Il crocifisso non è l’Italia

La vicenda della sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che vieterebbe l’uso dei crocifissi nelle scuole italiane, è un esempio fantastico di politica simbolica.

Lasciamo perdere il giudizio sulla presenza dei crocifissi nelle aule (o in quelle poche in cui sono ancora rimasti a prendere polvere) e cerchiamo piuttosto di capire il significato del teatro che vi si costruisce attorno.

Il teatro consiste nella solita sfilza di dichiarazioni forti da fare ai media, prima che la notizia sparisca nel nulla.

Questa volta, le dichiarazioni forti sono quasi tutte a favore del crocifisso e provengono da Destra. In particolare dal consueto giro di personalità pubbliche il cui rapporto con la mitica Morale Cattolica consiste, nel migliore dei casi, in discutibili annullamenti presso la Sacra Rota (“mica l’avevo capito che il matrimonio cattolico è per sempre, e poi quel giorno lì non ero in grado di intendere e di volere“).

Il crocifisso è ovviamente irrilevante per loro; ma si tratta di un’eccellente occasione per lanciarsi nella politica del vittimismo, che è ormai la forma generale di comunicazione. L’occasione è data dal fatto che questa volta non c’è un nemico agguerrito. Infatti, quasi nessuno odia il crocifisso, mentre è un oggetto che suscita una diffusa e vaga simpatia basata sulla consuetudine. Quindi, si può urlare forte, rischiando poco.

Ed è necessario urlare forte, perché in realtà la Destra non fa nulla di particolarmente cattolico; anzi, nei fatti è la principale artefice della scristianizzazione della società, grazie a tutta la potenza di Mediaset, nonché alla precarizzazione dei rapporti sociali. Dei fatti cattolici mancanti, ci si rifà con ore di immagini del Papa in televisione, con insulti ai musulmani o, appunto, parlando del crocifisso.

Il gioco del vittimismo consiste nell’invocare leggi speciali per chi si sente “offeso”: è la logica dietro mostri giuridici come la Legge Mancino, le ventilate leggi contro il negazionismo-revisionismo e altre proposte contro la “discriminazione”, nella misura in cui colpiscono idee e sentimenti.

Il politico di Destra chiede retoricamente, “può forse esserci qualcuno che si sente offeso dal crocifisso?” – come se quello fosse il problema – e poi grida, “invece i cattolici si sentono offesi se lo tolgono!” E quindi, ci vuole una sorta di esenzione speciale dalla laicità di stato per i cattolici offesi, non in quanto cattolici, ma in quanto Offesi.

Tutto questo è puro teatro e va considerato come tale: i laicisti che pretendono che questa agitazione a breve termine davanti alle telecamere, che resterà senza alcun seguito concreto, costituisca un “pericoloso ritorno al Medioevo” fanno semplicemente da sponda, prendendo sul serio la schiera di politici rumoreggianti.

In questo teatro, gioca un ruolo importante la credenza – trasversalmente condivisa – nell’Identità Italiana. Il crocifisso, gridano i Destri, è un Simbolo della Nostra Identità.

Una mistificazione non da poco. La storia dell’Italia si può raccontare in mille modi, ognuno un po’ vero e un po’ falso. Però proviamo a raccontarla in un modo assolutamente sommario e superficiale, ma che forse è un po’ meno falso di quello condiviso da Fini e Napolitano, nonché dai proclamatori di questi giorni.

Certo che i popoli, le regioni, i comuni che oggi fanno parte dell’Italia hanno una tradizione cattolica,  con alti e bassi, cosa che non distingue l’Italia dalla Slovenia (e non ha impedito agli italiani di massacrare gli sloveni).

Questi popoli-regioni-comuni sono stati dichiarati Italia da Napoleone, cosa che ha incontrato la fiera resistenza della maggior parte delle persone che Napoleone aveva deciso dovessero essere italiani. Una resistenza che ha comportato atroci massacri da entrambe le parti.

Le impotenti trame risorgimentali sono state basate su una premessa: il primo nemico dell’Italia è il Papa e quindi la religione cattolica; e l’immaginario risorgimentale si è nutrito di qualunque forma di pensiero girasse allora per il mondo, sfidando la Chiesa.

Più tardi, un gruppo di francofoni a Torino, con la più straordinaria serie di truffe della storia, è riuscito a impossessarsi di una gran parte delle regioni che a loro giudizio dovevano far parte dell’Italia. In particolare, imponendo l’Italia all’ex-regno di Napoli con lunghi anni di strage.

Questo gruppo di persone, che si è mantenuto al potere concedendo il diritto di voto a un‘infima minoranza della popolazione, è stato considerato  nemico sia dai cattolici che dai socialisti. Tanto che i cattolici simpatizzavano con l’Abissinia aggredita da Crispi, mentre il governo attribuiva l’insurrezione di Milano stroncata da Bava Beccaris alle trame clericali che diffondevano il socialismo nel paese.

L’Italia ha raggiunto le frontiere che il Dio del Risorgimento – che non era certo quello dei cattolici – le aveva promesso, grazie alla guerra contro la nazione più cattolica d’Europa, e a quella tremenda strage che Papa Benedetto XV aveva pubblicamente condannato.

Che poi questo paese, da Vittorio Emanuele I a Prodi, sia stato un infinito compromesso pratico tra italiani e cattolici, non toglie una cosa semplice: l’Italia, nella misura in cui è Italia, non è un paese cattolico. 

 

Print Friendly
This entry was posted in Censura e controllo globale. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>