Il nostro Cristo è nato

Lo so, gli amici cattolici troveranno alcuni elementi teologici discutibili in questa dura poesia del compositore cristiano palestinese, William Nassar. Però fa piacere scoprire che ci sono in giro dei cristiani che non sono stati moderati.
Sfidando, dichiariamo:

 Il nostro Cristo è  nato di nuovo

di William Nassar


Sfidando, dichiariamo: Il nostro Cristo è nato di nuovo

Andate e annunciate all’America, a "Israele", a Hosni Mubarak, a Mahmud Abbas e soprattutto alle bande di al-Dahlan e ai sacerdoti del sangue in ogni nazione e con tutta la forza della vostra gola


Il nostro Cristo è nato di nuovo

Il nostro Cristo è nato

Scagliate la notizia e tornate…

L’annuncio esploderà tra le loro fila e si innalzerà il clamore

Faranno una dichiarazione in nome delle Nazioni Unite per smentire la notizia come se fosse il frutto di un complotto, diranno che l’annunciato Gesù Cristo è stato crocifisso duemila anni fa ed è asceso in cielo.

Convocheranno una riunione dei suoi eredi e di coloro che detengono il suo lascito negandone la nascita, la classificheranno come un gesto arbitrario, improvvisato, irresponsabile, opera di un’istigazione dall’estero.

Ma voi… siate certi che avete vinto sul mondo, e che è nato il nostro Cristo, anche se hanno sigillato la sua tomba e le hanno messo davanti una guardia della Hagana e di Forza 17 addestrata dagli americani, e hanno messo il cavallo di Frisia a ogni incrocio che vi porta.

Ma l’uomo palestinese, abbronzato, di Betlemme, lo sposo di Nazaret, è nato avvolto nella gloria e nell’ira… cinto di bombe, attorno a lui tutti i sospettati e gli stranieri e i profughi e i figli della ristrettezza.

Non siate sorpresi, nulla in lui è cambiato!

E’ ancora un cananeo palestinese puro, fomenta la rivolta e mangia con le mani senza forchetta o coltello.

E’ ancora umile fin nelle ossa, e si adira se vede un ventre  troppo sazio, o se qualcuno davanti a lui parla in una lingua che non sia l’arabo.

Gli abbiamo fatto vedere i piani della resistenza e lui si è detto d’accordo, e  ci ha invitati a metterli presto in pratica.

Ha aggiunto che le voci sul suo pacifismo e sul suo carattere mite sono menzogne e falsificazioni di tutta la sua storia politica, e ha voluto recitarci alcuni dei suoi discorsi di istigazione alla rivolta in Palestina.

Gli abbiamo chiesto di Yahya ‘Ayyash e di Imad ‘Aql, di Wadi’ Haddad e di Abu ‘Ali Mustafa, di Jamal ‘Abd al-Nassir, di Yasir ‘Arafat, di ‘Abdul ‘Aziz al-Rantisi e di tutti i nostri amati martiri…

Ci ha detto che lui li ha fatti risorgere con la sua nascita e che nessuno è più prigioniero della morte tra coloro che sono rimasti fermamente attaccati alla terra.

Restano da conoscere alcune istruzioni, che ha rilasciato nel suo incarico di comandante supremo della resistenza.

Primo – io sono Gesù Cristo, la verità e la vita e la luce, affermo che non sono re solo dei cristiani, ma sono apparso per tutti i poveri che vengono da me per posare i loro pesi. Tutti i massacrati, gli scacciati, i profughi e gli espulsi sono miei compagni, e tutti coloro che invocano la giustizia sono miei fratelli e compagni lungo il sentiero.

Secondo – i cristiani devono uscire dalle chiese e andare nelle trincee di coloro che hanno sete di libertà e di verità e di luce sfavillante, e da oggi in poi non è più permessa la preghiera dentro i muri delle chiese.

Pregate e cantate inni al Signore mentre resistete e rendete vero il sogno, e donategli la vita e il sangue.

Terzo – non sono nato per portare la pace, sono arrivato per portare la spada. Continuate a lottare, e mettete a tacere coloro che si riempiono la bocca di amore e di pace, ché loro sono i figli della notte e dell’odio e della sete di sangue.

Quarto – non resterò a lungo tra i vostri ranghi, presto entrerò nei battaglioni di ‘Izz al-Din al-Qassam a Gaza, inizierò a preparare la resistenza segreta in Palestina. E io inizio e finisco esule dalla mia patria, e un compagno segreto nelle schiere della liberazione.

Non tenete nascosta la notizia, annunciate che è sorto il più grande nemico dell’America e di "Israele" e di chi fa loro da coda, da Mahmud ‘Abbas fino ad al-Dahlan e il più potente dei re, per quanto possa diventare rosso dall’ira e agitarsi.

E’ nato il nostro Cristo, il Cristo degli arabi, musulmani e cristiani.

Benvenuto, vecchio fratello e compagno nel jihad.

Ti innalzeremo sulle nostre fronti con lode e gloria, e li inchioderemo sul legno come ladri e figli di serpenti.

 

أعلناه تحديا: مسيحنا ولد من جديد.

اذهبوا وبلغوا أمريكا و"إسرائيل" وحسني مبارك ومحمود عباس وأزلام الدحلان تخصيصا، وكهان الدم في كل الدول وعلى وسع حناجركم..

مسيحنا ولد من جديد.

اقذفوا الخبر، وارتدّوا.

دعوه ينفجر في صفوفهم ويعلو الصخب.

سيصدرون بيانا باسم الأمم المتحدة ينفي الخبر المدسوس ويقطع بأن المدعو يسوع المسيح "صُلب" منذ ألفي من السنين وصعد إلى السماء.

سيتداعون إلى اجتماع طارىء لورثَتِه والقيمين على تركته يشجب الولادة، ويصنفها عملا اعتباطيا مفاجئا غير مسؤول، وبتحريض خارجي.

أما أنتم..فثقوا أنكم غلبتم العالم، وولد مسيحنا، رغم أنهم ختموا القبر وأقاموا عليه حراسا من الهاغاناه وقوات ال 17 المدربة أمريكيا، وتوزّعوا الحواجز على جميع المفارق المؤدية إليه. 

لكن الرجل الفلسطيني أسمر بيت لحم، عريس الناصرة، وُلد مجللا بالبهاء والغضب..مزنرا بالقنابل..محوطا بجميع المشبوهين والغرباء واللاجئين وصبية الأزقة.

 

ولد والتحق فورا بموقعه المحدد في وسط مخيمات غزة.

 

لا تدهشوا، لم يتغير فيه شيء!

 ما زال كنعانيا فلسطينيا قحا، يحسن التحريض السياسي، ويأكل بيديه بدون شوكة أو سكين.

 ما زال متواضعا حتى العظم، ويغضب إذا رأى كرشاً، أو تكلم أحد بلغة غير عربية بحضوره.

 

أطلعناه على برنامج المقاومة فوافق، ودعا إلى الإسراع في إنجازه.

أضاف أن ما أشيع حول مسالمته ووداعته كذب وافتراء على تاريخه السياسي كله، وأصر على أن يتلو على مسامعنا بعضا من خطاباته التحريضية في فلسطين.

 

سألناه عن يحي عياش وعماد عقل ووديع حداد وأبو علي مصطفى وجمال عبد الناصر وياسر عرفات وعبد العزيز الرنتيسي وكل الأحبة الذين استشهدوا…

أبلغنا أنه أقامهم بولادته فلم يبق أسير الموت واحد من الغيّاب الذين التحموا بالأرض.

 

يبقى الإطلاع على بضعة تعميمات، أصدرها بوصفه قائدا أعلى للمقاومة:

 

أولاـ أنا يسوع المسيح، الحق والحياة والنور، أؤكد أني لست ملكا للنصارى ولا حكرا عليهم، بل أنا مشاع لجميع الفقراء، يأتون إلي ويلقون أثقالهم. كل مذبوح ومنفي ولاجيء وطريد هو رفيقي، وكل ساع إلى العدل أخ ورفيق في الدرب.

 

ثانيا ـ على المسيحية أن تخرج من الكنائس إلى خنادق العطاش للحرية والحق والنور الساطع، فلا يجوز بعد اليوم الصلاة داخل جدران الكنائس.

صلّوا ورنموا للرب وأنتم تقاومون وتحققون الحلم، وتهبونه الحياة والدم.

 

ثالثا ـ لم أولد لألقِ سلاما، بل جئت لألقي سيفا. استمروا في الصراع، واخرِسوا من يتغرغرون بالمحبة والسلام، وهم أبناء الليل والحقد الجموح.

 

رابعا ـ لن أمكث طويلا في صفوفكم، سألتحق بكتائب عز الدين القسام في غزة، وسأبدأ بالتحضير للمقاومة السرية في فلسطين، فأنا بدءا ومنتهى طريد خارج الوطن، وعضوا سريا في فصائل التحرير.

 

لا تتستروا على الخبر، أذيعوا أنه قام أشد عداء لأمريكا و"إسرائيل" وأذنابهم، من محمود عباس حتى الدحلان فأكبر ملك، وأن لونه السياسي بات فاقعا ويثير المتاعب.

 

ولد مسيحنا، مسيح الوطنيين العرب، مسلمين ونصارى.

فأهلا أيها الأخ والرفيق العتيق في الجهاد.

سنرفعك على جباهنا فخرا وعزا، ونعلقهم على الخشبة لصوصا وأولادا للأفاعي.

___________________________________

 

** د. وليم نصار.. مؤلف موسيقي والمنسق العام للجنة العليا للقدس عاصمة الثقافة العربية 2009 خارج فلسطين المحتلة.

 

Ho scoperto questo testo grazie a una traduzione in inglese da Adib S. Kawar. Confrontando la traduzione con l’originale, però, ho preferito fare una traduzione nuova direttamente dall’arabo.


Miguel Martinez è membro di
Tlaxcala, la rete di traduttori per la diversità linguistica. Questi articoli sono liberamente riproducibili, a condizione di rispettarne l’integrità e di menzionarne gli autori e la fonte
.

Print Friendly
This entry was posted in cattolici and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

25 Responses to Il nostro Cristo è nato

  1. Santaruina says:

    Mi sembra un Cristo molto musulmano :-)

    Il Cristo dei Vangeli ci teneva a ribadire che il suo Regno non è di questo mondo.

    Blessed be

  2. utente anonimo says:

    Molto interessante. Ed anche… sì, davvero molto religioso.

    Come cristianesimo è molto sincretistico con l’Islamismo, anzi, in alcuni punti mi sembra di sentire proprio l’eco della dottrina islamica applicata al cristianesimo (credo eh, molti di voi lo sapranno molto meglio di me).

    Ma di certo, ad ogni modo, dipinge molto bene come vivono la loro religione molti cristiani palestinesi al momento…

    plgs

  3. irSardina says:

    Ma questo Cristo andrà a scacciare i mercanti dal Tempio? Rovescerà le loro bancarelle (o le multinazionali) in un rotolìo di pompelmi jaffa?

    Sardina

  4. utente anonimo says:

    Visto il tuo mestiere, in arabo si dice matto come cavallo o matto come un cammello?

    In ogni caso, sia maledetto che cerca di impossessarsi del Cristo, qualunque sia la sua causa.

    Francesco

  5. utente anonimo says:

    Beh, non esageriamo…

    se lo fa il Berlusca chiudiamo un occhio, via!

    ;-)

    Z.

  6. kelebek says:

    Per Z

    No, Francesco mi sembra abbastanza coerente in questo.

    Miguel Martinez

  7. fm_dacenter says:

    Berlusca è un megalomane e un bugiardo patologico, il che lo rende meno colpevole.

    Questo mi ricorda certi religiosi ex-jugoslavi durante le recenti guerre.

    Oltre ad essere un pò troppo ecumenico, per non dire che c’ha proprio l’anello al naso.

    I cristiani, piuttosto, scappano dal loro paese, a decine di migliaia, pare. Piuttosto che tradire Lui.

    Francesco loggato

  8. Santaruina says:

    Comunque, se c’è una cosa che caratterizza il messaggio di Cristo, e che lo rende rivoluzionario, è quel suo “amate i vostri nemici”.

    Se questo non piace, ci si può scegliere una qualsiasi altra religione, ma il cristianesimo, quello di Cristo, è questo.

    Blessed be

  9. utente anonimo says:

    Santaruina dice una cosa “sacrosanta” (è proprio il caso di dirlo!), e così tutti quelli che fanno notare l’incongruenza del messaggio con il pensiero cristiano, tuttavia…

    … beh, tuttavia una cosa è ragionare di qua tra di noi, una cosa è vivere lì ogni giorno lì il proprio cristianesimo.

    Del resto anche i nostri nonni (per tornare a loro, o poco prima, insomma i famosi uomini di Nearderthal ;–), in tempi meno facili, non si esitavano ad invocare Cristo quando bisognava reagire contro razzie e sopraffazioni, e non perché ci fosse la pace, ma perchì venissero distrutti i nemici…

  10. utente anonimo says:

    Santaruina dice una cosa “sacrosanta” (è proprio il caso di dirlo!), e così tutti quelli che fanno notare l’incongruenza del messaggio con il pensiero cristiano, tuttavia…

    … beh, tuttavia una cosa è ragionare di qua tra di noi, una cosa è vivere lì ogni giorno lì il proprio cristianesimo.

    Del resto anche i nostri nonni (per tornare a loro, o poco prima, insomma i famosi uomini di Nearderthal ;–), in tempi meno facili, non si esitavano ad invocare Cristo quando bisognava reagire contro razzie e sopraffazioni, e non perché ci fosse la pace, ma perchì venissero distrutti i nemici…

    pgls

  11. utente anonimo says:

    …davvero una rottura di scatole! quello che emerge dallo scritto non é certamente il messaggio dell’islam, ma di un modo violento di reagire e non tutti i musulmani sono d’accordo e a mio parere il Profeta Mohammed per primo, non sarebbe d’accordo con quello scritto. La spada di Gesù non é la violenza, bensi la conoscenza, l’intelligenza e l’amore, come del resto la spada di Mohammed , non é violenza, ma la conoscenza, l’intelligenza, e l’amore, perché se Gesù dice di amare i propi nemici, il Profeta Mohammed continua il messaggio di Gesù dicendo “pratica il perdono”, e chi bisogna perdonare se non i nemici??? Violenza genera violenza é un circolo vizioso al quale sfugge l’essenza. Siamo diventati troppo superficiali, parliamo di cose senza avere i requisiti per farlo basandoci soltanto su quello che dicono alcune persone e cosi finisce che l’islam é sempre una religione violenta, mentre é vero proprio il contrario. Praticare il perdono é non-violenza, il Profeta Mohammed é un non-violento, proprio come Gesù. Simboli e metafore del linguaggio religioso,vanno decifrate, momenti storici vanno differenziati, una guerra che si é combattuta milleecinquecento anni fa non é una guerra che si puo combattere oggi dove molte cose sono diverse e le armi sono distruttive più che mai. Bisogna salvare la vita, bisogna evitare le guerre, dobbiamo imparare il rispetto e l’amore. Non a caso SALAM vuol dire PACE. Come una religione distruttiva potrebbe salutarsi dicendo PACE-SALAM-PACE????C’é qualcosa che non quadra ed il vero messaggio é proprio SALAM! jam

  12. kelebek says:

    Per Jam n. 11

    Il problema è che qui non stiamo parlando di nemici, che si possono pure perdonare o con cui si può fare la pace, ma di oppressori.

    E con gli oppressori, o si subisce o si ribella.

    Non dico che sia sbagliato individualmente subire. Può essere una scelta dignitosa.

    Ma collettivamente?

    Miguel Martinez

  13. utente anonimo says:

    Penso possa essere irrilevante se da cattolico un po’ protestante sia o meno d’accordo teologicamente. Da appassionato di intercultura è assolutamente affascinante, un’opera d’arte. La spedisco subito a preti cattolici, cattolici non preti, mangiapreti e resistenti di tutti i tipi, grazie.

    dorian

  14. utente anonimo says:

    Francesco (nonché Miguel),

    – Berlusca è un megalomane e un bugiardo patologico, il che lo rende meno colpevole. —

    Ah, ecco, volevo ben dire :-)

    Z.

  15. fm_dacenter says:

    >> Il problema è che qui non stiamo parlando di nemici, che si possono pure perdonare o con cui si può fare la pace, ma di oppressori.

    Miguel, da quando sei uno spaccatore di capelli in quattro da fare invidia ai più fini gesuiti?

    Mi pare chiaro che gli oppressori siano una sottospecie di nemici. Coi quali Lui non dice di fare la pace, dice di amarli.

    Francesco

    PS ma Maometto non violento ha un fondamento storico o coranico o è solo un volo pindarico della nostra amica?

  16. utente anonimo says:

    scusa Miguel, le virolette su Israele per cosa stanno?

    Comunque non so se teologicamente è corretta ma di sicuro ha un impatto favoloso!

    Forse molto di più su “noi occidentali” data la nostra idea peace&love del Cristo!

    nix

  17. utente anonimo says:

    OT:

    un comune del milanese ha aperto un ufficio delazioni dove sporgere denunce anonime contro i supposti clandestini:

    http://milano.repubblica.it/dettaglio/Turate-nel-Comune-retto-dalla-Lega-un-ufficio-per-denunciare-i-clandestini/1585418

    Fortissimo il sindaco quando tira fuori l’eccezione che contraddistingue il razzista più idiota della media: “non è vero che sono razzista, ho persino lo schiavo negro!”. Solo che in questo caso aggiunge pure: “vabbè, i miei dipendenti albanesi saranno pur sempre stranieri, però gli albanesi sono cittadini comunitari!”

    Ora, pur essendo Comprensivo, Liberale, Democratico e via almanaccando, non posso fare a meno di chiedarmi: com’è la faccia di uno che vota certa gente? E sì che ce ne sono tanti, se la sua maggioranza è un mono verde :-)

    Z.

  18. utente anonimo says:

    Maometto un non violento.

  19. utente anonimo says:

    …sai, Miguel, credo ci si possa ribellare anche in modo non violento, anzi penso che la vera ribellione sia non-violenta I tempi stringono, il futuro si farà pacificamente o non si farà affatto! E’ l’uomo universale che dobbiamo realizzare e non sono bazzecole. Gesù dopo aver rovesciato i pompelmi del tempio avrebbe potuto unirsi agli zeloti e combattere violentemente.Invece no …l’amore é molto più difficile della violenza, ma é la sola via di uscita. A cosa serve allora l’intelligenza se abbiamo sempre bisogno di sparare? ciao, jam

  20. fm_dacenter says:

    >> l’amore é molto più difficile della violenza, ma é la sola via di uscita. A cosa serve allora l’intelligenza se abbiamo sempre bisogno di sparare? ciao, jam

    ops, oggi quoto jam al 100%!

    saluti

    Francesco

  21. irSardina says:

    “PS ma Maometto non violento ha un fondamento storico o coranico o è solo un volo pindarico della nostra amica?” Francesco

    Mi pare strano che Ritvan non ti abbia ancora risposto :-). Non volando ma parlando terra, terra posso dirti che qualche volta mi è capitato, per curiosità, di leggere qualche brano del Corano e ho letto solo parole che invitavano a essere caritatevoli e benevolenti verso il prossimo.

    Ritengo che ciò possa non significare nulla come quando, un giorno, sono andata da una mia amica, cattolica fervente, che stava insegnando ai figli un canto religioso che parlava di spade, eserciti che avrebbero fatto finire non so quale popolo nella polvere e non in senso metaforico… Però tutti gli altri canti invitavano all’amore e alla fratellanza!

    Mi dico, poi, se Maometto avesse voluto incitare alla violenza avrebbe indicato in Gesù Cristo un Profeta di Allah?

    Ciao Sardina

    PS a proposito di canti ho trovato questo di cui riporto un brano e un mio commento: “Ma allora è un vizio!”

    dal CANTO DI GIOSUÈ. (Gs 24, 2-13)

    “…E diedi a voi una terra

    città da voi non fatte

    vigne che non piantaste

    pozzi sgorganti un’acqua viva.”

  22. fm_dacenter says:

    Io stavo pensando all’esperienza storica dell’Islam ai tempi di Maometto, alle decisioni del Profeta stesso, che mi pare siano alquanto lontane da ogni possibile lettura pacifista.

    Non si parlava, al momento, di pacifismo ebraico o cristiano.

    Saluti

  23. RitvanShehi says:

    —-ma Maometto non violento ha un fondamento storico o coranico o è solo un volo pindarico della nostra amica?” Francesco—–

    >Mi pare strano che Ritvan non ti abbia ancora risposto :-).Sardina< Eh, cara mia, Ritvan in questi ultimi tempi è stato mooolto occupato a sfanculare una specie di islamologo alle vongole e i suoi adepti che su un blog accusavano, invece, Maometto, il Corano e tutti i musulmani delle peggiori nefandezze possibili ed immaginabili. (vedi i commenti: http://scaloni.it/popinga/leggiamo-jihad-le-radici-di-luciano-pellicani/#comments e http://scaloni.it/popinga/una-moschea-di-gesu-in-nome-della-tolleranza/#comments ).

    Ovviamente Maometto pacifista è una bufala. Come lo è ugualmente Maometto guerrafondaio. La verità – come quasi sempre – sta nel mezzo. Del resto, pure Cristo per cacciare i mercanti dal Tempio usò la frusta. E si limitò a quella probabilmente solo perché non aveva un kalashnikov a portata di mano:-). E, come abbiamo già detto, nemmeno San Francesco era un pacifista.

    >Non volando ma parlando terra, terra posso dirti che qualche volta mi è capitato, per curiosità, di leggere qualche brano del Corano e ho letto solo parole che invitavano a essere caritatevoli e benevolenti verso il prossimo.< Beh, probabilmente hai letto su una versione antologica “ad usum delphini”, fatta da qualche fratello musulmano. Brani violenti nel Corano ci sono, eccome, ma vanno contestualizzati. >Ritengo che ciò possa non significare nulla come quando, un giorno, sono andata da una mia amica, cattolica fervente, che stava insegnando ai figli un canto religioso che parlava di spade, eserciti che avrebbero fatto finire non so quale popolo nella polvere e non in senso metaforico… < Probabilmente salmi dell’Antico Testamento, testo che in quanto a truculenza non ha paragoni col Corano. Ma vallo a dire agli islamofobi alle vongole! >Però tutti gli altri canti invitavano all’amore e alla fratellanza!<
    Appunto, come dice l’Ecclesiasta, c’è un tempo per ogni cosa….

    >Mi dico, poi, se Maometto avesse voluto incitare alla violenza avrebbe indicato in Gesù Cristo un Profeta di Allah?< Domanda molto intelligente. Da girare ai soliti islamofobi alle vongole, però:-) Ciao

  24. RitvanShehi says:

    >Mi dico, poi, se Maometto avesse voluto incitare alla violenza avrebbe indicato in Gesù Cristo un Profeta di Allah? Sardina< Sì, ma il Corano (non Maometto, miscredente!:-) ) indica anche Mosè come uno dei “Profeti Maggiori” di Allah, insieme a Gesù e allo stesso Maometto. E Mosè mica era un pacifista, eh!
    Facendo un po’ di esegesi coranica della serva:-), nel Corano si ribadisce quel che fu scritto nell’Ecclesiaste, ovvero che c’è un tempo per ogni cosa. Ai tempi di Mosè, se gli ebrei si fossero dati al pacifismo, o sarebbero rimasti eternamente in Egitto a fare i muratori e badanti:-), oppure sarebbero stati sterminati dagli altri popoli abitanti la cosiddetta “terra promessa”.

    Idem (nel senso di essere sterminate) per le prime comunità musulmane corcondate da feroci ed agguerrite tribù politeiste.

    Gesù, invece, fu mandato da Allah per dire alle teste calde ebraiche (vedere alla voce “zeloti”) di stare buoni, poiché una potenza come l’Impero Romano non poteva essere fronteggiata con successo da quattro gatti con quelle quattro spade arrugginite che si ritrovavano (come dimostrò dopo Masada e tutto il cucuzzaro, fino alla cacciata degli ebrei ad opera dei romani). Mentre quell’Impero poteva addirittura essere CONQUISTATO tramite peace&love predicato dall’Inviato di Allah, Gesù figlio di Maria. Come successe veramente ad opera di chi credeva in Gesù come Inviato di Allah.

    Come si vede, gli Inviati Di Allah hanno sempre ragione, a seconda delle circostanze in cui vengono inviati!:-)

  25. irSardina says:

    Per Ritvan

    “Sì, ma il Corano (non Maometto, miscredente!:-) )”

    Mispiace!:-)

    Avresti una versione del genere anche per il catechismo? :-))

    Sardina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>