Breve pausa e scorcio di fattacci personali

Come vedete, è praticamente da una settimana che il blog non viene aggiornato.Il motivo è molto concreto: ieri ho dovuto rifiutare una traduzione di trenta cartelle da consegnare entro stasera, perché sto traducendo un altro testo per un’altra agenzia, sempre per oggi.

Ora, c’è un dettaglio curioso: entrambi i lavori sono per la stessa gara di appalto internazionale, che deve suscitare parecchio interesse da queste parti.

Negli attimi in cui riesco a pensare ad altro, intervengo rispondendo nei commenti – assai ricchi e variegati – al post precedente.

Poi, finita l’ondata degli appalti, fatte le fatture che rimando ormai da molti mesi e sistemate altre piccole ma antipatiche faccende imprenditoriali, si riprende, ovviamente.

Se invece il mullà Omar si degna di smetterla di fare le corse in moto e mi invia quella somma lì, mando a quel paese tutti gli appalti e mi rimetto a scrivere subito.

Print Friendly
This entry was posted in esperienze di Miguel Martinez and tagged , , . Bookmark the permalink.

7 Responses to Breve pausa e scorcio di fattacci personali

  1. utente anonimo says:

    Corre voce che il mullà Omar sia stato recentemente avvistato a un raduno di biker nei pressi di Innsbruck… con giacca di pelle nera borchiata accompagnata dall’immancabile turbante, in groppa alla sua potente dueruote.

    Pare che i centauri austriaci gli abbiano offerto una bella bevuta di birra locale, ma non è chiaro se l’incorruttibile Mullà abbia ceduto oppure no…

    Rock & Troll

  2. utente anonimo says:

    Non pagano mai sti musulkattivi. Una fatica ogni volta per cavargli il grano dalle mani…

    :-)

    Z.

  3. fm_dacenter says:

    quindi TU sei esentato dalla Grande Crisi Economica Mondiale che potrebbe sancire la Fine del Capitalismo o almeno quella dell’Era dell’Uomo Bianco?

    insomma, ti perdi tutto il divertimento, il che mi pare ingiusto

    vabbè, auguri

    ciao

    Francesco

  4. kelebek says:

    Per Francesco n. 3

    Anche quest’anno, il mio lavoro ha conosciuto il solito ciclo: lavoro fin sopra i capelli fino a Natale, fiacca completa (come si può vedere dal numero di post miei) fino alla fine di febbraio, ripresa furibonda a marzo.

    Prevedo adesso un altopiano fino a luglio, con grossa impennata appena prima delle vacanze.

    Chi produce i testi da tradurre, infatti, ne ha sempre bisogno 24 ore prima della chiusura delle attività.

    Miguel Martinez

  5. Peucezio says:

    “Se invece il mullà Omar si degna di smetterla di fare le corse in moto e mi invia quella somma lì, mando a quel paese tutti gli appalti e mi rimetto a scrivere subito.”

    Nel caso non ci sarebbe qualcosina anche per me?

  6. fm_dacenter says:

    Miguel

    seriamente, mi stupisce che il collasso del capitalismo per doping finanziario, doping che era stato inaugurato nientemeno che da Ronald Reagan, il vincitore della guerra fredda, ti lasci indifferente.

    Minimo minimo, alla fine della crisi, i rapporti di forza internazionali saranno mutati e l’Occidente conterà meno.

    Il che aprirebbe degli spiragli per i tuoi protetti arabi e pure latinoamericani.

    E tu niente?

    Ciao

    Francesco

  7. fm_dacenter says:

    Anche quest’anno, il mio lavoro ha conosciuto il solito ciclo

    beh, sei uno dei pochi. gli altri hanno conosciuto una crisi economica priva di precedenti …

    Ciao

    Francesco

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>