Italia assassina e il Fronte Rosso-Azzurro

Ogni tanto, è bene ricordare come funziona il Fronte Rosso-Azzurro della Destra-Sinistra.


M.O.: LIVNI, FRATTINI E’ UN LEADER CHE SA COSA E’ GIUSTO  

(ASCA) – Roma, 31 dic – Il ministro degli Esteri Franco Frattini ”e’ un leader che sa che cosa e’ giusto”. I complimenti arrivano dal suo omologo israeliano, Tzipi Livni.

In un’intervista con Sky Tg24, il capo della diplomazia dello Stato ebraico ha affermato che ”non e’ facile trovare nella comunita’ internazionale chi sa cosa e’ giusto e cosa e’ sbagliato. Trovo che il Signor Frattini sia un leader che sa cosa e’ giusto”.

29/12/2008 19:33

Colloquio telefonico Napolitano-Peres

19.33
Colloquio telefonico Napolitano-Peres

Il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha avuto un colloquio telefonico con il presidente israeliano Shimon Peres. Lo riferisce una nota del Quirinale.

Napolitano e Peres hanno avuto “un fruttuoso scambio di opinioni sulla grave situazione determinatasi nella regione, sulle possibilità di superare la crisi e sulle condizioni necessarie per un ritorno al dialogo di pace”.

In programma una conversazione telefonica tra Napolitano e il presidente dell’Autorità palestinese, Abu Mazen.


E  dopo il colloquio con l’orrido Napolitano:


31-12-08

M.O.: LIVNI, NO A TREGUA DI 48 ORE PERCHE’ NON CE N’ERA BISOGNO

(ASCA) – Roma, 31 dic – Israele non ha accettato la proposta europea di una tregua di 48 ore perche’ ”non ce ne era bisogno”, dato che ”la situazione umanitaria nella Striscia di Gaza e’ abbastanza buona”. Lo ha dichiarato in un’intervista a Sky Tg24 il ministro degli Esteri dello Stato ebraico, Tzipi Livni.

 

Dimenticavamo

E’ commovente ricordare che Giorgio Napolitano si prodiga da mezzo secolo al servizio della pace.Nel 1956, disse:

“L’intervento sovietico ha non solo contribuito a impedire che l’Ungheria cadesse nel caos e nella controrivoluzione ma alla pace nel mondo. (1956: citato in Gian Antonio Stella, «Principe rosso», violò il tabù del Viminale, Corriere della sera, 8 maggio 2006)”

Print Friendly
This entry was posted in Israele Palestina Canaan, Italia and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

11 Responses to Italia assassina e il Fronte Rosso-Azzurro

  1. aureolo says:

    Certo, la situazione umanitaria è abbastanza buona, hanno solo ucciso 400 persone in 5 giorni… direi che la bomba di Hiroshima ha fatto più morti… quella sì che era una vera emergenza

    Dio mio quanto mi fanno schifo.

    Buon anno

  2. controlL says:

    L’orrido napolitano del resto è sempre stato per la pace del mondo. Come non ricordare quest’accorato appello a tal nome fatto nel ’56:

    L’intervento sovietico ha non solo contribuito a impedire che l’Ungheria cadesse nel caos e nella controrivoluzione ma alla pace nel mondo.

    Di contributo in contributo alla pace nel mondo, che meravigliosa carriera politica.p

  3. kelebek says:

    Per p. n. 2

    Grazie, ho inserito il tuo contributo nel post.

    Miguel Martinez

  4. utente anonimo says:

    Va beh, nel 1956 l’intero PCI stava dalla parte dei sovietici, Napolitano era giovane, avrà seguito la corrente…

    P.S. a proposito dell’ “orrido”, ricordo che Storace per molto meno è stato denunciato per “Offesa all’onore del presidente della repubblica”

    Già allora mi domandai se era più fascista Storace o una legge del genere a tutela dell’intangibilità del capo dello stato, peccato che molti “compagni” non mi capirono, forse hanno bisogno che Berlusconi diventi presidente della repubblica per darsi una svegliata.

  5. kelebek says:

    Per n. 4

    “Napolitano era giovane, avrà seguito la corrente…”

    Si vede che è rimasto giovane nell’animo.

    Miguel Martinez

  6. RitvanShehi says:

    Non per difendere Napolitano, ma una ha o non ha diritto di cambiare le proprie opinioni politiche? Ebbene, Napolitano pare le abbia cambiate e in toto, tant’è vero che indubbiamente se i fattacci di Gaza fossero avvenuti nel 1956 il Napolitano di allora – quello filocarriarmatisovietici per intenderci – si sarebbe scagliato senza esitazione contro la vile aggressione sionista ai kompagni/fratelli di Hamas. O no?:-)

  7. RitvanShehi says:

    P.S. al mio #6

    Nella prima riga, al posto di “una” leggasi “uno”: non vorrei che qualcuno mi accusasse di “vilipendio all’identità di genere del Capo dello Stato”:-)

  8. kelebek says:

    Per Ritvan n. 6

    Il PCI non era è mai stato fortemente antisionista.

    Il primo sostegno alla causa palestinese nasce nel ’68 del tutto fuori dal PCI.

    Nel 1956, poi, non si pensava nemmeno ai palestinesi: casomai ci si preoccupava dell’attacco anglo-francese-israeliano all’Egitto.

    Miguel Martinez

  9. RitvanShehi says:

    >Per Ritvan n. 6 Il PCI non era è mai stato fortemente antisionista. Miguel Martinez< E ci mancherebbe altro! Se “Mamma URSS” votò a favore della creazione di Israele come si poteva permettere il PCI ad essere “fortemente antisionista”?:-) >Il primo sostegno alla causa palestinese nasce nel ’68 del tutto fuori dal PCI.< Beh, questo anche perché la “causa palestinese” venne fuori in quegli anni, no (creazione dell’OLP e compagnia resistenziale:-) ). >Nel 1956, poi, non si pensava nemmeno ai palestinesi: casomai ci si preoccupava dell’attacco anglo-francese-israeliano all’Egitto.< Miguel, ho detto “se i fattacci di Gaza fossero avvenuti nel 1956″ e chiarisco meglio: se nel 1956 ci fosse stata nella striscia di Gaza la situazione di oggi. Insomma, roba da fantastoria. Comprendido?:-)

  10. utente anonimo says:

    domani sabato 3 c’è una manifestazione contro lo stato di israele a vicenza, ore 14 stazione ferroviaria.

    se può interessare.

    roushan

  11. kelebek says:

    Per Ritvan n. 9

    Guarda che nella striscia di Gaza nel 1956 ci fu una situazione del tutto paragonabile a quella di oggi, con esecuzioni di massa di resistenti e distruzioni.

    Quindi – con tutte le mutazioni tecnologiche del caso – mi sembra che la situazione non fosse così diversa.

    Però non credo che Napolitano allora abbia fiatato.

    All’epoca non ha fiatato praticamente nessuno, a parte solitari operatori della Croce Rossa, qualche funzionario dell’UNRWA impotente e pochissimi giornalisti solitari.

    Miguel Martinez

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>