Dilaga la non violenza

Da City, quotidiano gratuito di stamattina:

"Milano, ricca vedova uccisa

E’ stata ritrovata con la testa fracassata, forse con un oggetto contundente […]

Sul corpo, inoltre, non ci sono segni di violenza."

Print Friendly
This entry was posted in giornalisti cialtroni and tagged , . Bookmark the permalink.

35 Responses to Dilaga la non violenza

  1. Che ci vuoi fare, ormai copiaincollano e basta, non alzano più neanche il culo dalla poltrona.

    Via via, cantiere navale per tutti, e non se ne parli più!

  2. utente anonimo says:

    Questo perché ormai la violenza per antonomasia è diventata quella sessuale.

    Come a dire, ammazza pure chi vuoi, basta che non ci fai anche le cose zozze.

    È l’Allarme Stupri (possibilmente romeni) quello che tira, oggiggiorno. Una testa fracassata non è abbastanza per far notizia.

    Rock & Troll

  3. utente anonimo says:

    LA LISTA NERA DEI NEMICI DI ISRAELE DIVENTA UN LIBRO-

    LA LISTA NERA DEI NEMICI DI ISRAELE DIVENTA UN LIBRO-

    LA giornalista ebrea Alessandra Farkas su un articolo del Coriere della sera Recensisceil libro dello scrittore ebreo Alan Dershowitz,nel quale si elencano in una lista tutti i nemici di Israele,ebrei e non-ebrei sono avvisati!

    http://hashem.ilcannocchiale.it/2009/04/30/la_lista_nera_dei_nemici_di_is.html

  4. rigirandola says:

    Semplicemente:

    bleah…

  5. utente anonimo says:

    NSCO,

    anche tu a copiaincolla ti difendi benino, eh!

    ;-))

    Z.

  6. Che cosa ho copiaincollato, in particolare?

  7. JohnZorn says:

    >Questo perché ormai la violenza per antonomasia è diventata quella sessuale< Appunto, soprattutto per merito degli amici migranti Saluti
    JZ

  8. utente anonimo says:

    Per JZ, n. 7: veramente più del 60% delle violenze sessuali è opera di italiani. Che però, a quanto pare, fanno meno notizia.

    Saluti da Marcello Teofilatto

  9. fm_dacenter says:

    come solo il 60%? se noi italici “di stirpe pura” o come cavolo siamo definiti saremo almeno il 90% dei residenti totali!

    allora ha ragione JZ!!

    Francesco

    PS lo so, lo so, prendendo il tasso di delinquenza ceteris paribus si scopre che i nostri amici immigrati non sono peggio di noi … è che dovremmo importare meno giovani maschi e più donne di una certa età

    :)

  10. utente anonimo says:

    JZ,

    – Appunto, soprattutto per merito degli amici migranti —

    Vero. Come quei porci di rumeni mussulmani che riescono anche a camuffare il DNA! :D

    Z.

  11. utente anonimo says:

    Per Francesco, n. 9:

    >i nostri amici immigrati non sono peggio di noi … è che dovremmo importare meno giovani maschi e più donne di una certa età.

    Sai, non è che vengono violentate solo quelle giovani e belle. C’è il rischio di far impennare (scusa il verbo un po’ insidioso :-) il nostro 60%…

    Saluti da Marcello Teofilatto

  12. utente anonimo says:

    Francesco,

    – è che dovremmo importare meno giovani maschi e più donne di una certa età —

    A me piacciono di più le donne giovani, ma i gusti sono gusti e non si discutono :-)))

    Z.

  13. JohnZorn says:

    >Che però, a quanto pare, fanno meno notizia. < Forse perché, i migranti, non sono il 40% della popolazione… >Come quei porci di rumeni mussulmani che riescono anche a camuffare il DNA! < MuSSulmani no, ma cambiato l’ordine del DNA il risultato (Rumeni) non è cambiato… Che strano… meanwhile: http://milano.repubblica.it/dettaglio/stupro-al-mayday-violentatore-arrestato/1626874

    Ma tanto era una puttana occidentale, poco vestita e per giunta ubriaca (non dico comunista, sennò qualcuno mi prende sul serio).

    Saluti e castrazioni

    JZ

  14. utente anonimo says:

    JZ,

    – MuSSulmani no —

    Come no. Secondo me sono dei luridi maomettani camuffati :-)

    – ma cambiato l’ordine del DNA il risultato (Rumeni) non è cambiato… —

    Quindi? spiegati meglio…

    Z.

  15. JohnZorn says:

    >Quindi? < Di esami di DNA hai parlato e con quell’esito ti ho risposto. Saluti
    JZ

  16. utente anonimo says:

    …e io ti ho chiesto: quindi? cosa ne concludiamo?

    Ad esempio, ne concludiamo che gli italiani sono più buoni degli stranieri?

    Z.

  17. JohnZorn says:

    >

    Ad esempio, ne concludiamo che gli italiani sono più buoni degli stranieri? < No, che gli stranieri hanno una percentuale più alta in questi reati (in proporzione al loro numero). Saluti
    JZ

  18. utente anonimo says:

    Solito giochetto delle percentuali. Il delinquere dei clandestini è un valore aggiunto del quale si farebbe volentieri a meno. Ci bastano i delinquenti doc.

    Lone Wolf

  19. utente anonimo says:

    JZ,

    – No, che gli stranieri hanno una percentuale più alta in questi reati (in proporzione al loro numero). —

    Perdonami. Una persona denuncia di aver subito una violenza sessuale ad opera di persone che parlavano con accento straniero. Anziché Tiziescu e Caiescu, però, pare siano stati Semproniescu e Meviescu.

    Questo secondo te dimostra “che gli stranieri hanno una percentuale più alta in questi reati“?

    Per me dimostra soltanto che ci sono pubblici dipendenti che. se coscienziosi, farebbero bene a considerare l’ipotesi delle dimissioni.

    Z.

  20. JohnZorn says:

    >

    Questo secondo te dimostra “che gli stranieri hanno una percentuale più alta in questi reati”?

    < MA chi vuoi prendere per il culo? Guarda che quegli stupratori a Roma li han presi.
    Ed eran rumeni quanto quelli rivelatisi innocenti…

    Saluti

    JZ

  21. utente anonimo says:

    JZ,

    – MA chi vuoi prendere per il culo? —

    Scusa, perché dovrei prenderti per il culo? piuttosto secondo me non hai nemmeno letto il mio ultimo commento…

    – Guarda che quegli stupratori a Roma li han presi.

    Ed eran rumeni quanto quelli rivelatisi innocenti… —

    Allora, ti ripropongo il 19 in versione ancora più chiara (mi sembrava già chiaro a sufficienza, dato che sei una persona intelligente, ma vabbè).

    Dunque. Una persona denuncia di aver subito una violenza sessuale ad opera di persone che parlavano con accento straniero: di origine rumena, si direbbe. Così vengono arrestati Tiziescu e Caiescu, rumeni, che quel giorno risultavano essere nei paraggi. Tuttavia, ad un esame più approfondito, pare che i due stupratori rumeni non siano da identificare in Tiziescu e Caiescu bensì nei loro connazionali Semproniescu e Meviescu.

    Bene: se ho capito giusto, da questo tu desumi “che gli stranieri hanno una percentuale più alta in questi reati“.

    Il meno che si possa dire, JZ, è che sei stato un pochino criptico. No? ;-)

    Z.

  22. fm_dacenter says:

    x Z

    direi proprio di no.

    solo che, come fece a suo tempo Ritvan, studiando le statistiche si scopre che il fattore decisivo nel delinquere non è la stirpe ma l’accoppiata micidiale sesso-età (da padre di una femmina, già sapevo che i giovani maschi sono dei delinquenti pericolosi ed è meglio girino MOLTO al largo).

    Io propenderei per importare pure (o solo) le loro mamme, a scopo “tirategli voi gli orecchi”

    Francesco

  23. PinoMamet says:

    Sono abbastanza d’accordo con Francesco

    Una politica dell’immigrazione intelligente dovrebbe favorire i ricongiungimenti, invece di renderli più difficoltosi.

    Le eccezioni esistono sempre, e la garanzia assoluta di “sicurezza” non si avrà mai (neppure cacciando tutti gli immigrati).

    Ma in generale, chi non preferirebbe un quartiere di famigliole a uno di maschi giovani “allo sbando”?

    E poi, chi ha moglie e figli qui, avrà un motivo di più per pagare le tasse qui, per avere buoni rapporti con i vicini, per tenere il quartiere sicuro e pulito ecc. ecc.

    insomma, per fare parte della “società”.

    All’estremità opposta, il maschio giovane “in branco” che sa di poter essere cacciato da un giorno all’altro: a costui, che gli frega?

    Perciò, ben vengano le madri;

    e le mogli, i figli, i fratelli e le nuore.

    Ciao!! :-)

  24. PinoMamet says:

    E tanto per aggiungere la mia esperienza spannometrica,

    direi che da queste parti ci si lamenta assai meno dell’immigrazione in generale da quando non è più identificata solo col

    “marocchino che sporca e lascia le bottiglie di birra per terra”

    ma anche, sempre di più, con la famiglia marocchina (o indiana, parecchio, in campagna, che infatti è stata all’avanguardia nell'”integrazione”) che manda il bambino all’asilo, apre il negozio o rileva l’attività in disarmo, coltiva il poderino abbandonato ecc.

    casomai ci si lamenta che il bambino frega i posti all’asilo, ma i cretini ci saranno sempre e poi gli immigrati non hanno colpa del numero delle scuole d’infanzia e asili nido e della loro politica.

    Ciao!

  25. utente anonimo says:

    Francesco,

    – direi proprio [che JZ non è stato criptico] —

    Fammi capire. Sto ricercando due stupratori rumeni e arresto due rumeni che non c’entrano niente. Nel frattempo trovo i veri responsabili, e scarcero quelli che avevo arrestato per errore.

    Questo dimostra che i rumeni sono più propensi allo stupro dei marocchini, dei bolognesi o dei tedeschi?

    Mah :-)

    Z.

    PS: Trovo ragionevole quello che scrivi sull’età e sacrosanto quello che scrivi su tua figlia! :D

  26. fm_dacenter says:

    x Z

    il ragionamento di JZ fila lo stesso, i colpevoli sono due ‘stracomunitari (o negri, che è lo stessa categoria metafisica).

    Il problema è far capire come il 5% (o meno) della popolazione commetta il 40% dei reati sessuali … cosa possibile ma non banale.

    Francesco

  27. JohnZorn says:

    >che gli stranieri hanno una percentuale più alta in questi reati”.

    < Il primo a fare conclusioni “Alla cazzo” sei stato tu.
    “ne concludiamo che gli italiani sono più buoni degli stranieri?”

    L’hai scritto tu? Perché?

    Perchè hai fatto una battuta alla cazzo sui rumeni, con la storiella del DNA; come se parlare di Rumeni stupratori (visto il numero di episodi) fosse una palla campata per aria…

    I fatti te l’hanno dimostrato, per l’ennesima volta…

    Saluti

    JZ

    >Io propenderei per importare pure (o solo) le loro mamme, a scopo “tirategli voi gli orecchi” < O magari per stuprare qualcuna delle loro, ogni tanto…

  28. utente anonimo says:

    Francesco,

    – il ragionamento di JZ fila lo stesso, i colpevoli sono due ‘stracomunitari (o negri, che è lo stessa categoria metafisica). —

    Dove sta il “ragionamento”, perdonami?

    – Il problema è far capire come il 5% (o meno) della popolazione commetta il 40% dei reati sessuali … —

    Di nuovo, e per l’ennesima volte: da dove le prendete queste statistiche?

    Z.

  29. utente anonimo says:

    JZ,

    – Il primo a fare conclusioni “Alla cazzo” sei stato tu. —

    Insomma, mi stai dicendo che non sono l’unico :-) E soprattutto, non vedo cosa ci sia di arbitrario in quella battuta. Che poi non ti sia piaciuta è legittimo, ma è altro discorso.

    – L’hai scritto tu? Perché? —

    JZ, io pensavo che il perché fosse ovvio, ma se così non era non facevi prima a chiedermi spiegazioni?

    Comunque. Io trovo un pochino disgustoso che, appurato che probabilmente gli autori di un reato sono due rumeni, si mettano dentro i primi due che capitano, tanto i negracci sono tutti uguali. E poi li si tenga dentro nonostante il DNA negativo.

    E – anche se leggerei con interesse statistiche del genere – lo troverei disgustoso anche se tu mi dimostrassi, dati alla mano, che i rumeni stuprano dieci volte più spesso degli italiani.

    E stavolta, per Bacco Baccone, direi che non possono esserci grossi fraintendimenti :-)

    Z.

  30. utente anonimo says:

    in questo thread qualcuno ha scritto che ben il 60% degli stupri è opera di italiani … il che lascia un buon 40% di crimini ai non italiani, oserei dedurre

    quanti sono i maschi immigrati sulla popolazione italiana? ho sparato una metà degli immigrati, tanto lontano dal vero non casco

    saluti

    Francesco

  31. PinoMamet says:

    Vabbé,

    ma mi associo alla domanda di Z.:

    da dove escono tutte ‘ste percentuali?

    e mi associo anche a te, Francesco:

    ceteribus paribus, credo che le percentuali sarebbero pure pari.

    Del resto, prima JZ parla dei romeni, poi linka uno stupro compiuto da un egiziano:

    cosa hanno in comune romeni e egiziani?

    Niente, se non la condizione di essere maschi e immigrati nel nostro paese.

    Non si può quindi tirare in ballo la “stirpe”, ma qualche (eh sì, suona marxista e buonista, ma è così) motivazione sociale, che spiega anche perché gli italiani stuprino meno (se è vero).

    Ciao!

  32. PinoMamet says:

    Ops, erroraccio:

    ceteris paribus, non ceteribus, ovviamente.

    Ciao!

  33. utente anonimo says:

    Francesco,

    – in questo thread qualcuno ha scritto che ben il 60% degli stupri è opera di italiani … il che lascia un buon 40% di crimini ai non italiani, oserei dedurre —

    Ah… quindi la fonte è un commento letto in questo thread! Francè, Francè, chèddevo fare con te! :-)))

    – quanti sono i maschi immigrati sulla popolazione italiana? ho sparato una metà degli immigrati, tanto lontano dal vero non casco —

    Non saprei; comunque non credo si tratta di 50 e 50 in tutti i casi. Almeno, per quanto riguarda la mia personale esperienza, ho conosciuto più polacche che non polacchi. Ma ho conosciuto più uomini che non donne provenienti dal Marocco. Effettivamente sarebbe interessante leggere una statistica che mettesse in relazione queste differenze e le condanne penali ripartite per nazionalità.

    Z.

  34. utente anonimo says:

    Pino,

    – Del resto, prima JZ parla dei romeni, poi linka uno stupro compiuto da un egiziano:

    cosa hanno in comune romeni e egiziani? —

    Sicuramente un mare colorato: nero i primi, rosso i secondi :-)

    Z.

  35. JohnZorn says:

    >Niente, se non la condizione di essere maschi e immigrati nel nostro paese. < Esatto, io qui di “musulmani” od “Etnie” non avevo parlato… Saluti
    JZ

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>