Religiosità popolare italica ai tempi della globalizzazione

ItaloZen – lo Zen e l'arte di essere italiani è un sito di quelli che suscitano una certa diffidenza, con parecchia pubblicità e il dubbio che il gestore ti voglia vendere qualcosa.

Ma astraendo da queste cose, il curatore del sito, Fabrizio Ponzetta, chiunque sia, ha scritto uno splendido pezzo sulla figura dell'imprenditore dello spiritualismo contemporaneo. Non è solo molto divertente, è anche antropologia ai massimi livelli. E per avere un quadro di immaginari contrapposti, è utile confrontarlo con le fotografie dal Messico di cui ho parlato alcune ore fa.

Uso qui il termine spiritualismo (un calco sull'inglese spirituality, visto che spiritualism si riferisce al nostro "spiritismo") perché mi hanno convinto i ragionamenti di Jeremy Carrette e Richard King in Selling Spirituality. The Silent Takeover of Religion, Routledge 2005, un testo estremamente importante per capire l'ideologia-merce più diffusa dei nostri tempi.
 

Print Friendly
This entry was posted in newage, spiritualismo e neospiritualismo and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

9 Responses to Religiosità popolare italica ai tempi della globalizzazione

  1. piadellamura says:

    un blog veramente interessante da non perdere di vista!

  2. kelebek says:

    Per Pia n. 1

    Grazie. Ho fatto un giro sul tuo blog. Forse ti può interessare il tag 2012 del mio blog…

    Intanto mi permetto di ricopiare qui un bel brano dal tuo blog:

    «A questo mondo ci sono pochissime persone in grado di ragionare normalmente… Il mondo è costruito su compromessi, sulla disonestà, sulla frode. Ma la frode più grande è la spiritualità. Però non andare a dirlo in giro perché ti faresti dei nemici… Colui che possiede la rivelazione della sua vera identità, non va ad associarsi con lo spiritualismo di professione, il cui unico scopo è quello di fare denaro."

    (Nisargadatta Maharaj – © copyleft perle.risveglio.net)

  3. messier says:

    Non può non interessarmi questa cosa. Leggerò cosa ha scritto questo signore.

  4. kelebek says:

    Per Messier n. 3

    Ho dato un'occhiata lampo al tuo blog.

    Questa è geniale!

    Miguel Martinez

  5. utente anonimo says:

    in che senso geniale?

    a parte ascrivere la Genesi al Cirstianesimo, intendo

    ciao

    Francesco

  6. qualc1 says:

    …so che non c'entra niente, ma sto guardando, per la prima volta in vita  mia, il telefilm "Law & Order"… i "cattivi" sembrano essere dei fondamentalisti cristiano-sionisti!

  7. roseau says:

    @qualc1: semplicemente l' islamico cattivo, calata la tensione, non è più credibile nel plot.

  8. qualc1 says:

    No, in effetti il sospettato è un giovane ricercatore sinistrorso malato di parkinson, ma il personaggio più odioso era un vaccone neo-con tipo ma santaniché ma molto più figa. Poi non ho visto come andava a finire e non so quindi chi era il vero colpevole.

  9. utente anonimo says:

    qualc1: e casualmente dopo 20 anni di ottimi ascolti viene chiuso Law and Order. Qualcosa vorrà dire…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>