Un movimento popolare in Oltrarno

Un post al volo…

Raccolgo le firme per una richiesta che riguarda il nostro rione.

C’è Sara, biondissima, mamma la prima volta a diciassette anni, contornata dai suoi figli, che sta insegnando loro come usare una bomboletta spray per fare uno striscione di solidarietà con i Bianchi del calcio storico. Sara firma.

Passo dal farmacista, gli spiego e in un attimo firma.

C’è Valeria, che è vissuta in Giappone, parla il giapponese e ha un marito giapponese. Firma.

C’è Massimo, con spiccato accento napoletano, mestiere incerto, che vive in una casa occupata in Via del Leone. Firma.

C’è Tamara, con i capelli tinti di un acceso biondo, il braccio con una colomba tatuata che indica lo spirito santo che scende sui calcianti, appunto sul rione di Santo Spirito. Firma.

C’è Dimitri, ingegnere elettronico e muratore moldavo, reduce da un ritiro spirituale sul Monte Athos. Firma.

C’è Elisa, albanese, che fa la donna delle pulizie. Firma.

C’è Marilyn, del Kenya, che lavora in un negozio. Firma.

C’è Caterina, valdese da generazioni, che lavora con gli anziani. Firma.

C’è Giorgio, architetto nato in Romagna. Firma.

C’è Salvatore, il panettiere nato a Napoli. Firma.

C’è Mario, tecnico di computer, che si vanta di aver votato in sequenza Berlusconi, Lega (lui calabrese)  e Grillo. Firma.

C’è Gino l’elettricista, nato e cresciuto nel rione. Firma.

C’è Riccardo, che l’anno scorso ha fatto vincere i Bianchi di San Frediano per la prima volta dopo 31 anni, al costo di un occhio nero. Firma.

Ecco, questo vorrei raccontare a chi mette tutto in ideologia, in schieramenti preconcetti…

Nonostante televisione, nonostante tutto quello che ci hanno imposto… si cammina per strada, ci si saluta, e con lo stesso gesto, ci si capisce sulle cose fondamentali, perché sono ovvie.

P.S. I nomi sono di fantasia, le persone sono molto reali. Se qualcuno degli interessati ci leggesse qui e desiderasse essere citato con il proprio vero nome, lo dica!

Print Friendly
This entry was posted in Il clan dei fiorentini, resistere sul territorio and tagged , , , . Bookmark the permalink.

104 Responses to Un movimento popolare in Oltrarno

  1. Pietro says:

    Bravo Miguel…
    L’ideologia deve tornare ad essere quello che e’… Una possibie fonte di ispirazione.
    Niente di piu’.

  2. Francesco says:

    Salutami Mario e digli che c’è uno di Milano che lo trova simpatico (ma gli toglierebbe il diritto di voto, potendo) (ma non può e lo sappiamo entrambi)

    C’ha mica un cugino tecnico di smartphone che opera su Milano? ;)

    Ciao

  3. daouda says:

    Sei tu che metti tutto in ideologia…FIRMA!!!! Siete complici senza rendervene conto.

    ( risata spassosa ma leggermente amara )

    Non dico , poi , che debbano esserci altri modi perché tutto dipende dal grado di ottusità che circonda tale realtà e ne condiziona le circostanze che devono sempre venir considerate.
    Ma ormai questa è un’umanità di pezzenti incapaci a fare VERA resistenza ed è singolare come alquanto logico che uno tra i migliori popoli del ceppo migliore dell’umanità, sia anche uno di quelli più frammentati e instupiditi.
    Corruptio optimi…

    • daouda says:

      Esempio : come le resistenze armate…l’uso di armi moderne e i procacciamenti vari di queste dimostrano ontologicamente che si arrichisce/fraternizza il proprio nemico per combatterlo. Situazione oggettivamente perdente.

  4. Per Daouda

    “FIRMA!!!! Siete complici senza rendervene conto.”

    Hai ragione… ma non si trattava delle solite firme da petizione, bensì di un documento ufficiale, con tanto di nome tecnico, da rivolgere al Comune.

    Avrei dovuto spiegare… E infatti ho cambiato la parola nel post da “petizione”, che sa di Avaaz, a “richiesta”.

    • daouda says:

      peggiorate la tua situazione in realtà. Com’era la frase di Junger…

      “Lunghi periodi di pace favoriscono la convinzione che l’inviolabilità del domicilio si fondi sulla Costituzione, che di essa si farebbe garante.
      In realtà l’inviolabilità del domicilio si fonda sul capofamiglia che, attorniato dai suoi figli, si presenta sulla porta di casa brandendo la scure. ”

      Ma in realtà il discorso è proprio ontologico-logico. Più la richiesta è ufficiale, più si dà per scontato che Loro sono la fonte dell’ufficialità ed hanno diritto di esprimersi su cose su cui non dovrebbero invece metter bocca affatto , quindi si perderà senza se e senza ma infondo infatti la vostra aggregazione multiculturale è già un colpo al cuore della “fiorentinità” e della sua conservazione, come vedi il germe era piantato e quando faranno di Firenze un museo all’area aperta, risparmiando quel che verrà risparmiato ovunque esso sarà , sarà sempre al prezzo della privatizzazione di cui parlavi nell’altro post.Riutilizzo irrealtato della storia, stile cinema.

      Viene da chiedersi perché resistere? No, perché resistere è sempre bene, ma bisogna sapere che si cerca solo di compiacere il proprio narcisismo poiché in realtà chi resiste per davvero muore, e deve morire, così vuole il copione.

      Neanche i combattenti , come avevo scritto, per le cause di liberazione nazionale possono essere esentati dalla macchia ontologica dell’utilizzo delle armi prodotte da coloro che li combattono, peggio ancora se si dichiarano socialisiti giacché fanno del capitalismo al riguardo ( contraddizione che un marxiano risolverebbe facilmente nella sua ignobiltà morale e stupidità mentale, sappiamo come ).

      • daouda says:

        Non voglio certo venir a rompere le palle a chi si fà il mazzo per il suo rione, che già merita tutto il rispetto di questo mondo, e che ha una chiara cognizione di quel che s’ha da fare inerentemente al suo proprio ambito. Ovviamente si dovrebbe scegliere sempre di più la via metaforica del martirio in modo direttamente proporzionale alla propria consapevolezza.

  5. Rock & Troll says:

    Miguel, parlaci anche delle firme che gli egiziani hanno raccolto contro il tuo amichetto fascioislamico Morsi, parlaci del movimento popolare che l’altro giorno in Egitto ha messo a ferro e fuoco la sede dei tuoi amichetti antisemiti Fratelli Musulmani…
    AH AH AH AH AH!
    I fascioislamici non riescono a governare nemmeno quando il potere lo prendono tramite le elezioni (e non tramite il terrorismo come loro solito).

    • Tortuga says:

      Dai Rock, 8 post consecutivi escluso quello sulla Hack, che non parlano di questioni islamiche o mediorientali, è un evento che non sottovaluterei.
      Se Miguel continua così forse prima o poi ce la fa a togliere anche le velate :-)

  6. Per Rock & Troll

    ” il tuo amichetto fascioislamico Morsi,”

    Dov’ì che ho espresso simpatie per Morsi? Che tra l’altro, è amico tuo e del tuo amico Erdogan sulla questione siriana. Per cui, dietrofront, e difendilo!

    • daouda says:

      oltre ad essere amico dei neo-con tra l’altro…

      • Francesco says:

        ma non era amico di Obama, l’uomo che ha scalzato i neocon dal potere?

        vabbè, scommetto su una rimonta salafita (non fratelli musulmani) tra pochi mesi

        Miguel, come vorrei che tu (e la CDO) aveste ragione sulle cose fondamentale che sono, alla fine, ovvie. Per ora mi limito a schierarmi con voi sulla fiducia.

        Ciao

        • daouda says:

          Neo con ed Obama sono la stessa medaglia.

          Ma gli affari i FM li fanno più con i neo-con

        • Z. says:

          Ehm… la CDO sarebbe?

          La Comunità dell’Oltrarno? la Confraternita dell’Odio? o magari il Clan degli Orientalisti?

          Ci sono: è la Consorteria Distruttori dell’Occidente :D

        • Francesco says:

          Compagnia Delle Opere

          ma non leggi l’Unità o il Fatto quotidiano?

          sono gli eredi della SPECTRE e tramano ogni giorno per distruggere l’Italia

          ;)

  7. Moi says:

    Vedo che “Riccardo” è stato compagno :) di squadra del controverso (già lo “conoscete”) Matteo Minonzio … però pare che il Comitato AntiRazzista e il PCL (“Partito Comuista dei Lavoratori”, anche se lo votano solo degli Studenti !) di Firenze abbiano convinto a suo tempo (va be’ comunque quest’anno) abbia esercitato pressioni “in alto” per impedire a Minonzio di giocare la finale, in nome dell’ AntiRazzismo e in ossequio alla Resistenza; credo che in fin dei conti _ se così è andata !_ sia stato meglio così.

    http://1.bp.blogspot.com/-esg4MD2Z34Q/T-uCbTMMA8I/AAAAAAAADEg/8-o_8RCq9-o/s1600/minonzio2.JPG

    Impossibile dargli un’occhiata senza farsi venire dubbi Lombrosiani, anche se si sa già che NON era vera scienza ! ;)

  8. nic says:

    e quale sarebbe la richiesta che mette tutti d’accordo nel rione?

    • R&T presidente d’Egitto.
      La fantasia al potere!

      • Pietro says:

        A proposito d’Egitto. Si potrebbe pensare ad un segno dell’allineamento italiano al “terzo mondo” (finalmente basta mito italia = europa) con un parallelismo tra magistratura ed esercito nell’opera di “contenimento” del potere?

        • Francesco says:

          Beh, no, direi che la magistratura è più intermedia tra i Fratelli (voglio il potere) e i Salafiti (bruci il mondo se non è come dico io)

          Purtroppo in Italia non esiste un potere che si contrapponga alla magistratura (a FIAT hanno dato un’altra scusa per andarsene)

          Moriremo di fame discutendo del sesso dei giudici! Evviva evviva!

  9. furio detti says:

    Firmerei pure io anche se non vivo da voi!

  10. Pietro says:

    @Francesco: non ti conosco. Politicamente mi fai venire i birividi. Il dramma e’ che sembri in buona fede…

    • Francesco says:

      convintissimo delle mie posizioni, a prescindere dal Silvio nazionale e dai suoi periodici

      ero già sospettoso negli anni ’80

      tu a chi pensi, quando parli di “potere da contenere”?

      • Pietro says:

        Bella domanda Francesco. Penso ad un potere detenuto da affaristi (anche conto terzi) o comunque non finalizzato al bene comune (o comunque un bene superiore al singolo individuo).

        • Francesco says:

          gli affaristi sono una rovina ma non quanto quelli che hanno una certa idea di “bene superiore al singolo individuo”

          non sono del tutto un anarchico ma più invecchio e più mi avvicino

        • PinoMamet says:

          Stavo per chiederti quale fosse la “certa idea”, ma non c’è bisogno Francè, lascia perdere.
          Ormai ti conosco abbastanza per sapere che si tratta, semplicemente, di ogni e qualunque idea di bene comune.

          Faresti venire i brividi anche a me, ma sono un ottimista e ritengo che il vostro momento storico sia ormai passato.

        • Francesco says:

          x Pino

          caro il mio fraterno amico, non lascerei mai a voi compagni il monopolio dell’idea di Bene comune, che è termine clericale e quindi saldamente in mano a chi può più di me

          il momento storico del neoliberismo è sicuramente passato ma la libertà è un elemento non eliminabile dell’uomo, torneremo

          PS prova a nominare 10 persone spregevoli, vedi quante avevano un “bene comune” da proporre e imporre. non credo sia un caso

          ;)

        • PinoMamet says:

          Francesco, carissimo

          io odio gli idealisti quanto te, ma proprio perché il bene comune è anche una roba abbastanza cattolica (tra gli altri) che mi stupisco sempre di quanto accanimento usi contro di essa.
          Nelle discussioni teoriche e nei bisticci da blog: ché poi la vita vera è un’altra cosa, e so bene che non vai in giro ad affamare la gente per il tuo tornaconto ;)
          mai avuto dubbi sulla tua moralità, ecco; tutto il contrario.

          Solo, mi auguro che un bel giorno uscirai dalla perfida setta :D

          ciao!! :)

        • daouda says:

          Si Pino ma bene comune e bene collettivo sono proprio due concezioni antitetiche, opposte, prive di raffrontabilità.Sappilo.

        • Francesco says:

          potrei quasi pensare di aver capito e di essere d’accordo con daouda

          il Bene comune è comune a più persone, il Bene collettivo passa sopra e oltre le teste delle persone per realizzare qualche ideologia o altra idiozia

          qui, caro Pino, o si fa confusione o si propende per il secondo concetto

          chiaro che mi oppongo!

          ciao

          PS sempre avuto dubbi, sulla mia intelligenza come sulla mia moralità. ma questo sono e questo ho, per campare, finchè campo

        • daouda says:

          Veramente è tutto l’inverso e quindi la critica di Pino rimane fondata.

          La proprietà collettiva è un’estensione della proprietà singolare. Possiamo chiamarle proprietà pubblica e proprietà privata ( perquanto tecnicamente la proprietà pubblica in REGIME democratico è contraddittoria ).

          Il bene comune è invece quello che sta oltre, avulso da ogni concetto di proprietà, comune a tutti indistintamente laddove la proprietà collettiva si riferisce sempre e solo ad una determinazione di un’insieme di individui o gruppi.

          La natura ad esempio è un bene comune. L’ospedale secondo l’ordinamento giuridico attuale è una qualche sorta di proprietà collettiva quantunque il collasso di tali realtà sia anche determinato dalla vaghezza di tale concetto e dall’assenza di un vero referente concreto. Di certo un ospedale non è un bene comune.

          Il fatto che un bene collettivo passi sopra più persone è un guardare fallacemente la realtà. In verità alcune persone GIOVANO di tale situazione ed usano una determinata confusione per imporre il loro tornaconto sulle spalle altrui, ma la proprietà collettiva è in realtà un’associazione.
          Il problema è la forma democratica di tale proprietà che confonde tutto, anzi, giunge addirittura a frammischiare i concetti di bene comune e proprietà collettiva come se fossero un tutt’uno, danneggiando i beni comuni poiché li sfrutta ad uso di una determinata cerchia laddove essi dovrebbero sussistere per tutti, e facendo leva sulla confusione giuridica della forma di attuazione del possesso di ciò che è collettivo per imporre la propria volontà nascondendosi dietro una comunione dei beni artefatta.

        • Francesco says:

          scusi, buon uomo, a parte “la Natura”, quale altre bene comune Ella riconosce come esistente?

          e comune all’umanità intiera e indivisa o a quale di essa frazione?

        • daouda says:

          a parte la natura credo nessuno, bene comune perché è da conservarsi .Un edificio, una struttura, un servizio, può invece essere o pubblico/collettivo o privato/singolare ma non può chiamarsi bene comune appioppandoci la sbobba dei dirittiumanisti inventati

  11. aleksis says:

    Miguel, dove si può leggere questa vostra richiesta? E’ una cosa che riguarda solo i residenti in Oltrarno?

  12. nic says:

    C’è Pietro, che non gli piace l’ideologia. Posta.

    C’è Francesco, milanese, che ha problemi con lo smartphone. Posta.

    C’è daouda, che ce l’ha con la firma, i neo-cons, i marxiani, i falsi resistenti, i resistenti armati, le aggregazioni multiculturali. Posta

    C’è Rock & Troll, identità incerta. Ce l’ha con i fratelli musulmani egiziani. Posta

    C’è Tortuga, buddista, che ce l’ha con Miguel perché ci piacciono velate. Posta

    C’è Moi, che non si sa mai che cazzo dice ma lo dice bene e ci mette sempre un link. Posta.

    C’è furio detti, che firmerebbe ma non vive da voi. Posta.

    E finalmente c’è aleksis che vorrebbe sapere qual’è la Richiesta da cui nasce un movimento popolare.

    Ecco, questo vorrei raccontare a chi mette tutto in ideologia, in schieramenti preconcetti… Posta!

  13. Peucezio says:

    Miguel,
    tu che ci sei vissuto, ti sei formato una qualche opinione o impressione sul golpe in Egitto di queste ore?

    • Mauricius Tarvisii says:

      Ma no, non chiamarlo golpe: nella neolingua si dice “rimozione di un governo che ha tradito la volontà popolare ed esercitava una dittatura della maggioranza” (cit.).

      • Z. says:

        Riguardo lo stato di tensione che ha portato al golp…ehm, alla redistribuzione democratica delle cariche in Egitto sotto la supervisione delle forze armate, ho trovato interessante questo articolo:

        http://blog.mondediplo.net/2013-07-03-Egypte-l-armee-et-le-peuple-unis

        Personalmente devo dire che quel che mi ha colpito di più è stato il fatto che, per non pochi manifestanti, la ressa del corteo sia stata vista innanzi tutto come un’occasione propizia per stuprare donne e passarla liscia. Non ricordo che sia mai accaduta in passato una cosa simile in circostanze analoghe.

        • izzaldin says:

          E’ invece tipico di ogni “rivoluzione” avere un lato carnevalesco di rovesciamento della normalità, un tempo in cui tutto è permesso.
          Abbattere le statue dei padri della patria, bruciare archivi e, perché no, dare sfogo alla propria sessualità repressa.
          saluti,
          izzaldin

        • Z. says:

          Non parlavo in generale di “lati carnevaleschi”, parlavo proprio di stupri di massa durante i cortei.

    • daouda says:

      il “salamelik” qui di lato linkato.

      • Moi says:

        *** @ Daouda ***

        ?!?!

        Comunque se, si parla dell’ Egitto, “Salamelik” di Sherif ElSebaie ha messo in guardia fin da subito dalla cocente delusione delle “Primavere Arabe” … e la Primavera Italiana, ci sarà mai ? Oramai il cliché giornalistico dell’ “Autunno Caldo” [sic] non convince più nessun “Meteorologo delle Rivoluzioni” ;-)

        Il controverso Gino Strada ha definito, non senza un certo ( a mio avviso meritato) spregio, i Politologi come i “Bernacca delle Bombe” [sic]

        _____________

        @ PINO

        Parli di Lisa Signorile ? Lei parlava della “Sacculina”, mi sembra; in ogni caso, tra gli insetti depositare le proprie uova nel corpo di un altra specie e poi le larve se lo magnano da dentro è una prassi non rarissima e osservata già da tempo.

        E’ il Funghetto Zombizza-Insetti ;) che dev’essere una scoperta
        recentissima che forse la Signorile non conosceva ancora quando pubblicato il suo primo libro, con gli esempi più paradossali del blog.

        Personalmente, i discorsi Dio Architetto o Dio Orologiaio o Dio Ciappinista ;) ; Cieco o Sordo o “Stralancato” ;) … mi sembarno sempre un po’ avventati. ;)

  14. maria says:

    Personalmente devo dire che quel che mi ha colpito di più è stato il fatto che, per non pochi manifestanti, la ressa del corteo sia stata vista innanzi tutto come un’occasione propizia per stuprare donne e passarla liscia. Non ricordo che sia mai accaduta in passato una cosa simile in circostanze analoghe.

    maria
    abbiamo visto delle scene orribili, sconvolgenti, ridicola e miserabile poi la lettura che vorrebbe individuare nell’uno o nell’altro schieramento la parte colpevole, quella folla di maschi era indifferenziata credo riguardo a questo… bestie

  15. Moi says:

    @ PINO

    “Italo” è senza ombra di dubbio un nome del cazzo per un treno, concordo … però penso che “Eataly” [sic] per il circuito gastronomico sia peggio, personalmente lo trovo ancor più (!) irritante !

    @ LISA

    Trovo che “Gian Paolo” [sic, due maiuscole, con “N” distaccata] sia molto più elegante dell’ ipercorrettismo Toscano “Giampaolo” … ma peggio di espressioni tipo “d’ Immondo” [sic] per “del Mondo” non mi viene in mente nulla. Comunque “da Noi” è diffusissima la prassi della parola dialettale italianizzata, tipo “al rossch” / “il rusco” ;)

  16. Moi says:

    Cercando qualcosa sulle paranoie antisioniste delle Zombie Apocalypses, ho trovato qualcos’altro indubbiamente interessante … ma che trovo non poco inquietante.

    Che “esistessero davvero” gli xenomorfi di Alien già lo sapevo da anni, ma gli zombie (!) cazzarola speravo di no !

    Nel senso che ci potrebbero essere davvero (!) premesse da Scienziato Pazzo Dozzinale tipo “The Asylum” e relativa … “Hybris” !

    http://www.galileonet.it/articles/4dd0c69d72b7ab1d6e00015b

    http://www.ditadifulmine.net/2009/07/la-formica-di-fuoco-e-una-formica-di.html

    Forse Lisa Paniscus sapeva già tutto, pur non essendo né entomologa né micologa !

    • PinoMamet says:

      Ricordo di aver letto qualcosa del genere (forse proprio gli stessi due esempi, più qualcun altro) sul blog dell’Orologiaio Miope.

      ciao!

  17. maria says:

    Abbattere le statue dei padri della patria, bruciare archivi e, perché no, dare sfogo alla propria sessualità repressa

    maria
    perché no Izzaldin? semplice perché quelle ragazze non erano dei contenitori a disposizione di giovani rivoluzionari repressi, senza contare che ogni civiltà o comportamento individuale ha necessariamente in sé forme di autocontrollo magari non facili da sopportare…
    Se avessero fatto a te quello che hanno fatto a quelle donne cosa diresti?
    Quegli stupri di massa sono particolarmente ignobili , lo so avvengono sempre in guerra e in situazione di sommovimenti sociali violenti ma perlomeno cristo santo che non vengano “giustificati”

    • izzaldin says:

      @maria

      io forse mi sono espresso male.
      “carnevalesco” nel senso bachtiniano di “tempo dove tutto è lecito”.
      è ovvio che lo stupro è quanto di più orrido si possa fare a un essere umano, cosa credi, che io giustifichi gli stupri? assolutamente no! mi dispiace di essermi espresso in maniera ambigua, ma non era mia intenzione!
      però quando c’è un evento così totalizzante per la vita di una comunità è normale che, oltre a decine d imorti, ci siano anche stupri.
      la cosa non mi stupisce, ma ciò non toglie che si tratti di atti umani aberranti e odiosi.
      spero di essermi spiegato meglio ora!
      saluti,
      izzaldin.

      • maria says:

        izzaldin,
        anch’io credo di essermi espressa male nei tuoi confronti, adesso è tutto chiaro
        a rileggersi:-))

  18. Pietro says:

    @Maria e anche Z.: Significativo come abbiate messo giudizi di valore per rispondere alle parole di Izzaldin, che certo non giustificava gli stupri. Triste vedere come persone intelligenti abbiamo dei limiti nel mettere in discussione quello in cui credono. Z. molto semplicemente e pacatamente vede il “rovesciamento dei valori” di Izzaldin talmente lontano dalle sue categorie da non poterlo comparare agli stupri. E siamo nel caso del sincero democratico che reagisce dicendo “no no, non puo’ essere vero e comunque non e’ giusto”, tipico delle classi medie brave persone che di fatto sostengono stati di cose esistenti in nome del “non e’ giusto”. Generalmente con queste persone si litiga sul tema immigrazione.
    Maria invece sinistra forcaiola che parte in quarta mettendo i suoi ideali lancia in resta nemmeno ascoltando l’altro cosa dice. Classi di solito piu’ popolari che medie. Queste persone vivono la messa in discussione dei valori come un fatto personale, il tracollo di una vita. Sono pronte ad uccidere pur di non far crollare il proprio orizzonte mentale. Hanno empre bisogno di sfogarsi e rivendicare diritti. Generalmente sono persone con le quali si litiga a proposito di femminismo e rapporto uomo/donna, e spesso tutto cio’ nasconde una frustrazione piu’ personale che politica.
    Ok adesso potete insultarmi, io ho fatto un’analisi del percepito (mio) nelle parole usate per le risposte a Izzaldin :D

    • Z. says:

      Ehm, io ho solo detto che non ho notizia di ripetuti stupri di gruppo già avvenuti in occasione di manifestazioni politiche di massa. Tutto qui.

      Certo non è cosa inusitata che ci sia chi approfitta di uno stato di disordine per soddisfare desideri di altra natura: ad esempio, lessi che tra gli sfollati per via di Katrina le violenze erano state numerose. Gli stupri di guerra, poi, sono eventi che ricorrono in molti – se non tutti o quasi – i conflitti armati.

      Ma è la prima volta che sento parlare di violenze sessuali di massa commesse in occasione di grandi manifestazioni politiche, e la cosa mi ha colpito molto (poi la mia cultura è limitata, sicché magari ci sono precedenti anche significativi, e io semplicemente non li conosco).

      • Pietro says:

        Grazie della risposta pacata Z. Io intendevo solo evidenziare come hai posto paletti nelle accezioni di “lati carnevaleschi”. Secondo me nel contesto posto da Izzaldin gli stupri di massa vi rientrano in pieno. Mi e’ solo sembrato di rivivere le discussioni infinite con la mamma della mia ragazza che ogni volta che si parla di velo islamico arriva a dire “non e’ giusto”. Io faccio l’analisi del perche’ esiste il velo e lei quando arriva ad un punto in cui le cose sono totalmente lontane dal suo vissuto dice “non e’ giusto”. Nella tua distinzione ho rivisto questo, e ti ho usato come modello per mostrare come esista un guado tra realta’ diverse e non sempre ci sono ponti (nel tuo caso accettare che gli stupri possano essere un “lato carnevalesco”.) Tutto qui :)

        • Z. says:

          La mia precisazione intendeva solo circoscrivere il campo a una cosa che non avevo mai visto accadere.

          Per azzardare non dico un’analisi, ma anche semplicemente un’ipotesi sul perché è accaduto, credo servirebbe qualcuno con una solida conoscenza della società e del costume egiziani. La mia impressione – da completo ignorante – è che alcuni signori abbiano deciso di sfruttare un’occasione non comune in cui l’anonimato della folla li proteggesse e in cui la polizia avesse altro a cui pensare.

          Ma è solo un’impressione da ignorante, appunto.

          Z.

          PS: Però secondo me se ti scusassi con Maria la Sanguinaria sarebbe una cosa ben fatta. Non è che piaccia a tutti sentirsi descrivere come fanatici pronti a sgozzare il prossimo, specie quando non è esattamente vero. E poi è impossibile restare arrabbiati con un panda :)

  19. maria says:

    Maria invece sinistra forcaiola che parte in quarta mettendo i suoi ideali lancia in resta nemmeno ascoltando l’altro cosa dice. Classi di solito piu’ popolari che medie. Queste persone vivono la messa in discussione dei valori come un fatto personale, il tracollo di una vita. Sono pronte ad uccidere pur di non far crollare il proprio orizzonte mentale.

    maria
    sinistra forcaiola, tracollo di una vita, pronti a uccidere… ma che ti prende?
    Io ho semplicemente contestato un commento e non ho affatto insultato izzaldin , che tra l’altro penso si sappia difendere da solo.

    Sono molto colpita dal tuo tono , dalle parole che usi, quelle sì insultanti, dallo psicologismo di bassa lega che hai usato alludendo a frustrazioni personali più che politiche….

    Ma la cosa che più mi ha ferito non sono le tue farneticazioni sulle mie intenzioni ma l’accusa di essere sinistra forcaiola, se c’è una cosa che io detesto è proprio la galera e il giustizialismo più o meno spicciolo che la invoca per qualsiasi cosa, comunque pensa quello che vuoi, non starò qui a spendere tante parole per convincerti del contrario.

    Ciao e stammi bene, senza smile però!

    • Pietro says:

      Potevi essere tu o la Minetti, ho analizzato delle parole. Se poi la prendi sul personale mi spiace, ma era solo un’autopsia. Dovresti invece pensare se cio’ che io ho percepito dalle tue parole corrisponde al vero o meno, penso sia l’unico modo per migliorarsi. Io personalmente ho sempre imparato molto di piu’ dagli insulti che dalle lodi, ma capisco che guardarsi lucidamente faccia soffrire. Rimango della mia opinione che in questo momento storico in cui la violenza torna ad avere un ruolo le brave persone fanno danni enormi in buona fede. Non c’era nulla di personale, ciao.

      • Mauricius Tarvisii says:

        Il problema è che secondo me Izzaldin è stato frainteso. La sua era una proposizione descrittiva, ma quel “perché no” l’ha fatta diventare una proposizione prescrittiva. E quindi dal campo vero/falso si è passati al campo giusto/sbagliato.
        Se Maria dice “questa cosa è sbagliata” e tu rispondi “questa cosa è vera”, allora parlate lingue diverse.

        • Pietro says:

          Esatto!!! Proprio che volevo sottolineare: l’invasione di campo. E ne ho approfittato per mostrare come, secondo me, lo sconfinamento nel campo dei valori e’ frequentissimo, e basta una virgola perche’ accada. Poi ho usato senza il loro consenso Z. e Maria per descrivere alcune delle dinamiche che portano a tale sconfinamento, sempre secondo me.

      • maria says:

        Senti non voglio insistere, ma non vedo cosa ci fosse di tanto sbagliato nelle mie parole da giustificare un commento così violento e dei giudizi così tranchant.

        Mi pare del tutto ovvio che le parole che mi hai rivolto, per me ,non sono per nulla fondate, ma vedo che continui nella tua lezioncina pedagogica con esempi o riferimenti ,scusami, abbastanza banali senza peraltro spiegarmi quale danno enorme avrei fatto con le idee che ho espresso a caldo a proposito di stupri di massa.

        Tra l’altro è stata proprio l’espressione “perché no” che mi ha fatto per così dire scattare

        Comunque io la finisco qui e scusami se non sono pacata come Z.

        • Pietro says:

          Non volevo fare troppo casino, mi spiace che non riesci ad uscire dal personale. Acquisisco questa conversazione come un dato di laboratorio. Comunque tutte le domande che poni hanno le risposte scritte sopra, basta leggere. Ciao :)

  20. habsburgicus says:

    mia opinione, del tutto personale, sull’Egitto…
    innanzitutto premetto che non sono un esperto dell’Egitto né dei Fratelli Musulmani dunque mi rimetto, nel dettaglio, a chi conosce più a fondo di me la questione…
    riterrei, al momento (ma la situazione è fluida), che il golpe sia stato “voluto”, o quantomeno appoggiato dagli ambienti USA più o meno apertamente anti-Obama….é noto che la politica “vicino-orientale” di Obama, tesa a recuperare, ad maiorem Americae gloriam, anche esponenti islamici talora piuttosto radicali (nihil novi sub sole..gli USA lo fanno da decenni, Afghanistan anni ’80 docet..e il fanatismo reazionario islamico fu già utilizzato in Iran contro Mossadeq, nel 1953) non piaceva a molti circoli dell’establishment e non piaceva a Israele…per il vicino nord-orientale molto meglio un corrotto regime militare che se ne fotte (scusate la parola !) dei palestinesi, piuttosto che un regime filo-islamico finanziatore e protettore di Hamas !
    misterioso è l’atteggiamento saudita…Riyadh pare aver ben visto il golpe forse per antiche ruggini tra Fratelli Musulmani e wahhabiti (inoltre più vicini ideologicamente ai sauditi sono i salafiti, che rischiano tuttavia sempre di finire fuori controllo)…però stiamo attenti..in Vicino Oriente le dichiarazioni ufficiali contano poco o nulla così come i baci e gli abbracci ai vertici della Lega Araba !
    esulta per il golpe (comprensibilmente) Assad ma non ha alcun modo di interagire nel dibattito politico egiziano né il nuovo regime potrà abbandonare la posizione ufficiale anti-Assad (USA e Israele non lo permetterebbero)
    vi è quindi grande confusione sotto il cielo, e dunque, se il Grande Timoniere ha ragione, la situazione è eccellente :D…forse però le vittime egiziane sono di diverso parere e dunque Mao sbagliava.. .ma vaglielo a dire al PMLI !!!!!

  21. habsburgicus says:

    tuttavia, in questa (discutibilissima) ipotesi, Obama, sotto pressione, all’ultimo avrebbe dato la sua acquiescenza, dunque il golpe non sarebbe stato fatto A SUA INSAPUTA né CONTRO DI LUI, almeno per la forma

  22. Roberto says:

    Però hasburgicus pure per il primo golpe erano sospettati gli usa ;-)

    • habsburgicus says:

      gli USA non sono monolitici :D

    • roberto says:

      su questo credo che siamo d’accordo, solo che tu ne tiri la conseguenza che sono sempre colpevoli (si lo so, adesso dirai, con un pizzichino* di ragione, che per me sono sempre innocenti :-) )

      la verità sta sicuramente nel mezzo

      ciao

      *nun t’allargà, ho detto un pizzichino :-)

  23. Tortuga says:

    >… forse però le vittime egiziane sono di diverso parere e dunque Mao sbagliava.. .ma vaglielo a dire al PMLI

    Haburgicus, mi si è intornicinato il cervello, giuro, non riesco più a sbrogliarlo.
    In attesa che Miki rinuncia alle velate e le sostituisca con il bel banner fiorentino che gli ho proposto tempo fa … ( ;-) so che la cosa lo un po’ inc… e quindi mi diverte anche di più), ma come si fa a parlare di queste cose islamiche, tipo egitto e fratelli musulmani senza Ritvan?

    Io ogni tanto vengo, e spero di trovare Ritvan, ma non lo vedo ricomparire mai.
    Ritty fa questo effetto, è talmente ingombrante che quando c’è non lo sopporti più, ma dunque se scompare viene a lasciare un vuoto e ti manca.

    Adesso però comincio ad essere preoccupata. E’ passato troppo tempo da quando non dà cenni di vita, eppure la sua puntualità era proverbiale: io venivo sul blog praticamente ad orario a trovare le sue risposte.

    Gli avrà fatto visita la Digos? Non gli avranno rinnovato il permesso di soggiorno? Lo avrà azzannato un canarino domestico? Gli si è bucato il gommone durante la gita? Lo hanno nominato Presidente della Repubblica di Albania? Improvvisamente ha vinto una borsa di studio per diventare medico anziché veterinario? I’ha menato su moje?!

    Una cosa che odio delle telematica è questa: una persona è lì tutti i giorni ma poi se scompare, e porca paletta, ciò deve essere trovato naturale.

    Troppi litigi per non domandarmi di Ritvan: che Allah non mi privi del mio miglior nemico! Non deve accadergli nulla di male.

    Dai, fra il lusco e il brusco, lo scherzo e il lazzo, il vero e un po’ di illusione, ma, scherzi a parte, non gli si può scrivere? Porca Paletta?!

    Non c’è spiegazione plausibile per la sua scomparsa.

    • daouda says:

      A propisito di digossini e cose del genere, caro Miguel il tuo blog a me è visibile solo con browser cambia IP altrimenti nisba, mi dà pagina bianca o caricamento impossibile…

    • roberto says:

      ieri il blog era scomparso

      (lo dico solo perché a vedere la pagina bianca ho avuto bava alla bocca, tremori e sudori freddi, brutto segno vero?)

      • Francesco says:

        confermo tutto, solo che invece che alla Digos ho pensato “Miguel è in giro a sollevare il quartiere contro Renzi e gli è scaduto il blog!”

        :D

        bentornato e benritrovati, Ritvan torna!

      • PinoMamet says:

        Sì, ieri digitando kelebekler blog venivo reindirizzato a qualcosa che cominciava con “http://ww2″ o roba del genere.
        Ho ipotizzato un tentativo di hackeramento, ma non me ne intendo.

    • Tortuga says:

      >a vedere la pagina bianca ho avuto bava alla bocca, tremori e sudori freddi

      Ammazzaòh Robbè?! Ti fa proprio un brutto effetto sto blog! :D

      La piattaforma e il server cui il blog si appoggia ogni tanto fanno “manutenzione”, succede abbastanza regolarmente che kelebek vada fuori linea per qualche ora.

    • Tortuga says:

      >Ritvan torna! (Francesco)

      Mi sa che il problema è che non lurka neanche più.
      Con tutte le volte che è stato nominato, se avesse letto, ti pare che avrebbe resistito a non intervenire?
      Lo sai come è fatto lui che deve avere sempre l’ultima parola e non resiste … ecco perché sono preoccupata.
      Bigna (abbrev. di bi(so)gna, idioma laziale) che Miguel gli scriva!

      • PinoMamet says:

        Avevo ipotizzato anche io che si fosse semplicemente stancato di commentare.
        A me è successo, mille anni fa, su un paio di blog, e ormai frequento solo questo e do un’occhiata anche a Paniscus, e stop.

        Però può essere che Francesco abbia contatti più diretti con Ritvan e si siano smessaggiati via e-mail o altro…

        “bigna” lo conoscevo, da ‘ste parti si usa(va), ma solo in dialetto, non in italiano regionale, “merèss” o “merìss”, che, anche se ricostruito come un condizionale di un verbo inesistente (“-iss” è la desinenza del condizionale del dialetto di qua) penso abbia all’origine lo spagnolo “merece”.
        Il dialetto locale infatti ha mantenuto alcuni ispanismi.

        • Tortuga says:

          > stancato di commentare

          Chi? Ritvan? Naaaa! Adesso Miguel gli scrive:
          “Ritvan vieni che ti cerca la carapaciuta” e vedrai che torna.

          :D :D :D :D :D :D

      • Tortuga says:

        Miguel! Scrivi a Ritti, dai, tu ce l’hai l’email.

      • maria says:

        Ritvan non è tipo da stancarsi, mi chiedo anch’io cosa possa essere successo….

        Ma una cosa è certa, per qualche motivo non deve avere accesso al pc altrimenti avrebbe scritto, escluderei il lurkare silenzioso, non è da lui:-)

        • habsburgicus says:

          anche Mirkhond è sparito, ormai da oltre 10 gg, purtroppo..
          e da qualche giorno latitano pure Peucezio e Andrea Di Vita :D altri abbandoni ? :D speriamo di no !

        • PinoMamet says:

          Ma no, è che questo blog è anche un refugium pecatorum di fancazzisti ;) , si riempie nei periodi lavorativi, si svuota sempre e sotto le feste e d’estate!
          Ormai lo so ;)

        • mirkhond says:

          E’ sparito per andare a rompersi i coglioni a Fiuggi….
          Da depressione…..

        • PinoMamet says:

          Bentornato Mirkhond!!
          :)

        • Andrea Di Vita says:

          Per Habsburgicus

          No, no, io ci sono sempre a lurkare. Il punto e’ che in qeste ultime settimane ho avuto davvero pochissimo tempo libero.

          Ciao!

          Andrea Di Vita

  24. PinoMamet says:

    Gente,
    mi dice Miguel via mail che il blog rimase inagibile causa scadenza; Miguel è riuscito poi a farlo ripartire, ma, per qualche motivo ignoto o di difficile spiegazione tecnica, non riusciva ad accedervi, neppure quando noi stavamo già commentando tranquillamente.
    Si è anzi accorto che il blog fosse di nuovo “aperto” proprio ricevendo i nostri commenti, in copia, via mail.
    Il problema sarà risolto domani, nel frattempo vi raccomando (io, non lui) di fare poco casino! ;)

    • Tortuga says:

      Vuoi dire, in poche parole che Miguel si era dimenticato che gli scadeva il blog?
      :D Incredibile.
      Eh, l’età che avanza!

      • Pietro says:

        E’ successo anche al blog dove scrivo. Quando si fanno aggiornamenti poi devi entrare con le password d’amministratore direttamente dalla piattaforma del server. Per capire sta cosa con Asia blog ci abbiamo messo ore :)

  25. Sono qui!

    Stamattina si è aperto anche a me!

  26. Francesco says:

    x Pino

    riprendendo l’ultimo paio di post del precedente thread, il problema non sono solo (nè tanto) i manager quanto i politici “di riferimento”, i sindacalisti interni, i sindaci beneficiari di dette entità “non solo economiche”

    penso alle società municipali di servizi: che siano quasi sempre dei disastri di gestione pessima, con troppo personale poco lavorante, che forniscono servizi di qualità modesta, con referenti politici che pesano molto più degli scopi istituzionali, con ricchezza di sindacati interni e sindacalisti ammanicati, con un’organizzazione del personale pensata solo a beneficio interno …. è ormai luogo comune

    al Nord funzionicchiano, al Centro e al Sud mi pare di no.

    eppure mai nessuno è capace di fare chiarezza e al riguardo ci sono le usuali litanie (dalle tariffe basse all’evasione delle stesse, dai consulenti inutili ai parenti assunti, dalle dirigenze pletoriche ai sindacati onnipotenti, dalle meravigliose diatribe politiche che tutto bloccano alla mancanza cronica di investimenti

    vorrei fare di meglio

    • PinoMamet says:

      ” il problema non sono solo (nè tanto) i manager quanto i politici “di riferimento”, i sindacalisti interni, i sindaci beneficiari di dette entità “non solo economiche””

      Mm, diciamo che giudico diversamente da te l’ordine di grandezza relativo dei due problemi (manager vs sindacati, per intenderci), ma cominciamo a intenderci ;)

      • Francesco says:

        mi pare che dove ci sia più mercato (Germania), ci siano anche migliori servizi per i cittadini

        e più trasparenza, che alla fine il mercato ha un prezzo, la politica può generare tutto il fumo che vuole per sempre

        inoltre il mercato è globale, la politica locale: il sindaco di Pietracannetta vive della tangente per riparare il buco nell’acquedotto o nelle strade, la Multinazionale Bieca deve difendere la propria immagine che ha un valore assai rilevante e spendibile in tutte le Pietrecannetta del pianeta

        a occhio e croce, mai diretto multinazionali, finora

        • PinoMamet says:

          Neanche io, conobbi e conosco persone che ci lavorano, sì (e me ne dicono le proverbiali peste e corna) ma nessuna che la diriga, purtroppo.

          Mi pare che la Multinazionale Bieca possa spendere un bel po’ per ripulire la propria immagine, e che la pratica sia anzi comunissima, mentre il sindaco di Roccacannetta, se non arriva la tangentina, vabbè, tornerà sul trattore.

        • Francesco says:

          la MB ha interesse a tenersi i 200.000 appalti, quindi non credo le convenga fregare per pochi spicci, cattiva pubblicità

          sennò i contratti vanno ad altra MB o a qualche CCN (cazzuto campione nazionale)

          il Sindachino deve sistemare cuggini e aaamiche, coi soldi si difende dagli avversari politici interni ed esterni e ripaga quelli che lo hanno fatto arrivare sin lì

          ciao

        • PinoMamet says:

          hai un’immagine, diciamo, un po’ idealizzata in positivo della MB, che secondo te agisce sempre come la Povera Piccola Impresa Italiana de na vorta…

          e un po’ idealizzata in negativo del sindaco, che per te agisce sempre come un leghista, o un mafioso che, nel caso in questione, è lo stesso.

          ciao!

  27. Pietro says:

    @Tortuga: se parli di Asia blog ci scrivo e basta, se parli del mio grazie :)

  28. Pietro says:

    @Maria: Grazie! :) Allora dovresti aver capito che quando parto con le analisi non mi fermo… Scusa per l’altro giorno. In questi giorni sul mio blog sto scrivendo tutto quello che mi passa per la testa, spero di fermarmi presto… :D

  29. mirkhond says:

    “Fratelli Musulmani”

    E i Fratelli CRISTIANI in Egitto?
    Come vivono la situazione?
    Dobbiamo aspettarci l’ennesima chiesa incendiata e nuove persecuzioni contro il solito capro espiatorio?

    • Andrea Di Vita says:

      Per mirkhond

      Un prete Copto l’hanno gia’ ammazzato mi sembra in Sinai. Quando scapperanno in massa vedremo se gli appelli papali all’accoglienza troveranno applicazione.

      Ciao!

      Andrea Di Vita

  30. mirkhond says:

    Il Papa predica il Verbo di Dio.
    Poi è cicchitto che governa….
    Comunque, se l’Egitto dovesse sprofondare nella guerra civile grazie a quel golpe antiMorsi, le cui motivazioni non mi sono per niente chiare, uno degli scenari plausibili sarebbe proprio l’esodo di milioni di egiziani nel Frangistan.
    Ma non solo cristiani.
    In tal caso il Frangistan potrebbe riempire i vuoti demografici causati dall’invecchiamento della sua popolazione, e dalla mancanza di ricambio generazionale indigeno….
    ciao!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>