Tunisia, Ben Ali se ne va

Gli albergatori della Costa Smeralda adesso aspettano  il signor Hosni Mubarak, il signor Mohammed (cognome incerto) del Marocco e il signor Abdallah Hashimi della Giordania, nonché il signor Fahd al-Sa’ud dell’Arabia sua. Nonché numerosi altri oziosi e perditempo delle stesse parti, che al Billionaire saprebbero comunque fare la loro figura. In avanscoperta, hanno già mandato la signorina Karima el-Mahroug, meglio nota come  Ruby.

163107_490519176914_349930726914_6157427_1446255_n.jpg.scaled1000

Il Ministero degli Interni a Tunisi, oggi pomeriggio

Print Friendly
This entry was posted in islam and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Tunisia, Ben Ali se ne va

  1. NP says:

    Ciao!
    Credo che il cognome del re del Marocco Mohamed VI sia Al ‘Alawi, comunque non credo che in Marocco ci sia tutto questa volontà di cacciare il re, visto che le uniche riforme sociali importanti sono state fortemente volute da lui.

  2. Karakitap says:

    Ma il cognome del re del Marocco non dovrebbe essere quello della tribù del Profeta, dato che si vanta di essere suo discendente, come del resto anche il re di Giordania?
    Comunque, io aspetterei a gioire, credo che anche da quelle parti sanno che bisogna cambiare tutto affinché tutto resti uguale, e mica è detto che i nuovi governanti tunisini (chiunque siano) non facciano rimpiangere Ben Ali.
    Che questi tirannelli abbiano fatto più il loro comodo che non quello dei loro paesi è chiari, ma non saprei dire se i loro successori saranno migliori (in questi casi mi viene sempre in mente l’apologo della vecchietta e del tiranno di Siracusa).
    Quanto a Ruby, beh, mi pare si tratti di un ottimo esempio di “conversione” ai nostri valori, nevvero? :-)
    Salutoni, Karakitap

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>