Libia, arrivano (per davvero) i mercenari

“I ribelli libici dovrebbero ricevere addestramento dai paesi arabi, dice l’Inghilterra

Le fonti della difesa britannica stanno anche cercando di affittare ditte private di sicurezza per rafforzare la posizione dei ribelli sul campo di battaglia”

Titolo di un articolo su The Guardian, di Patrick Wintour, del 6 aprile 2011

L’articolo inizia con queste parole:

“L’Inghilterra sta per invitare i paesi arabi ad addestrare i ribelli libici per rafforzarne la posizione sul campo di battaglia prima dei negoziati per il cessate il fuoco, secondo fonti importanti della difesa britannica.

Le fonti hanno anche detto che erano alla ricerca di ditte private di sicurezza, alcune delle quali fanno ricorso ad ex-membri del SAS, per aiutare i ribelli. Questi soldati privati potrebbero essere pagati dai paesi arabi per addestrare l’esercito ribelle poco strutturato.”

La notizia di ieri è che la Nato ha appena annientato per sbaglio i pochi carri armati dei ribelli libici, uccidendo anche 13 insorti.

The New York Times descrive la pessima organizzazione dei ribelli libici che partono confusamente all’attacco, sparando raffiche e gridando Allahu akbar, pur con ammirevole determinazione.

Un articolo che sembra confermare quanto pensiamo (ma non giuriamo): la rivolta libica non sarebbe una semplice manovra dall’esterno, ma nemmeno la rivolta spontanea del popolo libico.

Patrick Wintour, su The Guardian – un quotidiano molto ostile a Gheddafi – descrive la difficile situazione in cui si trova il ministero della difesa britannica (si chiama “difesa” anche quando si bombardano paesi lontani migliaia di chilometri).

Pur avendo contro ciò che i media ci assicuravano fosse “il popolo libico”, gli Stati Uniti, la Francia, l’Inghilterra, l’Italia e numerose altre potenze, Gheddafi sta vincendo la guerra. E non lo fermano i bombardamenti: 137 attacchi aerei lo scorso lunedì, 186 il martedì e 198 il mercoledì.

“Una fonte dice, “[i ribelli] non stanno avanzando, semplicemente avanzano guidando lungo la strada, quando vedono le armi spianate fanno retromarcia”.

E’ una questione non solo di organizzazione, ma anche di numero:

“Le fonti britanniche stimano che il numero dei ribelli con una formazione militare adeguata, contando anche le defezioni dall’esercito di Gheddafi, sia solo tra le molte centinaia e le poche migliaia.

I paesi membri della Nato pensano di rivolgersi ai paesi arabi, come il Qatar o gli Emirati Arabi Uniti, perché addestrino i ribelli o ne paghino l’addestramento.  Il Qatar e gli EAU sono già coinvolti nella no-fly zone condotta dalla Nato.

Alcune fonti del governo hanno detto che un altro paese arabo che potrebbe essere disposto ad addestrare i ribelli è la Giordania. Si pensa che abbiano gli ufficiali meglio addestrati e forse l’esercito migliore della regione, ha detto una fonte governativa.”

Il Qatar, gli Emirati, la Giordania, la rete dei contractor. E altri amici della Democrazia.

Ci scrive l’amico Piero Pagliani (da notare, tra parentesi, come Guido Olimpio, che lui cita, eviti a sua volta di citare quella che è palesemente la  propria fonte, cioè The Guardian):

I mercenari in Libia ci sono davvero

Ma come? Non era Gheddafi ad avere i mercenari?

Certo, è saltato fuori che i “mercenari neri” erano immigrati che lavoravano in Libia. Già, perché su un totale di 6 milioni di libici c’erano 2 milioni di immigrati. Un po’ come dire 20 milioni di immigrati in Italia. In massima parte provenienti dall’Africa nera, e odiati dai “rivoluzionari” che si sono dedicati nelle zone da essi controllate a rastrellamenti casa per casa, torture, uccisioni e stupri (una ragazza eritrea che su LA7 stava testimoniando queste violenze è stata azzittita da Gad Lerner: non disturbare il manovratore).

Se questi sono i “mercenari” di Gheddafi, bisogna però ammettere che in Libia mercenari ce ne sono veramente e saranno sempre di più.

Ce lo rivela Guido Olimpio sul Corriere della Sera:

Eccone uno stralcio:

“I costi dell’operazione sarebbero coperti da alcuni paesi arabi, come il Qatar e gli Emirati, che già partecipano alla missione. Il ricorso ai«privati» potrebbe aggirare l’ostacolo – diplomatico e politico – che impedisce l’uso di forze di terra. È chiaro che i «contractors» sono una foglia di fico ma che almeno sul piano legale consentirebbe agli alleati di assistere in modo diretto i nemici di Gheddafi. Lo schema potrebbe essere il seguente: il comitato libico ingaggia ufficialmente i mercenari e i paesi arabi pagano il conto mentre la coalizione sovraintende all’operazione. Come hanno segnalato molti esperti l’offensiva Nato senza il ricorso ai soldati l’offensiva è destinata a raggiungere risultati parziali. E i ribelli, per ora, non sono in grado di fare da soli.”

Un solo breve commento: si capisce bene perchè abbiamo subito definito “inaccettabile” la risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza. Per prima cosa perchè ha fatto piazza pulita dei principi base dell’ONU stessa che vietano espressamente di intromettersi negli affari interni di un altro stato. Si può intervenire solo se un Paese attacca o ne minaccia un altro. In secondo luogo perché lasciava ai volenterosi  la possibilità di fare qualsiasi cosa, senza consultarsi con l’ONU e senza nemmeno un comando unificato: la casa delle libertà, insomma. E’ tuttavia difficile cercare di provare che autorizzi anche un’invasione da terra. Ma niente paura: ci pensano i mercenari, quelli veri!

Print Friendly
This entry was posted in islam and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

22 Responses to Libia, arrivano (per davvero) i mercenari

  1. Francesco says:

    Vediamo se ho capito. In Libia ci sono molti immigrati, di cui molti negri africani, tra cui il nostro caro leader ha pescato abbastanza soldati addestrati da resistere ai bombardamenti volenterosi e ai ribelli.

    Non ci trovi nulla di strano? che so, come mai Gheddafi ha arruolato gli immigrati quando ha dalla sua metà almeno della Libia, comprese le forze armate e le sue milizie? e come mai questi sanno combattere?

    E dalle tue fonti i mercenari dovrebbero addestrare i ribelli all’estero … il che pare ridicolo e falso, ma qui stiamo prendendo per buone le fonti.

    Ciao

    PS ma dedurre la spontaneità dall’incapacità pare troppo brutto?

  2. valerio says:

    Allora:

    1) In Libia operano, sin da metà marzo, sempre più numerosi elementi stranieri, al soldo di Gheddafi. Essi sono di quattro tipi
    -i mercenari “classici”, aruolati e pagati, il regime li ha contattati (anche con annunci sui giornali) per lo più in Africa occidentale e nel Shael. Si segnalarono, inizialmente, anche numerosi contatti con conctractor internazionali (persino israeliani), anche se ben pochi europei (forse Serbi e Bielorussi, ma ho i miei dubbi) sono giunti in Libia.
    -i mercenari che non sono “veri” mercenari, ma menbri delle legioni straniere del Rais. Ovvero tutti quei reparti, formati per lo più da sconfitti di varie rivolte africane degli ultimi decenni, che Gheddafi aveva sostenuto e poi ospitato in Libia. Insomma i resti della politica africanista (e panaraba) di Gheddafi “il Re dei Re d’Africa”.
    -i soldati stranieri inviati in maniera coperta dai regimi legati a Gheddafi con patti segreti od occulti. Il principale di questi sono lo Zimbabwe e il Chad, ma si possono ipotizzare almeno altri 10 coinvolgimenti.
    – disperati aruolati in fretta e furia, inclusi alcuni bambini soldato, e destinati a operazioni di ripulitura e repressione nelle città ricatturate.
    Alcuni reparti di mercenari si sono dimostrati di elevato valore militare, altri invece sono più briganteschi (stupro, guerra psicologica, saccheggio, ecc. la realtà di ciò che accade nel Eljabel Elgharbi è molto difficile da conoscere).

    Quindi i mercenari c’erano, per davvero, già da un bel po’.

    2) Esiste anche un’internazionalizzazione del conflitto sul lato dei ribelli. Sia perché al loro interno vi sono alcuni islamisti (guarda su “tutto in 30 secondi” Lorenzo nè ha parlato diffusamente), sia perché giungono volontari stranieri (dall’Egitto sopratutto), sia perché le notizie che tu oggi riporti non sono false, ma dovremmo sottolineare che la guerra è quasi al secondo mese e i ribelli hanno ottenuto scarsissimi aiuti.
    Insomma i ribelli sono messi molto molto male, prioprio perché il popolo in armi non riesce a battere un esercito.

    3)La NATO e le forze dei volenterosi sono scarse e scadenti, e rimangono ancora scarse e scadenti, gli USA avevano aumentato le loro foze nella regione fino a 100 apparecchi, ora li hanno rititati. Risultato 140-130 apparecchi di prima linea a disposizione del comando NATO, troppo poco per le esigenze odierne, visto che le forze di Gheddafi aumetano anche per il reclutamento interno.
    Il numero delle sortite offensive della NATO è basso ed in diminuzione nell’ultima settimana. Molti incidenti di fuoco amico sono sopetti (anche qui rimando a “tutto in 30 secondi”)

    4) Il regime gode di sostegno? Come tutti i regimi dittatoriali, però la rivolta è stata popolare ed imponente, ha coinvolto quasi tutte le città libiche e un mese e mezzo fa sembrava in procinto di vincere solo con il suo peso numerico. Nelle zone dove vive la minoranza berbera eravamo quasi ad un 100% di rivoltosi, mentre altrove la rivoluzione era più un fenomeno generazionale a cui si saldavano tutti i sopravvissuti dei fallimenti di rovesciare Gheddafi negli ultimi 40 anni e diversi politici “riformisti” interni al regime. Mi guarderei dal dire che non è una rivolta “popolare” visto che è così trasversale.
    Comunque si, Gheddafi ha i suoi sostenitori (anche all’est) e sta cercando di mobilitarli, la cifra di 100.000 volontari in suo favore, ovviamente, è frutto della sua propaganda.

    5) Si, si segnalarono (nella prima decina di giorni della rivolta) numerosi casi di “caccia al nero” scambiato per mercenario, pare però che si sia messo presto un controllo agli eccessi, sopratutto laddove gli immigrati potevano dimostrare di non essere mercenari. Viceversa i mercenari catturati spesso fanno una brutta fine.
    In Libia c’è un po di razismo (spesso i neri sono definiti “servi”) ma anche tra i rivoltosi si sono segnanalti molti immigrati.

    6) ultimo e più importante.
    L’ONU ha da tempo modificato i suoi regolamenti, adottando la dottrina R2P (responabilità di proteggere).
    Si tratta di una dottrina a mio avviso sbagliata, in precedenza l’Onu poteva internvenire in un conflitto solo in 2 casi: se una nazione ne invadeva un’altra, se in una nazione era in corso un genocidio conclamato. Oggi invece la sovranità nazionale può essere infranta da “reitarate e manifeste violazioni dei diritti umani ed in particolare del diritto universale alla vita”. In pratica è una follia, perché l’ONU ha il diritto di intervento permanente praticamente verso mezzo mondo.
    Sono contrarion all’internvento in Libia anche perché i sostenitori della R2P non si rendono conto che le guerre sono cose complicate e complesse, ed un intervento straniero o della comunità internazionale non sempre è risolutivo. Insomma non basta dire arrivano i nostri e tutto si risolve in un happy and.
    Può persino essere più dannoso, ed è sempre più rischioso, di quanto non sia l’intervento coperto, il non intervento, l’appoggio distratto ecc.
    Anzi, seguendo el linee guida dell’ONU si può finire per danneggiare i ribelli, come è accaduto nei giorni scorsi, ponendo sotto assedio via mare (per i soli rifornimenti militari, ma erano quelli ad essere importnati) la città di Misurata.

    • astabada says:

      Ma le sue fonti?

    • Andrea Di Vita says:

      Per valerio

      ”Si tratta di una dottrina a mio avviso sbagliata”

      Concordo. Oltre che per le ragioni che tu hai esposto chiaramente, anche perchè l’ONU ha un Consiglio di Sicurezza con 5 paesi con diritto permanente di veto. Quindi si puo’ sempre accusare l’ONU di coprire con il proprio avallo a interventi ‘umanitari’ i risultati degli accordi di questi 5 Stati. Ma finchè era in vigore la norma che prevedeva o un conclamato genocidio o l’aggressione di uno Stato a danno di un altro limitava in qualche misura i sospetti di arbitrarietà. Si poteva far finta che un genocidio non esistesse evitando di chiamrlo con tale nome, come in Ruanda: ma rimaneva all’ONU quel tanto di neutralità che consentiva per esempio ai suoi caschi blu di fare la guardia per esempio alla frontiera interna di Cipro. Oggi è bastato che la Francia sperasse di soffiare all’Italia i contratti più lucrosi per il petrolio e il gas ingraziandosi un nuovo governo Libico: di fronte alla violenza di Gheddafi le è stato facile ottenere l’avallo dell’ONU. Ma la gatta per la fretta fa i figli ciechi: corre voce che una pattuglia di agenti speciali Francesi sarebbe stata addirittura eliminata dai soldati di Gheddafi. Aumentare semplicemente il numero dei Paesi con diritto di veto all’ONU cambia poco. Viene il dubbio che avesse ragione Emma Bonino, quando diceva che i diritti umani si difendono innanzitutto difendendo la legalità e che la strage delle persone è preceduta dalla strage delle leggi. In fondo a Emergency non la pensano diversamente. Posso solo constatare come la legalità e i diritti umani siano dunque oggi definitivamente diventati parte della geopolitica, proprio come finora i missili e le portaerei.

      Ciao!

      Andrea Di Vita

      • Francesco says:

        e cosa ci porta la Bonino? che dobbiamo far guerra a Gheddafi PRIMA ancora che ammazzi i libici, basta che si dimentichi di tenere libere elezioni?

        non credo che su questa (interessante) idea Emergency sarebbe d’accordo

        • giovanni says:

          “che dobbiamo far guerra a Gheddafi PRIMA ancora che ammazzi i libici, basta che si dimentichi di tenere libere elezioni?”
          France’, oltre che camorrista sei pure scemo.
          I radicali addirittura volevano salvare la pelle a Saddam, tanto sono guerrafondai.

          • Francesco says:

            purchè se ne andasse, però.

            quindi sempre imperialismo è!

            PS conosco i radicali molto meglio di quanto conosca la camorra. addirittura qualche volta sono d’accordo, con i radicali

    • Martin V. says:

      “In pratica è una follia, perché l’ONU ha il diritto di intervento permanente praticamente verso mezzo mondo.”

      Per fortuna c’è il diritto di veto a garantire il doppiopesismo delle potenze occidentali…

  3. Per Valerio

    Grazie ancora dell’intervento dettagliato e preciso.

  4. Per Francesco

    “PS ma dedurre la spontaneità dall’incapacità pare troppo brutto?”

    mi sembra che sia esattamente quello che ho fatto. Rileggere attentamente.

    • Francesco says:

      “la rivolta libica non sarebbe una semplice manovra dall’esterno, ma nemmeno la rivolta spontanea del popolo libico” mi pare una cosa diversa

      forse riesco a leggere ma non a capire

      nulla di male

      ciao

      • Hai ragione, non sono stato chiarissimo.

        Diciamo: rivolta spontanea, causata da tanti elementi interni alla società libica, non guidata dalla CIA o da Sarkozy.

        Rivolta che riguarda però solo una parte della popolazione libica, nulla a che fare con le dimensioni sociali, ad esempio, della rivolta tunisina.

        Tanto che alla fine, di gente militarmente addestrata tra i ribelli, c’erano poche centinaia, e questo depone a favore della loro spontaneità, ma non indica certamente una vasta rivolta, che avrebbe coinvolto grandi parti dell’esercito.

        E mentre in Egitto, il governo doveva solo affrontare qualche manifestazione di piazza, come ce ne sono anche in Italia, in Libia il governo ha dovuto affrontare un attacco da parte di oltre 40 paesi. Di fronte a quelle manifestazioni, l’esercito ha mollato il governo. Di fronte all’attacco di 40 paesi, l’esercito non ha mollato Gheddafi.

        Questo non indica un particolare amore per Gheddafi, ma indica che l’esercito non ritiene i ribelli abbastanza importanti da farci un investimento.

        Quindi rivolta spontanea, ma non di popolo.

        In effetti mi ero espresso male, e ho confuso ciò che io avevo in testa, con ciò che avevo effettivamente scritto.

  5. Stefania says:

    ….Ma Gheddafi ha distrutto l’esercito trasformandolo in milizia perché temeva esattamente quello che sta succedendo oggi: che ci rivoltassimo contro di lui. Ha spezzettato le forze armate libiche tanto che oggi non siamo più un vero esercito, solo bande di mercenari e distaccamenti isolati. “.

    http://www.womeninthecity.it/index.php?option=com_content&view=article&id=481:bengasi-perche-gheddafi-non-ama-le-donne&catid=123:politics&Itemid=88

  6. Però, se la rivolta coinvolge grandi porzioni dell’esercito, allora diventa uno scontro tra generali (vedi commenti sull’Egitto) e colpo di stato militare. Se, invece, non tocca l’esercito, allora cessa di essere una rivolta popolare.
    Come fa una rivolta ad essere popolare e a non essere un golpe militare/scontro tra generali?

  7. Per Giovanni

    “France’, oltre che camorrista sei pure scemo.”

    Ogni tanto, una battutaccia ci sta.

    Ma mi sa che le fai un po’ troppo spesso per i gusti di questo blog.

    • Ritvan says:

      Miguelito, ti sei dimenticato di aggiungere “Komp…pardon, pioniere:-) Giovanni, birichino che non sei altro, se lo fai ancora non ti do più le caramelline,eh!”:-)

  8. Zerco says:

    per Valerio

    l’ONU non ha modificato i suoi regolamenti alla luce della dottrina R2P. Su impulso di Kofi Annan fu istituita una commissione (ICISS) che, dopo l’11 settembre 2001, emanò un parere in cui si dava facoltà agli stati membri di intervenire in quei paesi i quali non hanno la possibilità o la volontà di esercitare la propria sovranità, invitando il Consiglio di Sicurezza a proporre una risoluzione in tal senso.
    Non mi pare che tale risoluzione sia stata approvata.
    Il parere della commissione è un artificio che lascia intatto il principio di sovranità riconosciuto dalla carta dell’ONU ma nel contempo socchiude la porta alla volontà di ingerenza del CdS. E’ un altro pasticcio del diritto internazionale del nuovo ordine mondiale globalizzato, ma non cambia i regolamenti dell’ONU come dici tu, lascia le cose come prima creando nuova confusione, della quale possono approfittare facilmente chi delle lacune del diritto può abusare a suo piacimento.

    Posso sapere le fonti delle tue informazioni? A meno che tu non sia in Libia come volonteroso o membro del CNT o non sia parente di Robert Fisk, mi pare che i tuoi dati siano sfoderati in modo un po’ troppo preciso (o troppo corrivo) per essere un lettore di blog.

    • valerio says:

      Addirittura corrivo…

      bhè, ora che mi ci fai pensare, forse tutti rischiamo di essere corrivi, sopratutto su questioni così calde e di cui disponiamo solo di fonti parziali, poco verificabili, decidendo, in parte in maniera non coscente, a quali credere e quali no.

      Diciamo che dedico ormai buona parte della mia giornata a studiare la situazione libica.
      Ho persino messo il mio dottorato in stand by per un po’.

      Preciso che il dottorato è in storia e la mia specializzazione è la storia militare (dell’età moderna ad essere sinceri), quindi forse di guerra un po’ ne capisco, molto nè ho letto, o almeno ho alcune competenze per capire e leggere tra le righe delle informazioni che circolano.

      Sull’ONU grazie, il diritto internazionale è una questione a cui mi accosto da profano. Sopratutto se è di strettissima attualità.

  9. valerio says:

    A, dimenticavo, se vuoi puoi trovarmi quasi tutti i giorni sul Blog “tutto in 30 secondi”, dove, ospitato da Lorenzo Declich, seguo la guerra di Libia dal punto di vista militare.

    é un lavoro che faccio da un po’, e che mi ha messo costretto a seguire le notizie con un certo accanimento, ma mi ha anche messo in contatto con un po’ di gente che ha una buona capacità di reperire le fonti.
    Giornalistiche, internautiche e non solo.

  10. Zerco says:

    Allora buon lavoro!

  11. beatimonoculi says:

    Libia. Evviva i “buoni”!

    Alberto B. Mariantoni

    Ci risiamo… Tuh, tuh, tuh tuuuh… Qui Londra, vi parla Ruggero Orlando: I “buoni”, parlano ai “buoni”. Stiamo arrivando a “liberarvi”!
    Ed ancora una volta, come in uno scenario di film a moviola che si ripete instancabilmente all’infinito, i soliti “buoni” dell’Occidente (Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti)[1] – con addirittura, questa volta, il supporto politico[2], militare[3] e logistico[4] degli abituali “struzzi-meharisti”, sempre ben colonizzati ed obbedienti, dell’Italia del 150° Anniversario… – sono volati in “soccorso” delle “povere”, angariate e tormentate “popolazioni” libiche in rivolta, per salvarle, in extremis, dalle ire furenti e vendicative del Colonnello di Tripoli ed offrire loro una sicura chance, di “libertà” e di “democrazia” (sic!)!
    A partire, dunque, dalle 17:45 di Sabato 19 Marzo 2011, i “buoni di cui sopra, in questa occasione con il nome d’arte di “Coalizione dei volenterosi” – nascondendosi furbescamente dietro l’occasionale ed ipocrita “dito” delle Risoluzioni, “1970” (26 Febbraio 2011) e “1973”[5], del 17 Marzo 2011 (approvata, quest’ultima, con soli 10 voti favorevoli, su 15, e 5 astenuti) del Consiglio di Sicurezza dell’ONU – hanno incominciato a sferrare, con le loro rispettive forze aeree militari, i loro sanguinosi e sproporzionati attacchi, contro le installazioni militari (e civili…) del “cattivo” di turno: la Libia del Colonnello Gheddafi.
    Contro la Libia, naturalmente, e non contro lo Yemen o il Bahrein, dove – nonostante il triste computo dei morti civili sia abbastanza comparabile e la repressione dei contestatori altrettanto violenta e brutale – esistono regimi arabi (“moderati”…) che sono strettamente infeudati ai “buoni” di cui sopra. Meno ancora contro Israele, dove – da almeno 63 anni – avvengono più gravi e sistematiche stragi di civili, senza contare le abominevoli e reiterate violazioni dei Diritti dell’Uomo, a danno dell’annosamente martirizzata ed indifesa popolazione palestinese. Ancora meno, contro uno qualsiasi della decina di Paesi nell’Africa nera, dove da all’incirca 30 anni, continuano regolarmente a svolgersi sanguinosissime e poco mediatizzate guerre civili, sistematicamente alimentate (sottobanco…) – in armi, munizioni e tecnici – dal discreto, affaristico e solerte impegno “democratico” degli apparati militaro-industriali dei succitati Paesi “buoni.
    Questo, nel momento in cui, le forze militari e paramilitari del Colonnello Gheddafi erano riuscite, abbastanza rapidamente e con molti sacrifici, a riconquistare un certo numero di località del Centro-Nord, del Centro-Nord-Est e del Nord-Ovest del Paese, fino ad allora, in mano ai “ribelli”.
    In particolare: all’Est di Tripoli – sul litorale mediterraneo o adiacenti a quest’ultimo – i gheddafiani avevano rioccupato: Ras Lanouf, Al Uqalia, Al Bicher, Brega, Misratah/Misurata, Syrte/Sirte, Ajdabiya/Agedabia, fino alle porte di Benghazi; all’Ovest di Tripoli, invece, sempre sulla costa, avevano facilmente ripreso il controllo delle città di As Zawiyyah (nell’omonimo distretto) e di Zuwara/Zuara (distretto di An Niqat Al Khams), nonché del territorio della località di Mellitah (dove esistono importanti impianti ed installazioni che – oltre a far convergere e recepire gas, petrolio e condensati, sia dai pozzi di Bahr Es-Salam, nel Mediterraneo, che da quelli di Wafa, nel deserto, ai confini con la Tunisia – congiungono direttamente, in uscita, il Nord-Ovest della Libia con Capo Passero/Gela, in Sicilia, attraversogli all’incica 520 km. del gasodotto Greenstream).
    Allora, per tentare di accertare il “chi”, “dove”, “come”, ”quando” e “perché” di quella che i Media mainstream dell’Occidente continuano a chiamare “l’intera popolazione libica in rivolta”[6], prendiamoci pazientemente il tempo di andarci a fare un “giretto” da quelle parti.
    Intendiamoci: non per fare il “distinguo”, come i “liberatori” di cui sopra, tra chi sono i buoni e chi sono i cattivi dell’attuale guerra, ma semplicemente, per cercare di non morire ignoranti!
    Ecco, allora, senza nessun commento, l’effettivo quadro della situazione, nel campo dei cosiddetti “ribelli”:

    a. Cirenaica:

    – un buon 30% della grande Tribù (in arabo: qabila) arabizzata[7] degli Az-Zuwayya o Zuwayya o Zawiya che è situata all’Est di Benghazi ed all’interno della porzione di territorio che è formata dalle città di Ajdabia o Agedabia, Jalu e Marsa al Burayqa, con alcune propagini (per ora, rimaste neutrali nell’attuale conflitto) che sono dislocate: da un lato, attorno alla città di Tazirbu o Tazerbu ed all’Oasi di Kufra; dall’altro, nelle vicinanze della città di Sehba, nel Fezzan, essendo legate con una parte della grande Tribù berbera degli Al Asauna[8];
    – alcuni Clan della Tribû arabizzata degli Al Abaydat o Abdiyat o Beidat – all’interno della quale confluiscono all’incirca 15 Clan distinti – che è, in maggioranza, posizionata sulla regione costiera mediterranea, tra la città di Darnah o Darneh e quella di Bardiya o Bardia, con forti presenze individuali, sia a Tobruk che a Benghazi;
    – all’incirca il 30% degli effettivi della grande Tribù arabizzata degli Al Barasa (a cui, tra l’altro, appartiene la seconda moglie del Colonnello, Safia, figlia di un alto dignitario dei Firkeche[9], un Clan molto influente all’interno di questa tribù) che, in parte, è situata a Benghazi e dintorni e, l’altra parte, all’interno del Sud delle regioni di Al Fatih, Al Bayda e Darnah;
    – alcuni elementi della modesta Tribù arabizzata dei Drasa che è insediata nella regione che è compresa tra le città costiere di Tûkrah, Al Bayda e Susah, oltre che a Benghazi;
    – alcuni gruppi della modesta Tribù arabizzata degli Arafah che è situata tra i territori della Tribù dei Darsa e quella degli Al Barasa;
    – alcuni membri della Tribù arabizzata degli Al Awaqir o Awagir (storicamente conosciuta per la sua accanita resistenza contro la colonizzazione italiana) che è insediata nella regione di Barqa o Barkah;
    – diversi membri della Tribù arabizzata dei Mesratha (da non confondersi con gli abitanti della città di Misratah o Misurata, in Tripolitania) che è impiantata, oltre che a Benghazi ed a Darnah o Darneh, parimenti nei loro circondari limitrofi;
    – un buon 20% dei componenti della Tribù arabizzata degli Al Fawakhir che è insediata nella regione cirenaica di Murzuq (all’Est della regione di Ajdabiya o Agedabia), come pure sulle colline di Qārat al Fawākhir e le zone di Qalb Thamad `Ulaywah, Bayādat ash Shajarah, Qarārat Umm Uthaylah, `Unqūd al Yāsirāt, Thamad `Ulaywah, etc.;
    – alcuni membri della Tribù arabizzata dei Tawajeer o Tawaglir che è impiantata, tra Bardiyah o Bardia e l’Oasi di Al Jaghbub o Giarabub;
    – qualche gruppo delle Tribù arabizzate dei Kawar (regione di Kawar o Kauar) e dei Kargala che è insediata, tra il Gebel Akhdar (o Jebell-el-Akhdarr o al-jabal al-ʾaḫḍar o ‘Montagna verde’), l’Oasi di Yégabibs o Yegabob ed il deserto cirenaico;
    – diversi componenti delle Tribù arabizzare dei Ramla, dei Masamir o Masameer e degli Awajilah (tribù, queste ultime, tradizionalmente ubicate a ridosso del confine cirenaico-egiziano);
    – qualche Clan del ramo cirenaico della Tribù araba ed arabizzata degli Al Majabrah[10] o Magiabra (che è insediata nella regione di Jalo o Gialo, a Sud-Est della città di Ajdabia o Agedabia; mentre, la maggioranza – rimasta neutrale o fedele al regime di Gheddafi – è stanziata tradizionalmente al Sud-Ovest di Tripoli e sulle montagne dell’Ovest della Tripolitania);

    b. Syrte o Sirte e Golfo di Sidra (Khalij Syrt):

    – alcuni Clan della Tribù arabizzata degli Al Farjan che è fissata nella città di Sirte, con una sua forte presenza nella regione di Zliten o Zlitan (all’Ovest del Paese, in Tripolitania): un’area costiera, quest’ultima, che è praticamente a sandwich, tra la città di Al Kums o Al Khoms (distretto di Al Murgub) e quella di Misratah o Misurata, del distretto omonimo;
    – un’esigua minoranza della Tribù arabizzata degli Al Magharba che è impiantata al Nord-Est di questa regione, tra le località di As Sidrah e quella di Marsa al Burayqah;

    c. Tripolitania:

    – all’incirca il 3-4% della Tribù araba[11] degli Orfella o Warfalla o Werfella (la più numerosa della Libia, con i suoi 52 Clan ed all’incirca 1 milione di effettivi): quella frazione della medesima tricù, cioè, che, nel caso particolare, è insediata all’interno del distretto montagnoso di Bani Walid (125 km. al Sud di Tripoli)[12]; mentre la quasi totalità degli Orfella o Warfalla o Werfella (che, fino ad ora, sembra, siano rimasti neutrali o fedeli al regime di Gheddafi) è insediata nel distretto di Misratah o Misurata ed, in parte, in quello di Sawfajjn;
    – una parte della Tribù arabizzata degli Az Zintan o Zentan che è allogata a circa 150 km. al Sud-Ovest di Tripoli, a mezza costa, sui rilievi montagnosi occidentali, in un territorio idealmente delimitato dalle città berbere di Kabaw, Jado, Yefren e Nalut;
    – alcuni Clan della Tribù berbera (leggermente arabizzata) degli Awlad Busayf che è stabilita sulla regione costiera di Az Zawiyah;
    – alcuni gruppi dissidenti della Tribù berbera degli Ait Willul che sono impiantati, sempre sul litorale, tra le città di Zuwarah o Zuara, di Al Mangub e la località di Ras Jedir o Gedir, sul confine libico-tunisino.

    Insomma, come abbiamo potuto constatare, quella che, fino ad oggi – con la flagrante ed inaccettabile complicità dei Media embedded dell’Occidente – ci è stata definita e “venduta” come “la rivolta generalizzata dell’intera popolazione libica, contro il regime del Colonnello Gheddafi”, ha piuttosto l’aria di essere un’ordinaria o straordinaria insurrezione di alcune frazioni di Tribù del Paese, contro quelle – senz’altro molto più numerose (almeno il 60%, su all’incirca 140 tribù che conta la Libia) – che continuano ad appoggiare e sostenere il medesimo regime.
    Ecco, ora, dunque, per cercare di capire meglio la situazione, il “filo conduttore” ideologico (democratico?) della rivolta in questione…

    La Senussiya

    Chi ha un minimo di dimestichezza con la Libia, sa perfettamente[13] che il principale ed indissolubile “legame” (generalmente invisibile o inavvertibile, ai non “addetti ai lavori”…) che, da almeno due secoli, tende a mettere in relazione ed a tenere unite – e molto di più, nell’attuale situazione di Guerra civile, collettivamente solidali e cobelligeranti – le suddette, diverse, variegate e parziali realtà geo-etnico-politico-tribali (attualmente in aperta ribellione armata contro il regime di Mu’ammar Gheddafi), non può essere nient’altro che il loro specifico, caratteristico e comune credo religioso. Nel caso particolare, una fede – non soltanto nei principi e nei valori, nei dogmi e nella tradizione, dell’Islam sunnita[14] di “scuola” malikita[15] (confessione e rito, nei quali la maggioranza dei maghrebini musulmani – ed a maggior ragione libici – ha solitamente tendenza a riconoscersi), ma addirittura – in una specifica ed esclusiva “lettura” ed interpretazione del sunnismo-malikita: quella, per l’appunto, che è ordinariamente rivendicata, espressa, professata, propagandata e diffusa dai membri di una singolare e poco nota (in Occidente) Setta (in arabo: firqa) o Confraternita (tariqa) mistico-missionaria-militante dell’Islam sunnita che esiste ed opera in Libia ed in alcuni Paesi dell’Africa sahariana e centrale, e che risponde all’appellativo o alla denominazione di Senussiya.
    Questa Confraternita, infatti, a differenza di molte altre dello stesso genere o filone, non preconizza solamente – come, ad esempio, i Wahhâbiti[16] o (forse) gli Zaiditi[17] – il ritorno dei fedeli, al Corano (al-Qur’ân)[18] ed alla Sunna (la tradizione che si riferisce alla vita ed all’insegnamento del Profeta Muhammad). Essa annuncia, proclama e pretende altresì – aggiuntivamente – il rifiuto della semplice “imitazione” (taqlid)[19] delle vie tracciate dai principali e tradizionali Saggi dell’Islam, e la sistematica e puntuale riapertura della “porta dell’ijtihâd” (lo “sforzo di riflessione”)[20] che, secondo la maggior parte degli storici delle consuetudini e della prassi di questa religione, sarebbe stata definitivamente chiusa nel IV secolo dell’Egira (il nostro X secolo).
    Va da sé, dunque, che questo suo modo di concepire e vivere l’Islam – a causa delle sue “innovazioni” (bid’a) dottrinali – ha generalmente tendenza ad essere contestato e condannato (o quanto meno, biasimato, respinto o censurato…), sia dalla maggioranza dei teologi delle “scuole” hanafita, shafita e hanabalita che da quelli della “scuola” malikita[21].
    Altro, dunque, che “anelito di libertà” e di “democrazia” di “tutto un popolo” che ci viene enfaticamente sottolineato dalla maggior parte dei “nostri” politici e ripappagallato, parola per parola, fino alla noia, dall’insieme dei Media meanstream dell’Occidente!
    La Setta Senussita, infatti – che perfino il grande Jules Verne (1828-1905), nel suo romanzo, intitolato Mathias Sandorf[22], non aveva affatto esitato, già nel suo tempo, a definire o ad acquarellare, come semplicemente “delirante ed estremamente aggressiva” – venne fondata nel 1837, sul monte Abû Qubais (nella Penisola arabica, a prossimità della città di Mecca), da un berbero della Tribù algerina (secondo le diverse fonti) dei Walad Sidi Abdallah o dei Medjaher e del Clan degli Ulad o Ulad Sidi Jusuf (Clan insediato, all’epoca, nella regione di Hillil o al-Wasita, a prossimità delle città di Relizane e di Mostaganem), di nome Sayyed o Sidi Muhammad al-Sanûsi o al-Senussi[23] (1787-1859 o 1792-1859): un personaggio, bonariamente soprannominato Ben Al-Attzoc, e la cui famiglia pretendeva[24] di discendere dal Profeta dell’Islam, via sua figlia Fatima, e, di conseguenza, aveva tendenza ad auto-fregiari del titolo di Sharîf dell’Islam.
    Questa particolare tariqa (o Confraternita) incominciò ad impiantarsi ed a funzionare, in Libia, nel 1843. Inizialmente, per puro caso: quando, cioè, il medesimo Muhammad al-Sanûsi o al-Senussi (il suo fondatore) – essendo di passaggio in questo Paese, nel corso di un suo ordinario viaggio di trasferimento dall’Egitto all’Algeria – decise di realizzare a Baida (nei pressi dell’antica città di Cirene), un suo primo centro religioso (zâwiya). E, qualche anno dopo, nel 1856, quando, il medesimo personaggio, ritenne opportuno prendere di nuovo l’iniziativa di istituire una seconda e più importante zâwiya (divenuta, poi, in seguito, la sede principale di questa Confraternita) nell’Oasi di Jaghbub o Giarabub[25]: una località situata a circa 300 km. dalla costa mediterranea, ed al crocevia di una serie di piste carovaniere che conducono a Bir Tengeder ed a Bir El-Gobi, nonché alle oasi di Jalo o Gialo e di Augila (sempre in Libia) e di Siwa, in Egitto.
    Negli anni successivi, dopo il successo ottenuto da quei primi Centri religiosi, incominceranno a fiorire numerose altre zâwiya: ad esempio, quella di Misratah o Misurata (nella regione della Sirte), di Bani Walid e di Homs (in Tripolitania), di Benghazi e di Derna (in Cirenaica), di Amamra, di Mezdha (situata al Sud di Gharian), di Ghadames, di Matrès (all’Est di Ghadames), di Murzuk e di Zuila (nel Fezzan), etc. Questo, fino a coprire, con la presenza e l’attività di proselitismo dei suoi numerosi ed intraprendenti missionari, non soltanto la maggior parte delle città e distretti amministrativi della Libia, ma ugualmente numerose regioni (vilâyet) fuori da quest’ultima, come alcune località del Sahara, del Nord del Ciad e del Niger, e parimenti dell’Ovest dell’Egitto e del Sudan, nonché del Sud della Tunisia e dell’Algeria.
    Sin dall’inizio della sua attività in Libia, la conduzione politico-culturale-religiosa di questa Setta ebbe ad assumere un carattere prettamente dinastico e gerarchico. Caratteristica che sarà successivamente ed invariabilmente confermata da tutti i naturali discendenti del primo fondatore[26]: vale a dire, da Sayyed o Sidi Muhammad bin ‘Ali al-Sanûsi o al-Senussi (1843-1859); da Sayyed o Sidi Muhammad al-Mahdi bin Sayed Muhammad al-Sanûsi o al-Senussi (1859-1902); da Sayyed o Sidi Ahmad al-Sharîf bin Sayyed Muhammad al-Sharîf al-Sanûsi o al-Senussi (1902-1916) e, dulcis in fundo, da Sayyed o Sidi Muhammad Idris al-Mahdi al-Sanûsi o al-Senussi (1916-1969). Personaggio, quest’ultimo, che il 24 Dicembre del 1951, diventerà – grazie alla volontà ed agli inconfessabili interessi degli Inglesi e degli Americani che allora occupavano militarmente il Paese – il Primo re di Libia, con il nome di Idris I. E’, dunque, questo re, ed allora capo pro-tempore della Senussiya, che venne militarmente spodestato da Gheddafi e dagli Ufficiali nasseriani, il 1 Settembre 1969.
    L’organizzazione gerarchica di questa Setta, ancora oggi (anche se segretamente, in quanto, il Libia, dagli anni ’70, è chiaramente proibita!), è immutabilmente così composta…
    A suo vertice, c’è lo Sheikh Supremo (o Sceicco detentore della “Santa Barakah”[27]). Carica e responsabilità che sono attualmente rivestite e personificate dall’ultimo rampollo, in ordine di tempo, della famiglia del solito primo fondatore: cioè, in questo caso, da Sayyed o Sidi Muhammad bin Sayyed Hasan ar-Rida al-Mahdi al-Sanûsi o al-Senussi (1992-fino ad oggi) che, con molta discrezione e diplomazia, dal suo confidenziale e dorato esilio di Londra, continua a dirigere (per conto terzi?) questa Confraternita.
    Subito dopo, nell’immediato sott’ordine, troviamo tre principali alti dignitari: il Gran Khalifa (o Vicario dello Sceicco Supremo); l’Ukil o l’Uqil (o Amministratore/Tesoriere); ed il Responsabile centrale dell’insieme dei tolba[28] (gli studenti coranici) delle zâwiya della Setta.
    In una porzione di grado leggermente inferiore, troviamo una serie di Sheikh el-zâwiya che altro non sono che dei responsabili ufficiali e qualificati dei diversi Centri religiosi regionali della Confraternita. Seguono a ruota, e praticamente a “pioggia” verso il basso, una miriade di medi e piccoli Mokkaddem (direttori o soprintendenti) che, generalmente, sono permanentemente impiantati nelle diverse regioni e province di maggiore interesse di questa Congregazione, oppure hanno l’incarico speciale – in nome e per conto di quest’ultima – di svolgere la particolare, delicata ed aggregante mansione di missionari itineranti.
    L’insieme dei succitati dignitari – per potere rivestire le cariche che rivestono ed esercitare gli incarichi che esercitano – hanno l’assoluta e indispensabile necessità di potere prioritariamente vantare il possesso di quello che viene chiamato il “diploma mistico” (Ijéza o Igéza). E per riuscire a poterlo conseguire – in uno qualsiasi dei diversi “gradi” previsti (un po’ come all’Università) dall’ordinamento interno della Setta – debbono ugualmente e preventivamente avere frequentato e superato le lunghe, esigenti ed intransigenti trafile ideologico-teologico-religiose all’interno delle principali madaariss (al singolare: madrassa = “scuola coranica”) della loro Congregazione.
    In fine, al più basso “gradino” del medesimo ordine gerarchico interno, troviamo l’insieme degli affiliati a questa Confraternita. I quali, a loro volta, sono ugualmente ed individualmente distinti e differenziati (secondo la loro personale sensibilità, il livello di convinzione e/o la loro specifica preparazione spirituale) in, Responsabili di cellula, militanti e semplici aderenti e simpatizzanti.
    Insomma, l’immagine che tende ad emergere o ad evidenziarsi da un qualsiasi approfondimento del modo di essere, di esistere e di agire di questa peculiare Comunità di fedeli, è quella di una particolare organizzazione di iniziati ideologico-teologico-religiosi (khuan) che è estremamente e particolarmente ordinata, affiatata e strutturata. Una specie di organismo “para-militare”, cioè, che lascia a sua volta intuire o dedurre che, al suo interno, i singoli membri della Setta, non siano soltanto dei convinti, mansueti e subordinati adepti che accettano semplicemente ed attivamente di frequentare le prescritte riunioni religiose collettive (hadrah) di ogni Venerdì di preghiera. Ma bensì, un vero e proprio corpus gerarchico che è disciplinatamente predisposto, sia ad obbedire ciecamente all’insieme dei dettami dei suoi diretti superiori che a difendere, contro chiunque e con qualsiasi mezzo, la particolare dottrina dell’Islam nella quale ognuno di loro tende ordinariamente a riconoscersi e ad identificarsi, nonché a cercare di materializzare l’insieme degli scopi che sono comunemente perseguiti dalla loro Confraternita. A maggior ragione, in una situazione di aperta rivolta contro le istituzioni del regime del Colonnello Gheddafi, come quella a cui stiamo assistendo dal 17 Febbraio ad oggi.
    E’ questa Setta politico-religiosa, in ogni caso, per intenderci, che è la famosa “al-Qaida” di cui continua sistematicamente a parlare il Colonnello libico, nei suoi ormai quasi quotidiani ed accalorati speech televisivi. E contro la quale, sin dall’inizio della rivolta, minacciandola di drastiche e sanguinose rappresaglie, ha cercato di mettere in guardia quelli che, fino al giorno prima, lui aveva ingenuamente creduto che fossero davvero diventati i suoi “amici” dell’Occidente!
    Ora, se per pura ipotesi – dopo aver tenuto in seria e ponderata considerazione la natura e la portata di questa Confraternita – si potesse ugualmente accertare che dei particolari interessi economici esterni o estranei alla Libia, per degli scopi che ancora non conosciamo (sottrarre, ad esempio, all’Italia[29] la sua invidiata ed ambita manna petrolifera e gasiera di cui, fino a prima della crisi, stava godendo, in maniera privilegiata?), siano riusciti – in questa occasione – a corrompere o a manipolare i principali responsabili della suddetta Setta, si potrebbe altresì ed analogamente comprendere tutta una serie di altri aspetti della “guerra civile” in questione. Tra i tanti, uno in particolare: la facilità, cioè, con la quale, i dirigenti della Confraternita in questione, sono stati capaci, da un giorno all’altro, di mobilitare, da un lato, l’insieme dei loro adepti (che – come abbiamo visto – sono disparatamente ed irregolarmente disseminati all’interno delle diverse e variegate tribù e regioni del Paese) e, dall’altro, di farli simultaneamente e collettivamente insorgere in armi (con tanto di “consiglieri” di “specialisti miltari” fatti espressamente giungere dall’Afghanistan…) e con flagrante ed indiscutibile sincronia militare, contro le istituzioni della Jamahiriya libica.
    La “prova del nove” di questa mia “scorretta” e sicuramente “disturbante” ipotesi, essendo che la pretesa “insurrezione popolare” è stata solo ed unicamente registrata – guarda caso… – in quelle località della Libia, dove la Senussiya è sempre stata e continua ad essere maggiormente presente ed influente.
    Insomma, per concludere, mi pongo e pongo al lettore questa domanda: dopo aver constatato ciò che finora abbiamo avuto la possibilità di constatare, non incominciano ad apparire, ai nostri occhi, come un po’ strane e sospette, sia l’improvvisa e generalizzata “rivolta delle popolazioni libiche” che la successiva, aggressiva e sproporzionata solerzia con la quale, la Francia (Total-Fina) in primis, ed i soliti “liberatori” di sempre, Stati Uniti (ExxonMobil + Chevron + Occidental Petroleum) e Gran Bretagna (British Petrleum + Shell), hanno preso la frettolosa e drastica iniziativa di intervenire militarmente, come delle vere e proprie parti in causa, nella “guerra civile” (o tentativo di Colpo di Stato?) che sta vivendo la Libia, dal mese di Febbraio scorso?

    [1] Sul “diritto”, i “principi” e la “morale” invocati dai suddetti “buoni”, vedere: http://www.abmariantoni.altervista.org/internazionale/Crisi_libica_o_attacco_a_Italia_1.pdf – per le aggressioni militari dei soli Stati Uniti, vedere: http://www.youtube.com/watch?v=5aEOm1lRLD0&feature=related
    [2] Le stolte ed affrettate dichiarazioni di “circostanza” dell’insieme– salvo Bossi e la Lega – della classe politica italiana, tradizionalmente asservita ai voleri ed ai ricatti dei “Padroni del mondo”.
    [3] Alcuni Tornado che continuano incessantemente a decollare dall’aeroporto militare di Trapani-Birgi, in Sicilia.
    [4] Per potersene sincerarsene: http://www.youtube.com/watch?v=zta5359CHhA
    [5] Per il testo integrale di questa Risoluzione, vedere: http://www.ticinolive.ch/esteri/no-fly-zone-il-testo-della-risoluzione-del-consiglio-di-sicurezza-dellonu-13858.html
    [6] Un’ “intera popolazione” che – secondo le immagini che ci sono state fino ad ora trasmesse – si riduce, in realtà, a qualche centinaio di manifestanti nelle strade di Benghazi e di Misurata, e qualche decina di insorti in armi che in posa, davanti alle telecamere, mentre agitano i loro mitra o manovrano due o tre gipponi Mazda o uno o due vecchi carri armati ex-sovietici, illegalmente sottratti alla Forze armate del Paese.
    [7] Le uniche tribù arabe della Libia, infatti, sono esclusivamente i discendenti dei Bani Salim o Salem che – insieme ai Bani Hilal (i cui discendenti, in maggioranza, secondo la tradizione, sarebbero, oggi, i membri della Tribù degli Orfella o Warfalla o Werfella, in Tripolitania) – penetrarono in questo Paese e vi si stanziarono (i primi, in Cirenaica; i secondi, in Tripolitania), in provenienza dalla Penisola arabica, al seguito dell’espansione militare verso il Maghreb e la Spagna (El-Andalus), dei regni Fatimidi d’Egitto, nell’XI secolo.
    [8] Tribù, in maggioranza, rimasta fedele, per ora, alla Jamahiriya libica, essendo legata, sia alla maggioranza della Tribù degli Orfella o Werfella o Werfalla della Tripolitania che alla Tribù degli Awlah Soleiman o Soluiman (per il momento, rimasta neutrale) del Fezzan.
    [9] Clan rimasto fedele al Colonnello di Tripoli.
    [10] A cui appartiene il Comandante in capo delle Forze Armate libiche (chiamate: Es.Shaâb El Mussalah o “popolo armato”), il Generale Abu-Baker Yunis Jaber o Giaber (uno dei 12 Ufficiali che, con Gheddafi, realizzarono il Colpo di Stato nasseriano del 1 Settembre 1969).
    [11] Come ho già precisato, la tradizione li considera discendenti diretti dell’antica Tribù Araba, di confessione Musulmana-Fatimida, dei Bani Hilal, giunti in Libia, nell’XI secolo, assieme ai Bani Salim o Banu Salem (in tutto, all’epoca, qualche migliaio).
    [12] Località che ospita ugualmente i membri della Tribù arabizzata degli Al Riaina o Rayaina che, per ragioni di rivalità clanistica, si è invece completamente schierata con il Colonnello Gheddafi.
    [13] Strano, insomma, che lo sappia io, e non i più alti responsabili del Ministero degli Esteri e del Governo italiano!
    [14] Designati variabilmente ed indistintamente con il nome arabo diahl al-sunna wa ‘l-giama’a (letteralmente, le ‘genti della tradizione e dell’assemblea’), di ahl al-Kitab wa ‘l-sunna (le ‘genti del Libro e della tradizione’), di ahl al-giama’a (le ‘genti dell’assemblea o della comunità’), di ahl al-hadith (les ‘genti delle fonti imitative’) o di ahl al-igtima (le ‘genti del consenso’), i Sunniti corrispondono generalmente ad una visione particolare dell’Islam. Quella per l’appunto, che scaturisce da una concezione generalmente maggioritaria e conformista di questa religione, ed allo stesso tempo moderata e realista. Senza essere ‘ortodossi’ – poiché l’Islam non conosce nessun magistero capace di definire una tale norma – i rappresentanti di questa dottrina si presentano come i ‘portavoce qualificati del pensiero di Muhammad (come d’altronde lo farebbe qualunque Setta o Fazione di questa religione) e tendono ad esplicitare il loro pensiero attraverso una catena ininterrotta di garanti, depositari ed interpreti fedeli dell’insegnamento del Profeta.
    [15] Vale a dire, quella “scuola” che tende a riconoscersi negli insegnamenti religiosi del teologo Malik inb Anas (m. 795). Le altre “scuole” di rito sunnita, essendo: quella hanafita, del teologo arabo-persiano Abu Hanifa (m. 767); quella shafita, del teologo ash-Shafii (m. 820); quella hanabalita, del teologo Ibn Hanbal (m. 855).
    [16] Il Wahhâbismo è una dottrina che è nata in seno alla “scuola” hanabalita. E’ stato fondato (1745) e guidato inizialmente da Mohammed ibn Abd el-Wahhâb (1703 -1792), uno sceicco arabo della tribù dei Banû Tamim, e futuro alleato del principe Mohammed ben Saoud ben Mohammed, detto ibn Saoud (1710 -1765), il capostipite dell’attuale monarchia saudita. Da cui, il fatto che il Wahhâbismo è stato, e continua ad essere, la tendenza religiosa ufficiale dell’attuale Arabia Saudita.
    [17] “Seguaci di Zaid ibn ‘Ali (riformatore religioso musulmano dell’VIII secolo, nipote di Husayn – uno dei figli del quarto Califfo ‘Ali e, dunque, parente del Profeta Muhammad) e costituenti una delle più importanti correnti Shi’ite” (http://www.sapere.it/enciclopedia/Zaiditi.html). Gli affiliati a questa Confraternita continuano a possedere alcuni centri di influenza politico-religiosa sulle montagne a Sud del Caspio e nello Yemen, con qualche propaggine in Africa.
    [18] Dalla radice QaRa’A che significa recitare, recitare salmodiando, declamare, leggere, leggere attentamente, studiare. Chiamato ugualmente El–tenzît (“la Rivelazione”) o Kitâb-Allah (“il Libro di Dio”) o El-Kitâb (“il Libro”), l’intero Corano comprende 114 Sure (o Capitoli); ogni Sura è composta da un numero variabile di Ayat o āyyāt (versetti), per un totale di all’incirca 6.236 versetti e 77.250 parole.
    [19] Seguire, cioè, senza discuterle, le decisioni dell’Autorità religiosa, nei vari campi abbordati, senza dovere necessariamente esaminare, criticare o rimettere in discussione le interpretazioni verbali o scritte che hanno inizialmente giustificato quella decisione.
    [20] Lo sforzo, cioè, che originariamente fu compiuto dai primi ‘Ulemā (Teologi), dai primi Mufti (Responsabili che sono in grado dare delle risposte decisive su delle controversie o di fare conoscere la verità attraverso una risposta giuridica) e dai primi Fuqahā (Giuristi) musulmani, per cercare di interpretare il più oggettivamente possibile i testi fondatori dell’Islam e poterne dedurre la Sha’ria (il “Diritto musulmano”). Questo, al solo fine di potere correttamente informare i fedeli di questa religione, a proposito di ciò che, per loro, è lecito, illecito o disapprovato/vietato.
    [21] “Pretesa che fu condannata a Cairo, già nel 1843, da un malikita, le Sheik ‘Alaish, l’avversario di Jamâl al-Din al-Afghani” (Henri Laoust, Les schismes de l’Islam, Payot, Paris, 1983, pag. 355).
    [22] Romanzo scaricabile su questo sito: http://www.livres-et-ebooks.fr/ebooks/Mathias_Sandorf-4608/
    [23] Per esteso: Sheikh Sidi Muhammad ben Ali ben El Senussi el Khettabi el Hassani el Idrissi el Mehajiri.
    [24] Dico “pretendeva”, in quanto, essendo di origine berbera, difficilmente, a mio giudizio, avrebbe potuto discendere da Abu al-Qâsim Muhammad ibn ‘Abd Allah ibn ‘Abd al-Muttalib ibn Hâshim (in chiaro: Muhammad, figlio di Abdallah e di Aamina, appartenente al Clan degli Hâshim ed alla Tribù araba dei Quraysh), Messaggero di Allah (Rassul-Allâh), Vicario (Khalifa) e Sigillo dei Profeti (Khatam-al-Nabíyín). In altre parole, il nostro Maometto.
    [25] Luogo abbastanza conosciuto, in Italia, poiché li – tra il 9 Febbraio ed il 21 Marzo del 1941 – si svolse la celebre ed eroica resistenza ad oltranza del presidio militare italo-libico comandato dal Colonnello Salvatore Castagna, che era stato accerchiato da preponderanti forze britanniche ed australiane, nel corso della Seconda guerra mondiale (per saperne di più sull’argomento, vedere: Salvatore Castagna, «La difesa di Giarabub», Ed. Longanesi & C., Milano, 1958).
    [26] Che è considerato, dai fedeli di questa Confraternita, il Mahdi (Imam nascosto) o il Sahib al-waqt (o Maestro dell’ora) della fine dei tempi, che un giorno ritornerà sulla Terra, per ristabilire la pace e la giustizia.
    [27] Saggezza o Benedizione (inviata da Allah).
    [28] In arabo: taleb o t’aleb = studente; tolba o t’olba = studenti. Da cui, l’appellativo forzatamente occidentalizzato di “talebani” che è stato diffuso, dai Media, nel contesto di un altro scenario di “guerra per la pace”: quello che conosciamo dal 2001, da quando è iniziata la Guerra in Afghanistan.
    [29] Per farsene un’idea e cercare di capire, vedere: http://salvatoretamburro.blogspot.com/2011/03/libia-colpo-di-stato-usa-nato-in-atto.html

  12. Pingback: Libia, arrivano (per davvero) i mercenari - Kelebek - Webpedia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>