediate: ne ho conosciuti molti personalmente (!) di personaggini così !

    • Moi says:

      https://www.facebook.com/DPEGWU

      La Sorority di Christine Lagarde … o che ;) ?

    • Moi says:

      esempio fulgido

    • Moi says:

      Erasmus LAVORATIVO … ovviamente !

      • izzaldin says:

        guarda, da un lato sono d’accordo con te: fare i bohemienne, chiedere soldi per strada quando si hanno le tasche piene è davvero patetico.
        però non è il caso della persona in questione, e soprattutto la frase della coerenza nel suo caso era anche autocritica e per niente assolutoria.
        Hai ragione, però c’è una differenza: se il pancabestia lo fai a via zamboni, dove esiste una “scena” e sei socialmente accettato da decine di tuoi simili, è una scelta omologante e modaiola.
        Se lo fai in realtà preiferica, dove sei l’unico o quasi, il discorso cambia e c’è davvero una carica di ribellione non indifferente.
        Il pankabbestia se lo fai a Bologna è un conto, se lo fai in provincia di Trapani o in Turchia è un altro…

        • Z. says:

          In effetti non ho nulla contro chi fa il punkabbestia a Trapani o in Turchia. E credo neppure Moi.

          C’è però un problema: mentre di turchi ne conosco pochissimi, nel trapanese invece ho diversi amici, e tutti mi assicurano che di punkabbestia laggiù non se ne vedono.

          Insomma, questa “carica di ribellione” – ammesso che sia qualcosa di cui vantarsi – si fatica a scorgere :)

  85. Per Z

    “Ce ne saranno anche, ma di solito gli “amministratori” leghisti sono persone che tentano la via della politica dopo aver fallito quella dell’impresa o della professione, se non proprio per schivare la fresa.”

    Mitico l’improbabile sindaco leghista di una nota non-città ai confini di Firenze, che pur di fare una bancarotta fraudolenta come si deve, aveva studiato le cose in modo tale da far finire in galera il proprio figlio al posto suo.

  86. habsburgicus says:

    O.T
    il 19/11/1901 fu accreditato alla Corte di Vienna financo un Ministro di Corea, tale Min Chul Hun, residente a Berlino (e non era il 1°, ebbe un predecessore nel 1900-1901) :D !

  87. habsburgicus says:

    ma Andrea Di Vita, persona pacata e con argomentazioni sempre interessanti, è sparito ?
    possibile che spariscano tutti/e ?
    anche Jam, che diede ai tempi molti contributi interessanti e
    anche Roseau, una ragazza molto in gamba, che fece diversi interventi notevoli…
    Luigi è sulla via di “sparire”
    lo stesso Ritvan, ancora presente, ha rarefatto di gran lunga le sue presenze…ed è, parlo per me ma sono sicuro di interpretare anche i sentimenti di altri, un peccato
    e pensare che il blog è bello, culturalmente elevato, con piena libertà di parola…mah
    magari con certi difetti…ma siamo tutti umani :D
    e, intervenendo, forse si potrebbe provare a risolverli :D

  88. Moi says:

    Ritvan, ancora presente, ha rarefatto di gran lunga le sue presenze…

    • Moi says:

      Forse ha ottenuto ciò che voleva : che diventassimo tutti più riflessivi …

    • Moi says:

      Jam invece, perché sparita … nescio brisa ! La sua straordinaria capacità di universalizzare l’ islam … quanto ci vorrebbe ora ch’ è saltato fuori l’ ISIS.

  89. Moi says:

    http://www.youtube.com/watch?v=jLju6RwUAws

    Auferstanden aus Ruinen (DDR/East Germany) PARODY, Thdubya

    Però l’ allusione a “Die Papstsrache” sulla Berliner Fernsehturm ad Alexanderplatz , pur conoscendola (!), NON me l’aspettavo … poiché mi risulta che ne abbia parlato solo Vittorio Messori, ne avran letto una traduzione in Inglese. O in Tedesco.

    http://berlinocacioepepemagazine.com/torre-di-alexanderplatz/

    http://www.ilmitte.com/fernsehturm-torre-televisione-storia-berlino/

  90. Moi says:

    *** Sulle Zingare Prostitute ***

    Da qualche parte, un portavoce dell’ Opera Nomadi aveva detto che le Zingare NON si prostituiscono; ma NON per inibizione sessuale, bensì perché ciò sarebbe una forma d’imprenditoria capitalistica … e ciò NON può rientrare nella loro cultura.

  91. Moi says:

    A proposito di Alan Fabbri

    http://bologna.repubblica.it/cronaca/2014/11/02/news/fabbri_arruola_peppone_oggi_sarebbe_leghista-99604785/

    … “Peppone oggi sarebbe Leghista” !

    ———————-

    Ma personalmente temo che “Peppone” invece si sia venduto alla Massonaia Banksteristica :

    http://www.youtube.com/watch?v=7nkF9CbOt2g

  92. Per Peucezio

    “Insomma, alla fine ciò che trascina davvero gli uomini è il fattore emotivo, d’accordo, ma c’è una bella differenza fra uno disposto a uccidere quello che gli ha fregato l’innamorata e uno disposto a uccidere un altro perché è fascista/comunista/liberale/razzista/antirazzista. Il primo caso è la fisiologia, il secondo la patologia, la sostituzione delle formule alle cose.”

    Concordo totalmente con la tua tesi, perché è esattamente ciò che ho imparato dai Rom, cioè da quella che chiamano una cultura “orale”. E proprio cercando di comunicare con i Rom, ti rendi conto di vivere dentro un bosco di artifizi costruiti proprio dalla scrittura, di cui non ti rendevi minimamente conto prima.

  93. Per Moi

    “Da qualche parte, un portavoce dell’ Opera Nomadi aveva detto che le Zingare NON si prostituiscono; ma NON per inibizione sessuale, bensì perché ciò sarebbe una forma d’imprenditoria capitalistica … e ciò NON può rientrare nella loro cultura.”

    Almeno raccontato nei termini in cui ne parli tu, il discorso non ha nessun senso.

    1) esistono (alcune) prostitute Rom

    2) quando frughi nell’immondizia per vivere, l’unico capitale che hai è la fedeltà-sottomissione delle donne di casa, per cui in genere gli uomini Rom ci tengono alla disciplina in questo settore. Il problema sorge talvolta quando un uomo Rom decide di cambiare donna, e vede in quella “vecchia” una fonte potenziale di guadagno…

    3) la contabilità a partita doppia non fa parte della cultura Rom, fare soldi (e spenderli subito dopo) invece decisamente sì.

    4) Comunque il mondo di topi, copertoni bruciati, incendi e ruspe che in qualunque momento ti possono distruggere la baracca, musica spaccatimpani e televisori sempre accesi, malattie, liti furibonde con vicini che si agitano con bottiglie di birra in mano, possibilità in ogni momento di venire mandati via… ecco, il “Campo” è una realtà talmente lontana da tutto ciò che viviamo normalmente noi, che il termine “cultura” assume un valore molto diverso.

  94. Moi says:

    @ PINO / ROBERTO / PEUCEZIO

    Anche gli Emiliano-Romagnoli “incù”o “incò” , che si ritrovano anche sopra al Po, diventano meglio comprensibili se si pensa al Latino tardo-popolare “in hoc (die)” anziché “hodie” … da cui il medianofono “oggi”.

  95. Moi says:

    http://www.youtube.com/watch?v=P1CyPjQQTAM

    L’ Orsacchiottone Misha o “Mysha” a 1:35_ 1:40 , Mascotte delle Olimpiadi di Mosca 1980, strano a dirsi è stato oggetto di un lezioso anime Giapponese :

    (da TV, bassa qualità)

    http://www.youtube.com/watch?v=rgygmFFnbuw

    (da vinile, alta qualità)

    http://www.youtube.com/watch?v=bbXVUa4sC8o

  96. Moi says:

    @ HABSBURGICUS

    Si tratta dell’ introduzione del libro, che però non ho letto, e che immagino non abbia avuto gran promozione nonostante l’ editore prestigioso …

    http://www.librimondadori.it/libri/l-italia-non-esiste-fabrizio-rondolino

    http://books.google.it/books?id=U1Z-6EN6BjYC&printsec=frontcover&hl=it#v=onepage&q&f=false

    Ma dimmi: che l’è ‘sto “Fàiga Ghéit” di cui sopra ;) ?

  97. Moi says:

    @ Z

    Da quando il “pensiero critico” si chiama “odio” ?

    Per “gli Altri” :

    http://www.youtube.com/watch?v=NUds9rwII0g

    • Z. says:

      Dal momento in cui diventa un’ossessione continua che non sembra darti tregua, come nel tuo caso.

      Tanto che finisci per tirarla fuori – ossessivamente, appunto – anche quando si parla di tutt’altro: ad es., di soggetti che si buttano in politica perché lavorare è faticoso.

      Peraltro, dovresti essere contento all’idea che Renzi forse riuscirà laddove persino Berlusconi si era arreso :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>