L’improbabile lapidazione di Kate Omoregbe e il misterioso Franco Corbelli

Faccetta nera,
Bell’abissina
Aspetta e spera
Che già l’ora si avvicina!

L’islamofobia non è mai noiosa, perché è costruita con la stoffa del melodramma.

Se cercate in rete il nome di Kate Omoregbe, troverete ben 16.100 risultati. Anzi, la signora Omoregbe è ormai diventata, intimamente, “Kate” per molti.

Ne parlano commossi quotidiani e blogger di destra e di sinistra, clericali e atei. E politici:

“A favore della battaglia […] sono intervenuti con due distinte interrogazioni parlamentari tredici senatori, Franco Bruno, piu’ Rutelli, Molinari, Russo, Milana, Baio, Digilio, Germontani, Contini, Fistarol, D’Alia, Negri, con una interrogazione al ministro degli Interni, Roberto Maroni, e il senatore e Sottosegretario all’Economia, Antonio Gentile, che ha interrogato i ministri degli Interni, e della Giustizia, Francesco Nitto Palma, oltre all’intervento del Presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio”.

Il motto della campagna attorno alla signora Omoregbe è “NO ALLA LAPIDAZIONE DI KATE”. Una tipica versione mediatica (Blitzquotidiano) riassume così il caso:

“La donna rischiava di venire lapidata per aver rifiutato di sposare un uomo che non ama e molto più anziano di lei e anche di convertirsi alla religione islamica, essendo cristiana.”

Prima che vi spaventiate eccessivamente, precisiamo che la signora Kate Omoregbe vive in Italia da oltre dieci anni, ed è cittadina della Nigeria, paese in cui non viene applicata la lapidazione.[1]

Un sito cattolico scrive,

“Oggi nell’Osservatorio diamo spazio a una di quelle storie che lasciano con il fiato sospeso migliaia di persone: è quella di Kate Omoregbe, una cattolica che […] rischia la lapidazione“.

Se andiamo a controllare le fonti, i 16.100 riferimenti su Google provengono tutti, direttamente o indirettamente, ad alcuni comunicati di un certo Franco Corbelli e a un appello diffuso in un inglese zoppicante sul sito di Care 2.

Giornalettismo, sotto una foto di uomini neri che lanciano sassi, ci spiega:

“Una delle piu’ importanti associazioni americane per i diritti umani, Care 2, ha avviato una petizione on line in favore della ragazza nigeriana, Kate Omoregbe, detenuta nel carcere di Castrovillari, che rischia la lapidazione se, dopo la scarcerazione prevista a settembre, tornera’ in patria.

La notizia e’ resa nota dal leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli.”

lapidazione

Giornalettismo condisce la notizia riguardante Kate Omoregbe con questa immagine riguardante presumibili attività sportive praticate dai popoli di colore

L’affermazione è quantomeno fuorviante.

Care 2 non lancia petizioni: è un sito in cui chiunque, se vuole, può lanciare la propria petizione.

Compreso il signor Franco Corbelli, ovviamente.

L‘unico racconto della vicenda di Kate Omoregbe ce lo fornisce proprio il testo della petizione.

Dove apprendiamo che Kate Omoregbe ha 34 anni. Ha passato gli ultimi dieci anni a fare la badante in Toscana e a Roma, dove condivideva un appartamento con ben quattro colleghe. Nel febbraio del 2008, la polizia avrebbe  fatto irruzione nel loro appartamento, sequestrando un quantitativo  imprecisato di marihuana. La signora Omoregbe, pur dichiarandosi innocente, sarebbe stata condannata a quattro anni di carcere, cui avrebbe dovuto far seguito l’espulsione e quindi il rinvio in Nigeria.

La signora Omoregbe, come migliaia di altri stranieri a rischio di espulsione, ha quindi chiesto asilo politico.

Le scarne motivazioni vengono espresse così nella petizione:

“la giovane donna è fuggita dalla Nigeria per non essere costretta a sposare un uomo molto vecchio e per non subire una conversione coatta dal cattolicesimo all’Islam.
In Nigeria corre il rischio di venire lapidata o almeno sfregiata con l’acido dai parenti”.

La storia che racconta è efficace in termini mediatici, perché ce le mette tutte: la bella ragazzina in fuga dal vecchio satiro, i negri selvaggi, i terribili musulmani, i parenti che nemmeno nel nostro Sud, la malvagità del fanatismo religioso e pure la pia martire cattolica…

Ma la storia pone non pochi problemi.

Una trentaquattrenne con dieci duri anni di lavoro alle spalle non è esattamente la tipica vittima di un commercio di vergini adolescenti.

Il cognome Omoregbe è diffuso tra l‘etnia Edo dell’ex-regno di Benin (da non confondere con l’omonimo Stato, già Dahomey).

Anzi, il “community leader” di tutti gli Edo si chiama Chief Bruno Omoregbe.

Altri Omoregbe che si trovano in rete comprendono un cantante gospel evangelico e una docente universitaria di filologia Edo (no, i neri non sono bravi solo con i sassi e i sassofoni); ma anche numerosi immigrati in Italia.

Tutti, senza eccezione, portano nomi cristiani.

Edo e cristiana dovrebbe essere anche Joy Omoregbe, una signora che ha chiesto asilo in Canada, sostenendo che a diciotto anni, suo padre avrebbe cercato di imporle un matrimonio con un uomo molto più anziano… Joy sarebbe sta punita con lo stupro, diventando così sieropositiva. E da sieropositiva, sosteneva, sarebbe stata perseguitata se avesse fatto ritorno in Nigeria.[2]

La religione è una componente fondamentale della società nigeriana, anche per un motivo concreto di cui abbiamo già parlato: la grande riforma costituzionale del 1979 ha messo in mano alle autorità locali la possibilità di decidere chi è autoctono, e quindi di accedere ai servizi pubblici, e chi no. Il gruppo etnico-religioso localmente dominante, quindi, piglia tutto.

Conviene nascere musulmani nei distretti a maggioranza musulmana; e conviene nascere cristiani in quelli a maggioranza cristiana.

Gli Edo sono in parte seguaci della religione tradizionale, in parte “cristiani”,  un termine che va virgolettato vista la stravolgente diffusione di pittoresche forme di evangelismo: i cattolici, pur presenti, sono una minoranza.

Il sito ufficiale della regione di Benin City ci informa che

“Ancora oggi, è difficile incontrare un autoctono del Benin che sia musulmano, anche se molti musulmani vivono a Benin City e in altre parti del Regno di Benin”.

Ci vuole una certa fantasia per pensare che una famiglia di cristiani Edo sia disposta a “lapidare” la propria figlia (che, visto il suo mestiere, deve essere anche una discreta fonte di rimesse), pur di obbligarla a passare tra i disprezzati musulmani “non autoctoni”.

E nemmeno l’islamista più arcigno ha mai sostenuto che una donna si dovesse convertire per forza all’Islam sposando un musulmano.

Ma di Kate Omoregbe, non avremmo saputo nulla, se non fosse stato per Franco Corbelli.

E chi è Franco Corbelli?

Franco Corbelli è il responsabile nazionale del movimento Diritti Civili. Altro non so, per il semplice motivo che non sono riuscito a trovare alcuna indicazione sul mestiere che svolge.

Bene, allora cos’è il Movimento Diritti Civili? Andiamo sul sito del Movimento, dove troviamo esclusivamente proclami e comunicati a firma di Franco Corbelli, spesso legati a questioni locali della Calabria.

Nulla sulla storia dell’organizzazione, nessuna indicazione di una sede, di un organigramma. Solo una mail, un cellulare, un telefono e questo:

“Diritti Civili, come potete notare, non dà alcun riferimento di altre persone a cui rivolgersi se non al coordinatore nazionale, Franco Corbelli, per una ragione di tutela delle persone che ci contattano, per evitare che qualcuno utilizzi il nome e il simbolo di Diritti Civili (un Movimento, il nostro, basato solo sul volontariato che da 20 anni aiuta tanta gente in modo assolutamente gratuito) per truffare le persone. Riconosciamo solo come ufficiale la nostra sede di Bari e della Puglia, operativa da molti anni e coordinata dal prof. Enzo Bonavita.” [3]

Insomma, Franco Corbelli è noto solo perché dirige il Movimento Diritti Civili.

E il Movimento Diritti Civili è noto solo perché è diretto da Franco Corbelli.

Non so perché, ma viene in mente il meraviglioso ufologo Roberto Malini e la fabbrica di comunicati stampa chiamata Everyone.

Note:

[1] In ossequio al giustizialismo popolare, alcuni stati del Nord della Nigeria hanno introdotto sulla carta la lapidazione per certi reati, ma si sono guardati bene dall’applicarla. Come si vedrà, la signora Omoregbe comunque proviene dal sud della Nigeria, dove i musulmani sono appena tollerati, e non sempre.

[2] La richiesta di Joy Omoregbe è stata respinta, viste le numerose contraddizioni in cui è caduta la richiedente; ma il suo appello è stato accolto perché le autorità canadese non avevano fatto nulla per accertarsi se i sieropositivi venivano effettivamente perseguitati in Nigeria.

[3] Del “prof. Enzo Bonavita” esistono ben poche tracce. Presumiamo che sia lui l’organizzatore di una mostra d’arte intitolata NARCOSIS, nonché il candidato di Io Sud – lista di centrodestra – che si lamenta di non aver preso nemmeno una preferenza, nel seggio di Bari in cui lui stesso ha votato.

Nel 2001, Franco Corbelli annunciò le proprie dimissioni dal Movimento Diritti Civili, poi annunciò il proprio ritorno, proclamando:

Ritorno solo per la gente, per quella moltitudine di persone che da ogni parte d’Italia, in questo ultimo periodo, dopo le mie dimissioni, mi ha telefonato, scritto e addirittura aperto un sito Internet per invitarmi a continuare a combattere e non arrendermi”.

Al suo trionfale ritorno, dichiarò anche la creazione di un direttivo costituito da lui stesso, da Enzo Bonavita, da Giorgio Serra e da Michele Bortoluzzi di Belluno.

Mentre di Giorgio Serra si sa ben poco, Michele Bortoluzzi è

“Amministratore di una Società di Promozione Immobiliare in Spagna, la “Costa Encantada SL” . Distributore per le Isole Canarie di brand italiani di gioielleria e orologeria.”

Coordinatore provinciale di Forza Italia, Bortoluzzi è passato successivamente al Partito Radicale.

Di tanto in tanto, Franco Corbelli annuncia liste elettorali e clamorose candidature – nel 1998, proclama che candiderà Bettino Craxi e Vittorio Sgarbi nella sua lista (pare mai presentata);  nel 2006, annuncia che avrebbe candidato un frate francescano, Fedele Bisceglia, agli arresti domiciliari per presunte molestie sessuali, per poi annunciare altrettanto unilateralmente che lo stesso frate avrebbe rinunciato a candidarsi.

Print Friendly
This entry was posted in islam and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

29 Responses to L’improbabile lapidazione di Kate Omoregbe e il misterioso Franco Corbelli

  1. Claudio Martini says:

    Ma secondo voi, sotto lo sguardo di quei negri selvaggi armati di sassi c’è un’adultera o una vipera?

  2. Riccardo Giuliani says:

    Posso svelare il significato della foto.

    In Nigeria esistono cimici enormi, alcune cristiane altre musulmane: questo spiegherebbe anche l’uso inevitabile di fazzolettoni a coprire il viso, in particolare il naso.

    Forse questa Kate somiglia singolarmente ad una cimice, cosa che senz’altro la spinge a richiedere asilo politico: qualche distratto giornaliere in erba (è il caso di dirlo) avrà saltato la spiegazione nel riportare i fatti, ed ecco che si arriva pertanto alla apparente contraddizione per cui i genitori cristiani vogliano lapidare la propria figlia.

    Il matrimonio forzoso rientrebbe nel calderone per il fatto che la famiglia di origine di Kate, sapendola esteticamente poco attraente ma vergognandosi di non averla ancora maritata, avrebbe acconsentito a farla sposare perfino ad un musulmano non-cimice; ma questo solo come extrema ratio, perché tutti sanno che i musulmani sono brutti e puzzolenti (anche moralmente).

    Kate forse avrà rifiutato, ed ecco l’incidente diplomatico-religioso di cui non frega niente a nessuno, escluse le povere cimici che si ritrovano nella parte del caprio espiatorio collettivo senza che per loro esista alcun tribunale dell’Aja a prenderne le difese.

  3. Marcello Teofilatto says:

    Non c’è che dire: per essere stato il portavoce di Sgarbi, Corbelli è una persona molto discreta.
    Un saluto da Marcello Teofilatto

    • Moi says:

      Non è neanche lancio della pietra a chi tira più lontano … ma diciamola tutta Raffaele: NON è che voi Ebrei, almeno millenni fa, la lapidazione non l’avete mai praticata, eh !

      • Raffaele says:

        Verissimo, putroppo certe belle tradizioni si sono perse nel tempo. Peccato, sigh, sigh…
        Raffaele

    • PinoMamet says:

      Raffaele, ma allora leggi!
      Sono passato in Israele, ma non sapevo come contattarti…
      comunque spero di tornare presto!

    • Claudio Martini says:

      Quindi e un’adultera? Sti negracci…

  4. Z. says:

    Se il Corbelli fa un giretto al CIE che sta da queste parti, di Kate minacciate di morte ne trova a carrettate.

    Lo appoggerò nella sua lodevole iniziativa, a patto che preveda una giusta retribuzione – ad opera dello Stato – per i difensori delle straniere.

    Z.

  5. Pingback: Anche Repubblica si beve la “lapidazione” di Kate Omoregbe | Kelebek Blog

  6. Giovanni says:

    Lei è una persona che rende certezza la teoria di Albert Einstein: Solo due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima, e lei conferma la teoria su ciò, in quanto il filmato del tg3 nazionale http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-2b35ad21-c495-4b99-bfd3-04056caf1779-tg3.html fa vedere Corbelli e Kate davanti al carcere di Castrovillari che smentiscono le sue sterili insinuazioni.
    E se nelle loro terre di origine le lapidassero per davvero seguendo la sharia, poi cosa direbbe?: ops, mi sono sbagliato, pace all’anima sua!
    La prova che non risponde neanche a un commento, lei scrive tanto per scrivere

  7. Caro Giovanni

    Ho ascoltato con attenzione il brano che lei segnala.

    Bene, il Tg3 non ha aggiunto una virgola a quanto si sapesse già: si è cioè limitato a ripetere i comunicati di Corbelli.

    Non ha smentito assolutamente nulla di ciò che ho scritto qui.

    Se ha delle risposte più intelligenti, discutiamone.

    • Giovanni says:

      Conosco bene Corbelli, essendo mio concittadino, e l’ho visto accorrere da chi versava in gravi difficoltà, ma nel caso di Kate la ragazza rischia la vita, e quindi sposo l’iniziativa perché in Nigeria la Shari’a c’è http://it.wikipedia.org/wiki/Nigeria#Religioni e non si può dire con nonchalance c’è ma si guardano bene da non farla, hai dati precisi in merito che confermino le tue parole?
      Perché tristemente abbiamo visto come vengano applicate leggi ancestrali teocratiche anche nelle comunità impiantate in Italia (vedi ad esempio il caso Hina) figurarsi nei paesi di origine!
      E il presidente della repubblica cosa fa?
      Sono arrivate 12.000 firme al suo indirizzo, tutti i media ne parlano (ieri anche il tg1) e lui non manda neanche un mezzo comunicato, forse troppo impegnato a fare dei moniti a un governo che fa orecchi da mercante?
      Che Corbelli in passato ha fatto ciò che si dice non rende la battaglia per questa ragazza meno significativo
      Concludo dicendo che attribuisco 2 volte la responsabilità morale a Gianfranco Fini per la vicenda accaduta e che può accadere a Kate in quanto:
      1)Grazie alla Fini-Giovanardi http://it.wikipedia.org/wiki/D.P.R._n._309/1990 finisce dendro anche chi ha un pò di “erba” figuriamoci altre sostanze, poi come fanno a dire che si tratta di SPACCIO se la droga l’hanno trovata in casa, mica l’hanno beccata a distribuirla brevi manu, si potrebbe ipotizzare la detenzione, se avessero la certezza che siano impronte digitali sue sulla confezione, è stata fatta la perizia?
      Se si non se ne ha notizia
      2)La legge Bossi-Fini, che caccia solo per il reato di clandestinità
      Questo mix di leggi vergogna cui oggi Fini dopo aver mangiato nel piatto di Berlusconi prende le distanze (ma non ritira la firma come ad esempio fece Cirielli) rischia di mandare via chissà quante Kate a rischiare la vita nei propri paesi anche solo per essere di diverso orientamento sessuale http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/07/22/bologna-cie-lager-vietati-a-giornalisti-e-parlamentari-zampa-pd-e-una-vendetta-del-governo-contro-gli-immigrati/147241/
      Pensiamoci a questo

      • Ritvan says:

        —…leggi ancestrali teocratiche anche nelle comunità impiantate in Italia (vedi ad esempio il caso Hina). Giovanni—
        Sull’ “ancestrali” non discuto, pero, se permetti, sul “teocratiche” sì. Come ben saprai – spero – “teocratica” , etimologicamente parlando, dovrebbe essere una legge stabilita da Dio o, per lo meno, elaborata dagli uomini sulla base di un presunto “messaggio” divino ben preciso. Orbene, visto quanto sopra, sei gentilmente pregato di fornirci qualche indicazione su come e qualmente nel Corano – che è l’unico e vero “messaggio divino” per noialtri musulmani – ci sia “licenza di uccidere” la propria figlia “peccatrice”, come ha fatto il disgraziato musulmano pachistano padre di Hina. Grazie.

        • Ritvan says:

          Errata corrige: nel mio precedente commento leggasi “però” al posto di “pero” (mica stavo dando dell’ “albero da frutta” al mio interlocutore, cribbio!).

  8. Pingback: L’improbabile lapidazione di Kate Omoregbe e una piccola lezione di diritto per Franco Frattini e Viviana Daloiso | Kelebek Blog

  9. Per Giovanni

    Grazie dell’interessante intervento, ti inviterei a continuare a commentare: sto cercando disperatamente un “avvocato del diavolo” per mettere meglio a punto i miei argomenti, ma finora nessuno ha contestato una virgola di ciò che ho scritto.

    Non so chi sia Franco Corbelli, ma non ho mai pensato che fosse in malafede. In queste cose, esiste anche l’ingenuità. La mia obiezione è solo alla circolarità mediatica: “è vero perché lo dice Corbelli – e chi è Corbelli? – è il leader del Movimento Diritti Civili – e che cos’è il Movimento Diritti Civili? – è una cosa seria, perché lo dirige Corbelli”.

    Ora, Corbelli può essere una persona generosa, in perfetta buona fede, ma ciò non ne fa un esperto di cose nigeriane.

    E tutta la questione è, “rischia la morte in Nigeria chi non si converte all’Islam?”

    In Nigeria, non esiste “la shariah” in generale. Esiste in alcuni stati del Nord, dove viene applicata esclusivamente ai musulmani, in una curiosa convivenza con il diritto di fonte inglese. E nemmeno il diritto saudita prevede la pena di morte per “chi non si converte all’Islam”. Figuriamoci se lo prevede il diritto di quegli Stati del Nord. Che tra l’altro si sono guardati bene dall’applicare la shariah ogni volta che ciò poteva danneggiare la reputazione dei governatori locali, che sono abilissimi uomini politici e non fanatici religiosi.

    Gli Stati del Nord non sono affatto tutta la Nigeria.

    E il nome e il cognome di Kate Omoregbe rivelano senza ombra di dubbio che la sua famiglia proviene dallo Stato di Edo, a schiacciante maggioranza cristiana, dove ad esempio un rapporto del governo canadese, che ho citato, specifica – se ce ne fosse bisogno – che “non vige la shariah”.

    Comunque, se conosci Corbelli, chiedigli la regione di provenienza della famiglia di Kate Omoregbe.

    Questi sono dati precisi, e ci sono numerosi studi in rete (quasi tutti in inglese) sulla questione del diritto in Nigeria. Che ricordiamo è una vasta repubblica federale, che comprende decine se non centinaia di culture diverse, in un sistema unico di autonomie.

    Concordo invece in pieno con quanto affermi sulle leggi che portano il nome di Gianfranco Fini.

    Certamente, Kate Omoregbe, in caso di deportazione, avrebbe davanti una vita di povertà in un paese con drammatici problemi. E se l’appello non avesse tirato fuori questa storia a dir poco discutibile, l’avrei firmato anch’io.

  10. Pingback: Caso Kate Omoregbe, serve urgentemente un avvocato del diavolo! | Kelebek Blog

  11. Pingback: Abbiamo scovato l’uomo che lapiderà Kate Omoregbe! | Kelebek Blog

  12. Per Giovanni

    Ti ringrazio, ho scaricato il file su Corbelli, lo leggerò con calma.

  13. Ugo says:

    Miguel, il termine “deportazione” che hai usato per indicare l’espulsione Omoregbe non è pertinente. Il termine pertinente è “rimpatrio”. Tra l’altro, Omoregbe ha chiesto e ottenuto i dovuti permessi prima di insediarsi in Italia? In caso contrario, a maggior ragione non ha titolo per fermarsi in territorio italiano. E questo a mio avviso spiega la storia con la quale ha chiesto, e improvvidamente ottenuto per la dabbenaggine delle istituzioni italiane, lo status di rifugiato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>