Netanyahu alle destre d’Occidente, “Noi e voi siamo guidati dalla legge di Dio”

Ieri, Maratona Oratoria a sostegno di Israele al Tempio di Adriano, organizzato da Fiamma Nirenstein.

Con due messaggi fondamentali:

Uno, Israele è Occidente, l’Occidente è Israele, e il resto è il Nemico. Di Israele e dell’Occidente. Dove per Occidente, s’intende più o meno il giro di ricevimenti e affini – magari anche a Bangkok – in cui si trovano a casa loro persone come Silvio Berlusconi.

Due,

“Di una cosa non si può discutere: la legittimità dell’esistenza di Israele che non ammette nè se nè ma.” (Ansa, LC 07-OTT-10 22:13).

Non sono un giurista e quindi non ho mai messo in discussione la legittimità della Jugoslavia,  dell’impero ottomano o del Gay and Lesbian Kingdom of the Coral Sea Islands. Figuriamoci se ho voglia di discutere di quella di Israele.

Eccovi alcuni degli interventi, scritti o fatti di persona, alla maratona della Nirenstein.

Binyamin Netanyahu, primo ministro israeliano. Su cui ci sarebbe tanto da dire, limitiamoci alla promessa che ha fatto di non permettere mai che un israeliano venga estradato per crimini di guerra:

«Grazie per sostenere Israele, grazie per sostenere la verità. I nostri nemici ci dipingono come aggressori mentre noi siamo vittime e non vogliono riconoscere il nostro diritto all’autodifesa. Molti in Europa hanno dimenticato che Israele e l’Europa condividono valori primari come la libertà individuale, i diritti civili delle minoranze, delle donne, degli omosessuali. Noi e voi siamo guidati dalla legge di Dio. Questi valori sono difesi in Medio Oriente solo da Israele: per questo motivo difendendo Israele l’Europa difende se stessa» (ANSA). BRN 07-OTT-10 19:43

Renato Schifani, passato dalla Sicula Brokers alla presidenza del Senato, risolve il problema che fa impazzire tanti cartografi alle prese con un paese senza costituzione e senza  frontiere:

»Oggi i confini di Israele non sono mero dato geografico, sono i confini della nostra stessa Patria, i confini della nostra civiltà, i confini della nostra storia«. (Pol/Gs/Adnkronos) 07-OTT-10 11:11

E non ci provate con la solita tiritera secondo cui Israele sarebbe qualcosa di diverso dall’imperialismo occidentale, che se no Schifani ti accuserà di antisemitismo.

José Maria Aznar, ex-premier spagnolo, è fondatore della Friends of Israel Initiative assieme a vari notevoli soggetti:

Israele «non è un paese del Medio Oriente, ma un paese occidentale del Medio Oriente».  «Condividiamo con Israele la stessa storia e le stesse minacce – ha aggiunto Aznar – non c’è differenza tra un ebreo, un cristiano, un agnostico». Aznar ha poi sottolineato che «ogni problema di Israele è un problema di tutti noi». Infine l’ex premier, dopo aver ricordato la fondazione che ha creato, ‘Friends of Israel’, ha detto che va combattuta con forte e rigettata ogni «delegittimazione di Israele».(ANSA). LC-AMB/DGP 07-OTT-10 20:11

«Io credo che Israele, una terra normale ma anche piena di opportunità, non sia un Paese del Medio Oriente, ma un Paese occidentale in Medio Oriente. Condividiamo la stessa storia, le stesse tradizioni e in questo momento anche le stesse minacce». «La discussione sul diritto ad esistere di Israele è una discussione sul diritto ad esistere di tutti noi -ha aggiunto Aznar- delegittimare e demonizzare Israele significa fare la stessa cosa ai valori occidentali. L’iniziativa ‘Friends of Israel’ non è qui per difendere una linea politica ma per difendere il diritto ad esistere della nostra democrazia». (Cmu/Ct/Adnkronos) 07-OTT-10 21:07

Il concetto che Israele non è mediorientale ma è normale è l’equivalente politicamente corretto di una barzelletta sui negri cannibali.

A proposito di barzellette, Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio, manda a dire che lui si sente israeliano: l’acquisizione del passaporto spirituale risale, secondo l’agenzia stampa che si vuole prendere  per buona, o a un suo viaggio (in aereo, non in carro bestiame) ad Auschwitz:

«La visita al campo di sterminio di Auschwitz – insieme all’orrore per la barbarie dell’Olocausto – mi ha trasmesso un sentimento di solidarietà incancellabile: da allora anche io mi sento israeliano». «In tutta la mia vita sono stato un amico di Israele» perchè «i sentimenti, le ragioni ed i valori che ci uniscono sono numerosi e, per me, fortissimi».(ANSA). AMB-LC/MB 07-OTT-10 18:33

oppure più o meno da quando è nato:

Il presidente del Consiglio ha quindi sottolineato come il suo ‘sentirsi israeliano’ sia stata «una convinzione che ho conservato sempre, prima come privato e poi come capo del Governo. Una convinzione che tuttora si nutre di valori comuni, non solo di sentimenti». «Tutelare i valori e l’identità di Israele – continua il Cavaliere – significa difendere i nostri stessi valori, e significa trasmettere alle generazioni future un messaggio di libertà e di democrazia. A questi principi si sono ispirate in modo costante le scelte dei governi che ho avuto l’onore di presiedere. Come ho detto quando ho avuto l’onore di parlare davanti alla Knesset, la sicurezza di Israele nei suoi confini ed il suo diritto di esistere come Stato ebraico sono per noi italiani una scelta etica ed un imperativo morale contro ogni ritorno dell’antisemitismo e del negazionismo e contro le minacce anche recenti, per noi intollerabili di aggredire e distruggere lo Stato di Israele».

Insomma, ha concluso,

«la nostra amicizia per Israele è franca, aperta e reciproca. Non è solo vicinanza verbale, non è solo democrazia ma è un moto dell’anima e viene dal cuore».(ANSA). AMB-LC/MB 07-OTT-10 18:47

Alain Elkann, consigliere per gli eventi culturali e per i rapporti con l’estero del ministro Sandro Bondi, invece lancia un ragionamento straordinariamente perverso:

«Innanzitutto tutti gli ebrei dovrebbero sentirsi israeliani, nel senso che dovrebbero partecipare di più alla vita di Israele. Dire ‘voi ebrei non c’entrate, è colpa degli israeliani’ è soltanto antisemitismo nascosto. Il mio appello è questo: tutti gli ebrei del mondo si sentano israeliani». (Cmu/Ct/Adnkronos) 07-OTT-10 19:25

Ricapitoliamo. Soldati israeliani, eseguendo gli ordini del proprio governo, non fanno passare da un checkpoint la signora Rihab Nofal, lasciandola morire mentre partorisce davanti a loro.  Secondo Elkann, anche un tranquillo studente americano di fisica, che si fa i fatti suoi a Boston, dovrebbe sentirsi complice dell’omicidio perché ha i nonni ebrei, e se non lo fa, è colpevole di tradimento verso il clan.

Per fortuna, dall’altra parte non ragionano così. Come dice Abu Obaida Shakir, portavoce del movimento palestinese Jihad Islamico:

“La Palestina va restituita alla sua legittima popolazione. Una volta che questo è stato ottenuto, siamo pronti a vivere assieme ai nostri fratelli cristiani ed ebrei in un unico stato liberato dall’aggressione sionista. Noi non combattiamo gli ebrei in quanto ebrei, ma perché sono gli aggressori e gli occupanti di una terra che non è loro e perché hanno provocato l’espulsione del popolo palestinese. Voglio sottolineare questo punto, in modo che nessuno confonda le cose.”

Ora, Elkann dice che chi non confonde le cose, chi nega l’esistenza della colpa collettiva degli ebrei, è un antisemita.

Maurizio Gasparri, presidente del gruppo PdL, è come al solito giulivo:

“Per fortuna l’Italia ha un governo guidato da Silvio Berlusconi che ha sempre avuto posizioni chiare, difendendo la libertà di Israele e volendo testimoniare la verità in favore di questo Stato e di questo popolo.”  (ANSA). COM-CLA 07-OTT-10 18:29

Gianfranco Fini, eletto prima presidente della Camera e poi Unico Figo del Radetski Bar di Milano, ribadisce la fondamentale unità d’Israele con l’Occidente imperiale:

«Israele è l’avamposto della democrazia dei valori dell’Occidente in Medio Oriente». «Ciò rende tanto più essenziale – prosegue il messaggio in avvio della manifestazione – l’impegno della comunità internazionale nell’assicurare la solidarietà allo Stato di Israele, nel garantire il suo diritto di esistere entro confini sicuri e nel contribuire a creare quelle condizioni che rendano tale diritto compatibile con il riconoscimento di uno stato per i palestinesi». «[ritengo che] un forte condiviso sostegno dell’Europa e del mondo occidentale, volto ad assicurare la posizione dello Stato di Israele possa anche contribuire alla realizzazione delle legittime aspettativa del popolo palestinese»

Quest’ultimo è un ragionamento curioso: se tutte le potenze occidentali, con i loro eserciti, missili, denaro e poliziotti, si schierano decisamente dalla parte dell’unica potenza nucleare del Medio Oriente contro i nativi palestinesi, i nativi palestinesi realizzeranno le loro “legittime aspettative”.

Evidentemente, Fini prende per buona la storia secondo cui tutti i musulmani vogliono farsi ammazzare per andare in Paradiso.

Magdi Cristiano Allam, di cui abbiamo raccontato qui l‘esilarante biografia, dopo la parentesi cristiana, è tornato alle sue abitudini poligamiche: prima con il libro Io amo l’Italia. Ma gli italiani la amano?, poi con le liste elettorali “Io amo la Lucania”, “Io amo Gela”, “Io amo la Sardegna”, “Io amo Bologna” e “Io amo Rimini. Adesso torna a una vecchia fiamma (sì, il titolo del libro era proprio Io amo Israele):

«Israele è l’unico Stato al mondo di cui viene messo in discussione il diritto ad esistere e di conseguenza si monta una campagna tesa a screditarlo.”

Magdi Allam evidentemente ignora la storia di una nazione fisicamente distrutta dall’Italia, però lui è straniero e certe cose non può saperle. Il nostro prosegue:

“Dobbiamo essere consapevoli che difendere il diritto di Israele ad esistere costituisce il fronte di prima linea per difendere la stessa civiltà occidentale». «Nel momento in cui non si riuscisse più ad esprimere la verità, salvaguardando la libertà -ha aggiunto Allam- finirebbe di esistere la nostra civiltà. Oggi purtroppo si accredita una campagna di disinformazione che irresponsabilmente fa venir meno la consapevolezza che negare Israele è una calamità per tutti noi». (Cmu/Pn/Adnkronos) 07-OTT-10 21:04

Andrea Ronchi (noto agli amici con il nomignolo affettuoso di Gollum) è ministro per le politiche comunitarie: anche se non conosce una sola lingua straniera, sa comunque usare il telefonino per farsi dare istruzioni da Gianfranco Fini. Ne abbiamo parlato spesso, ad esempio per raccontare della volta che partecipò al lancio dei paracadutisti sulla Madonna di Loreto.

Andrea Ronchi ha cuore:

«Il mio cuore è lì con voi, come lo è sempre quando si tratta di difendere la causa di Israele e rivendicare il diritto a una corretta informazione sull’azione del governo di Tel Aviv».

«Per l’Italia il diritto all’esistenza dello Stato di Israele è e rimarrà sempre un principio inviolabile e un valore incontrovertibile.

Israele è nel cuore dell’Italia. Oggi, grazie al grande lavoro svolto dal presidente Berlusconi e dal ministro Franco Frattini, l’Italia è il migliore amico di Israele in Europa ma è anche l’unico Paese europeo che è stato invitato al summit della Lega araba di alcuni mesi fa». (ANSA). COM-KVI 07-OTT-10 18:59

«È questo quello che dobbiamo continuare a fare insieme: alzare la voce in tutte le sedi per rivendicare il diritto alla sicurezza di Israele, ricordando che mai vanno confusi gli aggrediti con gli aggressori». (Pol-Gac/Ct/Adnkronos) 07-OTT-10 20:44

Appunto, mai vanno confusi gli aggrediti con gli aggressori.

In mezzo a tanta Destra, c’è pure il Centro, con Pierferdinando Casini, leader dell’Udc, che vuole prendere un coltello, o quantomeno un muro, per tagliare fuori Israele dal Medio Oriente una volta per tutte e portarselo a casa:

Sostegno all’idea «di un rapporto più stretto fra Israele e l’Unione Europea e ad uno status privilegiato in vista di una possibile integrazione futura». AMB-LC/IMP 07-OTT-10 19:18

Anzi, c’è pure un po’ di Sinistra, per cui è proprio come la storia che piace tanto ai media dei “rossobruni“. Infatti, c’è Piero Fassino, del Partito Democratico. Un signore che abbiamo colto un paio di anni fa in un momento straordinario, mentre pregava, assieme a Maurizio Gasparri, Riccardo Pacifici, Fiamma Nirenstein, l’ex-piduista Giancarlo Elia Valori e Andrea Ronchi. Una preghiera diretta dall’ambasciatore israeliano, in pieno bombardamento di Gaza, che culminava con le parole “Il Signore renda i nostri nemici che sorgono contro di noi sconfitti davanti ai nostri soldati.” No, non me la sono inventata.

Dice Fassino:

«Questa è una manifestazione che ha come obbiettivo quello di affermare il diritto di Israele ad esistere e vivere, sicuro del suo futuro riconosciuto dai suoi vicini e senza paura del domani. 07-OTT-10 19:25

Walter Veltroni fa finalmente una cosa di sinistra. Infatti, macina fuffa: “Israele è una risorsa per il dialogo tra i popoli e le culture”.

Riccardo Pacifici, presidente della comunità ebraica romana (sì, proprio quel Riccardo Pacifici) :

«il processo di pace andrà avanti nonostante l’allargamento delle colonie. Perchè un arabo può vivere in Israele ed un israeliano non può vivere insieme agli arabi senza correre alcun pericolo?».(ANSA). LC-AMB/DGP 07-OTT-10 19:36

Che è una maniera poetica per dire che Israele deve continuare a costruire città-fortezze dentro i territori occupati, mentre sparerebbe a un palestinese dei territori che cercasse di raggiungere i propri parenti nell’Israele della linea verde.

Qualche ora dopo, Riccardo Pacifici avrebbe espresso in modo più chiaro lo scopo della manifestazione: “è stato un grandioso successo che, dopo decenni di servilità all’Islam, rappresenta una svolta storica e ideologica nel nostro Paese”.

Mara Carfagna è una signora le cui competenze professionali sono fuori discussione, ma riguardano un campo non strettamente attinente alla politica internazionale. Per cui le possiamo perdonare di aver letto la sfilza di luoghi comuni intercambiabili che qualcuno aveva scritto per lei:

«Con la mia presenza a questo evento voglio testimoniare la mia amicizia nei confronti di Israele. Paese che ha subito molti torti primo tra tutti quello di non essere riconosciuto da alcuni paesi come Stato. Sono qui a battermi a favore delle ragioni di Israele». «L’impressione è che i media ngrandiscano i difetti e diminuiscano i meriti di Israele. Questo è un Paese -conclude la Carfagna- che viene offeso e oltraggiato. Ci sono leader mondiali che minacciano di distruggerlo con la bomba atomica». (Gsc/Ct/Adnkronos) 07-OTT-10 19:41

Franco Frattini, ministro degli Esteri (che noi abbiamo citato un po’ di tempo fa per aver chiesto che l’India reprimesse con più determinazione i diritti umani nel Kashmir) tocca la questione delll’occupante armato catturato alcuni anni fa da Hamas a Gaza e che dovrebbe essere scambiato con migliaia di nativi palestinesi catturati dagli occupanti:

«La vita del soldato Gilad Shalit è questione di diritti umani non di scambio». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Franco Frattini, intervenendo stasera alla maratona oratoria bipartisan ‘Per la verità, per Israelè. «Non si può dire quanti prigionieri si possono dare in cambio, perchè – ha aggiunto Frattini – il diritto alla vita è assoluto e inestimabile». «Sulla difesa di questo argomento – ha concluso Frattini – non defletteremo mai di un millimetro».(ANSA). LC-AMB/DGP 07-OTT-10 19:59

Ah, poi, Frattini aggiunge:

«questo paese è l’unica democrazia presente in Medioriente». (Gsc/Ct/Adnkronos) 07-OTT-10 20:43

Gianni Alemanno, , il sindaco post-evoliano di Roma che ha fatto issare la bandiera di Israele sul Campidoglio, aggiunge al solito discorso occidentalista anche un curioso riferimento alla comunità ebraica romana:

«Sono qui per tre motivi: perché sono sindaco di Roma ed esiste la più antica comunità d’Europa che è parte di noi stessi legata in maniera indissolubile alla nostra città; perchè Shalit è cittadino onorario di Roma e non vogliamo spostare la sua immagine anche se a volte ci crea problemi diplomatici con alcune delegazioni straniere, poi ho visto l’altro volto terribile che non viene mai citato dai mezzi televisivi: i missili che arrivano su Israele. Il terzo motivo è che ogni volta che Israele viene minacciato è tutto l’occidente ad essere minacciato quindi noi dobbiamo essere dalla parte di Israele perchè difendere la sua esistenza è un modo per difendere la dignità e l’esistenza di tutti noi». (OMNIROMA) flo 072054 ott 10

Probabilmente non intendeva insinuare che voleva deportare gli ebrei romani in Palestina.

Comunque, Alemanno ci fa sapere che i palestinesi erano quasi riusciti ad aiutare i romani a cambiare sindaco:

Il sindaco di Roma ha voluto citare anche la propria esperienza personale, quando in visita a Sderot ha visto piovere dal cielo i missili Qassam: «Questo è l’altro aspetto terribile della vita di Israele che non viene mai sottolineato dai mezzi di informazione».(ANSA). Y5J-DE/TER07-OTT-10 21:01

Infine, Alemanno ci informa che

«Chi attacca Israele e incita all’antisemitismo sono le stesse persone che chiamano i cristiani crociati».(ANSA). Y5J-DE/TER 07-OTT-10 21:01

“Chiamano i cristiani crociati”?

Sentiamo Khaled Meshal, dirigente politico di Hamas.

“Hamas ha forse sorpreso alcuni liberali e laicisti nel campo palestinese che pensavano, o hanno anche promosso l’idea, che a causa della sua identità islamica, si sarebbe isolato e si sarebbe indebolito il rapporto tra noi e i cristiani palestinesi. Restarono sorpresi quando le loro aspettative non si materializzarono. Questo perché una religione non è una faccenda di isolamento e di distacco; al contrario, la fede spinge le persone verso la tolleranza, il rispetto del prossimo e il riconoscimento dei loro diritti.”

Nessuna agenzia stampa ci rivela invece cos’abbia detto Lucio Dalla, che pure era uno degli Anziani Maratoneti di Sion.

Forse ha cantato una sua vecchia canzone:

“Sono diventato una TV
Adesso son perfetto non mi muovo più
Mi accendo e poi mi spengo non reagisco più
Hey ti stai spegnendo anche tu

Io lo so cos’è
E stan cercando di fregare anche te
Non fidarti mai
Siam seduti sopra un cesso prima o poi cadrai”

Print Friendly
This entry was posted in Israele Palestina Canaan, Magdi Allam and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

35 Responses to Netanyahu alle destre d’Occidente, “Noi e voi siamo guidati dalla legge di Dio”

  1. Francesco says:

    com’è che i dirigenti politici di Hamas sono credibili e non trovo neppure una traccia che tu abbia verificato le loro parole?

    com’è che le allusioni di Repubblica (!!!) sono credibili, seppur le telefonate non siano mai uscite?

    insomma, non usare due pesi e due misura, caro Miguel!

    ciao

  2. Z. says:

    Miguel,

    — Walter Veltroni fa finalmente una cosa di sinistra. Infatti, macina fuffa —

    Coadiuvato dall’ineffabile Fassino…

    Z.

    PS: Ma il mio preferito, inutile negarlo, resta lo zio Magdi :-)

  3. Marcello Teofilatto says:

    Lucio Dalla? Che tristezza: da “L’anno che verrà” a “L’anno prossimo a Gerusalemme”…
    Saluti da Marcello Teofilatto

  4. Per Francesco

    Non ho verificato le parole di nessuno, se ci fai caso.

    Comunque questo è un blog di parte e crediamo sempre ai nostri fratelli e non crediamo mai a una virgola di quello che dicono i nostri nemici. Cosa che semplifica molto il nostro lavoro.

    • Francesco says:

      Che questo fosse un blog di parte lo sospettavo da tempo ;)

      Visto il livello intellettuale di Ben Netanyau, quanto tempo dai ancora ad Israele prima di collassare? parafrando qualcuno, puoi fare un sacco di cose con i missili a testata atomica ma non puoi sedertici sopra …

      Ciao

  5. Marcello Teofilatto says:

    Lucio Dalla? Che tristezza: da “L’anno che verrà” a “L’anno prossimo a Geusalemme”.
    Saluti da Marcello Teofilatto

  6. Marcello Teofilatto says:

    Oops, “Gerusalemme”, ovviamente. M.T.

  7. Per Francesco

    Prima che tu lo scrivessi, avevo cambiato il link – non ci sono più le allusioni di Repubblica riguardo alla Carfagna. C’è di peggio.

    • Francesco says:

      Grazie, vado a vedere

      però quando prima ho trovato la Carfagna non è che mi sono lamentato

      ciao

      PS quella di Hamas era l’unica dichiarazione”verificabile”, il resto è pura ideologia

  8. mirkhond says:

    Israele e l’Europa condividono valori primari come la libertà individuale, i diritti civili delle minoranze, delle donne, degli omosessuali.

    Beh, fino ad una cinquantina d’anni fa almeno, erano i Franchi (non so gli Ebrei), ad essere gli omofobi e a considerare i Musulmani, in particolare Magrebini e Turco-Iranici come dei “froci”!
    Vedasi a proposito Il Mio Nome è Rosso di Orhan Pamuk.
    Certo che da allora ne sono cambiate di cose….

  9. Avenarius says:

    E’ proprio vero che per l’Occidente Israele è Occidente, i Paesi oltre la ex cortina di ferro sono Occidente, il Medio Oriente è Occidente, l’Asia è Occidente, l’Africa è Occidente, l’America Latina è Occidente… e se quelli che in realtà non sono Occidente non volessero capire che non hanno altra strada che essere Occidente (o servi dell’Occidente perché, Occidente e Israele a parte, non tutti sono Occidente allo stesso modo), l’Occidente possiede dalla notte dei tempi metodi efficaci per schiarirgli le idee.

  10. Ritvan says:

    —-dice Abu Obaida Shakir, portavoce del movimento palestinese Jihad Islamico:
    “La Palestina va restituita alla sua legittima popolazione. Una volta che questo è stato ottenuto, siamo pronti a vivere assieme ai nostri fratelli cristiani ed ebrei in un unico stato liberato dall’aggressione sionista…—-

    Ehmmm…mi pare che una cosa simile propose tempo fa uno a dei porcellini….ma non si chiamava “jihad islamico” (anche se ce l’aveva coi porcellini, animali maledetti da Allah:-) )…mi pare si chiamasse “lupo” ma non ne sono sicuro:-)….Comunque, fiabe a parte, il caro jihadista non ci chiarisce CHI COMANDEREBBE nel suo paradiso terrestre in Palestina. Magari lui suppone che sarebbe tutto organizzato in modo “jihadicamente” democratico:-), una capoccia-un voto e via…ma chi avrebbe più “capocce” nel novello Paradiso Terrestre?
    Capocce a parte, il caro jihadista non viene mai sfiorato dal dubbio che certi “fratelli” potrebbero organizzare un golpe (tipo quello di Hamas a Gaza, per intenderci) e dopo darsi allegramente ai pogrom contro gli altri “fratelli”, per buttarli a mare? Oppure pensa a un “modello libanese”, in cui ogni “fratellanza” dispone di proprie milizie armate per difendersi da eventuali attacchi degli altri “fratelli”: in tal caso sai che bel “paradiso”…..

    —-Magdi Allam evidentemente ignora la storia di una nazione fisicamente distrutta dall’Italia, però lui è straniero e certe cose non può saperle.—-

    Questa curiosità non la sapevo neanch’io…grazie dell’informazione, Miguelito.

    —….la questione dell’occupante armato catturato alcuni anni fa da Hamas a Gaza…—

    Non per fare il pignolo, ma il biekissimo:-) “okkkkkupante armato” fu catturato fuori dai confini di Gaza…ma per te immagino sia questione di lana caprina, visto che anche lì dove si trovava siempre “biekissimo okkkkupante armato” era:-)

    • Francesco says:

      Ritvan

      a mio modestissimo giudizio, il punto un cui emerge lo zampino del diavolo è quella stupenda espressione molto leghista “legittima popolazione”.

      Ciao

      • Ritvan says:

        Ehmmm…confesso che non c’avevo fatto caso, caro Francesco…dici che il fratello jihadista nel suo Stato Paradisiaco della Grande Palestina intenda semplicemente adottare il permesso di soggiorno a punti:-) per gli ebrei che non si trovavano in Palestina nel 1948 (e anche per i loro discendenti, naturellement:-) ) oppure riserva loro un bel “raus!”?
        A….Miguel l’ardua sentenza:-)

        Ciao

  11. PinoMamet says:

    La legge di Dio?
    Non è che Netanyahu ci ha confuso con l’Arabia Saudita?

    • Ritvan says:

      Ma no, caro Pino, altrimenti avrebbe detto “dalla legge di Allah”, non ti pare?:-). E’ più probabile che ci abbia confusi col Vaticano:-)

  12. Riccardo Giuliani says:

    Non so perché ma non vedrei male, in questo momento di ascendente climax, un bell’attentato bombarolo su suolo italico; così… tanto per fornire l’anello mancante tra un’ipotesi spacciata come già dimostrata e il circolare ragionamento che mostrebbe come sia inutile dover dimostrare l’ipotesi medesima.

  13. Grazia says:

    Potremmo azzardare delle ipotesi sul perche’ di questa manifestazione. Non siamo infatti vicini ad una data storica da celebrare e non siamo neanche (forse) vicini alle elezioni.
    Io ne provo due:
    1 – Un vecchio classico: Israele teme i processi di pace, cito ancora Finkelstein, questi sarebbero delle “Peace Offensive”. Siccome sembra che Obama stia facendo pressioni per giungere a un qualche compromesso tangibile, in vista anche delle elezioni di meta’ mandato, ecco che il macchinone propagandistico si mette in moto per divulgare tutto quanto citato nel post.

    2- Una novita': Non e’ da sottovalutare l’impatto del rapporto Goldstein. Per Israele e’ stato un colpo terribile, non tanto per le conclusioni ma perche’ provenienti da un signore con una reputazione ineccepibile, ebreo e anche, per sua dichiarazione, sionista.
    Ora, una cosa e’ avere i media che fanno domande imbarazzanti, tipo sull’operazione Piombo Fuso o sull’attacco alla Flotilla, un’altra e’ avere un rappresentante del tuo stesso gruppo che stabilisce inequivocabilmente che siano stati commessi crimini di guerra nonche’ altre attivita’ deprecabili. Come attaccare Goldstone? Non si puo’ essere credibili tacciandolo di antisemitismo, non si puo’ neanche dire che il suo rapporto sia infondato.

    Excusatio non petita, accusatio manifesta.

  14. Grazia says:

    Errata corrige: intendevo rapporto Goldstone, non Goldstein :-)

  15. Guido says:

    Raiz firma l’appello “Verità per Israele”, e partecipa alla serata di lancio della lobby sionista…
    Da leggere:

    http://caunapoli.org/index.php?option=com_content&view=article&id=680:ecco-cosa-scrive-raiz-firmatario-dellappello-verita-per-israele&catid=42:comunicati-nostri&Itemid=138

  16. PinoMamet says:

    Io ero rimasto che ‘sto Raiz si chiamava Gennaro ed era figlio di Annibale, mo’ esce fuori che si chiama Aaron e dice di essere ebreo, boh…
    fatti suoi, comunque.

  17. Guido says:

    Certo, immalinconisce pensare alla parabola discendente di un personaggio che attraverso le canzoni ha saputo sin qui dare voce alla parte “negra” di questo sporco mondo.
    Sì, sono solo canzonette, direbbe qualcuno.
    Eppure…non penso a me che sono ormai grandicello, ma a tanti ragazzi, a tante persone a cui nel vuoto pneumatico persino una canzonetta riesce a parlare e a raccontare qualcosa di giusto.
    Nella fattispecie si tratta di chi ha prodotto brani musicali come “Black Athena”e “Figli di Annibale”.
    L’esempio in questione è comunque illuminante perché illustra bene quali siano le retoriche “progressiste” o “di sinistra” che certi sostenitori del sionismo usano per corroborare la propria e l’altrui falsa coscienza. Nulla di nuovo, per carità.

    Comunque vale la pena di leggere anche questo:

    http://www.radiocittaperta.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5103&Itemid=9

  18. Pingback: Nessuno neghi il diritto di esistere della Repubblica di Cospaia | Kelebekler Blog

  19. Riguardo a Raiz

    Mi sembra che Aaron Wolpa sia lo pseudonimo che lui usa su Facebook, non il suo vero nome.

    Che uno scelga di schierarsi con Israele è sempre possibile, perché no?

    Ad esempio, non è facile ribattere a un argomento del tipo, “io sono ebreo, ho avuto parenti dei nonni ammazzati perché lo erano; io non ti rompo le scatole, ma se qualcuno c’ha da ridire lo polverizzo con una bomba atomica, e per questo esiste Israele”.

    E non è nemmeno facile ribattere all’argomento, “Dio ci ha dato questa terra, chi sei tu per giudicare ciò che Dio ha fatto?”

    Fanno invece pena le banalità che Raiz ripete a macchinetta, che pretendono di trovare l’impossibile: una giustificazione universalista per Israele.

  20. Pingback: Netanyahu alle destre d’Occidente, “Noi e voi siamo guidati dalla legge di Dio” | Informare per Resistere

  21. GM says:

    Miguel, hai colpevolmente dimenticato l’inarrivabile intervento di Quaglieriello (l’Europa non merita che Israele ne faccia parte) e soprattutto quello dell’oracolo Saviano…

    http://www.loccidentale.it/articolo/gq.0096891
    http://www.youtube.com/watch?v=MnosImbj0GQ&feature=player_embedded

  22. Per GM

    Caspita, Quagliarello… Di Saviano, mi ha colpito il curioso sfondo barocco su cui ha scelto di parlare nel video.

    Ecco Quagliarello:

    Quando si vuole dire una cosa bella e sentita su Israele di solito si dice che è un pezzo di Europa gettato in mezzo al medio oriente, che è carne della nostra carne e sangue del nostro sangue. E in parte si dice una cosa vera…

    C’è chi si spinge ancora più in là e sostiene che per salvare Israele occorre ammetterla come membro dell’Unione Europea.
    Ma se penso a com’è l’Europa oggi, alla corrente di antisemitismo che attraversa le sue popolazioni e persino le sue classi dirigenti fino a livello di commissari europei, il solo pensiero di Israele parte della Ue mi spaventa. Se penso al suo destino demografico, agli abbagli della finta integrazione, alla resa al relativismo, quel pensiero mi terrorizza…

    La verità sarebbe da ribaltare: non credo che Israele dovrebbe sottoporsi all’esame per l’accesso nella Comunità.
    All’esame dovrebbe essere sottoposta l’Europa per vedere se fosse degna e pronta e consapevole di cosa significhi la vita e la difesa di Israele. Ed io temo che non lo passerebbe questo esame, non l’Europa come la conosciamo oggi, non l’Europa per quello che è diventata.

    Noi siamo qui con l’idea che stiamo aiutando Israele nella sua battaglia di legittimità e di verità, in parte anche questo è vero ma vero anche il contrario. Noi europei, la nostra identità, le nostre radici, abbiamo bisogno di essere aiutati da Israele, abbiamo bisogno che Israele ci aiuti a salvarci da un nostro destino di ignavia e di vuoto. Mentre Israele oggi mi sembra molto più in grado di noi di difendersi e salvarsi da sola.

  23. Su Raiz…

    Raiz aderisce alla manifestazione di Fiamma Nirenstein. Non a qualche generico appello buonista, che so, di Sinistra per Israele (esiste ancora?). No. Sceglie, diciamo, l’ala dura del discorso.

    E così qualcuno gli scrive per chiedergli ragione, adducendo anche il suo allearsi con “l’imperialismo”.

    Raiz risponde:

    “Cara Giulia, l’equiparazione del sionismo all’imperialismo è purtroppo la conseguenza del discorso ex cathedra di Stalin che dopo la prima guerra d’indipendenza di Israele – combattuta con armi cecoslovacche – per strategia politica voltò la faccia al neonato stato (ti ricordo fondato da laici socialisti russi e polacchi) per abbracciare la causa araba.
    Se per il medesimo opportunismo politico il buon Yosif avesse deciso di continuare a sostenere Israele invece degli arabi, oggi con la stessa sicumera si butterebbero tonnellate di fango sui palestinesi, definendone la leadership corrotta integralista e reazionaria. Ci si scandalizzerebbe del fatto che Hezbollah occupa il sud del Libano facendo il bello e il cattivo tempo e infischiandonese del suo legittimo governo.”

    Cioè:

    1) la realtà dell’imperialismo non esiste, è solo una fantasia partorita dalla mente di Stalin

    2) tutti coloro che criticano Israele lo fanno perché credono alla religione di Stalin

    Ora, il termine “imperialismo” è negativo, certo. Chi è a favore della realtà che questo termine descrive, usa altri termini: ad esempio “civiltà occidentale”, “interessi occidentali”, ecc. Però “imperialismo” e “civiltà occidentale” sono sinonimi, visti da due punti di vista diversi.

    Ora, prendiamo i discorsi di praticamente tutti i relatori al convegno della Nirenstein. Vedrete che dicono che Civiltà Occidentale e Israele sono sinonimi. Anzi, è il punto fondamentale di tutta la manifestazione.

    E non credo che siano tutti discepoli di Stalin.

    Quindi o Raiz non capisce niente, oppure sta prendendo in giro.

    • PinoMamet says:

      Non è che sia stupido.
      Ha la logica del mondo della fuffa; cioé:

      Se lui si chiamasse davvero Aaron e dicesse, guardate, insomma, io sono ebreo e faccio il tifo per Israele; vabbè, come dargli torto.

      Invece lui dice: “io DICO che mi chiamo Aaaron, come prima DICEVO che ero nipotino di Annibale”. Perché?
      Perchè lui appartiene al mondo dello spettacolo, della fuffa.
      Per il mondo della fuffa, Raiz non affatto stupido: è intelligente, invece.
      Capisce o tenta di capire quello che “vende” e ci si adegua. Evidentemente Annibale non funziona più; oppure Raiz ha un pessimo fiuto per gli affari, chissà
      (ma non credo che sia così pessimo, in fondo).

      E quindi ha anche studiato bene la lezione: il voltafaccia di Stalin (sembra che gliene dispiaccia, che avrebbe preferito che Stalin sostenesse Israele..) il paese costruito da socialisti, lui non ce l’ha con gli arabi ma con il “manicheismo” ecc.
      Tra un po’ lo vedremo su un palco con Matisyahu:
      il lavoro è lavoro.

    • Francesco says:

      cavolo, chi è questo genio?

      la frase 1 è vera al 90% (l’errore è che trascura la parte avuta da Lenin nel definire il concetto)

      la frase 2 è vera al 100% (dopo Stalin la capacità di elaborazione della sinistra mondiale si è tragicamente ridotta, per cui quello che dicono da sinistra è rimasuglio di quello che venne detto allora)

      saluti

      • Andrea Di Vita says:

        Per Francesco

        ”2) tutti coloro che criticano Israele lo fanno perché credono alla religione di Stalin”
        ”la frase 2 è vera al 100%”

        Guarda che se dici così fai una formidabile rivaluti lo stalinismo :-)

        Ciao!

        Andrea Di Vita

  24. Pingback: Alla fiera di Fiamma Nirenstein e Aznar | Kelebekler Blog

  25. rafiqqq says:

    devo dire che Dalla è stato un vero colpo.
    I politici e vabbé, si sa, ma quando sento questi “intellettuali/artisti” dichiarare il loro amore incondizionato per il sionismo non capisco cosa ci sia dietro: solo i soldi e le agevolazioni portate dall’appartenenza alla lobby filoisraele, o c’è qualcosa di più profondo, di psicologico, di malato?

  26. Pingback: Netanyahu: “Siamo guidati dalla legge di Dio” | Web Nostrum

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>