Laicista si cala le braghe davanti alla Chiesa

Fa pipì sulla basilica di Santa Croce,
sorpreso dagli agenti: «Sono ateo»

Protagonista, la scorsa notte intorno alle 2, un ventiquattrenne originario di Livorno

Sorpreso dalla polizia mentre urinava contro la porta centrale della basilica di Santa Croce, a Firenze, ha tentato di giustificarsi dicendo di non essere credente. Protagonista, la scorsa notte intorno alle 2, un ventiquattrenne originario di Livorno, denunciato dagli agenti per atti osceni in luogo pubblico. Secondo quanto riferito, il ragazzo è stato notato da una pattuglia di passaggio. «Io sono ateo» sono le parole che ha detto agli agenti che lo hanno fermato.

25 settembre 2014
Print Friendly
This entry was posted in Il clan dei fiorentini, monispo and tagged , , , . Bookmark the permalink.

131 Responses to Laicista si cala le braghe davanti alla Chiesa

  1. Dif says:

    Crociata contro gli atei tra 3,2,1…

  2. Mi immagino già i commenti su certi forum alla notizia che un ateo livornese ha fatto la pipì su una chiesa a Firenze.

    “Questa è la gente che invece quando vede i musulmani si prostra per terra davanti loro!”

    “Vero, che schifo, l’Islam è alle porte!”

    “Anche qui è pieno di cinesi, magari ci faranno pure la moschea!”

    “Il mitra bisognerebbe prendere contro i musulmani tagliagole e gli zingari!”

    “E’ vero, guarda quanti trans brasiliani ci sono in giro! Tra un po’ faremo la fine dell’Arabia Saudita!”

    “La prossima volta che qualcuno fa la pipì a Santa Croce, chiediamo per par condicio di fare un cesso dentro quel cubo lì alla Mecca!”

  3. Francesco says:

    trovo più legittimo chiedersi: questo grandissimo coglione avrebbe fatto lo stesso sulla porta della Moschea di Firenze? o avrebbe avuto un pò di fifa?

    e poi: è possibile che solo la paura possa far presa nella testa di alcune persone e non un minimo di rispetto e decenza umana? ci vuole proprio una scimitarra (o una mannaia) che tronchi il pistolino per fermarli?

    PS livornesi tutti appesi :D

    • Z. says:

      Casomai avrebbe avuto fifa se fosse stata la moschea di Teheran. Che poteva capitagli alla moschea di Firenze, dopotutto?

    • …Più che fifa, forse, ritegno.
      Lo stesso che avrebbe avuto a servirsi in quel modo del portone di Santa Croce se ci fosse stata una funzione in corso.

      La cosa da notare, se mai, è che le chiese sono spesso vuote e chiuse, le moschee altrettanto spesso aperte e frequentate.

      • Francesco says:

        quindi sarebbe colpa dei cattolici?

        immagino che defecare in un cimitero allora vada bene, visto che non c’è nessuno che viene disturbato?

      • Moi says:

        Un provocatore simile, “ritegno” ‘unn vole saper neppure come si scrive ;) … capisce solo ciò a cui allude Francesco.

        Ma ri-ri-ripeto : c’è un Exemplum che viene dalla “Cultura Alta” !

      • daouda says:

        da quando ci si interessa della bieka quantità? Non eravate gli alfieri della qualité?

  4. mirkhond says:

    Che poteva capitagli alla moschea di Firenze, dopotutto?

    Un bel po’ di legnate! :)

    • Dif says:

      Beh, Borghezio portò un maiale dove si sarebbe dovuta edificare una moschea, e non mi pare che fu linciato, anzi, fu piuttosto ammirato da certa gente.

  5. Francesco says:

    visto?

    la Moschea non c’è ma la paura (o l’ammirazione) per il cazzutissimo sagrestano islamico è già presente!

    :D

  6. Z. says:

    GIOCO!

    C’è chi beccato a urinare su una chiesa dice “sono ateo”, e chi dopo essere stato bastonato dai magistrati replica:

    – i giudici che mi hanno condannato si dovrebbero dimettere;
    – non li chiamerò più poteri forti, ma sistemi criminali e poteri criminali;
    – non mi faccio cancellare a colpi di formalismi giudiziari;
    – contrasteremo questa melassa putrida.

    Chi l’ha detto?

    1) Silvio Berlusconi, dopo la condanna definitiva per frode fiscale.
    2) Beppe Grillo, dopo la condanna in I grado per violazione dei sigilli.
    3) Matteo Renzi, dopo la condanna in I grado davanti alla Corte dei Conti.
    4) Salvatore Riina, dopo la condanna definitiva a settecentoquarantanove ergastoli.
    5) altri (specificare).

  7. daouda says:

    Il bello è che si preferisce l’ Islam all’ateismo quando sappiamo tutti che l’ateismo non esiste.
    Ecco la scusa per “islamizzare” l’Euroba…magari avecce n’altra Andalus

    • daouda says:

      Ma lo abbiamo ribadito che gli islamici in terra non a maggioranza musulmana non ci devono stare se non per dawa?

      Chi è l’anticristo? Colui che nega che il Verbo è venuto nella carne. A conti fatti noi semo l’unici che hanno il permesso di annà a rompe le palle alle nazioni, ancora nun s’è capito che la Chiesa è romana?

  8. mirkhond says:

    I Cristiani in Cristo ci devono CREDERE!
    Altrimenti che missione voi fà?

  9. izzaldin says:

    una volta a Palermo di notte ho visto un ragazzo che pisciava accanto a una statua di Padre Pio e per poco non veniva linciato dagli autoctoni

  10. Moi says:

    “la moschea non c’è ma la paura (o l’ammirazione) per il cazzutissimo Sagrestano Islamico è già presente!”

    [cit.]

    FRANCESCO

    …………….

    La differenza fra credere in Dio per convenienza o folklore … oppure crederci sul serio ! Per questo (!) credo che siano sinceri quei CattoLepantini che, da stare in cattedrale, hanno paura dei Musulmani in capannone …

    **** ****

    “ […] Codice Moi […]un prete ubriaco piscerà davanti alla sede della UAAR “

    [cit.]

    PINO

    …………….

    Non sarebbe malissimo … no ?

    @ TUTTI

    Nel frattempo, a Torino c’ è la (quivi segnalata digià) Mostra d’Arte Blasfema “ SALIGIA “(acronimo dei Sette Vizi Capitali) che lascia intuire _ qualora la locandina, davvero, non bastasse _ quanto essa Mostra d’Arte Blasfema sia “mono-target” ! Insomma, il giovinastro è in buona compagnia nella “Cultura Alta” … intelligenti pauca.

    Insomma, se l’ Avvocato del Giovinastro la buttasse sul “Perché l’ Artistone LGBTQU di “SALIGIA” sì e il Mio Cliente, invece, no ?” … Come la metterebbe un Giudice Imparziale ?

  11. Moi says:

    @ LUIGI

    A proposito di religione … sullo scolapasta in testa, NON sei aggiornato

    http://www.uaar.it/uaar/documenti/100.html

    http://www.corriere.it/cronache/11_luglio_13/scolapasta-in-testa-burchia_bdcd2f64-ad24-11e0-83b2-951b61194bdf.shtml

    http://www.salon.com/2013/08/02/pastafarian_wins_right_to_wear_strainer_on_government_id/

    … provvediamo subito.

    PS

    Si noti il Civismo Asburgico dei Fuoroni di cui sopra …

  12. Moi says:

    @ LUIGI

    In pratica, si sono fatti una religione propria simbolicamente parodistica delle altre … alcuni con goliardia, altri con polemica :

    http://it.wikipedia.org/wiki/Pastafarianesimo

    http://en.wikipedia.org/wiki/Pastafarianism

    … essendo stata fondata in USA, una particolare “attenzione” al Cristianesimo è inevitabile, ma non c’è soltanto quello.

    PS

    Sei fermo a Napoleone … anzi: eri (!) fermo a Napoleone.

    PPS

    Anch’io sono contro (!) il Principio dell’ Eccezione Religiosa ma NON credo in questi metodi ….

    http://www.uaar.it/news/2013/09/12/pastafariani-eccezione-religiosa-documenti-foto-scolapasta-italia/

    Insomma, un velo è un oggetto diverso da uno scolapasta … al massimo (!) lo si assimili alla bandana-souvenir di un concerto !

    • Moi says:

      Dovrebbe derivare da

      «Fèr l èṡen pr an paghèr al dâz’i»

      “Fare l’asino per non pagare il dazio”.

      http://speradisole.wordpress.com/lantico-dialetto-bolognese-4/

      • PinoMamet says:

        Interessante il link!
        Moltissimi modi di dire locali sono identici qua nel parmense, una buona fettina no (è logico e inevitabile) ma… l’aria di casa è comunque fortissima :D

        una cosa che mi ha ricordato il compaesano Franco Nero sentito in un’intervista: i parmigiani sono (erano, meglio) tra i pochissimi a parlare dialetto, e fare subito la traduzione in italiano:
        “a sum andè là- sono andato là; e g’ho dit- e gli ho detto…”

        non so da cosa derivasse l’abitudine, forse era una gentilezza verso chi, si riteneva, potesse non capire o apprezzare il dialetto (gente di fuori, “classi alte”) o forse era anche una duplice maniera dell’anima: prima quella spontanea, popolana, e poi subito dopo la facciata presentabile, educata, “so anche l’italiano, ve’?”
        ;)

        • Moi says:

          Che io sappia è sempre stata una caratteristica del tipico Dialettofono dell’ Emilia Romagna … nel senso appunto di “so parlare dialetto ma non sono ignorante da non sapere l’ Italiano”.

          Ovvio che con la crisi del dialetto si sente sempre meno …

        • Z. says:

          A Bologna non abbiamo il portafoglio, abbiamo il “catuvino“

          Questa è bellissima – il “taccuino” che diventa “catuvino”! Ma non sapevo che con quel termine si intendesse il portafoglio. Anche se, in effetti, veniva chiamato “tacco” il borsello da uomo per le monete, ad esempio.

  13. rossana says:

    per la serie anche fra gli atei vi sono idioti…(l’idiozia a volte è come una religione: un atto di fede che vela la mente…)

    • daouda says:

      Veramente un religioso , visto che sta sempre a menarla con Dio ed il bene comune, per definizione non può essere idiota, etimologicamente , a meno che non sia ipocrita of course.

    • daouda says:

      Con quanta facilità parlano i barbari di religione, senza provare a perdersi nell’estatica droghereccia, senza tentare un suicidio qualsivoglia o emigrare nei lidi della pazzia.
      Avendo assaggiato tutte e tre le cose, posso dire che negare la vita alla verità è quanto di più allocco possa dirsi.
      Uno spinozismo, severianismo, deismo , panteismo o cos’altro, possono aver certo dignità per il semplice fatto che permettono la comunicazione.

      Ma l’ateo , tutto sommato, ben venga. Sono quelli che si servono degli atei e dei religiosi stessi IL problema, anzi in fin dei conti siamo tutti un po’ atei, è innegabile , dall’altra parte abbiamo i superbi gnosticisti

      http://www.totustuustools.net/pvalori/voegelin_gnosticismo.htm

  14. Moi says:

    Józef Wesołowski, Vescovo Polacco arrestato in Vaticano per pedofilia …

    http://www.corriere.it/foto-gallery/cronache/14_settembre_24/wesolowski-vescovo-arrestato-pedofilia-56b1e266-43f3-11e4-bbc2-282fa2f68a02.shtml

    Stranamente la UAAR ancora non ne parla …

  15. Moi says:

    Spero che adesso sia più chiaro cosa intendevo prima …

    ai Cattolici Tradizionalisti (?) Esangui & Imbelli converrebbe spontaneamente (!) elargire generosamente la Jiyza nonché far costruire colossali moschee a proprie (!) spese per poi affidare ai Musulmani _ che NON hanno la Sottomissione al Politically Correct !_ il Castigo dei Blasfemi., in fondo “condivisi”.

    [v.di “Issa”, “Maryam Al Boutrid” … nel Corano]

    • Moi says:

      … Ironico ma NON troppo ;) !

      • daouda says:

        Ma infatti è così. Il problema è che l’Islam attuale non è così quindi è tutta montatura…

        Ulteriore problema sono i traditori lapsi. Se per soldi, spada o propaganda un battezzato cambiasse religione , ahimé tutti noi si sarebbe complici di tale scempi.

        Ergo la strada è infattibile, e lo è sempre stata.

  16. Moi says:

    @MIRKHOND / TUTTI

    La “Coppia Mista” … lui “Tarone”, lei Emiliana.

    http://www.youtube.com/watch?v=GzMjtGYDL6g

    SE dentro Santa Croce ci fosse stato un Parroco così (ma dopo “Il Concilio” non ne fan più !) … egli ‘unn pisciava su i’ (p)portone !

    • habsburgicus says:

      @Moi
      e se cedessimo Livorno (e magari tutta la Toscana–tranne l’Oltrarno, of course…noblesse oblige) al Pakistan ? :D
      in cambio loro cedono il Kashmir occidentale all’India :D
      e gli indù liberano i marò :D :D :D
      tutti contenti, no ? :D

  17. per Rossana

    “per la serie anche fra gli atei vi sono idioti…(l’idiozia a volte è come una religione: un atto di fede che vela la mente…)”

    un episodio come quello che citato è fantastico per le innumerevoli, folli interpretazioni cui può dare adito, di ogni tipo.

    La pipì a macchia di Rorschach.

    Che se il Comune ripristinasse il vespasiano che c’era dietro casa mia (ma il palazzo l’hanno rifatto tutto, chissà che storia c’è sotto), cadrebbero tanti scontri di civiltà.

  18. Moi says:

    … Questa notizia (fresca !) sulla blasfemia mi coglie di sorpresa !

    http://enricobronzo.blog.ilsole24ore.com/2014/09/26/sapone-in-bocca-per-lavare-bestemmie-maestra-c-hiede-il-rito-abbreviato/

    Sapone in bocca per “lavare” bestemmie: maestra chiede il rito abbreviato

  19. Sullo strapotere giudaico :-)

    La raccomandazione di Francesco a Mirkhond, perché non fai politica, è assai sensata.

    Se si facesse più politica…

    che significa

    ricordarsi il compleanno dell’assessore e mandargli un sms,

    telefonare al consigliere pigro una volta a settimana (promemoria, telefonare a S. a vedere se sta dietro la faccenda di cui l’abbiamo incaricata!),

    rompere le scatole ai giornalisti (promemoria guardare gratis domattina il Corriere della Sera dall’amico edicolante, per vedere se l’edizione locale ha pubblicato qualcosa),

    farsi dire i segreti delle riunioni dei circoli del PD (sapendo che non te la racconteranno mai giusta)…

    Ecco, se facessi politica, sapresti che basta rompere le scatole, insistere, organizzarsi, ovviamente con basi economiche enormemente migliori delle nostre, e spaventare un po’, e la corrente dei politici scorrerà dove vuoi tu.

    • mirkhond says:

      Ecco, una serie di ottimi motivi per NON fare politica! :)
      E poi sono talmente pigro…..

    • Z. says:

      I segreti delle riunioni dei circoli del PD? Miguel, ma scherzi??

      Un conto è chiedersi “cosa si saranno detti Renzi e Berlusconi”, ma pensare che i militanti di base di un partito dibattano in sezione su chissà quali segreti mi sembra davvero curioso :D

  20. Per Daouda

    “Con quanta facilità parlano i barbari di religione, senza provare a perdersi nell’estatica droghereccia, senza tentare un suicidio qualsivoglia o emigrare nei lidi della pazzia.”

    Ecco perché ammiro Daouda e sono contento che sia qui, nonostante la sua maniera particolarissima di comunicare.

    Anche Mirkhond ha colto quanto ci sia di interessante dietro la particolarissima maschera che lui indossa.

    • daouda says:

      Grazie

    • Francesco says:

      sì, però se pensasse ai poveretti cresciuti a testi comprensibili, formali, accademici, comprensibili

      ogni volta che lo leggo mi sembra di stare di fronte a un Maestro di qualche dottrina esoterico … che parli in ungherese

      PS anche questa bellissima citazione che ne fa Miguel, mi provoca l’emicrania

      • daouda says:

        Ma io de mio ce metto solo l’eccentricità.

        Mi riferivo a Debord quando parlava degli unici due modi per sfuggire a questo mondo o a Kirillov per il suicidio.

  21. mirkhond says:

    Habsburgicus

    Un regalino per te:

    http://youtu.be/nn-jekEOmLY

  22. mirkhond says:

    Pino

    Un regalino per te:

    http://youtu.be/–p2obqKhHc

  23. Moi says:

    «Il simbolismo che ho scelto per il mio lavoro non vuole affatto denigrare la religione, ma solo esaltare la superiorità della donna rispetto l’uomo. Ho sempre considerato la donna assolutamente superiore all’uomo e pensato che sopra la donna c’è solo Dio. Così sono andato a cercare un manifesto qualsiasi in cui fosse rappresentata un’icona religiosa per metterla sotto i suoi piedi»

    [cit.]

    http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=43065

  24. Moi says:

    http://www.florenceinferno.com/saligia/

    Ma mi sa che gli LGBTE (v.di link sopra) l’abbiano imparato da Dan Brown … altro “Touristic Appeal” per Firenze.

  25. Moi says:

    Durante il medioevo la Chiesa aveva incluso nei vizi capitali anche la depressione[senza fonte], in quanto questo sentimento indicava il non apprezzare le opere che Dio aveva compiuto per gli uomini. Fino al secolo scorso la vanità era un vizio capitale[senza fonte]. È stata poi inclusa nel peccato della superbia.

    da Wikipedia …

    Superbia
    Avaritia
    Luxuria
    Invidia
    Gula
    Ira
    Acedia

    • daouda says:

      Evagrio…

      Acedia, Ira, Gola, Invida, Vanità, Depressione, Porneia, Avarizia + la Superbia aka Orgoglio, origine di ogni vizio.

      Ci sono state viarie schematizzazioni. Quel che si può dire, contra Guénon, è che la superbia è intellettuale, ossia spirituale.
      Il diadema di Lucifero è incastonato nel Graal.

      Non è molto diverso dal dire Spes, Karitas et Sapientia, laddove Fides è Religio ossia tutte e tre le cose.
      Infatti la Fides è patto…nuova alleanza.

      p.s. io sono stato depresso. Mente chiunque racconta, per dare le pastiglie, che il depresso non sia responsabile. Se non lo è , e credo che molti casi lo siano, è perché manca la piena avvertenza, ma allora il problema è tutt’altro…ed anzi…si può dire che sono coloro che gli gravitano attorno i complici…a che grado però?Sappiamo delle loro vite?
      Mai l’uomo osi oltrepassarsi. Nel passaggio, Dio, non resto.

    • Mauricius Tarvisii says:

      Che io sappia, è una lettura (senza fonte) dell’accidia, noto anche come “tristitia”.

  26. Moi says:

    Altro che “Diritti Acquisiti” …

    http://www.primadanoi.it/news/cronaca/553220/-Vitalizio-anche-se-cade-il.html

    «Vitalizio anche se cade il Governo». L’odg scandalo firmato da Chiavaroli
    La senatrice replica: non accetto lezioni di moralità.

  27. Moi says:

    Quando, nell’ormai lontanissimo e deludentissimo 2000, la nota ditta di gelati “algida” lanciò i sette gelati con stecco con il nome commerciale accattivante (!) di “Sette Vizi Capitali”: il primo anziché “Accidia” lo chiamarono … “Pigrizia”.

    La motivazione ufficiosa fu che “accidia” è una parola desueta, di ben scarso appeal :

    “gli Italiani” (sempre rigorosamente in III Persona) Medi la conoscono difatti soltanto o tramite “l’ aver fatto / il fare Dante a scuola” oppure mediante “catechismo all’ antica” (che però, soprattutto fra i giovani, quasi nessuno conosce più).

    Ma molti la parola “accidia” l’ avrebbero appunto “rimossa” proprio perché troppo legata alla scuola e al catechismo.

    • Moi says:

      Ah,no mi pare che fosse addirittura “Sette Peccati (!) Capitali” … per alzare il tiro e il business. Però ‘sto “Pigrizia” anziché “Accidia”me lo ricordo benissimo, proprio perché … mi sembrò un nome assolutamente insulso, invece !

    • Z. says:

      Beh, “pigrizia” è un termine che quasi tutti conoscono. Su “accidia” qualche dubbio ce l’avrei :D

  28. Moi says:

    http://www.youtube.com/watch?v=Cv4kvgi0igg

    purtroppo l’ho trovato solo in Portoghese … però “preguiça”, stando a wikipedia sarebbe standard :

    “Do latim prigritia. A pessoa com este pecado capital é caracterizada pela Igreja Católica como alguém que vive em estado de falta de capricho, de esmero, de empenho, em negligência, desleixo, morosidade, lentidão e moleza, de causa orgânica ou psíquica, que a leva à inatividade acentuada.”

  29. Moi says:

    Eccoli, tutti e Sette :

    http://www.garbin.vi.it/3area2005/dal_lago/GELATI.jpg

    però, si noti, oltre a “Pigrizia” anziché “Accidia” :

    “Vendetta” anziché “Ira”

    “Vanità” anziché “Superbia”

    … adattamenti da secolarizzazione ? Non saprei.

  30. Moi says:

    Il bello (?) è che “Vendetta” è un “iperonimo” (o cum al s’ ciàma !) di “Ira” … mentre “Vanità” è invece un “iponimo” (o cum al s’ ciàma !) di “Superbia”.

  31. Moi says:

    Nel mercato Anglosassone dell’Algida
    (più severamente e ipocritamente “protestantoide anche senza la Boldrini …)
    invece tennero i nomi “classici” :

    luxuria (lust)
    gula (gluttony)
    avaritia (greed)
    acedia (sloth) … all’ Italiana “laziness”
    ira (wrath) … all’ Italiana “revenge”
    invidia (envy)
    superbia (pride) … all’ Italiana “boastfulness”

    • habsburgicus says:

      No, Moi…
      Ad inizio 1752, a San Xavier (Texas) un frate scomunicò l’intero presidio spagnolo, a cominciare dal comandanta tale Rábago :D
      Però in Nuova Spagna, cui apparteneva in quei tempi felici il Texas, era terra “inquisitoria”, in quanto soggetta alla Suprema Inquisizione di Castiglia (e di México, sua dipendenza)…e, FORSE, snche i semplici preti avevano tali poteri per delega (la sparo lì, non so :D)

      P.S
      Tale Rábago se la faceva con la moglie di un sarto, tal Ceballos…il sarto protestò e Rábago lo mise in galera; Ceballos fuggì e si rifugiò in una massione ma Rábago il giorno di Natale (!) del 1751 lo fece prendere a forza dalla missione, violando infinite regole !…donde la scomunica
      Non finì qui, la scomunica fu tolta il 1/3/1752 dopo un pentimento dei soldati
      Poco dopo però uno dei frati e Ceballos furono assassinati….si disse fossero stati gli indiani…a México non ci credettero e sbatterono Rábago in galera—cambiarono alcuni Viceré, Rábago fu liberato e riabilitato, e mandato a comandare il presidio di San Sabá presso Menard (Texas del centro-nord) dove nel 1758 gli Apaches distrussero la missione fondata nel 1757 con un orrendo massacro (c’è anche un quadro commissionato dal cugino di un prete martirizzato, de Terreros, che deve essere in qualche parte del Messico..se gli yankees non se lo sono pappato nel XIX secolo :D)
      Rábago nel nuovo comando si mostrò favoevole ai frati (aveva imparato la lezione :D), ma pare contribuì a mandare in rovina il presidio :D poi chiuso in seguito all’inchiesta del marqués de Rubí nel 1767, nelle aree settentrionali della Nuova Spagna, che ne farà chiudere anche altri

  32. Per Z

    “I segreti delle riunioni dei circoli del PD? Miguel, ma scherzi??”

    Mica segreti grossi :-)

    Sto parlando di piccole cose, tipo che si farà o no un parcheggio, che c’è stato un incontro riservato per decidere se vendere o no un palazzo, o che tale assessore sta per essere fatto fuori e sostituito.

    Sono cose che si sanno prima nei circoli del PD, per ovvi motivi (altrove immagino che si saprebbero prima in altri ambienti).

    Sapere in anticipo cosa farà l’amministrazione è sempre utile.

    • Z. says:

      Ah, vabbè… parcheggi, palazzi, rimpasti… scusami eh, ma che nnnnoia :D

      Io speravo in cospirazioni e congiure d’alto bordo!

      Comunque sì, immagino anch’io che gli ambienti cambino a seconda dei posti. Ho l’impressione, ad esempio, che dalle mie parti anche questi “piccoli segreti” non arrivino così facilmente alla base.

    • Moi says:

      Be’ Miguel lo sa che lo studio di Nardella NON è così :

      http://www.youtube.com/watch?v=XAvrrcHbp4o

      … si spera ! ;)

    • Moi says:

      Se NON volete chiamarlo “Relativismo” … suggerite un termine alternativo.

    • PinoMamet says:

      Difficile dire che tu non abbia un po’ ragione…

      • daouda says:

        Ma questo può dirsi anche per gli immigrati rispetto agli autoctoni e per varie altre cose.

        Negli usa gli anti-abortisti sono equiparati ai terroristi, rendetevi conto…

  33. mirkhond says:

    Infatti….

  34. Moi says:

    @ Z / MAURICIUS

    Nel vostro amato “Relativismo” (che vi unisce quanto il PD vi divide !) c’è una contraddizione insanabile : se siamo tutti esseri umani, i diritti NON possono “dipendere” .

    • Mauricius Tarvisii says:

      Diritti in senso soggettivo o in senso oggettivo?
      Perché nel secondo, non mi pare che il diritto italiano sia proprio identico al diritto cinese :-D
      Il relativismo culturale è una costatazione, non una ricetta. Anch’io sarei più contento se la pensassero tutti come me…

  35. Moi says:

    Anzitutto, Diritti di Esseri Umani … Poter Scegliere NON che per gli “Esotici” l’ Individuo viene DOPO la Comunità per compiacere qualche RadicalChic che voglia contemplare il proprio Caravanserraglio Umano !

    • Moi says:

      Poter Scegliere _ due punti _ … NON che

    • Z. says:

      MT chiedeva: “diritto” in che senso?

      Diritto nel senso di legge (diritto penale, diritto civile, etc.)?

      O diritto nel senso di pretesa riconosciuta dalla legge(libertà di parola, inviolabilità del domicilio, diritto alla difesa in giudizio etc.)?

      • Moi says:

        Parlava anche di Cina … in Italia ci sono, fra Italiani, “ipso facto” Privilegi da Mandarini del PreMao. Cmq credo nel Diritto come fatto individuale … la Sindrome da Caravanserraglio Relativista con gli Immigrati non la vede solo chi non vuol vederla.

        Come Giuliana Sgrena, che _ guarda caso_ ha smesso di essere “Relativista”a solo dopo che, “per venire incontro” a una Cultura Altra, avrebbe dovuto lasciarsi accoppare in silenzio.

        • Z. says:

          Non ho capito, che significa “diritto come fatto individuale”? che credi ai diritti individuali del cittadino? che credi che… boh?

          Fammi capire, se vuoi, possibilmente senza troppe metafore :)

        • Moi says:

          Guarda che i Guru del Relativismo, come Sèrge Latouche, sono gli stessi della Decrescita Felice … sèvel !

        • roberto says:

          z: “Fammi capire, se vuoi, possibilmente senza troppe metafore”

          moi “Guarda che i Guru del Relativismo, come Sèrge Latouche, sono gli stessi della Decrescita Felice … sèvel !”

          :-D :-D :-D

        • Z. says:

          Gnente, Moi è come la Sfinge, parla solo per enigmi.

          Gli è che io non sono esattamente Edipo. Sono più vecchio, più grasso e più rintronato. Questo fine settimana, poi, sono stato male come non mi capitava da tempo. Sarà per questo che ho faticato anche a capire “cefalo”…

        • Moi says:

          @ Z “Sèvel” io lo conosco come “sàppilo”.

        • Z. says:

          Lo vedi allora che non capisco un tubo? ora ti convincerai a spiegarmi le cose facili come si fa coi bimbi? :)

  36. Moi says:

    Devo spiegare _ da Agnostico Secolarizzato _ a un Cattolico il Valore dell’ Unicità e Irripetibilità dell’ Individuo ?!

  37. Moi says:

    “Drava, che nasce addirittura nel Sudtirolo.”

    [cit.]

    ————————————————-

    @ HABSBURGICUS

    SE iniziano a partire barconi di Profughi della Gnocca per la Carinzia (c’è un piccolo attracco proprio a Villach) e per la Slovenia … mi sa che la Boldrini “cambia registro” ! ;) :)

  38. habsburgicus says:

    @Moi
    la gnocca ha sempre cittadinanza, dovunque, in ogni post :D

  39. Moi says:

    http://it.wikiquote.org/wiki/Bestemmia

    Citazioni letterarie a proposito (!) delle bestemmie …

    Questa è “originale” :

    Quando una persona bestemmia somiglia a uno che è trattenuto per mano sopra un precipizio e che fa di tutto per colpire e graffiare negli occhi colui che lo trattiene, senza pensare che se lasciasse un istante la presa, egli precipiterebbe nel vuoto. […] dico semplicemente a chi ha bestemmiato, se le circostanze lo permettono: «Perché bestemmi! Dio è forse l’unica persona al mondo che ti vuole veramente bene».

    (Raniero Cantalamessa)

    http://it.wikipedia.org/wiki/Raniero_Cantalamessa

    http://it.wikiquote.org/wiki/Raniero_Cantalamessa

  40. Moi says:

    Una provocazione (che semplifica però un po’ troppo) su cos’è la religione …

    http://www.maidireradiomaria.com/wp-content/uploads/2012/11/205607_493948927303079_297323439_n.jpg

    … e cosa la mitologia. Forse è partita dagli USA , ma la peculiare sensibilità alla materia spirituale fa molto Toscana.

  41. habsburgicus says:

    @Moi
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/scambisti-cristiani-cos-diffondiamo-nostra-fede-1054915.html
    una porno-“setta” :D mi sa che i “fedeli” abbonderanno :D

  42. Per habsburgicus

    “http://www.ilgiornale.it/news/cronache/scambisti-cristiani-cos-diffondiamo-nostra-fede-1054915.html
    una porno-”setta” :D mi sa che i “fedeli” abbonderanno :D”

    Ma se è da 40 anni che lo fanno i Bambini di Dio in tutto il mondo. Certo che i giornalisti che copincollano un articolo è già grasso che cola, se capiscono l’inglese, figuriamoci se si vanno a informare.

  43. Z. says:

    OT,

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/30/violenza-sessuale-in-california-una-legge-contro-gli-stupri-nei-college/1137490/

    Ma la prova a discarico richiesta dalla nuova legge potrà essere data per testi (ossia basterà procurarsi un guardone di fiducia) o sarà necessario un pubblico ufficiale, tipo il notaio dei gioco dei pacchi di RaiUno?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>