Haluk Berkmen, o come i turchi conquistarono la Valcamonica (Seconda parte)

Alla prima parte

gaetano-conforto“Gaetano Conforto, Diventa leader della tua vita.
Scopri il destino sincronico con le leggi della fisica quantistica”

Olisticamente, in questo lavoro cerchiamo di cogliere il mondo in una goccia d’acqua. E il fisico-esoterista turco Haluk Berkmen si presta molto bene al nostro esperimento.

Ad esempio, Haluk Berkmen ha tenuto una volta una conferenza, parlando di fisica quantistica, accanto alla signora  Alexandra Magallaes-Zeiner, praticante Watsu® (la ® è un piccolo segno mistico, assai diffuso in ambienti spiritualisti), la quale ha invece presentato una meditazione di quindici minuti sul tema tuffarsi assieme alle balene. Un accostamento che ci apre orizzonti di notevole interesse.

“Spesso, poi, gli spiritisti si impossessano di termini filosofici o scientifici che applicano come possono; naturalmente, quelli che preferiscono sono quelli che sono stati diffusi tra il grande pubblico tramite opere di divulgazione, imbevute del più detestabile spirito “scientista”.

“Non si riesce a immaginare quanta seduzione esercitino, su spiriti più o meno incolti o “primari”, le grandi parole che hanno una falsa apparenza di intellettualità; c’è una sorta di verbalismo che dà l’illusione del pensiero a coloro che sono incapaci di pensare davvero, e un’oscurità che passa per profondità agli occhi del volgo”.

Così scriveva, quasi ottant’anni fa, René Guénon nel suo libro, L’Errore dello spiritismo [1] Nulla è cambiato, come dimostra la carriera di Gary e Gloria Smith, inventori della “meditazione Merkaba non lineare”, una pratica che consiste molto letteralmente nel vendere acqua fresca:

“Gary Smith (ex-commercialista) attualmente conduce corsi intensivi di 8 giorni assieme a sua moglie Gloria. I corsi mirano ad espandere la coscienza delle persona per aprirla a livelli multidimensionali di consapevolezza. Gloria e Gary si sono incontrati in Scozia durante un workshop di due giorni tenuto da Gary.

Gloria abitava a Bedford in Inghilterra dove faceva il lavoro di terapeuta e insegnava una tecnica di aroma-massaggio “a coloro che erano pronti.” Negli anni ’50, Gary lavorava come tecnico su sistemi di propulsione per missili nella California prima di riprendere gli studi universitari, laureandosi in economia e commercio. Tuttavia i suoi studi di fisica quantistica sono andati avanti da quando gli ha intrapresi 45 anni fa. Gary aggiunse il suo genio alla sua coscienza allargata, risultato della pratica di meditazione che portava avanti da 6 anni, e riuscì a risolvere la teoria del campo unificato che Einstein non aveva completato. Quest’anno Gloria e Gary sono riusciti ad unire i principi della Teoria del Campo Unificato di Albert Einstein, ora risolto, alle loro tecniche spirituali e questo ha portato alla comprensione dell’Acqua Guaritrice. Questo culmine esilarante, raggiunto dopo anni di studio e di esperienze di ricerca, verrà svelato alla Gente e chiamato “The Sacred Merkaba Techniques’ Alchemical Formula for Creating Healing Waters.” [2]

Tipicamente, a simili vette verbali (abbiamo lasciato intatto l’italiano del testo) si accompagnano abissi di ben altro tipo.

Non dobbiamo sottovalutare l’importanza dello spiritualismo di massa. Si tratta della grande religione delle sciampiste dei nostri tempi,  che accompagna come sottofondo tutta l’estetica, la medicina, la sensibilità, il turismo, la percezione della storia e del cosmo dei nostri tempi. Sul piano sociale, lo spiritualismo di massa in Occidente incide più della Chiesa cattolica, del marxismo o di altri fenomeni che ad alcuni sembrano più “seri”.

Gli spiritualisti vivono nell’ossesione della scienza. O meglio degli “scienziati“, immaginati come una sorta di casta sacerdotale, dotata di poteri straordinari, spesso adoperati per il male, ma pur sempre sovrumani.

Alla base del fenomeno, c’è una divorante invidia: perché quelli devono sapere, e io no? Un’invidia che si accompagna spesso a un rancore di classe. Invidia e rancore si sfogano in maniere diverse:

  • Io, commercialista, sono arrivato là dove Einstein non ha potuto, dice Gary Smith. Ne so quindi di più degli stessi scienziati.
  • Gli scienziati mentono per interesse. Il sapere degli scienziati è quindi fasullo, al contrario del mio, che diventa automaticamente vero per contrasto.
  • Ma anche, gli scienziati confermano ciò che dico io. Il senso di inferiorità passa, non solo uccidendo il padrone, ma anche quando il padrone ti sorride.

Ai convegni degli spiritualisti, ci sarà sempre un posto in prima fila per qualunque scienziato: in mancanza di un fisico nucleare,  anche un tecnico che ripara le radio va bene.

A questa costante domanda, corrisponde anche un’inesauribile offerta. Ci sono infatti molte persone che hanno passato tutta la vita a svolgere qualche mestiere che richiede calcoli matematici e corrette dosi di questa o quell’altra sostanza, le quali in tarda età scoprono improvvisamente cose come la religione, la psicologia, la storia o la linguistica. Tutte cose che appartengono al campo delle cosiddette scienze umane. E le scienze umane richiedono un approccio totalmente diverso da quello richiesto dalle scienze esatte.[3]

Moltissime persone che si sono formate con le scienze esatte, o più spesso semplici tecnici, si gettano quindi nella costruzione della Grande Teoria del Tutto, con profusione di punti esclamativi e saltando a conclusioni granitiche. E questi eccentrici si trovano benissimo con i confusionari che provengono dall’altra sponda, ad esempio quelli che pretendono di trovare basi scientifiche per l’astrologia senza capirci nulla né di astronomia né di matematica.

Uno dei punti d’incontro tra domanda e offerta è costituita da ciò che chiamano “fisica quantistica“: gli spiritualisti evitano di solito il sinonimo, “meccanica quantistica“: le macchine notoriamente inquinano e portano stress.

Personalmente, non ho idea di cosa significhi fisica quantistica: diversi laureati in fisica mi assicurano di non saperlo bene nemmeno loro.

Non così un certo Gabriele Bettoschi, di mestiere “naturopata”, che ci informa:

“La fisica quantistica ha dato recentemente un validissimo supporto scientifico, riuscendo a spiegare i Chakra con la teoria dell’energia in vibrazione.

Ciò che era considerata essere solo materia solida, composta di atomi visti come solide “palle da biliardo” è secondo tale teoria scientifica, solo spazio vuoto al 99,9 per cento, ma riempito di energia vibrazionale. Tale teoria fisica ha permesso di considerare il sistema fisiologico non visibile dell’uomo, già sviluppato dall’antichissima cultura induista, che aveva costituito una vera e propria mappa di un sistema psico-fisiologico dell’essere umano. Ovviamente la scienza ufficiale, influenzata ancora da una concezione solo chimica e meccanicistica della vita, ha sempre disconosciuto la validità della teoria dei Chakra.”

La fisica quantistica c’era in giro da centocinque anni, altro che “recentemente”; e fa pienamente parte della “scienza ufficiale” che lui denuncia. Sono certo che il signor Bettoschi farebbe fatica quanto me a scovare i chakra che svolazzano qui dentro:

equation

In realtà, la fisica quantistica alla Bettoschi è un doppio di quella vera, un’altra cosa che porta lo stesso nome, ma significa una cosa molto semplice:   siccome il mondo subatomico è più strano di ciò che sembra, allora le terapie che il signor Bettoschi vende funzionano. Anzi, funziona qualunque cosa. Come il Reiki, ad esempio, descritto così da una certa Carmen Cattani:

” Il Reiki si ispira al modello energetico della fisica quantistica che considera il corpo non solo nella sua materialita’ fisica o chimica, ma come Energia Vitale che si esprime… [ecc]”

La signora Cattani, precisiamo, non è fisica, ma infermiera professionale e cristalloterapeuta “nella tradizione degli sciamani indotibetani”, camminatrice sul fuoco, dendroterapeuta e “numerologa tantrica”, oltreché discepola di “Padre Guglielmo Gattiani da Faenza Frate Cappuccino in odore di Santità“.

La signora Cattani ispira una certa tenerezza; ma è importante capire perché il travisamento del termine “fisica quantistica” ha riscosso tanto successo. Per ogni persona che ci capisce qualcosa dell’originale, ci sono migliaia di persone che pensano di sapere cosa significhi il suo doppio.

La “fisica quantistica” è quanto di più incomprensibile, e quindi di più magico vi sia nella scienza; e se la possiedo io, vuol dire che possiedo la magia degli scienziati.

Ma la tesi di fondo del doppio immaginario della fisica quantistica coincide con la base ideologica stessa del capitalismo. Cioè l’idealismo magico: il termine – che proviene dal filosofo romantico Novalis ed è stato ripreso nel Novecento da Julius Evola – indica la credenza nell’Io come fonte di ogni realtà, e quindi la possibilità per quell’Io di creare qualunque realtà.

Che è un modo raffinato di dire cose che abbiamo sentito tutti: “volere è potere”, “la chiave del tuo successo è dentro di te”, “se sei un fallito è solo colpa tua”.

La fisica del successoLa psicologa californiana Natalie Reid, spacciatrice planetaria di trionfale fuffa, ha scritto un libro intero per spiegarlo:

“dovunque tu applichi la tua attenzione, lì creerai dei cambiamenti a livello subatomico, il fondamento stesso del mondo”.

Note:

[1] Cito dalla versione spagnola, reperibile in rete – la mia copia del libro in italiano è attualmente in prestito.

[2] Il signor Gary Smith, già direttore di un supermercato e capo contabile di una ditta dell’Oregon, utilizza gli insegnamenti di Basic Star Tetrahedron Merkaba Activation che ha appreso quando abitava nella Decima Dimensione Livello Sole di Dio.

[3] Il discorso vale ovviamente anche al contrario. L’obbrobrio postmoderno nasce quando fumosi  critici letterari cercano di applicare i propri metodi a scienze del tutto diverse.

(Continua…)

P.S. Senza voler prendere posizione in merito, segnaliamo questo commento apparso in fondo a questo post:

il problema è che gente come Conforto Gaetano fa corsi come questo.

Con personaggi come Silvano Bronconi.
Dopo i corsi, in questo caso fatti da Finetruria, i loro adepti vengono coinvolti in particolari operazioni finanziarie, utili per arrivare all’illuminazione del dolce far niente investendo i propri capitali in borsa o in affari come questo.
Nel curriculum di Conforto poi c’è altro, nella puntata misteriosamente sparita dalla rete del 4 aprile 2008 di mi manda rai 3 è sputtanato con telecamera nascosta mentre invita a non curare i timori con la medicina tradizionale. Per la cura meglio il biotex, sostanza inventata da un idraulico, tal ferorelli, poi condannato per questa vicenda.

Print Friendly
This entry was posted in mundus imaginalis and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Haluk Berkmen, o come i turchi conquistarono la Valcamonica (Seconda parte)

  1. Pingback: Haluk Berkmen, o come i turchi conquistarono la Valcamonica (Prima parte) | Kelebekler Blog

  2. mirkhond says:

    Purtroppo questi ciarlatani rispondono ad un’esigenza reale: l’immensa sofferenza che opprime tanti esseri umani, l’infelicità, il bisogno legittimo di trovare un senso a tanto dolore, e di cui le chiese, o meglio gli uomini di chiesa non hanno risposte convincenti e anzi ti chiedono ulteriori prove e sacrifici per vite già pesantemente provate….
    magari esistesse Shambala o qualcosa di simile, ma ho purtroppo l’amara sensazione che solo la morte ci liberi dal male….

  3. Pingback: Carmen Cattani, la Dendroterapia Energetica fa bene, fa male o non fa niente? | Kelebek Blog

  4. Buster says:

    il problema è che gente come Conforto Gaetano fa corsi come quetso:
    http://www.youtube.com/watch?v=apVLiDa4UmE
    Con personaggi come Silvano Bronconi.
    Dopo i corsi, in questo caso fatti da Finetruria, i loro adepti vengono coinvolti in particolari operazioni finanziarie, utili per arrivare all’illuminazione del dolce far niente investendo i propri capitali in borsa o in affari come questo: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2010-09-18/crolla-rete-madoff-italiana-121230.shtml
    Nel curriculum di Conforto poi c’è altro, nella puntata misteriosamente sparita dalla rete del 4 aprile 2008 di mi manda rai 3 è sputtanato con telecamera nascosta mentre invita a non curare i timori con la medicina tradizionale. Per la cura meglio il biotex, sostanza inventata da un idraulico, tal ferorelli, poi condannato per questa vicenda.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>