Una donna in niqab candidata alle elezioni presidenziali francesi

Giovedì prossimo alle 10, verrà ufficialmente annunciata la candidatura alla presidenza della Repubblica francese di una signora che indossa per libera scelta il niqab, il cosiddetto “velo integrale” islamico che copre anche il viso.

Porterà il titolo di Candidata della Libertà.

“Dall’11 aprile, giorno dell’applicazione della legge che vieta alle donne di portare liberamente il niqab per strada, 136 donne sono state fermate e condotte in un posto di polizia come dei delinquenti.

Cosa ancora più grave, sono state vittime di intimidazione e di violenza verbale e fisica i cui autori sono cittadini francesi che  si sostituiscono alla legge per farla applicare.

Per tutte le Cittadine della Libertà (niqab, tattuaggio o piercing, la stessa lotta!), non è accettabile continuare a vivere nella paura e l’intolleranza di questa Legge che viola il diritto europeo.”

Vi terremo aggiornati.

Print Friendly
This entry was posted in islam and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

34 Responses to Una donna in niqab candidata alle elezioni presidenziali francesi

  1. Pingback: Una donna in niqab candidata alle elezioni presidenziali francesi - Kelebek - Webpedia

  2. Francesco says:

    e perchè?

    nel senso, perchè mai tenerci aggiornati su questo tema e lasciar cadere quello parimenti rilevante della nuova valletta di Sanremo?

    stai sprecando i tuoi talenti, Miguel, e in un momento storico quanto mai favorevole a te

  3. Peucezio says:

    Vincerà sicuramente le presidenziali.

    • Ritvan says:

      —Vincerà sicuramente le presidenziali. Peucezio—
      Già. E poi scatenerà uno scandalo internazionale ogniqualvolta si rifiuterà di stringere la mano – rifiuto d’obbligo per la donzella niqabuta, cribbio! – ai suoi omologhi masculi stranieri durante incontri internazionali. E la Francia se la prenderà in quel posto, con gran goduria tua, immagino:-)…Non sarebbe il caso che tu andassi a fare campagna elettorale per lei, kamerata?:-)

      • Peucezio says:

        Non sono bravo ad attacchinare. Mi si scollano.

        • Ritvan says:

          —-Non sono bravo ad attacchinare. Mi si scollano. Peucezio—-

          :-):-)
          P.S. Constato con piacere che con questa battuta hai gentilmente declinato l’offerta di “gratuito patrocinio” del kompagno “avvocato” delirante (commento del
          15/09/2011 at 4:20 pm). Poveretto, davanti al Tribunale Del Popolo che giudicherà il perfido albanese per aver diffuso “Commenti sempre inutilmente polemici, provocatori, a tratti insultanti.” gli avrebbe fatto comodo addirittura un kamerata come “parte lesa”…

  4. Buleghin il vecio says:

    La xè meglio una seria donna in niqab che una troia tutta nuda come quelle che frequenta il vecio porcon presidente del consiglio ostaria! Per taser su “la première puttaine de france”!

    Poi chi ne capise veramente de tose sa che xè più ecitante imaginar cosa ghé xè soto piutosto che veder tuta la mercansia traballante subito!

    Più ghé putane (con tuto il rispeto per le profesioniste serie che non xè putane ma poarete che lavora) biote in giro più ghé culaton che cerca nuove emosion!

    • Francesco says:

      credo sia una bella lotta e che, come dicevano gli antichi romani, la virtù stia nel mezzo

      nè zoccole nè intabarrate

      sarà ben possibile non dover scegliere, vero?

  5. Ritvan says:

    —La xè meglio una seria donna in niqab che una troia tutta nuda come quelle che frequenta il vecio porcon presidente del consiglio ostaria! Buleghin il vecio—
    Caro Buleghin, ma una sana via di mezzo tra uno spaventapasseri e una troia tutta nuda non esiste per te? Perché vedi, come dici tu, “la xè meglio” (ma forse sarebbe meglio dire “la xè meno peggio”) un foruncolo sul culo piuttosto che un cancro ai polmoni, ma non per questo sarebbe opportuno andare in giro gridando “più forunculi sul culo per tutti!”:-)

    • Buleghin il vecio says:

      Benedeto Ritvan se vede che sei un giovan puteo! Che Dio te benedisa!

      Le nostre none le xera concia come “spaventapaseri” per non parlar de le suore catoliche che anca da giovani stava tute con il velo!

      Una volta una putea per entrar ne la Ciesa se copriva la crapa in segno de rispeto e gli uomini non ci entravano con i pantaloni corti de sicuro!

      Il Buleghin, che xè ateo convinto, pensa che valga sempre il principio de rispeto verso gli altri anca se ghà strani costumi religiosi basta che non magni i putei picoli come faceva i comunisti rusi o li bollisca in pentola come faceva i comunisti cinesi per coltivar i campi!

      • Ritvan says:

        —Benedeto Ritvan se vede che sei un giovan puteo! Buleghin il vecio—
        Magari, caro, magari…anche se non mi firmo “Ritvan il vecio”:-) non son più un giovanotto…purtroppo.

        —Che Dio te benedisa!—
        Detto da uno che si autodefinisce “ateo convinto” mi sa tanto di presa pei fondelli…guarda che farò ricorso al Tribunale Rivoluzionario Di Claudio Martini, Tribunale Competente in caso di “Commenti inutilmente polemici, provocatori, a tratti insultanti”, cribbio!:-)

        —Le nostre none le xera concia come “spaventapaseri” per non parlar de le suore catoliche che anca da giovani stava tute con il velo!—
        Ehmmmm…guarda caro che esistono delle cose mi pare chiamate “foto d’epoca”, in cui anche un “puteo” come il sottoscritto potrebbe vedere come erano conciate le vostre none. E non credo che il loro velo coprisse anche la faccia, lasciando una piccola fessura per gli occhi, come succede col niqab.

        —-Una volta una putea per entrar ne la Ciesa se copriva la crapa in segno de rispeto e gli uomini non ci entravano con i pantaloni corti de sicuro!—-
        Ogni “club” è giusto che abbia le sue regole per chi vuole entrarvi a far parte. E se l’imam pretendesse dalle putee (si scrive così?) musulmane di infilarsi in un sacco di farina:-) prima di entrare in moschea chi sono io per discutere i suoi pii:-) desideri? Però, qui stiamo parlando di SPAZI PUBBLICI COMUNI, ovvero strade, locali commerciali, perfino scuole e asili, non di chiese, conventi, moschee, sinagoghe, pagode (e chi più ne ha più ne metta).

        —-Il Buleghin, che xè ateo convinto, pensa che valga sempre il principio de rispeto verso gli altri anca se ghà strani costumi religiosi—
        Tale intenzione ti fa indubbiamente onore, però io pur essendo un “puteo”:-) ricordo che negli anni ’30 del secolo scorso in Albania fu emanato – dietro preventivo parere favorevole della Direzione della Comunità Musulmana, massimo organo di autogoverno religioso dei musulmani albanesi – un decreto governativo che vietava alle donne musulmane di coprirsi la faccia nei luoghi pubblici. Dici forse che anche la suddetta Direzione xavea (si scrive così?) poco rispeto per la PROPRIA religione??!!:-) E ultimamente anche dalla moschea di Al Azhar – che come tu ben saprai essendo “vecio”:-) è il più importante centro teologico del mondo islamico sunnita – è stato precisato che quello di coprirsi anche la faccia NON è una prescrizione dell’islam.

        —-basta che non magni i putei picoli come faceva i comunisti rusi o li bollisca in pentola come faceva i comunisti cinesi per coltivar i campi!—
        Ma come ti permetti di diffamare i Gloriosi Kompagni Del Kompagno Claudio Martini, “polemico, provocatorio e a tratti insultante” che non sei altro!:-)

        • Moi says:

          @ Ritvan

          Ma in Albania che tradizione di velatura femminile c’ è ?
          … Anche se la immagino “soft” tipo Italia pre68ina.

          @ Buleghin

          11 Novembre 1932 … il giorno in cui tutte le acquasantiere del Veneto evaporarono.

        • Ritvan says:

          —@ Ritvan
          Ma in Albania che tradizione di velatura femminile c’è ?
          ..Anche se la immagino “soft” tipo Italia pre68ina. Moi–

          Immagini bene. Nemmeno il delirio ateistico di Hoxha arrivò fino al punto da vietare alle donne anziane il velo in testa simile a quello delle vostre nonne. Però, come già detto, l’Albania (al 70% musulmana all’epoca) si sbarazzò fin dagli anni ’30 del secolo scorso del costume estremista/tribale (molto probabilmente “importato” da funzionari dell’Impero Ottomano provenienti da remote regioni in cui era in uso) di coprire anche la faccia delle donne musulmane.
          P.S. Ora, io capisco le pie:-) intenzioni degli “antimperialisti”, terzomondisti e progressisti vari nel difendere il niqab quando è scelta (più o meno) cosciente della donna. E capisco anche che un conto è quando un governo composto in prevalenza da musulmani proibisce tale indumento alle donne musulmane proprie connazionali e un altro è quando un governo composto da…Santanché varie:-) lo proibisce in genere alle “ospiti”. Però, ripeto, visto e considerato che il velo integrale – secondo i massimi teologi dell’islam – NON è un obbligo religioso e visto che – antropologicamente parlando – la società in cui viviamo si basa da tempo immemore sulla riconoscibilità facciale nei luoghi pubblici (per non parlare di bambini spaventati dall’ “uomo nero” o guardie di sicurezza delle banche in imbarazzo ecc.) io credo che il velo integrale debba essere vietato.

      • Peucezio says:

        Finalmente sei tornato all’idioma natio.
        Sì, però ammetterai che le nostre nonne e bisnonne, per quanto pudiche, mica si coprivano la faccia.

        • Yusuf Fab says:

          @ Ritvan: Tralasciando i tuoi commenti ignoranti sull’uso del niqab, che è una pratica islamica legittima, anzi in realtà raccomandata da tutti i Sapienti e da molti valutata necessaria…

          A chi vuoi prendere per i fondelli raccontandoci della “Comunità Musulmana” albanese degli anni ’30?
          Sappiamo bene che in molti paesi islamici dall’inizio ‘900 agli anni ’30 gli oppressori di ogni colore (Stalin, Ataturk, Shah Reza, come più tardi Hoxha e Tito, e via cantando) hanno represso l’Islam partendo dal velo integrale e altre pratiche “minori” (la scusa era appunto di non andare contro l’Islam in toto, ma solo contro alcune cose “eccessive”).
          Sappiamo anche bene quanto potessero valere certi pseudorappresentati islamici di regime, come valgono oggi… gente che se è per questo appendeva nelle moschee quadretti del tiranno di turno!

          In realtà ti sei “tradito” rivelando che in Albania il velo integrale era diffuso, come lo era in tutto il mondo islamico o quasi, contro il mantra degli ignoranti che lo contrastano affermando che sia una tradizione “araba” o peggio “salafita” (mah!).

          Qui ci sono altre prove in proposito:
          http://niqab.forumfree.it/?t=57476548
          Le immagini dall’Albania me le passi tu? : )

          P.S.: Tantawi ha subito smentito quell’uscita assurda, per altro in dei libri da lui stesso pubblicati riferiva dell’obbligatorietà del niqab !?!

        • Ritvan says:

          —@ Ritvan: Tralasciando i tuoi commenti ignoranti sull’uso del niqab, che è una pratica islamica legittima, anzi in realtà raccomandata da tutti i Sapienti e da molti valutata necessaria…Yusuf Fab—
          Commenti ignoranti e pure cretini saranno i tuoi. E mi fermo qui.

          —A chi vuoi prendere per i fondelli raccontandoci della “Comunità Musulmana” albanese degli anni ’30?—
          A nessuno. E’ la semplice verità.

          Sappiamo bene che in molti paesi islamici dall’inizio ’900 agli anni ’30 gli oppressori di ogni colore (Stalin, Ataturk, Shah Reza, come più tardi Hoxha e Tito, e via cantando) hanno represso l’Islam partendo dal velo integrale e altre pratiche “minori” (la scusa era appunto di non andare contro l’Islam in toto, ma solo contro alcune cose “eccessive”).—
          Informo la Tua Crassa Ignoranza – magari imbevuta delle panzane che scrivevano i pennivendoli del DVX per preparare l’invasione dell’Albania – in cose albanesi che negli anni ’30 l’Albania non aveva alcun “oppressore”, ma era una Monarchia Costituzionale e Parlamentare, nonché uno Stato di diritto, in cui i diritti di tutti – quelli religiosi compresi – erano garantiti e rispettati. E le donne godevano del diritto di elettorato attivo e passivo!

          —Sappiamo anche bene quanto potessero valere certi pseudorappresentati islamici di regime, come valgono oggi… —
          De Rappresentanti istituzionali dei musulmani nell’Albania degli anni ’30 tu non sai una beneamata mazza.

          —gente che se è per questo appendeva nelle moschee quadretti del tiranno di turno!—
          Non in Albania.

          —In realtà ti sei “tradito” rivelando che in Albania il velo integrale era diffuso,—
          Cambia urgentemente oculista: non ho detto “diffuso”.

          —come lo era in tutto il mondo islamico o quasi, contro il mantra degli ignoranti che lo contrastano affermando che sia una tradizione “araba” o peggio “salafita” (mah!).—
          Sì, come già detto, era una tradizione “importata” in Albania.

          –P.S.: Tantawi ha subito smentito quell’uscita assurda, per altro in dei libri da lui stesso pubblicati riferiva dell’obbligatorietà del niqab !?!–
          Ah, beh, quando smentiscono – Berlusconi ha fatto scuola:-) -non sono più “di regime”, eh?:-). Non è che gli hai lanciato contro una fatwa tu e si è spaventato?:-)

  6. Claudio Martini says:

    2.49, commento ad Astabada. 2.58, altro commento ad Astabada. 3.07, commento a me. 3.14, commento a Peucezio. 3.25, commento a Buleghin.

    Commenti sempre inutilmente polemici, provocatori, a tratti insultanti.

    La mia gatta quando vuole farsi notare si limita a qualche miagolio.

  7. Ritvan says:

    —La mia gatta quando vuole farsi notare si limita a qualche miagolio. Claudio Martini–
    Il mio cane, invece, non fa mai i suoi bisognini in giro per casa: prendi esempio da lui.

  8. astabada says:

    A parte la provocazione, ho l’impressione che resistere al provvedimento non fara` altro che alimentare la fiamma dell’odio religioso, anzi “religioso” – con gran soddisfazione di chi ha bisogno di dividere per comandare.

    Del resto – mi ricollego anche al post su Giammanco – la divisione razziale fu (ed e`) utilissima per mettere gli uomini gli uni contro gli altri: l’esperienza insegna.

    Quando manca un nemico da odiare, il popolo fa presto ad individuare quelli che “parlano come noi, ma pensano diverso da noi”, il vero nemico: basta chiedere in giro cosa ne pensi la gente di “banche e banchieri”. E` per questo che il potere si prodiga cortesemente di fornire sempre un “uomo nero” (o rosso, o verde, giallo) per far lavorare la nostra immaginazione.

  9. Moi says:

    @ Francesco

    Ancora non hai capito che Miguel è “Strenuo Difensore del Diritto della Gente Arretrata e/o Sottosviluppata … A Restare Tale ! ” ? ;-) :-)

    • Francesco says:

      a me pare che mettersi il niqab per farsi notare sia molto moderno

      saluti

      PS sto leggendo Il Capitale II (di Marx, però questo è un vescovo). Deludente, c’era più economia nel primo libro della serie …

  10. Leo says:

    “E poi scatenerà uno scandalo internazionale ogniqualvolta si rifiuterà di stringere la mano”

    Perchè ? Esiste in giro nell’Uccidente ancora qualche politico a cui non sia “d’obbligo” NON stringere la mano ?

  11. Ritvan says:

    —Perchè ? Esiste in giro nell’Uccidente ancora qualche politico a cui non sia “d’obbligo” NON stringere la mano ? Leo—
    Bella battuta (“Uccidente” compreso: se è tua ne dovresti depositare il copyright…a meno che tu non sia per principio contro tali strumenti di bieko kapitalismo:-), beninteso).

  12. serse says:

    Grazie ragazzi e veci. Mi fate fare delle sane risate. Frequentare questo blog ha effetti benefici anche sulla salute. L’ultimo acquisto (il vecio) mi pare un top player (chiedo venia), a gratis per giunta. Tipo Pirlo, per dire.
    Ciao
    serse

    • Buleghin il vecio says:

      Grasie per il “top player” caro serse! (Asia minore o impero persiano?)

      Scua soltanto ma non mi sta ben Pirlo ben che bravo giocatore, io sono romantico ostaria e alora me facio sempre prendere il cuor dal Napoli di Diego Armando Maradona e adesso de l’urugagio Cavani che fa gol con piede, il dedrio e la crapa!

  13. Leo says:

    “Bella battuta (“Uccidente” compreso: se è tua ne dovresti depositare il copyright”

    Battuta ? Mica tanto :-(
    Comunque no, non è mia, le mie sono un po’ peggio, tipo questa :

    Che ci fa una cangura dai carabinieri ?
    Denuncia il furto del portafigli.

    Oppure questa :

    Perchè ad una cena di cannibali riescono a sedersi a tavola soltanto dal terzo arrivato in poi ?
    Perchè viene a loro servito il primo ed il secondo.

    Niente panico, mi fermo qui.

    • PinoMamet says:

      Quella dei cannibali è carina, la cangura non l’ho capita…

      per tirarvi un po’ su (e far riappacificare Ritvan e Astabada, anche se in effetti non c’entra niente!) vi posto uno assai più bravo di me nel campo barzellettistico:

      http://www.youtube.com/watch?v=klhP0DpxOMc

      • Ritvan says:

        —la cangura non l’ho capita…PinoMamet—
        Beh, è semplice “portafigli” invece di “portafogli”, no?

        —far riappacificare Ritvan e Astabada—
        Sarebbe facilissimo: basterebbe che lui non mi desse del “cane” quando critico certe sue valutazioni politiche ad minchiam (come p.es. la Georgia una dittatura necessitante di bombardamento NATO) e io non gli risponderei per le rime.

  14. Mondo cane says:

    imprenditore sfruttare straniero per pochi soldi, politico fare leggi e rendere difficile fare andare via straniero ruba lavoro, autoctono molto arrabbiato chiede cambiamento, politico sale subito su carro promette cambiamento per mettere su poltrona di comando, imprenditore molto arrabbiato perchè manodopera andare via, politico sottobanco rassicura nulla cambia, politico dire a autoctono non essere sua colpa, ma per opposizione a non fare lavorare lui per aiutare autoctono, politico dice serve rielezione e forse ce la farà, intanto andare con mano nella mano con imprenditore, e fare lavorare tutti per tozzo di pane, aspettative crollare, diritti svanire, rabbia salire, e fabbriche andare via. Autoctono molto arrabiato, politico dire tutto colpa islam che mettere velo a donne. Serve guerra per togliere velo e portare libertà, cosi straniero restare a casa sua. Autoctono pagare guerra con tasse, meno scuola, meno ospedali e aiuti, tasse aumentare, straniero restare, fabbiche andare via ugualmente. imprenditore arrabbiato perchè banche giocare a borsa e non dare a lui aiuti. politico dire non essere colpa sua etc…

  15. serse says:

    # Buleghin

    Asia minore o impero persiano?

    Africa settentrionale, Abruzzi.

  16. serse says:

    Oh mamma mamma mamma
    Oh mamma mamma mamma
    sai parchè mi batte il corazon
    ho visto Maradona
    ho visto Maradona
    hei mammà innamorato sò

  17. Moi says:

    @ YUSUF FAB

    Ma … le tue credenziali di Storia, lingua e cultura Albanese ?

    Strano, Ritvan ti ha “graziato ” :-)

    • Ritvan says:

      —@ YUSUF FAB – Ma … le tue credenziali di Storia, lingua e cultura Albanese ? Moi—
      Novella 2000, probabilmente:-)

      —Strano, Ritvan ti ha “graziato ”:-) …—
      E dammi il tempo, cribbio!:-)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>