Giancarlo Elia Valori propone la propria banca per deportare i nativi palestinesi


"È la difesa di Israele la nuova piattaforma della Grand Strategy europea e USA, fuori dalle chiacchiere democraticiste e dalla retoriche elettorali. Il libro di Magdi Allam è un buon inizio per questo progetto."

Giancarlo Elia Valori, in Da un volume di Magdi Allam. Spunti, provocazioni, riflessioni su Israele.

Un magistrato dice che l’ex-piduista Giancarlo Elia Valori è al vertice della "nuova massoneria"  – nel senso di Licio Gelli –  doppiamente pericolosa proprio in quanto bipartisan e che quindi non incontra opposizione.

Un giornalista si chiede se Giancarlo Elia Valori non sia l’uomo più potente e temuto d’Italia.
 
Al di là di eventuali esagerazioni, è quindi interessante sapere cosa pensa Giancarlo Elia Valori.

Giancarlo Elia Valori ha scritto diversi testi - alcuni reperibili in rete, altri no – su una serie di temi che vanno da "Geopolitica dello spazio – Potere e ricchezza nel futuro del pianeta" ad "Antisemitismo nel quadro strategico Usa-Italia-Israele"; da "Il mare nostrum ha riacquistato il suo "ruolo centrale" nella nuova Europa a 27 – e Roma come capitale del Mediterraneo" a "negazionismo e sionismo oggi".

A noi, interessa soprattutto quello che scrive sul Medio Oriente, sull’Islam, su Israele e sulle grandi migrazioni in corso nel mondo.

Partiamo da un suo saggio del giugno 2007 su Magdi Allam, intitolato "Da un volume di Magdi Allam. Spunti, provocazioni, riflessioni su Israele".

Il testo è precedente alla conversione di Magdi Allam, che qui viene presentato ancora come "musulmano".

Qualche citazione, con mio commento:

"Il volume di Magdi Allam Viva Israele pubblicato da Mondatori, Milano, I edizione Maggio 2007, rappresenta un punto di svolta per la “questione israeliana” così come si è venuta configurando negli ultimi tre anni, e soprattutto dopo la guerra tra lo Stato Ebraico e Hezb’allah del luglio 2006."

Per Giancarlo Elia Valori, Magdi Allam costituisce un’utilissima pedina per quella che lui chiama (con entusiasmo) la "propaganda ebraica e israeliana":

"Ora […] un arabo islamico non solo accetta Israele come stato, ma scrive provocatoriamente un volume intitolato Viva Israele.

Se quindi, negli anni passati, l’accettazione di Israele da parte dei “moderati” arabi e islamici prevedeva l’accettazione della linea critica dell’UE verso lo Stato Ebraico e una buona dose di antiamericanismo di marca europeistica, oggi invece, nel libro di Magdi Allam, si sostiene la vita e la presenza di Israele nel quadrante mediorientale non come accettazione di uno stato di fatto faute de mieux, ma anzi come modello e strumento di salvezza per le masse arabe costrette ad accettare o classi dirigenti “moderate” ma corrotte e incapaci, oltre che autoritarie, o il “finto opposto” del jihad della spada.

È la rottura di un cliché che può portare a grandi modificazioni nel modello di propaganda dell’Ebraismo della Diaspora e dello Stato di Israele. […]

Se vi è un refrain nel testo di Magdi Allam, è che non si deve accettare di sacrificare Israele per avere la pace in Europa e negli USA. Accettare l’idea di un “piccolo male per un grande bene”, per usare la formula di Voltaire; ovvero di implicitamente mandare al macero Israele come potlach, dono di guerra all’Islam radicale, pensando che questo, ingoiato lo Stato Ebraico, si calmi e lasci in pace l’Europa, è, per dirla con Talleyrand, peggio di un delitto, è un errore. E questo è certo e dovrebbe essere un punto essenziale della propaganda israeliana e ebraica in Europa e in USA. […]

Insomma, Magdi Allam dimostra un punto-chiave di una buona propaganda israeliana e ebraica in USA e Europa" .

Cosa vogliono i musulmani?

"Il mito è quello della riconquista della Spagna, di “El Andalus”, perché si vuole colpire l’Europa tutta e ridurla ad una periferia del nuovo impero islamico globale."

Hezbollah, nei quartieri sciiti di Beirut, Hamas, tra i dannati di Gaza e i migranti tra le fabbriche del  bresciano che dormono in dieci in una stanza, stanno per conquistare il pianeta:

"È questo il pericolo terribile per l’Europa e per Israele, unite nella lotta ma anche nella loro sopravvivenza: se si fosse dibattuto in questo modo con il nazismo o con il fascismo, siamo sicuri che Hitler sarebbe addivenuto a più miti consigli? E la trattativa di Monaco con la successiva invasione dei Sudeti non ha insegnato nulla? E la rottura del patto Ribbentrop-Molotov da parte della Germania nazista con l’avvio della Operazione Barbarossa”, nemmeno questo insegna nulla?"

E ogni organizzazione islamica in Italia, compresi i più patetici collaborazionisti, è semplicemente una pedina dei Fratelli Musulmani. Dopo aver elencato di tutto, compresa la Coreis di Sergio Yahya Pallavicini, Giancarlo Elia Valori dice:

"In tutte queste strutture, ne siamo certi, esiste una rete occulta e coperta della Fratellanza Musulmana, comprese quelle sciite, dato che la setta egiziana di Al Banna si è esplicitamente organizzata su un livello occulto molto simile a quello dei partiti comunisti della Terza Internazionale, per espresso volere del fondatore."

E’ interessante il linguaggio del dominio, quella cosa che fa dire a un sovrano cosa dobbiamo fare "noi" di "loro". E infatti, Giancarlo Elia Valori indica la strada che chi detiene il potere deve seguire per sottomettere (controllare-integrare) i musulmani:

"Ma, pur essendo d’accordo con Magdi Allam nello indicare nella Fratellanza e nel suo “braccio italiano” l’UCOII il pericolo maggiore, dobbiamo pensare ad una strategia di assorbimento e integrazione di tutto l’Islam italiano."

Per controllare la forza lavoro su cui si regge il nostro paese, "noi" dobbiamo sia infiltrare le comunità di migranti, sia farle terrorizzare dalla polizia dei loro paesi di origine:

"Certo questo processo non si realizza con il semplice “dialogo”. Altre linee di controllo-integrazione dovrebbero essere quelle della infiltrazione, della gestione in rapporto con i Paesi di origine, interessati ad utilizzare l’Islam all’estero per i loro fini e quindi capaci anche di evitare la jihadizzazione dei loro cittadini islamici operanti in Italia.

La separazione per linee statuali del controllo in Italia potrebbe essere molto utile, per evitare l’effetto implicito di accettazione del “Califfato Universale” che si verrebbe a creare se si parlasse solo con l’UCOII o si accettasse implicitamente la sua egemonia sull’Islam italiano."

Da buon malthusiano, Giancarlo Elia Valori critica la tesi di Magdi Allam, che se la prende con "l’ideologia della morte" per spiegare perché i musulmani si lasciano, talvolta, morire come martiri.

Dice Valori, che gli attentati suicidi servono al "branco" per motivi demografici; e le famiglie che hanno un martire prendono un po’ di soldi. E comunque gli arabi non hanno vere famiglie, e per dimostrarlo, tira fuori una prova difficilmente confutabile:

"Recentemente, un intellettuale sciita, alla TV libanese, ricordava come suo padre non si ricordasse nemmeno bene il suo nome."

Per indebolire i musulmani, bisogna che i nativi palestinesi scompaiano dal vocabolario:

"Parlare di “popolo palestinese”, siccome le parole sono pietre, vuol dire accettare la sua indipendenza, almeno semantica."

Per abolire i palestinesi, si deve dare buona parte dei Territori Occupati a Israele, e il resto ai regimi della Giordania e dell’Egitto, definiti "Stati veri" grazie alla loro indubbia affidabilità poliziesca:

"una partizione tra Stati veri che rispetti la continuità strategica dei Paesi arabi che confinano con Israele e garantisca lo Stato Ebraico sia sui confini, che sul riconoscimento internazionale, che sul basso livello di attrito tattico e strategico sui suoi confini post-1967."

Con l’aggiunta di una "area" palestinese, fuori dall’attuale Palestina, che Giancarlo Elia Valori forse intende come una sorta di riserva sul modello statunitense:

"Lasciare una piccola “area” palestinese, giusto perché nella politica internazionale ogni mutazione viene trasferita in futuro, come in biologia, al confine tra Giordania e Siria, su territorio giordano, che viene compensata dall’ampliamento del territorio del Regno Hashemita nell’area dei Territori in Cisgiordania, con una protezione internazionale di forze ONU a difesa di tutti i confini e dei Trattati internazionali, anche quelli con potenze non arabe e non islamiche che sono esterne a quel quadrante.""

Invece la Striscia di Gaza andrebbe regalata al regime di Hosni Mubarak, che a sua volta si deve impegnare a tenere sotto controllo i somali:

"La Striscia di Gaza andrebbe all’Egitto, con un trattato internazionale che definisce alcune autonomie a carattere locale e geografico, che permette all’Egitto di “tenere” geopoliticamente lo Stretto di Suez, e di tenere poi a bada le insorgenze del Corno d’Africa, per prossimità strategica, e pone l’Egitto in un ruolo essenziale di stabilizzazione di un quadrante strategico mediorientale troppo spostato, a parziale tutela degli interessi occidentali, verso l’Arabia Saudita."


Nella foto, un ispirato Giancarlo Elia Valori
– all’epoca presidente delle
autostrade italiane –
introduce la Liturgia della Parola
in presenza della vedova Rabin 
nella Chiesa dell’Autostrada nei pressi di Firenze,
 incubo degli automobilisti d’Italia

Ma l’Egitto impegnato a reprimere gli abitanti di Gaza e a massacrare somali, potrebbe far piacere al vecchio amico di Giancarlo Elia Valori, Muammar Gheddafi; e favorire la trasformazione della Tunisia e del Marocco nelle grandi maquiladoras del Mediterraneo:

Questa “orientalizzazione” geopolitica dell’Egitto non potrebbe non far piacere alla Libia, libera quindi di penetrare in Africa (la Libia “è una potenza africana, non araba”, ha affermato recentemente il Colonnello Gheddafi) e al Marocco e alla Tunisia, libere quindi di entrare in UE per la strada dell’economia (come la Tunisia di Ben Alì) geopoliticamente sponda ormai di Italia e Francia nell’integrazione economica prevista dal “Processo di Barcellona” del 1995, o libero il Marocco di mantenere la sua “special relationship” con la Francia e l’accordo geoeconomico con la Spagna, e spingersi, senza il pericolo della miccia jihadista e della destabilizzazione sistemica del “popolo palestinese”, verso il suo destino di potenza afroiislamica verso l’Atlantico. Il che sarebbe un bel supporto per la sicurezza di tutto il Fianco Sud della NATO."

Un simile progetto significa scaricare anche Abu Mazen e i palestinesi collaborazionisti:

"E allora serve cambiare registro: non è la “Palestina”, che peraltro non esiste come entità geopolitica, la soluzione, ma il problema."

E non si tratta certamente di permettere ai palestinesi pure di votare:

"il progetto di ritenere gli abitanti di Gaza cittadini di Zurigo, magari di Clausiusstrasse, è piuttosto utopico."

L’Occidente deve reinventare un Islam utile ai propri interessi. In particolare, finanziando la deportazione (o "dislocazione personale") dei nativi palestinesi:

"Il libro di Magdi Allam ce lo permette: si tratta, sul piano della psicopolitica, di influenzare gran parte delle comunità islamiche fuori dal Medio Oriente, che Israele può essere il tramite della loro liberazione. Si tratterebbe di pensare ad un “Fondo per lo Sviluppo dell’Islam Moderno” oppure vedete voi quale altro titolo trovare, che, fuori dai canali dell’ONU o della World Bank, concedesse sistematici aiuti economici, anche sulla base del “banking to the poor” di Mohammad Yunus in cambio di una “rinuncia al ritorno” o, in secundis, di una dislocazione personale nelle aree designate fuori da quelle controllate dall’estremismo jihadista."

E qui Giancarlo Elia Valori mette in vendita i propri servizi:

cosa delicata, ma si potrebbe immaginare una serie di azioni di un consorzio tra World Bank, alcune banche internazionali, la “Banca del mediterraneo”, l’UE finalmente rinsavita, e altri in Russia e in Cina, che finanziano una dislocazione diversa delle popolazione attiva nella cosiddetta Palestina e quindi ridisegnano anche la mappa del potere e del ricatto dei vari movimenti politici locali."

Ma la "Banca del Mediterraneo" non è per caso la "Banca per lo sviluppo del Mediterraneo"?

Cioè, quella che proprio Giancarlo Elia Valori – con l’aiuto di Francesco Cossiga  – sta mettendo in piedi.

Con Giancarlo Elia Valori come presidente e come vicepresidente, invece, Giuseppe Garofano, l’ex-presidente della Montedison che coordina anche tutto il complesso mondo delle finanziarie legate all’Opus Dei.

Giuseppe Garofano è un signore che una volta ha dovuto nascondersi per sei mesi dalla Guardia di Finanza ma che oggi inaugura gli anni accademici all‘università dell’Opus Dei. Il tutto con i soldi delle Assicurazioni Generali di Antoine Bernheim, i proprietari della Migdal, una delle più grandi privatizzazioni in Israele (sì, le stesse Assicurazioni Generali che sono state accusate di intascarsi i soldi dei sopravvissuti dell’olocausto, ma quella era un’altra puntata).

La Banca per lo Sviluppo del Mediterraneo sembra che abbia un sito, inaccessibile al pubblico; ma un abile smanettatore è riuscito a scaricarne i contenuti, che si possono leggere qui.

Ma torniamo a Magdi Allam.

Il personaggio del "musulmano amico d’Israele" può tornare utile per vaste iniziative propagandistiche, assicura Giancarlo Elia Valori:

"Quindi, occorre valutare bene le azioni da intraprendere, anche sulla base del libro di Magdi Allam, nei confronti della propaganda sul pubblico italiano e soprattutto arabo.

Sarebbe utile far seguire, alla uscita in altre lingue del libro di Magdi, una operazione politica di“controstoria” su Israele nel pubblico di massa arabo dei Paesi cosiddetti “moderati”.

Poi, occorrerebbe, poiché la propaganda, se è ben fatta, riguarda anche le classi dirigenti di chi la propone, una campagna di stampa sull’”orgoglio israeliano”."

Prima di procedere alla soluzione finale della questione palestinese, Giancarlo Elia Valori dice che bisogna togliere ogni aiuto ai nativi palestinesi ("sezionare la logistica", la chiama lui):

"Questo “business as usual”, in cui Israele osserva il suo ombelico di miserabili percentuali elettorali invece di studiare il vero pericolo, e organizzare linee di difesa politiche, non solo prettamente militari, deve essere superato di slancio con una grande operazione di propaganda sull’Islam europeo e USA per sezionare la logistica del terrore palestinese dai suoi militari operativi.

E inoltre, si tratterebbe di chiudere la rete del sostegno internazionale alla “causa palestinese” operando una sorta di grande associazione internazionale di “sostenitori di Israele” a partire dai tanti islamici che non ne possono più della retorica stanca della “occupazione sionista”. Il che renderebbe, tra l’altro, più facile l’isolamento dell’Iran anche all’interno dell’Islam europeo e mediorientale.

Fare guerra psicologica significa rendere insicure le retrovie del nemico.

Se si chiude, con una iniziativa di massa e ben gestita mediaticamente, il mito dell’Europa “ che difende i poveri palestinesi” e si limitano i danni della democratite elettorale americana, che ha peraltro consegnato la Striscia di Gaza ad HAMAS, sia pure indirettamente, la situazione può essere ancora messa in salvo."

Conclude Giancarlo Elia Valori:

"È la difesa di Israele la nuova piattaforma della Grand Strategy europea e USA, fuori
dalle chiacchiere democraticiste e dalla retoriche elettorali. Il libro di Magdi Allam è un buon inizio per questo progetto."

Ogni volta che scopro queste cose – che pure sono alla portata di chiunque abbia accesso a Internet – resto sconvolto, pensando all‘immensità del peso che è caduto in testa a chiunque abbia avuto la sventura di nascere palestinese.

Print Friendly
This entry was posted in Israele Palestina Canaan and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

15 Responses to Giancarlo Elia Valori propone la propria banca per deportare i nativi palestinesi

  1. utente anonimo says:

    Credo che l’abile smanettatore si sia limitato a ricopiare la prima parte dell’url (http://www.sviluppodelmediterraneo.it/) sulla barra di explorer :)

    E.M.

  2. kelebek says:

    Per E.M. :-)

    Ah… io ho dato un’occhiata molto veloce, ho visto che i link non funzionavano e ho visto poi il pdf.

    Errore quindi mio, appena posso correggo.

    Grazie!

    Miguel

  3. JohnZorn says:

    Che il mito della Reconquista bruci tutt’ora agli arabi (anche se magari vivon qui ed hanno passaporto europeo) è un fatto, non un delirio di Valori…

    Saluti

    JZ

  4. falecius says:

    JZ: a me pare che abbiano più che altro il mito di una vita decente. Per carità, esistono gruppi che rivendicano tra i loro obiettivi la riconquista (con la minuscola: la maiuscola si riserva per la conquista cristiana del paese nel Medioevo) della penisola Iberica. Esistono anche gruppi che sostengono la restaurazione della monarchia in in Italia, ma non li definirei rappresentativi del sentire comune del popolo italiano.

  5. utente anonimo says:

    un documento straordinario, non l’avrei mai immaginato.

    diego

  6. PinoMamet says:

    Mi sembra che Valori mescoli in parti uguali lucidità e follia, o perlomeno visionarietà.

    Per esempio, chiede davvero tanto, in termini di risultati, alla consegna di Gaza all’Egitto; oltretutto, non è neppure detto che Israele si decida mai a fare una cosa simile, né che l’Egitto accetti

    (a meno che Valori non faccia finta di promettere per minacciare: Egitto, fai il buono sennò ti diamo il boccone avvelenato… a ‘sto punto mi aspetto di tutto).

    Fantastica (se fa ppe’ di’…) la disumanizzazione totale dei palestinesi, privati di patria anche a livello simbolico (la Palestina diventa innominabile) e naturalmente indegni di compassione (c’hanno tanti figli, uno più uno meno…) e incapaci di votare (non sono mica svizzeri, perd-o!)

    Per fortuna il mondo ancora non obbedisce a Valori, che sarebbe un governante davvero temibile;

    ad esempio il buon Magdi ha deciso di sputtanarsi convertendosi al cristianesimo e rovinando così tutto il suo gioco di infiltrato, in cambio del piatto di lenticchie di una candidatura politica.

    Comunque mi sembra un uomo pericoloso.

  7. PinoMamet says:

    Ma poi, ‘sto Valori:

    cosa ci guadagna dall’alleanza con Israele?

    L’impegno è notevole, ma ancora mi chiedo: perché?? Chi glielo fa fare?

    Solo vaneggiamenti occidentalisti e rabbia contro gli immigrati che prima o poi costruiranno i minareti e mangiano unto, alla Fallaci?

    Non mi sembra proprio il tipo, troppo lucido.

    E allora, cosa spera di guadagnarci, con i suoi sforzi filo-israeliani?

    Così, per curiosità.

    Ciao!

  8. utente anonimo says:

    per Mamet: cosa ci guadagna? E’ qui l’errore di certi commentatori, altrimenti sottili e comunque stimabili in quanto sinceri amanti della Verità. La storia non si legge unicamente in prospettiva politica o economica; non è –semplicisticamente –solo la brama di potere o di denaro a muovere gli uomini (specialmentequelli degli ultimi tempi); c’è qualcos’altro dietro, molto più temibile e sulfureo. Per avere un’idea, si legga la terrificante corrispondenza Pike-Mazzini. Non riducete tutto alla politica: così facendo, distogliete lo sguardo da chi governa realmente il mondo, e fate –seppur in buonissima fede –il suo gioco.

    Cari saluti,

    Marco

  9. utente anonimo says:

    Solo a me è venuta in mente Imelda Marcos?

    Un dilettante allo stato puro, il nostro amico Elia. E assai labili gli accreditamenti che gli concede Miguel.

    Francesco

  10. valeriomele says:

    Ascolta Israele…

    [..] Sarà pure ingenuo e vi sembrerà l’invito superficiale di Babilonia, di un’idolatra a fare la pace… tra e poppe… (in nome di un comune passato glorioso proiettato in un Egitto in versione suite metropolitana per – ) ma quando la Na [..]

  11. RitvanShehi says:

    >Ma poi, ‘sto Valori:

    cosa ci guadagna dall’alleanza con Israele?

    L’impegno è notevole, ma ancora mi chiedo: perché?? Chi glielo fa fare?

    Solo vaneggiamenti occidentalisti e rabbia contro gli immigrati che prima o poi costruiranno i minareti e mangiano unto, alla Fallaci?

    Non mi sembra proprio il tipo, troppo lucido.

    E allora, cosa spera di guadagnarci, con i suoi sforzi filo-israeliani?

    Così, per curiosità. Ciao!PinoMamet< Mi sembra di ricordare che la famiglia Valori abbia salvato degli ebrei durante il fascismo. Il nostro ha ricevuto, per questo, degli onori (e magari anche altro) in Israele e adesso, in omaggio al detto albanese “il cane abbaia per conto di chi gli dà da mangiare”:-) spara simili cazzate. P.S. Porca vacca, con quanto scritto sopra mi sa che mi son giocato la pensione del Mossad!:-)

  12. zialaura says:

    La politica sostiene Israele …

    [..] …. mentre nelle piazze si manifesta contro i massacri di Gaza Terza parte domenica, 25 gennaio 2009 Giancarlo Elia Valori propone la propria banca per deportare i nativi palestinesi Alla prima parte Giancarlo Elia Valori, in Un magistrato dic [..]

  13. zialaura says:

    La politica sostiene Israele …

    [..] …. mentre nelle piazze si manifesta contro i massacri di Gaza Quarta parte Ma l’Egitto impegnato a reprimere gli abitanti di Gaza e a massacrare somali, potrebbe far piacere al vecchio amico di Giancarlo Elia Valori, Muammar Gheddafi; e favorire la [..]

  14. zialaura says:

    La politica sostiene Israele …

    [..] …. mentre nelle piazze si manifesta contro i massacri di Gaza Sesta parte In altri passaggi (di ulteriori verbali) De Magistris specifica che su Minniti stava «svolgendo accertamenti delicatissimi e riservatissimi». Il coraggioso D [..]

  15. Pingback: Ascolta Israele… « Valerio Mele

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>