Porta liberamente il niqab, aggredita dalla polizia francese

Purtroppo lo vedo solo adesso.

Il 31 luglio scorso, la signora Hind A., cofondatrice dell’associazione Les Citoyennes de la Liberté (“le cittadine della libertà”) che raccoglie le donne musulmane francesi che rivendicano il diritto di vestirsi come vogliono, è stata fermata, violentemente ammanettata e trascinata via dalla polizia francese.

Il video non è certamente di qualità professionale, ma merita di essere visto.

Un ringraziamento al blog di Touche pas à ma Constitution.

Print Friendly
This entry was posted in islam and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

11 Responses to Porta liberamente il niqab, aggredita dalla polizia francese

  1. Pingback: Porta liberamente il niqab, aggredita dalla polizia francese - Kelebek - Webpedia

  2. Moi says:

    In Italia non c’ è (ancora ?), ma in Francia esiste una cultura “beurgeois” [sic, parola “porte-manteau”] fatta di gente di origine maghrebina che non solo è contro il niqab o il burqa (a volte perfino l’ hijab !) … ma addirittura vota FN !

  3. Moi says:

    Sì, insomma … esistono anche loro, per quanto paradossalmente !

    http://www.dailymotion.com/video/x2ysed_les-beurs-du-fn_news

  4. Rock & Troll says:

    In Francia esiste una legge che vieta di indossare il niqab.
    La Francia è, *a differenza di molti altri paesi non europei*, una democrazia, nel senso che i cittadini hanno tutti gli strumenti (elezioni, libertà d’associazione, libertà di stampa e parola) per cambiare le leggi eventualmente indesiderate senza dover ricorrere alla violenza, e a patto che non ricorrano alla violenza.
    Chi, in un paese democratico, viola scientemente una legge invece di cercare di cambiarla, si pone al di fuori della legge, e c’è poco da piangere se le forze dell’ordine intervengono per farla rispettare. Anzi, ci sarebbe da preoccuparsi se fosse il contrario.
    Altrimenti domani per i rapinatori possiamo scrivere “si procurano liberamente del denaro, aggrediti dalla polizia”. Eh, poverini.

    • Francesco says:

      credo esistano dei limiti a quello che leggi possono disporre

      e che la legge in questione li violi

      il parere della maggioranza non è un valore assoluto, neppure in democrazia (su questo punto sono con te al 100%, ci accorgeremo presto col sorgere del secolo cinese di cosa fossero la democrazia e la libertà)

      esempio: se anche il 99% degli italiani pensasse che l’aborto sia una pratica moralmente accettabile, io rimarrei della mia idea opposto e non mi farei intimidire

  5. Per Rock & Troll

    Io non ho dubbi che una maggioranza di francesi vuole una legge contro il niqab.

    Il problema è che una legge creata proprio per compiacere quella maggioranza, colpendo esclusivamente una minoranza.

    Un cui comportamento del tutto innocuo, che non danneggia nessuno, diventa così reato.

    Un rapinatore invece, compie un’azione che fa un danno a qualcuno.

    Il problema, come giustamente dici, è convincere la maggioranza – che non è vittima della legge – a cambiare opinione. E per aiutare la maggioranza a cambiare opinione, è bene che si rendano conto di cosa comporta la legge.

  6. A rock and troll potremmo ricordare che anche le Leggi di Norimberga avevano CERTAMENTE l’appoggio della maggioranza dei tedeschi…

    • Rock & Troll says:

      Le vittime delle leggi di Norimberga, ebrei tedeschi, non avevano alcuna possibilità di farvi appello, erano stati esclusi da ogni diritto e la Germania nazista era una dittatura autoritaria, a differenza dei paesi europei del 2011, che sono democrazie parlamentari in cui gli avversari politici non vengono mandati nei campi di sterminio. Forse per alcuni questa “piccola” differenza conta ancora qualcosa. Non so per te.

      • Scusa se ho lo sguardo più lungo del tuo e riesco a rendermi conto di che ridicola impostura sia la “democrazia parlamentare” di cui straparli soddisfatto e fiero!

        O pensi veramente che il tuo voto valga qualcosa,

        magari che valga di più dei milioni di dollari di qualche lobbista filosionista che magari controlla anche un giornale e una televisione?

        Benvenuto nel mondo reale, merlo!

  7. Tommaso says:

    In realta’ da questo video non si capisce se la donna e’ arrestata per colpa del velo o per un altro motivo. E il racconto in calce al video non sembra che descriva lo stesso episodio filmato. O no? Potrei sbagliarmi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>