Screditare la cultura islamica

Da Obadiah Shoher, Samson Blinded: A Machiavellian Perspective on the Middle East Conflict:

“Per poter battere i propri avversari, senza dover fare la guerra, Israele deve screditare la  cultura islamica, un po’ come si è fatto con la cultura comunista, rendendo disponibili alcuni aspetti superficiali scelti della cultura occidentale, dai jeans ai CD alla programmazione TV a barche fuori delle acque territoriali che offrono vita notturna e casinò.”

Print Friendly
This entry was posted in islam, Israele Palestina Canaan, riflessioni sul dominio and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to Screditare la cultura islamica

  1. utente anonimo says:

    >> Israele deve screditare la cultura islamica, un po’ come si è fatto con la cultura comunista

    beh, della prima non conosco nulla, la seconda ha fatto da sè tutto il lavoro. e qui in Europa è stato un grosso lavoro, quando finalmente si potè gridare “il re è nudo” ci sentimmo infinitamente liberi

    Francesco

  2. PinoMamet says:

    In effetti devo dar ragione a Francesco, almeno qua in Europa o nei paesi dove esistevano grossi partiti o blocchi che si autodefinivano comunisti, come l’Italia appunto.

    Non è che la parte opposta non facesse niente per screditarli, anzi, come dice sempre Francesco, “è stato un grosso lavoro”, la lotta è stata serrata;

    però in generale i comunisti e simpatizzanti avevano troppa influenza o potere per farsi screditare così facilmente.

    Non puoi prendere per il culo impunemente metà della popolazione, via.

    Però ad esempio negli Stati Uniti, dove comunismo e socialismo sono sempre state parolacce, per lo meno dal maccartismo in poi, l’esempio calza.

    Tu dici a un americano “quello è un comunista” e lui si mette a ridere, o al massimo lo considera un relitto o un fanatico.

    Che si voglia ottenere lo stesso effetto con i musulmani, è comprensibile.

    Poi nei fatti a combattere questa lotta in Italia si cercano come alleati i difensori delle tradizioni italiche che salutano romanamente, gli pseudo-celti in gonnellino scozzese e gli immancabili affaristi dal passato chiacchierato, segno che il ridicolo e lo screditabile non sono mai da una parte sola.

    E sì, Obadiah non è meno “esotico”, “strano”, e screditabile dell’imam di Varese.

  3. utente anonimo says:

    Obadiah parla troppo, non farà mai carriera :-)

    Z.

  4. PinoMamet says:

    Z.

    sintesi perfetta! :-)

  5. utente anonimo says:

    Tu dici a un americano “quello è un comunista” e lui si mette a ridere, o al massimo lo considera un relitto o un fanatico.

    metti Francesco al posto di americano e, finalmente, la frase è vera anche qui in Italia (oh, ci puoi mettere anche Veltroni o D’Alema, che è meglio)

    Francesco

    PS il gran lavoro, alla fine, lo hanno fatto quasi tutto loro, i rossi. anche perchè c’erano solo loro, ufficialmente

  6. zialaura says:

    La politica sostiene Israele …

    [..] …. mentre nelle piazze si manifesta contro i massacri di Gaza Settima parte Screditare la cultura islamica Da Obadiah Shoher, : postato da kelebek alle 05:05 | link | commenti (5) venerdì, 23 gennaio 2009 E pensare che la pace era [..]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>