Avanza la civiltà occidentale

Per San Valentino, il sito di Repubblica ci informa…

Notate quale sarebbe l’unico problema che porrebbe la novità presentata qui.

Washington, 09:32

TERRORISIMO: WP, CON OBAMA PIU’ OMICIDI MIRATI E MENO CATTURE

 

L’avvento dell’amministrazione Obama ha portato un cambio di strategia inatteso nella lotta al terrorismo: meno arresti e piu’ omicidi mirati. Questa, secondo Washington Post la tattica adottata dalla casa Bianca per colpire i vertici di al Qaeda ovunque si annidi: Afghanistan, Pakistan, Yemen o Somalia. Tattica, che secondo alcuni analisti, potrebbe per’ danneggiare l’intelligence perche’ gli agenti avrebbero meno terroristi da interrogare .

(14 febbraio 2010)

Print Friendly
This entry was posted in Censura e controllo globale, Terrorismo realtà e mistificazione, USA and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

35 Responses to Avanza la civiltà occidentale

  1. tristantzara says:

    Ma è vera questa notizia ??? ma spendere invece tutti quei miliardi di $ in politiche sociali rispettando le persone che ci abitano lì da sempre è così difficile ? basta vedere GinoStrada e il suo esempio per intuìre una vìa possibile alla fine di questo conflitto, non è molto stimato per il bene che fa ? 

  2. kelebek says:

    Nel commento non ci sta tutto l’articolo, comunque il resto potrete leggerlo su Hiiraan 

    http://www.hiiraan.com/news2/2010/Feb/under_obama_more_targeted_killings_than_captures_in_counterterrorism_efforts.aspx

    Under Obama, more targeted killings than captures in counterterrorism efforts  

    By Karen DeYoung and Joby Warrick Washington Post Staff Writer
    Sunday, February 14, 2010

    When a window of opportunity opened to strike the leader of al-Qaeda in East Africa last September, U.S. Special Operations forces prepared several options. They could obliterate his vehicle with an airstrike as he drove through southern Somalia. Or they could fire from helicopters that could land at the scene to confirm the kill. Or they could try to take him alive.

    The White House authorized the second option. On the morning of Sept. 14, helicopters flying from a U.S. ship off the Somali coast blew up a car carrying Saleh Ali Nabhan. While several hovered overhead, one set down long enough for troops to scoop up enough of the remains for DNA verification. Moments later, the helicopters were headed back to the ship.

    The strike was considered a major success, according to senior administration and military officials who spoke on the condition of anonymity to discuss the classified operation and other sensitive matters. But the opportunity to interrogate one of the most wanted U.S. terrorism targets was gone forever.

    The Nabhan decision was one of a number of similar choices the administration has faced over the past year as President Obama has escalated U.S. attacks on the leadership of al-Qaeda and its allies around the globe. The result has been dozens of targeted killings and no reports of high-value detentions.

    Although senior administration officials say that no policy determination has been made to emphasize kills over captures, several factors appear to have tipped the balance in that direction. The Obama administration has authorized such attacks more frequently than the George W. Bush administration did in its final years, including in countries where U.S. ground operations are officially unwelcome or especially dangerous. Improvements in electronic surveillance and precision targeting have made killing from a distance much more of a sure thing. At the same time, options for where to keep U.S. captives have dwindled.

    Republican critics, already scornful of limits placed on interrogation of the suspect in the Christmas Day bombing attempt, charge that the administration has been too reluctant to risk an international incident or a domestic lawsuit to capture senior terrorism figures alive and imprison them.

    "Over a year after taking office, the administration has still failed to answer the hard questions about what to do if we have the opportunity to capture and detain a terrorist overseas, which has made our terror-fighters reluctant to capture and left our allies confused," Sen. Christopher S. Bond (Mo.), the ranking Republican on the Senate Select Committee on Intelligence, said Friday. "If given a choice between killing or capturing, we would probably kill."

    Some military and intelligence officials, citing what they see as a new bias toward kills, questioned whether valuable intelligence is being lost in the process. "We wanted to take a prisoner," a senior military officer said of the Nabhan operation. "It was not a decision that we made."

    Even during the Bush administration, "there was an inclination to ‘just shoot the bastard,’ " said a former intelligence official briefed on current operations. "But now there’s an even greater proclivity for doing it that way. . . . We need to have the capability to snatch when the situation calls for it."

    Lack of detention policy

    One problem identified by those within and outside the government is the question of where to take captives apprehended outside established war zones and cooperating countries. "We’ve been trying to decide this for over a year," the senior military officer said. "When you don’t have a detention policy or a set of facilities," he said, operational decisions become more difficult.

    The administration has pledged to close the military prison at Guantanamo Bay, Cuba; Congress has resisted moving any of the about 190 detainees remaining there, let alone terrorism suspects who have been recently captured, to this country. All of the CIA’s former "black site" prisons have been shut down, and a U.S. official involved in operations planning confirmed that the agency has no terrorism suspects in its custody. Although the CIA retains the right to briefly retain terrorism suspects, any detainees would be quickly transferred to a military prison or an allied government with jurisdiction over the case, the official said.

    Military officials emphasized that terrorism suspects continue to be captured in Iraq and Afghanistan. But in Iraq, where counterterrorism operations must be approved in advance by its government and conducted with Iraqi forces in the lead, all prisoners must be turned over to Baghdad.

    In Afghanistan, the massive U.S.-run prison at the Bagram air base is scheduled to be relinquished to the Afghan government by the end of the year. Its 750 prisoners include about 30 foreigners, some of them captured in other countries and brought there. But recent legal decisions, and Afghan government restrictions, have largely eliminated that option.

    "In some cases," the senior military official said, captives in Afghanistan have been taken to "other facilities" maintained by Special Operations forces. Such detentions, even on a temporary basis, have become more difficult because of legal and human rights concerns, he said.

    Cooperation overseas

    Outside the established war zones, senior administration and military officials said, how an operation is conducted and whether its goal is killing or capturing depend on where it is taking place and which U.S. agency is involved. American personnel have worked closely on counterterrorism missions with local forces in Indonesia, the Philippines and elsewhere, with those countries in the lead.

    Al-Qaeda and Taliban havens in Pakistan’s Federally Administered Tribal Areas along the border are considered part of the Afghanistan war theater. The Pakistani government tacitly permits CIA-operated unmanned aircraft to target terrorist sites and militants up to 50 miles inside the country. Under an executive order first signed by Bush and continued in force under Obama, the CIA does not have to seek higher administration authority before striking.

    But while U.S. Special Forces work closely with the CIA on the Afghan side of the border, any ground operation in Pakistan would require specific White House approval, which so far has not been granted. In addition to the difficulty such a mission would pose amid a hostile population in rugged terrain, the Pakistani government has drawn a red line against allowing U.S. boots on the ground, and the risk of sparking an anti-American backlash is seen as too great.

    Beyond Afghanistan, Pakistan and Iraq, potentially lethal operations must be approved by Obama or his designee, which can include the CIA director and the defense secretary. In Yemen, stepped-up military and intelligence cooperation with the country’s government, including the use of U.S. aircraft and munitions for raids against a list of targets suspected of involvement with terrorist groups, was approved by Obama late last year, and at least two lethal attacks have taken place in coordination with Yemeni ground forces. Any captives belong to Yemen.

    The Somalia calculus

    Somalia poses unique problems. In the vast majority of the country, there is no functioning government to approve or coordinate operations, or to take custody of captives. Under the Bush administration, the military conducted several White House-approved air operations against alleged senior terrorist figures fleeing south after the 2006 U.S.-backed ouster of the Islamic government there. But while military teams made quick forays over the border to the targeted sites, finding and identifying bodies proved difficult.

    Nabhan, a 30-year-old Kenyan, had long been a prime U.S. target. A senior official in the al-Shabab militia fighting to overthrow the U.S.-supported transition government in Somalia and impose strict Islamic law, he was said to be the chief link between the main al-Qaeda organization and its East African allies. Wanted by the FBI in connection with the 1998 attacks on U.S. embassies in Kenya and Tanzania, he was also accused in the 2002 bombing of an Israeli-owned resort in Kenya and an attempt to shoot down an Israeli airliner that year.

    After tracking him for a while, the Special Operations Command thought it had established a sufficient pattern of activity to target him and had the time to plan for it. Several alternatives, including capture, were developed and assessed under military procedures for missions outside recognized war theaters.

    Planners were asked for more details on the proposed force to be used, intelligence proving the target’s location and the level of verification, and operational details — including, in the case of capture, where Nabhan would be taken. Planned under U.S. Central Command, the operation was turned over to the U.S. Africa …

  3. utente anonimo says:

    C’è una guerra in corso, che come tutte le guerre di tutti i tempi causano morti.
    Non vedo cosa ci sia da stupirsi.
    Diverso sarebbe se gli Stati Uniti avessero dichiarato "la pace al terrorismo", cosa che però non è.

    Rock & Troll  

  4. utente anonimo says:

    Per tristantzara #1

    Quant’e’ il fatturato di Emergency?

    http://www.youtube.com/watch?v=SyKl–WcLac

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  5. utente anonimo says:

    Per tristantzara #1

    Quant’e’ il fatturato di Emergency?

    http://www.youtube.com/watch?v=SyKl–WcLac

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  6. utente anonimo says:

     hahahaha, grandissimo il nostro nobel per la pace

  7. falecius says:

    Il problema fondamentale secondo me è il fatto che una cosa del genere sia resa di pubblico dominio, e che nessuno batta ciglio.

  8. utente anonimo says:

    Io non sono proprio un entusiasta delle spese militari o delle guerre antiterrorismo … ma buttare direttamente via i soldi con delle "politiche sociali che rispettino le persone che abitano lì" mi sembra un modo anche peggiore di spendere i soldi delle tasse.

    Fortuna che stanno arrivando i cinesi, portatori di antica saggezza su come trattare questo genere di faccende.

    Saluti

    Francesco

  9. utente anonimo says:

    x R&T

    interessante come idea

    se volessimo dichiarare "pace al terrorismo", cosa dovremmo dare loro per ottenere altrettanto?

    ritiro dall’Iraq … si sta facendo con una certa calma, l’idea di una democrazia in loco – magari contagiosa – mi pare abbastanza una speranza abortita, potremmo metterci d’accordo

    ritiro dall’Afganistan .. dopo l’attacco dell’11 settembre è un pò più duretta, forse ottenendo la testa del buon vecchio zio OBL e del Mullah Omar si potrebbe arrangiare

    altri posti che a loro interessano?

    chè il mio sogno è sempre quello di vederli all’opera, queti resistenti all’occupazione.

    Francesco

    PS sì, Ritvan, lo sono, l’Afganistan talebano c’è già stato ma forse repetita iuvant

  10. Peucezio says:

    Rock & Troll  non scherziamo, la guerra è tutt’altra cosa.
    La guerra si dichiara, ha delle procedure formali, delle garanzie, delle leggi, delle convenzioni internazionali.
    Quello attuale è teppismo del più vile, è la legge del più forte, è l’arbitrio senza regole, è il massacro indiscriminato di civili, senza pagarne le conseguenze e senza rispondere a nessuno, è l’attacco proditorio a stati sovrani, è la prepotenza senza regole e senza quel minimo rispetto verso i diritti del nemico, per quanto debole, che le guerre prevedevano.

  11. Peucezio says:

    Francesco #7
    una delle cose per cui ammiro i cinesi, fra le altre, è il fatto che, per trattare con gli altri paesi, non pretendono la democrazia, i diritti umani, la libertà di espressione e le altre ridicole ipocrisie occidentali.

  12. utente anonimo says:

    >> La guerra si dichiara, ha delle procedure formali, delle garanzie, delle leggi, delle convenzioni internaziona

    sì, nelle convention sui giochi di ruolo!

    siamo seri, tecnicamente il nemico è costituito da banditi stranieri, sarei curioso di sapere quali leggi e regole si applicano nel caso

    l’unico precedente che mi viene in mente sono le campagne di Pompeo contro i pirati illiri. mi pare

    Francesco

  13. utente anonimo says:

    x Peucezio 10

    essendo italiano, io invece lo apprezzo molto

    perchè senza non avrei " democrazia, i diritti umani, la libertà di espressione e le altre ridicole ipocrisie"

    che poi a chiamarle così sono quelli che stanno sotto (nelle democrazie) e quelli che stanno sopra (nelle dittature)

    curiosa asimmetria

    Francesco

  14. Peucezio says:

    Francesco #11
    Fammi capire, l’Iraq di Saddam Hussein non era un stato sovrano?
    L’Afghanistan dei talebani è un caso un po’ particolare, sul piano giuridico, ma in ogni caso non era territorio degli Stati Uniti.
    Insomma, i banditi, terroristi ecc. sono nemici interni e come tali riguardano le forze di polizia, tutt’al più l’esercito, sempre entro i confini nazionali.
    Quando vai fuori, non puoi fare quel cavolo che ti pare, perché esistono delle regole e delle sovranità. Se non le rispetti, sei soltanto un teppista criminale.
    Sarebbe come se, siccome negli anni di piombo la Francia proteggeva e dava asilo alle Birgate Rosse che avevano compiuto attentati in Italia, noi ci fossimo messi a bombardare Parigi. Se l’entità del contenzioso con uno stato, per il fatto che protegge o non riesce a frenare del terrorismo o degli atti ostili che provengono dal suo territorio, non è risolvibile diplomaticamente, si fa una bella dichiarazione di guerra. E, una volta in guerra, c’è la Convenzione di Ginevra ecc. ecc.
    Tra l’altro mi piacerebbe capire, tutti ‘sti signori che approvano o giustificano i metodi spicci degli Stati Uniti, cosa dicono dei partigiani anti-tedeschi in Italia e nel resto d’Europa, dei rastrellamenti  e del 10 a 1 applicati dai Tedeschi ecc. cose che peraltro facevano tutti gli eserciti. Se anche lì vanno bene i metodi spicci o se invece le rappresaglie che facevano tutti, fatte dai tedeschi sono dei crimini, se l’ultimo ufficiale che eseguiva gli ordini, altrimenti sarebbe stato passato per le armi,  è anche lui responsabile e criminale di guerra e va processato, magari sessant’anni dopo, quando ha novant’anni ecc.

  15. Peucezio says:

    #12 Francesco
    apprezzi molto che cosa? 

  16. PinoMamet says:

     "tecnicamente il nemico è costituito da banditi stranieri"

    Achtung, banditen!
    Impiccateli tutti, e mi raccomando senza processo, che si risparmia ;-)

  17. PinoMamet says:

     Comunque fateci caso: Obama ha la faccia da stronzo, e tale si conferma.


  18. utente anonimo says:

    Per Peucezio #9

    ”La guerra si dichiara, ha delle procedure formali, delle garanzie, delle leggi, delle convenzioni internazionali.”

    In che cinema?

    ‘Fino alla seconda guerra mondiale era prassi di diritto internazionale ampiamente osservata il far precedere le ostilità da una dichiarazione di guerra. [Poi basta, n.d.r.].  Secondo quanto osservato da von Clausewitz, la guerra non è accesa dall’azione di chi offende, ma dalla reazione di chi si difende: se non ci fosse reazione, infatti, si verificherebbe una occupazione e non un conflitto armato. […] Nessuno Stato è infatti disposto a dichiararsi aggressore tramite una tale procedura, mentre infiniti sono gli appigli per dichiararsi aggredito [Stabat superior lupus, n.d.r.]. In definitiva lo Statuto dell’ONU, che nelle intenzioni doveva servire a far scomparire la guerra, ha fatto invece scomparire soltanto la dichiarazione di guerra.’

    Fin qui, Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra

    In senso stretto, concludo dall’ultima affermazione del testo su riportato, il nemico è sempre un ribelle, un criminale. Cio’ giustifica agli occhi dell’opinione pubblica e degli stessi combattenti anche le misure più estreme. (Non diversamente il comandante di Treblinka rispose a chi gli chiedeva il perchè delle torture: servivano a rendere possibile agli assassini il fare quel che facevano, perchè se non siamo pazzi sadici non  possiamo sterminare impunemente mille esere umani finchè conservano la propria umanità ai nostri occhi). Ogni guerra è per definizione in difesa della pace (se non altro di quella eterna, come ci garantiscono i cappellani militari): non esistono più gli onesti Ministeri della Guerra di una volta, ma gli umanitari Ministeri della Difesa. All’Interazionale dell’Odio altrui rispondiamo col nostro Partito dell’Amore universale: fu il ”Noi” di Zam’jatin a ricordare quanto l’amore sia crudele. Come non ci si riconosce mai debitori dei prorpi contemporanei, così non si perdona mai a quelli cui facciamo male: è colpa dei negri se a Rosarno gli sparano addosso, è colpa dei Serbi se la Nato li bombarda. Ogni guerra è difesa dell’Uomo, perchè gli Uomini siamo noi. E siccome Dio si è fatto Uomo, ogni guerra fa la Sua volontà (come disse un cappellano militare Statunitense invitando i suoi soldati ad ammirale la bellezza multicolore di un fungo atomico nel Nevada). Si dimentica sempre la lezione del nostro pacifista Capitini: se la difesa della Patria è difesa della pace, allora anche la difesa della pace è difesa della Patria. L’argomento di Capitini è difatti fallace: Orwell ricorda che il modo più rapido di concludere una guerra è perderla.

    C’e’ un atlra caratteristica della guerra che la rende una stabile presenza in questa fase della specie umana: consente ancora oggi i sacrifici umani propiziatori (una delle più antiche pratiche della Tradizione di ogni tempo e paese). I Caduti sono le vittime sacrificali del nostro sentirci protetti dagli Dèi della Libertà, le nostre offerte propiziatorie perchè le nostre vite possano continuare tranquille, i re rituali che vanno sgozzati perchè le nostre mense rimangano opulente. Dulce et decorum est pro pace mori.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  19. utente anonimo says:

    Per Peucezio #9

    ”La guerra si dichiara, ha delle procedure formali, delle garanzie, delle leggi, delle convenzioni internazionali.”

    In che cinema?

    ‘Fino alla seconda guerra mondiale era prassi di diritto internazionale ampiamente osservata il far precedere le ostilità da una dichiarazione di guerra. [Poi basta, n.d.r.].  Secondo quanto osservato da von Clausewitz, la guerra non è accesa dall’azione di chi offende, ma dalla reazione di chi si difende: se non ci fosse reazione, infatti, si verificherebbe una occupazione e non un conflitto armato. […] Nessuno Stato è infatti disposto a dichiararsi aggressore tramite una tale procedura, mentre infiniti sono gli appigli per dichiararsi aggredito [Stabat superior lupus, n.d.r.]. In definitiva lo Statuto dell’ONU, che nelle intenzioni doveva servire a far scomparire la guerra, ha fatto invece scomparire soltanto la dichiarazione di guerra.’

    Fin qui, Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra

    In senso stretto, concludo dall’ultima affermazione del testo su riportato, il nemico è sempre un ribelle, un criminale. Cio’ giustifica agli occhi dell’opinione pubblica e degli stessi combattenti anche le misure più estreme. (Non diversamente il comandante di Treblinka rispose a chi gli chiedeva il perchè delle torture: servivano a rendere possibile agli assassini il fare quel che facevano, perchè se non siamo pazzi sadici non  possiamo sterminare impunemente mille esere umani finchè conservano la propria umanità ai nostri occhi). Ogni guerra è per definizione in difesa della pace (se non altro di quella eterna, come ci garantiscono i cappellani militari): non esistono più gli onesti Ministeri della Guerra di una volta, ma gli umanitari Ministeri della Difesa. All’Interazionale dell’Odio altrui rispondiamo col nostro Partito dell’Amore universale: fu il ”Noi” di Zam’jatin a ricordare quanto l’amore sia crudele. Come non ci si riconosce mai debitori dei prorpi contemporanei, così non si perdona mai a quelli cui facciamo male: è colpa dei negri se a Rosarno gli sparano addosso, è colpa dei Serbi se la Nato li bombarda. Ogni guerra è difesa dell’Uomo, perchè gli Uomini siamo noi. E siccome Dio si è fatto Uomo, ogni guerra fa la Sua volontà (come disse un cappellano militare Statunitense invitando i suoi soldati ad ammirale la bellezza multicolore di un fungo atomico nel Nevada). Si dimentica sempre la lezione del nostro pacifista Capitini: se la difesa della Patria è difesa della pace, allora anche la difesa della pace è difesa della Patria. L’argomento di Capitini è difatti fallace: Orwell ricorda che il modo più rapido di concludere una guerra è perderla.

    C’e’ un atlra caratteristica della guerra che la rende una stabile presenza in questa fase della specie umana: consente ancora oggi i sacrifici umani propiziatori (una delle più antiche pratiche della Tradizione di ogni tempo e paese). I Caduti sono le vittime sacrificali del nostro sentirci protetti dagli Dèi della Libertà, le nostre offerte propiziatorie perchè le nostre vite possano continuare tranquille, i re rituali che vanno sgozzati perchè le nostre mense rimangano opulente. Dulce et decorum est pro pace mori.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  20. utente anonimo says:

    Per Peucezio #13

    ”novant’anni”

    Forse puoi trovare interessante al riguardo una argomentazione del ‘Leviatano’ di Hobbes. Per Hobbes lo Stato serve ad impedire che gli esseri umani (homo homini lupus) si sgozzino l’un l’altro. Ma fra gli Stati non esiste una superiore autorità che impedisca loro di combattersi l’un l’altro: ogni Stato è lupo ad ogni altro. Quindi la moralità non la puoi applicare ai conflitti fra Stati, esattamente come non puoi chiedere a un matematico di che colore siano i numeri dispari.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  21. utente anonimo says:

    Per PinoMamet #15

    ”tutti”

    Ironia a parte, quella che hai enunciato e’ appunto l’argomentazione che sta dietro agli stermini preordinati di civili dei bombardamenti di Dresda e Tokio, che con le loro ‘tempeste di fuoco’ bruciarono vivi più civili inermi delle atomiche. E’ siginificativo che la si ritrovi quasi uguale nel ‘Principe': quando Machiavelli parla della ribellione di una città toscana a Firenze (credo Prato, ma vado a memoria), ricorda di come i Fiorentini risparmiassero gli sconfitti, per poi ritrovarseli ribelli più agguerriti poco più tardi, così da essere costretti ad ammazzarli tutti: l’autore conclude amaramente che se lo sterminio fosse stato fatto subito almeno sarebbero morti inutilmente meno Fiorentini. In una frae: il medico pietoso fa la piaga purulenta.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

    P.S. Concordo col tuo giudizio sul viso del presidente Statunitense.

  22. RitvanShehi says:

    —-è colpa dei Serbi se la Nato li bombarda…Andrea Di Vita—-

    Ma no, è colpa di quei disgraziati di albanesi kosovari che si erano messi a fare transumanza turistica in Albania e in Macedonia dopo aver dato alle fiamme le loro case (ovviamente per risparmiarsi il disturbo di pagare qualcuno che le tenesse d’occhio durante la loro assenza) e quei cretini della NATO subito a gridare al "genocidio" e alla "pulizia etnica"….Beh, mi faresti anche ridere, se non mi venisse da piangere per quello che hanno passato i kosovaroalbanesi.

  23. utente anonimo says:

    Per Ritvan #20

    Come ti ho già detto altrove, visitai il Kosovo molto prima della  guerra e rimasi scandalizzato dalla emarginazione e delle discriminazioni che palesemente subivano gli Albanesi. Detto questo, considero criminale da parte della NATO l’essersi ridotti a dei bombardamenti indiscriminati su Belgrado per fermare lo scempio quando sarebbero bastati pochi colpi ben assestati dati per tempo -come è stato fatto per esempo in Bosnia, alle prime violazioni serbobosniache degli accordi post-Srebrenica. Fu solo la megalomania nazionalistica di Milosevic a spingere USA ed altri a cominciare il macello: il caporione di Belgrado aveva avuto da tutti mano libero fino a quel momento.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  24. utente anonimo says:

    x Peucezio

    1) >> Sarebbe come se, siccome negli anni di piombo la Francia proteggeva e dava asilo alle Birgate Rosse che avevano compiuto attentati in Italia, noi ci fossimo messi a bombardare Parigi.

    azione del tutto legittima, impedita dalla disparità di forza tra Italia e Francia

    2) mi chiedi cosa apprezzo: "democrazia, i diritti umani, la libertà di espressione e le altre ridicole ipocrisie"

    in questo mi trovo ad avere alcune cose in comune con stupidi ragazzotti cinesi e persiani dalle palesi tendenze masochiste, e non con i loro governanti.

    il che mi fa stare un sacco bene

    3) sui partigiani, le uniformi, le regole della guerra, abbiamo già dato in questo blog ….

    4) una cosa che non capisco: perchè dovrei processare il mio nemico? questo sì che sarebbe imperialismo, io al nemico ho solo il diritto di sparare. o mi sbaglio?

    Francesco

  25. utente anonimo says:

     @ Andrea e Macchiavelli….solo lo zero metacosmico non ha nessun colore, x’ li ha tutti, i numeri dispari e i numeri pari  hanno un colore ( anche le ricerche spaziali si basano proprio sui colori  emessi dai pianeti) e cambiano colore a seconda della loro massa-intensità e situazione-area-luogo pari e dispari ecc. I concetti di medicina, il medico pietoso fa la piaga purulenta, non si possono sempre applicare alla guerra. Ogni guerra é diversa dall’altra, cosi come ogni battaglia e certamente le strategie nascono fuoriamisura nel momento storico e richiedono comportamenti diversi. La correttezza e clemenza verso gli sconfitti e i prigionieri é la base necessaria  per arrivare ad accordi e far finire la guerra. Quando gli stati accettano il concetto  trascendente di "essere umano" e si allenano nel praticare il rispetto. Cioé lo Stato che in Hobbes serve ad impedire che gli uomini si sgozzino fra loro  é uno "Stato trascendentale" e come tale ha una moralità  che puo essere applicata non solo all’interno, ma anche all’esterno,  quindi alcuni principi- comportamenti sono Universali, nonostante le diversità oggettive-contingenti. Perché il modo più rapido di finire la guerra non é di perderla, ma é quello di non fare la guerra, x’ sia vincere o perderla sono sempre presupposti x altre guerre, vicious circle, …ciao,jam

  26. utente anonimo says:

    Per Jam

    ”colore”

    Questa non è trascendenza, è una malattia che si chiama ‘sinestesia’
    (http://en.wikipedia.org/wiki/Synesthesia). Fortunatamente la sinestesia non influenza l’intelligenza, tant’e’ che ne soffriva persino Nabokov
    (http://en.wikipedia.org/wiki/Vladimir_Nabokov)

    ”Ogni guerra é diversa dall’altra”

    Ci sono principi generali che sono statti scoperti già in Cina dai contemporanei di Solone (http://it.wikipedia.org/wiki/L%27arte_della_guerra). Eterna è anche l’ottusità nel non applicarli. Sun Tzu scriveva

    ‘Ho visto troppe guerre-lampo condotte male, ma non ho mai saputo di un’operazione militare abile protratta nel a lungo.’

    ma questo non vuol dire che gli Statunitensi in Afghanistan abbiano imparato la lezione

    ”Cioé lo Stato che in Hobbes serve ad impedire che gli uomini si sgozzino fra loro  é uno "Stato trascendentale" e come tale ha una moralità  che puo essere applicata non solo all’interno, ma anche all’esterno”

    Hobbes definisce lo Stato come ‘Leviatano’ precisamente perchè è cio’ che ‘non teme alcuna altra creatura’. Il Leviatano è svincolato dalla morale verso i sui sudditi figuriamoci verso gli altri Leviatani. In una illustrazione dell’epoca, il Leviatano è raffigurato come un re coronato, composto (Alla Arcimboldo) di tanti piccolissimi esseri umani.

    ”quello di non fare la guerra”

    Jam, la guerra è come il posteriore. Se non ce l’hai, te la fanno.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  27. utente anonimo says:

    >> Il Leviatano è svincolato dalla morale verso i sui sudditi figuriamoci verso gli altri Leviatani.

    non mi sembra una lettura corretta.

    Il Leviatano è il potere assoluto entro la nazione, perchè in questo modo nessuno possa piegarlo a proprio vantaggio. Che non debba assoggettarsi alla morale è discutibile … come che non debba trovare limite in diritti naturali degli individui, si tratta di due estrapolazioni indebite del fatto che non deve inchinarsi a nessun potentato interno.

    Mi sovviene il caso delle espropriazioni per pubblica utilità.

    Nei confronti degli altri Leviatani può comportarsi secondo un’ampia gamma di modelli, in cui il cinismo di un Machiavelli è solo un caso

    Francesco

  28. utente anonimo says:

    Per Franceco #25

    Non sto dicendo che condivido la tesi di Hobbes aula amoralità del Leviatano: sto solo dicendo che l’amoralità del Leviatano è la tesi di Hobbes.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  29. PinoMamet says:

     " una cosa che non capisco: perchè dovrei processare il mio nemico? questo sì che sarebbe imperialismo, io al nemico ho solo il diritto di sparare. o mi sbaglio?
     
    Francesco"

    O è tuo nemico regolare, e allora c’è una guerra, e allora ci sono le convenzioni di Ginevra;
    o è un fuorilegge, e allora ci sono (intervengano i giuristi se dico cazzate) le convenzioni del diritto internazionale.

    Gli omicidi mirati non stanno da nessuna parte, sono assassinio e basta.

    Per intenderci, gli USA scegliendo gli "uccisioni mirate" non intervengono contro i fuorilegge come "poliziotti", ma come altri fuorilegge.

    Il che può essere efficace (ne dubito) ma legalmente traballante e moralmente orrido.

    Ciao!

     

  30. utente anonimo says:

     x Pino

    fuorilegge … fuori dalla legge USA ci stanno tutti quelli che o non sono cittadini USA o non stanno su territorio USA o entrambe le cose

    compresi i resistenti vari

    non so se ci sono leggi internazionali utilizzabili contro Al Qaida, ammesso che esista

    sugli omicidi mirati, sono moralmente meno riprovevoli dei bombardamenti a tappeto e delle esecuzioni di massa

    Francesco


  31. utente anonimo says:

    Per Francesco #28

    Magari fosse così. Nei regimi totalitari che hanno occupato Stati stranieri sono considerati criminali anche i cittadini di quegli Stati che hanno commesso atti considerati ostili al regime quando ancora quegli Stati non erano stati occupati. Per un nazista un ebreo è sempre da eliminiare anche se vive in Nuova Zelanda. Per uno stalinista un kulako estone è da eliminare anche se è diventato proletario prima dell’occupazione dell’Estonia. Per un talibano un ‘crociato’ è da eliminare anche se si fa i fatti suoi a a New York. La base giuridica del totalitarismo è a priori estesa all’intero genere umano, anche se la sua applicazione pratica puo’ essere posposta indefinitamente per ragiopni contingenti (i nazisti non sono mai arrivati alla Nuova Zelanda, ma se l’albanese Hoxha avesse invaso la Svizzera indubbiamente si sarebbe abbandonato ad un’orgia di fucilazioni di ‘nemici del popolo’). Questo universalismo  è una risposta all’universalismo della Dichiarazione Universale Dei Diritti Dell’Uomo, che a sua volta trova una corrispondenza all’universalismo cristiano, islamico ecc. Ora, è chiaro che se uno Statunitense crede che io sia un nemico degli Stati Uniti d’America non avrà nulla in contrario alle renditions stile Abu Omar: ed è per questo che la ‘guerra infinita’ al terrorismo non è alla fin fine meno pericolosa per te o per me del terrorismo stesso. Ecco perchè non esistono leggi universali contro al Qaeda: perchè al di là delle accuse più o meno in buonafede portate da alcuni -tipicamente Statunitensi o loro alleati- il fatto che uno appartenenga o no ad Al Qaeda è questione di fede, e dunque non è definibile in un quadro giuridico condiviso.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  32. PinoMamet says:

     "uorilegge … fuori dalla legge USA ci stanno tutti quelli che o non sono cittadini USA o non stanno su territorio USA o entrambe le cose"

    E allora? Non essere residenti negli Stati Uniti non mi pare sia una giustificazione per ammazzare le persone senza processo.
    Se l’Italia sta ricercando un criminale fuori dai confini nazionali, lo fa chiedendo la collaborazione delle autorità del paese in cui si trova, e poi lo processa;
    se è già stato condannato, e per qualunque motivo si trovi all’estero, ne chiede l’estradizione, quando e se è possibile;

    l’omicidio mirato o meno non è contemplato proprio.
     
    "compresi i resistenti vari"
    esattamente, compresi loro.
    Se sono combattenti, convenzioni di Ginevra. Se sono criminali, processo. 
     
    "non so se ci sono leggi internazionali utilizzabili contro Al Qaida"
    Sei serio??

    Ciao!! :-)

  33. utente anonimo says:

    Per PinoMamet #30

    ”Sei serio??”

    Ha ragione. Non esiste una definizione internazionalmente riconosciuta di ‘terrorismo’, perchè quello che è ‘terrorismo’ per gli uni è ‘patriottismo’ per gli altri, a partire dal ‘muoia Sansone con tutti i Filistei’ per arrivare agli shaheed passando da Oberdan, Orsini e i Boxer. Ci hanno fatto pure una conferenza internazionale al riguardo e invano, mi sembra a Sharm El Sheikh. Un vecchio testo CIA (!) definiva terrorismo il prendersela volutamente con civili disarmati per ottenere uno scopo politico da parte di organizzazioni non governative: senza quest’ultima clausola, Dresda e Hiroshima sarebbero senz’altro atti di terorrismo.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

  34. PinoMamet says:

      Capisco bene che non si possa processare Usama bin Laden per aver fondato l’Associazione Culturale "Al Qaida", avente tra i suoi scopi la diffusione della cultura islamica tradizionale e l’instaurazione del califfato ;-

    ma niente vieta di processarlo come mandante della demolizione non autorizzata a mezzo aereo del World Trade Center, che a naso mi sembra proprio un reato…

    se poi sia colpevole o no, preferisco sia deciso da un tribunale di persone raziocinanti piuttosto che da una pallottola o un missile.

    Ciao! :-)

  35. utente anonimo says:

    Per PinoMamet #32

    Il guaio è che tutte le norme che vogliono punire il ‘terrorismo’ partono dall’idea di punire l’attentato in sè e per seè e finiscono col punire l’appartenenza auna certa area di pensiero più o meno correttamente identificata con quella fiancheggiatrice di chi prepara gli attentati. Proprio in questo blog Martinez ha fatto parecchi esempi di cio’.

    Ciao!

    Andrea Di Vita

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>