Cicogne, credenti e macellai

La prima cicogna di una lunga serie.

Sorprende sempre la capacità della Germania di rendere invisibile la propria imponenza industriale e commerciale. Non solo per la presenza di cicogne, ma anche per la totale assenza di cartelloni pubblicitari: l’occhio non è continuamente costretto a leggere ciò che non vuole.

A Ulm, un presidio contro l’attacco israeliano a Gaza. Tra i manifestanti, poco più di venti persone, nemmeno una faccia tedesca.

Una signora porta in mano un cartello dove, in arabo, leggiamo, all’incirca, Non disperate, Dio è con noi.

“Non l’ho scritto io, vengo dalla Turchia”, spiega la signora. Sospetto di essere uno dei pochi ad averle rivolta la parola durante la giornata. “Ma voi da dove venite? Ah, dall’Italia, ecco perché sapete leggere l’arabo, siete più vicini ai paesi arabi di noi”.

Un po’ più avanti, incontriamo questo profetico signore che annuncia Gesù al mondo:

Il mondo guarda oltre e passa, finché non arrivano per caso alcuni dei manifestanti filopalestinesi. Non so bene cosa succede – presumo che il profeta abbia annunciato il dovere biblico di sostenere senza esitazioni lo Stato sionista. Fatto sta che entrambe le parti trovano per la prima volta nella giornata qualcuno che le prende sul serio.

La signora turca si rivolge a noi per gridare, “lui è un lupo travestito da agnello!” Un bambino di chiara origine araba prende un volantino del predicatore. Stende il volantino per terra, ci sputa sopra e poi gli spara con un fucile giocattolo.

La morale di questa storia, o forse della Storia in generale, ce la presenta questo monumento che incrociamo poco dopo:

E dove leggiamo:

Dr Metzgr ond dr Baur beim Handl om dui Sau

Il macellaio e il contadino trattano l’acquisto del maiale.

Siamo al momento dell’accordo, con stretta di mano e un Bretschl da sgranocchiare, alla presenza di una famigliola di maiali che non ha ancora una chiara idea del proprio futuro.

Print Friendly
This entry was posted in esperienze di Miguel Martinez and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

209 Responses to Cicogne, credenti e macellai

  1. Tortuga says:

    Buongiorno!

    – e poi gli spare con un fucile giocattolo –

    Ti segnalo un piccolo refuso:
    gli sparA

  2. Per Tortuga

    “Ti segnalo un piccolo refuso”

    Grazie, sistemato!

  3. La morale ricorda un po’ quella dei capponi di Renzo di cui si legge nel romanzo manzoniano.
    Solo che…

  4. PinoMamet says:

    “Ma voi da dove venite? Ah, dall’Italia, ecco perché sapete leggere l’arabo, siete più vicini ai paesi arabi di noi”.

    Beata ingenuità!

    • Moi says:

      Troppo bella per “rovinargliela” con la verità ;) :)

      • Moi says:

        Di fatto però a livello di “stilemi” (eccettuando _ ma solo in parte _ l’ Austria per vicinanza a Slovenia, Italia, Ungheria, Cechia&Slovacchia & il Belgio Fiammingo per vicinanza alla Francia) il Mondo Norreno è tendenzialmente uniforme.

        E’ più stilisticamente variegata l’ Italia da una regione all’ altra.

    • habsburgicus says:

      mitico :D
      d’ora in avanti assumo nome Hashim, a Moi assegno d’ufficio il nome ‘Abdallah, a Pino propongo ‘Abbas, mentre Mirkhond un nome di quelle parti ce l’ha già :D (vabbè è persiano, ma non sottilizziamo :D)
      a Miguel, noblesse oblige, credo convenga Muhammad :D
      per le (purtroppo) poche donne, suggerirei Fatima a Tortuga e Layla a Lisa (così manteniamo pure l’iniziale :D) o viceversa !

  5. mirkhond says:

    I “cristiani” fautori del sionismo non stanno solo in Germania……

    • PinoMamet says:

      Dal nostro intervistatore israeliano di fiducia ;)
      cosa ne pensano in Israele dei cristiani sionisti
      (occhio che a un certo punto c’è anche un ragazza italiana!)

      https://www.youtube.com/watch?v=uMCV_fJR3X0

      • mirkhond says:

        Da quel che si capisce, gran parte degli intervistati non mostrano un grande interesse per gli utili idioti filosionisti “cristiani”.
        Alcuni, all’inizio hanno anche detto che NON odiano gli Arabi, musulmani e non.
        Grazie a Dio, c’è gente che HA CUORE dappertutto!
        Molto bella, Malka, giovane khazara intervistata al minuto 6:40 -7:40.

        • PinoMamet says:

          Credevo fosse più il tuo tipo la ragazza italiana minuto 2;

          comunque quasi tutti non odiano gliarabi e/o musulmani!

          ma a dire il vero a me pare che i filosionisti siano simpatici a quasi tutti gli intervistati, tranne la coppia “khazara” che dici tu che non li capisce bene;
          il tizio molto osservante che chiude la serie di interviste li loda parecchio…

        • mirkhond says:

          “il tizio molto osservante che chiude la serie di interviste”

          Assomiglia a Lapo Elkann-Agnelli!

        • mirkhond says:

          “Credevo fosse più il tuo tipo la ragazza italiana minuto 2″

          E’ carina anche lei, ma almeno se li poteva raccogliere i capelli!

        • PinoMamet says:

          Somiglianze: la tizia al minuto 10:10 circa, sembra la sorella più vecchia di una mia amica; le assomiglia davvero in modo impressionante!

        • mirkhond says:

          “comunque quasi tutti non odiano gliarabi e/o musulmani!”

          Sarebbe bello se fosse davvero così….

        • mirkhond says:

          “ma a dire il vero a me pare che i filosionisti siano simpatici a quasi tutti gli intervistati, tranne la coppia “khazara” che dici tu che non li capisce bene”

          Quindi ferrara, panella, daniela santanscema, rino cammilleri, antonio socci e Moi :), possono emigrare in Israele, nel caso IMPROBABILISSIMO che il Frangistan diventasse un'”Eurabia” (Orrore degli Orroriiiiiii!!!!!!!!!!!!).
          Da qui l’altrimenti inspiegabile difesa a spada tratta del sionismo da parte dell’enigmista dei paradossi….

        • Moi says:

          Eurabia ?

          Scapperebbero prima di tutti Scalfarotto e la Boldrini … ;)

        • PinoMamet says:

          ” “comunque quasi tutti non odiano gliarabi e/o musulmani!”

          Sarebbe bello se fosse davvero così….”

          Mi’, io temo che tu ti sia fatta un’idea davvero… particolare dello Stato di Israele. Non so di preciso come te lo immagini, ma ecco, non è come te lo immagini tu.
          ;)

          Infattiti invito a guardare i filmatini del tizio- che mi pare avevi scovato tu per primo- perché al contrario mi sono sembrati fino a ora una rappresentazione piuttosto realistica dell’ambiente e della società israeliana.

          Tra l’altro molti rispondono a domande simili a quelle che ogni tanto fai tu, quindi può essere interessante sentire le loro reazioni.

  6. mirkhond says:

    “La signora turca si rivolge a noi per gridare, “lui è un lupo travestito da agnello!” Un bambino di chiara origine araba prende un volantino del predicatore. Stende il volantino per terra, ci sputa sopra e poi gli spara con un fucile giocattolo.

    La morale di questa storia”

    E’ che verranno incriminati per complicità coi terroristi “muSSulmani”?
    Visto il clima di allarme lanciato da Cameron Diaz e che verrà presto seguito dagli altri premier franchi, timorosi di una “nuova” escalation terrorista?

  7. Moi says:

    @ PINO

    Puoi benissimo fregartene della Dottrina di James Monroe e del Corollario di Theodore Roosevelt; stranamente, neppure mi pari l’unico … ma per essere svolte importanti e decisive, nel “ridimensionamento geopolitico” dell’ Europa nella Storia del Mondo, lo sono. Eccome.

    PS

    Di ‘sto “Don Califfo” [?! … vorranno riecheggiare “Camillo”] ne sapete di più, OltrePanaro ? ; -)

    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-don-califfo-il-prete-che-da-lezioni-dislam-ai-musulmani-10141.htm

    D’altronde, Giovannino Guareschi scriveva che soprattutto quando c’è di mezzo la politica … nella Bassa Padana è consuetudine quel che è inconcepibile altrove.

    • PinoMamet says:

      Non è che me ne frego, Moi, è che proprio sono ignorantissimo sulla storia moderna&contemporanea.

  8. Moi says:

    @ TUTTI

    1

    Segnalo, sui cosiddetti “Mujahiddin da Tastiera” …

    http://www.tempi.it/italiani-integrati-sanno-poco-di-islam-ma-sognano-il-califfato-ecco-chi-sono-i-nostri-jihadisti-da-tastiera

    2

    Un celeberrimo RadicalChic Albionico, integratissimo nel Belpaese :

    http://musica.virgilio.it/news/pop/sting-lavorare-nella-sua-tenuta-in-toscana-costa-262-euro.html

    … mah ! Chissà se il suo latifondo è più grande di quello di D’Alema …

    • mirkhond says:

      Un commentatore risponde sull’argomento dei mujaheddin da tastiera:

      “Se gli ideali che la società offre ai giovani sono solo lavoro,fumo e sesso e se sono queste offerte a depotenziare il messaggio cristiano anzichè il contrario…evidente che il Jihad fa colpo.”

      http://www.tempi.it/italiani-integrati-sanno-poco-di-islam-ma-sognano-il-califfato-ecco-chi-sono-i-nostri-jihadisti-da-tastiera#.VAGQYmO8ARM

      • mirkhond says:

        Inoltre, sempre dallo stesso articolo:

        “Una delle caratteristiche del fenomeno italiano è che il proselitismo NON TROVA MOLTI ADEPTI, l’altra è la scarsità di contatti con le moschee. Questo non significa che non esistano moschee problematiche da noi, ma è vero che LA MAGGIOR PARTE DELLE MOSCHEE ITALIANE E’ MOLTO DIFFIDENTE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI DEL GENERE. Perciò i jihadisti di seconda generazione tendono a rimanere estranei alla moschea, mentre si raggruppano per lo più su internet. El Abboubi stava molte ore collegato su facebook, ed era legato con altri simpatizzanti del jihad, almeno a parole. Nel giugno 2013 è stato arrestato perché sospettato di organizzare un attentato. Due settimane dopo, il Tribunale del riesame lo ha liberato. Poche settimane dopo la liberazione, El Abboubi è partito per la Siria e si è unito ad un gruppo di jihadisti. Ha aperto una pagina facebook, facendosi chiamare Anas Al-Italy, e ha postato varie foto della sua attività militare: dallo scorso gennaio non si hanno più notizie di lui.

        Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha parlato del rischio dei “foreign fighters” in Italia, citando le informative dell’intelligence. Già ad aprile, lei aveva avanzato una stima numerica dei jihadisti attivi sul nostro territorio: quanti sono e qual è il loro identikit?
        Ci sono circa un centinaio di soggetti in Italia che danno segnali di interesse al jihadismo, nelle modalità esemplificate prima. MA SOLO UN NUMERO RIDOTTO DI QUESTE PERSONE PASSERA’ dal “jihadismo da tastiera” ALL’ANDARE EFFETTIVAMENTE in Siria o Iraq. Per il momento quasi tutte queste persone passano la giornata a postare video su facebook e messaggi di solidarietà per gli attentati. Tra i fattori che rendono difficile il passaggio all’operatività c’è quello logistico. Questi nuovi jihadisti possono anche andare in Turchia e da lì attraversare facilmente il confine con la Siria. MA NON E’ COSI’ SEMPLICE ESSERE ACCOLTI TRA I COMBATTENTI. Occorre un “aggancio”, una “presentazione” o un contatto diretto, MA IN ITALIA NON E’ COSI’ SEMPLICE TROVARE QUESTO AGGANCIO, proprio perché la scena dei nuovi terroristi E’ PICCOLA, FRAMMENTATA.”

        http://www.tempi.it/italiani-integrati-sanno-poco-di-islam-ma-sognano-il-califfato-ecco-chi-sono-i-nostri-jihadisti-da-tastiera#.VAGVUWO8ARN

        • mirkhond says:

          Insomma, un conto è dire “viva garibaldi”!
          Un altro è andare a fare il garibaldino per DAVVERO, rischiando il culo, la pelle e/o la galera…..
          La guerra è roba per coraggiosi!

  9. Moi says:

    @ RAFFAELE

    Ti chiedo di rispondermi qui per comodità : Anders Breivik, dicevi … sbaglio o in Israele lo farebbero Generale Goy della Tsahal finché i Palestinesi non accettassero il MegaEsodo in Giordania, proposto da Geert Wilders ?

    Ma veniamo a noi … “Fissa della Razza” (elemento NON* presente nella Fallaci … tant’è vero che il “visibilmente Levantino” Magdi Allam ha potuto autoproclamarsene Pupillo Indegno !) a parte, Breivik NON dice nulla di diverso da Oriana Fallaci … in merito al Frangistan “grullo” che si lascia islamizzare per Buonismo & Dabbenaggine.

    *La Fallaci difatti è stata accusata di “Nazismo” … da parte di gente (come Sabina Guzzanti o Dario Fo … tanto per dirne due, di una pletora !) che NON poteva dire “Bolscevismo” (che sarebbe stato invece esatto: quando i presunti “subumani” non sono ritenuti tali per “razza inferiore”, ma per “sub-cultura”) o ‘sta gente avrebbe dovuto rimettere radicalmente in discussione sé stessa.

    Il Cardinal Giacomo Biffi … innanzi tutto, è stato “Arcivescovo”: poiché Vescovo della Ex Capitale della Delegazione Pontificia delle Romagne; Bologna, quindi, ha un “Arci-Vescovo” pur non essendo mai stata un’ ex Capitale dell’ Italia pre-Unitaria.

    Nel merito, sì: disse _ parole senza (!) potere teocratico, mica come un Ayatollah in Iran … c’hai presente Secolarizzazione e Massoneria, nevvero ? _ che i Musulmani sarebbero stati i “Migranti” più difficili, più problematici da inserire e da “integrare” nel tessuto sociale di un’ Italia e di un’ Europa _ piaccia o no ad Habsburgicus _ palesemente “PostCristiana”. NON più “Cristiana”. Certo, non senza una certa malcelata (!) e grottesca invidia nei confronti della sincera (!) Fede del Musulmano Medio Vs Cattolico Medio, invece opportunista e folkloristico nonché ignorantissimo circa la propria stessa (!) Fede. Ma tant’è !

    Sicuramente conoscerai l’ insegnamento Fallaciano che “Israele combatte anche per Noi, per preservare anche la pavida e remissiva Europa dalla scelta fra Dhimmituidine oppure Distruzione e Morte !” [cit.] Secondo Carlo Panella, questa Profezia di Oriana si è avverata proprio in ‘sti mesi, con il Califfato !

    Bene. Quali che effettivamente fossero, “Giacomone da Bologna” NON ha avuto mai modo di far applicare le sue idee di “salvaguardia” … contrariamente al to amigh “Bibi da Tel-Aviv”, che gli Islamici di “casa propria” li ha invece sempre bombardati a tappeto !

    Mi pare grottesco … uno che mi fa la morale _ proprio da Israele, e in difesa dei Musulmani che gli rovinano l’ Erez Israel !_ perché “io c’ho Biffi” quando poi “lui c’ha Netanhyau”. Che poi anche gli altri Leader d’Israele … suvvia : in pratica è come se tu mi dessi una sberla e io reagissi facendoti pestare a sangue dai Calcianti. (“Pochi soldati della Tsahal rapiti da Hamas ” Vs “Gaza rasa al suolo” … o no ?)

    Per tacere del grottesco mondo del Krav Maga, con il tuo illustre connazionale Moni Aizik che gemella sé stesso con il Generale Temistocle di Atene e Imi Lichtenfeld (su wikipedia, dicono o dicevano, Imi Lichtenfeld è considerato Eroe Nazionale in Israele !) con il Re Leonida I di Sparta. Contro la Smisurata Orda Palestinese di Serse, ovviamente.

    http://www.kravmaga33.fr/wp-content/uploads/2010/03/krav-maga-33-imi100-001.jpg

    … Atlit, Israele.

    PS

    Frank Miller, nel 1999 (!) inizia ispirandosi a un “peplum” del 1962 … nessuno, 52 anni fa, poteva immaginare che immaginarii sarebbero stati “risvegliati” dal 2006 in poi.

    PPD

    NON ho mai avuto in simpatia nessun monoteismo, specie se _ del pari degli Scalfarotti e delle Boldrine, seppur con untenti opposti … _ inizia a pretendere la “Virtù per Legge” … MENO ANCORA, tutelare come “Culture Altre” dei rapporti umani “comunitari” fra individui che _ decenni prima, “da noi” _ erano “nefandezze clericofasciste” (Teocrazie, Patriarcati, Tribalismi ecc …) solo perché ci sono di mezzo aspetti esteriori esotici da “figheggiar cosmopolita”.

    NON sei d’accordo ? Allora dillo espressamente : “Voglio tornare a fare il Dhimmi in Terra Santa, che era una gran bazza !”. Su …

    Ah, “una volta” _ quando “i treni arrivavano sempre in orario” [cit.] … _ avresti dovuto preoccuparti di non sembrare troppo “Semita” … adesso preoccupati di non sembrare troppo “Norreno”, invece !

    L’ Italica Donna Kompagna Sedicente “di Sinistra” che si lascia trattare a imperativi (!) a tavola (!) con gli ospiti dal Fidanzato Magrebino “IslamoBorghese” ? Lui Aspirante Elettore nonché Funzionario del PD per fare il Sultanetto D’Alemoide, specie con i propri Connazionali “di partenza” ? Convinta _ a livello culturale, In Odium Sui_ Lei che “Lui lo fa per una Cultura Altra che valorizza il Ruolo della Donna in Famiglia, un Italiano lo farebbe per Maschilismo !” [sic]?!

    … Conosciuti di persona !

    Aggravante Etno-Culturale (Vogliamo a fare i Relativisti ? … Bene, benissimo: però andiamo fino in fondo !) a Posteriori: Marchigiana Centrale “natìa della Sx” (quanto lui “natìo dell’ Islam”) , come la Boldrini ! Meridionale “Nativa Democristiana” e ideologiacamente spaesata _ sul perché il percome considerare la Chiesa del Dio Vivente una Pallida Copia Imperfetta del PD _ sarebbe stato un’ attenuante, benché per l’ appunto tenue ; – ) …

  10. Moi says:

    Nazismo / Bolscevismo : quando i presunti “subumani” non sono ritenuti tali per “razza inferiore”, ma per “sub-cultura” …

    *** Esempio … fatti reali e documentabili ***

    Matteo Minonzio dice che, in quanto “Negro”, Omar Sylla NON dovrebbe poter giocare a “i’ (p)Pallone Travestito” …

    VS

    Sergio Garamellini, da Fabio Fazio con esse “zeppolata” ed erre “sranocchiata” che fanno tanto “vezzo bleso”, dice che dovrebbero poter votare solo “gli Intelligenti” … ovvero i RadicalChic come lui, che avevano definito “Orrori da Bar dello Sport di Provincia” l’ Abolizione della Legge Merlin e le politiche di “rigore” … per i Parlamentari (deve difatti lisciare il pelo ai suoi amichetti-padroncini del PD …).

    Del tipo :

    http://www.andreamavilla.com/2013/05/31/danimarca-niente-auto-blu-i-ministri-in-bicicletta/

    salvo poi (giustamente) lodare la Danimarca quando di comodo.

  11. Moi says:

    @ MIGUEL

    Complimenti per le foto, davvero. Cogli “la Storia” da piccole cose, di solito la gente , a Ulma, fotograferebbe o il guglione più alto del mondo

    http://media-cdn.tripadvisor.com/media/photo-s/03/ce/12/4a/ulm.jpg

    o la pittoresca Rathaus

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e2/UlmRathaus07162008.jpg

    … e andrebbe a cercare i luoghi del piccolo Einstein.

    http://www.einstein-website.de/z_biography/ulm-e.html

    • PinoMamet says:

      Cose che non c’entrano:

      mi risulta che Ulm, insieme a Genova, Nimes e Dongri vicino Bombay, fosse uno dei centri di produzione della tela jeans
      (da cui i rispettivi nomi di “holmes”, “jeans”, “denim” e “dungaree” in inglese, che vogliono dire tutti la stessa cosa sostanzialmente, tranne che di holmes ci si ricorda solo Sherlock ;) )

      PS
      contrariamente a quanto leggerete sui siti dei vari marchi, i jeans intesi come capo di abbigliamento non sono stati inventati dal signor Levi, dal signor Lee o dal signor Wrangler ;)
      in effetti si conservano i pantaloni di jeans di Garibaldi (odiato dal nostro Mirkhond, lo so ;) ) e c’è un pittore credo secentesco noto come “il Maestro della tela jeans”

      • Moi says:

        Tessuti però che fino agli Anni Quaranta eranoprettamente militari o da opificio … il “popolino” utilizzava la canapa, la “canva” in dialetto dalle nostre parti.

        • PinoMamet says:

          Non saprei, la canapa mi risulta fumata (non scherzo) dal popolino, ma per i vestiti popolari non ho idea…

          in effetti il Maestro della tela jeans, anonimo dell’Italia settentrionale, rappresenta scene di povera gente, come tale vestita… in jeans, che all’epoca in Italia sarà stato chiamato semplicemente “tela”
          (“restare in braghe di tela”).

          Quelli dell’avventuriero non gradito a Mirkhond ;) custoditi in un museo, erano semplici pantaloni da marinaio.

          Immagino che appunto la “tela” fosse confinata all’uso degli opifici o come abito da lavoro, come giustamente dici, prima di essere ammessa come abito “da tutti i giorni”.

          Se ti può interessare, la foto di mio trisnonno, quello alto 1,97, lo ritrae con una camicia con colletto “alla coreana” e giacca di tessuto si direbbe pesante, senza cravatta, ma con un bel paio di baffoni a manubrio :D

        • Andrea Di Vita says:

          Per Pino Mamet

          Anni fa a Genova furono esposti quaranta teli ad argomento sacro (la Passione) tessuti in tela di jeans fra Settecento e Ottocento per essere portati in processione. Ben conservati, devo dire.

          Ciao!

          Andrea Di Vita

      • Moi says:

        “Holmes” e “Denim” non li sapevo … “Dongri” neppure come città.

        • PinoMamet says:

          Denim non lo sapevi? strano, credevo fosse più raro (da noi) Dungaree.

          Poi in inglese questi termini hanno assunto delle sfumature diverse, forse anche regionali, che non ho capito bene:
          dungarees si usa specialmente per gli abiti di fatica di operai e marinai, a quanto mi pare di notare, mentre denim indica più la tela che il capo di abbigliamento.

          C’è anche “chambray”, che è un denim più leggero.

          Peraltro credevo che la nostra Marina militare avesse copiato il jeans come divisa di fatica da quella USA, dopo il secondo dopoguerra: invece ho controllato (quando stavo a Roma e lavoravo per la casa di produzione di un tale militarista… ma è una lunga storia) le divise della Seconda Guerra, e i marinai militari italiani la usavano anche allora, anche se probabilmente non l’avranno chiamata “jeans”…

        • Moi says:

          Ma non c’era anche “Délavé” come adattamento francofono di “Delaware” ?

        • Moi says:

          Italianizzato persino fino allo stravolgimento in “delavato” …

        • PinoMamet says:

          Nescio brisa!
          :D

        • Moi says:

          NON so se ci abbiano “giocato” (nella moda, come sai, si “gioca” molto), ma “délavé” in Francese significa anche “slavato” …

          http://blzjeans.com/12059-40568-thickbox/jean-homme-bleu-delave-sixth-june.jpg

          … di lì a breve, gli strappi “ad hoc” e il Pauperismo Fighetto ;) .

        • Moi says:

          E comunque qualche allusione al “Delaware” ce l’ avevano infilata …

      • izzaldin says:

        I jeans di Garibaldi sono custoditi dentro il Vittoriano di Piazza Venezia a Roma, assieme al proiettile con cui “fu ferito”, estratto insieme ad una calcificazione ossea grazie all’opera di un chirurgo credo bolognese

  12. Moi says:

    “Bretschl” è quello che in Inglese si chiama “Pretzel” , no ?

  13. habsburgicus says:

    Dr Metzgr ond dr Baur beim Handl om dui Sau

    quindi in dialetto svevo (o comunque ulmese ?)
    già lì sta tutta la differenza tra la Francia e la Germania :D
    ve l’immaginate nella Francia (post-)giacobina un’iscrizione che non sia in puro francese (e non in piccardo, normanno ecc) il faut parler (et écrire aussi) français !, già sento ringhiare :D

  14. Raffaele says:

    1)Come già scrissi a Pino non sono il Raffaele che scrive da Israele e non sono sionista;hai mai visto un sionista paragonare la scelta del jihad a quella dell’emigrazione in Palestina?
    2)Perché ricordarmi che Breivik non era che un “fallaciano coerente” dovrebbe essere una confutazione di quanto sostengo ? Piuttosto;le “paure” di entrambe sono anche le tue ;quindi torno a chiederti;qual è la tua soluzione ?.O meglio ancora ;fin dove sei disposto ad arrivare ?Da determinati postulati nascono determinate conseguenze…
    3)Il marxismo-leninismo teorizza e pratica lo scontro tra le classi ,non tra le culture
    4)L'”uomo che le circostanze mi costringono a chiamare (arci) vescovo emerito di Bologna”sostenne che i musulmani erano ,per il loro “modo di essere”, assolutamente incompatibili col nostro.Da qui la proposta (che lui avanzò “in quanto cittadino italiano non in quanto prete”) di discriminare “sistematicamente” i migranti “in arrivo” in base alla religione.Per i “già presenti “(ma questo l’emerito non lo disse ) la conseguenza sarebbe stata logicamente….quella che trasse Wilders.Le sue “dichiarazioni” hanno aperto da quindici anni il vaso di Pandora nel mondo cattolico(in una sua parte non marginale ) come in quello “liberale”;tra i risultati la pratica del “piccolo sopruso amministrativo” nei confronti dei migranti di fede islamica (prassi costante,silenziosa e “mafiosa” rispetto a cui la “tassa del Califfo” mi sembra quasi un atto di civiltà) “teologicamente”giustificata dai seguaci dell’emerito (“Perchè permettere ai musulmani di..se i cristiani ecc..).Credo sia di questo (e non di “Pasquale” ) che la Chiesa italiana dovrà rendere conto…
    5)Mentre l’Emerito “esternava” in tal senso la Sinistra Relativista e Politicamente Corretta, “regalava” ai suoi amici migrante i Centri di Permanenza Temporanea,ci spigava che “noi possiamo accogliere solo quelli che hanno già un lavoro” e che “respingere i migranti è “di sinistra” perché gli scafisti sono cattivi”.Tutte cose con cui immagino tu sia pienamente d’accordo.Quindi..ai Post-Comunuiisti un po di gratitudine la dovresti.

    • Moi says:

      3)Il marxismo-leninismo teorizza e pratica lo scontro tra le classi ,non tra le culture

      Marx e Lenin NON erano relativisti … i primi a compiere atti sacrileghi a spregio del Corano furono gli Spetnaz in Afghanistan.

      • habsburgicus says:

        credo già il regime “folle” di Amin (sett-dic 1979)
        come tutti sanno il 7 saur 1357 (vulgo 27 aprile 1978 A.D) il PDPA afghano diviso in due fazioni mortalmente nemiche, Khalq “popolo” e Parcham “Bandiera” (che poi se andiamo a vedere, alla faccia di Marx, dietro ci stavano divisioni etnico-tribali :D….ma all’epoca era meglio non dirlo troppo in giro, sennò “L’Unità” urlava “fassisti” :D) con un massacro sanguinosissimo “Red Butchery in Kabul” rovesciò il regime di Mohammed Da’ud (Prewsidente dal golpe del saratan 1352=luglio 1973, in cui depose S.M Zahir Shah allora in Italia…inizio di tutti mali per quella sventurata “Nazione” !)
        il potere se lo prese il “Khalq” (Nur Mohammed Taraqi, con vice Hafizullah Amin) mentre il capo del “Parcham”, Babrak Karmal, uomo di Mosca, fu “esiliato” come Ambasciatore nella Cecoslovacchia socialista
        Taraqi iniziò una politica estrema, anti-islamica (che provocò l’insurrezione di Herat in prim 1979, sedata, oggi lo si sa per certo, con truppe sovietiche provenienti dal Turkmenistan BEN PRIMA dell’invasione); nel sett 1979 Taraqi al ritorno da Mosca (dove forse lo consigliarono alla moderazione e a sbarazzarsi del fanatico Amin) venne freddato per ordine di Amin all’aereoporto, mentre scendeva dall’aereo :D Amin giunse quindi al potere
        già prima Amin fu l’ideologo; ora, ormai senza freni, fece bruciare Corani, profanare moschee, obbligò le donne a mostrarsi in abiti (quasi) succinti ecc coma bandiera aveva quella rossa..non quella afghana con simbolo marxista come ci fu poi
        Amin, se durava, aveva la stoff di un Pol Pot :D purtroppo per lui (ma il popolo non lo rimpianse :D) aveva i sovietici vicino, e gli afghani non sono khmer :D
        in politica estera si avvicinò alla Cina, indirettamente pure all’Occidente, cosa che Mosca non poteva amare
        aggiungiamoci l’insurrezione GENERALE dell’intero popolo afghano in nome dell’Islam
        e il Cremlino decise che doveva intervenire, se non voleva vedere instaurarsi un regime islamico “reazionario”
        e così fece in dic 1979…e la prima operazione del KGB fu ammazzare Amin, che fu indotto con l’inganno a chiedere l’intervento, non immaginando la sorte che gli era riservata :D (cosa sottaciuta in Occidente)
        Mosca diede allora il potere al Parcham, richiamò Babrak Karmal, una sorta di Togliatti afghano, che iniziò una politica più moderata verso l’Islam..ma era ormai troppo tardi, anche a causa delle eccitazioni saudito-americane, VERA CAUSA PROFONDA del talibanismo posteriore
        nel 1986, effetto della perestrojka, il brezhneviano Karmal fu purgato e sostituito da gorbacioviano Najibullah (già capo del KHAD, i servizi segreti..del resto il “liberale” Gorbaciov fu uomo di Andropov, dunque legato al KGB), che baciò il Corano in pubblico e varò una nuova Costituzione che menzionava espressamente l’Islam (Marx, poco per volta, tornava a far posto a Maometto :D)
        si era ormai distanti dall’ateismo di Stato
        ma non servì a nulla
        e dopo il ritiro sovietico Najibullah resistette ancora 3 anni, sino al 1992, poi si rifugiò nell’Ambasciata indiana all’arrivo dei mujahiddin donde fu tratto con la forza dai talebani nel 1996, che lo impiccarono in piazza
        così finì il marxismo-leninismo afghano

  15. Moi says:

    2)Perché ricordarmi che Breivik non era che un “fallaciano coerente” dovrebbe essere una confutazione di quanto sostengo ?

    NON intendevo confutare ma, visto che di Norvegia si tratta, mettere i pallini sulle “å” e le barrette sulle “ø” ;) .. precisare !

  16. Moi says:


    1

    mai visto un sionista paragonare la scelta del jihad a quella dell’emigrazione in Palestina?” […]

    Sì !

  17. Moi says:

    qual è la tua soluzione ?

    ——

    Obbligare gli Intellettuali di Sx a riscoprire gli Anni ’50, con l’ Islam al posto della DC ! ;)

    • Raffaele says:

      Concretamente questo che implica ? Voglio dire;oltre a strappare a forza il velo alle musulmane all’uscita dalle moschee

      • Moi says:

        “All’ uscita dalle moschee” ? … Ma non mi attribuivi di non farcele neppure entrare ?! ;)

      • mirkhond says:

        “Voglio dire;oltre a strappare a forza il velo alle musulmane all’uscita dalle moschee”

        Invece di guardarle con ammirazione, e volesse il Cielo, prenderne esempio!
        Avant’ieri io e Peucezio ci facciamo una passeggiata lungo un’importante corso di Bari.
        Era di sera, e la nostra città d’estate è piena di gente che passeggia tra cornetterie, gelaterie, pizzerie, ristoranti ecc.
        Mentre aspettavamo che il cornetto di Peucezio fosse pronto, diamo un’occhiata alle ragazze.
        Belle o “brutte” (ovviamente a seconda dei punti di vista) erano tutte scosciatissime in minigonne mutandali o in pantaloncini.
        Poi, passa una giovane coppia, e lei con l’hijab e vestita molto pudicamente.
        Eppure faceva caldo, che qui in agosto anche di sera sono 25-30 gradi sopra lo zero!
        Non potevo non guardare con ammirazione quella giovane coppia, e soprattutto quella ragazza, che pure non è il mio tipo in quanto bassa e mazza.
        Che bello, in mezzo a tutto quell’impudico troiaio esitivo!

        • mirkhond says:

          estivo

        • Francesco says:

          paro paro qui a Milano, in metro ho visto battuto il record mondiale di micro daisy dukes … mi manca la morigerata musulmana ma appena riaprono le scuole dell’infanzia sarà pieno

          rispetto a Mirkhond però ci campo benino lo stesso

        • PinoMamet says:

          Confermo, i daisy-dukes quest’anno vanno alla grande tra le giovanissime.

          Non che mi dispiaccia, per carità.

        • Francesco says:

          Pino

          io però non faccio il ginecologo nè il pedofilo e qualche volta vorrei stare tranquillo

          che poi per una bella ragazza desnuda – che non servirebbe neppure – ci stanno mille bambine e un sacco di brutte

        • PinoMamet says:

          Ma io le bambine e le brutte non le guardo :D

  18. Moi says:

    Quanto a Biffi, i suoi discorsi sono stati “semplificati ad hoc” da “L’Unità” e “Repubblica” …e probabilmente Biffi conosce la recente Storia dell’Iran (v.di Tudeh) meglio di Eugenio Scalfari.

  19. Moi says:

    Ah, l’ omofobia di Putin _ rispetto all’ URSS _ quella sì che “coniuga Tradizione e Modernità” …

  20. Moi says:

    @ MIGUEL

    Tra l’altro, facendo ricerche per immagini, le tue foto hanno soggetti non fotografati praticamente da nessun altro. Una, quella di “Matteo rottama il tuo telefonino !” , o qualcosa di simile, dall’ inquadratura identica …mi sa che te la fregò un giornalista di Repubblica.

    Va be’, in realtà copiare immagini e altro non è _ esempio classico_ come rubare un libro in biblioteca … ma come fotocopiarlo per intero. Che NON si può. Però ci sono pure le fotocopiatrici in bella mostra. Molto “Italia” …

    “Stonex”, si chiamava … chissà che fine han fatto.

  21. Per Moi

    “Complimenti per le foto, davvero. Cogli “la Storia” da piccole cose, di solito la gente , a Ulma, fotograferebbe o il guglione più alto del mondo “

    E’ che sono un pessimo fotografo, e di foto belle del guglione sarà piena la rete. Mentre probabilmente il signor Jesus Lebt non si trova così facilmente…

  22. Sui mujahidin da tastiera…

    Mi sembra perfettamente normale che nella microscopica comunità di giovani italiani convertiti all’Islam, ci sia passione per cause drammatiche.

    Se è per questo, c’è anche passione tra sostenitori di altre cause: basta leggere i media italiani quando parlano, che so, del governo ucraino (con questo non intendo schierarmi io, noto solo quanto altri siano schierati).

    Se poi adottiamo uno sguardo più ampio, tutta la storiografia popolare, ovunque, è passionale.

    Ora, la passione può qualche volta portare ad atti concreti.

    Non mi sorprenderebbe se qualcuno di quei giovani passionali la notte sogni di andare in un remoto paese in guerra e liberare da solo centinaia di prigionieri torturati in un carcere, tra cui magari la propria futura sposa.

    Di fantasie del genere (per fortuna) è fatta la giovinezza…

    Nulla fa pensare che la stessa persona sogni di ammazzare un sacco di pendolari sulla metropolitana a casa sua, o di distruggere una chiesa, o roba del genere.

    Ora, a me dispiace se uno di questi ragazzi decide di farsi invischiare, ad esempio, nel massacro siriano, che comunque vada, finirà male. Ma non ci vedo un particolare problema per l’Italia.

    • Francesco says:

      >> Nulla fa pensare che la stessa persona sogni di ammazzare un sacco di pendolari sulla metropolitana a casa sua, o di distruggere una chiesa, o roba del genere.

      mi pare un’affermazione del tutto gratuita. anche se ne apprezzo l’ottimismo.

      nell’inciviltà generale, si sposa una causa e ci si sente liberi di commettere ogni nefandezza nel suo nome

  23. Moi says:

    A sproposito :)di Balcani :

    il Montenegro è roba dell’ Emilia Romagna, lo sapevate ? ;)

    Quando i Fratelli Stanislao e Cleopatro [sic !] Cobianchi di Bologna ne importarono e apportarono qualche “mudéffica” ;) al “Karìk” … 1885.

    PS

    @ Ritvan, il karik c’è anche in Albania, vero ? Che lì, rassicuriamo ( o forse inquietiamo ?) Raffaele, l’ Islam ha una tradizione “liberale” in confronto agli altri …

    http://www.utetlibri.it/libri/islam-balcanico/

    … è per questa precisazione che Tortuga mi credeva uno di Kwellilah ;)

    • Raffaele says:

      Né rassicurato,né inquietato…in attesa della tua soluzione “senza faccine” al “problema” Islam.Sarà un’attesa vana ?

      • Moi says:

        Sì, perché NON ho alcun potere politico …

        • Moi says:

          Inoltre, nella “calderonizzazione giornalistica” fra hijab-niqab-burqa ecc … il termine “velo” ormai non significa praticamente più nulla.

        • Raffaele says:

          Be,se un medico “dilettante” sostiene che un corpo è malato(e tanto più malato perché non si rende conto di esserlo e perché i medici professionisti stanno distruggendo le sue difese immunitarie ) poi immagino che abbia una qualche idea della cura

          Altrimenti uno potrebbe dubitare della sua buona fede..

  24. Moi says:

    http://media-cache-ak0.pinimg.com/originals/a2/68/36/a26836c4a568836ee3e24d1eac8272b5.jpg

    All’ epoca (1885) “Montenegro” era ancora poco più che “un’ espressione geografica” [cit.] …

    • habsburgicus says:

      era indipendente de iure dal Congresso di Berlino (13 giugno-13 luglio 1878) anche se non ancora Regno, solo Principato

  25. Per Raffaele

    In linea di massima sono d’accordo con te: mi fai pensare a un militante leghista di Imola, che voleva togliere i cessi pubblici perché ci andavano i marocchini.

    In effetti, il buon senso ci insegna che se vuoi perseguitare qualcuno sul serio, lo devi ammazzare, o almeno espellere, altrimenti qualunque misura prendi contro di lui, semplicemente peggiorerà la situazione, anche tua.

    In questo senso, pochi islamofobi hanno ragionato in maniera sensata su cosa vogliono: rendere la vita più sgradevole per i propri vicini di casa musulmani e rendersi antipatici a loro non paga a lungo termine.

  26. mirkhond says:

    “Ora, a me dispiace se uno di questi ragazzi decide di farsi invischiare, ad esempio, nel massacro siriano, che comunque vada, finirà male. Ma non ci vedo un particolare problema per l’Italia.”

    Che credo, sia più o meno la linea dell’intervistato dall’articolo, che cerca di smorzare gli allarmismi di alfano.
    Per l’Inghilterra invece non saprei….

  27. Sempre per Raffaele

    Però non prenderei Breivik come esempio. Come saprai, ho dedicato anni di questo blog ad oppormi alle idee che Breivik più o meno condivide, e agli ambienti che lui considera vicine.

    Però è chiaro che nessuna Fallaci, nessun English Defence League, nessun Borghezio, è responsabile del fatto che un tizio decida che per affrontare la questione “islamica” in Europa, bisogna far fuori decine e decine di ragazzi “cristiani” e “bianchi”, trasformando gli islamofobi in mostri impresentabili.

    Breivik non è stupido, ma pazzo lo è.

    • Raffaele says:

      Dissento in parte..

      Proprio perché,come tu stesso noti,l’islamofobo non può proporre soluzioni coerenti ,se non la lenta tortura delle sue “vittime” ,una soluzione “alla Breivik”risulta paradossalmente coerente con gli assunti.

      Breivik non era più folle di un qualunque islamofobo di cultura medio-alta.Era solo più”ottuso ” e più “coerente”.La stessa scelta delle vittime non è”assurda” chi consegna la mia città al nemico è,per certi aspetti,più colpevole del nemico stesso..

  28. mirkhond says:

    Breivik non è stupido, ma pazzo lo è.

    Infatti non ha fatto certo una buona pubblicità alla causa che intendeva promuovere.

  29. mirkhond says:

    “Se è per questo, c’è anche passione tra sostenitori di altre cause: basta leggere i media italiani quando parlano, che so, del governo ucraino (con questo non intendo schierarmi io, noto solo quanto altri siano schierati).”

    A sentire i nostri media, Putin è il nuovo orko sovietiko da demonizzare.
    A favore di quei banderisti di Kiev e Leopoli asserviti all’usraeloeurobank$teri$mo…..

    • habsburgicus says:

      non è così semplice :D
      comunque, in fb stradomina Putin :D
      e anche ai tiggì, io tutto ‘sto anti-putinismo non lo noto…certo qualche frecciata, ma nulla di particolarmente ostile (di norma, poi c’è l’eccezione)

      • mirkhond says:

        Forse perché, dietro le quinte la Merkel spera di salvare il rapporto con Mosca, senza dover rompere con Washington!
        Da una rottura con Putin a rimetterci saremmo solo noi, visto che il gas russo non è facilmente sostituibile con quello americano o di qualsiasi altra parte del mondo.

        • Francesco says:

          soprattutto se continuiamo a non costruire rigassificatori e a non ingerirci nel caos libico

  30. mirkhond says:

    “un militante leghista di Imola, che voleva togliere i cessi pubblici perché ci andavano i marocchini.”

    Questo perché il leghismo e il RAZZISMO sarebbero inestistenti a SUD del Po, soprattutto tra Panaro e Adriatico……

  31. mirkhond says:

    “Mohammed Da’ud (Prewsidente dal golpe del saratan 1352=luglio 1973, in cui depose S.M Zahir Shah allora in Italia…inizio di tutti mali per quella sventurata “Nazione” !)”

    Infatti!
    Nel 2004, durante le elezioni più o meno truccate tenutesi in (alcune parti dell’) Afghanistan per confermare il quisling kharzai, un giornalista del Corriere della Sera, intervistò una contadina di 50 anni.
    Richiesta dall’intervistatore su chi avesse votato, la signora rispose:
    “Per il Re. Perché lui DEVE DIFENDERE LA NOSTRA RELIGIONE!”
    La donna che, evidentemente si ricordava bene gli anni di Zahir Shah (1933-1973) e poi tutto il resto che ne è seguito, riteneva che solo sotto una forte monarchia patriarcale e tradizionalista, la Fede potesse essere tutelata dagli eccessi OPPOSTI del laicismo LAIDO e del fanatismo religioso!

  32. Roberto says:

    “totale assenza di cartelloni pubblicitari:”

    Cavolo, non ci avevo mai fatto caso ma hai ragione!

  33. Moi says:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Pretzel

    In Inglese “pretzel” è generico … no ?

  34. Moi says:

    “Non l’ho scritto io, vengo dalla Turchia”, spiega la signora. Sospetto di essere uno dei pochi ad averle rivolta la parola durante la giornata. “Ma voi da dove venite? Ah, dall’Italia, ecco perché sapete leggere l’arabo, siete più vicini ai paesi arabi di noi”

    [cit.]

    Ma intendeva addirittura “di noi Turchi” ?! ;)

  35. mirkhond says:

    Anni fa, a Norimberga, mia sorella con una zia, furono scambiate per turche da una signora turca!

  36. Tortuga says:

    “cartelloni pubblicitari”

    Ne esistono pochi anche in Francia. Tanto che ne ho fotografati alcuni perché sono anche un po’ particolari … magari nei prossimi giorni li recupero e ve li faccio anche vedere.
    Non ricordo invece l’anno esatto in cui visitai la Jugoslavia … intorno al 1985 circa, oddio “visitare” è una parola grossa, avevo un compagno che non si sa come ebbe una sorta di crisi mistica e mi toccò questo viaggio verso Medjugorje (ricordo che ero incazzatissima), una delle cose che mi sono rimaste impresse, a parte i Tir che non suonano prima di farsi ritrovare davanti al muso della tua auto occupando tutta la carreggiata mentre alla tua destra c’è uno strapiombio con un esilissimo finto gard-rail di latta e la carenza di benzinaio, fu proprio la bellezza della quasi totale assenza di cartelloni pubblicitari.

    Immagino che in germania magari non si venga neppure tartassati dai venditori telefonici: mi assillano continuamente.

  37. Moi says:

    o un compagno che non si sa come ebbe una sorta di crisi mistica e mi toccò questo viaggio verso Medjugorje (ricordo che ero incazzatissima)

    :D :D :D :D

  38. Per Moi

    “Ma intendeva addirittura “di noi Turchi” ?! “

    Sì, certo, non si capiva?

  39. mirkhond says:

    Su Malka e le ashkenazite/khazare

    Pino, solitamente a me piacciono armenoidi-mediterranee-semitiche-mediorentali-maghrebine, e quindi restando alla galassia giudaica, le sefardite, e mizrahim.
    Però QUALCHE VOLTA, puo’ capitare di essere attratto da qualche chiara.
    Come mi capitò l’anno scorso in Ciociaria, di fronte alle possenti grazie di una suora tedesca, di quelle che fanno le infermiere e badanti nei pensionati per gli anziani.
    Oppure come la più chiara di queste due belle giovani studentesse dell’università di Sheffield:

    http://wp-assets.shef.ac.uk/content/uploads/2013/11/undergraduates.jpg

    • habsburgicus says:

      Premesso che il gusto è qualcosa di eminentemente personale e soggettivo, debbo ammettere che in fatto di donne ho un’estetica molto diversa da Mirkhond (limitandomi a quelle che lui ci ha indicato qui e sopra :D)…e non solo per i capelli (biondo o castano/nero in fin dei conti non è importante), ma per il viso ed i lineamenti….sia detto senza alcun “giudizio” di valore, ci mancherebbe :D

  40. “cartelloni pubblicitari”

    No, in Germania non ci sono proprio, almeno sulle strade.

    Sembra di attraversare un’unica, immensa foresta, anche quando ti avvicini a noti centri industriali.

    Non ho capito come funziona il trucco, ma il risultato è ottimo.

  41. mirkhond says:

    “e dopo il ritiro sovietico Najibullah resistette ancora 3 anni, sino al 1992, poi si rifugiò nell’Ambasciata indiana all’arrivo dei mujahiddin donde fu tratto con la forza dai talebani nel 1996, che lo impiccarono in piazza”

    Dopo averlo evirato e trascinato per le vie di Kabul.
    Però, fu un idiota perché avrebbe potuto salvarsi fuggendo in India insieme alla sua famiglia, come, invano, lo implorò la moglie.
    Ma lui confidava sull’essere un pashtun e che dunque avrebbe potuto trattare con i Talebani!
    Questo stando ad Ahmed Rashid e al suo Talebani, Feltrinelli editore, libro documentatissimo sugli anni 1994-2001 riguardo all’Afghanistan e dintorni, nonché sulle origini del Talebanismo e con una digressione su ciò che era diventato l’Afghanistan PRIMA dell’avvento degli stessi Talebani.
    Najibullah inoltre era stato un feroce torturatore di mujaheddin veri o presunti negli anni 1978-1986.

  42. Per Moi

    “premesso, dicevo, che non me l’aspetterei da nessuno straniero rispetto all’ Italia … SE PROPRIO, più da dei Tedeschi ignoranti (… se esistono !) che da NON invece da una Turca !”

    Non so se lo intendesse in senso geografico o culturale. Nel secondo caso, sono abbastanza d’accordo con lei: gli italiani sono più simili agli arabi dei turchi, che c’è di strano?

    • Moi says:

      … Lo dicono i Turanisti ?

      ;)

      Comunque, per quanto riguarda l’ Italia Meridionale, l’ ambiguità di “Maruchéin” nell’ Idioma del Giardino dell’ Eden ;) [cfr. Gorop da Anversa] avrà il suo perché.

      ;)

      • mirkhond says:

        In realtà molti turchi hanno fattezze armenoidi-mediterranee, non molto dissimili dagli italiani.
        Soprattutto dalla Toscana in giù! :)

        • PinoMamet says:

          …solo perché dalla Toscana in su sei poco pratico, Mirkhond ;)

          fidati, ci sono più “norreni” a Bari che Verona.

      • Moi says:

        Un po’ più seriamente, ma non troppo : tranquilli ;) !

        I Norreni Europei attribuiscono ai Levantini la furbastreria di “Mercanti Piacioni che però ti Fregano” , cosa che l’ Italia Settentrionale (sopra Lucca – Senigallia) cerca di “scaricare” verso Sud … specie sull’ Ex Regno delle Due Sicilie, in particolare la Sicilia Araba.

        Però si sa che a parte un po’ le zone di confine, all’ Estero l’ Italia è SOLTANTO il proprio Meridione, persino fra i più colti.

        Ma i Turchi si chiamano fuori dallo stereotipo del “Mercante Levantino” ?!

  43. izzaldin says:

    @Miguel

    “Se poi adottiamo uno sguardo più ampio, tutta la storiografia popolare, ovunque, è passionale.”

    Interessante.
    Franco Cardini in una recente intervista sul Resto del Carlino parlava di come il declino della storiografia è dovuto anche alla fine (o comunque alla netta diminuzione) dell’uso politico della Storia.
    Come a dire: almeno chi usa strumentalmente la Storia è comunque, in qualche modo, portato a studiarla e in un certo senso a valorizzarla.
    Forse si riferiva all’uso politico della Storia tanto di moda in periodi recenti più ideologizzati di oggi, boh..

    • Moi says:

      Sì,in effetti è in ribasso persino la II Guerra Mondiale … specie da quando è iniziato il Monstrum AntiSilvium ;)

    • habsburgicus says:

      a me pare che questo uso politico ci sia ancora…ancora più rozzo, se possibile….a causa del degrado delle conoscenze :D

      • izzaldin says:

        probabilmente è vero, l’uso politico c’è ancora, ma forse un tempo spingeva in qualche modo ad approfondire seriamente la materia, ed è questo tipo di studio che forse secondo Cardini sta declinando

  44. Moi says:

    @ MIGUEL

    Di simile agli Arabi, gli Italiani possono avere effettivamente le infinite divisioni interne finché non si trova qualcuno da odiare ancor di più e contro il quale coalizzarsi tutti … ma questa è una “Mediterraneità”, direbbe DeCrescenzo, anche dei Greci.

    Stando a Svetonio … eran così anche i Galli, tanto cari ai Celtari come “Vera Alternativa” ! ;)

  45. mirkhond says:

    Però si sa che a parte un po’ le zone di confine, all’ Estero l’ Italia è SOLTANTO il proprio Meridione, persino fra i più colti.

    Cosa che angustia tanti settentrionali, incluso Mussolini.
    Il quale, stando allo storico Giuseppe Galasso (insospettabile perché filounitarista e antiborbonico), Mussolini, dicevo detestava i cantanti napoletani che, a suo dire, rovinavano l’immagine dell’Italia all’estero.
    Oppure quando diceva che i “veri” Italiani che lui considerava i discendenti dei legionari romani, erano solo i 10-12.000.000 di “polentoni” a nord di Senigallia.
    Quelli a sud erano buoni solo per il lavoro dei campi e per le fabbriche.
    Magari avesse messo in pratica questo teorema, che avrebbe risparmiato la vita e sofferenze a tanti miei connazionali, inclusi due miei zii paterni finiti in campo di concentramento, uno nel Kenya britannico, l’altro in Germania.
    Il secondo morto a 29, per le conseguenze del soggiorno in un lager nazista….
    E che tanti meridionali che gli vanno dietro al romagnolo…..

    • Moi says:

      tanti meridionali che gli vanno dietro al romagnolo …

      [cit.]

      E infatti mi pare che non troppo anni fa (al massimoa fine Anni Novanta) ci fu lo scandalo di un prete che, in Calabria, fece un’ omelia in cui ripropose _ direttamente dagli Anni Trenta _ “il Romagnolo” come “L’ Uomo della Provvidenza” [cit.] …

      • mirkhond says:

        A me lo dici.
        Che ne ho fatte di discussioni con parenti e conoscenti di Napoli e Bari su quel romagnolo…..

  46. mirkhond says:

    29 anni

  47. Pierluigi Vernetto says:

    credo anche che nei tempi in cui Hitler gassava ebrei a 50mila al giorno,
    non piu’ di una ventina di persone andassero a dimostrare (non in Germania chiaramente senno’ finivi diretto a Dachau)…
    i tempi non sono cambiati…. quelli che fanno Le giornate della Memoria
    mi fanno incazzare, sono tutti buoni ad indignarsi DOPO…. e’ DURANTE
    – quando hai tutti i media contro – che ci vuole del fegato.

    • mirkhond says:

      Condivido ciò che dice Pierluigi.
      Se fossi ebreo, proverei disgusto per tutti questi filoisraeliani di OGGI!
      Dov’era tutta questa gente, quando i Giudei erano poveri e perseguitati?

      • Francesco says:

        non erano ancora nati?

        :D

        • PinoMamet says:

          Secondo me avete un po’ ragione tutti e due.

          Credo che molti filo-israeliani di oggi siano filo-israeliani per essere meglio anti-arabi.

          SE fossero (periodico ipotetico dell’irrealtà, da prendere con tutte le premure del caso) nati all’epoca, sarebbero stati probabilmente antisemiti.

          E gli ebrei questa cosa cominciano (meglio tardi che mai!) a percepirla.
          Visto che questi filo-israeliani cominciano a fare discorsi del tipo “basta con la carne halal da noi!!” per cui viene da pensare, ok, quindi non ti va bene neanche la carne kasher? Quindi non ti va bene la libertà di religione?

          Però ci sono anche molti filo-israeliani semplicemente perché sì, perché gli piace Israele come esempio di stato democratico e perché gli sta sulle balle Hamas, e non l’Islam o gli arabi, e non gli si può fare una colpa di essere in cattiva compagnia, che non hanno scelto.

        • mirkhond says:

          non gli si può fare una colpa di essere in cattiva compagnia, che non hanno scelto.

          Insomma….

  48. Moi says:

    @ PINO

    Da qualche parte,molto tempo fa, mi sembra di aver letto la descrizione di Israele come “Paradiso Circondato da Diavoli” …

    • PinoMamet says:

      Forse nell’idea di qualche filo-sionista di qua, che in Israele non ci è stato mai ;)

      è un posto che ha molti problemi, anche banalmente di pulizia e ordine; molto “italiano” in certe cose, pure troppo ;)
      e dove gli arabi, che immagino siano “i diavoli” del paragone, non è che stiano fuori in attesa di invadere con la scimitarra tra i denti, ma vivono- tutto sommato tranquillamente- dentro lo Stato stesso.

      Un posto affollato con gente simpatica- la maggior parte- e anche qualcuno antipatico, molte facce diverse (e no, non si capisce a prima vista da che parte del mondo provengano o se siano ebrei o arabi, come nelle raccolte di foto antropologiche…), un discreto casino, un gradevole caldo (perché io lo gradisco, immagino che per molti sia un’insopportabile afa) e dove ogni tre per due scoppia una guerra o qualche conflitto.

      Ci scorrerà latte e miele ma non gratis, il paesaggio è brullo, la gente- anche simpatica- comunque è spiccia.

      L’atmosfera, più che da accampamento militare, è tutto sommato ancora un po’ da campeggio (non alla lettera, eh? parlo di atmosfera, mica di architetture, le case in sessant’anni le hanno costruite ;) ) o da Festa dell’Unità.

  49. Moi says:

    Invece qualche Viaggiatore Inglese del Settecento (ancora oggi Eugenio Scalfari, Corrado Augias & Soci-Pupilli sono molto affezionati agli stereotipi del Gran Tour … parlando de “gli Italiani” e “l’Italiano” in rigorosissima terza persona !)

    qualche Viaggiatore Inglese del Settecento, invece, dicevo definì l’ Italia come “Paradiso Abitato (!) da Diavoli” …

  50. mirkhond says:

    “Mi’, io temo che tu ti sia fatta un’idea davvero… particolare dello Stato di Israele. Non so di preciso come te lo immagini, ma ecco, non è come te lo immagini tu.
    ;)”

    Purtroppo, temo che la realtà sia differente da come la vede un ragazzo della Bassa, in procinto di convertirsi ad una grande religione……

    “Infatti ti invito a guardare i filmatini del tizio- che mi pare avevi scovato tu per primo-”

    Infatti.

    “perché al contrario mi sono sembrati fino a ora una rappresentazione piuttosto realistica dell’ambiente e della società israeliana.”

    Ma infatti. E dunque con persone dei più svariati orientamenti ideologici.

    “Tra l’altro molti rispondono a domande simili a quelle che ogni tanto fai tu, quindi può essere interessante sentire le loro reazioni.”

    Non lo nego.

    Purtroppo però, resta un sistema statale fondato su un esercito accampato su suolo nemico…..

    • PinoMamet says:

      Io non sono della Bassa!

      • mirkhond says:

        Sulle montagne verso la Liguria e la Toscana, che tipologia prevale?

        • Moi says:

          Il Tarone, come in tutto il Nord Italia … ove i geni celto-norreni dei Padani sono recessivi rispetto a quelli afro-levantini ;) :) ;) :)

          … it cuntàint ? ;)

        • mirkhond says:

          L’ho chiesto perché il più antico fondo etnico dell’Italia del nord, pare che sia ligure, e di lontane origini sahariano-iberiche, come confermato da recenti studi genetici sul confronto tra i resti degli antichi Liguri e i Baschi e i Tuareg.
          Da qui la mia curiosità sulla tipologia media dell'”emiliano” e del romagnolo delle aree appenniniche….

        • PinoMamet says:

          Un giorno Mi’ vorrei provare a fare l’esperimento di mandarti (in privato) delle foto di miei amici e amiche, così vedi se ti ci raccappezzi con le tue teorie…
          ;)
          e magari scopri che tutta questa differenza non c’è!
          ;)

  51. mirkhond says:

    fidati, ci sono più “norreni” a Bari che Verona.

    Non direi proprio, visto che nella “Polentonia” TRANSpadana tra Verona e la Val di Susa, ho visto molta più gente di aspetto nordico, tra gli indigeni (non tra gli immigrati “meridionali” e discendenti).
    Il biondo nordico è più chiaro del nostro biondo.
    Credo sia un fatto di luce solare…..

    • Moi says:

      Izzaldin diceva di essere d’aspetto talmente “Svevoide” da sembrare di Asgard anziché di Palermo ! ;)

      … va be’, prima che la Hollywood Politically Correct la rendesse multietnica, femminista e gayfriendly ;) , con Quote Rosa fra le Guardie di Odin, Guardiani Cosmici Neri AfroAsgardiani e armature inleziosite da Cavalieri dello Zodiaco ;) .

      • mirkhond says:

        Non potevi postare un quadro più bello!
        Giorgione e il suo connazionale Tiziano Vecellio (1476/1490 c.-1576) sono tra i miei pittori preferiti, per come hanno esaltato la bellezza femminile….
        Se ci fossero venete così belle…mi ci fionderei! ;)
        Anche se forse, sarei ricambiato con disprezzo razziale per la mia “maruconeità”…..

    • PinoMamet says:

      PS

      in Veneto non so (ma non mi pare), in Piemonte non ho idea, ma in Lombardia- EmiliaRomagna i biondi/bionde sono una rarità;
      molti semmai i castani, molti anche i mori, come mi pare in tutto il resto d’Italia isole comprese ;)

      assolutamente impossibile identificare il “terrone” dall’aspetto fisico, chi lo dice conta balle.

      • Moi says:

        … come se i “Taroni” fossero tutti uguali d’aspetto. Rocco Siffredi è Abruzzese, ad esempio.

        • Moi says:

          Poi ci sono quelli come il Romano Enrico Brignano o il Siciliano Nino Frassica che potrebbero sembrare tranquillamente IndoPakistani ;) !

        • PinoMamet says:

          Enrico Brignano mi sembra una fisionomia normalissima, Frassica ha semplicemente i baffi…
          e a parte che non è calvo, mi ricorda il barbiere dove mi portavano da piccolo, che teneva sempre la rivista degli alpini, quella degli sciatori, quella dei cacciatori e Diabolik!

  52. mirkhond says:

    Infatti NON siamo tutti uguali di aspetto.
    Solo che i nostri biondi hanno, diciamo, espressioni più “colorite” :), rispetto ai biondi di aree più settentrionali, a sud come a nord delle Alpi….

  53. Moi says:

    http://www.ivid.it/fotogallery/imagesearch/images/vip_enrico_brignano_006_jpg_ieuj.jpg

    @ PINO

    Se NON lo conoscessimo, potremmo pensare che sia “uno vero” :) , no ?

    • PinoMamet says:

      ehm… no
      :)

      • PinoMamet says:

        A parte che gli arabi, dall’Oman al Marocco passando per la Siria e l’Egitto, hanno una varietà di aspetti fisici che non finisce più…

        per cui ci sarà anche qualcuno che somiglierà a Brignano, sicuramente.

        Il quale Brignano, per il resto, mi pare un tipo italico normalissimo. Magari due chili in meno gli farebbero bene ;)

      • Tortuga says:

        Ha dimenticato la barba, non basta lo staccio da cucina in testa fermato con una fascia per capelli, serve anche una nutrita quantità di peli in faccia :D
        Comunque a me piacciono di più con gli stracci da cucina a scacchi bianchi e rossa come quelli della cucina di mia nonna ;)

  54. mirkhond says:

    “Un giorno Mi’ vorrei provare a fare l’esperimento di mandarti (in privato) delle foto di miei amici e amiche, così vedi se ti ci raccappezzi con le tue teorie…
    ;)
    e magari scopri che tutta questa differenza non c’è!”

    Non aspetto che di vedere queste foto. :)

  55. izzaldin says:

    allora, a proposito di fisionomie, un po’ di esempi:

    lei è palermitana

    http://www.vogliosapere.org/wp-content/uploads/SanSiro_DG_EleonoraAbbagnato1.jpg

    lui è palermitano

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/d/d5/Onofrio_Barone.jpg

    potrebbero essere lei danese e lui siriano, no?
    o, e Pino potrebbe confermare, potrebbero essere entrambi israeliani.

  56. Moi says:

    @ RAFFAELE

    Te la faccio semplice : se a difendere i Musulmani e le Tradizioni dei Migranti mi arrivano gli stessi che negli Anni Cinquanta avrebbero messo i Democristiani nei Gulag e han fatto strame delle Tradizioni “Nostre” , oppure SE a scrivere sui muri con bombolette spray “- KASE + MOSKEE ” mi arrivano gli stessi che hanno sempre scritto ” + KASE – KIESE” … io NON li accetto come portavoce.

    Veniamo all’ esempio di MIRKHOND & MIGUEL : quello che a Imola voleva chiudere i cessi pubblici perché ci andavano i Marocchini

    [si presume “Marocco” in senso “da Senigallia alla Secchia” di “DarAlIslam” … da non confondersi con “Marocconia”, in senso di “Meridione” … qualora RFFAELE lo ignorasse, NDR.]

    … Che “colpa” avevano ‘sti Marocchini ?! Di essere tali ? Allora è “Razzismo” ! Di essere Musulmani ? Al tempo: calma e gesso … In questo caso il tizio di Imola “coniugava Tradizione e Modernità”, con l’ Islam al posto della DC. Tipo, ancora negli Anni Settanta, alcune rare ma sempre “pese” proteste a Bologna (lettere al Carlino, piccole manifestazioni davanti all’ Ospedale Maggiore) perché c’erano troppi Meridionali (probabilmente Democristiani “contro di noi”… e la “colpa” era questa !) nei “nostri” ospedali.

    La Fallaci ? Ha coniugato Tradizione (AnarcoComunista Toscana) & Modernità (NeoCon Statunitense) … la sua Trilogia _ a saperla leggere SENZA i paraocchi dell’ ideologia _ è il solito AntiClericalismo Viscerale Roboante Toscano che però, a quel giro, se la prendeva con l’ Islamme e i suoi Imamme anziché i Pretacci.

    A tratti, “Il Vernacoliere” con l’ Islamme al posto della Chiesa, e “l’Arabi” al posto dei Pisani.

    Se l’URSS fosse ancora in piedi, una “Fallacigrad” sulle falsariga di “Togliattigrad” gliel’avrebbero dedicata.

    • Moi says:

      Ripeto : “rare” proteste, “piccole”manifestazioni…

    • mirkhond says:

      Devo riconoscerti il merito di NON negare l’esistenza del razzismo romagnolo, anche se lo contestualizzi in uno scontro “guelfi-ghibellini” aggiornato agli anni ’50-’80 del XX secolo! :)

      • Moi says:

        Può essere “Razzismo” , se manca la percezione (!) del concetto di “Razza” a livello propagandistico ?

        Ripeto “in macro” : una _ absit iniuria verbis _ “Faccia da Levantino” come Magdi Allam … come ha potuto raccogliere l’ Eredità della Fallaci ? Fra l’altro con quell’ aura di credibilità in più fra i CattoLepantini perché “parla la loro lingua, ha vissuto in mezzo a loro, ci ha svelato il Segreto della Taqiya e per questo gli hanno “lanciato le fatw’e” [sic] , ecc …”

        • mirkhond says:

          “Può essere “Razzismo” , se manca la percezione (!) del concetto di “Razza” a livello propagandistico ?”

          Ci sono forme di razzismo più sottili e subdole, rispetto al vecchio armamentario “biologico”…..
          E tu stesso lo descrivi riguardo proprio alle terre romagnole di cui sei parte….

    • Raffaele says:

      Metti insieme cose diversissime;l’anticlericalismo toscano,la “politica religiosa” del PCI ,le battaglie per i diritti civili negli anni 70.
      La”politica religiosa” del PCI togliattiano (partito nella cui storia non mi riconosco ) si basava
      1) sul più grande rispetto per il “modo di vivere” dei cattolici (Luciana Castellina ricordava che l’allora capo della Fgci Enrico Berlinguer propose Maria Goretti come “modello ” alle giovani contadine comuniste )
      2) su una durissima critica “politica” della DC che non coinvolgeva MAI il suo essere un “partito cristiano” ma anzi poteva (retoricamente) rinfacciargli il suo”tradimento degli autentici valori morali e sociali del Vangelo ”
      3)su un atteggiamento molto prudente nei confronti della gerarchia ,con tanto di “abboccamenti” anche con i suoi membri più ostili (cfr incontro Togliatti-Siri )
      4) sul tentativo di trovare una conciliazione “teorica” tra cattolicesimo e marxismo,condotto(comunque lo si voglia giudicare ) ad alti livelli teorici (cfr Franco Rodano ).

      Qualcosa di immensamente lontano dal farmacista liberale o dall’anarchico bestemmiatore.Nessun esponente del PCI si sarebbe mai solo sognato d aggredire le donne all’uscita di una chiesa o di deridere il dogma dell’Immacolata Concezione in pubblico

      Se ti diverte quello che fa (ceva) l’onorevole Santanchè accomodati;ma non ci mettere in mezzo Togliatti.

      P.S,Come l'”anti-cristianesimo” passato cosi anche il “filo-islamismo” presente della sinistra è una tua ubbia.L’atteggiamento della “sinistra dei salotti buoni” verso l'”Islam” è un misto di diffidenza e di paternalismo.Guardati (per fare un esempio )il dialoghetto fra l’intellettuale “radical-chic” e la badante in “Caterina va in città” e capirai molte cose.Mi verrebbe da pensare che tu proietti” sulla “sinistra” il fascino ambivalente per l’Islam che tu stesso provi!!

  57. Moi says:

    @ RAFFAELE

    “Il marxismo-leninismo teorizza e pratica lo scontro tra le classi ,non tra le culture”
    [cit ; BIS]

    Ergo ? L’iniquità sociale NON esisterebbe fuor “d’ Occidente”, con tanto di Religione (massimo veicolo di “Tradizione”) come Instrumentum Regni per antonomasia ?! Ma per favore …

  58. Moi says:

    Alla UAAR , finché i Musulmani erano relativamente pochi, la Fallaci NON piaceva perché si sperava di aizzare l’Islam contro la Chiesa … poi alla sezione “altre religioni” han scoperto gente come Ibn Warraq e Hamid Zanaz.

    Interessante una cosa, notata per la prima volta da Pino : così come Bertrand Russell dopo aver stabilito che il Cristianesimo (Religione di Nascita Culturale) NON fosse Verità Assoluta, neppure sentì il bisogno di prendere in considerazione SE potesse essere Verità Assoluta qualche altra religione … che è poi esattamente lo stesso che Ibn Warraq e Hamid Zanaz hanno fatto con l’Islam. Nonché Sigmund Freud con l’ Ebraismo: sulla base del principio che: falso il primo, quale “sintesi aniconica di culti mesopotamici confusamente raccolti da gente schiavizzata e sessualmente repressa”, falsi anche il secondo e il terzo in automatico.

  59. Z. says:

    Miguel,

    — ma anche per la totale assenza di cartelloni pubblicitari —

    Vorrai scherzare. Magari ce ne sono pochi a Ulm, ecco :)

  60. Per Z

    “– ma anche per la totale assenza di cartelloni pubblicitari –

    Vorrai scherzare. Magari ce ne sono pochi a Ulm, ecco :)

    Intendevo sulle strade.

    • Z. says:

      Guarda, non sono mai stato a Ulm e ti prendo in parola.

      Ma ho giusto in mente un’infilata di cartelloni a Francoforte, tra la Oppenheimer Landstraße e la Hedderichstraße, che mi ha colpito particolarmente. Non ti saprei dire perché.

      Ce n’era pure uno della Lucky Strike che era davvero moltogrande: con in basso l’avvertimento, dass Rauchen tödlich sein kann, naturalmente.

      :)

  61. Moi says:

    @ PINO

    Le foto, a Mirkhond, prova a modificarle aggiungendo / togliendo con photoshop hijab / djeballe / turbanti / kippah ecc … che possono essere indizio.

  62. mirkhond says:

    Il fatto che sia attratto dalle brune, non significa che disprezzo i biondi e i chiari di pelle, anche se ho dato questa impressione…
    Del resto la foto che ho postato sulle due belle ragazze di Sheffield, di cui quella più chiara (e true british, direbbe Habsburgicus ;) :) ), è proprio quella che, paradossalmente mi piace di più.
    Mi ricorda una ragazza che abitava dalle mie parti, e che non vedo più da alcuni anni…

    http://wp-assets.shef.ac.uk/content/uploads/2013/11/undergraduates.jpg

  63. Per Raffaele

    “Metti insieme cose diversissime;l’anticlericalismo toscano,la “politica religiosa” del PCI ,le battaglie per i diritti civili negli anni 70.”

    Questo è un vecchio tema di discussione, dove si ritorna sempre sulle stesse posizioni.

    Personalmente, mi è praticamente ignota la sinistra di cui parlano Moi e Mirkhond.

    Molto sommariamente, conosco…

    1) un 95% di gente di sinistra che sa pochissimo di culture “non occidentali”

    2) un 5%, o meno, che ha una curiosità antropologica per altre culture, che potrebbe – sì, comprendere anche la capacità di dire che i sacrifici umani facevano parte di un contesto (come d’altronde anche l’Inquisizione aveva il suo contesto, mica era figlio della cattiveria); gente che magari ha girato l’Africa o l’Asia.

    Questa gente è “di sinistra” in genere in quanto critici del capitalismo, qualcuno è più o meno marxista, e ce ne sono parecchi in quell’isola minuscola che è la facoltà di lingue orientali.

    Non contano un fico secco, a parte la produzione di validi testi accademici pubblicati da case editrici sconosciute.

  64. mirkhond says:

    “un 5%, o meno, che ha una curiosità antropologica per altre culture, che potrebbe – sì, comprendere anche la capacità di dire che i sacrifici umani facevano parte di un contesto (come d’altronde anche l’Inquisizione aveva il suo contesto, mica era figlio della cattiveria); gente che magari ha girato l’Africa o l’Asia.”

    Per quel che mi riguarda, mi riferivo proprio a questa categoria, da me conosciuta all’università, e dunque composta da docenti universitari più il loro codazzo di studenti da centro sociale!
    Non so quanti di loro avessero girato il mondo. So però che erano degli odiatori di tutto quanto fosse cattolico e SOLO cattolico….

  65. Per quanto riguarda il 95% delle persone di sinistra che ignorano l’esistenza di culture non occidentali…

    Esiste una gran parte di amministratori locali, sindacalisti, funzionari e affini che hanno a volte un occhio per “l’integrazione”, cioè questioni come corsi d’italiano per stranieri, perché diventino “cittadini”, al massimo la “cena multietnica” ecc. Che abbiano anche una religione è, per loro, un fatto privato di cui non si occupano, anche se trovano un po’ buffo il fatto che le donne portino il velo o che non mangino il maiale, pazienza…

    Poi conosco una minoranza di gente che “ce l’ha con i preti” in generale, e considerano gli imam – di cui sanno comunque pochissimo – preti particolarmente antipatici. In teoria considerano gli “arabi” persone come noi, peccato che hanno i dittatori, sono fanatici, trattano male le donne, speriamo che scoprano i Valori della Democrazia.

    Dove sia la gente di cui fantastica Moi – e non solo lui – non saprei proprio.

  66. Per Mirkhond

    “Per quel che mi riguarda, mi riferivo proprio a questa categoria, da me conosciuta all’università, e dunque composta da docenti universitari più il loro codazzo di studenti da centro sociale!”

    Vabbe’, allora sono molto più numerosi e presenti in Italia i Testimoni di Geova. Ma MOLTO.

    Anche perché la grande maggioranza dei frequentatori di centri sociali (categoria enormemente variegata) se ne frega del resto del mondo. Al limite sono antirazzisti nel senso che hanno l’amico nero con cui fanno musica insieme.

    • mirkhond says:

      Io non so chi sia davvero Moi e che ambienti frequenti, e non conosco Bologna.
      Però ricordo bene gli anni dell’università e con questa gente c’era davvero da litigare per il loro fanatismo a senso unico….
      Coi Testimoni di Geova, ho avuto a che fare solo davanti alla porta di casa, oppure per strada, e che ho sempre gentilmente allontanato, in quanto non interessato a ciò che volevano dirmi….

  67. mirkhond says:

    “Poi conosco una minoranza di gente che “ce l’ha con i preti” in generale, e considerano gli imam – di cui sanno comunque pochissimo – preti particolarmente antipatici. In teoria considerano gli “arabi” persone come noi, peccato che hanno i dittatori, sono fanatici, trattano male le donne, speriamo che scoprano i Valori della Democrazia.”

    Anch’io ne ho conosciuti. Si trattava di gran parte dei miei alunni di 55-85 anni :), quando insegnavo all’università della terza età, nel 2003-2009.
    Gente che ce l’aveva con le guerre usane, che credeva all’autoattentato dell’11 settembre, ma guai a difendere la lotta “terroristica” palestinese negli anni successivi al 2001, oppure le ragioni dei Talebani!
    Però, erano soprattutto donne… :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>