Youtube, a censurare l’inferno di Dark Bob

Pochi giorni fa, abbiamo parlato dell’accordo tra Youtube e l’organizzazione sionista Anti-Defamation League per censurare video ritenuti politicamente scorretti.

Ecco un piccolo esempio di cosa stanno cominciando a censurare. Magari non direttamente  l’ADL, ma tutta la solerte schiera di stragisti da tastiera che si stanno lanciando in giro per il mondo in questi giorni.

The Dark Bob è un artista di Los Angeles, di origini miste libanesi ed ebraiche, che mette insieme molte forme di espressione, in particolare ma non solo musicali, creando quella che lui chiama una "Casbah" di generi.

Se cercate la sua canzone, War of ’99 su Youtube, troverete questo avviso:

"Questo video o gruppo potrebbe contenere materiale inappropriato per alcuni utenti, come segnalato dalla community di YouTube.

Se fai clic su "Conferma", renderai visualizzabile da questo account ogni video o gruppo segnalato dalla community di YouTube."

E mentre lo guardi, a farti sentire un po’ sorvegliato e un po’ uno zozzone, una scritta sopra il video dice:

"Questo video potrebbe essere inadatto ai minorenni."

Il testo parla di una non meglio precisata "guerra del ’99" e l’ambientazione ricorda fortemente elementi americani.

"99" (ninety nine) è infatti la parola che leggerete sul sito di Dark Bob, mentre nel video si sente  chiaramente "Palestine".

E’ Dark Bob stesso, sul suo account di Youtube, a spiegare che la canzone parla in realtà della "guerra alla Palestina", come si capisce anche dalle immagini che compaiono sul video.

Non è ancora stato censurata, invece la sua canzone/recita "Beirut", che già nel 1982 denunciava la devastazione israeliana della capitale libanese.

Eccovi The War of ’99, senza bisogno di passare per le maglie dei censori. Forse per le mie origini anche americane, la trovo di una bellezza drammatica, al di là del tema.


In the village where I’m from
The church was burned to the ground
Old women cried and the children got out of school
I grabbed what I could and ran back to you
Yes I grabbed what I could and I ran back to you

They walked us into town and out of view
And burned down everything we ever knew
Everybody lost everything everywhere
Oh everybody lost everything everywhere

Barefoot babies in a battlezone
Fiery dragons burning down their home
Their little eyes so all alone
Forgive and forget is just a pretty poem
When you’re walkin’ over your neighbor’s bones
Yeah forgive and forget is just a pretty poem
When you’re walkin’ over your neighbors bones

And I want revenge
But revenge is evil
And I want it to end
And it looks like the end is near
Looks like the end is near
Looks like the end is near

We never thought we’d lose it all in the war of Palestine
We never thought we’d lose it all in the war of ‘Palestine

If Jesus knew how I felt about you
Could he forgive what I want to do
If heaven’s for the meek and we gotta turn the other cheek
Then Jesus follow me down to hell and save us all from me
Jesus follow me down to hell and save us all from me

 
 
 
 

Print Friendly
This entry was posted in Censura e controllo globale, Israele Palestina Canaan, mundus imaginalis and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Youtube, a censurare l’inferno di Dark Bob

  1. ciao, un amico mi ha linkato questo documentario e pensavo potesse interessare:

    http://video.google.it/videoplay?docid=8309511980608707805

    saluti

    -pasquale

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>