E oggi che l’Europa è monoculturale

La famiglia Bossi marcia su Disneyland

Da una locandina di Novella 2000, la pubblicazione più significativa dei nostri tempi.

Print Friendly
This entry was posted in Cialtroni e gente strana, società dello spettacolo and tagged , , , . Bookmark the permalink.

18 Responses to E oggi che l’Europa è monoculturale

  1. Pietro says:

    Come sei ’80…
    Oggi c’e’ Cronaca Vera

  2. Guido says:

    Si tratta di normali relazioni politiche e diplomatiche: la famiglia di un leader (o si dice lader?) di una nazione immaginaria va in missione a stringere relazioni con un altro territorio inventato.
    Si dice che ci siano stati scambi proficui per entrambi le parti, anche se i personaggi di Walt Disney non potevano credere che esistesse davvero una popolazione “padana” se non nei deliri psichedelici di qualche fumettista underground.
    Una delegazione presieduta da Topolino, Pippo e Zio Paperone ha accolto i visitatori. La visita verrà presto ricambiata e si darà luogo al progetto di gemellaggio tra Gemonio e Paperopoli.

    • PinoMamet says:

      :)

    • Moi says:

      Qualcuno è stato al parco divertimenti “Le Village d’Astérix”, se ancora è in funzione ? Dovrebbe essere senz’altro più interessante di una roba come EuroDisney che scimmiotta gli USA !

  3. Per Pietro

    “Oggi c’e’ Cronaca Vera”

    Non sono affatto d’accordo.

    Cronaca Vera la ammiro da almeno un decennio. E’ una nicchia però molto più intelligente (e quindi socialmente insignificante) di Novella 2000.

  4. Pietro says:

    Per Miguel
    Grazie per avermi ricacciato nel mio angolo di intellettuale disadattato :D

    • Peucezio says:

      A proposito di intellettuali disadattati, quand’è che ci ritoviamo a Firenze tutti noi commentatori del blog?

      • necroclerico says:

        accolgo con piacere l’invito… basta chiedere!

        • Peucezio says:

          Io farei pure il prossimo fine settimana, se Miguel e gli altri possono… o quello successivo (dopo no, sono in partenza io).
          Da Milano a Firenze si va e si torna comodamente anche in giornata, per cui io non avrei problemi.

  5. mirkhond says:

    Oggi l’Europa è monoculturale, e di questa monocultura, almeno in questo blog, siamo in molti a soffrirne…
    E tuttavia, forse possiamo consolarci pensando che anche questa roba un giorno finirà, così come sono finiti grandi imperi e culture su cui non sarebbe mai dovuto tramontare il sole….

  6. Se volete organizzare un raduno di commentatori a Firenze, non c’è problema: basta che uno di voi lo organizzi :-)

    Non è mai facile mettere d’accordo tante persone, basterebbe organizzarsi con chi ci sta, fossero anche due o tre persone la prima volta.

    Tra l’altro è interessante come Firenze è sempre il luogo di incontri nazionali, politici, sindacali, ecc. per il fatto che si trova “al centro”, cioè a metà tra Milano e Roma. Da Roma in giù pare che non conti.

  7. Peucezio says:

    Facciamo così, facciamo una specie di votazione, chi preferisce il prossimo fine settimana (5-6 maggio) e chi quello dopo (12-13). Sappiate però che sabato 12 quasi certamente non posso.

  8. paniscus says:

    Organizzare roba del genere con meno di tre o quattro settimane di anticipo dovrebbe essere vietato per legge :)

    Lisa

  9. Moi says:

    Ora che “mi ci fate ricordare” : ogni tanto c’era qualche storiella dei “(Padani) Buoni” di Paperopoli VS i “(Terroni) Cattivi” :-) di Ocopoli !

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>