Appello per la cancellazione di Hamas dalla lista europea delle organizzazioni terroriste

Appello per la cancellazione di Hamas dalla lista europea delle organizzazioni terroriste

 

Bruxelles, 1 febbraio 2009

In occasione delle elezioni europee del prossimo giugno, lanciamo un appello urgente a tutti i candidati ai 736 seggi del Parlamento europeo.

Chiediamo loro di impegnarsi a ottenere la cancellazione immediata e incondizionata di Hamas e di tutte le organizzazioni palestinesi di liberazione dalla lista europea delle organizzazioni terroriste.

Chiediamo che l’Unione Europea riconosca il diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese. Ciò implica il riconoscimento di Hamas da parte dell’Unione Europea come legittimo movimento di liberazione nazionale.

Primi firmatari

Germany
Jürgen Elsässer (journalist, Berlin, Germany), Jonas Feller (Anti-imperialist activist and high school student Rostock), Karsli Jamal (FAKT-Party, Germany), Klaus von Raussendorff, Referent für internationale Fragen beim Bundesvorstand des Deutschen Freidenker-Verbands, DeutschlandDjamila Krebs ( membre d’Europalestine Allemagne), Prof.Dr.med. Zouhair Itani, Dermatologist, Düsseldorf,Germany. Dr. med. Ahmad Haider, Urologe und Androloge, Allemagne, prof. Dr. Mohammed Al-Zoebi, ex-Minister in Syria, Allemagne, Professor Dr. Mohssen Massarrat, Osnabrück, Deutschland, Klaus Hartmann, Offenbach am Main, Bundesvorsitzender des Deutschen Freidenker-Verbandes, Germany, Krystyna Schydlo, Deutsch-Palästinensische Gesellschaft, Ruhrgebiet, Germany, Christoph Hörstel, Regierungs- /Unternehmensberater, Buchautor, Vors. Friedenskreis Deutschland e.V. i.G., Nehls, Gertrud, AK Asyl, Deutschland

Austria
Leo Gabriel (journalist and social anthropologist, member of the council of the World Social Forum, Austria), Johann Schögler (Styrian Peace Platform, Austria), Wilhelm Langthaler (Anti-imperialist Camp), Werner Pirker (journalist), Peter Melvyn (Jewish voices for a just peace in the Middle East), Hannes Hofbauer (publisher and publicist), Waltraud Schauer (former human shield in Iraq, Austria), Aleks Studen-Kirchner (author and interpreter, Austria), Milan Obid (chairman of the Slovene Students Club Vienna, Austria), Hermann Dworczak (social scientist, trade unionist, Austria), Wilfried Bader (local counsellor Angerberg, Tirol, Austria), Dipl. Ing. Marion Artlieb (computer scientist, Austria), Gerhard Oberkofler (University professor, Vice president of the Association Alfred Klahr, Innsbruck, Austria)

Belgium
François Houtart (professeur émérite de l’Université catholique de Louvain), Tom Lanoye (auteur), Jean Bricmont (physicien), Pol Goossens (journaliste), Ludo Abicht, Amir Haberkorn, Ouardia Derriche (membre de l’Association Belgique-Palestine), Ida Dequeecker (féministe), Robbe De Hert (cinéaste), Eric Goeman (woordvoerder Attac Vlaanderen), Nadine Rosa-Rosso (enseignante et auteur), Nadia Fadil (sociologue), Remi Verwimp (coördinator Werkplaats voor Theologie en Maatschappiij), Paul Delmotte (professeur IHECS), André Posman, (eredocent actualiteit Sint Lucasinstituut Gent, lic. Geschiedenis. Dir Concertreeksen DE Rode Pomp Gent), Luk Vervaet (président section belge IUPFP), Dyab Abou Jahjah (activiste, Belgique-Liban), Herman De Ley (emeritus professor, Universiteit Gent), Frank Roels, (MD, emeritus professor UGent, België), Gie van den Berghe (professor Universiteit Gent, ethicus en historicus), Ludo de Witte (auteur), Eric Rosseel (gepensioneerd docent psychologie VUB), Liliane Plouvier (Professeur de droit international Bruxelles), Elke Vandeperre ( coördinator vzw Motief), Michel Collon (écrivain et journaliste), Greta Alegre (cinéaste, Artistes contre le Mur), Francis Jorissen (webmaster Attac Vlaanderen, België), René Los (bestuurder), Sarah Bracke (feministe & professor KULeuven), Erik Swyngedouw (Professor of Geography School of Environment and Development Manchester University), Isabelle Ponet, enseignante retraitée, Renée Mousset (Association Belgique-Palestine Liège); Jean Marc Turine (écrivain), Malika Hamidi (doctorante EHESS à Paris), Paul Vanden Bavière (journaliste et historien), Ludo De Brabander (Stafmedewerker vzw Vrede), Yacob MAHI, Enseignant, Théologien, Dr. en Histoire et Sciences des Religions, Conférencier, Vergaelen Eva (writer Belgie), Myriam Vandecan (vzw CODIP), Hadassah Borreman (publiciste, Belgique), GEYS Herman (Kunstenaar België), Karel Arnaut, antropoloog, UGent, België, De Witte Paul Woordvoerder Basisbewehging voor democratie in samenlevving en kerken, Ronnie Ramirez, cinéaste, Nordine Saïdi (Mouvement Citoyen Palestine), Karim Hassoun – Voorzitter AEL Belgie, Daniel Vanhove Observateur civil – Auteur Membre de l’ABP et du MCP, Nathalie Jenart, psychologue, directrice d’un centre PMS, Bruxelles Belgique, Mommaerts Omer (militant vakbond ACV-CSC België)

Bulgaria
Georges Haddad (Writer, Bulgaria/Lebanon)

Cyprus
Belal Aabdelhai / PHD student/ Cyprus

Spain
Ángeles Maestro Martín (mèdica especialista en salud pública, Estado español), Carlo Frabetti (écrivain, État espagnol), Irene Amador (antropológue, État espagnol), Carlos Tena (periodista), Vicente Romano (professeur d’université, État espagnol), Gloria Pérez Berrocal (programmatrice de télévision, État espagnol), Alessandra Caporale, (social anthropologist, university lecturer Barcelona), Manuel Talens (écrivain, Espagne), Antonio Maira (Politólogo. Redactor Diario digital inSurGente), Anna Raventós Barangé (PhD Senior Lecturer Faculty of Arts and Letters University of Seville, Spain)

France 
Saïd Bouamama (sociologue), Houria Bouteldja (Mouvement des Indigènes de la République), Raoul Marc Jennar (consultant en relations internationales), Alima Boumediene Thiery (sénatrice), Christine Delphy (Fondatrice et directrice de la revue NQF) / France"Viktor Dedaj (cyber-journaliste), Roland Diagne (enseignant en France, militant communiste marxiste-léniniste), Annie Lacroix-Riz (professeur d’histoire contemporaine, université Paris 7), Youssef Boussoumah (Mouvement des Indigènes de la République). Eric Colonna (citoyen engagé Lyon), Danielle Bleitrach (sociologue et écrivain), Jean-François Larosière (responsable syndical et associatif), Catherine Stern (enseignante d’Histoire à la retraite, ancienne chargée de cours à Paris), Philippe Révelli (jounaliste), Sophie Crêtaux (France, ex-chercheur au CNRS, agrégée d’histoire), Mireille Rumeau (militante politique, France), Youssef Girard (étudiant), Marie-Elise Akel, Abdelaziz Chaambi (militant associatif), Micheline Garreau (militante ISM, France), Alain Bruguier (infirmier libéral), Radouane Belahrache (Nîmes), Olivia Zémor (présidente de CAPJPO-EuroPalestine et responsable du site europalestine.com), Mohamed ZAAF, chirurgien et conseiller municipal (911510), Monique de Lope, ( professeur émérite à l’Université de Provence), Alain Bruguier alain infirmier libéral, vice président de l’afps de nimes dans le gard en france), Laure LAHAYE, Chargée de collections en arabe à la Bibliothèque nationale de France, Conseillère de quartier, Paris, Jean-Claude AMARA, porte parole de Droits devant

Greece
Gella Varnava-Skoura (professeur en sciences de l’éducation à l’Université d’Athènes), Yiannis Sifakakis (Stop the war Coalition-Greece), Petros Constantinou (Campain Genoa 2001Greece)

Hungary 
Szamosfalvi Albert (artiste peintre Hongrie)

Ireland
Mairead Maguire (prix Nobel de la Paix), Danny Morrison (writer, Ireland)

Italy
Giulietto Chiesa (parlamentare europeo e giornalista), Lucio Manisco (giornalista ed ex parlamentare europeo), Gianni Vattimo (Filosofo ed ex parlamentare europeo), Margherita Hack (Astrofisica), Domenico Losurdo (Direttore Istituto Scienze filosofiche, università di Urbino), ), Danilo Zolo (Docente di Filosofia del Diritto internazionale, università di Firenze), Mary Rizzo (co-Editor of Palestine Think Tank and co-founders of Tlaxcala, Dr. Art Historian and Art Restorer), Prof.Massimo De Santi (Presidente Comitato Internazionale di Educazione per la Pace – ITALIA), Prof.ssa Giovanna Pagani (Presidente On. Wilpf Italia -Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertà – ITALIA), Dr.ssa Rosa Ayala Sosa (CIEP – ITALIA, Paola Manduca (geneticist Italy), Moreno Pasquinelli (Campo Antiimperialista), Dr. Mohamed Nour Dachan (Unione delle Comunità ed organizzazioni Islamiche in Italia), Elsa Verlicchi (Anthropologist, Rome, Italy), Miguel Martinez (websitewww.kelebekler.com Italy), Giulio Bonali (Italia)

Netherlands
Abdou Bouzerda (président Arab European League), Mohammed Benzakour  (écrivain et journaliste), Robert Soeterik (antropoloog, Middle East Research Associates, Nederland), Miriyam Aouragh (co-organizer Dutch antiwar and antiracism campaign, initiator of the national demonstration for Gaza in Amsterdam, Research Fellow at Oxford University, UK) , Meyer Hajo G. (Bestuurslid “Een Ander Joods Geluid” Nederland), Gretta Duisenberg (Chair Foundation Stop the Occupation The Netherlands), Benzakour Mohammed (schrijver en journalist Nederland)

Portugal
Jose Saramago (écrivain), Miguel Urbano (écrivain)

Romania
Alexandru Polgar (philosophe, éditeur de la revue Idea)

Great Britain
Gilad Atzmon (artiste de jazz et écrivain), Tariq Ramadan (professor, Oxford/Erasmus Universities), Tariq Ali (writer, film-maker and editor of New Left Review), Sukant Chandan (Chair, English branch of the IUPFP), Estella Schmid (Kurdistan Solidarity Committee & CAMPACC, UK), John Hutnyk (Professor of Cultural Studies, Academic Director of CCS Goldsmiths University of London), Zaki El-Salahi (Masters student, Edinburgh, Scotland), Jon Kehoe (artist, London), Naima Bouteldja (Journalist, England), Robin Virgin (Pluto Press, England), David Halpin (FRCS Standing in solidarity with the Palestinian people,UK), Brenda Brown (Chair, Brighton & Hove Palestine Solidarity Campaign, England), Mathis Richet (Musician, England), Marishka Tharani (Actress, England), Mark Barrett (civil liberties campaigner, London, England), James House (maitre de conferences à l’Université de Leeds), Maud Bracke (lecturer, University of Glasgow, UK), Alan Cooper, Senior Lecturer European College of Business and Management, Maha Rahwanji, Member of the Executive Committee, Palestine Solidarity Campaign, Britain.

Sweden
Jan Myrdal (écrivain), Lasse Wilhelmson (teacher, Sweden), Einar Schlereth Journalist Sweden

USA 
Greta Berlin (co-fondatrice Free Gaza Movment), James Petras (Bartle professor emeritus Binghamton University), John Catalinotto (managing editor, Workers World Newspaper, USA), Sara Flounders (co-director, International Action Center, USA), Emory Douglas (Former Minister of Culture of The Black Panther Party, USA), Dr Julio Pino ( professor of history), Dumas F. Lafontant Doumafis, (Organizer, African Liberation Day), Sebogo Bernard Nkumah (Chairperson of Boston Branch, All African People’s Revolutionary Party)

Switzerland
Franz Fischer (Sekretariat Partei der Arbeit der Schweiz – Sektion Basel, Trade Union UNIA), SchweizFranco Cavalli (oncologist and president of the International Union of Cancer (IUCC), founder of Medicuba, Switzerland), Daniel Vischer (MP of the Green Party, Switzerland), George A. Kouchakji (Palestine Solidarity Basel, Switzerland), Nabil Sheikh Khalil,(Association to Support Palestinians in Need, Switzerland), Matthias Hui, Fachstelle OeME, Ref. Kirchen Bern-Jura-Solothurn, Schweiz, Peter Leuenberger, Historiker, Vorstandsmitglied Gesellschaft Schweiz-Palästina, Schweiz

Canada 
Tim Louis (former Vancouver City Councillor), Ivan Drury (member of Vancouver Socialist Forum, contributing editor of Socialist Voice), Mohamed Tawfik Al-Mansouri, Ph.D. ( Writer and Researcher, Afnan Magazine Canada), Hani Barghouthy, Writer , editor-in-chief of www.arabianawareness.com, Canada; Robert Bibeau, Anaïs Barbeau-Lavalette Réalisatrice Québec, Canada

Brazil
Virginia Fontes (historienne, Rio de Janeiro), Augusto Boal (homme de théâtre)

Venezuela 
Thierry Deronne (vice-président télévision publique Vive TV République bolivarienne du Venezuela), Durand Benjamin, (professeur de cinéma et télévision Venezuela Caracas)

Jordan
Hisham Bustani, Writer and Secretary of the Socialist Thought Forum, Jordan

Syria
Prof Dr Georges Jabbour (President UN Association of Syria, Independent Expert Human Rights Council, 2002-2008 Former Presidential Adviser and Member of Parliament)

Lebanon
Mohammad Kassem (Beirut International Forum For Resistance , Anti Imperialist , People’s Solidarity and Alternatives) LYNA AL TABBAL Chef du département des droits de l’homme à l’université JINAN / Tripoli-Liban, Sari Hanafi (Associate professor, American University of Beirut)

Egypt
Yehia Al kazaz, Egypt, Prof unif et ecrivain et activiste

Palestine
Marcy Newman (Associate Professor, An Najah University, Nablus)
Abdulmohsin klawasmi, prof unif, Jerusalem,

South Africa
Buti Manamela (National Secretary Young Communist League of South Africa), Andre Zaaiman (Researcher, South Africa), Ronnie Kasrils (former South African government minister; writer and activist, South Africa)

Iraq
Isam AlYasiri ,Journalist Iraq

Maroc 
MOHAMED EL KADI, fonction/ qualité: Président de l’Agence Méditerranée pour la Coopération Internationale, Journaliste / Directeur du Journal "La Méditerranée" Fès / MarocAbdelwahed El Moutawakil (Secrétaire général du cercle politique du mouvement Justice et Spiritualité), Nadia Yassine (fondatrice de la section féminine du mouvement Justice et Spiritualité), Fathallah Arsalan (porte parole du mouvement Justice et Spiritualité), Omar Amkassou (membre du conseil d’orientation du mouvement Justice et Spiritualité), Mohammed El Hamdaoui (membre du conseil d’orientation du mouvement Justice et Spiritualité), Batoul Bicha (enseignante), Mouna khalifi (membre du secrétariat général du cercle politique (mouvement justice et spiritualité), Abdessamad Fathi (coordinateur du comité marocain du soutien aux causes de la Nation), Ghizlain Bahraoui (membre du secrétariat général du cercle politique (mouvement justice et spiritualité), Mohammed Salmi (Responsable du comité des droits de l’Homme (mouvement justice et spiritualité), Najia Rahmani, (chercheuse), Mohammed Manar (chercheur), Aziza Sakhraji (enseignante chercheuse), Hassan Bennajeh (responsable de la jeunesse du mouvement justice et spiritualité), Fatima Kassid (membre du secrétariat général du cercle politique (mouvement justice et spiritualité), Omar Iharchane (chercheur), Merieme Yafout (Responsable de la section féminine du mouvement Justice et Spiritualité), Abdallah Chibani (membre du secrétariat général du cercle politique (mouvement justice et spiritualité), Mustapha Erriq (responsable du secteur syndical du mouvement justice et spiritualité, Abdellah Bella (enseignant Maroc)

Cuba/Mexico
Ángel Guerra Cabrera (periodista y académico, Cuba/México), Khaled Kasab Mahameed, the founder of the Holocaust Museum in Nazareth

Norway
Nidal Hamad, Writer and Joournalist, Palestine/Norway

Print Friendly
This entry was posted in Censura e controllo globale, Israele Palestina Canaan and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

37 Responses to Appello per la cancellazione di Hamas dalla lista europea delle organizzazioni terroriste

  1. utente anonimo says:

    Miguel,

    ma questa richiesta

    Chiediamo loro di impegnarsi a ottenere la cancellazione immediata e incondizionata di Hamas e di tutte le organizzazioni palestinesi di liberazione dalla lista europea delle organizzazioni terroriste

    non suona un pochino generica?

    Se io dico – chessò, a titolo di mero esempio – “rimuovete Hamas dalla lista perché…” allora sto sostenendo ragioni precise per cui una tale organizzazione non dovrebbe essere considerata così ma cosà.

    Se dico “tutte le associazioni palestinesi” sto facendo una richiesta generica e aprioristica, dal sapore vistosamente ideologico, che non credo abbia molte possibilità di essere non dico accolta, ma nemmeno presa sul serio.

    Z.

  2. utente anonimo says:

    si lo faccio.

    Ma come faccio a farlo ?

    é possibile avere un link

    per la petizione ?

    Massimo

  3. utente anonimo says:

    Ma vergognatevi, pagliacci, quelli sono fondamentalisti islamici ecchecazzo, chi vuole la pace tra israeliani e palestinesi non può sostenere Hamas che rifiuta di riconoscere Israele e ne vuole la distruzione.

    Pagliacci, pagliacci, pagliacci, siete come quelli che andavano dietro a Hitler e Mussolini.

  4. roseau says:

    Ma vergognatevi, pagliacci, quelli sono fondamentalisti islamici ecchecazzo, chi vuole la pace tra israeliani e palestinesi non può sostenere Hamas che rifiuta di riconoscere Israele e ne vuole la distruzione.

    Pagliacci, pagliacci, pagliacci, siete come quelli che andavano dietro a Hitler e Mussolini.

    …e quindi?? Adesso arriva l’ insulto topico : NAZIISLAMOCOMUNISTIIII!

  5. utente anonimo says:

    Anch’io, come Massimo, vorrei sapere come sottoscrivere l’appello.

    Un saluto da Marcello Teofilatto

  6. Peucezio says:

    Tra l’altro come si fa a sottoscriverla?

  7. Peucezio says:

    Per 3# anonimo:

    dipende: se intendi quelli che nel ’45 sono passati subito dall’altra parte, non lo so; se intendi quelli che non hanno mai cambiato giacchetta allora per quello che riguarda me (che addirittura sono nato molto dopo) e la mia famiglia, sì, siamo proprio come quelli, allora, oggi, domani e sempre e, per quello che mi concerne, non è un insulto ma un complimento.

    Ad ogni modo chi vuole combattere i findamentalisti islamici non sostiene il governo bosniaco islamico, l’UCK e i terroristi ceceni, tutti inflitrati, se non direttamente controllati, dai gruppi wahabiti e salafiti. Quindi amici dei fondamentalisti islamici sono gli yankee, non noi: prenditela con loro.

  8. utente anonimo says:

    Caro signor PEucezio, forse dovrebbe ripassare un po’ di storia, le milizie islamiche albanesi e cecene sono state create proprio da Hitler in funzione anticomunista e antisovietica.

    Qui comunque non si tratta di questo, ma del fatto che chi vuole la pace non può sostenere Hamas che rifiuta la pace e caldeggia la guerra fino a che Israele non sia distrutta. Chi sostiene Hamas non sta con la pace, sta con la stessa follia che sessant’anni fa guidava le masse di seguaci di Hitler e di Mussolini, sotto un altra forma, apparentemente soft.

  9. Peucezio says:

    Signor anonimo, se non veniva lei a dirmi che Hitler appoggiò le milizie albanesi islamiche non l’avrei mai saputo!

    Io parlavo dell’oggi. Che poi Hitler e Mussolini abbiano avuto delle responsabilità nel sostenere i mussulmani nei Balcani settant’anni fa, non lo nego, è cosa risaputa d’altronde.

    Ad ogni modo chi sta con la pace?

    Io no. Io sono contro la devastazione indiscriminata e il genocidio di civili contro il popolo inerme di Gaza e proprio perché sono contro di esso, sono a favore del bellicismo di Hamas, che ha infiniti meno mezzi di Israele e fa un numero risibile di morti, quando li fa.

    Anche perché il diritto all’autodifesa e alla difesa della propria terra dall’invasore è un diritto sacrosanto che non c’è pacifismo né anti-terrorismo al mondo che possa conculcare o delegittimare.

  10. RitvanShehi says:

    Cari Peucezio e anonimo

    Mi sa che sulle ineffabili “milizie islamiche albanesi” di Mussolini e Hitler dovreste tornare entrambi sui banchi di scuola. Ma non di quella italica, che su ‘ste cose non insegna un cazzo, magari in una scuola albanese.

    Le milizie collaborazioniste albanesi ci sono state eccome, ma definirle “islamiche” è un po’ come definire “cattoliche” le truppe di Salò o di Vichy:-).

    Tant’è vero che la divisione SS albanese (composta per lo più da albanesi kosovari che non vedevano l’ora di rendere pan per focaccia ai fottutissimi serbi invasori) si chiamava…..SKANDERBEG, uno che come voi Grandi Esperti Di Robba Islamica Albanese sapete, era un noto mullah integralista islamico:-).

    x l’anonimo: quando nomini gli albanesi (musulmani, cattolici, ortodossi o atei che siano) nel contesto “ebrei” faresti bene a sciacquarti la bocca con la candeggina. Leggi qui: (http://it.wikipedia.org/wiki/Albania):

    L’Albania è il solo paese europeo in cui tutti gli Ebrei sono stati salvati durante la seconda guerra mondiale. Nel corso del conflitto, infatti, il numero degli Ebrei è aumentato; molti vi emigrarono per salvarsi dalle legge razziali. Se prima della II Guerra Mondiale vivevano in Albania circa 200 ebrei, alla fine della guerra gli ebrei sopravvissuti erano circa 2000. Solo una famiglia ebrea è stata uccisa, non perché ebrea, quanto piuttosto perché collaborava con i partigiani. La popolazione albanese e le stesse autorità albanesi rifiutavano di consegnare gli Ebrei durante gli anni dell’occupazione fascista e nazista. Al contrario, li nascondevano, travestivano, gli procuravano documenti falsi per salvarne la vita.

    (Bibliografia a cura di Luigi Boschi: http://www.luigiboschi.it/?q=node/11089)

  11. kelebek says:

    Per la folla di aspiranti firmatari :-)

    Quelli che vedete sono i “primi firmatari”, diciamo i promotori.

    Credo che a giorni si dovrebbe aprire un sito per la raccolta delle altre firme.

    Comunque vi terrò informati.

    Miguel Martinez

  12. kelebek says:

    Per l’anonimo n. 8

    Esatto.

    Hamas vuole la Dalmazia agli italiani e Danzica ai tedeschi. E sta organizzando pure la battaglia del grano. Nel mentre, mangiano l’erba.

    C’è scritto nel mitico Programma Terroristico di Hamas.

    Miguel Martinez

  13. utente anonimo says:

    Invasore? Veramente la questione è un po’ più complessa. Vogliamo parlare di storia o del fatto che i fanatici islamisti di Hamas sono un ostacolo alla pace?

    Se vogliamo parlare di storia, allora cominciamo col dire che gli ebrei hanno sempre vissuto in Palestina, che anche gli ebrei sono “palestinesi” come gli arabi. Diciamo anche che le stragi contro il popolo ebraico in Palestina cominciarono molto prima delle migrazioni dall’America e dalla Russia, a Hebron ci furono vari pogrom contro ebrei che il sionismo, l’ideologia nazionale dello stato di Israele, non sapevano nemmeno cosa fosse.

    Per spiegare questo è necessario comprendere il fenomeno del moderno estremismo islamico e dei suoi legami con l’Europa. Difatti la prima guida dei nazionalisti arabi della Palestina era il gran mufti di Gerusalemme al-Husseini, egli ordinò i primi pogrom anti-ebraici soprattutto a Hebron. Quando cominciarono a migrare gli ebrei dall’Europa per fuggire dalle leggi razziali, molti arabi vedevano in queste migrazioni un’opportunità economica, lui il gran mufti no, era un antisemita viscerale, e arrivò a collaborare con Hitler pur di far fuori gli ebrei in Palestina, tutti – sionisti e non. Si da il caso che costui fosse anche lo zia di Yasser Arafat. So che molti avranno già sentito questa storia e preferiscono considerarla un sofismo pur di ignorarla ma è storia vera.

    Israele hanno lo stesso diritto ad esistere che può avere il Libano, o la Siria, sono tutti stati-nazione sorti con il disfacimento dell’impero turco. I turchi stessi avevano promesso agli ebrei la terra di Palestina così essi vi si stanziarono in parte già decenni prima del sionismo. Poi l’impero turco si è disfatto, la Palestina è passata agli inglesi, che poi hanno dato una parte della Palestina agli ebrei e una agli arabi.

    Non esiste invasore e legittimi abitanti, questo è un conflitto che va risolto attraverso la pace tra Israele e palestinesi. Ora Hamas rifiuta di riconoscere Israele perché è un’organizzazione estremista islamica che ritiene questa guerra uno scontro di religione, si legga pure lo statuto di Hamas.

    Hamas deve stare tra i terroristi, come Israele e l’Unione Europea hanno messo tra i terroristi israeliani del Kach.

    Con Hamas non c’è pace, loro non lottano per uno stato per i palestinesi ma fanno una guerra di religione. Spero che rifletterete tutti su questo prima di firmare.

  14. RitvanShehi says:

    >Ad ogni modo chi vuole combattere i fondamentalisti islamici non sostiene il governo bosniaco islamico, l’UCK e i terroristi ceceni, tutti inflitrati, se non direttamente controllati, dai gruppi wahabiti e salafiti. Quindi amici dei fondamentalisti islamici sono gli yankee, non noi: prenditela con loro.

    Peucezio< Minchia, allora Anna Politkovskaja – assassinata per aver denunciato le atrocità russe in Cecenia – era senza ombra di dubbio al soldo dei wahabiti/salafiti??!!:-) E i Radicali italici pure!:-)
    E il LEGITTIMO governo bosniaco ti fa schifo solo perché è “islamico” (nel senso di essere composto da musulmani)? Ue’, vorresti per caso sostituirlo con uno composto da amici tuoi, tutti di chiara e provata fede cristiana, così stiamo tutti più tranquilli?:-)

    In quanto all’UCK del Kosovo, dici le stesse identiche cazzate ripetute dai kompagni filo Milosevic di Rai3 (Santoro, Iacona &co). Invece, la stragrande maggioranza dell’UCK era (ed è) di formazione marxista e di wahabiti/salafiti in Kosovo non v’è nemmeno l’ombra.

  15. kelebek says:

    Per n. 13

    “Con Hamas non c’è pace, loro non lottano per uno stato per i palestinesi ma fanno una guerra di religione. Spero che rifletterete tutti su questo prima di firmare.”

    Ah, ecco perché non firmi i tuoi commenti…

    Miguel Martinez

  16. kelebek says:

    Lo Spammatore Sionista (distinto da alcuni umanissimi sionisti) è una delle forme di vita virtuale più simili a un robot.

    Si accende solo quando si parla di Israele: puoi parlare di cento altre cose, a lui non gliene frega niente.

    Poi sul motore di ricerca, o sul programma Megaphone promosso dal governo israeliano, scatta sulla parola chiave.

    Pesca a caso qui, nel Manuale Segreto del Hasbarà Universale, per trovare lo slogan da sparare:

    http://kelebek.splinder.com/post/19521585/

    La cosa buffa è che lui non ha la minima idea dell’ambiente in cui è capitato, per cui spara le sue frasi fatte, molto ben calibrate per l’ascoltatore medio di Rete Quattro, proprio qui, regalandoci tutti un momento di allegria.

    Miguel Martinez

  17. utente anonimo says:

    Hamas vuole la Dalmazia agli italiani e Danzica ai tedeschi.

    allora firmo anch’io!

    Francesco

    :D

    PS ma la California al Messico no!

  18. Peucezio says:

    RitvanShehi #10

    E la divisione Handshar?

    Io non mi picco di esperto di storia balcanica, ma almeno non pretendo di insegnarla agli altri.

  19. paniscus says:

    Lo Spammatore Sionista (distinto da alcuni umanissimi sionisti) è una delle forme di vita virtuale più simili a un robot.

    Si accende solo quando si parla di Israele: puoi parlare di cento altre cose, a lui non gliene frega niente.

    Poi sul motore di ricerca, o sul programma Megaphone promosso dal governo israeliano, scatta sulla parola chiave.

    Tempo fa, ne incrociai una addirittura su un forum di mamme, ad argomento generalista di gravidanza-allattamento-maternità-bambini-vitadifamiglia.

    Un autentico spasso.

    Mentre le altre chiedevano consigli sullo svezzamento o confrontavano le esperienze di primo impatto con l’asilo, questa si vantava di aver fatto il servizio militare nel deserto del Negev, di saper guidare carri armati e di saper usare la mitragliatrice, procolamando con disprezzo che tutte le altre erano delle nullità spregevoli destinate alla sconfitta, perché non avevano il senso della patria come ce l’aveva lei :)

    Nel giro di un paio di mesi sparì, comunque .

    Lisa

  20. Io invece ho sempre avuto l’idea che blastare Hamas a calci in culo sarebbe il primo passo per la risoluzione del conflitto. Vedere Chiesa e Vattimo (chissa’ come mai gli idioti vanno sempre a fare gli europarlamentari) fra i firmatari non fa che rafforzare la mia idea.

  21. utente anonimo says:

    ii,

    – Io invece ho sempre avuto l’idea che blastare Hamas a calci in culo sarebbe il primo passo per la risoluzione del conflitto. —

    E’ stata (e in parte ancora è) un’opinione piuttosto condivisa. Solo che, a tacer d’altro, mi pare che sia anche un’idea che non funziona.

    Z.

  22. RitvanShehi says:

    >RitvanShehi #10

    E la divisione Handshar?

    Io non mi picco di esperto di storia balcanica, ma almeno non pretendo di insegnarla agli altri.Peucezio< E fai bene!:-)
    La divisione Handschar (“scimitarra”) era bosniaca, non albanese.

  23. RitvanShehi says:

    – Io invece ho sempre avuto l’idea che blastare Hamas a calci in culo sarebbe il primo passo per la risoluzione del conflitto. ii–

    >E’ stata (e in parte ancora è) un’opinione piuttosto condivisa. Solo che, a tacer d’altro, mi pare che sia anche un’idea che non funziona. Z.< Hai ragione caro Z. tant’è vero che, con la mediazione egiziana, proprio in questi giorni si sta tentando di mettere d’accordo Fatah e Hamas al fine di far parlare i palestinesi con un’unica voce nei futuri colloqui di pace con Israele.

  24. utente anonimo says:

    Ritvan,

    – La divisione Handschar (“scimitarra”) era bosniaca, non albanese. —

    Occhio che se lo viene a sapere Panella quello poi va in TV a dire che la Bosnia non ha diritto ad esistere!

    Z.

  25. RitvanShehi says:

    – Ritvan: La divisione Handschar (“scimitarra”) era bosniaca, non albanese. —

    >Occhio che se lo viene a sapere Panella quello poi va in TV a dire che la Bosnia non ha diritto ad esistere! Z.< Lo sa, lo sa, ma non credo sia tanto fesso da andare a dire simile cazzata in TV. E poi, per quel che ne so, mica lo pagano i serbi, a cui la cosa farebbe abbastanza comodo:-)

  26. utente anonimo says:

    Già :-) Epperò, mica lo pagano per dire stupidaggini sui Palestinesi, secondo me.

    Secondo me le dice pure aggratis :-)

    Z.

  27. http://idiot

    [..] Where in the world is Ochalàn San Diego? Eh? Mi piacerebbe capire certe cose, che forse non le capisco perché in realtà sono tardo, e poco addentro alla semantica termonucleare globale e ben poco sensibile nonché analfabet [..]

  28. Peucezio says:

    RitvanShehi #22

    Lo so bene, ma a quanto mi risulta c’erano anche albanesi.

    In ogni caso è una querelle che non m’interessa molto. Io non cerco di fare il saputello e di correggere ogni dettaglio di quello che dicono gli altri, quello che si voleva mettere in evidenza è il fatto che la politica italo-tedesca nei Balcani durante la guerra sia stata sostanzialmente favorevole alle minoranze islamiche, per assurdo come quella statunitense e occidentale oggi.

    Comunque figuriamoci se Panella metterebbe mai in dubbio il diritto di esistere di uno stato artificiale voluto dagli americani. Questi neo-con antiislamici a parole, se i loro padroni decidessero che dobbiamo diventare tutti mussulmani, ci verrebbero a obbligare con i kalashnikov ad andare tutti in moschea.

  29. RitvanShehi says:

    >RitvanShehi #22

    Lo so bene, ma a quanto mi risulta c’erano anche albanesi.Peucezio< Ti risulta male: gli albanesi avevano la loro “Skanderbeg”, composta soprattutto – come già detto – da albanokosovari. Questi ultimi erano sì in maggioranza musulmani, ma v’era pure una minoranza (5-10%) di CATTOLICI, i quali in genere collaborarono (soprattutto) con gli italiani ma anche coi tedeschi, SEMPRE IN FUNZIONE ANTISERBA. Non era una questione religiosa, bensì etnico-politica. Del resto sia Mussolini che Hitler cercarono la collaborazione di tutti quelli che lo volessero, musulmani, cattolici e anche ortodossi (Draza Mihailovic, serbo ortodosso, ti dice niente?). >In ogni caso è una querelle che non m’interessa molto.< Ma va?! E allora perché cazzo l’hai aperta? Dal tuo # 9:
    “…Hitler appoggiò le milizie albanesi islamiche…”

    “…Hitler e Mussolini abbiano avuto delle responsabilità nel sostenere i mussulmani nei Balcani settant’anni fa…”

    Molto comodo fare l’indifferente e dire “non m’interessa molto” quando ti dimostrano che hai scritto una cazzata….

    >Io non cerco di fare il saputello e di correggere ogni dettaglio di quello che dicono gli altri,< Beh, meglio il “saputello” che l’ignorante che pretende di salire in cattedra parlando ad minchiam di “milizie islamiche albanesi”. Come già detto, erano “albanesi” ma NON “islamiche”, altrimenti non avrebbero scelto il nome “Skanderbeg”, che – sempre come già detto -non era esattamente un mullah:-). >quello che si voleva mettere in evidenza è il fatto che la politica italo-tedesca nei Balcani durante la guerra sia stata sostanzialmente favorevole alle minoranze islamiche, per assurdo come quella statunitense e occidentale oggi.< Non era colpa degli italo-tedeschi se la “maggioranza” ortodossa nei Balcani era strettamente legata alla Santa Madre Russia. Esattamente come lo è oggi. E, come ti ho già detto sopra – ma per i “non saputelli” come te repetita iuvant (a volte) – sia in passato che oggi si cerca anche la collaborazione delle minoranze CATTOLICHE (vedi alla voce “croati”) in funzione antirussa. E’ la geopolitica, bellezza, e anche se i musulmani ti stanno – per ragioni di cui non mi frega un beneamato cazzo – sulle bal, devi inghiottire.

  30. utente anonimo says:

    Blastare a calci in culo la parte avversa non è il primo passo, è proprio una (possibile) soluzione del conflitto.

    Bisogna vedere se ci riescono.

    Erika

  31. Peucezio says:

    RitvanShehi, guarda che è stato l’anonimo a parlare di milizie islamiche albanesi, io gli ho solo risposto che non scopriva niente di nuovo. Capirai che me ne importava a me di tirare fuori ‘ste cose, che non c’entrano niente con la questione palestinese.

    In ogni caso, anche ammettendo che non ci fossero albanesi nella Handschar ma solo nella Skanderberg (cosa che sarebbe da verificare, ma non escludo sia come dici tu), resta la sostanza che nei Balcani c’erano due divisioni di SS, una formata esclusivamente da mussulmani e un’altra in via prevalente. In questo senso l’osservazione dell’anonimo, che pure dice tante corbellerie, era sostanzialmente valida, al di là delle oziose disquisizioni terminologiche sull’espressione “milizie islamiche albanesi” (che comunque, visto che era composta per la maggioranza da albanesi di religione islamica, non mi sembra poi una definizione così folle in un paese diviso fra ortodossi, islamici e una minoranza cattolica, dove quindi l’appartenenza religiosa non è scontata).

    Poi è ben ovvio che Hitler si sia alleato coi mussulmani in funzione antirussa nei Balcani (e in funzione antibritannica e antifrancese nei paesi arabi) per ragioni tattiche, non certo perché sognasse di accoppiarsi un giorno con le Urì.

    Il fatto è che tu stai facendo una polemica pretestuosa non capisco a che scopo.

    E’ pacifico che Hitler abbia appoggiato le minoranze islamiche nei Balcani, che abbia arruolato albanesi di religione islamica, poi si può discettare su ogni dettaglio, sostanziale e terminologico e trovare punti di disaccordo su qualunque cosa. Ma non è uno sport che mi appassiona.

  32. JohnZorn says:

    MM: cosa ne pensa Hamas dei Sudeti e del Sud Tirolo?

    Voglio sapere, prima di firmare!!! :)

    Saluti

    JZ

    P.S:Anche io sono contrario la California al Messico. Possibilista per l’indipendenza dell’Alaska :)

  33. Peucezio says:

    Sta a vedere che invece, oberati dai debiti e dalla crisi, gli americani la rivenderanno alla Russia! :-)

  34. utente anonimo says:

    JZ,

    Sudeti alla Germania senza se e senza ma, ci mancherebbe altro.

    Del destino del Sud-Tirolo, allo stato incerto (era rivendicato da Hitler, ma poi la rivendicazione venne abbandonata per evitare conflitti con Mussolini), deciderà il prossimo Congresso Islamonazicomunista :-)

    Z.

  35. JohnZorn says:

    >Sudeti alla Germania senza se e senza ma, ci mancherebbe altro. < Das ist sehr gut… :)

    JZ

  36. RitvanShehi says:

    >RitvanShehi, guarda che è stato l’anonimo a parlare di milizie islamiche albanesi, io gli ho solo risposto che non scopriva niente di nuovo. Peucezio< Veramente tu gli hai risposto:“Signor anonimo, se non veniva lei a dirmi che Hitler appoggiò le milizie albanesi islamiche non l’avrei mai saputo!”. Ovvero, anche tu hai parlato di milizie albanesi “islamiche”. Il gioco delle tre carte con me non funziona.

    >Capirai che me ne importava a me di tirare fuori ‘ste cose, che non c’entrano niente con la questione palestinese.< Allora, la prossima volta non appiccichi ad minchiam alle milizie NAZIONALISTE albanesi l’aggettivo “islamiche”, nascondendosi poi malamente dietro l’anonimo. >In ogni caso, anche ammettendo che non ci fossero albanesi nella Handschar ma solo nella Skanderberg (cosa che sarebbe da verificare, ma non escludo sia come dici tu), resta la sostanza che nei Balcani c’erano due divisioni di SS, una formata esclusivamente da mussulmani e un’altra in via prevalente.< E allora? Nei Balcani c’erano pure – dalla parte dell’Asse – le milizie ustascià croate di Pavelic, composte da CATTOLICI e – come già detto – le milizie dei cetnici, composte da serbi ORTODOSSI. O che, per caso, solo i musulmani dovevano far schifo a Mussolini e Hitler? >In questo senso l’osservazione dell’anonimo, che pure dice tante corbellerie, era sostanzialmente valida, al di là delle oziose disquisizioni terminologiche sull’espressione “milizie islamiche albanesi” (che comunque, visto che era composta per la maggioranza da albanesi di religione islamica, non mi sembra poi una definizione così folle in un paese diviso fra ortodossi, islamici e una minoranza cattolica, dove quindi l’appartenenza religiosa non è scontata).< Beh, quando tu parlerai – per pav condicio – anche di milizie cattoliche e ortodosse al servizio di Hitler in giro per l’Europa, allora non ci saranno più “oziose disquisizioni terminologiche” in tal senso. O no? >Poi è ben ovvio che Hitler si sia alleato coi mussulmani in funzione antirussa nei Balcani (e in funzione antibritannica e antifrancese nei paesi arabi) per ragioni tattiche, non certo perché sognasse di accoppiarsi un giorno con le Urì.< Appunto. Però, dall’altra parte – e parlo solo degli albanesi, roba che conosco meglio di ogni altro qui – ci si alleò con Hitler in funzione antiserba, mica nell’illusione che Hitler fosse la reincarnazione di Maometto o perché li aiutasse ad applicare la sharia:-). Ecco perché la definizione “islamiche” mi dà molto fastidio. >Il fatto è che tu stai facendo una polemica pretestuosa non capisco a che scopo.< Pretestuosa è la tua applicazione dell’aggettivo “islamiche” alle milizie nazionaliste e collaborazioniste ALBANESI. E lo scopo delle mie precisazioni se non l’hai capito fino adesso, probabilmente non lo capirai mai, ma il problema è tutto tuo. >E’ pacifico che Hitler abbia appoggiato le minoranze islamiche nei Balcani, che abbia arruolato albanesi di religione islamica,< Come già detto, ridetto e stradetto ha arruolato ALBANESI NAZIONALISTI disposti ad arruolarsi, senza chieder loro di mostrargli il certificato del battesimo o il pisello circonciso:-) >poi si può discettare su ogni dettaglio, sostanziale e terminologico e trovare punti di disaccordo su qualunque cosa. Ma non è uno sport che mi appassiona.< Beh, allora cerca di non usare terminologie ambigue, tipo quella “islamiche” applicata alle milizie albanesi. P.S. Come avrai già letto nei media, il terrorismo CATTOLICO nordirlandese è tornato a colpire. Ti piace come definizione?:-) No? Ecco, appunto, come a me non piace che le milizie albanesi di Hitler vengano definite ISLAMICHE. Semplice, no?:-)

  37. utente anonimo says:

    Ah comunque dato che qualcuno l’ha chiesto, non so in futuro ma al momento si può sottoscrivere l’appello inviando la propria adesione a Nadine Rosa-Rosso che ne è l’ideatrice, nadinerr at gmail dot com.

    Erika

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>