Maroni, le chiese, i musulmani, la Santanchè

Il ministro degli interni ha colto al balzo la preghiera islamica in piazza – a Milano, Bologna e altrove – per emanare una circolare straordinaria:

"I luoghi di culto, ma anche i supermercati e i centri commerciali saranno interdetti ai percorsi dei cortei, così come già avviene per le sedi istituzionali, quelle di partito e le rappresentanze diplomatiche. E gli organizzatori potrebbero dover pagare una cauzione come garanzia per eventuali danni."

Ora, molti si lamentano del fatto che la Chiesa non si sia lamentata della preghiera islamica. Infatti, l’unico a esprimersi in maniera fallacianamente netta è stato un povero vescovo di Lemellefa.

Quindi, come sottolinea Paniscus, lo scopo è quello di creare una legge che, se venisse applicata alla lettera, porrebbe fine a qualunque manifestazione di qualunque tipo. Ma proprio per questo, sarà dimenticata quando serve, e verrà tirata fuori quando serve.

E questa legge sarà introdotta contro una categoria marginale, che non trova difensori. Musulmani che pregano, sospette rapitrici zingare, presunti pedofili, negazionisti dell’olocausto sono tutte categorie diversissime, anche moralmente, tra di loro, è ovvio. Ma è proprio sfruttando il fatto che nessuno oserebbe difendere queste categorie, che si riesce a far passare qualunque cosa, che poi va a danno di tutti.

A proposito, vi ricordate di Daniela Santanchè, socia del Billionaire assieme a Flavio Briatore e con sede patriotticamente stabilita nelle Isola Vergini?


L’onorevole Daniela Santanchè si apre al mercato politico

Daniela Santanchè si dimena anche lei per difendere i Sacri Luoghi di Culto della Cristianità:

"E’ per questo che chiedo al nostro Ministro di non abbassare la guardia, di operare con determinazione, di non lasciare il benché minimo spiraglio di manovra a questi estremisti e di stroncare quel fenomeno di predicatori improvvisati che approfittano di molte moschee e di queste situazioni per instillare odio e rancore."

Notate quella parolina "odio", che improvvisamente viene usata ovunque. Bisognerebbe scriverci un saggio. Ciò che un tempo si chiamava rabbia contro le ingiustizie diventa così una condizione patologica: solo un malato può essere insoddisfatto del più perfetto dei mondi.

Daniela Santanchè adesso dirige qualcosa che si chiama "Movimento per l’Italia – Daniela Santanchè" e gestisce il sito Destrablog Direzione Futuro – L’Italia nel Cuore (e il portafoglio nelle Isole Vergini) che in questi giorni è tutto un fiorire di bandiere israeliane.

Su quel blog c’è un meraviglioso pezzo di propaganda per lo stato sionista, firmato da un certo Maurizio Guarino, intitolato con grande originalità "Israele ha diritto di esistere".

Ora, le tecniche di PR del governo israeliano rendono accessibili gli strumenti di propaganda anche ai più deficienti. Solo che qui i pezzi sono montati come in certe incomprensibili catene di Sant’Antonio.

 L’onorevole Daniela Santanchè si appresta a fornire i propri servizi alla Chiesa
Print Friendly
This entry was posted in islamofobia and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

18 Responses to Maroni, le chiese, i musulmani, la Santanchè

  1. utente anonimo says:

    La Santanchè ha ben ragione di temere il rancore dei diseredati; ché invece di aprirsi al mercato rischia di doversi aprire alle masse suddette.

    (A)A904462

  2. utente anonimo says:

    “lo scopo è quello di creare un tipico divieto inapplicabile”

    per una volta miguel, devo riproverarti per eccesso di ottimismo!

    se le cose stanno come scrive repubblica (e tutti noi abbiamo il dovere di dubitare per principio di quello che scrive repubblica) mi sembra un ottimo strumento per ostacolare ogni manifestazione.

    i piastrellisti di sassuolo vogliono manifestare contro la chiusura della loro fabbrica? d’accordo, ma non in piazza maggiore, ché urtano la sensibilità dei vecchietti sul crescentone, vadano alla bolognina…

    roberto

  3. utente anonimo says:

    mi pare che paniscus colga meglio il punto ….ed in effetti lei è nei saggi e tu nei guerrieri :-)

    roberto

  4. Ulisse9 says:

    Concordo con Roberto #2.

    In effetti Maroni ha parlato non solo di luoghi di culto, ma anche di centri commerciali, grandi magazzini ed edifici di valore storico culturale.

    In pratica, nelle città italiane, ovunque.

    ha anche aggiunto che sì si deve garantire la libertà di manifestare, ma senza disturbare la normale vita dei cittadini. Quindi andate in campagna (se i contadini non si lamentano).

    Si può bloccare una città con manifestazioni poditiche, ciclistiche ecc., ma non si può manifestare.

    Temo che la nostra libertà sia a rischio.

    Per quanto riguarda la Daniela S…..a

    Santanchè, non vale nemmeno la pena di parlarne: è amica di Briatore!

    Ciao

  5. kelebek says:

    Per Roberto n. 2

    Ma guarda che è esattamente ciò che dico.

    Berlusconi o Veltroni vogliono fare un comizio a Piazza Maggiore?

    Nessuno tira fuori la leggina.

    I piastrellisti di Sassuolo ci vogliono andare?

    E allora tirano fuori la leggina.

    Miguel Martinez

  6. kelebek says:

    Sempre per Roberto

    Comunque ho riscritto il paragrafo. Se non è chiaro a una persona intelligente come te, vuol dire che mi sono espresso male.

    Miguel Martinez

  7. kelebek says:

    Per Ulisse n. 9

    Grazie, ho aggiunto la faccenda dei centri commerciali e dei supermercati nel testo.

    Miguel Martinez

  8. utente anonimo says:

    Caro Miguel … mi dispiace di doverlo ammettere, da ex femminista militante, ma ho l’impressione che le donne in politica stiano facendo più danno che altro… rivelandosi addirittura più guerrafondaie dei maschi . A tal proposito mi viene in mente quello che dichiarò Ernst Mayr, uno dei più grandi biologi e genetisti del secolo scorso – Mayr è scomparso nel 2005, all’età di 90 anni: “Non esiste assolutamente la possibilità che la specie umana si evolva ulteriormente. Oggi noi riempiamo ogni nicchia, ogni singolo luogo della Terra. Non c’è possibilità di isolamento e quindi, per noi, non c’è possibilità di speciazione. Affinché il meccanismo della selezione naturale possa operare, occorre un sistema di isolamento. Non esiste base per un reale cambiamento nei nostri geni, per un cambiamento fisico. Certo, c’è stata gente come Francis Galton, il cugino di Darwin, che introdusse l’eugenetica e con essa l’idea che si possa ‘migliorare’ la specie attraverso incroci controllati. Ma l’eugenetica è impossibile per varie ragioni, e noi non vogliamo nemmeno provarci. Non vogliamo un altro orrore nazista che ci lordi le mani. Non vogliamo cercare di creare una razza di superuomini. Qualsiasi evoluzione avremo, d’ora in avanti, sarà necessariamente un’evoluzione culturale, e non genetica. Questo è un peccato, perché le cose culturali possono andare perdute molto facilmente. Ma ormai siamo a questo punto. Ed è con questo che dobbiamo lavorare.” Insomma le donne avrebbero dovuto essere un elemento di rinnovamento nella politica, nella cultura, nel sociale… ed invece si stanno rivelando una bruttissima copia dei vecchi schemi… confermando i miei timori: cioè che annullando le differenze tra maschio e femmina… si arriva ad un nuovo genere… quello ibrido… e di conseguenza sterile di nuovi contenuti . (a me “le pari opportunità” e “il siamo tutti uguali” non sono mai piaciuti… vedo con ragione visto che poi mi tocca sorbettarmi una Gelmini o una Carfagna o una Bindi o la stessa Santanché ) . Si vaporizzassero tutti quanti.

    Saluti.

    Anna

  9. utente anonimo says:

    Non solo vicino a luoghi di culto, ma anche vicino a centri commerciali.

    Che questi siano diventati nuove cattedrali finora lo si diceva solo metaforicamente. Ho l’impressione che il confine tra il letterale e il metaforico si stia sempre più assottigliando (un buco dell’ozono di cui ci si dovrebbe preoccupare di più). E non è una bella impressione.

    Marcello Teofilatto

  10. ALBERTOag says:

    per roberto

    la situazione a sassuolo è al quanto paradossale.

    dopo lo sgombero del palazzone dove aveva sede l’associazione islamica,la preghiera per quattro mesi si è svolta nel piazzale li davanti.il piazzale è davanti a una coop.

    domenica i fedeli si son radunati in un capannone da loro preso in affitto.adesso il problema è che la preghiera li è considerata “illegale”.

    dunque,se tornassero davanti al palazzo sgombrato (ovvero davanti alla coop) sarebbe virtualmente illegale anche li.

    per non parlare del polverone sollevato dagli islamofobi locali in occasione del corteo per la moschea a dicembre,conclusosi in centro con la preghiera.

  11. ALBERTOag says:

    errata corrige,mi son espresso male

    la sede dell’associazione islamica era inagibile a causa dell’incendio del 1 gennaio 2008.da quattro mesi la preghiera si svolgeva nel piazzale li davanti.

  12. kelebek says:

    Per AlbertoAG n. 10-11

    Grazie!

    Non ero al corrente.

    Miguel Martinez

  13. paniscus says:

    Ernst Mayr, uno dei più grandi biologi e genetisti del secolo scorso – Mayr è scomparso nel 2005, all’età di 90 anni:

    Anna, solo una curiosità tecnica: Ernst Mayr non è defunto a 90 anni ma aveva superato i 100, essendo nato nel 1904.

    E’ stato uno di quelli quadraticamente spiaccicati sulla coda di due gaussiane indipendenti, quella della grande longevità, e quella dell’eccezionale capacità di testa.

    Altri tre della stessa specie che mi vengono in mente sono Franco Rasetti, Claude Levy-Strauss e Rita Levi-Montalcini :)

    Lisa

  14. Peucezio says:

    Fantastico! C’è persino il profilo dell’Impero Romano con la scritta S.P.Q.R. XXI aprile 753 a.C.

    Non si ricordano nemmeno come si regolarono i Romani con l’Israele di allora.

    Siti come questi spero che un giorno siano conservati in un apposito museo digitale, perché la loro demenza è veramente impagabile.

  15. RitvanShehi says:

    Berlusconi o Veltroni vogliono fare un comizio a Piazza Maggiore? Nessuno tira fuori la leggina.

    I piastrellisti di Sassuolo ci vogliono andare? E allora tirano fuori la leggina. Miguel Martinez< Esatto. L’Italia resta sempre il Paese di Giolitti, il quale coniò la memorabile frase:”La legge si interpreta per gli amici, mentre la si applica semplicemente agli altri”:-)

  16. controlL says:

    Come sono corretti politicamente oltre che coretti israelianamente. Fanno tenerezza, come carne di bambino. Colgo questa perla nella loro pagina “principi fondanti del blog”: pieno rispetto delle persone e delle idee ed usanze altrui.

    Chissà se tra le usanze considerano anche la lingua che parlano. E che squisitezza democratica quell’immagine della costituzione aperta sulla pagina delle firme, che fa bella mostra di sé nella stessa pagina.

    Avranno riconosciuta quella d’umberto terracini?p

  17. utente anonimo says:

    Ritvan,

    mica per niente Salvemini lo chiamava “ministro della mala vita” :-)

    Z.

  18. utente anonimo says:

    la santanché è straordinaria…

    leggete qui http://strettamenteriservato.com/wordpress/?p=203

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>